Se vuoi collaborare con noi scrivi a info@bcn-it.com

Si vols col·laborar amb nosaltres escriu a info@bcn-it.com

Si quieres colaborar con nosotros escribe a info@bcn-it.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bcn-it ( Barcellona)

BCN-IT.COM
Rivista virtuale e multimediale.
Pagina web di servizi e informazioni su Barcellona
e la Catalogna in italiano, catalano e castigliano.
Sito di comunicazione culturale tra Barcellona e l’Italia.


BCN-IT.COM
Revista virtual i multimedial.
Web de serveïs e informacions sobre Barcelona
i Catalunya en italià, català i castellà.
Web de comunició cultural entre Itàlia i Barcelona.


BCN-IT.COM
Revista virtual y multimedial.
Web de servicios e informaciones sobre Barcelona
y Cataluña en italiano, catalán y castellano.
Sito web de comunicación entre Italia y Barcelona.


Possibilità di ascoltare

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programma radiofonico in lingua italiana che trasmette
da RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.

Possibilitat de escoltar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de ràdio en llengua italiana que trasmet
de RÀDIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcelona.

Posibilidad de escuchar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de radio en lengua italiana que emite
de RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.


Que es

Revista multimedia contemporánea en estilo italiano de Barcelona,

que quiere revelar al público local e internacional las tendencias culturales de Barcelona con una particular atención por la evolución de las costumbres y del lenguaje.
Al mismo tempo bcn-it se propone como punto de encuentro para los italianos y los italianófilos, para los enamorados de Barcelona y de Cataluña, para todo tipo de persona o institución interesada en la cultura mediterranea y latina.


Come si fa
La gestione contemporanea di svariate collaborazioni editoriali provenienti da località a volte lontane da Barcellona, unita alla complessità della comunicazione multimedia, multipiattaforma e multilingua, ha comportato la necessità di creare una redazione facilmente raggiungibile e gestibile da chiunque, ovunque si trovi.
È stata così realizzata una piattaforma informatica, raggiungibile via Internet, dotata delle seguenti caratteristiche:

www.bcn-it.com

Links:

Creación del portal:

www.cyberblue.com.mx

www.multimediaal.com

Agradecimientos:

contrabanda
cyberblue
dejate los pelos
Lino Graz
jessica braun
macarena club
lesya starr
ximena labra
aticas
me saca granos
creacions
1C1A
Sushi Kato

Sushi Kato

 

Titoli presentati nella rivista

(Titulos presentados en la revista)

titulo
(titolo)
autor
(autore)
fecha
(data)
categoría
(categoria)
subcategoría
(sottocategoria)
texto
(testo)

La Mujer Desconocida

RF Colectivo La Mujer Desconocida  2011-05-11 

musica 

eventi 

Danza Creativa Femenina Danza Ritual del Futuro Arcaico
La Danza de los Espejos
(La danza degli specchi)
In & Out
Les Planes
Parc Natural del Tibidabo
Fundaciòn Voces Ancestrales
23 giugno 2011
Ore: 24:00

Taller di Danza Crreativa con Lesya
Sabato 24 maggio dalle 20:00 alle 22:00

Laboratorio pensato per avvicinare le alunne e le ballerine di danza orientale a praticare una danza che libera il potenziale creativo, che permette di rompere gli stereotipi.
Alcuni esercizi sono ispirati al tai chi/chi kung, tantra, psicomagia, los 5 ritmos, Río Abierto, Bio Danza, meditazioni, danze e pratiche sufíes.

La Mujer Desconocida è un collettivo di danza creativa rituale.
Composto un gruppo di donne che hanno quale punto di partenza una danza d'ispirazione orientale e stanno sperimentando danza creativa sotto la guida della ballerina e coreografa Lesya Starr. Danza-rituale che cancella le barriere d'energia esistenti tra l'osservatore e l'osservato. Stimolano il movimento di presa di coscienza femminile, invocando la quintessenza e l'energia ricettiva della donna quale fattore onnipresente lungo tutto il processo dell'opera.
I movimenti sono improvvisati all'interno di una struttura definita.
Fanno parte del collettivo de La Mujer Desconocida: Penelope Maldonado, Meteora Fontana, Goretti Estengre Ferrer, Elena Uslé, Fina Fonts, Airun Lafon, Jasbir kaur Sheila, Filippa Nilsson, Friducha Naiquen Vilanueva, Trini Colomar Mesa, Karmela Vàzquez Alamlskarmela.
Taller di Danza CRreativa con Lesya
Sábado 24 de mayo de 20 a 22hr
Laboratorio pensato per avvicinare le alunne e le ballerine di danza orientale a praticare una danza che libera il potenziale creativo, che permette di rompere gli stereotipi.
Alcuni esercizi sono ispirati al tai chi/chi kung, tantra, psicomagia, los 5 ritmos, Río Abierto, Bio Danza, meditazioni, danze e pratiche sufíes.

La Danza degli Specchi: Penelope Maldonado, Meteora Fontana, Goretti Estengre Ferrer, Elena Uslé, Airun Lafon, Friducha Naiquen Vilanueva,
RF

Cuando las cabezas de las mujeres se juntan alrededor de "un fuego", nacen fuerzas, crecen magias, arden brasas, que gozan, festejan, curan, recomponen, inventan, crean, unen, desunen, entierran, dan vida, rezongan, se conduelen.
Ese fuego puede ser la mesa de un bar, las idas para afuera en vacaciones, el patio de un colegio, el galpón donde jugábamos en la infancia, el living de una casa, el corredor de una facultad, un mate en el parque, la señal de alarma de que alguna nos necesita o ese tesoro incalculable que son las quedadas a dormir en la casa de las otras. Las de adolescentes después de un baile, o para preparar un exámen, o para cerrar una noche de cine. Las de ?veníte el sábado? porque no hay nada mejor que hacer en el mundo que escuchar música, y hablar, hablar y hablar hasta cansarse. Las de adultas, a veces para asilar en nuestras almas a una con desesperanza en los ojos, y entonces nos desdoblamos en abrazos, en mimos, en palabras, para recordarle que siempre hay un mañana. A veces para compartir, departir, construir, sin excusas, solo por las meras ganas. El futuro en un tiempo no existía.
Cualquiera mayor de 25 era de una vejez no imaginada?y sin embargo?detrás de cada una de nosotras, nuestros ojos. Cambiamos. Crecimos. Nos dolimos. Parimos hijos. Enterramos muertos. Amamos. Fuimos y somos amadas. Dejamos y nos dejaron. Nos enojamos para toda la vida, para descubrir que toda la vida es mucho y no valía la pena. Cuidamos y en el mejor de los casos nos dejamos cuidar. Nos casamos, nos juntamos, nos divorciamos. O no. Creímos morirnos muchas veces, y encontramos en algún lugar la fuerza de seguir. Bailamos con un hombre, pero la danza más lograda la hicimos para nuestros hijos al enseñarles a caminar. Pasamos noches en blanco, noches en negro, noches en rojo, noches de luz y de sombras. Noches de miles de estrellas y noches desangeladas. Hicimos el amor, y cuando correspondió, también la guerra. Nos entregamos. Nos protegimos. Fuimos heridas e inevitablemente, herimos.
Entonces?los cuerpos dieron cuenta de esas lides, pero todas mantuvimos intacta la mirada. La que nos define, la que nos hace saber que ahí estamos, que seguimos estando y nunca dejamos de estar. Porque juntas construimos nuestros propios cimientos, en tiempos donde nuestro edificio recién se empezaba a erigir. Somos más sabias, más hermosas, más completas, más plenas, más dulces, más risueñas y por suerte, de alguna manera, más salvajes. Y en aquel tiempo también lo éramos, sólo que no lo sabíamos. Hoy somos todas espejos de las unas, y al vernos reflejadas en esta danza cotidiana, me emociono. Porque cuando las cabezas de las mujeres se juntan alrededor ?del fuego? que deciden avivar con su presencia, hay fiesta, hay aquelarre, misterio, tormenta, centellas y armonía. Como siempre. Como nunca. Como toda la vida. Para todas las brasas de mi vida, las que arden desde hace tanto, y las que recién se suman al fogón.

Simone Seija Paseyro
 

Rolando D? Alessandro

RF  2011-05-07 

cultura 

libri 

"Si te?n vas no tornis"
(Se te ne vai, non tornare)
di Rolando D'Alessandro
Edicionc El Jonc

L'ho conosciuto nel 1996.
Stavo per entrare in Radio Contrabanda Bcn e Rolando, che ne era stato tra i soci fondatori, in quel primo incontro, mi aveva parlato dell'emittente e mi aveva dato alcune dritte.
Ricordo il suo fisico ginnico che mi aveva immediatamente fatto pensare a Diabolik, il famoso personaggio dei fumetti anni '60: poteva mettersi la tuta in qualsiasi momento e trasformarsi nell'eroe della notte, capace di ogni impresa. Insomma un tipo duro, pensai, con notevoli vissuti alle spalle. Sensazione che contrastava con la sua voce gentile, dal velato accento toscano, che poi avrei riconosciuto in altri momenti, prestata alla favella altrui,in conferenze e meeting, visto che è uno dei migliori interpreti da e all'italiano che conosco.
Ora ha scritto un libro, "Si te?n vas no tornis"(Se te ne vai, non tornare), pubblicato dalle Edizioni El Jonc, in cui narra la sua trentennale latitanza prima in Francia, a Parigi, poi a Maiorca ed infine a Barcellona.
Una storia rocabolesca:la condanna ingiusta per l'omicidio di un ragazzo, l'arresto, la detenzione e l'evasione dal carcere, la latitanza in Italia, la fuga prima in Francia e poi a Barcellona, le false identità, i falsi documenti, la paura di essere seguito e riconosciuto.
Scelte obbligate, ma vissute con la coerenza nata dal senso del dovere mutuato dalla sua formazione giovanile. La partecipazione e l'impegno sociale e politico degli anni '70, la lotta di classe, le Brigate Rosse, gli Anni di Piombo, che affiorano ripetutamente nella sua autobiografia. Anni in cui mi sono formato anch'io, che sono stati favolosi e terribili e che ci hanno segnato per sempre. Narrare di quell'epoca e di quei fatti è molto importante oggi, presente in cui l'impegno per il sociale e la partecipazione attiva alla politica paiono purtroppo fuori tendenza.
 

La Trieste di Claudio Magris

RF  2011-05-07 

cultura 

libri 

La Trieste di Magris
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Curatore: Giorgio Pressburger
Dal 9 marzo al 17 luglio 2011

Trieste, città di frontiera per antonomasia, crogiuolo di lingue, popoli e culture: italiana, germanica e slava è la protagonista dell'esposizione, in cui lo scrittore Claudio Magris diventa il filo conduttore e nesso storico-letterario della sua città, dove rivivono i suoi personaggi celebri e anonimi, la storia e i ricordi.
Città natale di Italo Svevo, Umberto Saba e meta, tra fine Ottocento e inizio Novecento, di scrittori e intellettuali del calibro di Rainer Maria Rilke e James Joyce, tra gli altri.
Il percorso espositivo si snoda fra la forza della Bora, il famoso vento di Trieste, le pietre del Carso e l'Adriatico. Al suono delle canzoni popolari e tradizionali triestine e l'atmosfera del celebre Caffè San Marco e della Libreria Antiquaria. E, attraverso le evocazioni delle letture di vari passi dei libri di Magris, si può percepire il fascino del Danubio e il respiro della cultura centro-europa, di cui l'autore è tra i grandi specialisti e divulgatori.
La mostra presenta, oltre alle letture, materiale audiovisivo, oggetti e dipinti originali e un film: "Dietro il buio", tratto da un testo di Magris.
 

Use A Book

RF Web Associazione Ilde  2011-04-04 

arte 

esposizioni 

Use A Book
IVº Festival del Libro d'Artista e della piccola edizione
Barcellona
Organizzazione: Associazione Culturale ILDE
Direzione artistica: Elisa Pellacani
Dal 9 aprile al 7 maggio 2011

Per il quarto anno si presenta a Barcellona, in aprile, un Festival interamente dedicato al libro come oggetto creativo e di ricerca. Mediante bando aperto e inviti puntuali, l?Associazione culturale ILDE raccoglie e diffonde ogni anno un corpus di inediti dove i linguaggi più diversi sono usati per prototipi editoriali, libri unici e piccole tirature, con una pubblicazione annua e un itinerario in varie sedi che fino all?edizione successiva rendono il Festival momento vivo di incontro e intercambio.
Ogni anno la pluralità di realizzazioni che partecipa al Festival contribuisce a sviluppare un tema indicato dall?Associazione come filo conduttore per proporre sezioni d?analisi dell?infinito universo tecnico e concettuale che circonda il libro nella sua ideazione e realizzazione.
Nel 2011, con ?Use a book? ILDE partecipa al dialogo sull?utilità e sull?uso del libro come veicolo di espressione e produzione artistica.

Programma:
Il Festival si svolgerà a Barcellona dal 9 al 25 aprile 2011:
Spazio mostre Artesania Catalunya (C/Banys Nous 11, Barri Gòtic), dal 9 al 25
Plaza Sant Just (Piazza Dei Libri Immaginati, Barri Gòtic), il 23
Le iniziative del IV Festival
12 aprile, ore 18, Artesania Catalunya
Inaugurazione del IV Festival del libro d?artista e della piccola edizione.
12 aprile, ore 21, Taller Lavadero (c/Sant Rafael 14, El Raval).
?Premio Biblioteca degli Autori?Fiesta Libresca: brindisi, musica e danze.
14 aprile, ore 19.30, Galleria Siesta (c/Ferlandina 18, El Raval)
Inaugurazione ?Poetica?, Joyas Sensacionales
L?ultima collezione dei gioielli d?autore del Taller Perill, coordinado da Silvia Walz
21 aprile, dalle ore 10 alle ore 20, Artesania Catalunya
?Giornata di studio sul libro e sui suoi linguaggi?
Incontri con autori e artigiani su vari aspetti del libro.
Pranzo con gli autori alle ore 14
(è gradita la prenotazione).
23 aprile, dalle ore 12 alle ore 20, Piazza San Just (Plaza de los Libros Imaginados)
Festività di Sant Jordi e Giornata Mondiale del Libro
Esposizione e collezionismo di libri di artisti dal mondo: edizioni uniche e sperimentazioni.
Presentazione in anteprima del libro-catalogo
Use a book.
Dal 26 al 30 aprile, Taller Perill (c/Perill 41, Gracia)
Workshops intensivi: dalla calligrafi a alla poesia visuale, creatività e tecniche del ?fare libro?.
Dal 2 al 7 maggio, Libreria Loring Art (c/Gravina 8, pressi di Plaza Universitat)
Opere uniche e piccole edizioni in libreria, con la presenza della curatrice Elisa Pellacani.
Seguiranno esposizioni in altre sedi europee fi no alla fi ne del 2011.
 

Concerto omaggio a Fabrizio De Andrè

RF L'AltraItalia Bcn  2011-03-25 

musica 

concerti 

Concerto omaggio a Fabrizio De Andrè
Centre Sant Pere Apòstol
Carrer de Sant Pere més Alt, 25
Barcellona
8 aprile 2011
Convegno/tavola rotonda ore 18:00
Concerto ore 21:00

L?AltraItalia organizza un concerto omaggio a Fabrizio De Andrè a 12 dalla scomparsa del cantautore genovese. Il concerto sarò preceduto da una tavola rotonda alla quale partecipano il prof. Moscadelli, dell?Università di Siena, che illustrerà il Fondo De Andrè; Sergio Secondiano Sacchi, musicologo, critico musicale, tra i principali organizzatori del Club Tenco di San Remo, che narrerà ricordi personali su De Andrè; il giornalista Vilarnau (della rivista Enderrock), che parlerà delle radici comuni e il cantautore catalano Joan Isaac, che definirà la prospettiva di De André visto dalla Catalogna e Barcellona e dalla sua generazione di cantautori catalani.
Seguira, a partire dalle ore 21:00, il concerto a cui partecipano il Duo dello Sbarco, Piero Pesce (della Questioni meridioni band), la Formazione Variabile (composta sicuramente da Guido Ramellini), il gruppo Giulia e los Tallarini, Gionni e Bonanni, Samuele Arba e i cantautori catalani Joan Isaac, Pujador e Roger Mas.
Ogni gruppo o cantautore offrirà versioni di canzoni di De Andrè e del proprio repertorio.
Sarà un?occasione per ricordare uno dei più importanti poeti cantori italiani della seconda parte del Novecento, decisivo per la posterità non solo poetico/musicale.
L?evento è patrocinato dall?ICI.
 

Grillo is back

Roberto Fenocchio  2011-03-23 

cultura 

eventi 

Beppe Grillo is back
Giovedì 19 maggio 2011
Teatro: Casino de la Aliança del Poblenou
Rambla del Poblenou, 42 Barcelona
Ore 20:30

Beppe Grillo ha cominciato la sua attività di comico negli anni ?70, approdando in RAI con monologhi satirici pregnanti che lo hanno immediatamente imposto all?attenzione del pubblico. Con la sua parlata dallo spiccato accento genovese, ha messo in croce i potenti dell?epoca (soprattutto i socialisti e il loro guru Craxi), conquistandosi l?ostracismo dei dirigenti televisivi che lo hanno allontanato per anni dal piccolo schermo.
Ma ha continuato il suo ruolo di mina vagante in teatro con spettacoli che ricorrevano e commentavano selvaggi il malcostume del Bel Paese (e cioè l?Italia). Ha denunciato in anticipo alcuni dei grandi scandali degli anni ?80, ?90 e seguenti, con tale precisione chirurgica che durante le indagini sul crack Parmalat è stato interpellato dalle autorità come persona al corrente dei fatti. Stupito, in quell?occasione ha commentato: "Ma come? Chiedono informazioni a me!". Negli anni 2000 ha intensificato la sua attività, soprattutto dopo aver scoperto le infinite possibilità della comunicazione su Internet e ha organizzato varie manifestazioni di sdegno e protesta (gli ormai noti V Day, dove V vuol dire "Vaffanculo") mettendo a nudo le malefatte dell?era Berlusconi, fondando il "Movimento 5 stelle" e rivolgendosi soprattutto ai giovani.
Nelle ultime legislature il Movimento ha partecipato alle elezioni, conquistando notevoli consensi e entrando in varie amministrazioni comunali, provinciali e regionali italiane.
Beppe Grillo è sicuramente un personaggio scomodo e lo dimostrano i pesanti giudizi nei suoi confronti che piovono sia da destra che da sinistra; da quei politici che incarnano un modo tradizionale di far politica, caratterizzato da rimpasti, alleanze e compromessi, clientelismo e corruzione. Viene quindi tacciato di populismo, qualunquismo e quant?altro, nel tentativo di affievolire il livore delle sue accuse, sempre documentate e precise, scagliate direttamente in faccia a una classe dirigente ormai più incline ai propri interessi che a quelli della res pubblica.
Grillo giunge finalmente a Barcellona, nell?ambito del suo tour "Grillo is back", che ha toccato varie città europee tra cui Londra, Parigi, Berlino e Madrid. Sarà un?ottima occasione per tastare il polso della sua satira comunque sana e quindi pericolosa.
Buon divertimento.
 

Las nuevas estrategias de las mafias internacionales

Roberto Fenocchio  2011-03-23 

cultura 

costumi 

Las nuevas estrategias de las mafias internacionales
Colegio de abogados de Barcelona
Calle Mallorca 283 Barcelona
Giovedì 28 aprile 2011
Ore 20:30

Partecipano al seminario il magistrato Gian Carlo Caselli, il fotografo e scrittore catalano Joan Queralt e l?eurodeputata dell?Italia dei Valori Sonia Alfano.
Presenta e modera l?incontro Augusto Casciani dell? Italia.ES

GianCarlo Caselli (Alessandria 1939) è uno dei magistrati italiani più impegnati nella lotta alle mafie. Formatosi a Torino, ex membro del Consiglio Superiore della Magistratura, dal 1993 al 1999 è stato Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo ottenendo importantissimi risultati nella lotta alla mafia come l'arresto di boss del calibro di: Leoluca Bagarella, Gaspare Spatuzza e Giovanni Brusca.
Dal 2008 è Procuratore Capo della Repubblica di Torino.
Tra le sue pubblicazioni più importanti:
Gian Carlo Caselli, Antonio Ingroia. L'eredità scomoda. Da Falcone ad Andreotti. Sette anni a Palermo Ed. Feltrinelli
Gian Carlo Caselli Un magistrato fuori legge. Ed. Melampo
Gian Carlo Caselli Le due guerre Ed. Melampo

Joan Queralt, autore di "Crónicas mafiosas", in cui analizza in profondità l?organizzazione criminale siciliana mettendo in relazione i fatti mafiosi con l?economia e la politica e di "L?enigma di Attilio Manca - Verità e giustizia nell?isola di Cosa Nostra" Ed.Terrelibere, di recente pubblicazione in Italia, autore del documentario "Jueces en tierra de mafia" è un esperto della criminalità organizzata a livello internazionale.

Sonia Alfano, eurodeputata de Italia dei Valori, siciliana, impegnata nella lotta antimafia da decenni, ha pubblicato "Ammazzate Beppe Alfano", in cui racconta la storia della sua famiglia e la morte del padre assassinato dalla mafia.
 

Vinyetes al front

RF Web Museu Picasso Bcn  2011-03-23 

arte 

esposizioni 

Vinyetes al front (Vignette al fronte)
Somni i Mentida de Franco
(Sogno e menzogna di Franco)
Els gravats més polítics de Picasso
Curatori: Salvador Haro, Inocente Soto e Claustre Rafart i Planas
Museu Picasso
Carrer Montcada 15 Barcellona
Dal 18 marzo al 29 maggio 2011

Le incisioni di "Somni i mentida de Franco" sono state realizzate da Picasso nel 1937, all?inizio della Guerra Civile e presagiscono al Guernica, realizzato nello stesso anno per il padiglione spagnolo all?Esposizione Internazionale di Parigi.
Picasso s?univa pertanto alla produzione artistica bellica, dalla parte della Spagna repubblicana e oltre a cartelloni ha creato illustrazioni e vignette satiriche per giornali e riviste. L?opera "Somni i Mentida de Franco" s?inserisce quindi nell?intensa attività produttiva che durante gli anni della Guerra Civile spagnola e della Seconda Guerra Mondiale ha visto all?opera un gruppo di importanti artisti ? pittori, disegnatori, grafici e illustratori ? tra i quali Josep Renau, Centelles, Bagaria, Grosz o Heartfield, di cui la mostra presenta alcune opere.
Come son presenti anche le incisioni di un grande del passato, una delle massime fonti d?ispirazione del maestro malaghegno, il Goya de "Los Desastres de la guerra".
L'esposizione "Vinyetes al front" va oltre la lettura prettamente politica e mette in relazione le incisioni con il linguaggio di propaganda bellica dell?epoca.

 

Humano, demasiado humano

RF Web CaixaForum Bcn  2010-09-21 

arte 

esposizioni 

Humano, demasiado humano
Arte español de los años 50 y 60
Caixa Fórum de Barcelona
Dal 16 settembre 2010 al 20 febbraio 2011

L?idea della mostra parte dal libro "Umano, troppo umano" con cui Friedrich Nietzsche affrontò il romanticismo tedesco inaugurando in tal modo il ritorno a un umanesimo che rivalutava nuovamente l?uomo allontanandosi radicalmente dal senso tragico così caratteristico dell?estetica di fine XIXº secolo.
L?esposizione presenta opere degli anni 50 e 60 che appartengono alla Collezione d?Arte Contemporanea della Fundación "la Caixa", tra cui si annoverano creazioni di Antonio Saura, Manuel Millares, Antoni Clavé, José Guerrero ed Equipo Crónica.
Fa parte del percorso espositivo anche una serie di dipinti di Picasso, Dalí e Tàpies, provenienti da altre collezioni catalane fra le quali la Fundación Gala Salvador Dalí de Figueres, il Museo Picasso de Barcelona e la Fundación Antoni Tàpies.
Completano la mostra una selezione di lungometraggi dell?epoca (anni 50 e 60) che illustrano l?analogo spirito di sperimentazione in campo pittorico.
Film di cineasti quali Juan Antonio Nieves Conde, José Val del Omar, Frédéric Roussif o Joaquim Jordà, tra gli altri.
Obiettivo dell?esposizione è sottolineare i valori radicali nell?interpretazione dell?arte di questo periodo, come sono la rilevanza acquisita dalle diverse iconografie basate sulla rappresentazione della figura umana, la sperimentazione tecnica con materiali, supporti e forme da parte dei pittori e l?analisi critica della storia della pittura e la critica sociale.
 

Mercè 2010

RF  2010-09-20 

arte 

eventi 

Mercè 2010
Barcellona
Dal 23 al 26 settembre 2010

Anche quest?anno arriva l?appuntamento più importante di fine estate, la Festa de la Mercè, evento particolarmente atteso dai barcellonesi, che celebra la protettrice della città, con vari spettacoli di musica, arte, danza e teatro.
L?autore del manifesto-cartellone di questa edizione è l'artista Claret Serrahima, in collaborazione con una trentina di cittadini e il "pregonero" sarà Joan Margarit, poeta e architetto barcellonese.
La crisi economica ha determinato un taglio di circa il 10% del budget, rispetto ai festeggiamenti del 2009 e la sostituzione di scenari quali Passeig de Gràcia con altri inediti come l?Avenida Maria Cristina o l?antico Canódromo dell'Avenida Meridiana in cui verrà allestito un centro d'arte contemporanea.
Le attività in programma sono oltre 300 e tutte gratuite, distribuite in ben 30 punti della città e la grande novità di questa edizione è il Mac (Mercé Arts del Carrer) che popolerà le vie della città con spettacoli di danza, circo, musica, teatro e animazioni varie. Punto nevralgico del Mac sarà il Parc de la Ciutadella.
Quest?anno inoltre verrà inaugurato il nuovo spazio presso il Castello di Montjuïc dove, sotto un grande tendone (800 posti), verranno organizzati vari spettacoli circensi.
Anche in questa edizione la musica avrà notevole risalto con concerti in vari punti della città grazie al Bam, Barcelona Acció Musical, giunto alla 18º edizione e che vedrà all?opera gruppi quali Belle & Sebastien, Goldfrapp, OK Go, i californiani The Morning Benders, la cantante islandese Olöf Arnalds e il trio islandese Ash. Si esibiranno, in vari punti della citta? oltre 70 gruppi. I concerti del BAM 2010 si svolgeranno in Plaça de Joan Corominas, Plaça dels Ángels, Portal de la Pau, Plaça Reial e presso l'Antigua Fábrica Damm.
Come ogni anno ci sarà una città ospite, che nell?edizione 2010 sarà per la prima volta una metropoli africana, Dakar, una delle capitali culturali dell?Africa sub-sahariana, che porterà alla Mercè suoni, danze e colori.
La serata del 24 settembre si terrà infatti in Plaça Catalunya il concerto di ritmi africani e catalani del percussionista senegalese Doudou N?diaye Rose e del gruppo di percussionisti catalani Tactequeté.
Altra interessante iniziativa dellla Mercè 2010 riguarda il teatro e la campagna promozionale in cui i principali teatri della città offriranno sconti del 50% per gli spettacoli previsti dal 20 al 26 settembre. Sarà possibile acquistare i biglietti presso il Ticket Rambla, all?interno del Palau de la Virreina o attraverso le pagine web Telentrada e ServiCaixa.
Questi i teatri barcellonesi che partecipano all?iniziativa:
Alexandra Teatre, Almeria Teatre, Antic Teatre, Apolo, Aquarel·la, Arteria Paral·lel, Sala Becket, Borràs, Brossa Espai Escènic, Club Capitol, el Coliseum, Condal, Goya, Guasch Teatre, Cafè-Teatre Llantiol, Teatre Lliure, Sala Muntaner, Nau Ivanow, Poliorama, Teatre del Raval, Jove Teatre Regina, Romea, SAT, Tarantana, Teatreneu, Versus e Villarroel.
Ricordiamo inoltre che il 24 settembre sarà gratuito l?ingresso ai principali musei della città: Museu Picasso, Cosmocaixa, Museu d'Història de Catalunya, Mnac, Museu Frederic Marès, Museu de la Música, tra gli altri.
Tra le novità di questa edizione ricordiamo "Minimúsica" un concerto per il pubblico infantile, in programma il 24 settembre alle 12:30 in Plaça Reial, animato dai gruppi Me and The Bees e Surfing Sirles.
 

Consiglio generale del Partito Radicale Transnazionale a Barcellona

RF Web del Partito Radicale  2010-09-20 

cultura 

eventi 

Consiglio generale del Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito
CCCB Barcelona
dal 3 al 5 settembre 2010

Il Partito Radicale Nonviolento, Transnazionale e Transpartito ha tenuto il Consiglio generale a Barcellona dal 3 al 5 settembre. L'evento ha visto la partecipazione di oltre 100 tra parlamentari, personalità politiche e militanti per i diritti civili e umani, rappresentanti di popoli oppressi e autorità. Fra gli altri Sam Rainsy e Son Chhay (Cambogia), Kok Ksor (Vietnam, Montagnard Foundation), Morissanda Kouyaté (Etiopia), Leonard She Okitundu (Congo), Tonino Picula (Croazia) ed Ermelinda Meksi (Albania), l?europarlamentare britannica Sarah Ludford e l?ex ministro italiano Claudio Martelli.
Da sottolineare la presenza di Marco Pannella e di Emma Bonino.
I lavori del Consiglio si sono incentrati sulla proposta di una campagna politica internazionale per attivare e rafforzare in tutto il mondo le giurisdizioni internazionali che già oggi dovrebbero presiedere alla salvaguardia dei diritti umani, civili e politici anche contro i crimini di Stato, e che invece spesso sono paralizzate dal sabotaggio degli Stati nazionali e del loro miope realismo politico. La relazione in proposito tenuta da Cesare Romano, docente presso la Loyola Law School di Los Angeles, che ha presentato il progetto di un centro internazionale focalizzato sui diritti umani, per aiutare gratuitamente le vittime a intraprendere azioni legali usando tutti i fori internazionali disponibili.
Marco Pannella ha preannunciato l?obiettivo di sollevare davanti alle Corti europee e internazionali la condizione di illegalità dello Stato italiano, a partire dall? autentica bancarotta della Giustizia - "la più grave questione sociale dell?Italia di oggi", con i suoi oltre 11 milioni di processi pendenti fra civili e penali e la sua vergognosa appendice di carceri, dove ormai sistematicamente si pratica la tortura, in violazione di ogni legge nazionale e internazionale.
La vice-Presidente del Senato italiano Emma Bonino ha illustrato le iniziative del partito e dell?associazione radicale "Non c?è Pace Senza Giustizia", assieme ad associazioni e personalità internazionali, per ottenere all?Assemblea generale dell?Onu una moratoria delle mutilazioni genitali femminili (FGM) pratica di efferata violenza che tuttora flagella centinaia di milioni di donne, soprattuto in Africa.
Due sessioni sono state dedicate all?Europa. "Per una Patria Europea, contro l?Europa delle Patrie", per la costruzione degli Stati uniti d?Europa, sulla base del progetto federalista descritto nel "Manifesto di Ventotene" e attraverso l?adesione di Israele alla UE come testa di ponte per la democrazia nel mondo arabo. L?economista Fabio Pammolli ha tenuto una relazione sul problema del debito pubblico degli Stati nazionali, fattore di condizionamento istituzionale, politico e sociale della democrazia.
Il Consiglio generale di Barcellona ha inoltre affrontato l?urgenza dell?iniziativa antiproibizionista sulle droghe, a partire dal fallimento della "Guerra alle droghe" che, dalla Calabria a Milano, dal Messico all?Afghanistan, ha spianato in tutto il mondo la strada a organizzazioni criminali potenti come e più degli Stati nazionali. Marco Calamari ha tenuto una relazione sulle libertà digitali e sull?uso di Internet come strumento di destabilizzazione dei regimi totalitari.
I lavori sono stati aperti dal saluto di Ernest Benach, Presidente del Parlamento di Catalogna. Atteso nella giornata di apertura anche l?intervento di Annemie Neyts, presidente dell?European Liberal, Democratic and Reformers Party (ELDR).
 

Una nave di speranza per un Paese alla deriva

Flavia Cumoli  2010-08-26 

arte 

eventi 

Una nave di speranza per un Paese alla deriva
di Flavia Cumoli

Una "nave dei diritti" ha lasciato gli ormeggi del porto di Barcellona il 25 giugno scorso, per approdare, la sera del giorno successivo, nel porto di Genova. Lo Sbarco, iniziativa promossa da un gruppo di italiani residenti a Barcellona, si voleva un gesto simbolico, un grido di aiuto e solidarietà che unisse gli italiani che da altre sponde assistono a un imbarbarimento pericoloso del proprio Paese a tutti coloro che sono rimasti, e che giorno dopo giorno continuano a resistere alla deriva di società e istituzioni.
Lo sbarco è stato, soprattutto, il viaggio di ritorno dei nuovi emigranti, quei tanti italiani che disoccupazione, mancanza di prospettive, diritti e libertà, hanno spinto verso altri lidi. A Barcellona, che con i suoi 60.000 residenti italiani, in quanto vetrina emergente dell?Europa cosmopolita e mito dei giovani del Bel Paese, puo? forse dirsi capitale della nuova stagione dell?emigrazione italiana, si sono riuniti da Parigi, Bruxelles, Londra, Berlino, Atene, 500 "expats" o "cervelli in fuga" che dir si voglia. Non sono di per sè un fenomeno nuovo nella storia nazionale. Da secoli generazioni di cittadini italiani non hanno avuto alternative se non lasciare il proprio Paese per costruirsi altrove un futuro migliore. Milioni ne sono partiti, proprio dalle banchine del porto di Genova. Ma se in passato grazie anche a quelle partenze che allentavano la pressione demografica, alle tante rimesse e ai forti legami allacciati coi nuovi mondi, l?Italia ha potuto avviare un lento processo di modernizzazione e sviluppo, le storie che si sono incrociate sulla nave dei diritti, sorprendentemente simili nella loro diversità, delineano piuttosto i contorni di un fenomeno inquietante, esploso ormai da una decina di anni: l?esodo di giovani altamente scolarizzati, mobili, cosmopoliti e poliglotti, sacrificati da un Paese votato alla vecchiaia, all?ignoranza, all?immobilismo e al provincialismo. È una generazione che dall?Italia fugge consapevolmente, per cercare altrove quegli spazi e quei diritti che non trova in patria. Non era sola, questa "meglio gioventù", nel corso della traversata del Mediterraneo, durante la quale si sono susseguiti concerti, discussioni, proiezioni. 700 cittadini marocchini, da anni residenti in Italia, su quella stessa nave si erano imbarcati dal porto di Tangeri. E in quello stesso mare, ogni estate si ripete il dramma dei clandestini cui l?Italia, porta di accesso della fortezza Europa, nega il diritto di fuga, dimenticandosi di un dato tanto semplice quanto sconcertante: ci sono più italiani che risiedono all?estero, che stranieri in Italia. È, questo, uno dei tanti argomenti di cui si è discusso nelle piazze di Genova. Da lontano, dai nostri lavori nelle scuole e nelle università, nelle istituzioni, nelle pizzerie d?Europa, il nostro sguardo, forse più lucido e distaccato, su ciò che accade in Italia non può non velarsi di preoccupazione e di sdegno nel vedere il nostro Paese affondare. Le nostre coscienze non potevano restare impassibili. Vivere fuori dal proprio Paese significa portare una responsabilità profonda, ancora più tormentata, verso le sue sorti. Non volevamo sottrarcene. Volevamo farci sentire, dare il nostro piccolo contributo di emigranti, di chi sogna di poter tornare in un Paese normale, non più macchiato dalla vergogna dell?intolleranza, della corruzione, dello spregio dei diritti.

Flavia Cumoli (Bruxelles)
 

Sobre los vecinos y la políticas municipales

Steven Forti  2010-06-09 

cultura 

costumi 

In questi ultimi trent?anni le asociaciones vecinales, a cui abbiamo dedicato un dossier poco tempo fa, hanno perso quel carattere rivendicativo democratico e progressista che le aveva caratterizzate negli anni Settanta. In questi tre decenni anche la città di Barcellona è cambiata notevolmente, trasformandosi nel bene e nel male e diventando la meta turistica più sponsorizzata d?Europa. In questo articolo, che uscirà anche nel nono numero di ?Atlántica XXII. Revista asturiana de información y pensamiento?, Steven Forti riflette sul mito di Barcellona e sulla stretta relazione tra le politiche di riforma urbanistica volute ed applicate dal Comune, la chiusura di molti storici locali della vita culturale della capitale catalana e le proteste per il degrado cittadino degli abitanti del centro storico. Un punto di vista che può essere un interessante contrappunto alle celebrazioni di Barcellona capitale della cultura e dei festival.


Sobre Vecinos y Políticas Municipales
O sobre cómo se pudo transformar un movimiento reivindicativo y una ciudad en un cuarto de siglo

di Steven Forti

Del movimiento vecinal y todas las batallas que las asociaciones de vecinos libraron entre los años sesenta y los ochenta se había dejado de hablar ya hace un tiempo. Las reivindicaciones por unos barrios más dignos y más humanos, las protestas y las propuestas (desde abajo) para una sociedad realmente democrática habían pasado pronto al olvido generalizado. Sin duda un destino compartido por muchos otros movimientos sociales que actuaron en la transición a la democracia, pero que parece extraño teniendo en cuenta el papel de protagonista jugado por el movimiento vecinal en los setenta. Hoy en día, ¿qué ha sido de todo esto? Y, sobre todo, ¿en qué se ha transformado aquel movimiento que arrancaba mejoras a los poderes?
Efectivamente no faltan reivindicaciones de asociaciones vecinales y protestas a favor de un ?barrio digno?. Pero algo ha cambiado. Y algo que no es secundario, más bien central. Lo que sobresale es como ha cambiado el concepto mismo de la palabra vecino en estas décadas, tanto que ahora se podría hablar de vecinocracia. El término es conscientemente provocativo. Y la cuestión mucho más compleja de lo que podría parecer. El caso de Barcelona resulta ejemplar y permite formular unas reflexiones generales que pueden ser válidas ?con las necesarias puntualizaciones- para toda España.
Durante los setenta, en la capital catalana existieron unas asociaciones vecinales de las más activas en todo el Estado y que consiguieron unas victorias impensables unos años antes. Hoy en día, aunque no falten en barrios periféricos, como Nou Barris, asociaciones de vecinos que siguen luchando por un barrio realmente habitable y humano, la situación es muy diferente. En el centro, las decenas y decenas de pancartas que piden un ?barri digne? tienen una significación totalmente distinta. Las quejas de los vecinos van referidas sobre todo al ruido, las drogas, la prostitución y los llamados ahora actos incívicos (orinar, escupir, vomitar en la calle, etc.). En las ventanas y en las terrazas de los edificios del Gótico, del Raval, del Born o de Gracia se puede leer ?Traficantes, drogas, ladrones, lateros, meadas. Hereu, ven a vivir aquí! Estamos abandonados! Exigimos soluciones ya!!?. O, ?Ayuntamiento, el Raval no aguanta más!?
La cuestión no se reduce solamente a los gritos y las meadas de los fiesteros, ni a las prostitutas del Raval o los lateros de las Ramblas. Si damos crédito a estas voces, Barcelona se parece mucho más a la Los Angeles dibujada por John Carpenter en 2013. Escape de L.A. que a la ciudad mitificada como capital de la cultura, los masters y la dolce vita del siglo XXI. La clave de interpretación tiene que ser otra y debe tener en cuenta las políticas urbanísticas municipales. De hecho, en la opinión pública el ?vecino? ha dejado de ser un ?pequeño revolucionario? y se ha vuelto mucho más conservador. Muchas de las protestas ya no son colectivas, como los proyectos para una sociedad más democrática de las asociaciones vecinales de los setenta, sino individuales, un síntoma más de la sociedad occidental actual que ha creado el culto de la persona y ha enterrado la época de los ?colectivos?. El vecino se ha vuelto intocable, casi sagrado y dispone de un poder de contratación impensable hace treinta años. Un poder, de todas maneras, ambiguo y velado. Es evidente que, en esta cuestión, los Ayuntamientos juegan un papel protagonista, manipulando las protestas de las asociaciones vecinales y utilizándolas para sus propios objetivos urbanísticos y sociales.
Desde mediados de los ochenta, con la alcaldía de Pascual Maragall y las grandes reformas urbanística ejecutadas para la celebración de los Juegos Olímpicos de 1992, Barcelona empezó un camino del cual se conoce ya la próxima probable etapa: las Olimpíadas de invierno de 2022. En los últimos veinticinco años el Gótico y el Born han sido remodelados, el Barrio Chino se ha transformado en el Raval: Barcelona ha dejado de dar las espaldas al mar con la rehabilitación del Port Vell, la construcción del Port Olimpic y las playas de la Barceloneta. La reforma de la Diagonal y las Rondas serán el paso siguiente, conjuntamente con la reconquista de dos barrios céntricos y todavía populares: la Barceloneta y el Raval. El antiguo barrio de pescadores está siendo remodelado poco a poco a través de una práctica de mobbing de los viejos habitantes del barrio y la construcción de grandes hoteles, como el lujoso Hotel Vela. El mítico Barrio Chino está viviendo una ofensiva urbanística y moralista sin precedentes empezada con la construcción de la Rambla del Raval y la demolición de viejos edificios reemplazados con nuevos pisos, como el documental En construcciò mostró estupendamente, y continuada con la inauguración del Hotel Barcelò. Todo esto en el medio de una serie de scoop periodísticos, encabezados por La Vanguardia, sobre la presencia de drogas y prostitución en las calles de lo que siempre se había llamado, no por casualidad, barrio chino.
Barcelona es ya un modelo urbanístico estudiado en las universidades, y dentro de no mucho pasará a ser la ciudad perfecta por antonomasia. Pero nada que ver con la Ciudad del Sol de Tommaso Campanella o con la isla de Utopía de Tomás Moro, más bien una extraña mezcla entre una ciudad ideal del Renacimiento y una ciudad estadounidense de los sesenta: la Marca Barcelona hecha para uso y consumo del turismo de cortas o largas estancias. Así que los huecos negros desaparecerán paulatinamente y todo lo incontrolado será controlado. Los barrios populares dejarán espacio a pisos de vanguardia y hoteles minimalistas para los nuevos bárbaros en busca de sol, mar y fiesta, los viejos bares de música en vivo se transformarán en clubes y discotecas, las universidades libres, los centros sociales y las casas ocupas en escuelas privadas para master del nuevo espacio de estudios europeos.
Una práctica que en el último lustro se ha hecho realidad. Después de la aprobación de la Ley Cívica en 2006, el Ayuntamiento barcelonés ha ido actuando cada vez con más contundencia. Y no solamente en contra de lateros, manteros, camellos y prostitutas. En estos primeros meses de 2010 la acción policial y municipal ha tocado todavía más bares, locales y asociaciones culturales. ¿Será la necesidad de actuar las normativas europeas? O, ¿la consueta captatio benevolentiae del electorado en campaña electoral?
El punto es que después del cierre de la mítica sala Paloma en 2007, el elenco de los muertos y los heridos de la vida cultural barcelonesa ha ido aumentando. El ayuntamiento está actuando en diferentes niveles: con la prohibición de la música en vivo, el aumento del coste de las licencias o directamente con el cierre de locales o el desalojo de casas ocupas. El mítico Cangrejo, donde Carmen de Mairena animaba cabaret de drag queen y travestis, tuvo que cerrar y pudo abrir sólo después de unas reformas que lo han desnaturalizado. El London Bar tuvo que dejar de hacer música en vivo después de casi un siglo de conciertos. Magdalenes y la Universitat Lliure La Rimaia fueron desalojados después de casi un año de actividades, con, entre otros, clases de catalán y castellano para inmigrantes.
Pero, el caso más sintomático es el del Bar Pastis, el histórico bistrot del Barrio Chino, fundado a mediados de los cuarenta. Uno de los pocos bares donde cada noche hay música en vivo, desde la chanson française a los boleros. Como nos cuenta Ángel de la Villa, que gestiona el Pastis desde hace más de treinta años, en 2008 el Ayuntamiento decidió cerrar el bar por las quejas de los vecinos. Fue sólo gracias a una verdadera movilización de artistas y amigos y al concierto Salvem el Pastis -con, entre otros, Paco Ibáñez y Joan Isaac- que pudo abrir otra vez sus puertas. El riesgo de un cierre es siempre presente, pero el Pastis sigue resistiendo. Entre un Ricard y una caña, Ángel nos cuenta anécdotas de este pequeño trozo de Paris al lado de las Ramblas y nos sumerge en recuerdos con Javier Krahe y Quim Monzò, Joaquín Sabina y el fadista portugués Carlo do Carmo, que una noche le comentó: ?Me han dicho que quieren cerrar este sitio. Pero, ¿cuándo van a acabar con este silencio??
El pesimismo reina soberano, pero la esperanza sigue viva. Quizás un día no demasiado lejano los vecinos vuelvan a ser los de antes y sean todos como los del Cabanyal de Valencia. Quizás un día no demasiado lejano todos los bares sean como el Pastis y todos los gestores tengan el humor de Ángel que nos despide con una frase de Carmen de Mairena colgada en la puerta: ?Nos quieren hundir, pero somos de corcho y flotamos?.
 

Curso: Caligrafía y Ediciones Artesanales

Elisa Pellacani & Associazione Ilde Bcn  2010-06-09 

arte 

gallerie 

Elisa Pellacani presenta un Corso Intensivo di Libro d'Autore e Calligrafia,organizzato presso il Taller Perill, nel quartiere di Gràcia a Barcellona

Curso intensivo de Verano de
Libro De Autore y Caligrafía
En el Taller Perill de Gracia, Barcelona

En julio (del 12 al 17), una semana intensiva para trabajar juntos a la realización de ediciones en ejemplar único como en pequeños tirajes. Además de las técnicas ?básicas? útiles a la impresión artesanal de un libro (grabado, realización de papeles, encuadernación), contamos con la presencia experta de Emilio Sdun, que nos enseñará la utilización de herramientas alternativas y recursos caligráficos para usar la escritura en forma creativa.

El curso esta dirigido a cuantos quieran pasar una semana aprendiendo y practicando, encontrando en esta ocasión motivación de concentración e intercambio; las ediciones realizadas podrán ser expuestas al final del curso como ser editadas, dependiendo de los resultados.

Para reservar plaza, seguir los pasos descritos en la ficha.

Esperamos que os guste,

Elisa Pellacani

Ediciones de los sueños
Taller Perill

Curso: Caligrafía y Ediciones Artesanales

Descripción: La experiencia caligráfica de Emilio Sdun, aplicada a la realización de ediciones artesanales, nos llevará a recorrer tanto las técnicas clásicas, como las más alternativas.
Construiremos nuestras propias herramientas de escritura y combinando distintos métodos de encuadernación, podremos acabar unas pequeñas ediciones en las que la escritura se convierte en ilustración.

A cargo de: Emilio Sdun & Elisa Pellacani
Reserva de plaza: epellacani@yahoo.it
o se puede utilizar el Formulario Cursos en www.tallerperill.com
Convocatoria

Tipo: Tiempo Completo
(10 sesiones: 40 H.)
Fechas: del 12 al 17 de julio 2010
Horario:Lunes y martes de 16:00-20:00
miércoles, jueves, viernes y sábado de 10:00 a 14:00 y de 16:00 a 20:00
Precio: 260?
Fecha límite de reserva: 5 de julio

Programa:
Introducción a la caligrafía. Fabricación de herramientas de escritura, clásicas y ?alternativas? (con material reciclable, latas de yogur y latas de refrescos) y de papel para cubiertas (papel turco y papel de color).
Con estos conocimientos realizamos ediciones artesanales pensando en sus posibilidades de reproducción en pequeña edición, realizando tanto originales como tiradas cortas con métodos de impresión y con fotocopias.

Finalidad:
Aprender métodos de escritura y su aplicación a la edición, ilustrando con el color y la caligrafía poemas, textos personales o de otros autores.
El curso se plantea como un intensivo al final del cual cada participante habrá realizado su edición, en copia única o en pequeño tiraje.

Materiales:
- un bloc de papel liso (80 gr.) y ligero (papel de oficina) DINA3
- tinta negra china en diferentes colores: amarillo, rojo, azul
- lápices de grafito/colores
- una regla de 50 cms
- rotuladores-diferentes colores
- pinceles
- sacapuntas
- goma para borrar
- tijeras/cutter
- papeles específicos para la realización del proyecto personal, elementos útiles para collages, cartulinas de colores, telas?
(Portaplumas y plumillas estarán disponibles.)

Emilio Sdun. Emilio Sdun funda Prensa Cicuta junto a Doris en 1984, en Francfort. El taller se traslada en 1996 a Cueva de Alzamora, en la provincia de Almería, en donde realiza con Doris pequeñas ediciones con diferentes técnicas de grabado y serigrafía, letras móviles de plomo y madera, caligrafía y métodos de encuadernación totalmente artesanales. Los libros de Prensa Cicuta, que pueden encontrarse en colecciones y ferias internacionales, versionan poemas y otros escritos de autores tanto conocidos como inéditos. En otras ocasiones se trata de preciosas ediciones ilustradas, con composiciones gráficas que requieren exclusivamente una lectura visual.

Elisa Pellacani. Licenciada en Conservazione dei Beni Culturali en Parma (Italia) y Diplomada en el ISIA (Instituto Superiore per le Industrie Artistiche) de Urbino, docente en la Escola Massana de Barcelona y periodista. Dedica sus investigaciones, dentro del campo de la fotografía y la ilustración, al libro como método de indagación artística. Sus obras están presentes en diversos eventos internacionales y en publicaciones monográficas. Desarrolla proyectos editoriales y realiza joyas de autor para importantes centros de arte. Desde hace tres años coordina el Festival del Libro de Artista de Barcelona en colaboración con la asociación cultural Ilde, de la que es fundadora.

Reserva de Plaza:

?Envia un e-mail pidiendo reserva de plaza para el curso de tu interés a la dirección e-mail del profesor: epellacani@yahoo.it
?Recibirás respuesta indicando disponibilidad y reserva de plaza
 

Sconsolati.org

RF Web Sconsolati.org  2010-06-09 

cultura 

costumi 

È nata una nuova web dedicata agli italiani/e residenti a Barcellona e in Catalogna. Si tratta di un sito peculiare che raccoglie le impressioni delle persone che sono entrate in contatto con le istituzioni italiane presenti sul territorio: Consolato Italiano di Barcellona e Istituto Italiano di Cultura.
Lo scorso 2 giugno, Festa della Repubblica Italiana, Sconsolati.org ha organizzato una manifestazione in bicicletta fino alla stazione marittima di Barcellona.

Ecco qualche informazione in più su Scosolati.org, direttamente dalla web:

Siamo un insieme di comunità di Italiani a Barcellona, ognuna legata da differenti interessi ma con un qualcosa di molto forte che ci unisce: Il Consolato Generale d'Italia.
Sentiamo in noi forte il dovere di far presente democraticamente le inefficienze consolari e delle altre rappresentanze pubbliche italiane, proponendo incontri e soluzioni comuni e concordate, visto che sono servizi diretti a noi cittadini.
Sconsolati.org nasce come "ufficio reclami virtuale", uno dei servizi utili che mancano al Consolato, uno spazio per dar voce ai cittadini ed in risposta all'attivazione, da febbraio 2010, di un numero telefonico a pagamento gestito da una societá privata esterna per dare informazioni sulle pratiche consolari.

Una misura che riteniamo grave per 3 motivi:
- L'affidamento dei nostri dati personali ad una società privata
- Il costo (fino a 1,51 euro al minuto)
- La decisione presa in modo unilaterale senza ascoltare il parere dei cittadini.

Sconsolati.org diventa cosí un Osservatorio Democratico sui servizi resi dalle istitituzioni pubbliche italiane, coscienti di poter dare un contributo positivo e propositivo per gli oltre 40.000 italiani residenti in Catalunya.
Quante volte ti è capitato di raccontare la tua esperienza avuta con il Consolato Italiano?
Racconti a volte tragici, a volte comici, altre volte disperati, rabbiosi, grotteschi, teatrali, sorprendenti, che ti fanno amare questo piccolo pezzo di Italia, cosí autentico e rappresentativo.

Per questa profonda gratitudine, ancor più sentita dopo l'attivazione di un numero per le informazioni a pagamento a 1,51? al minuto,
abbiamo deciso di raggruppare queste preziose testimonianze per consegnarle il 2 Giugno 2010 a chi le ha ispirate:
il Consolato Generale d'Italia a Barcellona.

A consegnarli sarà una divinità pagana, San Sconsolato, invitato alla esclusiva Festa della Repubblica.
Con lui ci saranno gli Atleti Italiani Resistenti all'Estero (A.I.R.E.), menti sane in consolati malati, che lo seguiranno in bicicletta.
Adeguandoci agli standard dei servizi consolari, l'adesione alla biciclettata si fa per via telematica, basta un click

Vi aspettiamo tutti in bici
Mercoledí 2 Giugno, ore 19.00 in Plaça de la Carbonera | Mappa
Scarica il volantino della Biciclettata

Testo del volantino:

PERCHÉ MANIFESTIAMO OGGI

Siamo venuti in bicicletta e faremo una merenda a base di "pane e acqua"
in segno di protesta per manifestare in occasione del cocktail privato
organizzato dall?istituzione pubblica che rappresenta tutti i cittadini
italiani di Catalogna(50.000):il Consolato Generale d'Italia a Barcellona.

OGGI PRESENTIAMO LA NOSTRA PROTESTA AL CONSOLE ITALIANO DI BARCELLONA
PERCHIEDERE:
- Una RISPOSTA CONCRETA alla grave crisi dei servizi consolari a fronte
di un aumento del 750% degli italiani residenti in Catalogna negli ultimi
9 anni
- L?ABOLIZIONE IMMEDIADA DEL NUMERO DI TELEFONO A PAGAMENTO attivato
per dare informazioni di interesse pubblico AL COSTO DI 1,51? AL MINUTO.
Servizio affidato ad una societá privata esterna, senza fornire una
completa informazione sul costo reale dello stesso e sul trattamento
dei dati personali affidato a terzi.
Durante la nostra protesta CHIEDEREMO UN INCONTRO FORMALE CON LE
AUTORITÁ CONSOLARI alle quali consegneremo le istanze inviate dai
cittadini italianiresidenti in Catalogna sulla pagina web-­?osservatorio
WWW.SCONSOLATI.ORG, al fine di mettere in atto una riforma giusta,
efficiente e democratica dei servizi consolari, nel rispetto dei diritti
di una comunità di italiani che è cresciuta e presente sul territorio.

Barcellona, 2 giugno 2010
A.I.R.E. ATLETI ITALIANI RESISTENTI ALL'ESTERO
 

La nova cançó. La veu d'un poble

RF Web Ajuntament Bcn  2010-06-09 

arte 

esposizioni 

La nova cançó. La veu d'un poble
Museu d'Història de Catalunya
Plaça Pau Vila, 3
Dal 3 giugno al 31 ottobre 2010

L'esposizione "La nova cançó. La veu d'un poble" (La nuova canzone. La voce di un popolo) è un percorso che parte dagli inizi della "Nova Cançó", negli anni ?50 e attraverso gli anni ?60 e ?70 arriva fino alle nuove leve di cantanti e gruppi in catalano dell?attualità.
Vengono esposti in totale circa trecento oggetti rappresentativi della "Nova Cançó": copertine di dischi, programmi di concerti, festival e manifestazioni, spartiti originali, libri e fotografie.
L?intenzione degli organizzatori della mostra è di sottolineare l?importanza cukturale, sociale e artistica della "Nova Cançó" negli ultimi 50 anni.
Negli anni ?60 la "Nova Cançó" rappresento? la voce dei Països Catalans. Anni in cui il regime franchista sottometteva il paese ad una dura repressione anche linguistica, perseguitando le manifestazioni artistiche e sociali in catalano. Il movimento culturale artistico in cui è nata la "Nova Cançó" rappresenta un esempio di impegno sociale e politico di molti artisti in totale simbiosi con le rivendicazioni di un?intera popolazione e ne diffonde la lotta a livello internazionale.
In Europa e in America, la Nova Cançó diventa riferimento culturale e politico a favore delle libertà individuali e delle nazioni.
Il poeta catalano Salvador Espriu, in una poesia in seguito musicata da Raimon, cosi? definisce il movimento: "la Nova Cançó si mantiene fedele al servizio del suo popolo per restituire il nome ad ogni cosa, portando la luce nelle tenebre".


 

Marco Travaglio a Bcn

RF Associazione Cittadini Responsabili Senza Frontiere  2010-06-09 

cultura 

costumi 

Incontro Pubblico con Marco Travaglio
Sala d?Actes del Collegi d?Avocats
Carrer Mallorca, 283
Barcellona
Giovedì 17 giugno
Orario: 19:00
Entrata: libera

In un momento particolarmente critico per la libertà d?informazione, soprattutto in Italia, arriva a Barcellona Marco Travaglio, giornalista e scrittore assai popolare per i suoi libri d?inchiesta che spesso hanno trattato dei processi all?attuale Presidente del Consiglio e ad alcuni dei suoi collaboratori.
L?appuntamento è per giovedì 17 giugno alle 19:00, presso il Collegi d?Avocats. L?incontro è organizzato dall?Associazione "Cittadini Responsabili Senza Frontiere" a cui interverrà anche Antonio Padellaro, direttore del nuovo giornale, "Il Fatto Quotidiano", di cui Travaglio è co-fondatore e collaboratore.
Torinese, 45enne, Travaglio è stato allievo e collaboratore di Indro Montanelli nelle esperienze editoriali del Giornale e de La Voce. Tra i suoi successi editoriali ricordiamo "L'odore dei soldi. Origini e misteri delle fortune di Silvio Berlusconi", un'inchiesta sull'origine dell'arricchimento di Silvio Berlusconi, del 2001, che generò parecchie polemiche e varie querele.
Ha scritto per Sette, Cuore, Il Messaggero, Il Giorno, L'Indipendente, Il Borghese, L'Espresso, L?Unità e per La Repubblica.
Ospite fisso alla trasmissione di Rai 3 Anno Zero di Michele Santoro, Travaglio è stato negli ultimi anni uno dei più lucidi cronisti della realtà politica italiana.
 

Sónar 2010

RF Web Sónar 2010  2010-06-09 

musica 

concerti 

Sónar 2010
Festival de Música Avanzada y Arte Multimedia de Barcelona
17, 18, 19 giugno 2010
Barcellona e A Coruña

Sonar 2010 allarga ulteriormente i suoi orizzonti: l?edizione di quest?anno, la 17esima, avrà due sedi dove si svolgeranno attività in parallelo: Barcellona e A Coruña.
E? prevista l?esibizione di ben 400 artisti provenienti da vari paesi: Barcellona ne ospiterà ben 393 e A Coruña 42, senza contare le attività musicali e audiovisive.
Tra gli artisti partecipanti ricordiamo nomi internazionalmente noti, come The Pinker Jones, Delorean, John Talabot e i Chemical Brothers.
Nutrita la partecipazione dal Regno Unito, nettamente protagonista a questa edizione con King Midas Sound, Joy Orbison, Roska, Zomby, Broadcast, Fuck Buttons y Necro Deathmort.
Una delle delicatessen del festival sarà l?esibizione del cantante di Sigur Ros, Jónsi, Il carismatico vocalista del grupPo islandese presenta il suo primo disco solista "Go".
Il concerto all'Auditori quest?anno vedra la presentazione del programma ?Japó? con pezzi di artisti giapponesi e occidentali.

Per consultare in dettaglio il programma del Festival Sonar 2010 ecco il link della sito ufficiale: www.sonar.es
 

Human Book

Elisa Pellacani  2010-04-18 

arte 

eventi 

III Festival de libro de artista y de la pequeña edición HUMAN BOOK, el libro como necesidad humana de contar, de expresarse y de editar.
Plaza de los Libros Imaginados (Plaza Sant Just)
Barcelona, 23 de abril de 2010

Tercera edición del festival de libro de artista y de la pequeña edición, organizado por la asociación Ilde in colaboración con la casa editora "Consulta, libri e progetti".
Tras las ediciones pasadas, denominadas "Print a Book" e "Imagine Book", el presente Festival pretende aportar un análisis cultural de las diferentes realidades que rodean a la producción editorial. El Festival está dedicado este año al libro como necesidad expresiva del hombre, en tanto que éste imprime en aquél la huella de su pertenencia cultural. "Human Book" presenta verdaderas rarezas editoriales, fruto de la investigación creativa de más de doscientos autores prevenientes de todos los rincones del mundo. El Festival, nacido de la colaboración con el Centro Cívico Pati Llimona del Ayuntamiento de Barcelona, tiene lugar en la atractiva Plaza Sant Just, en el Barrio Gótico de Barcelona, coincidiendo con la festividad de Sant Jordi, dedicada al libro y patrocinada por la UNESCO a favor del derecho de autor. "Nos pareció necesario abrir un espacio para el libre encuentro en un día tan señalado para el sector editorial en torno al proyecto libro, o sea, alrededor de las obras de autores y pequeños editores que realizan piezas de arte únicas o de autor", explica Elisa Pellacani, organizadora del evento.
De este modo la Plaza Sant Just se convierte por un día en el escenario donde pueden hallarse las más preciosas ediciones dentro del sector de la producción de libros. Haciendo acopio de las expresiones artísticas de mayor interés, Plaza Sant Just, que cambia su nombre en este día y pasa a llamarse Plaza de los Libros Imaginados, será punto de encuentro para autores de libro de artista y pequeños editores. Además tendrán acogida las encuadernaciones de Helene Genyrin y las creaciones caligráficas de Emilio Sdun y de la "Prensa Cicuta", y también las máquinas bizarras de "Antigua y Barbuda".

Estarán presentes en la plaza:
- "Taller Perill", Barcelona: "Ediciones de los sueños" y los catálogos de "Joyas Sensacionales".
- "Taller Leñateros", Chiapas, México: la antigua tradición maya.
- "Atelier La Manica Lunga Officina Creativa", Fondazione Sospiro, Cremona, Italia, con el libro colectivo "Mostro Meraviglia".
- "Escuela de Educación Especial Gavina", Barcelona: una edición diminuta ilustrada por sus alumnos.
- "Scuola Internazionale di Grafica", curso de libro de artista, Venecia, Italia: libros de autores diferentes inspirados en el tema del Festival.
- "Escola Massana", curso de libro de artista y libro objeto 2009-2010, Barcelona: "Artist?s Book Corner", apuntes de un taller de libros y libros de los autores participantes.
- Taller de grabado del "Trac", Escuela de Arte, Barcelona: libros de los autores participantes y de los profesores de la Escuela.
- "Asherville BookWorks", Asheville, North Carolina, EE.UU.: selección de obras procedentes del centro artístico norteamericano.
- "Senso Unico Editions", Casablanca, Marocco: preciosos libros de arte y de viaje.
- "Edition 8x8", Hamburgo, Alemania: libros para ser construidos, libros ilustrados pop-up.
- Ediciones "Homeprint", Feilding, New Zealand: ediciones realizadas con técnicas de impresión y objetos varios.
- "Red Trillium Presse", Florence, MA, EE.UU. y el libro por el fotografo Eduardo Hernandez Santos "El muro": reportage sobre la lucha contra la discriminación homosexual en La Habana.
- "Redfoxpress", Ireland: el trabajo de un editor-eremita.
- "Consulta, libri e progetti" edizioni, Reggio Emilia, Italia: pequeñas ediciones ilustradas y fotograficas. "Sponde opposte", imágenes fotograficas mediterraneas de Guido Giannini y Elisa Pellacani.
- "Il filo di Partenope, editori artigiani", Napoli, Italia: tirajes limitados artesanales con grabados originales de diferentes autores.
- "Edizioni Artestampa", Modena, Italia: libros de arte ilustrados.
- "The Artists? Press", White River, Sudáfrica: las ediciones limitadas de Mark Attwood, con litografìas e impresiones manuales.
- "Antic-Ham", Seoul, Corea del Sur: la colaboración entre pequeños editores para una colección "de autor".
- "EL.TA." asociación, Barcelona, y su revista con grabados originales "Imprevista" n°1.

En la tercera edición del Festival han participado:
Abascal Vila Ana, Royo Sanchis Gloria (La Cueva de Graphos), Adolf, Alberca Postigo Antonio, Alìa Joana, Amada Minha, Arc Anne, Arnow-Levine Eileen, Arroyo Angels (Tinta invisible), Attwood Mark (The Artists? Press), Back Cynthia, Baldi Anna, Baltodano Victoria Lourdes, Barbadoro Antonio, Barbosa Alexandra, Barrera Garcia Ave, Bartoli Anna, Baruzzi Agnese, Battaglia Dante, Ferrari Luigi (Edizioni del Grillo), Bertola Carla, Beube Douglas, Bogliacino Mariella, Braida Silvia, Bratina Luciana, Bravo Rodrìguez Ricardo, Brebner Allison and John (Homeprint), Bussi Giuseppe, Caballero Arrieta Maite (Ediciones pis y vinagre), Campo Dall?Orto Mattia, Caporaso Angela, Cappanera Loretta (Cappazeta edizioni), Cavina Alves, Chamchinov Serge, Cumer Eleonora, Crescenzi Anna, De Brasi Silvia, De Creeft Donna Maria, De Cullà Daniel, Del Buono Cristina, Del Hoyo Santiago Rodriguez, Dorigo Gianni, Ewert Gudrun (editorial La artista), Farré Pàmpols Nuria, Farrell Mary (Institut Universitari Estudis feministes i de genere, UJI-Castellon), Foggia Maria Ester (Istantes Gràficos), Genvrin Helene, Pintocanales Javiera, Gilabert Irene, Girbes Eva, Retamero Cathy, Giretti Virginia, Gironés Teresa, Goberna Ariadna, Gòmez Ana Milena (Galeria Quiasmo), Graf Martin (edition8x8), Gutiérrez Sánchez Sylvia, Guzmàn Fabio, Fabris Alberto, Montagnini Gianremo, Massarotto Giacomo, Valesio Ugo, Friederun Hardt-Friederichs, Hellin Barbara, Herrador Teresa, Herrera Isabel, Herreros Clara, Hidalgo Isabel, Hormigo Estefanìa, Huguet Emi, Huizzi Mirtya, Ibañez Xifra Mireia, Iovinella Domenica (Edizioni Il laboratorio), Iuliucci Silvia, Kiss Ilona (Atelier Kiss), Koh Eunkang, Gruppo Laloba, Crescenzi Anna, Petti Renata, Lago Marcelino, Lange Clemens-Tobias (CTL-Presse), Lanni Franca, Lapin, Lendinez Tania, Lorenzin Silvia, Lusini Stefania, Macho Patricia, Maglio Anna, Majò Diaz Josefina, Marigliano Lina, McFadden A.L. & Elsaesser J.R. (Wrecked Tangle Press), Meireles Cecilia (Il filo di Partenope), Méndez Isabel, Menozzi Marco, Messana Teresa Enrica, Mitchell Lisa E., Moore Pamela, Montà Fernando, Morrien Julia, Munso Elisa, Muntoni Elvira, Oppido Salvatore, Palazzetti Beatrice (Edizioni Bieffea), Palomero Paco, Paproth Erich, Past Ambar (Taller Leñateros), Paz Hilda, Pereiro Fidel, Pérez Grobet Ximena (Nowhereman Press), Pergreffi Daniela, Petti Renata, Picardi Antonio, Piggins Maureen, Pongiluppi Aina, Possentini Sonia, Pugliese Anna Maria, Pujol Maria, Ral Baulenas Lourdes, Resinés Olga, Cuñé Alba (Robanimada i Nittin), Ricart J., Riu Carmen, Rubira Curro (La Nube Roja), Roca Roger (Edicions Impossibles), Rosenberg Maddy, Ruiz Oritia, Ros Pat, Salinas Pere, Salazar Carol, Santo Eduardo Hernàndez (Red Trillium Press), Sanzsoto C., Serra Aloy Bet, Shattuck Carolyn, Silke Kruse, Sitnikov Vladimir, Staltari Antonella (Fògola Editore), Stasiak Kaleena, Tabora Carla, Tocornal Fátima, Tristan Isabel, Vallejo Monica (Arte Correo), Van Maele Francis (Redfoxpress), Velo Lùa, Verlag Svato, Villa Vittorio, Vitacchio Alberto, Vite Leòn Marlene, Weber Lisa, Willbrand Carola, Wortham Pia, Zanello Roberto, Zylbersztejn Martha

Tienen asimismo cabida obras originales de alumnos y profesores de:

"Scuola Internazionale di Grafica", corso di libro d?artista, Venezia, Italia (Bettella Daniela, Carrau Noemi, Colonnello Mariagrazia, Del Gobbo Gaia, Dolcetti Matilde, Frate Kathryn Shank, Gazzola Simonetta, Lovisetto Rosamaria, Malfermoni Lia, Pagliarulo Anna Maria, Piovesan Manuela, Rocchi Zelda, Cardella Simone, Ungaro Silvia, Valenti Luisa); Taller de grabado del "Trac", Escuela de Arte, Barcellona (Balada Marta, Cluristou Gina, Escolet Maite, Ferracci Chantal, Lamotte Monique, Malagrida Josy, Montse Enrich, Perez Cristina, Ruiz Roser, Sunyer Ma. Angels, Wortham Pia, Benyet Gerard, Gilabert Irene); "Asherville BookWorks", Asheville, North Carolina, USA (Allen-Swarttouw, Corral Laurie (Pop Press), Couch Cogswell Margaret, Diehn Gwen, Liddle-Sylva Matt, Norby Carol, White Jessica (Heroes and Criminals Press).

La inauguración del Festival está prevista para las 12.00 h del día 23 de abril. Con tal ocasión se presentará el libro Human Book, coordinado por Elisa pellacani, con intervenciones de Alberto López Bargado, Aníbal Salazar Anglada, Eva Marxen, Paolo Barbaro, Nani Tedeschi, Teresa Girones. Sylvia Gutiérrez Sànchez. Las fotos publicadas son obra de Sylvia Gutiérrez Sànchez

El cierre de la jornada del 23 de abril tendrá lugar a las 20.00 h. Del lunes 26 de abril al sábado 1 de mayo, el Festival se trasladará a la librería Loring Art, en la calle Gravina 8; y a partir del 6 de mayo, habrá varias exposiciones en el Centro Cívico Pati Llimona.

Teniendo en cuenta los eventos paralelos que sirven de complemento a la muestra, el III Festival de libro de artista constituye una ocasión única para todos aquellos que se dedican con pasión a la búsqueda de piezas editoriales preciosas.

III Festival de libro de artista y de la pequeña edición
Contactos u informaciones:
0034 657 257 158
epellacani@yahoo.it
edizioniconsulta@virgilio.it
info@ilde.info
 

HB Il programma

Elisa Pellacani & Associazione Ilde  2010-04-18 

arte 

eventi 

Viernes, 23 d?abril, de 12 a 20 horas:
Plaza Sant Just es
LA PLAZA DE LOS LIBROS IMAGINADOS
Tercera edición 2010

La plaza sigue siendo un rincón de la ciudad en el día de San Jordi, dedicado a la investigación artística sobre el libro, piezas únicas y pequeños tirajes. En ella se presenta el Festival itinerante e internacional de la asociación Ilde (I libri de?), con la presencia de artesanos y artistas que trabajan alrededor del libro.
Este año, el tema central es el libro de arte y la edición de libros como necesitad y vehículo del ser humano para representarse, contarse, y en definitiva expresarse. Antes incluso que un factor estético, el libro es huella y archivo del hombre.

HUMAN BOOK

12 h - Apertura de la Plaza:
Inauguración de Human Book, III Festival Internacional de Libros de Artista y Pequeñas Ediciones, auspiciado por la asociación Ilde: durante todo el día, exposición y feria de libros únicos y tirajes limitados llegados desde todas las partes del mundo. Libros únicos y editores procedentes de Europa, EE.UU. y América Latina. Presentación del libro-catalogo Human book, bajo la coordinación de Elisa Pellacani.

En la plaza:

El Espectro de las Paginas Nunca Jamás Escritas, apariciones múltiples de un hacedor de libros que no quería guardar sus libros en los cajones. Con la actuación estelar de Isabel Herrera.

Jordá Ferré y Oscar de Paz accionan una de las últimas máquinas prodigiosas de "Antigua i barbuda", pensada y realizada a propósito para enviar paginas desde la Plaza hacia otros mundos: La Maquina de Transformar Palabras en Señales de Humo.

15.00 h - Martina Meunier, cuenta cuentos de leyendas y tradiciones orales de diferentes culturas

C. Sanzsoto, con la instalación de su obra pictórica / poli díptico en forma de prisma titulado "Los amantes", homenaje a Los grandes monstruos de la Humanidad. Obra alegórica relacionada con el libro "Mujer".

15.30 h a 19.00 h - El libro de la vida: en la Esquina del Porvenir, Lua interpreta El maravilloso oráculo de Madamoiselle Dolores para todo aquel que quiera conocer su futuro. Con la ayuda de sus tarots, Lua indicará a quien lo busque su libro ideal en cada momento.

La Prensa Cicuta, Emilio y Doris Sdun: ediciones con letras móviles y tipografía.
Al mismo tiempo que los Hombres Libros de la Prensa Cicuta se van instalando en la Plaza, Sdun ofrece demostraciones de caligrafía y enseña cómo elaborar artesanalmente una pluma para la escritura.

Los encuadernadores Helene Genvrin, Poncho Martínez, Angels Arroyo y Dario Zeruto presentan cuadernos, álbumes y libros de creación propia. Muestran algunas técnicas de encuadernación, como el cosido Japonés o el cosido visto.

16.00 h - Gravat i edicions amb el Taller "Tinta Invisible", a càrrec de Martì Guinovart.

Cuentaba Don Chisciotte?, en la Plaza estará visible el libro en madera de Giuseppe Bussi, con las ilustraciones de Elisa Pellacani.

Fast Gallery, desde Madrid con su última edición de libro objeto, la caja "Kit": cómo montarse una galería portátil. La serie de cajas, con contribuciones de varios artistas que han colaborado en el proyecto, puede adquirirse en Barcelona. Fast Gallery presenta también fanzines y otros autores que gravitan alrededor del colectivo.

Vademécum de Sant Jordi, con Jordi Vizcaíno: una selección de libros oraculares de todas las tradiciones culturales del mundo, para que cada uno elija al azar su mensaje, que, como si de un antiguo calígrafo se tratase, Jordi apuntará en un libro único.
El vestuario de época de la Plaza corre a cargo de "Lailo" (Raval).

17.00 h y 18.30 h - La autora Isabela Méndez narra el cuento "Nacay-Líquido vestigio", extraído de su libro de artista en una fusión de narrativa, canto, poesía y expresión plástica.

19.00 h - Maru Di Pace, interpreta el arpa con otros elementos sonoros, en una música improvisada. Como las líneas de un texto que se van escribiendo en las cuerdas del arpa.

20.00 h ? Cierre de jornada

La Oficina Postal de Ilde estará disponible durante todo el día: una propuesta de mail-art, con el sello especial de 23 de abril, para enviar postales desde la Plaza de los Libros Imaginados a otros autores de otros lugares del mundo.

El programa radio "Zibaldone" de Radio Contrabanda 91.4 FM Barcelona, hará un seguimiento del Festival a través de entrevistas y conexiones en directo con el programa del viernes 23 de abril de 2010, a cargo de Roberto Fenocchio.

En la Plaza, junto con los libros de artistas y editores, podrán verse los libros de:

- "Taller Perill", Barcelona: "Ediciones de los sueños" y los catálogos de "Joyas Sensacionales".
- "Taller Leñateros", Chiapas, México: la antigua tradición maya.
- "Atelier La Manica Lunga Officina Creativa", Fondazione Sospiro, Cremona, Italia, con el libro colectivo "Mostro Meraviglia".
- "Escuela de Educación Especial Gavina", Barcelona: una edición diminuta ilustrada por sus alumnos.
- "Scuola Internazionale di Grafica", curso de libro de artista, Venecia, Italia: libros de autores diferentes inspirados en el tema del Festival.
- "Escola Massana", curso de libro de artista y libro objeto 2009-2010, Barcelona: "Artist?s Book Corner", apuntes de un taller de libros y libros de los autores participantes.
- Taller de grabado del "Trac", Escuela de Arte, Barcelona: libros de los autores participantes y de los profesores de la Escuela.
- "Asherville BookWorks", Asheville, North Carolina, EE.UU.: selección de obras procedentes del centro artístico norteamericano.
- "Senso Unico Editions", Casablanca, Marocco: preciosos libros de arte y de viaje.
- "Edition 8x8", Hamburgo, Alemania: libros para ser construidos, libros ilustrados pop-up.
- Ediciones "Homeprint", Feilding, New Zealand: ediciones realizadas con técnicas de impresión y objetos varios.
- "Red Trillium Presse", Florence, MA, EE.UU. y el libro por el fotografo Eduardo Hernandez Santos "El muro": reportage sobre la lucha contra la discriminación homosexual en La Habana.
- "Redfoxpress", Ireland: el trabajo de un editor-eremita.
- "Consulta, libri e progetti" edizioni, Reggio Emilia, Italia: pequeñas ediciones ilustradas y fotograficas. "Sponde opposte", imágenes fotograficas mediterraneas de Guido Giannini y Elisa Pellacani.
- "Il filo di Partenope, editori artigiani", Napoli, Italia: tirajes limitados artesanales con grabados originales de diferentes autores.
- "Edizioni Artestampa", Modena, Italia: libros de arte ilustrados.
- "The Artists? Press", White River, Sudáfrica: las ediciones limitadas de Mark Attwood, con litografìas e impresiones manuales.
- "Antic-Ham", Seoul, Corea del Sur: la colaboración entre pequeños editores para una colección "de autor".
- "EL.TA." asociación, Barcelona, y su revista con grabados originales "Imprevista" n°1.

Organiza:
"Ilde" (I libri de?), artistas del libro asociados, Barcelona
y "Consulta, libri e progetti" edizioni, Reggio Emilia (Italia)

Con la colaboración de:
Centre Cìvic Pati Llimona, Barcelona
"Loring Art", librería de libros de arte, Barcelona
"Argot", librería, Castelló
 

Un passeggio nella casa dei libri

Edizioni Consulta  2010-03-29 

arte 

esposizioni 

Un passeggio nella casa dei libri

Un libro piccolo, a forma di casa, che si apre come un pieghevole per quaranta pagine, stampate in quadricromia ma poi rilegate a mano, come manuale è anche la stampa delle copertine, in colori diversi e un titolo pazientemente composto con caratteri mobili tipografici. Si chiama "Artist?s book corner" e l?hanno realizzato i partecipanti al corso semestrale della Escola Massana di Barcelona di libro d?artista, coordinati da Elisa Pellacani che ha voluto raccogliere in un libro giocoso ma denso di rarità editoriali e originali prototipi realizzati durante il corso, una serie di riflessioni sul "fare libro". Così il libro si apre e si sviluppa come a raccontare il passeggio attraverso una serie di stanze infinite, come infinite sono le possibilità che sembrano essere favorite dalla realizzazione artigianale di libri e che Pellacani ha visto usare dagli autori che durante solo sei mesi hanno saputo interpretare e dare corpo a tematiche proposte o libere per creare libri a volte unici a volte già in piccole serie pronte per la diffusione.
"Artist?s book corner", con un affiatato lavoro di gruppo nei rinnovati spazi dell?Atelier d?incisione della Escola Massana, è stato montato dagli stessi autori in una tiratura di 250 copie, nella convinzione che sia proprio del libro il fattore di fruibilità ma anche di diffusione dell?operare artistico. La stessa Pellacani l?ha presentato a Venezia, nella bella e antica Scuola Internazionale di Grafica, che da oltre vent?anni lavora al tema del libro come risultato della ricerca artistica. L?occasione, oltre che per iniziare un sodalizio spirituale tra i due centri d?arte, è servita anche per esporre nella stessa scuola di Venezia la passata edizione del Festival di libri d?artista dell?associazione Ilde, "Imagine book", di cui si sta preparando la prossima edizione, che come ogni anno si presenterà nel giorno di San Giorgio e a cui, quest?anno, la Scuola di Venezia ha mostrato il proprio interesse partecipando attivamente con la realizzazione di diversi libri ispirati al nuovo tema "Human book". Intanto, nella Escola Massana di Barcellona i libri e le edizioni che in "Artist?s book corner" illustrano un percorso fantasioso e ricco nelle modalità, sono stati esposti "dal vivo", nella mostra che i partecipanti hanno allestito a conclusione del semestre negli spazi dell?Escola Massana.
Il libro-casa è già in diffusione in alcune librerie di Barcellona (Loring Art, Les Punxes) e fuori città (Argot, Castello), come è possibile richiederlo all?editore (edizioniconsulta@virgilio.it); in occasione della Feria del libro d?arte che si sta organizzando per la sua prima edizione presso il Centro Santa Mònica, e che inaugurerà durante il giorno di Sant Jordi, "Artist?s book corner" sarà presente insieme ad altre piccole tirature di "Consulta, libri e progetti", tra cui due nuovi mini-libri della collezione "Plegaditos e caffè" (uno firmato dall?illustratore Fidel Pereiro e l?altro da un riconosciuto maestro della Scuola del Comix, Giuseppe Camuncoli), insieme alla serie "Imaginables", che annovera, fresco di stampa e rilegatura, il circense ?Le funambole? di Barbara Hellin.
 

Preparativi 3er Festival del libro d'artista

Elisa Pellacani  2010-03-29 

arte 

esposizioni 

Preparativi per il terzo Festival del libro d?artista dell'Associazione Ilde

di Elisa Pellacani



Il terzo Festival del libro d?artista e delle piccole edizioni, organizzato dall?Associazione culturale Ilde, si sta preparando per la presentazione, che avverrà il giorno di Sant Jordi (23 d?aprile), giorno per eccellenza dedicato al libro e alla lettura, nella gotica Plaza San Just. Denominata già dal 2008 "Piazza dei libri immaginati".

La Piazza, grazie alla collaborazione con il Centro Civico Pati Limona e alla presenza di artisti e artigiani del libro, ospiterà il nutrito numero di edizioni che sono arrivate negli ultimi mesi all?Associazione da tutte le parti del mondo: Europa, America, Argentina, Mexico, Sud Corea.

Si tratta di un corpus importante (le partecipazioni quest?anno ammontano a oltre duecento) formato da pezzi unici e protoitpi d?artista, con diverse piccole edizioni che testimoniano appertenenze artistiche e culturali molto diverse tra loro.

Come ogni anno, il Festival di Ilde anche in quest?edizione è contraddistinto da un filone, che vorrebbe aprire uno spiraglio di ricerca sulla realizzazione editoriale, e che darà vita a un libro, editato per i tipi dell?italiana "Consulta, libri e progetti", che si avvale di testi di professionisti e studiosi accanto a una selezione delle opere giunte all?Associazione. Dopo "Print a book" e lo scorso "Imagine book", quest?anno il Festival è dedicato al libro ? e alla sempre più diffusa elaborazione di edizioni in forma artigianale o autoprodotta ? come necessità espressiva e in primo luogo personale dell?essere umano di raccontarsi. Così, "Human book" raccoglie una porzione spesso poco diffusa nelle librerie di Barcellona, di ateliers e case editrici che danno vita a libri spesso connotati dall?eredità culturale a cui appartengono, come il caso del Taller Leñateros in Mexico, o delle raffinatissime produzioni tedesche e del nord Europa.

Hanno aderito all?evento editori e operatori culturali che del libro hanno fatto strumento per cause ideali o sociali, come l?Atelier Manica Lunga della Fondazione Sospiro che lavora con malati psichici, o la Trillium Presse, con un libro fotografico di denuncia sulla condizione omosessuale in Havana.

Poi ci sono i libri piccoli e da leggere con lente d?ingrandimento della Escola Gravina di Barcellona, e i libri personali di tanti autori che attraverso procedimenti che ricordano quelli editoriali hanno dato vita ad oggetti unici e suggestivi giocando coi più diversi materiali. Il libro "Human book" si presenterà lo stesso 23 aprile nella Piazza dei libri immaginati, che aprirà ufficialmente il festival ai visitatori alle ore 12 per continuare fino a sera, con interventi ludici e teatrali inerenti all?universo-libro, tra cui la macchina spettacolare che il collettivo "Antigua i barbuda" ha costruito per la giornata, composta di macchine da scrivere dalle quali usciranno testi?..in forma di segnali di fumo.

Il festival verrà allestito dal lunedì successivo al giorno di Sant Jordi nella libreria Loring Art (c/Gravina, Bcn), che lo ospiterà fino al sabato seguente per dar modo al pubblico di approffitare di tante primizie editoriali con più tempo.

Il Centro Civico Pati Llimona, come ogni anno, ospiterà nelle sue sale "Human Book?" a maggio, mentre già altre mete lungo il Mediterraneo accoglieranno parte del Festival nei mesi prossimi.
 

Atopía

RF Web Cccb Bcn  2010-03-25 

arte 

architettura 

Atopía
Art i ciutat al segle XXI
Curatori: Josep Ramoneda e Iván de la Nuez
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Dal 25 febbraio al 24 maggio 2010

"Agotadas las tentativas posmodernas, fracasado el intento de prolongar el dogmatismo de las vanguardias a través de la estéril sustitución del arte por los procesos ideológicos, en la primera década del siglo XXI el arte en cierto modo ha vuelto a si mismo. Han vuelto las ideas estéticas, ha vuelto la emoción y lo han hecho por la vía de una experiencia: el malestar urbano".
Josep Ramoneda
"Art i ciutat al segle XXI" presenta 168 opere (quadri, sculture, fotografie, vídeo e istallazioni) di 41 artisti contemporanei (Sergio Belinchón, Hicham Benohoud, Nuno Cera, Oleg Dou, Andreas Gursky, David LaChapelle, Rogelio López Cuenca, Philip-Lorca diCorcia, Thomas Ruff, Carey Young, tra gli altri) che stimolano la riflessione fra individuo e società, concentrandosi su una città che perde le proprie funzioni di spazio d'incontro e realizzazione per diventare uno spazio di perdita e fallimento.
L'Atopía è il sentimento di malessere dell'individuo di fronte alla città contemporanea che non rappresenta il paradiso sognato o promesso dall'utopia. L'esposizione analizza precisamente questo malessere, la tensione tra una città che si individualizza ? e prende vita, oltrepassando i concetti di nazione, paese, stato - e un individuo che si sta via via massificando.
Atopía non è un progetto basato sull'aspetto sociale o rivindicativo, non è un'esposizione sulla speculazione o sulla massificazione delle città, ma vuole rappresentare un'agonia più universale e, allo stesso tempo, più palpabile: il sentimento dell'individuo che sopravvive e della sua resistenza di fronte all'apoteosi urbana.
 

Objectes desclassificats

RF Web Caixa Forum Bcn  2010-03-24 

arte 

esposizioni 

Objectes desclassificats
CaixaForum Centre Social i Cultural
Av. Marquès de Comillas, 6 Bcn
Fino al 22 agosto 2010.

Gli oggetti che fanno parte della quotidianità hanno ispirato la creatività di molti artisti, dalle avanguardie d'inizio novecento fino alle correnti artistiche degli anni '60 e '70, a Fluxus e all' arte concettuale.
L'esposizione, organizzata presso il Caixa Forum di Bcn, esplora il percorso artistico che fa del quotidiano una forma d?arte, analizzando la decontestualizzazione di un oggetto considerato generalmente banale a cui l?artista dà nuova dimensione. La natura originaria degli elementi utilizzati viene scomposta e trasformata spesso in quintessenza della contemporaneità.
"Objectes desclassificats" presenta opere di artisti quali Sherrie Levine, Allan McCollum, Katharina Fritsch, Carlos Pazos, Ana Laura Aláez e Sophie Calle, che, sull'esempio di Marcel Duchamp o Andy Warhol, hanno elevato oggetti quotidiani a opere d'arte. Alcuni attraverso il riciclaggio, come Carlos Pazos, o attraverso tecniche che evidenziano la denuncia sociale, come nei lavori di Andreas Slominski.



 

Frederic Ballell. La Rambla 1907-1908

RF Web Ajuntament Bcn  2010-03-24 

arte 

esposizioni 

Frederic Ballell. La Rambla 1907-1908
La Rambla, fa un segle
Curatore: Rafael Torrella
Arxiu Fotogràfic de Barcelona
Plaça Pons i Clerch, 2,
Fino al 22 Maggio 2010

Le immagini sono spontanee, foto rubate che illustrano la vita quotidiana e la tipologia umana delle Ramblas di Barcellona negli anni che precedono la Setmana Tràgica, il boom urbanistico della prima guerra mondiale e l'apertura di Via Laietana.
Si tratta dell'esposizione "La Rambla 1907-1908" dedicata a Frederic Ballell (1864-1951), uno dei principali esponenti della prima generazione di foto-reporter catalani, che nel suo diario fotografico composto da circa 150 fotografie inedite testimonia avvenimenti e volti che popolavano l?arteria principale del centro della città in quegli anni.
Frederic Ballell (Puerto Rico, 1864-Barcelona, 1951) collaborò, nel primi vent'anni del '900, a varie riviste e pubblicazioni barcellonesi quali II.lustració Catalana e L?Esquella de la Torratxa, e di Madrid, Blanco y Negro e Abc. Nella sua attività ufficiale non si allontanò dalle convenzioni dell'illustrazione fotografica dell'epoca, ma nelle foto private del suo diario, ora in esposizione, si può apprezzare un'intensa ispirazione artistica, di chi ha saputo captare l'ambiente e l'atmosfera di quel periodo.
 

Quim Monzó

RF Web Ajuntament Bcn  2010-03-02 

cultura 

eventi 

Monzó
Curatore: Julià Guillamon
Centre d'Art Santa Mónica Bcn
La Rambla, 7
Fino all' 11 aprile 2010

Quim Monzó (Barcelona, 1952), autore di racconti e romanzi, di articoli di fondo, di reportage d'attualità sui grandi conflitti internazionali, collaboratore di programmi di radio e tv, è senza dubbio uno degli scrittori catalani più noti, anche all'estero.
L'esposizione "Monzó" si basa su un lavoro di ricerca che permette di portare alla luce aspetti poco noti della sua carriera: dalle origini familiari all'attività di reporter durante la guerra del Vietnam nel 1973, o di disegnatore di caricature e di umorista, il soggiorno a New York all'inizio degli anni '80 o l'influenza della sindrome di Touretteen sulle sue creazioni. Ne viene fuori un Quim Monzó straordinario fabulatore, osservatore minuzioso dell'età contemporanea.
 

BarnaSants 2010

Roberto Fenocchio  2010-02-25 

musica 

concerti 

Barnasants
XVº Festival de la Cançó
Dal 15 gennaio al 28 marzo 2010
Concerto Roberto Vecchioni
Sala Luz de Gas Barcelona
Giovedì 11 febbraio 2010.

Barnasants è la manifestazione che da vari anni porta avanti il discorso della canzone d?autore in Catalogna e ai Paisos Valencians.
L?edizione 2010 è senza dubbio la più importante degli ultimi anni, sia per numero partecipanti, che per durata del festival, che termina a fine marzo. Oltre agli esponenti della cançó catalana (tra cui Joan Isaac, Cesk Freixas, Quimi Portet, Gerard Quintana, Toti Soler) e della canzone d?autore in castigliano (tra cui Victor Manuel, Luís Eduardo Aute, Pedro Guerra), si sono esibiti anche cantautori sud americani ed europei.
Ospiti di riguardo il Club Tenco e la canzone d?autore italiana, ben tre infatti sono state le proposte: la giovane ma già affermata Maria Pierantoni Guia, Gian Maria Testa e Roberto Vecchioni. L?edizione di quest?anno ha infatti stretto ulteriormente i vincoli fra il Club Tenco, che dopo oltre trent?anni di attività è la manifestazione europea più importante del settore e Barnasants.
Fin dagli ?70 il Club Tenco ha presentato i grandi nomi della Cançó catalana e Joan Manel Serrat, Lluís Llach, María del Mar Bonet, Quico Pi de la Serra, Joan Isaac, sono stati più volte ospiti a San Remo; c'è quindi un solido e affettuoso rapporto tra le due manifestazioni. In particolare BarnaSants guarda al Club Tenco come esempio da seguire nella presentazione e diffusione della musica d'autore a livello europeo.
Nell'edizione di quest'anno infatti BarnaSants ha assegnato al Club Tenco il Premio per l'intensa attività di divulgazione culturale e a Roberto Vecchioni è stato assegnato il Premio alla carriera di cantautore significativo della canzone d?autore italiana.
I concerti di Maria Pierantoni Guia, Gian Maria Testa e Roberto Vecchioni hanno concentrato alla Sala Luz de Gas di Bcn un pubblico selezionato e attento, parecchi gli italiani, ma erano presenti anche gli addetti ai lavori dei vari media di Bcn, tra cui TV3 e Barcelona TV.
Gian Maria Testa ha creato un'atmosfera intima e delicata con le sue canzoni più note e ha presentato il suo ultimo lavoro "Solo - dal vivo", confermando la sua verve di delizioso narratore di sogni.
Il piatto forte della partecipazione italiana era però Roberto Vecchioni, il cui concerto, come ha anticipato nella conferenza stampa, è stato un baule pieno di sorprese: la prima, la presenza di Patrizio Fariselli al piano che ha iniziato la serata con un pezzo targato Lennon Mc Cartney in chiave jazz, delizioso, al contrabbasso Paolo Dalla Porta in spolvero. Appare Vecchioni che ringrazia gli organizzatori di BarnaSants per il premio concessogli e introduce la prima canzone, imbraccia la chitarra ed è protagonista di un clamoroso capitombolo, come abbattuto da un jeb (in linguaggio pugilistico sta per gancio, n.d.r.) immaginario che ha visto e incassato solo lui.
Cercava il plettro, dal pubblico gli urlano che dev?essere caduto nei pressi del leggio e all?abbassar il melone, come direbbe Diego A., è arrivato il jeb. K.O. tecnico prima di iniziare, un vero portento di clownesca simpatia, anche se nettamente fuori programma. È andato a gambe levate, come si suol dire e io temevo che riazaldosi avrebbe cozzato, sempre col melone, sul piano di Fariselli: fortunatamente l?ha schivato. Ma è tornato su con un brio da trentenne e ha cominciato a proporre le sue cartoline con assoluto mestiere. Un po? giggione, come solo chi si sente fra amici ama essere. Ma tenero, molto tenero. In circa 2 ore di concerto ha mantenuto le sorprese promesse, infilando in scaletta veramente un po? di tutto: dall?inizio blues, ben condotto da Fariselli, alle letture poetiche teneramente personalizzate di Orazio, Marc?Aurelio e Pessoa, ai commenti sempre molto appassionati che spesso sfociano in digressioni aneddotiche di introduzione alle canzoni.
Di veri classici soltanto un paio: una ancora coinvolgente Figlia, una deliziosa Viola d?inverno e al termine Samarcanda, in versione un po? western, da dopo Tenco, per intenderci. Io attendevo anche Velasquez, ma probabilmente non era serata.
È pure riuscito a proporre un canto della poetessa Saffo in greco antico e la presenza di Fariselli ha fatto ricordare a più d?uno/a l?ombra feconda ma ahimè lontana di Demetrio Stratos.
Grazie Roberto.
 

Asociaciones Vecinales

Steven Forti  2010-02-15 

cultura 

costumi 

Asociaciones Vecinales
Un?altra memoria della società catalana.

di Steven Forti


Nell?autunno del 2009 si è inaugurato al Museu d?Història de la Ciutat di Barcellona un?esposizione dedicata alle asociaciones vecinales della capitale catalana. Asociaciones vecinales potrebbe tradursi in italiano come associazioni di quartiere. La mostra fa parte di un progetto di ben altre dimensioni, che include una mostra parallela a Madrid, dedicata alle asociaciones vecinales della metropoli castigliana, e una serie di progetti di ricerca e di recupero della memoria storica di questo importante pezzo della società catalana e spagnola della seconda metà del Novecento, che sovente è stato ignorato e dimenticato. Le asociaciones vecinales, difatti, giocarono un ruolo decisivo tanto a livello sociale quanto a livello politico nelle grandi città della penisola iberica tra la fine degli anni cinquanta e l?inizio degli anni ottanta. Un periodo chiave per capire la Spagna attuale, che, dopo una transizione alla democrazia definita ormai ovunque come un modello, ma che in realtà ha lasciato molte questioni irrisolte, sta poco a poco cercando di recuperare la memoria del proprio passato.
Nei prossimi mesi la mostra Barcelona-Madrid 40 anys d?acció veïnal. Història de dues ciutats i de les lluites urbanes que han forjat el present dels seus barris diverrà itinerante nei vari quartieri di Barcellona. La mostra, organizzata dalle federacions veïnals di Barcellona (FAVB) e Madrid (FRAVM), propone un percorso attraverso i diversi ambiti di lotta e rivendicazione delle associazioni di quartiere, dalla dittatura franchista all?attualità.. Ci sembra interessante introdurre questa mostra con un breve testo di un giovane ricercatore in storia contemporanea dell?Universitat Autònoma de Barcelona, Ivan Bordetas Jiménez, che sta studiando da alcuni anni la storia delle asociaciones vecinales barcellonesi. Ivan Bordetas ha partecipato recentemente con altri storici del CEFID (Pere Ysàs, Carme Molinero, Xavier Doménech, Anna Sánchez, Nadia Varo, Ricard Martínez) anche a un importante lavoro sulla storia del movimiento vecinal della Ciudad Condal, che vedrà presto la luce.

La pagina web della mostra: http://www.memoriaveinal.org/
 

Dossier Asociaciones Vecinales

Iván Jiménez Bordeta  2010-02-15 

cultura 

costumi 

Recetario de movimientos sociales: el surgimiento del movimiento vecinal

El sociólogo Manuel Castells definía el movimiento vecinal español de los setenta como el ?movimiento urbano más extendido y significativo en Europa desde 1945?. Esta afirmación se producía a principios de la década de los ochenta, precisamente en uno de los momentos más críticos de este movimiento social, aquejado de una deserción de militantes, cuadros y activistas, desorientado por su difícil y contradictorio encaje en el recién estrenado régimen democrático y relegado a un segundo plano por lo que al estudio de los movimiento sociales se trataba. Pero esto no había sido siempre así sino que, como quería reconocer Castells, el potente movimiento social surgido en los centros urbanos de los últimos años del franquismo se había ganado, poco tiempo antes, un puesto de honor, emparejado con los movimientos obrero y estudiantil, en las estrategias y tácticas políticas de los partidos y grupos antifranquistas, en las páginas de los diarios, en los temores de los últimos representantes de la clase política franquista y, en parte, en las peores pesadillas de los responsables empresariales del caótico crecimiento urbano de aquellos años.
Pues bien, la historia que se va a esbozar no se refiere a ninguna de estas dos diferentes etapas del movimiento vecinal, sino a aquel período previo en que se combinaron todos aquellos factores que consideramos que operan en su surgimiento. La dificultad del análisis de un proceso histórico tan complejo, y tan poco estudiado, como el del nacimiento de un movimiento social en un régimen dictatorial aconseja que el limite temporal se sitúe en los primeros años setenta, en el momento en el que el movimiento vecinal toma carta de naturaleza y podemos darlo por nacido: reconociendo su cuerpo, observando sus primeros pasos y hasta percibiendo un balbuceo que, de pronto, se convierte en habla inteligible.
Así pues, este relato no debería ser un compendio de conflictos resueltos exitosamente o una historia de grandes victorias arrancadas a un franquismo asediado pero firme, ni tampoco un oscuro relato de traiciones políticas o un edulcorado elogio de la definitiva superación de las ?dos Españas? mediante el consenso ?como a veces se infiere de la literatura dedicada a estas cuestiones?, aunque de lo que no hay duda es de lo que debería ser: una historia del franquismo y del antifranquismo.
Debería ser una historia del franquismo porque fue durante el régimen dictatorial cuando se fraguó el movimiento vecinal y porque es en las características del crecimiento urbano de posguerra y de los años del desarrollo donde se deben situar las raíces del mismo, en el lastre de miseria y pobreza de los años cuarenta y en las contradicciones del ?milagro español? de los sesenta. Pero no sólo a modo de contexto estático se deberían tratar estas cuestiones, sino que el objetivo de ello sería trazar unas líneas interpretativas que permitieran fijar los principales protagonistas en el escenario en que actuaron ?en el marco urbano? y como éste evolucionó haciéndose más extenso y complejo pero manteniendo el mismo pobre atrezzo de deficientes infraestructuras y servicios y escasos o inexistentes equipamientos colectivos, elementos que en su conjunto cargaron de razones a unos vecinos que, casi al final de este proceso, dirían basta.
Por ello, sería necesario hacer referencia al modelo de desarrollo urbano de estos largos años, de una primera etapa de desidia frente al caótico crecimiento de las ciudades ?barraquismo, autoconstrucción, inexistencia de servicios e infraestructuras urbanas? que contrasta, entre otras consideraciones, con la retórica de justicia social y con las políticas represivas con respecto a las migraciones, a una segunda, ya a finales de los cincuenta y especialmente en los sesenta, de entrega de la ciudad a las manos del negocio especulativo del suelo que no haría sino multiplicar el caos urbano. En este sentido, deberíamos hablar de la configuración de una ciudad que, en realidad, eran dos: la ciudad residencial, la de los vencedores y la que no era objeto de grandes operaciones urbanas y, la otra, la no ciudad, la de los perdedores y sus hijos, catalanes e inmigrantes del resto del estado, el extenso suburbio que rodea la urbe y se desarrolla también en su interior a base de barracas, casas autoconstruidas o realquilados y al que, rápidamente, se sumarían también los barrios formados por monótonos polígonos de vivienda, igualmente carentes de equipamientos, servicios e infraestructuras. Una ciudad que, por otra parte, también estaba segregada socialmente, donde se desatendían las necesidades básicas de sus habitantes pero donde se producían fabulosas oportunidades para un negocio privado y especulativo del que las autoridades políticas no eran ajenas.
Pero como se decía más arriba ésta debería ser también una historia del antifranquismo, del proceso que lleva a la constitución de un movimiento social que tiene, ya en sus orígenes, elementos de desafección y oposición al régimen dictatorial. Pero no sólo porque participaban en él militantes de los partidos antifranquistas, sino porque la propia acción y constitución del movimiento suponía un desafío al ordenamiento franquista, por su actuación y organización autónoma, al margen de los mecanismos ideados para canalizar el asociacionismo vecinal, familiar dirían los franquistas, y por el planteamiento de acciones que sobrepasaban los estrechos marcos existentes de interrelación entre gobernantes y gobernados. Esta sería, pues, la historia de cómo se construye un movimiento social que pasaría de la simple petición de escuelas o semáforos a la directa deslegitimación del régimen franquista, a la conquista del espacio público por excelencia, a la reapropiación de la calle. Como decimos, nos quedaríamos aquí en los primeros pasos, en la petición que a veces se torna en exigencia y reivindicación pero que ya estaba preñada de un desapego con respecto unas autoridades sordas a las más básicas necesidades de la población.
Asimismo, se debería hablar, en cuanto que entronca con el surgimiento del movimiento vecinal, de aquellos párrocos, consiliarios de movimientos apostólicos o asistentes sociales que, frente a las durísimas condiciones de vida en los suburbios, pasarían de unas actitudes paternalistas al ejercicio de una solidaridad activa, contribuyendo con ello tanto a la organización autónoma de una población desheredada como a la generación de una conciencia crítica con respecto los causantes de tal desatención. También se tratarían aquellas formas organizativas que, aunque surgidas a iniciativa de las autoridades ?Centros Sociales, Asociaciones de Cabezas de Familia o algunas Asociaciones de Vecinos?, pudieron evolucionar hacia la generación de esa misma conciencia crítica y tendente a la acción colectiva. Por último, se debería atender a la actuación de los grupos políticos antifranquistas en el espacio barrio y a su contribución a la creación de formas organizativas y estructuras de movilización que planteaban la acción vecinal ?o aquello que después sería la acción vecinal? como su eje de actuación. De la misma manera, se debería prestar atención a la estructuración del discurso de estas formas organizativas ?principalmente las Comisiones Obreras Juveniles, las Comisiones Obreras de Barrio y las Comisiones de Barrio? en cuanto entendemos que fijan muchos de los elementos identitarios que después se encontrarían en la acción vecinal: la idea de una doble explotación y marginación, en la fábrica y en el barrio, por el estado franquista y por la burguesía capitalista.
Por último, a modo de conclusión y recapitulación de todos los elementos tratados anteriormente, el análisis del proceso constitutivo de las primeras asociaciones de barrio y de las primeras acciones que emprenden estas Asociaciones de Vecinos resultaría un elemento central de esta historia. Esta investigación se cerraría en un momento indeterminado de los primeros años setenta, momento en que consideramos que el movimiento vecinal ya está definido, aunque no esté presente en toda la ciudad ni tan siquiera tenga las características de masificación, complejidad y radicalidad de los años siguientes. Así pues, simplemente se trataría de intentar analizar todo el cúmulo de factores y elementos que se combinarían para su aparición, matizando algunos lugares comunes en la historiografía, reforzando algunos, introduciendo otros.
 

Libros de artista

Elisa Pellacani  2010-02-15 

arte 

esposizioni 

Libros de Artista
En la Asociaciòn Ceramistes Catalunya

La Asociacion Ceramistes Catalunya ha organizado una exposicion dedicada al libro de artista. El espacio de c/ Doctor Dou acogió del 12 de enero al 29 de Enero una colectiva donde el libro, en sus varias formas, es soporte e inspiración. Los ceramistas invitados han creado para la ocasión piezas únicas donde las páginas, las letras, el papel que normalmente es parte del concepto ?libro? juegan con el barro, con el material tactil y tridimensional de la porcelana y de la cerámica. Los libros en exposición son entonces libros frágiles, que a veces traspasan el concepto más habitual de libro como objeto para ser leído, proponiendo el aspecto más tactil y sugerente de la materia a través de la cual los artistas expresan sentimientos o cuentan historias. Los ceramistas de la exposicion, junto con unos artistas que han trabajado desde Nápoles y otras partes, son: Mercè Coma, Núria Soley, Teresa Gironès, Mercè Mir, M. Teresa Capeta, Mila Cristóbal, Macu Jordà, Carme Riu de Martín, Marlene Vite, Mercè Tiana, Esther Ramos, Rosa M. Viadé, Teresa Elias y Elisa Pellacani, Lola Gratacós, Lina Marigliano, Carla Viparelli, Renata Petti.
La exposición, que se ha realizado con la colaboración de la Asociacion cultural Ilde que desde Barcelona se ocupa de crear puntos de encuentro para autores y creativos que trabajan sobre el concepto editorial, presenta a lado de los ?libros cerámicos? una selección del último Festival al cuidado de la ilustradora y editora Elisa Pellacani, que Ilde dedica cada año al libro de artista y a las pequeñas ediciones, presentándolo durante el día de San Jordi en La Plaza de los libros Imaginados (San Just), cuya última edición se titulaba ?Immagine book". Son libros diferentes tanto per sus contenidos como por su realización, usando los materiales más diferentes y reuniendo obras de autores internacionales, entre ellos: Anna Baldi, Ariadna Goberna, Alessandra Ceccarelli, Anna Bartoli, Beatrice Palazzetti, Dario Zeruto, Eduard Sola, Emilia Huguet, Fátima Tocornal, Irene Caroni, Fidel Pereiro, Gisselle Morales, Graciela Parramon, Lia Malfermoni, Loretta Cappanera, Emilio Sdun y la Prensa Cicuta, Lucia Sforza, Maite Caballero Arrieta, Marco Menozzi, Morena Coppola, Nayat Kaid Ferron, Pier Paola Canè, Vinka Grbic, Roser Lopez Monsó, Sofia Piqueras, Marta Flor, Carmen García de Mora, Jesús Tejedor, Carlos Alguacil, Gloria Royo, Ana Abascal, Nani Tedeschi, Taller Vostok, Les editions de l?heure, Sergio Grispello, Maria Jesús Alvarez Ollé, Guido Correa Murillo, Isabela Méndez, Gaia Guarino, Edizioni Il filo di Partenope, Joan Bricollé Sánchez, Laia Borrell Sorroche, Inmaculada Subira, Eliza Neves Marx, Verónica Alarcón Ibañez, Carme Riu de Martín, Ariadna Escursell Peris, Juan Fernández Argenta, Patricia Soto Avendano, Liceo Artístico ?Ripetta? de Roma (Ediciones Orolontano), Rino Sorrentino, Judy McCaig, La Cueva de Graphos.
La Asociación Ilde está recogiendo las inscripciones para la próxima edición del Festival de los libros de artistas, que este año estará dedicado al libro como símbolo y necesidad del humano (?Human book?), y para participar es preciso inscribirse a info@ilde.info.

Libros de Artista
Del 12 de enero al 29 de enero de 2010
En la Associació Ceramistes de Catalunya
C/ Doctor Dou, 7 baixos 1°
08001 Barcelona
Contactos: ACC Tel: 93 317 69 06 www.ceramistescat.org
Asociación Cultural Ilde info@ilde.info
 

Gioiellieri pericolosi

Elisa Pellacani  2009-12-03 

arte 

esposizioni 

Lo lejano/lo cercano
El lavadero
Taller di gioie
c/ Sant Rafael, 14, Raval, Bcn
Fino al 18 dicembre 2009
dalle 12 alle 14 e dalle 18 alle 20:30

Il gruppo di artisti del gioiello coordinati da Silvia Walz e riuniti nel Taller Perill di Gracia presentano le loro ultime collezioni. Gioielli unici di: Alicia Giraldez, Elisa Pellacani, Eva Girbes, Xus Angles, Fatima Tocornal, Gisselle Morales, Lola Gratacos, Isabel Herrera, Auba Pont, Lourdes Carmelo, Maribel Moreno, Montserrat Lacomba, Nicole Deuster, Rosa Nogues, Stephanie Barbie.

Gioiellieri pericolosi
Ha recentemente inaugurato nel suggestivo spazio in calle Sant Rafael (laterale di Rambla del Raval, proprio dove sorge il nuovo e discusso Hotel iper-moderno) l?ultima serie di gioielli contemporanei prodotti nel Taller Perill di Gracia (calle Perill, 41, metro Diagonal) sotto l?esperta e consolidata guida di Silvia Walz, docente di arti orafe e riconosciuta artista del settore. I pezzi, rigorosamente unici, sono stati realizzati seguendo la tematica "Lo lejano/lo cercano" ("Il lontano/il vicino"), esprimendo quindi, con grande pluralità di tecniche e linguaggi, l?opposizione dei due concetti. I gioiellieri del gruppo sperimentano metodi innovativi e al limite della linea che separa la gioielleria dall?arte plastica in dimensioni ridotte e portabili: gioielli con ceramica e porcellana, gioielli con tessuti, gioielli che sono piccole sculture e a volte giochi di equilibri e materiali. La nuova serie di gioielli è stata presentata ne "El lavadero" ("La lavanderia"), taller di gioie gestito da Isabel Herrera e che, come ricorda il nome, era anticamente una lavanderia dove le donne del quartiere si riunivano e, come secondo tradizione, lavando i panni si scambiavano pettegolezzi, risa, insomma le chiacchiere che potessero dare al lavoro connotazione di piacevole svago. Il ricordo non appariene a tempi tanto remoti, come ha sottolineato una signora in visita alla mostra che ancora ha negli occhi l?immagine della madre che qui veniva a lavare i panni di casa, "sempre nella stessa acqua", forse per un problema di tubature, forse perché i tempi non permettavano uno spreco di risorse. El lavadero è a tutt?oggi ? e grazie al lavoro di Isabel Herrera ? uno spazio fuori dal tempo arredato con oggetti strani e d?epoca che attrae i visitatori e i turisti che cominciano ad avventurarsi per questa parte del Barrio Xino, fino a pochissimi anni or sono considerato zona off limits per il turismo e per la stessa gente di Barcellona vista la diffusa prostituzione e "mala vita" presente nelle strade circostanti nonostante l?impegno sempre più pressante della polizia. Spazioso, con un soppalco teatrale e una quantità di dettagli di sapore storico, El lavadero ha aperto così ufficialmente le sue porte presentando un nuovo aspetto di sensibilizzazione e rivalutazione del tessuto urbano, e raccogliendo i commenti positivi degli abitanti della zona oltre che proponendose come luogo espositivo e d?incontro artistico.
Intanto, il gruppo "Joyas sensacionales" (così è stato denominato il gruppo di arditi gioiellieri in quanto sempre impegnati nella realizzazione di serie che abbiano un comun denominatore in tematiche o filoni), esce dal Taller Perill anche in occasione dell?apertura della Galleria di gioielli "Amber Art", che dopo il primo fortunato spazio in Banys Nous, ha inaugurato un secondo spazio nel Poble Español. Antico, con una quantità di cassetti in legno numerati e una piccola fonte al centro del bancone, Amber Art ha esposto una serie di copribottoni realizzati dai gioiellieri coordinati da Silvia Walz pensati perché anche gli uomini possano adornarsi con una piccola gioia. Il taller Perill, con la ricorrenza delle festività, ha poi organizzato due giorni di apertura al pubblico, che ha chiamato "Inlet Perill" a sottolineare l?interessante offerta, dove sarà infatti possibile acquistare pezzi a prezzo di vendita di un nutrito gruppo di artisti che gravitano attorno al taller, oltre che conoscere questo spazio, recente di nascita però che già si conferma come punto di studio e ricerca grazie all?apporto di professionisti di diverse discipline che impartono talleres e workshop.

Esposizione/vendita "Lo lejano/lo cercano": Taller El lavadero
Fino al 18 dicembre 2009, dalle 12 alle 14 e dalle 18 alle 20.30.
c/ Sant Rafael, 14, Raval.

Inlet Perill: Taller Perill
Giovedì 10 e Venerdì 11 dicembre, dalle 17 alle 21.
C/ Perill, 41, Gracia (metro Diagonal)

Amber Art, gioie contemporanee e copribottoni
Poble Español, Casa de Lluis Plandiura, Pl. De la Fuente 2
 

Terra Madre Day

Chiara Bombardi  2009-12-02 

vivere 

bere 

Terra Madre Day
Anteprima del documentario "Terra Madre"
Diretto da Ermanno Olmi
Col.legi de Periodistes de Catalunya
Rambla Catalunya 10, pral. Bcn.
Giovedì 10 dicembre 2009
Ore 19:30

Il Terra Madre Day è un?occasione per rivendicare la Terra quale autentico habitat umano, per denunciare le precarie condizioni degli agricoltori nel mondo (il 90% della popolazione che soffre la fame è rappresentato da contadini) e affinchè anche noi urbani possiamo ritornare all?armonia regolata dai cicli naturali attraverso un consumo consapevole di prodotti di stagione e quindi con più rispetto verso la terra. L?obiettivo è inoltre aumentare la consapevolezza su come il mostro modo di consumare può influire sul mercato.
A tale scopo Slow Food Barcelona-Vázquez Montalbán presenta l'anteprima del documentario "Terra Madre" diretto dal noto regista italiano Ermanno Olmi (in VO italiana con sottitoli in inglese).
Il documentario sarà presentato dal giornalista della Vanguardia di Barcellona Gustavo Xavier Mas de Xaxàs e da Gustavo Duch Guillot, ex-direttore di Veterinarios sin Fronteras e collaboratore di vari giornali e riviste.
Al termine della proiezione sarà dato spazio a un dibattito sul documentario in un locale nei pressi della sede del Col.legi de Periodistes de Catalunya.

Nel 2004 Slow Food ha creato Terra Madre, una rete di produttori, pescatori, indigeni, cuochi e giovani di tutto il mondo con l?obiettivo di dar voce, di stimolare uno scambio di informazioni e conoscenze e di presentare i risultati dei progetti realizzati in collaborazione con altre ONG e con i governi dei paesi in via di sviluppo. Ad esempio sono notevoli, sia economicamente che socialmente, i risultati raggiunti nella coltivazione del caffè delle Tierras Altas di Huehuetenango in Guatemala (che ha vinto il premio al miglior caffè del mondo) e con l?olio di Argán in Marocco, elaborato solo da donne.

Chiara Bombardi
Slow Food Barcelona-Vázquez Montalbán

Il link del documentario "Terra Madre":
http://terramadre.info/pagine/leggi.lasso?id=3E6E345B0c86d1728BPjlXF526D1&ln=en

La rete di Terra Madre:
http://www.terramadre.org/pagine/welcome.lasso?n=es

Eventi del "Terra Madre Day" programmati nel mondo: http://www.slowfood.com/terramadreday/pagine/ita/mappa.lasso

Slow Food:
www.slowfood.com
www.slowfood.es
http://slowfoodbcn.blogspot.com/
 

John Cage. L?anarquia del silenci

RF Web Macba Bcn  2009-12-01 

musica 

eventi 

L'anarquia del silenci.
John Cage i l'art experimental
Curatrice: Julia Robinson
Macba Barcelona
Fino al 10 gennaio 2009

Il suo nome è familiare, ma la sua opera è nota a pochi ed è rimasta di nicchia. John Cage (1912-1992) ha ridefinito la composizione musicale e ha cambiato il corso della storia della musica moderna del '900, ponendo le basi dell?orizzonte concettuale dell?arte del secondo dopoguerra.
Con il proposito di riflettere tale rivelante apporto a il Macba di Bcn presenta la più completa ed importante esposizione dedicata a John Cage dalla morte del compositore.
La mostra L'anarquia del silenci. John Cage i l'art experimental (l?anarchia del silenzio. John Cage e l'arte esperimentale)è un percorso nell?opera di Cage, dalle prime opere degli anni ?30, composizioni che hanno ampliato i parametri della musica di percussione inserendo strumenti poco convenzionali, agli spartiti del "piano preparato" di sua invenzione, alla sua famosa teoria del "silenzio" (la composizione 4'33"), fino all?innovatrice opera multimediatica, a cui lavorò negli anni ?60 e concluse nel 1980.
L?esposizione rivela le strategie radicali di Cage nel perfezionamento della composizione che hanno rappresentato una via rilevante agli artisti della generazione post-Pollock. In un momento in cui la pittura moderna e il soggettivismo cessavano di essere formule abbordabili della pratica artistica, Cage impartiva lezioni di composizione sperimentale a una nuova generazione di artisti presso New School for Social Research di New York (1956-1960).
Molti degli alunni di Cage sarebbero divenuti i protagonisti delle nuove avanguardie, da Fluxus all?arte concettuale.
Le registrazioni dei suoni, i film, le musiche e i documentari rendono l?idea della straordinaria ripercussione delle innovazioni concettuali e teoriche di Cage e la mostra presenta anche una parte dell?opera che il compositore ha portato a termine in collaborazione con altri artisti quali Marcel Duchamp, Rauschenberg, Warhol o Robert Morris.
 

No Berlusconi Day a Bcn

Altra Italia Bcn  2009-12-01 

cultura 

eventi 

No Berlusconi Day
Sabato 5 dicembre 2009
Portal de l'Angel
Plaça Catalunya Bcn
ore 16.00

In appoggio alla manifestazione nazionale di Roma, promossa da un comitato nato su Facebook per iniziativa di un gruppo di blogger, anche a Barcellona si terrà il No Berlusconi Day per chiedere a gran voce le dimissioni del Presidente del Consiglio.

A noi non interessa cosa accade se si dimette Berlusconi e riteniamo che il finto "fair play" di alcuni settori dell?opposizione, costituisca un atto di omissione di soccorso alla nostra democrazia del quale risponderanno, eventualmente, davanti agli elettori.
Quello che sappiamo è che Berlusconi costituisce una gravissima anomalia nel quadro delle democrazie occidentali - come ribadito in questi giorni dalla stampa estera che definisce la nostra "una dittatura" - e che lì non dovrebbe starci, anzi lì non sarebbe nemmeno dovuto arrivarci: cosa che peraltro sa benissimo anche lui e infatti forza leggi e Costituzione come nel caso dell?ex Lodo Alfano e si appresta a compiere una ulteriore stretta autoritaria come dimostrano i suoi ultimi proclami di Benevento.
Non possiamo più rimanere inerti di fronte alle iniziative di un uomo che tiene il Paese in ostaggio da oltre 15 anni e la cui concezione proprietaria dello Stato lo rende ostile verso ogni forma di libera espressione come testimoniano gli attacchi selvaggi alla stampa libera, alla satira, alla Rete degli ultimi mesi. Non possiamo più rimanere inerti di fronte alla spregiudicatezza di un uomo su cui gravano le pesanti ombre di un recente passato legato alla ferocia mafiosa, dei suoi rapporti con mafiosi del calibro di Vittorio Mangano o di condannati per concorso esterno in associazione mafiosa come Marcello Dell?Utri.
Deve dimettersi e difendersi, come ogni cittadino, davanti ai Tribunali della Repubblica per le accuse che gli vengono rivolte.

Hay que salvar Italia, hay que salvar la democracia.
Pedimos las dimisiones de Berlusconi

Todavía no sabemos lo que va a pasar después de la dimision del Primer Ministro Silvio Berlusconi. Lo que sabemos ahora es que no nos gusta el "juego" que están conduciendo algunos miembros de la oposición, algo que seguramente los electores tendran en cuenta en las proximas elecciones y que no ayuda a la "salud" de nuesto país. Para nosotros Silvio Berlusconi representa una anomalía dentro de las democracias occidentales ? como opina también la prensa extranjera, que ha hablado de este gobierno como de una "dictadura" ? además el no tendría que ocupar este lugar y tampoco hubiera tenido que llegar hasta allí: el se entera perfectamente de este tema y por eso procura de cambiar la ley y la Constitución.
No podemos aguantar más este hombre al gobierno de nuestro país desde más de 15 años, un hombre que vee el estado como si fuera su impresa y que va contra de cuaquier forma de expresión libre: prensa, sátira y la red. No podemos más estar quietos delante de un jefe de Estado que ha intratenido relaciónes con la mafia y con personas que pertenecen a ella como Vittorio Mangano o Marcello Dell?Utri, este último acusado de fraude fiscal y implicado en algunos escándalos mafiosos.
Nuestro primer Ministro tiene que renunciar a su encargo y aparecer delante de un juez como cualquier ciutadano.
 

La Perona 1980-89

RF Web Ajuntament Bcn  2009-12-01 

arte 

esposizioni 

La Perona 1980-89
Mostra fotografica di Esteve Lucerón
Col·legi de Periodistes de Catalunya
Fino al 31 dicembre 2009

Il Col·legi de Periodistes presenta la mostra fotografica "La Perona 1980-89", che ripercorre la quotidianita di questo quartiere di baracche sopravvissuto fino al 1989, vent?anni fa.
Le fotografie di Esteve Lucerón raccontano la vita nella Perona dell?ultimo periodo, tra il 1980 e il 1989, anno in cui i baraccati furono demoliti.
Le baracche della Perona sono un esempio della segregazione sociale ereditata dal franchismo, che esiste ancora negli anni della "transición", ed è eliminato tardissimo in pieno periodo democratico.
La mostra è stata allestita grazie all?intenso lavoro di revisione dei fondi documentali del Sindicat de la Imatge (Upfc), a cui appartiene Esteve Lucerón.
 

Manifestazione in favore della libertà di espressione

RF Associazione L'Altra Italia Bcn  2009-10-15 

cultura 

eventi 

Manifestazione in favore della libertà di espressione
Portal de l?Àngel
Plaça Catalunya
Barcellona
3 ottobre 2009.

Anche gli italiani di Barcellona sono scesi in piazza sabato 3 ottobre per sostenere la manifestazione organizzata dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana (FNSI) per la libertà d?espressione.
L?associazione culturale Altra Italia di Bcn, ha infatti organizzato un presidio democratico per la libertà d?informazione, nello stesso giorno della grande manifestazione di Piazza del Popolo a Roma.
L'evento si è svolto, dalle 10 alle 14, in Portal de l?Àngel, nei pressi di Plaça Catalunya, in pieno centro a Barcellona ed è stato un momento di incontro e confronto per i numerosi italiani residenti.
Ecco il testo del comunicato del Facebook Movimento per la Sinistra di Barcellona:
In questi giorni gli italiani stanno vivendo il più grave attacco che si ricordi ai fondamenti democratici della nazione: una pesantissima campagna contro l?informazione e la stampa "non di regime" da parte del presidente del consiglio. Dopo i famosi "decreti bulgari" di qualche anno fa, quando epurò dalla RAI vari giornalisti prestigiosi che avevano cominciato ad alzare la voce contro la sua deriva fuorilegge, Berlusconi oggi colpisce duro tutta la stampa che non controlla e che osa questionare e stigmatizzare il suo inqualificabile profilo etico e politico, e le sue sventure giudiziarie. Non risponde alle domande scomode legittimamente poste da quotidiani nazionali e stranieri, denuncia chi gli pone queste domande, intimidisce i testimoni, orchestra infami campagne di discredito contro i direttori dei giornali che pubblicano queste notizie, grazie al controllo assoluto del settore della pubblicità minaccia di strozzare i giornali "nemici".
Ma l?anomalia italiana non finisce qui: padrone di tre reti televisive (private)e controllore assoluto di almeno altre due (pubbliche), le notizie sulle sue disavventure spariscono dalla vita quotidiana degli italiani, che per sapere quello che sta succedendo in Italia devono collegarsi a canali e siti stranieri, mentre i telegiornali dipingono un?immagine dell?Italia completamente diversa dalla realtà: milioni di disoccupati e di precari a vita, un presidente del consiglio che intanto organizza con vari capi di stato festini a base di cocaina e prostituzione, che fa affari con dittatori, un?ostilità crescente ? e montata ad arte ? contro gli "stranieri" migranti e le minoranze, la sanità e l?università pubbliche allo sfascio, persino nello sport ormai facciamo pena.
La sua maggioranza di governo non è da meno: a parte le surreali vicende penali, l?aitante maggioranza del "partito della libertà" minaccia continuamente ? ci prova e spesso anche ci riesce ? a mettere il bavaglio a Internet, alle inchieste giudiziarie,ai reparti antimafia, ai docenti e ai medici laici.
In qualsiasi altro paese Europeo davvero democratico, tutto ciò non sarebbe né possibile né tollerato.
A questi italiani diciamo: svegliatevi!
Esigete un paese giusto, onesto, trasparente. Un?informazione libera, professionale e pluralista. Un governo rispettoso dei principi fondamentali della democrazia, impegnato a risolvere i problemi degli italiani e non i pasticci del capo.
L?associazione AltraItalia vuole contribuire al risveglio da questo incubo nazionale, e restituire dignità democratica al nostro paese.
Per questo, appoggiamo da Barcellona le rivendicazioni della "Federazione Nazionale della Stampa Italiana" nella grande manifestazione nazionale del 3 Ottobre a Roma, organizziamo in simultanea nella nostra città.
Presidio Democratico per la libera informazione
 

Imagine Book in Tour

Elisa Pellacani  2009-10-14 

cultura 

libri 

Il "Festival dell?arte di fare libri" dell?Associazione Ilde, presentato a Barcellona durante il giorno di San Jordi (23 di aprile), quest?anno è dedicato al libro come forma dell?immaginazione
Imagine Book in Tour: Da Napoli a Barcellona a....
Mentre la "Loring art" propone a le edizioni di Emilio Sdun e de "Il filo di Partenope" nel suo "Do it yourself day", a Napoli si conclude la tappa di Imagine book nello "Spazio Arte-Libri" di via della Sapienza

Prosegue il tour di Imagine book, il Festival internazionale dell?arte di fare libri presentato nella "Piazza dei libri immaginati" (Plaza Sant Just) a Barcelona durante il 23 d?aprile, giorno dedicato a Sant Jordi.
Realizzato grazie alla collaborazione dell?Associazione Ilde (acronimo de I libri de?) con l?Ayuntamiento de Barcelona, nelle intenzioni della curatrice, Elisa Pellacani, quest?anno il Festival poneva l?accento sulla capacità del libro di essere concretizzazione dell?immaginario per discipline anche non propriamente connesse col mondo editoriale.
Così sono stati presentati libri oggetto, spesso esemplari unici realizzati da gioiellieri, da artigiani del tessuto, da artisti che sul concetto libro lavorano, accanto a edizioni stampate con metodi "impropri" e serie collettive di istituti e scuole.
Il Festival, le cui partecipazioni e interventi sono state raccolte nell?omonimo catalogo, edito dall?italiana "Consulta, libri e progetti", ha cominciato il suo itinerario dalla città di Napoli, nella libreria specializzata in libri d?arte ed edizioni limitate aperta dagli artigiani-editori Lina Marigliano ed Alberto D?Angelo de "Il filo di Partenope", che da anni editano serie di libri raffinati dove l?attenzione è rivolta alla pubblicazione di materiale poetico insieme a incisioni numerate su carte speciali e interamente stampate con metodi antichi.
Venerdì scorso (9 ottobre), durante il giorno che la Libreria Loring ha dedicato al "Do it yourself", presentando il suo calendario con pagine bianche, perché ognuno possa personalizzare ogni mese, i libri de "Il filo di Partenope" sono finalmente arrivati nella città di Barcellona, insieme ai libri della "Prensa Cicuta", dello stampatore e calligrafo Emilio Sdun. Nella Libreria Loring Art, insieme al catalogo "Imagine book" e parte delle piccole edizioni che hanno partecipato al Festival di Ilde, sarà così possibile incontrare queste meraviglie editoriali spesso difficilmente rintracciabili tra gli scaffali delle comuni librerie, oltre al calendario in due versioni, una in spagnolo e inglese, l?altra in catalano, euskeda e gallego.
L?installazione di Nuria Bitria, maestra della lavorazione del tessuto, oltre che colorare la Libreria Loring con grandi pagine in stoffa intessute e colorate artigianalmente, richiama libri devozionali scritti con linguaggi non verbali, e il ruolo del libro come comunicatore dove i cinque sensi sono chiamati a interpretare il messaggio.
Le prossime tappe di Imagine book porteranno il Festival a Venezia e a Siviglia, mentre l?associazione Ilde sta preparando il prossimo appuntamento.

Dove:
- Napoli, Spazio Arte-Libri "Il filo di Partenope", via della Sapienza, 4. ilfilodipartenope@libero.it
- Barcellona, Libreria Loring Art, calle Gravina, 8. www.loring-art.com
 

Crimini, tra realtà e finzione

RF Web Ajuntament de Bcn  2009-10-13 

cultura 

libri 

Crimini, tra realtà e finzione
"Matar en Barcelona" (Uccidere a Barcellona).
Edizioni Alpha Decay, 2009.
L'assassina d'anziane, il violentatore delle Eixample o la vampiressa di carrer Ponent, sono tra i protagonisti delle pagine di "Matar en Barcelona" (Uccidere a Barcellona).
Sangue, omicidi e cadaveri sono gli argomenti di "Matar en Barcelona" (Edizioni Alpha Decay, 2009), un libro che si propone di rievocare, da un punto di vista letterario, tra realtà e finzione, i crimini più famigerati avvenuti a Barcellona in varie epoche.
L'idea del libro di racconti è nata dalla sezione giornalistica dall'omonimo titolo pubblicata mensilmente dal critico e scrittore Julio Corominas, contenente cronache sui crimini della città.
Nelle pagine di questa antologia, che va oltre il genere noir, si assiste alla cruda rievocazione delle più scioccanti pagine di cronaca nera.
In tutto dodici giovani autori e autrici, tra cui Javier Calvo (La vampiressa di carrer Ponent), Antonio Luque (L'assassina d'anziane) o Mara Faye Lethem che scrive sul caso del cadavere smembrato trovato alla Barceloneta. E inoltre Francesc Serés, Sabino Méndez, Raul Argemí, Manuel Vilas, Sebastià Jovani o Gabriela Wiener.
 

Passejant per Barcelona

Steven Forti  2009-10-05 

cultura 

libri 

La donna nella memoria organizzata della città

Passejant per Barcelona un dimecres cap al tard, he pensat ja fa una estona que no estic enamorat, cantava Quico Pi de la Serra qualche tempo fa. Quando passeggiamo per Barcellona, che ce ne rendiamo conto o meno, ci troviamo innanzitutto nel mezzo di un labirinto di parole. Parole lunghe, parole brevi, parole conosciute, parole sconosciute. Una Torre di Babele di nomi, una potenziale terra di conquista per qualunque esperto di semiotica. Calles, Avenidas, Plazas, Paseos, Jardines portano il nome di una persona, di un luogo, di un avvenimento che a noi cittadini, ospiti o turisti ci sono più o meno familiari. Barcellona, come tutte le città, è una memoria perennemente in vita: una memoria costruita, ordinata, sistematizzata, modificata, ingrandita. Una memoria organizzata, come notò Hanna Arendt. E, soprattutto, una memoria modificabile. La scelta dei nomi non è mai casuale, e men che meno la loro ubicazione, come la tipologia di spazio a loro assegnato. È forse un caso che uno degli snodi cittadini di maggiore importanza si chiami Plaça Catalunya? Ed è forse ancora un caso che le lunghe calles del Eixample, progettate e costruite nella seconda metà dell?Ottocento grazie al Plan Cerdà, portino i nomi degli antichi domini del Regno catalano-aragonese (Còrsega, Provença, Mallorca, Rosselló, Girona, València?) o di grandi uomini catalani (Balmes, Roger de Flor, Comte d?Urgell?)? Certo, la città mette in evidenza le stratificazioni della storia locale e nazionale. Stratificazioni, alcune delle quali sono difficilmente cancellabili, al di là e al di sopra della volontà politica di farlo.
Su Barcellona si è scritto parecchio negli ultimi decenni. I progetti promossi dal Memorial Democratic della Generalitat de Catalunya e da diversi centri di ricerca, universitari e non, hanno permesso di conoscere a fondo la storia della città e dei suoi abitanti, la memoria sedimentata e quella che pareva dimenticata per la lunga dittatura franchista. La Guerra Civile, come snodo cruciale del Novecento spagnolo, è stato al centro di esposizioni, seminari, conferenze e pubblicazioni. Negli ultimi anni anche la città come spazio pubblico e come luogo della memoria è entrata prepotentemente nei dibattiti, sia accademici, sia a maggiore diffusione. E la toponomastica cittadina è stata una questione che ha interessato da subito gli studiosi catalani. Già durante la transizione alla democrazia, Jaume Fabré e Josep Huertas pubblicarono un lavoro sulle strade di Barcellona e sull?evoluzione dei loro nomi. Negli anni Ottanta e Novanta, l?Ajuntament de Barcelona ha poi promosso ulteriori ricerche specifiche sui dieci districtes in cui è suddivisa la Ciudad Condal e recentemente ha finanziato anche un nuovo studio dei carrers de Barcelona coordinato da Jesús Portavella. Ciò che risalta, ad una prima lettura, è l?importanza dei cambi politici per la toponomastica cittadina. Il Novecento, secolo delle passioni politiche, ne è l?esemplificazione: la Restaurazione in un primo momento, la Dittatura del Generale Primo de Rivera negli anni Venti, la Seconda Repubblica negli anni Trenta, la Dittatura franchista tra 1939 e 1975 e infine il nuovo regime democratico. I nomi delle strade sono stati cambiati, modificati, spostati, cancellati. Due casi sintomatici su tutti: la Via Laietana durante la Guerra Civile fu ribattezzata Via Durruti, in onore al dirigente anarcosindacalista morto sul fronte madrileno nel novembre del 1936; la Avenida Diagonal fu ribattezzata, dopo l?ingresso delle truppe franchiste nel gennaio 1939, Avenida del Generalisimo Franco. Entrambe le strade, nel momento di cambio di regime politico, riacquistarono più o meno rapidamente il loro antico nome.
Qualche tempo fa, insieme a Marta Mariño, giovane ricercatrice della Universitat de Barcelona, ci siamo domandati quale fosse la presenza dei nomi di donne nello stradario barcellonese. La risposta non è stata una novità: le strade dedicate a delle donne sono appena poco più di duecento, meno del 5% del totale. Nessuna novità, appunto, ma un?ulteriore conferma dell?invisibilità delle donne nel nostro passato, remoto e prossimo, come la Nuova Storia della Donna ha messo in evidenza dal Sessantotto ai giorni nostri. Abbiamo quindi deciso di iniziare una ricerca per andare più a fondo, per capirne modalità, tempistica e ragioni, i cui risultati sono stati presentati al II Encuentro de Jóvenes Investigadores en Historia Contemporánea tenutosi questo settembre a Granada. L?argomento è ancora quasi vergine, se si escludono i pionieristici e coraggiosi lavori di Isabel Segura e di Isabel-Clara Simó che hanno tentato nell?ultimo decennio di recuperare gli itinerari femminili nello spazio pubblico quotidiano barcellonese. L?analisi certosina dello stradario della capitale catalana ha dimostrato alcune cose interessanti: l?importanza del cambio di regime politico e la centralità nel passato di figure femminili slegate dal mondo politico e dai movimenti di rivendicazione dei diritti delle donne, come proprietarie terriere, nobili, sante e vergini. La presenza di un regime politico progressista, come la Seconda Repubblica negli anni Trenta e la Democrazia post-franchista dalla fine degli anni Settanta, hanno favorito e sostenuto l?aumento della presenza di donne nella toponomastica barcellonese. Ma una cosa su tutte è emersa, che spesso si dimentica di evidenziare, tanto è palese: la assoluta mancanza (o come minimo la impressionante inferiorità) di nomi di donne nel congiunto della toponomastica cittadina nel passato, ma anche attualmente. Barcellona, questo è ovvio, non è un?eccezione, ma un esempio. La situazione è pressoché identica nelle altre città spagnole ed europee.
La questione è complessa, poiché tocca argomenti delicati, come la memoria ed il suo uso pubblico, che spesso vengono utilizzati propagandisticamente dai diversi partiti e movimenti politici. E la soluzione di tale questione ? sarebbe a dire, una forte ed immediata spinta tesa all?aumento della presenza di nomi di donne nello stradario barcellonese, come ha rilevato Zaida Muxí ? risulta complicata anche da altri fattori di ordine pratico, in primis la difficoltà che implica il cambio di nome di una strada del centro urbano. Ma è proprio tenendo conto di tutto questo che è necessario insistere. Insistere e lottare, in molti casi, perché le città in cui viviamo sono la memoria del nostro passato. O, come scrisse Antonio Ontañón Peredo, "como nível simbólico, la relación entre el plano de la ciudad y el nomenclátor es fundamental porque en ella es donde reside gran parte del potencial mnemónico de la ciudad".
 

Imagine book 1º tappa Napoli

RF Web Associazione Ilde  2009-09-12 

arte 

eventi 

"Imagine book": da Barcellona a Napoli la mostra internazionale di prototipi ed edizioni d?artista.
L?immaginazione che diventa realtà. In forma di libro
Un festival itinerante dedicato all?arte di fare libri.
Inaugurazione il 19 settembre 2009, presso "il filo di Partenope" di via della Sapienza.
Presentazione del libro e dell?esposizione con la curatrice Elisa Pellacani sabato 19 settembre, ore 18.30, presso lo Spazio arte-libri "Il filo di Partenope", via della Sapienza, 4, Napoli.
Fino al 10 ottobre 2009.

Un festival dedicato alle arti di fare libro, nelle sue più diverse accezioni, dai tiraggi limitati e impreziositi dall?attenzione alla tipografia e alla confezione, fino a veri e propri libri "oggetto", cioè libri realizzati nei più diversi materiali da artigiani e artisti che sul concetto del libro si sono cimentati. Libri a volte impensabili, a volte senza le "normali" connotazioni del libro, dove le pagine sono in argento e smalti, o in tela ricamata, o sono nascoste nel volto di una maschera in cuoio. Edizioni uniche ma anche prototipi artigianali che riscoprono una ricerca a tutto tondo sulla grafica, sui metodi di stampa e sulla carta, su forme di rilegatura che sfuggono ai grandi tiraggi delle case editrici. Prototipi editoriali dove l?autore è anche colui che realizza il libro, meraviglie illustrate e raccontate con la calligrafia pronte ad essere moltiplicate in più esemplari: ma sempre con un connubio stretto e necessario tra il contenuto del libro, il messaggio, e la sua forma, sempre cercando un pubblico che possa usufruirne, tenere l?oggetto in mano, leggerlo.
Imagine book richiama nel titolo la multidisciplinarietà artistica propria del libro, dove tecniche e mestieri si confondono e collaborano alla realizzazione dell?oggetto finito, ma anche vuole essere invito a vivere il libro come concretizzazione dell?immaginato, di ciò che normalmente appartiene a sfere sensoriali riconosciute all?arte. Questi libri riscoprono infatti l?utilizzazione dei sensi tutti, non solo la vista dunque, ma anche il tatto, a volte perfino l?olfatto e l?udito, come nel caso del gruppo francese "Lili after Garrett" che ha partecipato al festival componendo musiche inedite, una sorta di capitoli musicali, raccolti in un cd in diffusione insieme all?omonimo libro Imagine book. Edito per i tipi di Consulta, libri e progetti, il libro Imagine book non solo raccoglie e fissa su carta le opere del centinaio di artisti che hanno partecipato alla mostra, inaugurata a Barcellona durante il giorno di San Giorgio (23 di aprile), tradizionalmente dedicato ai libri e alla lettura, ma propone anche oltre trenta pareri di artisti, professionisti del settore editoriale, piccoli editori ed illustratori che si sono appositamente espressi sulla funzione del "fare" libro come metodo di ricerca nel passaggio dall?ideazione alla sua concretizzazione. Se a Barcellona la sfida dell?associazione ILDE (acronimo de "I libri de?") che ha organizzato l?evento con il concorso del Comune di Barcellona, è stata presentare una mostra di oggetti d?arte all?aperto, in un luogo di pubblico passaggio (la centrale e gotica Plaza Sant Just, rinominata per l?occasione "Piazza dei libri immaginati"), insieme alla partecipazione di vari autori ed artigiani che mostravano i loro "strumenti" del mestiere, adesso la collaborazione con la libreria-galleria Il filo di Partenope di via della Sapienza di Napoli apre una serie di tappe che faranno della rassegna un festival itinerante. Non a caso è stato scelto il giorno di San Gennaro, ideale filo rosso che unisce due città, non solo dunque per la latitudine comune ma anche per una festività religiosa che si è trasformata in matrice culturale. Il 19 è prevista per le ore 18.30 l?inaugurazione di Imagine book presso lo Spazio arte-libri de Il filo di Partenope, con la presenza della curatrice e ideatrice del festival, Elisa Pellacani, che accompagnerà i presenti alla scoperta di un viaggio emozionante tra i libri d?autore e presenterà l?omonimo volume, disponibile in galleria insieme alle edizioni dello stesso "Il filo di Partenope" e ad altre "delizie" editoriali. Elisa Pellacani, docente presso la Escola Massana, importante centro d?arte e design di Barcellona, è da anni impegnata nella produzione editoriale sia dal punto di vista della progettazione che della realizzazione artistica, ed è convinta sostenitrice del "fare libro" come metodo di disciplina e ricerca artistica. In cui, dice, "molti si possono scoprire autori, e provare la soddisfazione di creare autonomamente il proprio libro, riscoprendo così tecniche e metodi che permettano una felice espressione della propria creatività".
I libri e i libri-oggetto selezionati per l?esposizione, che prevede tra le prossime tappe Venezia, presso la Scuola Internazione di Grafica, e Siviglia, in occasione del Festival di Perfopoesia, sono di Anna Baldi, Alessandra Ceccarelli, Anna Bartoli, Ariadna Goberna, Beatrice Palazzetti, Dario Zeruto, Eduard Sola, Emilia Huguet, Fatima Tocornal, Irene Caroni, Fidel Pereiro, Gisselle Morales, Graciela Parramòn, Lia Malfermoni, Loretta Cappanera, Emilio Sdun, Prensa Cicuta, Lucia Sforza, Maite Caballero Arrieta, Marco Menozzi, Morena Coppola, Nayat Kaid Ferron, Pier Paola Canè, Rino Sorrentino, Vinka Grbic, Roser Lopez Monso, Sofia Piqueras, Marta Flor, Carmen Garcia de Mora, Silvia Walz, Jesus Tejedor, Judith McCaig, Carlos Alguacil, Gloria Royo, Ana Abascal, Nani Tedeschi, Taller Vostok, Les editions de l?heure.

Imagine book, casa editrice Consulta, libri e progetti, ISBN 978 88 89156 42 1. In catalano, con traduzione in italiano e spagnolo. Quadricromia, rilegatura a filo, inquadernato artigianalmente. Tiraggio limitato di 100 esemplari con interventi originali di Carlos Alguacil, Ana Abascal, Gloria Royo, Taller Vostok, Nani Tedeschi.

Presentazione del libro e dell?esposizione con la curatrice Elisa Pellacani sabato 19 settembre, ore 18.30, presso lo Spazio arte-libri "Il filo di Partenope", via della Sapienza, 4, Napoli. Fino al 10 ottobre 2009.

Informazioni: ilfilodipartenope@libero.it, info@ilde.info
 

Mercè 09

RF Web Ajuntament Bcn  2009-09-07 

musica 

eventi 

Mercè 09
In vari spazi della città
Dal 23 al 27 settembre 2009.

Come ogni anno ritorna a settembre la festa patronale di Barcellona, la Mercè. Anche quest?anno presenta un programma sterminato: circa 600 spettacoli di varia indole: musica, teatro, circo, artisti da strada, esposizioni e molte attività legate alla tradizione cittadina e catalana.
L?artista Pati Nuñez è l?autrice del manifesto di questa edizione che presenta nuovi spazi: il Museu Marítim, i Jardins de Baluard, il Teatre Grec e la Rambla del Raval.
Istanbul, che nel 2010 sarà capitale europea della cultura, è la città invitata e si potranno vedere da vicino il teatro d?ombre turco, arte, cinema, musica del paese della mezza luna e finanche passeggiare in un bazar.
Partecipano alla Mercè 09 ben 75 compagnie circensi e di teatro da strada, sono in programma un centinaio di concerti nei vari spazi, il Bam (Barcelona Acció Musical) presenta oltre 60 esibizioni.
Arrivano a Bcn artisti provenienti da vari paesi europei e da Australia, Stati Uniti, Marocco, Cile, Cina, Canada.
Il castello di Montjuïc si trasformerà in un grande circo dove si esibiranno artisti di prestigio internazionale quali Víctor Antonov, la Cia La Tal, Alba Serraute, Cirqu'lation Locale e Mario the Queen of the Circus.
Presso il Parc de la Ciutadella si organizzano spazi per attività infantili e concerti jazz e l?antica fabbrica di Sant Andreu, ora denominata Fàbrica de creació Fabra i Coats, accoglie un?ampia programmazione di danza e teatro visivo.
La musica è da sempre uno dei piatti forti della Mercè. Quest?anno il Bam, giunto alla 17º edizione, presenta gruppi e artisti di tutto rispetto quali The Hives, Billie The Vision & The Dancers, Manel, La Kinky Beat e Calima.
Da non perdere il concerto di Tonino Carotone che, sul palco di Rambla del Raval, giovedì 24, presenta il suo ultimo cd "Ciao mortali".
Da ricordare anche il concerto dei Macaco in Plaça Sant Jaume il 27.
Al di fuori del Bam si potrà assistere ai concerti di James Hunter, The Pepper Pots, Tarrakota, Rosario e Baba Zula.
Mercoledì 23 si terrà il Concerto inaugurale dell'11º edizione del Festival Internazionale di canto corale, "Europa i els seus cants" (Europa e i suoi canti), a cui partecipano 12 corali provenienti da vari paesi: Norvegia, Romania, Estonia, Polonia, Croacia, Germania, Russia, presente anche una corale italiana.
Per quanto riguarda le altre attività e spettacoli dell?intenso programma ricordiamo la tradizionale Cursa de La Mercè, la celebrazione dei 40 anni di attività dei Castellers di Bcn (con varie esibizioni), La Cavalcada (con la sfilata di cap-grossos e personaggi tradizionali, il Correfoc e per finire il grandioso spettacolo piro-musicale.

Per approfondire le informazioni visitare il sito della Mercè: http://www.bcn.cat/merce/ca/index.shtml
 

De Vlaminck al Caixa Fòrum

RF Web Caixa Forum Bcn  2009-09-02 

arte 

esposizioni 

Maurice De Vlaminck
Centre Social i Cultural
Caixa Fòrum Barcelona
Avinguda Marquès de Comillas
Fino al 18 ottobre 09.

L'Obra Social "la Caixa" presenta presso il Caixa Fòrum di Bcn la prima esposizione spagnola dedicata a Maurice de Vlaminck, artista chiave per comprendere il rinnovamento della pittura d'avanguardia europea dell?inizio del XXº secolo.
Maurice De Vlaminck (1876-1958) fu uno dei pittori più radicali della sua generazione e promotore del fauvismo grazie alla sua espressione sfidante, violenta e agli eccessi nell?uso del colore.
La mostra, organizzata in collaborazione con SVo Art - responsabile della gestione del Musée du Luxembourg -, prende in considerazione il període d?avanguardia del pittore, tra il 1900 e la Prima Guerra Mondiale e ne analizza l?evoluzione sin dal primo periodo influenzato dal post-impressionismo, per giungere all?inizio del fauvismo e un successivo accostamento a Cézanne. Malgrado la delimitazione cronologica del percorso espositivo, le opere esibite definiscono i temi più affini all?artista: il paesaggio, la natura e il ritratto.
L'esposizione presenta inoltre una serie di sculture africane e oceaniche della collezioneció De Vlaminck, fonte d'ispirazione per i fauvisti e alcune ceramiche, testimonianza della fugace approssimazione dell?artista a questa disciplina.
 

World Press Cartoon

RF Web Palau Robert Bcn  2009-09-02 

arte 

eventi 

World Press Cartoon
Humor gràfic en la premsa
Cotxeres del Palau Robert
Palau Robert Bcn
Curatore: Rui Paulo da Cruz
Fino al 27 settembre 09

I disegni originali delle 400 migliori vignette pubblicate nel 2008 su giornali e riviste di tutto il mondo vengono presentati al Palau Robert di Barcelona, fino al 27 settembre.
L?obiettivo dell?esposizione e della World Press Cartoon (WPC) è diffondere un genere ? la vignetta ? giornalisticamente molto importante, ma negli ultimi anni considerato a torto poco rilevante. Un modo dare la giusta luce e ricoscimento all?attività di autori che svolgono un lavoro di satira sociale insostituibile.
Nell?edizione 2008 sono state selezionate 401 vignette fra quelle di 428 autori di 72 paesi. La mostra prevede inoltre la proiezione di materiale audiovisivo delle precedenti edizioni.
Nel concorso celebrato a Sintra, il disegnatore messicano Rogelio Naranjo ha ottenuto il Grande Premio e il primo premio nella categoria Vignetta editoriale per i suo disegno "In the same ship", pubblicato dal quotidiano messicano Universal il 17 settembre 2008. Nella categoria Vignetta caricatura, il premio è stato assegnato al portoghese André Carrilho, per "Ahmadinejad", e la migliore Vignetta umoristica è andato a "Punk Fish", del cubano Osmani Simanca. Lo spagnolo Javier Carbajo, con una vignetta pubblicata dalla rivista di Barcellona "El jueves", ha ottenuto il secondo premio nella categoria caricature.
 

El segle del jazz

RF Web Cccb Bcn  2009-09-01 

musica 

eventi 

El segle del jazz
Cccb (Centre Cultura Contemporània de Bcn)
fino al 18 ottobre 09

Senza dubbio il jazz, con il cinema e la rock music, è stato uno degli avvenimenti culturali che hanno caratterizzato il XXº secolo ed hanno influenzato altre espressioni artistiche. La mostra "Il secolo del jazz", organizzata dal CCCB, propone una lettura pluridisciplinaria della complessa storia del jazz intorno a un filo conduttore costituito da un timeline, che ne analizza gli avvenimenti principali.
Pittura e fotografia hanno testimoniato le origini della musica afro-americana e ne sono stati influenzati artisti quali Picabia, Gleizes, Man Ray, Janco; passando per Otto Dix, Max Beckmann, Frantisek Kupka; i famosi artisti dell?Harlem Renaissance come Aaron Douglas, Palmer Hayden, Archibald Motley, William H. Johnson; pittori modernisti americani come Arthur Dove o Stuart Davis; fino ad arrivare ? nel 2º dopoguerra - ad autori essenziali quali Mondrian, Matisse o Jackson Pollock; o creatori afro-americani come Jacob Lawrence, Romare Bearden, Bob Thompson o Jean-Michel Basquiat, già in piena contemporaneïtà. Reciprocamente, parecchi musicisti - da Django Reinhardt a Louis Amstrong o da George Wettling a Miles Davis- creeranno opere plastiche che illustrano la ricchezza e densità delle interazioni tra musica e pittura.
L?esposizione presenta inoltre molte famose copertine di album, cartelloni e materiale pubblicitario, programmi di concerti che permettono di valutare l?importanza della grafica nell?estetica del jazz, fumetti con grandi e piccole storie della musica nera americana, film di ambiente jazz o particolarmente caratterizzati da colonne sonore jazz.
 

Liceu Òpera Barcelona

RF Web Palau Robert Bcn  2009-07-20 

arte 

architettura 

"Liceu Òpera Barcelona"
Palau Robert Bcn
Passeig de Gràcia 107
Dal 15 luglio al 4 ottobre 2009.

In occasione del Xº anniversario della ricostruzione del Gran Teatre del Liceu, dopo il disastroso incendio del gennaio 1994, il Palau Robert di Bcn presenta l?esposizione "Liceu Òpera Barcelona", che passa in rassegna la storia del Gran Teatre, ponendo l?accento soprattutto sull?attività scenica e musicale degli ultimi 10 anni, dalla re-inaugurazione del 1999.
La mostra si divide in quattro parti: Abans, Llavors, Després i Demà (Prima, Allora, Dopo e Domani). L?arredamento e il desing d?interni sono stati realizzati dallo studio d?architettura Cadaval i Solà-Morales.
Il primo spazio denominato Abans (Prima) presenta la storia del Liceu dalla fondazione nel 1847 al terribile incendio del 1994. È la storia del più importante e prestigioso teatro di Spagna rivissuta attraverso le fotografie dei grandissimi artisti e vi si sono esibiti.
Nella seconda parte, denominata Llavors (Allora), sono raccolte le diverse tappe della ricostruzione: dalle immagini dell?incendio devastatore ai vari lavori di ristrutturazione, su progetto di Ignasi de Solà-Morales, Xavier Fabré e Lluís Dilmé.
La nuova strutttura esternamente è assai fedele all?originale, ma internamente è stata totalmente ridisegnata e dotata di innovazioni tecniche modernissime. Lo spazio denominato Després (Dopo) presenta gli ultimi dieci anni di attività artistica attraverso fotografie e audiovisivi. Ed infine l?ultima parte denominata Demà (Domani), che offre uno sguardo sul futuro del Gran Teatre, alla luce dei nuovi progetti che nei prossimi anni tenderanno a promuovere lo spettacolo operistico presso il pubblico giovanile e vedranno l?applicazione di nuove tecnologie nell?ambito delle arti sceniche.
 

Concerto di Vinicio Capossela al Festival Grec 09

Roberto Fenocchio  2009-07-14 

musica 

concerti 

Concerto di Vinicio Capossela
Nell?ambito del "Solo Tour 2009"
Festival Grec 09 Bcn
Teatre Grec
Martedì 7 luglio 09

Terzo appuntamento barcellonese con Vinicio Capossela.
Dopo il concerto alla Sala Bikini del novembre 2006 e quello in Plaça del Rei del luglio 2007 (sempre nell?ambito del Festival Grec di Bcn), Vinicio si è esibito con la sua band al Teatre Grec di Montjuïc. Serata afosa, rotta a tratti da una brezza marina che man mano si è fatta sempre più gradevole.
Lo spettacolo, come ci ha anticipato Vinicio nell?intervista, è diviso in 2 parti. La prima, in cui si presentano le canzoni dell?ultimo cd "Da solo", è una riduzione a concerto dello spettacolo teatrale che nell?inverno ha girato per alcuni dei più importanti teatri italiani e che ricrea uno show americano degli anni ?30: popolato da Giganti e maghi (Cristopher Wonder), Meduse ed altre creature. Sul palco otto grandi cartelloni li ripropongono con illustrazioni in stile d?epoca.
Si inizia con "Il gigante e il mago" ridondante e fieristico brano che vede la partecipazione in scena di Marco Cervett, nei panni del gigante. Quello del mago è a pannaggio di Vinicio che si dimena dietro un magnifico esemplare organo Mighty Wurlizter, spettacolare. Dopo un breve monologo in castigliano, Vinicio passa alla sognate "Una giornata perfetta" e quindi alla tenerissima "Il paradiso dei calzini", avvicendandosi con Vincenzo Vasi al piano giocattolo e ad altri strumenti effimeri.
Il numeroso pubblico, composto in prevalenza da italiani, ma con la presenza di molti catalani, sembra gradire lo show particolarmente spettacolare visto che il palcoscenico, circondato dalla roccia e dagli alberi, si presta perfettamente ai numerosi travestimenti di Vinicio, che passa costantemente dal piano all?organo o alla chitarra.
Dopo "L?altra parte della sera", come ha anticipato nell?intervista, ci offre due rancheras, una ribattezzata "La strada che porta a me", l?aveva già proposta nel concerto di Plaça Reial del 2007. Quindi un intermezzo di circa dieci minuti e con "Marajà" inizia la seconda parte del concerto in cui Vinicio presenta alcuni dei suoi cavalli di battaglia. Si snocciolano "Cha cha cha della Medusa", che canta con una maschera, "Canzoni a manovella!, la sempre coinvolgente "Che cossè l?amor", altre due rancheras. Si passa quindi all'intensa "Brucia Troia", con Vinicio-Minotauro in scena e poi a "Il ballo di San Vito", con uno splendido assolo di chitarra di Alessandro "Asso" Stefana e dopo una struggente versione di "Pena del alma", in regalo una delle prime canzoni, una commovente versione di "Primo amore", a dir poco eccelsa, forriera di ricordi per più di uno spettatore.
Nel finale due perle: un brano folk dell?Irpinia, la zona della Campania da dove proviene Vito, il padre del cantautore e una splendida versione, tradotta da Vinicio in italiano di "Canción de las simples cosas" (Canzone delle semplici cose) di Chavela Vargas, citata anche nell?intervista. Su questo brano si spegne il concerto. Il pubblico lancia il suo ultimo intenso e lungo applauso ad uno degli artisti italiani più prestigiosi.

La band:
Vinicio Capossela: piano, chitarre, organo Mighty Wurlizter, organo Farfisa e voce
Zeno De Rossi: percussioni e tamburo
Mauro Ottolini: trombone e strumenti giocattolo
Alessandro "Asso" Stefana: chitarre, banjo, violino e arpa
Achille Succi: sax, clarinetto e clarinetto basso
Vincenzo Vasi: theremin, vibrafono, marimba, samplers e piano giocattolo
Glauco Zuppiroli: basso e ukelele

Il Gigante: Marco Cervett
Fotografia: Elettra Malleby
Produzione esecutiva: Posto Nove
 

Le carte di Mademoiselle Dolores

Elisa Pellacani  2009-07-06 

arte 

gallerie 

Le carte di Mademoiselle Dolores
Un mazzo di tarocchi di lettura facile e immediata.
Esposizione degli originali disegnati da Elisa Pellacani
con la partecipazione di una riconosciuta cartomante.
Libreria Lo ring Art
c/ Gravina 8
08001 Barcelona
Presentazione giovedì 9 luglio 2009
A partire dalle 19.30

I tarocchi e la divinazione con carte prevedono una capacità interpretativa non comune; così molte volte i mazzi di queste carte rimangono belle immagini da guardare ma complicati simboli da leggere. Forse da queste considerazioni nacque già alcuni anni fa il gioco delle carte di Dolores, pensato ? dopo lunghi studi sulla simbologia dei Tarocchi classici ? perché ognuno, semplicemente guardando le figure, potesse trarne qualche suggerimento, o perlomeno una riflessione, naturalmente sempre ambivalente e suscettibile di interpretazione. Le carte di Mademoiselle Dolores devono il loro nome a un personaggio mitico, che presentò RadioContrabanda durante il programma Zibaldone, e che a tutt?oggi è velato da un alone di mistero. Descritta come "esploratrice prima che grande artista", Dolores delineò 54 figure desunte da studi antropologici condotti per anni e come esemplificazione di una serie di tipologie umane che diceva "avrebbero permesso una lettura immediata di ciò che normalmente non riusciamo a vedere". I 54 personaggi del mazzo rappresentano personaggi e sentimenti comuni, spesso attraverso mestieri e situazioni che a differenza degli Arcani normalmente conosciuti sono oggi riconoscibili anche per chi non abbia condotto studi specifici di cartomanzia. Ognuno di loro è rappresentato con strumenti e dettagli ? oltre che a una scelta cromatica non casuale ? che possano fornire facili indicazioni di lettura, semplicemente scegliendo da una a cinque carte e avvicinandole una all?altra. Dolores, che durante i suoi lunghi viaggi di esplorazione usava annotare osservazioni e schizzare sui suoi quaderni ritratti di chi incontrava, lasciò scritto che una traduzione delle sue analisi sull?uomo in forma di mazzo divinatorio avrebbe permesso rivivere una serie di incontri che normalmente nella vita non succedono accidentalmente ma che sempre possono trasmetterci qualche indicazione utile sui nostri passi.
Il mazzo, editato dall?italiana "Consulta, libri e progetti" e stampato da "Naipes Comas" di Barcellona, è finalmente in diffusione, e verrà presentato nella Libreria Lo ring Art di Barcellona (calle Gravina, 8) giovedì 9 luglio. Per l?occasione, insieme alle edizioni rare che ogni 9 del mese la libreria presenta al pubblico, dalle ore 19.30 sarà presente in libreria una conosciuta ed esperta cartomante, che si è resa disponibile a fornire ai presenti la sua personale lettura delle carte.

Le carte di Mademoiselle Dolores
Illustrazioni di Elisa Pellacani
Stampate a Barcellona, Naipes Comas
Edizioni Consulta, libri e progetti
ISBN 978 88 89156 45 2

 

Panorama Itàlia Grec 09

RF Web Grec 09  2009-06-30 

arte 

eventi 

Panorama Itàlia
Festival Grec 09
Barcelona

Il Festival Grec 09 dedicata un?intera sezione, Panorama Itàlia, alla cultura italiana. Circo, teatro, danza e musica.
Ecco in dettaglio il programma.
Consultare i siti raccomandati per maggiori informazioni.

Circo

"El jardí dels estels" di Marcello Chiarenza e Alessandro Serena
Teatre Grec
Dal 20 al 21 giugno 2009.
"Criatures" e "El jardí dels estels", con questi due spettacoli i maestri circensi Marcello Chiarenza e Alessandro Serena hanno inaugurato il Festival Grec 09.
Sono esponenti di spicco del denominato "Nou Circ" che si avvale della ricchezza dei generi popolari e tradizionali (Commedia dell'Arte e circo classico), di cui viene fatta una rilettura, una fusion di clown, acrobazie, danza e giocoleria. "Criatures" è una rappresentazione dell?Arcipelago Circo Teatro basata sull?arte del teatro acrobatico africano ed è ispirata al "Cantico delle creature" di San Francesco.

Teatro

"Commedia" di Dante a cura della Societas Raffaello Sanzio
Regia di Romeo Castellucci
Il regista italiano Romeo Castellucci presenta un?opera teatrale ispirata al capolavoro di Dante, la proposta scenica della sua trilogia della Divina Commedia è moderna, plastica, chiaramente tesa a emozionare il pubblico, coinvolgendone i sensi, perché per il regista: "tutto ciò che riesce ad arrivare al cuore dello spettatore fa parte della scrittura drammatica".
La trilogia si articola in tre spazi (Inferno al Teatre Grec, Purgatorio al Teatre Lluire e Paradiso a La Capella) e tre giorni diversi.

"Sogno di una notte di mezza estate" di W.Shakespeare
Regia di Luca Ronconi, Piccolo teatro di Milano
Teatre Nacional de Catalunya, Sala Gran
Dal 4 al 7 luglio 2009.
Luca Ronconi, uno dei più affermati registi teatrali italiani, porta al Grec la sua versione delicata di una della più note commedie di Shakespeare, accompagnato da giovani attori e attrici che faranno rivivere le avventure amorose di Elena (Melania Giglio), Lisandro (Francesco Colella) e Demetrio (Pierluigi Corallo).

"Lei - Cinque storie per Casanova" a cura del Teatro Stabile del Veneto.
Testi di Carla Menaldo, Paola Jeferiolo, Benedetta Cibrario, Mariolina Venezia e Maria Luisa Spaziani
Regia di Luca De Fusco
Museu Picasso Bcn
Dal 15 al 19 luglio 2009.
Le avventure amorose del Grande Seduttore rivisitate con sensibilità femminile nei testi di cinque scrittrici e poetesse italiane contemporanee, interpretate da Giovanna Di Rauso, Gaia Aprea, Sara Bertelà, Marta Richeldi e Anita Bartolucci

"X(Icx) Racconti crudeli della giovinezza [X.03]" a cura di Motus
Regia di Enrico Casagrande e Daniela Nicolò
Mercat de les Flors, Sala Ovidi Montllor
Dal 17 al 18 luglio 2009.
Regia a quattro mani per quest?opera che esplora l?espressività della generazione giovanile, protagonista della vita delle periferie delle grandi città.

"La menzogna"
Regia di Pippo Delbono
Mercat de les Flors, Sala Maria Aurèlia Capmany
Dal 13 al 14 luglio 2009.
Il teatro di Pippo Delbono è un teatro d?immagini e d?azione, musica e danza, testualmente frammentario. Un collage vitale con spunti che ricordano Fellini e che addentra il pubblico nella profondità dell?esistenza.

Danza

"La natura delle cose" a cura della Compagnia Virgilio Sieni
Mercat de les Flors
24 e 25 luglio 2009.
Ispirato al poema di Lucrezio "De rerum natura", Virgilio Sieni presenta uno spettacolo che si avvale della danza quale strumento di ricerca e del lavoro coreografico come mezzo per riflettere sull?attualità.

Musica

Vinicio Capossela
Teatre Grec
Martedì 7 luglio 2009.
Vinicio ritorna a Barcellona per presentare il suo ultimo lavoro "Da solo", disco dall?ambiente intimista che in certi momenti ricorda le sonorità di "Canzoni a manovella".
Canzoni ebbre di tenerezza, ironia e desiderio che ripropongono l?universo spesso magico di uno dei migliori cantautori italiani.

"Il flauto magico", di W.A. Mozart
Reinterpretato dall'Orchestra di Piazza Vittorio di Roma
Direzione di Mario Tronco
Teatre Grec
Venerdì 3 luglio 2009.
Già ospite della Mercè 07 e del Grec 08, concerti che hanno registrato il tutto esaurito, l?Orchestra di Piazza Vittorio di Roma ritorna a Barcellona per confermare la grande energia che caratterizza questa eccezionale big band composta da musicisti di varie etnie e nazionalità diretta dall?ex tastierista degli Avion Travel, Mario Tronco. Questa volta portano in concerto una delle opere chiave del Genio, "Il flauto magico".
 

Una ciutat, un port

RF Web Museu Marítim Bcn  2009-06-29 

arte 

esposizioni 

Barcelona: una ciutat, un port
Museu Marítim Bcn
Dal 17 giugno al 30 agosto 2009

Il Port de Barcelona e il Museu Marítim presentano un?esposizione dedicata alle trasformazioni del porto, dei moli e della zona portuaria attraverso dipinti ed altre opere che rappresentano gli aspetti meno noti del porto di Barcellona.
Il percorso espositivo analizza i mutamenti della zona portuaria in coincidenza con le grandi trasformazioni urbanistiche della città portate a termine per l?Esposizione Universale del 1888 e per i Giochi Olimpici del 1992, ripercorrendo in tal modo i principali momenti di sviluppo urbanistico di Barcellona.
Di notevole interesse i dipinti anteriori e posteriori all?Esposizione Universale del 1888, tra i quali le opere di Eliseu Meifrèn i Roig e Francesc Soler i Rovirosa; vengono inoltre presentati ritratti della Barcellona Olimpica, firmati da artisti quali Raimon Sunyer, Martí Llorens e Pedro Moreno Meyerhoff.
 

Figuracions

RF Web CaixaFòrum Bcn  2009-06-29 

arte 

esposizioni 

Figuracions
CaixaFòrum Bcn
Dal 19 giugno al 27 settembre 2009

Schnabel, Baselitz o Kiefer sono alcuni degli artisti presentati nell?esposizione "Figuracions", che comprende opere della Col·lecció d'Art Contemporani de la Fundació La Caixa e ha come obiettivo rivendicare il ruolo espressivo e simbolico della pittura.
La mostra raccoglie opere di una dozzina di artisti che all?inizio degli anni ?80 hanno rappresentato un?alternativa all?arte astratta e concettuale che dominava in quel periodo, con opere più figurative e allo stesso tempo espressive.
L?esposizione mette in risalto i modelli pittorici più importanti dell?epoca: il figurativo, i riferimenti storici ed autobiografici, l?impiego della tecnica a graffiti e del gusto per la materia pittorica con effetti drammatici e pennellate esuberanti.
 

Retallables de la Guerra Civil

RF Web Museu d'Història de Catalunya  2009-06-29 

arte 

esposizioni 

Retallables de la Guerra Civil (1936-1939)
Museu d'Història de Catalunya
Dal 16 giugno al 24 settembre 2009.

Durante la Guerra Civile Spagnola vennero pubblicate illustrazioni che si potevano ritagliare e diventare giochi di carta per i ragazzi di quegli anni, che in questo modo potevano ricostruire le battaglie che si combattevano sui vari fronti. Naturalmente se ne pubblicarono sia nei territori sotto il dominio franchista, sia in quelli in cui resistevano i repubblicani.
Il Museu d'Història de la Ciutat dedica un?esposizione a questo particolare tipo d?illustrazione storica intitolata "Retallables de la Guerra Civil (1936 - 1939)", basata sulla collezione di illustrazioni e fotografie "ritagliabili" di Francesc d'Assís López.
La mostra approfondisce un aspetto inedito del conflitto bellico: il gioco come arma propagandistica e i ragazzi nel ruolo di protagonisti. Raccoglie una selezione di 105 illustrazioni "ritagliabili" della Guerra Civile scelti fra circa 6000 pezzi della collezione di Francesc d?Assís López Sala, curatore dell?esposizione e fondatore dell?Associació Catalana d?Amics del Retallable e analizza i metodi di propaganda delle parti in conflitto per diffondere "didatticamente" la propria ideologia, radicalizzando lo scontro.
I pezzi esposti rappresentano eserciti di carta, truppe, miliziani, carri armati, aerei, navi da guerra e vari tipi di contingenti militari che hanno combattuto nei due schieramenti.
Per la maggior parte le immagini sono state pubblicate negli anni '30 e documentano perfettamente gli avvenimenti storici e militari che vanno dal 1931, proclamazione della Seconda Repubblica Spagnola, al 1945, anno in cui termina la Seconda Guerra Mondiale.

 

Permanencias

Elisa Pellacani & Associazione Ilde Bcn  2009-06-18 

arte 

gallerie 

Permanencias
exposición de libros de artista y libros objeto
Obras del curso Permanent
Escola Massana Barcelona
Hasta el 19 de Junio de 2009

En la Escola Massana de Barcelona
Permanencia, exposición de libros de artista y libros objeto.
Las experimentaciones del taller de libros de la escuela con Elisa Pellacani presentadas a lado de las obras (en forma de libro) de los autores participantes al curso Permanent de este año.

En una exposición llena de detalles y de fantasía, el curso de Libros de artista de la Escola Massana con Elisa Pellacani enseña la duplicidad del libro en la investigación artística: acto de libertad que cambia el tradicional papel (y formato) del libro editado, pero también interpretación personal de unas herramientas propias del oficio del editor que pueden ser útiles al artista. Por esto, durante los meses del curso ?Libro de artista y libro objeto?, se han desarrollado ejercicios prácticos con las varias componentes útiles a la realización de un libro, desde la tipografía, la caligrafía, la ilustración, hasta la encuadernación y la maquetacion, considerando siempre sus utilizaciones en favor de la expresión de un concepto narrativo o visual y siempre con medios manuales, aunque estos manufactos puedan después ser usados como prototipos para su reproducción con métodos foto-mecánicos. El libro de artista es abordado por Elisa Pellacani como forma de pensar la propia obra, valuando entonces su desarrollo en un único objeto que en muchos casos (como el libro-árbol de Imma Subirá Sánchez, las arquitecturas tridimensionales de Fidel Pereiro Ordiñana, el libro en textil y joyería de Gisselle Morales Guerrero) es pieza única donde son los sentidos a desfrutar la ?lectura?; en otros casos, como los cuadernos ilustrados de Joan Bricollè, las pequeñas ediciones por Maite Caballero Arrieta hechas con la fotocopiadora, los colages coloristas de Emi Huguet Ciurana, son paginas donde el proyecto y la ejecución del autor harían de su edición una edición original también en tirajes superiores al único ejemplar. La exposición presenta parte de las investigaciones propuestas y que los 11 autores ?diferentes por recorridos artísticos y lenguajes- han colaborado a realizar, como la modificación de un libro ya publicado, como el alfabeto componible siguiendo los ejemplos por Claude Marzotto en ?Farsi una stamperia?, como el intercambio de planchas grabadas segundo módulos repetidos, hasta la realización por cada uno de ellos de las paginas necesarias a la publicación de un libro pequeño pensado porque pueda ser enviado como un postal y impreso en la Imprenta Badia de Barcelona en hojas estándar que han estado después plegadas y grapadas. ?Permanencias? es una alusión sea al antiguo papel propio del libro, de convertir una idea en algo de concreto y determinado, sea al suporte mismo ?libro? que permite a mucha investigación artística su difusión y coleccionismo.
Joan Bricollè, Maite Caballero Arrieta, Ariadna Escursell Peris, Emilia Huguet Ciurana, Roser López Monso, Gisselle Morales Guerrero, Graciela Parramon Antón, Fidel Pereiro Ordiñana, Imma Subirá Sánchez, Henri Christian Verret, Andrea Zaragoza Barrufet son los 11 autores en exposición. Algunos de ellos han recién expuesto en Faleria, cerca de Roma (Italia), invitados al Festival de libros de artista y libro objeto organizado por l?Archivio Internazionale del Libro d?artista y la Asociación Orolontano gracias a la experiencia de Alfonso Filieri y con la participación de artistas internacionales, mientras es en ocasión de San Jordi que han inaugurado una serie de libros divertidos y atípicos, jugados en métodos de pliegos de papel y métodos simplificados para la reproducción de las imagines, que con Elisa Pellacani han llamado ?Imaginables?. Porque el libro hace soñar quien lo lee, pero también mientras se proyecta y se hace.

El curso de libro de artista y libro objeto con Elisa Pellacani es propuesto por la Escuela Massana en la programación de los cursos ?Permanent? también del proximo año, empezando pero, a diferencia que los otros años, ya en octubre, para finalizar en febrero 2010, en el marco de un ampliamento de las propuestas de la Escola.

?Permanencias?, exposición de libros de artista y libros objeto, desde el curso Permanent de la Escola Massana, a cargo de Elisa Pellacani, hasta el 19 de junio.
Catalogo de exposición (?Permanencias?, libro postal) en difusión gratuita, 32 paginas, blanco y negro, serie ?Imaginables?; Imprenta Badia, Ediciones Consulta, ISBN 978 88 89156 49 0.
Escola Massana, c/ Hospital, 52.
Informaciones: www.escolamassana.es
 

Jacques Moran Spiritini

Riccardo Massari Spiritini  2009-06-14 

musica 

concerti 

Artisti italiani a Barcellona
Molti sono i creativi italiani in città, impegnati in varie discipline.
Al Bar Pastís di Rambla Santa Mónica, Laura Orlandini, collaboratrice di www.bcn-it.com e del programma radiofonico Zibaldone, ha "scoperto" Jacques Moran; che si presenta in questo articolo.
Nel Dossier un articolo di Steven Forti.
La canzone che si ascolta in questa pagina è "Catalunya Polycultural" di Jacques Moran.
Si può godere dello spettacolo di Jacques Moran tutte le domeniche verso le 22:00, al Bar Pastís di Rambla Santa Mónica.

Jacques Moran Fortune svelato da Spiritini

Il progetto Jacques Moran nasce nel 2004.
All'epoca si trattava di un collettivo artistico (arti visive e sonore) che si firmava con questo nome. Si pubblicava anche un CD intitolato "Jaquest Moran, L'?vre sonore" di musica elettroacustica (una specie di parodia della figura del compositore francese di musica concreta... Pierre Shaffer, Pierre Henri....).
Finalmente al principio del 2009, Spiritini si presenta al Bar Pastís di Barcellona e si fa chiamare Jack Moran Fortune, dando un'angolazione nuova al personaggio inventato, meno museale e piú orientata verso il Pop-Rock, la lettura di poesia e la performance cabarettistica.

É un canale, questo, che si stacca dalla produzione delle fabbriche Spiritini (www.spiritini.org), fin'ora orientata piú verso la musica contemporanea, la combinazione delle arti plastiche, sonore, visuali e cinematiche, e legata di conseguenza all'ambiente cosiddetto "colto" dei festivals e dei musei.
Qui troviamo, quindi, un'altro Spiritini, quello che a Palma di Maiorca partecipava con altri poeti europei ( e con il grande Montalbano,aimé in una delle sue ultime apparizioni) al Festival della Poesia Mediterranea 2003, quello Spiritini che appare nell' Università di Bellaterra (BCN) in altre analoghe letture, accompagnate o meno da montaggi elettronici, chitarre preparate et similia, che legge il suo Requiem Povero al Zoe de Bois di Lisbona (2001) in compagnia con il poeta sonoro Americo Rodrigues, o che copartecipa con una partitura-disegno a Musica e No (1996) con personaggi del calibro di Philip Corner e Giuseppe Chiari.
Ma il Jack Moran Fortune, ora mezzo anglosassone nel nome (ma chiamato a volte in italiano, Gioacchino Morante), e con un cappello da navigatore colono del 1600, aggiunge nelle performances e nel nuovo bootleg CD, un pizzico di cultura Beat, di poesia surrealista (Artaud in testa), di critica sociale e politica in chiave Post-Tekno (un po' di Krafrwerk qua e la, di Brian Eno sotto e sopra...ma anche di Tom Waits) e si trasforma in un cavaliere della tempesta (con Jim Morrison).
Ecco che Spiritini, nelle vesti del suo Moran, diventa un cantastorie postindustriale (o post-11-settembre-2001 ?) e combina, tramite una performance vocale-sonoro-musicale, elementi apparentamente lontani fra loro. Troverete le profezie indicibili di Leonardo da Vinci, o l'originale The Tomorrow Party (Spiritini), parodie post-atomiche come Kollision Song e Pollution Cantata, sarcasmo sociopolitico ne Il Mondo al Rovescio e in Europa la Grande e fragile ed immortale poesia (Bendita Ilusión in omaggio a Antonio Machado).
La formula Jack Moran Fortune é principalmente caratterizzata da un profondo umanesimo, e dall'urgenza di dire cose che con l'arte "colta" non si riescono a dire in maniera cosí viva, immediata, coinvolgente, e in una sola parola...popolare.

Riccardo Massari Spiritini (Verona 1966) dopo un'inizio autodidatta e un grande successo tra l'altro come ragazzo prodigio del piano blues (Chitarre 1988) si dedica allo studio classico. Studia Piano e Composizione a Verona, architettura a Venezia. Dopo essersi diplomato in Italia (Strumentazione per Banda,1996) si trsferisce all' Aia (Olanda) dove si diploma brillantemente in Composizione Elettroacustica, Strumentale e Vocale con Clarence Barlow, Luis Andriessen e Martin Padding. Studia Sonologia. Segue Masterclass con G.Ligeti, R.Zimmerman, G. Kurtag, Fank Piquét. Partecipa come solista (elettronica e/o pianoforte) a festival europei come Taktlos (Berna-Zurigo) Angelica (Bologna), Terza Prattica (Amsterdam), Eterotopie (Mantova), Música a Metrónom (Barcellona). Produce alcune installazioni sonore. Le sue composizioni vengono eseguite in molti paesi del mondo da (tra altri) Jeanpierre Dupuy, Sonsoles Alonso, Harry Sparnay, Marcel Worm, Ric Sims, Adriano Ambrosini, Saverio Tasca, Ensemble Tres, Royal Ensemble. Dal 2001 vive a Barcellona. Piú informazione a www.spiritini.org
 

Jacques Moran, Jack Moran e Gioacchino Morante

Steven Forti  2009-06-14 

musica 

concerti 

Jack Moran, Jacques Moran, Gioacchino Morante

di Steven Forti

Jacques Moran è nato nella prima o nella seconda metà del XVI secolo in qualche villaggio dell?interno. Non si conoscono tuttavia le sue origini: francese, inglese, italiano. Catalano? Di certo, Jacques Moran viaggiò molto, ebbe una donna in ogni porto, parlò molte lingue. Scriveva, cantava, recitava, gridava. Jack Moran era un pirata: si dice che combattè a fianco dei turchi nella battaglia di Lepanto. Gioacchino Morante era un compagno di sbronze di Giordano Bruno: nessuno però ricorda il suo di rogo. Jacques Moran era un ugonotto in fuga da La Rochelle. Molti sostengono che Jaques Moran non sia mai morto. Le cronache dei tempi che furono sono piene zeppe del nome di Moran. C?è chi dice che Moran continui a reincarnarsi, secondo lo spirito e la moda dei tempi, come uno Zelig di Woody Allen. Pare che Jacques Moran fu tra i ghigliottinati del Termidoro. E pare anche che Jacques Moran fu uno dei ghigliottinatori. A Waterloo si racconta che a un Jack Moran si inceppò il fucile proprio mentre stava per sparare sul redivivo Napoleone. A Teano si racconta che Garibaldi incontrò il Re proprio per l?intercessione di Gioacchino Morante. Mio nonno, quando ero piccino, mi raccontava che in paese si diceva che durante la fucilazione di Cesare Battisti un tal Gioacchino Morante volò su Trento e lanciò poesie dadaiste, anticipando la boutade dannunziana. Ci fu un Jacques Moran cuoco di Guillaume Apollinaire e un Gioacchino Morante lacché di Filippo Tommaso Marinetti. Un Jack (Moran) accompagnò un altro Jack (Kerouac) on the road per tutti gli States. Questo stesso Jack Moran passò ore con William Borroughs aiutandolo nella redazione di The Naked Lunch e fu intimo amico di Jim Morrison: se passate per il cimitero di Pere Lachaise, date un?occhiata alla tomba vicino a quella del cantante dei Doors: vi troverete un nome conosciuto. Jack Moran incise anche un pezzo con The Klangers a Londra nel 1976 e fu co-autore con Edoardo Bennato di alcuni pezzi di critica sociale che misero in musica i Napoli centrale.
Un amico m?ha detto che ora Jack Moran è Barcellona. Non ci credevo: pensavo fosse un?altra strana storia. M?ha detto che lo si sente suonare nel Bar Pastis, alla domenica sera. Bé, un paio di settimane fa mi sono deciso a passare. E l?amico mio non s?era sbagliato affatto. Il suo corpo attuale è quello di un musicista veronese o un performer di Sabadell (scegliete voi la versione che più vi piace) il cui nome è già stato divorato dal tempo, come il corpo di Jean-Baptiste Grenouille venne divorato dalla folla. Lo potete riconoscere per il cappello a cilindro nero e un medaglione con una foto in bianco e nero al collo. Questo ultimo Jack Moran vive di nostalgia e di sperimentazione. Mescola, mischia, unisce, sovrappone, improvvisa, impressiona. Jack Moran sembra un discepolo di Don DeLillo. Recita la Ballata del primo Jacques Moran, mette in musica con estrema dolcezza le poesie di Antonio Machado, propone nuove creazioni rock in catalano. Il Jacques Moran del Pastis è dada quando rompe specchi e silenzi con i poeti beat, è futurista quando si burla dello spazio-tempo contemporaneo con una Aerobik Kollision e una Pollution Cantata, è estremamente rock quando canta pezzi dei suoi vecchi amici (Tom Waits, Jim Morrison) e quando crea speranze dal nulla a mò di un novello Houdini. Jaques Moran rida vita alla voce di Antonine Artaud e a quella di Bertold Brecht. Ho chiesto al buon vecchio Ángel, che da dietro il bancone spilla birre e serve il solito Ricard, fino a quando suonerà questa specie di Ebreo errante, inafferrabile e irraggiungibile. Nemmeno Ángel lo sa. Per il momento, troverete ancora la sua chitarra elettrica e il suo organetto post-moderno in fondo al Bar Pastis. La prossima settimana? Chissà!
 

Anteprima Festival Grec 09

RF Web Festival Grec 09 Bcn  2009-06-14 

cultura 

eventi 

Itàlia dietro il palco
El millor de la escena artística italiana a Bcn
Teatre Grec Poble Espanyol
Mercat de les Flors
TNC Teatre Nacional de Catalunya
Cccb Bcn
Museu Picasso Bcn
Teatre Lluire
La Capella
Dal 20 giugno al 2 agosto 2009

Il Festival Grec di Bcn dedica un'intera sezione, denominata "Panorama Itàlia", alla cultura italiana: teatro, musica e altre discipline.
La rassegna "Itàlia dietro il palco" propone vari spettacoli teatrali e musicali tra i quali anticipiamo:
"El jardí dels estels" de Marcello Chiarenza i Alessandro Serena, al Teatre Grec, dal 20 al 21 giugno 2009.
"Inferno" di Romeo Castellucci, prima parte della trilogia inspirada lliurement en la Divina Comèdia de Dante Alighieri.
Teatre Grec, dal 29 al 30 giugno 2009.
"La flauta màgica", de W.A. Mozart
Re-interpretata dall'Orchestra di Piazza Vittorio
Teatre Grec
3 Luglio 2009.
Nel prossimo numero di www.bcn-it.com, dedicheremo un ampio servizio al Festival Grec 09, con gli altri spettacoli in programma, tra i quali il concerto di Vinicio Capossela del 7 luglio, che ritorna a Barcellona per presentare il suo ultimo cd "Da solo".

In dettaglio:

"El jardí dels estels"
De Marcello Chiarenza i Alessandro Serena
Teatre Grec Poble Espanyol
Dal 20 al 21 giugno 2009

Criatures i El jardí dels estels són els títols dels dos espectacles que els mestres italians Marcello Chiarenza i Alessandro Serena, pesos pesants del Nou Circ a Europa, estrenaran per primera vegada a Barcelona.
El Nou Circ beu de la riquesa dels gèneres populars i tradicionals, com la Commedia dell'Arte i el circ clàssic, i en fa una relectura i una fusió amb el clown, les acrobàcies, la dansa i els malabars. L'experimentació és una de les seves característiques, així com la música original, que col?labora en la presentació sobre l'escenari d'un relat, una història que explica el sentit final de tot l'espectacle.
Criatures és una representació d' Arcipelago Circo Teatro basada en les arts del teatre acrobàtic africà que neix inspirada en el Càntic de les criatures de sant Francesc d'Assís. Des de la seva estrena s'ha representat prop de 300 vegades a tot el continent, i ha recollit elogis i èxit de públic, amb més de 150.000 espectadors. El jardí dels estels és un conjunt de quatre performances realitzades per un repartiment excepcional que han estat pensades particularment per al nostre festival. Al Teatre Grec -han explicat els creadors d'aquesta doble sessió- la màgia del circ trobarà el seu espai somniat. No només dins de l'amfiteatre, sinó també entre els jardins del voltant.
L'espectacle resultant presenta una vetllada plena d'emocions per a tots els públics que puguin anar a dormir més tard de les dotze, i amb una sorpresa rere l'altra; per continuar bocabadats fins i tot després de l'aplaudiment final.

Direcció: Marcello Chiarenza
Direcció artística: Alessandro Serena
Música original: Carlo Cialdo Capelli
Criatures: Arcipelago Circo Teatro, Ochaka Aeneah Asikoye, Claudio Bizimana, Githaiga Joseph, Mfano Kazungu Kyrao, Abdallah Feisal Muhamed, Mbugua Henry Nduati, Henry Charo Nyoka, Issack Maina Ruhuho, Carla Nahadi Babelegoto
i Emanuele Pasqualini


"Inferno"
di Romeo Castellucci, trilogia inspirada lliurement en la Divina Comèdia de Dante Alighieri
Teatre Grec
Del 29 al 30 giugno 2009

Si a la Divina Comèdia el viatge pel més enllà el fem acompanyats del poeta romà Virgili, al Grec'09 és el mateix director italià Romeo Castellucci qui ens guia per aquest món desconegut per als vius, amb tal lucidesa que sembla que ell mateix l'hagi visitat abans. Castellucci, però, no confirma res. Tan sols reconeix haver deixat assecar el llibre de Dante Alighieri sobre seu, «com si es tractes d'una camisa mullada».
La proposta escènica d'aquesta trilogia de la Divina Comèdia és moderna, plàstica, amb intenció clara d'afectar els sentits del públic, ja que, com afirma el director italià, «tot allò que pugui arribar al cor de l'espectador forma part de l'escriptura dramàtica». Així, amb aquesta nova versió, la mort perpètua de l'Infern guanya en complexitat, la condemna del Purgatori ens recorda les rutines de la vida real i el territori del Paradís esdevé un espai de trobada amb un mateix, una instal?lació de trànsit, una finestra dirigida a l'inabastable.
Una trilogia en tres espais i dies diferents per marcar a foc lent la pell d'aquest Grec'09. Tot un viatge d'allò més singular, format per una col·lecció d'imatges paradisíaques i monstruoses, oníriques i més reals del que podem imaginar, que ens demostren el talent electritzant de Castellucci, un director total considerat, ja per tots dins el teatre europeu, com una de les seves grans estrelles.

L?Orchestra di Piazza Vittorio
Reinterpreta "La flauta màgica", de W.A. Mozart
Teatre Grec
3 Luglio 2009

L'Orchestra di Piazza Vittorio és un grup d'esperit combatiu i progressista que ha abanderat els valors de la tolerància i la multiculturalitat d'una manera irònica i festiva. L'any passat, al Grec'08, van penjar el cartell «Entrades exhaurides» amb la sessió de cinema concert. Enguany hi tornen amb la seva última producció: un treball que vol reinterpretar l'òpera de Wolfgang Amadeus Mozart La flauta màgica. L'espectacle parteix de la suposició que la composició no s'hagués escrit mai en un llibret. Aleshores, en no quedar fixada, la història s'hauria transmès oralment a través de cançons i contes arreu del món. Tal com hauria arribat als músics de la formació, transformada i en continu procés evolutiu, és com ens la interpreten. Un desafiament musical resolt amb molta sensibilitat i grans dosis d'alegria.

Direcció artística i musical: Mario Tronco
Reelaboració musical: Mario Tronco i Leandro Piccioni
Amb Omar Lopez Valle, El Hadij Yeri Samb, Petra Magoni, Sylvie Lewis, Awalys Ernesto López Maturell, Carlos Paz, Houcine Ataa, Raul Scebba, Ziad Trabelsi, John Maida, Gaia Orsoni, Zsuzsanna Krazsnai, Pino Pecorelli, Evandro Dos Reis, Sanjay Kansa Banik, Peppe D'Argenzio, Dialy Mady Sissoko, Giuseppe Smaldino, Leandro Piccioni i Fausto Bottoni
 

Sónar 09

RF Web Sónar 09  2009-06-14 

musica 

eventi 

Sónar 09
Festival de Música Avanzada y Arte Multimedia de Barcelona
18.19.20 Junio 2009.

Giunto alla 16º edizione, il Festival Sónar di Bcn è uno dei principali appuntamenti musicali dell'anno.
Il Festival ribadisce il proprio carattere eminentemente elettronico, con la partecipazione di maestri del genere come Orbital, Animal Collective, Carl Craig, Crystal Castles, Fever Ray, Moderat, Rustie, Moderat (Modeselektor + Apparat) o gli artisti delle etichette Ghostly International, Raster Noton E Ostgut Ton, oltre a una buona rappresentazione del nuovo universo dubstep e altri ritmi urbani.
Ecco il programma dettagliato delle serate "clou" di venerdì e sabato.
Per ulteriori informazioni, www.sonar.es è il sito di riferimento.

Sónar de Noche: Viernes 19
El glamour y el baile se apoderan de la noche del viernes con los shows de Grace Jones, Little Boots, Buraka Som Sistema, Richie Hawtin, Late of the Pier y SebastiAn, y las sesiones de James Murphy & Pat Mahoney (LCD Soundsystem disco set), Joker, Erol Alkan, Agoria, Martyn, Crookers y The Gaslamp Killer.
SonarClub
Grace Jones es la estrella de la noche del viernes. Su concierto en SonarClub, con una puesta en escena acorde al glamour que desprende su figura, marcará una jornada nocturna en la que también podremos disfrutar de las sesiones de especialistas natos como Richie Hawtin (clásico del festival), Agoria, James Murphy & Pat Mahoney (con un set especial de joyas de la música disco) y Nacho Marco, además del directo de SebastiAn, último crack de la factoría Ed Banger.
SonarPub
En SonarPub, tres shows marcan la pauta: Little Boots (en lo más alto de las listas británicas), Late of the Pier (más allá del nu rave) y Buraka Som Sistema (reyes del kuduro). Además, los sets de baile puro del barcelonés Buenavista, el dúo italiano Crookers y el hábil francés Brodinski.
SonarLab
DJohnston se encargará de abrir SonarLab, donde al principio mandarán los sonidos urbanos del show de BBC Radio 1, comisariado por tercer año consecutivo por Mary Anne Hobbs, y con shows de los nuevos valores de los ritmos urbanos: Joker, The Gaslamp Killer y Martyn. Tras su terremoto de breaks y bajos, llegará el directo de italodisco de Heartbreak, nuevo fichaje de Lex Records, y tras ellos las sesiones de Erol Alkan (y su set especial Disco 3000) y el final con el dj francés Don Rimini.

Sónar de Noche: Sábado 20
La noche del sábado presenta un cartel de altos vuelos, que incluye a Orbital, Animal Collective, Carl Craig, Crystal Castles, Fever Ray, Moderat, Rustie, Deadmau5, Jeff Mills y Marcel Dettmann, entre otros.
SonarClub
SonarClub acogerá dos de los conciertos más esperados de todo el festival: Animal Collective (presentando el muy alabado "Merriweather Post Pavillion") y Orbital, dúo clave de la electrónica de los últimos 15 años. Junto a ellos, también se podrá disfrutar del show audiovisual de Moderat (Modeselektor + Apparat + los visuales de Pfadfinderei), el techno de los madrileños HD Substance y Tadeo, las filigranas vocales de Beardymann (posiblemente el mejor beatboxer del mundo), el set del jovencísimo y ya muy popular Deadmau5 o el cierre de otro dj nacional de altura, Henry Saiz.
SonarPub
SonarPub verá desfilar también en su escenario sets y actuaciones de muchos quilates, empezando por ni más ni menos que Jeff Mills y Carl Craig (¡pinchando uno detrás del otro!), y siguiendo por los shows de Fever Ray, Crystal Castles y Rustie, además de la maestría habitual a los platos de Angel Molina.
SonarLab
Mientras, en SonarLab, los showcases de Sunday Best (con las actuaciones de dan le sac vs. Scroobius Pip y el propio Rob da Bank) y de la factoría berlinesa Ostgut Ton (con los impecables Shed y Marcel Dettmann) marcan un espacio por el que también pasarán tres de los más prometedores nombres del festival: el joven valor británico Sinden y los nacionales Cauto y The Requesters.
 

Ediciones de los Sueños

Elisa Pellacani  2009-06-14 

arte 

gallerie 

l'Associazione Ilde presenta:
Ediciones de los Sueños
En el Taller Perill
Cursos de verano 09 con Elisa Pellacani

Mañanas
sesión intensiva: trabajar sobre una idea narrativa o un concepto para traducirlo en forma de libro con herramientas manuales, en copia única o como prototipo para su reproducción.
Técnicas de encuadernación necesarias, pruebas de composición grafica y de impresión con diferentes materiales.
Viernes 2, sábado 3, lunes 6, martes 7 y miércoles 8 de julio.
De 10 a 14 horas. Precio 135 euros


Tardes
sesiones de diseño y realización de libros con herramientas manuales para realizar copias únicas o pequeños tirajes. Técnicas de encuadernación (cosido, japonés, desplegables) con practicas de composición grafica (caligrafía, ilustración, tipografía; grabado, collage, china y acuarelas) en diferentes materiales (papel, tela, cartón).
Del martes 16 de junio al martes 14 de julio
de 16.30 a 20.30 horas. Precio 130 euro


Fin de semanas
sesiones intensivas, dos días enteros para la realización de un libro según una temática personal o propuesta. Análisis de las técnicas necesarias, organización del contenido. Evaluación de su posibilidad de reproducción en tiraje limitado.
Junio: sábado 13 y domingo 14. Julio: sábado 11 y domingo 12.
De 10 a 14 horas y de 16 a 20 horas. Precio 95 euro


Taller Perill, c/ Perill 41, Barrio de Gracia. Metro: Diagonal y Verdaguer
Información y confirmaciones: epellacani@yahoo.it, tlf 657 257 158
 

Tutankhamon

RF Web Ajuntament Bcn  2009-06-03 

arte 

esposizioni 

"Tutankhamon: la tomba i els seus tresors"
Museu Marítim de Barcelona
Dal 6 giugno al 6 settembre 2009

Si tratta di una spettacolare mostra nella quale il visitatore emula Howard Carter, l?archeologo che circa novant?anni fa fece lo straodinario ritrovamento, e s?addentra in una replica esatta della tomba del faraone più famoso della storia.
L?esposizione, che occupa uno spazio di circa 800 metri quadrati, è stata progettata da Wulf Kohl, un artista tedesco residente da circa 30 anni al Cairo e da Paul Heinen.
Si possono visitare tre delle quattro camere funerarie e i tesori della tomba di Tutankhamon.
Un centinaio di artisti egizi lavorarono minuziosamente per anni per preparare gli oggetti e i paramenti sacri secondo tecniche tradizionali, ancora oggi parzialmente sconosciute.
Il percorso espositivo si snoda fra le tre camere della tomba: la prima camera d?ingresso o anticamera, la camera del tesoro e la camera funeraria, in cui è situato il sarcofago.
Si possono ammirare una copia del sarcofago in quarzite, le cappelle che lo circondano, le figure in oro delle divinità occulte, i gioielli d?oro della mummia, i carri da battaglia e la famosa maschera..
Tutankhamon, che diventò faraone a soli 7 anni e morì giovanissimo a 19 in circostanze misteriose, è una delle figure più enigmatiche della storia egizia, giacché i faraoni che gli succedettero tentarono di cancellarne la memoria, eliminandone il nome da monumenti e documenti.
Dimenticato, ignorato e nascosto, Tutankhamon ha riposato per più di tremila anni nella Valle dei Re fino al ritrovamento ad opera di Howard Carter.
L'esposizione presenta varie informazioni sulla cultura e il pensiero dell?antico Egitto e un documentario su Carter e la sua straordinaria scoperta.
 

Barcellona luglio 1909

Laura Orlandini  2009-05-26 

arte 

esposizioni 

Setmana Tràgica 1909 ? 2009
Castello del Montjuïc
Museu d'Història de Barcelona
Arxiu Nacional de Catalunya e altri centri
Dal 7 maggio 2009

Laura Orlandini mette in evidenza un aspetto poco trattato dalla storiografia ufficiale, il ruolo delle donne e dei bambini durante la Setmana Tràgica del 1909.

Una foto è solo un breve sguardo, ritrae solo un vicolo, un?ora del giorno. Ritrae una chiesa distrutta, col tetto frantumato al suolo, e lascia l?osservatore impacciato con il suo carico di domande. Siamo nel 1909, l?ultima settimana di luglio: una serie di immagini in bianco e nero ci mostrano i segni di una rivolta dal forte connotato anticlericale (poi chiamata dalla storiografia "Semana Tràgica") ma ci danno anche la possibilità di dare un?occhiata a una Barcellona che non esiste piú, una città che viveva di aspirazioni e voci che il tempo ha ormai svuotato di significato. La mostra fotografica allestita ora al castello di Montjuich, e quella, più piccola, della Biblioteca Balmes, ci permettono di mettere un po? il naso in quella cornice sociale e urbana che accolse per una settimana una guerriglia cittadina: un teatro di scena da cui non si può prescindere per capire gli eventi e il loro svolgersi.

Come era la Barcellona del 1909, mentre dava fuoco a chiese e conventi? Come vivevano le sue strade, di che volti si popolavano? Che parole la percorrevano da parte a parte, e cosa volevano dire? Che significato si dava alle parole, quando si parlava ad esempio di guerra, o di figli, o della prossima cena, o della rivoluzione?

In molte foto si vedono i rivoltosi all?opera. Indaffarati a sistemare i pietroni per una barricata, o esultanti su un tramvai ribaltato. Guardano l?obiettivo, ridono. E frantumano con il loro sorriso un po? di discorsi e preconcetti di chi sta guardando la foto. Certo, chi ha messo mano nella storiografia sull?argomento ha imparato a valutare le responsabilità della rivolta, conosce i rapporti di potere tra i gruppi politici che hanno partecipato allo sciopero generale (il partito radicale, quello socialista, gli anarchici), ha considerato l?importanza dell?anticlericalismo e delle rivendicazioni sociali. Tutti fattori determinanti per comprendere l?episodio e collocarlo nel giusto contesto, ma c?è qualcosa che le foto ci propongono con un?evidenza quasi sfacciata, e che spesso si dimentica: al centro dell?obbiettivo ci sono ragazzi giovanissimi, quasi bambini, con i loro grembiuli da garzoni, che ridono di gusto sulle barricate; ci sono ragazze giovani con le gonne lunghe e i capelli a crocchia, le mani sui fianchi, un po? spavalde, un po? emozionate.
I testimoni, d'altronde, lo dicono spesso. Parlano della stola di "mozuelos" in testa ai cortei, della sfrontatezza con la quale questi ragazzini sfidano l?autorità. Ragazzi giovanissimi, bambini, che si sono appena avvicinati alla politica e al lavoro, e che si lanciano al vandalismo come andassero a una festa. Stiamo parlando di una città, Barcellona, in questi anni estremamente politicizzata, sempre in bilico tra rivolta e terrorismo(la "ciutat de les bombes", viene chiamata dalla cronaca), con una rete organizzativa e politica estremamente attiva e conflittuale. "La revolución en Barcelona no se prepara, por la sencilla razón de que está preparada siempre", scrisse il Governatore Civile di Barcellona, Angel Ossorio y Gallardo, nel suo libro di memorie sulla Settimana tragica. In questa cittá così reattiva, in costante attesa dell?esplosione rivoluzionaria, c?è l?educazione politica degli adulti che si va a saldare con l?entusiasmo sfacciato dei ragazzini. Bambini che già lavorano, da poco usciti proprio dalla scuola religiosa che guardano bruciare; quella scuola dove hanno imparato a leggere, come forse i loro genitori non sanno fare, e non è escluso che siano proprio loro i primi a recepire e diffondere i messaggi politici della stampa propagandistica.

I testimoni che scrivono memorie sui fatti del luglio 1909 si soffermano a volte anche su un altro aspetto, che le fotografie confermano: durante la rivolta le donne non restano in casa, ma partecipano attivamente. Con stupore e rassegnazione i testimoni conservatori prendono atto di questo aspetto, considerato un segnale della decadenza dei tempi moderni. Proprio le donne, ultime custodi del sentimento religioso, proprio loro, che conoscono il prete, che mandano i bambini a scuola dai gesuiti, scendono ora in strada a fare la rivoluzione, ad applaudire di fronte alla chiesa bruciata, a sfidare la truppa. Per quanto la loro partecipazione si possa considerare minoritaria rispetto a quella maschile, non c?è dubbio che si tratti di un aspetto considerato da tutti come singolare e sorprendente, e quindi da tutti segnalato. Difficile è valutarlo quantitativamente, di fronte alle descrizioni prevalentemente emotive proposte dai testimoni: alcuni negano che le associazioni femminili, recentemente costituite dal partito radicale e dal partito socialista, possano esercitare una qualche influenza politicamente rilevante; altri invece insistono nella descrizione delle "furie" e delle "cocottes" scese in strada a fianco degli uomini. Certo è che tra i numerosi morti che la settimana tragica si lascerà dietro (se ne calcolano tra i settanta e i novanta, provocati dai conflitti a fuoco con l?esercito e la guardia civile) sono segnalate anche donne, all?incirca una decina: sono di meno, ma sono comunque in prima linea, e come gli uomini, quindi, restano uccise. Mi permetterei di aggiungere che la violenza iconoclasta sorge di solito in chi ha in qualche modo creduto nell?autorità di quei simboli che ora si appresta a distruggere e ribaltare: se si ammette questo, la partecipazione di coloro che si sono riconosciute nell?autorità religiosa diventa determinante nel momento in cui questa autorità viene negata.
Per approfondire un po? questo aspetto, sarà certamente interessante partecipare all?itinerario guidato organizzato per il 17 luglio dalla Concejalías de Mujeres y Juventud y de Derechos Civiles del Ayuntamento de Barcelona: tra le tante iniziative proposte in questi mesi, questo itinerario, guidato da Dolors Marin, si concentrerà proprio sulla partecipazione femminile agli eventi.
 

Palladio l? Arquitecte

Marco Giralucci  2009-05-24 

arte 

esposizioni 

Palladio l?Arquitecte
Caixa Forum Barcelona
Dal 22 maggio al 6 settembre 2009.

"Palladio l?Arquitecte", è un?esposizione sull?opera dell?architetto italiano, vissuto fra il 1508 e il 1580, realizzata in collaborazione con la Royal Academy of Arts di Londra e il Centro Studi Andrea Palladio di Vicenza, insieme con il Royal Institute of British Architects di Londra. L?allestimento, impeccabile, rende il Palladio un fenomeno di studio, immerso in un?atmosfera tutt?affatto contemporanea. Sono possibili, insieme, varie letture della mostra: quella squisitamente architettonica, dei valori formali; quella del lavoro dell?architetto, professionista di idee e di pratica; quella storica, dei legami di persone, di rapporti, di pensieri.
Nei novecento metri quadrati dell?esposizione, colpisce particolarmente la famosa collezione di modelli in legno con particolari in bisquit di porcellana, della Basilica di Vicenza, dei palazzi e delle ville che da oltre trent?anni si arricchisce di pezzi elaborati su documenti, disegni e studi. Si vedono qui, insieme, i disegni conservati a Londra Vicenza e Venezia. Si evidenzia il modo di lavorare di Andrea di Pietro della Gondola e quanto i curatori - Howard Burns, Guido Beltramini e Fernando Marìas - hanno trovato, in anni di studi.
Troviamo anche dipinti di grandi autori: Tiziano che ritrae Daniele Barbaro, due Canaletto, un ritratto della numerosa famiglia di Gianalvise Valmarana, un Greco, un Veronese che rieccheggia le architetture palladiane e mette su tela, ma non è un caso, i due fratelli Barbaro, mecenati e committenti del nostro Andrea. Dai numerosi inediti appare, per esempio, la quasi sconosciuta entratura spagnola: il progetto della chiesa dell?Escorial inviato a Filippo II.
Burns, nella conferenza inaugurale, ha mostrato documenti dove si accavallano schizzi, progetti, particolari, appunti: tutto assieme l?iter di un?idea, visibile poi, solo in pochi casi, nell?edificio realizzato. La tesi del più noto studioso del Palladio è che anche le sue costruzioni siano rappresentazioni , idee da lanciare.
Non è necessario edificarle per intero. Anzi, non si potrà mai farlo: la splendida simmetria dei corpi di fabbrica rimarrà solo un concetto. Non sarà mai possibile terminare gli edifici, e il Palladio lo sa, perchè il terreno non basterebbe o non è di proprietà del committente, o si dovrebbe demolirne altri. Il fatto che quasi tutti i suoi palazzi vicentini siano ultimati solo in parte, sarebbe quindi spiegato da questa singolare chiave di lettura.
Nei suoi libri, Andrea di Pietro espone metodi di progettazione e edificazione attraverso i propri progetti, ma una verifica precisa delle misure ha da tempo dimostrato che i progetti pubblicati non corrispondono esattamente agli edifici costruiti. Secondo Burns, anche i manufatti sono dei modelli. In scala naturale.
Ecco, quindi alcune letture, fra le molte possibili. Palladio inserito nei movimenti e nelle fazioni politiche europee attraverso i suoi committenti. Palladio che, dopo Vicenza, arriverà nella capitale Venezia, e costruirà solo bellissime chiese, ma non un solo edificio civile. Palladio che, attraverso il suo trattato, porta il classicismo in tutto il mondo occidentale: migliaia di copie dei Quattro Libri, attraverso l?architetto inglese Inigo Jones, arriveranno fin negli Stati Uniti.

Chi era il Palladio:
Andrea di Pietro era nato a Padova, nel 1508 da una famiglia umile, il padre era mugnaio. A 13 anni inizió l?apprendistato di scalpellino e seguí la famiglia a Vicenza lavorando sempre come tagliapietra, fino all?incontro, nel 1535, con il nobile Giangiorgio Trissino, raffinato umanista, che lo guiderà verso una formazione culturale e alla scoperta dell?architettura classica.
L?opera che gli diede maggiore notorietà è il trattato "I quattro libri dell'architettura", pubblicato a Venezia nel 1570, che insegnava come progettare, con i canoni classici degli ordini architettonici, archi colonne e capitelli applicandoli alla costruzione di ville, palazzi e ponti.
I disegni, gli aspetti stilistici e le proporzioni formali contenute in questo trattato influenzarono in modo determinante tutta la produzione architettonica successiva, dall'illuminismo all'Ottocento, fino alla nascita del Movimento moderno nel Novecento. Palladio in questo trattato sviluppa la teoria delle proporzioni architettoniche già presente nell'antico trattato De Architectura dell'architetto romano Vitruvio di cui Palladio stesso curò una edizione illustrata nel 1567 assieme a Daniele Barbaro, suo amico, per il quale costruirà la splendida villa di Maser, vicino Treviso, dove si spegne il 19 agosto 1580.
 

Princeses medievals

RF Web Museu d'Història de Catalunya  2009-05-24 

arte 

esposizioni 

Princeses de terres llunyanes. Catalunya i Hongria a l'edat mitjana
(Principesse di terre lontane. Catalogna e Ungheria nel Medioevo)
Museu d?Història de Catalunya
Plaça Pau Vila Barcelona
Dal 7 maggio al 2 agosto 2009

Durante l?epoca medievale le dinastie regnanti della Catalogna e d?Ungheria ebbero intense relazioni vincolate da complicate strategie matrimoniali. Tra il casato d?Aragona e di Árpád vi furono ben quattro matrimoni reali, che ebbero come protagoniste quattro principesse.
Constanza d'Aragona, Violante d'Ungheria, Beatrice d'Aragona e Maria d?Asburgo sono le principesse, che in seguito saranno regine, a cui il Museu d?Història de Catalunya dedica l?esposizione "Princeses de terres llunyanes. Catalunya i Hongria a l'edat mitjana". (Principesse di terre lontane. Catalogna e Ungheria nel Medioevo).
La mostra raccoglie oltre 200 pezzi e opere provenienti da musei e collezioni europee e statunitensi, tra i quali alcune tavole di grande interesse del Musée Languedocien di Montpeller, in cui si conserva l´unica rappresentazione coeva al re Jaume I; il tesoro di Santa Isabella del Portogallo, del Museu Machado de Castro di Coïmbra, elaborato dai maestri orafi della Corona d´Aragona; parte del corredo funebre di Constanza d´Aragona, proveniente dalla Cattedrale di Palermo; una selezione della Biblioteca della regina Beatrice e del fratello Giovanni d´Aragona; oltre a un?importante serie di oggetti sulle origini del popolo magiaro ceduta dal Museo Nazionale d?Ungheria di Budapest, prossima meta di questa esposizione itinerante.
 

Quinquis de los 80

RF Web Cccb Bcn  2009-05-24 

spettacoli 

cine 

Quinquis de los 80. Cine, prensa y calle
Cccb Bcn
Curatrici: Amanda Cuesta e Mery Cuesta
Dal 25 maggio al 06 settembre 2009

L?esposizione presenta e analizza il così detto "cinema quinqui" che, tra il 1978 e il 1983, rifletteva il disagio sociale e l?emarginazione urbana dei primi anni della democrazia in Spagna.
Anni di profonda crisi economica e di grandi trasformazioni urbanistiche, sociali e politiche. I protagonisti erano giovanissimi "border line" le cui gesta ebbero notevole ripercussione nella stampa dell?epoca, che retro alimentava il mito di una gioventù bruciata, con tanto di eroi e perdenti.
Si possono seguire i codici di rappresentazione della delinquenza giovanile del "cinema quinqui", il cui fascino è sopravvissuto fino ad oggi.
La vita nei quartieri periferici degli anni ?70, nei poligoni industriali fra depressione economica e disoccupazione. Quartieri spesso costruiti con materiali di pessima qualità, privi di servizi e punti d?incontro. Brodo di coltura ideale per la nascita della delinquenza giovanile. Si calcola infatti che nel 1975 il 25% della popolazione giovanile sopra i 14 anni era esclusa dalla scolarizzazione superiore e dalla formazione universitaria.
L?arrivo e la diffusione dell?eroina, in una simile situazione sociale, fece strage anche fra i giovanissimi delinquenti che erano ormai divenuti il nemico pubblico numero uno. L?emergenza sicurezza e la loro costante presenza nei mezzi di comunicazione, ha fatto di alcuni protagonisti come "El Vaquilla" o "El Jaro", le vere "star" di questo universo, gli autentici eroi della marginalità, ben presto diventati icone. Icone di cui presto il cinema s?impossessa lasciandoci realizzazioni quali: "Navajeros", la saga "Perros callejeros" e "Yo, El Vaquilla". Titoli che costituiscono la base del "cinema quinqui".
La mostra presenta inoltre le realtà del riformatorio, del carcere e dell?obsoleto sistema penitenziario ereditato dal franchismo, lontano dal concetto di recupero della delinquenza minorile, che portò a una serie di gravi rivolte nel 1977.
 

Quando piovevano bombe italiane.....

Steven Forti  2009-05-22 

arte 

esposizioni 

Quando piovevano bombe italiane?

di Steven Forti

Per il settantesimo anniversario del primo bombardamento, nel febbraio del 2007, il Museu d?Historia de Catalunya organizzò la mostra Quan plovien bombes, ideata e curata da due giovani storici dell?Universitat Autònoma de Barcelona e membri del CEFID, l?italiana Laura Zenobi e il catalano Xavier Domènech. Sotto il titolo Quando piovevano bombe. I bombardamenti italiani di Barcellona durante la guerra civile, la mostra divenne itinerante tra il dicembre del 2007 e la fine del 2008 in tutta la penisola italiana (da Novi Ligure a Milano, da Brescia a Venezia, da Trieste a Bologna, da Genova a Arezzo), riscuotendo notevole interesse e riportando in primo piano una questione troppo spesso dimenticata.

Se in quest?anno domini 2009 dovessimo pensare a dei bombardamenti italiani su Barcellona, il nostro pensiero andrebbe rapidamente alle ondate di turisti che invadono le Ramblas 365 giorni all?anno. Un bombardamento costante ed impetuoso, figlio del mito di Barcellona imperante nel Belpaese. Settant?anni fa, però, i bombardamenti eran di ben altro tipo.
Il 17 e il 18 luglio del 1936 la Spagna fu sconvolta da un pronunciamiento militare contro il governo della Seconda Repubblica democraticamente eletto. Il fallimento di questo tentativo di golpe di Stato in oltre metà della penisola iberica scatenò la drammatica Guerra Civile, che si protrasse per quasi tre anni. Barcellona visse alcuni giorni di durissimi scontri casa per casa tra le guarnigioni dell?Esercito sollevatesi e le forze fedeli alla Repubblica, tra cui si distinsero per numero e per generosità i militanti dei partiti di sinistra e catalanisti (PSUC, CNT, POUM, ERC). Nella Ciudad Condal ?come nella heróica Madrid, come a Valencia, come a Bilbao? il pronunciamiento non ebbe successo: Barcellona rimase repubblicana fino al 26 gennaio 1939, quando le truppe franchiste, vinte le ultime resistenze dopo la tragica Battaglia dell?Ebro, entrarono in una città in cui regnava il silenzio e la paura. In quei trenta mesi di Guerra Civile Barcellona fu un centro politico, propagandistico e culturale di prim?ordine. Fu una città costantemente sulla barricata. Ma fu anche una città in cui la gente dovette convivere, suo malgrado, con la paura e la morte. L?isola di Mallorca, difatti, cadde sotto il controllo franchista fin dal primo giorno. La repressione fu brutale. Mussolini mandò un fascista della prima ora, Arconovaldo Bonaccorsi, alias conde Rossi, in aiuto delle forze di Franco sulla più grande delle Baleari. Le avventure e le disavventure di Bonaccorsi sono state da poco romanzate da Miguel Dalmau in La noche del Diablo, una specie di western che puzza ancora della polvere da sparo della Guerra Civile. Mallorca divenne presto un centro d?operazioni fondamentali, soprattutto dell?aviazione italiana. Il 13 febbraio 1937 cominciarono i primi bombardamenti della capitale catalana che si protrassero per due anni e che furono compiuti dall?Aviazione Legionaria fascista italiana. Barcellona fu una delle prime città europee a vivere intensamente l?esperienza dei bombardamenti contro la popolazione civile, che tanta parte ebbero durante il secondo conflitto mondiale.
Per il settantesimo anniversario del primo bombardamento, nel febbraio del 2007, il Museu d?Historia de Catalunya organizzò la mostra Quan plovien bombes, ideata e curata da due giovani storici dell?Universitat Autònoma de Barcelona e membri del CEFID, l?italiana Laura Zenobi e il catalano Xavier Domènech. Sotto il titolo Quando piovevano bombe. I bombardamenti italiani di Barcellona durante la guerra civile, la mostra divenne itinerante tra il dicembre del 2007 e la fine del 2008 in tutta la penisola italiana (da Novi Ligure a Milano, da Brescia a Venezia, da Trieste a Bologna, da Genova a Arezzo), riscuotendo notevole interesse e riportando in primo piano una questione troppo spesso dimenticata. Conclusasi l?esposizione, gran parte dell?informazione sui bombardamenti, sulla propaganda e la contropropaganda, sui 1300 rifugi antiaerei della città e sulle vittime ?circa 2.500-3.000? ora la si può trovare nel catalogo della mostra in catalano ed in italiano ed anche on-line alla pagina http://www.barcelonabombardejada.cat
Altre due iniziative, patrocinate dal Memorial Democratic della Generalitat de Catalunya, sono meritevoli d?essere menzionate. La filologa María Campillo ha curato un?antologia di testi letterari centrati sulla relazione tra letteratura e guerra dal titolo ?Quan plovien bombes?. Textos literaris catalans sobre els bombardeigs de Barcelona / ?Quando piovevan bombe?. Testi letterari catalani sui bombardamenti di Barcellona, contenente poesie tanto di scrittori affermati come di scrittori più giovani ed anche di scrittori del tutto ignoti. E Xavier Domènech, insieme a Judit Pujadó, è stato curatore anche di Refugi. Quan el refugi és el subsòl organizzata nella primavera del 2008 nel metro di Barcellona, un?esposizione dedicata ai rifugi sotterranei ideati dalla popolazione barcellonese durante i bombardamenti aerei.

Steven Steven Forti (Trento, 1981) ha lasciato la terra di Mazzini e Garibaldi già da qualche anno. Laureato in storia contemporanea all'Università degli Studi di Bologna, attualmente sta concludendo un dottorato di ricerca sulla questione del transito di dirigenti politici di sinistra al fascismo nell'Europa interbellica all'Universitat Autònoma de Barcelona. È membro del GREF e del CEFID (Centre d'Estudis sobre les Èpoques Franquista i Democratica) e fondatore di PRAXIS-Associació de Joves Investigadors en Història i Ciencies Socials. Collabora con varie riviste italiane e spagnole di storia contemporanea ("Spagna Contemporanea", "Storicamente", "Nous Horitzons") e con altri periodici di politica e di cultura, tra cui "Avant" e "Lata de Zinc". Passa gran parte del suo tempo al bancone dei bar di mezza Europa, divagando in improbabili discussioni senza capo né coda su jazz, western, politica e rivoluzioni.
Adora Sam Peckinpah e si considera post-moderno, ma non lo è.
 

Primavera culturale a Bcn

R.F.  2009-05-06 

musica 

concerti 

Primavera culturale a Barcellona
Auditori de Barcelona
Parc del Fòrum
Museu Etnològic
Museu Picasso
Cccb di Bcn
Filmoteca de Catalunya
Mnac (Museu Nacional d?Art de Catalunya)

Musica: la chitarra, protagonista
Ormai è un classico della stagione culturale, il Festival de Guitarra de Barcelona, giunto alla 20ª edizione, che presenta quest'anno un programma con solisti di grande prestigio quali Vicente Amigo o Madeleine Peyroux e artisti emergenti come Manel e gruppi noti come Wilco.
Il suono delle chitarre sarà protagonista anche del festival Primavera Sound che quest?anno si terrà dal 28 al 30 maggio, con la presenza di band assai note quali My Bloody Valentine o Sonic Youth. Sui palcoscenici del Parc del Fòrum si esibiranno anche artisti assai noti quali Neil Young, Jarvis Cocker, Andrew Bird, Herman Dune, Michael Nyman o Joe Crepúsculo.
Chiude la stagione musicale primaverile la 16ª edizione del Sònar, dal 18 al 20 giugno, che ha in programma le esibizioni di Orbital, Alva Noto, la mitica Grace Jones, tra gli altri o del pop del futuro di Animal Collective.
Esposizioni: dall?Africa alla Colombia
Il Museu Etnològic organizza una mostra fotografica sul "Carnaval de Barranquilla" una delle più importanti feste colombiane e il Museu Picasso, dal mese di giugno, ospiterà un?esposizione antologica dedicata all?artista olandese Kees Van Dongen.
Ricordiamo inoltre l?esposizione in corso presso il Cccb di Bcn sulla fotografia africana "Bamako", che presenta oltre 200 fotografie dei migliori fotografi africani. Sempre presso il Cccb, dal 25 maggio, si potrà visitare la mostra "Quinquis dels 80. Cinema, premsa i carrer", uno sguardo audiovisivo alla delinquenza giovanile degli anni ?70 e ?80.
Continua al Mnac (Museu Nacional d?Art de Catalunya) l?esposizione dedicata a Joaquim Sorolla.
Ma anche il cinema è protagonista della primavera culturale barcellonese: dal 30 aprile al 10 maggio, si celebra il Festival de Cinema Asiàtic, che presenta soprattutto produzioni giapponesi e coreane. Da non perdere la rassegna "La meglio gioventù: novíssims cineastes italians" dedicata ai giovani registi italiani, presso la Filmoteca de Catalunya, curata da Daniela Aronica del Csci (Centro Studi sul Cinema Italiano) di Bcn.
Spazio anche al cinema digitale, con la quinta edizione del Festival DiBa, dal 17 al 24 maggio, in cui il mondo dei videogiochi ha un ruolo di primo piano.
 

La meglio gioventù

R.F. Web Filmoteca Catalunya  2009-05-06 

spettacoli 

cine 

La meglio gioventù: novíssims cineastes italians
Filmoteca de Catalunya
Av. Sarrià 33 Barcelona
Rassegna organizzata da: Filmoteca de Catalunya, Filmoteca Valenciana, Filmoteca de Zaragoza e Centro di Studi sul Cinema Italiano. Con il patrocinio del Consolato Generale d'Italia in Barcellona
Da lunedì 4 maggio 2009 a domenica 24 maggio 2009.

La Filmoteca de Catalunya dedica un cicle al cinema italià contemporani sota el títol de La meglio gioventù: novíssims cineastes italians.
La retrospectiva comprèn 16 films dirigits per cineastes debutants, estrenats a partir de l?any 2000 i inèdits al nostre país. La selecció de films pretén reflectir el renaixement d?una cinematografia que ha estat gairebé absent a les pantalles espanyoles i catalanes durant les darreres dècades però que ha tornat a obtenir ressò internacional gràcies a films com El último beso (2001),
El oficio de las armas (2001), La mejor juventud (2003), Gomorra (2008) o Il Divo (2008). La immigració, la vida a Sardenya, els pescadors napolitans, la violència a Nàpols, l?explotació laboral, l?homosexualitat o les presumptes relacions entre la màfia i el sistema polític són alguns dels temes on dipositen la mirada aquest gran grup de nous realitzadors amb discurs propi, que han revitalitzat la cinematografia del país transalpí. Aquesta mostra ha estat possible gràcies al patrocini del Consolat General d?Itàlia a Barcelona i la col·laboració de Filmitalia-Cinecittà Holding i de l?Institut Italià de Cultura de Barcelona.

La rassegna, curata da Daniela Aronica del Centro di Studi sul Cinema Italiano di Barcellona, presenta opere prime di giovani registi italiani che in pochi anni hanno conquistato una meritata fama quali Paolo Sorrentino, Daniele Vicari o Vincenzo Marra.

Ecco il programma completo:

Alessandro Angelini, L?aria salata (2007) / 11-12 maggio
Daniele Gaglianone, I nostri anni (2001) / 22-23 maggio
Alina Marazzi, Un?ora sola ti vorrei (2002) / 4 maggio
Pietro Marcello, Il passaggio della linea (2007) / 24 maggio
Vincenzo Marra, Tornando a casa (2001) / 9-10 maggio
Salvatore Mereu, Ballo a tre passi (2003) / 6-7 maggio
Francesco Munzi, Saimir (2005) / 15-16 maggio
Laura Muscardin, Giorni (2001) / 18-19 maggio
Fausto Paravidino, Texas (2005) / 13-14 maggio
Francesco Patierno, Pater familias (2003) / 15-16 maggio
Enrico Pau, Pesi leggeri (2002) / 19-20 maggio
Andrea Porporati, Sole negli occhi (2001) / 21-22 maggio
Costanza Quatriglio, Il mondo addosso (2006) / 6 maggio
Paolo Sorrentino, L?uomo in più (2001) / 8-9 maggio
Marco Turco, In un altro paese (2005) / 23 maggio
Daniele Vicari, Velocità massima (2002) / 4-5 maggio
 

Setmana Tràgica

R.F.  2009-05-05 

arte 

esposizioni 

Setmana Tràgica 1909 ? 2009
Castello del Montjuïc
Museu d'Història de Barcelona
Arxiu Nacional de Catalunya e altri centri
Dal 7 maggio 2009

Esposizioni, conferenze, libri e itinerari storici sono alcune delle attività attraverso le quali Barcellona rivive la rivolta popolare del luglio 1909, più nota quale la Settimana Tragica.

Tutto cominciò da uno sciopero generale contro la chiamata dei riservisti dell?esercito spagnolo, da impiegare nella guerra contro il Marocco, che in 24 ore diventò una vera e propria insurrezione: barricate e sparatorie per strada, incendi di un?ottantina di edifici civili e religiosi.
I fatti, che ebbero luogo a Barcellona e in altri centri limitrofi, risalgono agli ultimi giorni del luglio 1909 e sono storicamente e popolarmente noti sotto varie denominazioni: Settimana Gloriosa, Settimana Sanguinosa, Settimana Rossa, Settimana di Passione, Rivoluzione di Luglio e, la più famosa, Settimana Tragica.
Per ricordare quei giorni l'Institut de Cultura de Barcelona ha organizzato sette esposizioni, cinque cicli di conferenze sul tema, otto itinerari storici, un seminario e ha curato inoltre la pubblicazione di due libri.
La principale esposizione, "Barcelona en flames!"(Barcellona in fiamme), allestita presso il Castello del Montjuïc dai curatori Antebi e Pablo González e che si può visitare dal 7 maggio, è un intervento fotografico che ricerca il dialogo fra gli avvenimenti di quei giorni e il luogo in cui fu perpetrata la tremenda respressione, il Castello di Montjuïc", dove furono fucilate cinque persone, tra cui il pedagogo Francesc Ferrer i Guàrdia.
Altre mostre sono state organizzate presso l'Arxiu Nacional de Catalunya -immagini dai propri fondi fotografici, soprattutto dei reporter dell?epoca Josep Brangulí e Josep Maria de Sagarra- e presso l'Arxiu Fotogràfic de Barcelona, che apriranno le porte 11 giugno. Jordi Sercs, direttore dell'Arxiu Fotogràfic de Barcelona ha risaltato l?importanza della fotografia in molte attività della Setmana Tràgica.
Tra i cinque cicli di conferenze organizzati ricordiamo la conferenza presso il Museu d'Història de Barcelona.
La Biblioteca Balmesiana presenta le "Jornades sobre la Setmana Tràgica" (5, 6 e 7 maggio) e l'Institut de Cultura ha programmato "Una setmana del 1909" (tra il 21 maggio e il 18 giugno) nell?ambito del ciclo "Converses a Barcelona".
 

101 Zabaleta

RF Web Caixa Forum Bcn  2009-04-19 

arte 

esposizioni 

101 Zabaleta
Centenario di Rafael Zabaleta
CaixaForum di Barcellona
Curatore José Ángel Marín
Fino al 17 maggio 2009

Rafael Zabaleta (Quesada, Jaén, 1907-1960), fu artista chiave della seconda avanguardia spagnola. È stato inserito nella corrente del realismo espressionista, con influenze di Goya, Nonell e Gutierrez Solana.
La mostra raccoglie oltre trenta opere, provenienti da varie collezioni pubbliche e private, che ripercorrono tutte le varie fasi e gli stili del pittore andaluso e rappresentano il rapporto tra tradizione e modernità di cui Rafael Zabaleta è stato grande interprete.
Il percorso espositivo ne riprende i temi ricorrenti: l'universo rurale, ritratti, nature morte e paesaggi.
In queste opere è facile indovinare l?influenza di Cézanne, Van Gogh, Matisse e Picasso.
La passione di Zabaleta per le avanguardie europee lo ha portato a combinare gli elementi di stili, come il cubismo, il surrealismo e l?espressionismo con le tematiche popolari e locali dei suoi paesi e della sua gente.
Zabaleta ebbe in vita numerosi riconoscimenti en vida.
Alla sua morte, nel 1960, la XXXº Biennale di Venezia gli dedicò una retrospettiva e attualmente le sue opere sono presenti in prestigiosi musei di New York, Tokyo, Buenos Aires.
Amico di Eugeni d?Ors, il pittore andaluso ebbe una stretta relazione con Barcellona e le sue avanguardie.
 

Imagine Book

Elisa Pellacani  2009-04-19 

arte 

esposizioni 

"Imagine Book"
Seconda rassegna internazionale e itinerante di "editoria d?autore" e delle arti del libro dell?associazione Ilde,
a cura di Elisa Pellacani.
Ilde Associazione di Artisti del Libro
c/ Roig 18, 4 1
08001 Barcelona
tel 657 257 158
info@ilde.info
www.ilde.info

Una mostra di libri d?artista durante il giorno di San Jordi, in Piazza San Just, ribattezzata Piazza dei libri immaginati, con la presenza di edizioni uniche e di artisti europei: per un percorso nell?immaginazione fatta?libro.
L?Associazione di "artisti del libro" Ilde, acronimo de "I Libri de?", presenta la rassegna ideata e curata da Elisa Pellacani "Imagine book", volta all?incontro tra le diverse realtà artistiche e comunicative proprie del libro d?autore.
Nata già nella passata edizione dall?intenzione di creare uno spazio nel contesto urbano dedicato al libro d?artista, la rassegna raccoglie le opere di oltre settanta autori dall?Europa e dal SudAmerica, "riproponendo ? come scrive Elisa Pellacani a introduzione del catalogo - il "libro d?autore" quale mezzo d?indagine artistica ed educazione visiva a raggio completo", e verrà presentata in Piazza San Just durante il giorno di san Jordi, 23 aprile prossimo. Dalle ore 12 alle ore 19 la raccolta e gotica piazza ospiterà, accanto all?esposizione dei manufatti, gli artisti, gli artigiani, gli autori e i piccoli editori che partecipano all?evento presentando nella piazza le loro opere e i più svariati aspetti del "fare libro": dai telai di Carmen Garcia de Mora, alle macchine per stampa inventate da Claude Marzotto, alle edizioni numerate di Emilio Sdun e la Prensa Cicuta fino all?installazione per un intervento ambientale di Diego Bisso.
Rinominata per l?occasione "Piazza dei libri Immaginati", grazie alla collaborazione del Centro Civico Pati Limona e dell?Ayuntamiento di Barcelona, Plaza San Just sarà il fulcro di un percorso attraverso il Gotico sul libro d?artista: comincerà già il 22, nella Galleria Amber Art di Calle Banys Nous, l?esposizione dal Taller Perill di cinque artisti con opere tra il libro, la scrittura, e il gioiello, e continuerà alle ore 19 dello stesso 23, in chiusura della giornata nella Piazza, con l?inaugurazione della mostra "Ediciones a la vista" nell?adiacente Reial Academia de Bones Lletres de Barcelona, a cura di Marta Darder.
La mostra delle opere inedite e che hanno partecipato alla selezione verrà poi allestita nello stesso Centro Civico per restare visitabile fino al 15 di maggio. Le successive tappe dell?esposizione "Imagine book" sono la Libreria Lo ring Art, che insieme alla Libreria Argot di Castellon partecipa all?iniziativa, e che già con "Print a book" il settembre scorso ha stabilito una collaborazione con l?associazione Ilde per la diffusione e il collezionismo dei libri d?artista; poi altre città di paesi sul Mediterraneo, tra cui l?Italia e il Marocco, dove la Escuela Itinerante del Libro dell?Associazione Ilde è stata invitata a tenere un workshop sul libro d?artista.
"Imagine book", con le opere della mostra e una serie di interventi scritti e opere inedite di artisti e professionisti che hanno fornito il loro punto di vista sul passaggio dall?immaginzaione alla sua concretezza di oggetto, è anche un libro, per i tipi dell?italiana Consulta, librieprogetti, che si presenterà lo stesso 23 di aprile con l?edizione speciale di 500 copie a cui è allegato il cd inedito dei "Lili after Garrett", e di 100 copie numerate con interventi originali di cinque artisti.
Il percorso alla Piazza dei Libri Immaginati comincia il mercoledì 22, alle ore 20.30, nella Galleria Amber Art, in c/ Banys Nous, con l?esposizione di "Joyas palabras", cinque artisti dal workshop di gioielleria contemporanea e libro d?artista nel Taller Perill con Silvia Walz ed Elisa Pellacani mostrano i loro "libri preziosi": sono Gemma Ridameya Angulo, Samantha Fung, Neli Caldentey, Mar Sanchez, Isabel Tristan;
il 23, alle ore 19, a chiusura delle attività in Plaza San Just, inaugurazione dell?esposizione "Edicions a la vista", a cura di Marta Darder, nell?adiacente Reial Academia de Bones Lletres de Barcelona; il 25, alle 19.30, inaugurazione di "Immagine book" nel Centro Civico Pati Limona, fino al 15 maggio, con visita guidata su appuntamento (Centro Civico Pati Limona, Regomir, 3, 08002 Barcelona ? tel. 93 268 47 00, ccpatillimona@bcn.cat); successive date nella Libreria Lo ring Art (calle Gravina, 8, 08001 Barcelona), in Italia e in Marocco, da confermare.
"Imagine book", Dall?immaginazione all?oggetto-libro, libro e catalogo dell?esposizione, a cura di Elisa Pellacani, edizioni Consulta, librieprogetti, rilegatura manuale, pp. 80, 1000 copie, quadricromia, ISBN 88 978 89156 42 1, nell?edizione speciale per San Jordi 2009 con musiche originali dei "Lili After Garrett" e un tiraggio limitato di 100 copie numerate con opere appositamente per "Imagine book" di Nani Teedeschi, Carlos Alguacil, Gloria Royo, Ana Abascal e il Taller Vostok; versione in catalano, traduzioni di Roberto Fenocchio.
 

Dossier Imagine Book

Elisa Pellacani  2009-04-19 

arte 

esposizioni 

Imagine Book
Seconda rassegna internazionale e itinerante di "editoria d?autore" e delle arti del libro dell?associazione Ilde e a cura di Elisa Pellacani
Plaça Sant Just Barcelona
23 aprile 2009

Gli autori in esposizione:
Pierina Gallina, Victoria Lourdes Baltodano, Eduard Sola i Guerrero, Anna Bartoli, Nayat Kaid Ferròn, Eulàlia Ribas Valls, Lucia Sforza, Corrado Tiradini, Carmen Riu de Martin, Lia Malfermoni, Inmaculada Subira Sanchez, Javier Quintanilla, Rino Sorrentino, Beatrice Palazzetti, Mattia Campo dall?Orto, Isabela Méndez, Gaia Guarino, Jesùs Tejedor, Pier Paola Cané, Eoghan Dunne, Emiliana Huguet, Guido Correa, Fatima Tocornal, Morena Coppola, Pablo Garcìa Vasconcelos, Eliza Neves Marx, Veronica Alarcòn Ibàñez, Maria Pagès, Ariana Goberna, Loretta Cappanera, Carmen Carmona, Irene Caroni, Alessandra Ceccarelli, Laia Borrell Sorroche, Roser Lopez Monso, Emilio Sdun, Anna Baldi, Marco Menozzi, Michelangelo Galliani, Carmen Garcìa de Mora, Diego Bisso, Sofia Piqueras, Fidel Pereiro, Alfonso Filieri, Silvia Walz, Judith McCaig, Marta Flors, Joe Boa Vida, Juan Fernandez Argenta, Claude Marzotto, Sergio Grispello, Giovanna Lacorazza, Marta Miguel Martinez, Nuria Bitria, Gisselle Morales Guerrero, Joan Bricolle Sanchez, Maite Caballero Arrieta, Anie Michie, Maria Jesùs Alvarez Ollé, Dante Battaglia, Dario Zeruto, Ariana Escursell Peris, Alberto D?Angelo, Patricia Soto Avedano, Vinka Grbic, Lina Marigliano.

Le scuole e gli istituti:
Liceo Artistico "Ripetta", Roma; IES Valles de Sabadell; Escola Gavina; Cepsa Oriol Martorell; Escola Massana "Permanent"; Escuela Edra, Rubì.

Il percorso alla Piazza dei Libri Immaginati comincia il mercoledì 22, alle ore 20.30, nella Galleria Amber Art, in c/ Banys Nous, con l?esposizione di "Joyas palabras", cinque artisti dal workshop di gioielleria contemporanea e libro d?artista nel Taller Perill con Silvia Walz ed Elisa Pellacani mostrano i loro "libri preziosi": sono Gemma Ridameya Angulo, Samantha Fung, Neli Caldentey, Mar Sanchez, Isabel Tristan;

"Imagine book", Dall?immaginazione all?oggetto-libro, libro e catalogo dell?esposizione, a cura di Elisa Pellacani, edizioni Consulta, librieprogetti, rilegatura manuale, pp. 80, 1000 copie, quadricromia, ISBN 88 978 89156 42 1, nell?edizione speciale per San Jordi 2009 con musiche originali dei "Lili After Garrett" e un tiraggio limitato di 100 copie numerate con opere appositamente per "Imagine book" di Nani Teedeschi, Carlos Alguacil, Gloria Royo, Ana Abascal e il Taller Vostok; versione in catalano, traduzioni di Roberto Fenocchio; testi e opere di:
Matilde Dolcetti, Stefania Missio, Marta Darder, Alfonso Filieri, Helene Genvrin, Gabrielle Klemm, Angeles Lo ring, Eva Marxen, Claude Marzotto, Judith McCaig, Stefania Missio, Diego Bisso, Ghislain Olivier, Roberto Pieracini, Alexis Rom Estudio ? Taller Vostok, Maria Luisa Samaranch, Emilio Sdun, Antonio Villaran, Silvia Walz, Gianni Zauli, Toni Azorin, Rafael Castañer, Vinka Grbic, Antonio Villaràn, Nuria Mezquita, Alberto D?Angelo, Antonio Damian, Jim Lorena, Javier Quintanilla, Anie Michie, Alicia Giraldez, Sofia Piqueras, Nora Ancarola, Marga Ximenez, LaRara, Jesus Tejedor, Michelangelo Galliani, Nani Tedeschi.

Ilde, Associazione di Artisti del Libro
c/ Roig 18, 4 1
08001 Barcelona
tel 657 257 158
info@ilde.info
www.ilde.info
 

Kiki Smith

RF Web Fundació Joan Miró  2009-04-18 

arte 

esposizioni 

Her Memory
Kiki Smith
Fundació Miró Bcn
Fino al 24 maggio 2009

La Fundació Joan Miró presenta un?esposizione allestita con la collaborazione del Museum Haus Esters di Krefeld e la Kunsthalle di Norimberga, dedicata all?opera recente dell?artista americana Kiki Smith.
Si tratta di una "exhibition in progress", che si è andata progressivamente ampliando in varie sedi espositive fino ad arrivare al punto d?arrivo, la Fundació Miró di Bcn.
Kiki Smith è nata a Norimberga nel 1954, in un ambiente artistico: la madre era cantante d'opera, e il padre, l'artista Tony Smith.
La sua opera è caratterizzata da una costante riflessione sull'esistenza umana, sulla vita e la morte. I suoi disegni del corpo umano, traumatici e poetici allo stesso tempo, le hanno dato il riconoscimento internazionale alla fine degli anni ?80.
"Her memory", l?istallazione che Kiki Smith presenta alla Fundació Joan Miró, propone una riflessione sul ciclo vitale della donna, dalla nascita alla morte, che corrisponde al ciclo creativo: il cammino di formazione, le fonti d'ispirazione, il successo e la fine del percorso.
"Her memory?, un pezzo d'arte unico in se stesso, è uno spazio di riflessione e poesia che mantiene lo stile caratteristico dell'opera recente dell'artista, tra naïf e artigianale, con numerosi riferimenti iconografici che Kiki Smith fa suoi e trasforma, come le rappresentazioni classiche della vita della Vergine Maria, o miti più antichi, come quello della sibilla e più moderni, come quello delle prime donne emancipate degli anni ?20 del ?900.
Questo percorso si esprime con vari generi e tecniche: sculture di porcellana, gesso e bronzo si combinano con disegni di grande formato, incisioni, mobili trasformati, pittura su specchi o murales.
 

Anteprima Sónar 09

RF Web Sónar 09  2009-04-02 

musica 

concerti 

Anteprima Sónar 2009
16º Festival de Musica Avanzata
e Arte Multimedia di Barcellona
18, 19 e 20 giugno 2009.

È stato presentato in settimana il programma della nuova edizione del Festival Sónar 2009, basato su giovani artisti in rapida ascesa nel panorama della musica elettronica internazionale. Nuovi punti di riferimento quali Crystal Castles, Fever Ray, Micachu and The Shapes, Mujava, SebastiAn, Martyn, Joker, Buraka Som Sistema, Bass Clef, Filastine o Deadmau5 condividono il cartellone con artisti già affermati come Orbital e Grace Jones.
Il Festival ribadisce il proprio carattere eminentemente elettronico, con la partecipazione di maestri del genere come Moderat (Modeselektor + Apparat) o gli artisti delle etichette Ghostly International, Raster Noton E Ostgut Ton, oltre a una buona rappresentazione del nuovo universo dubstep e altri ritmi urbani.
Il festival Sónar presenta inoltre l?esibizione dei Rriiccee, band guidata dal carismatico attore e musicista di New York Vincent Gallo, che tesserà il suo discorso musicale improvvisando dal vivo sul palco di SonarHall.
L?edizione di quest?anno presenta nuove sezioni quali SonarKids, un nuovo festival di musica ed esperienze creative che si terrà domenica 21 giugno nella programmazione di Sonar de Día presso il CCCB dalle 10:30 alle 20:00. Pensato per bambini e ragazzi da 0 a 14 anni e per i genitori, SonarKids vedrà la partecipazione di Laurent Garnier, La Mala Rodríguez con Griffi e M'baka, DJD2D2, Beardyman, Miqui Puig e Puppetmastaz, che adatteranno la propria proposta musicale al pubblico infantile, con numerose attività per risvegliare e stimolare la creatività.
SonarMàtica presenta, con l?esposizione Mecanics, l?attuale scena del "Do It Yourself" (Fai da te) applicata alla creazione sonora.
Durante il mese di maggio 09, il Festival Sónar sarà presente per la prima volta negli Stati Uniti, con eventi a Nueva York e Washington e a Londra.

http://2009.sonar.es/es/
 

Dossier Sónar 09

RF Web Sónar 09  2009-04-02 

musica 

concerti 

Festival Sónar 09
16º Festival di Musica Avanzata e Arte Multimedia di Barcellona.

Nelle prossime settimane aggiorneremo le informazioni su sezioni, palcoscenici, prezzi, curiosità e ultime novità di uno dei maggiori appuntamenti musicali dell?anno a Barcellona.

Elenco dei gruppi che hanno finora confermato la partecipazione alla manifestazione:

Orbital (FFRR/UK)
Grace Jones (Wall of Sound/JM)
Late of the Pier (Parlophone/UK)
DJ Mujava & MC Mzura (Warp/SA)
SebastiAn (Ed Banger/FR)
Fever Ray (Rabid/SE)
Erol Alkan presents Disco 3000 (UK)
Crookers (Mad Decent/IT)
Deadmau5 (Mau5trap/CA)
Filastine (Soot/US)
Micachu & The Shapes (Accidental/UK)
Moderat (Bpitch Control/DE)
Lars Hornveth (Smalltown Supersound/NO) + BCN216 (ES)
The Gaslamp Killer (Obey/US)
Joker (Kapsize/UK)
Martyn (3024/NL)
Mary Anne Hobbs (BBC Radio 1/UK)
James Pants (Stones Throw/US)
Bullion (One-Handed/UK)
Breakbot (Moshi Moshi/FR)
DSL (Ed Banger/FR)
Busy P. (Ed Banger/FR)
Shed (DE)
Marcel Dettmann (DE)
Rob da Bank (UK)
dan le sac vs Scroobius Pip (UK)
Ebony Bones (UK)
Onra (Favorite/FR)
XXXChange (Fully Fitted/US)
Muhsinah (Circulations/US)
Jamie Woon (One Taste/UK)
GoldieLocks (Puregroove/UK)
Cécile (Mac Mac/IT)
Dorian Concept (Kindred Spirits/AU)
Guillamino (Bankrobber/ES)
Culoe de Song (Innervisions/SA)
Midee (LaBolatoryNetlabel/ES)
Cardopusher (Murder Channel/VE)
 

Bamako VIIº

RF Web Cccb Bcn  2009-04-02 

arte 

esposizioni 

Bamako VIIº Encuentro Africano de Fotografía
"En la ciudad y más allá" (In città e oltre)
CCCB Bcn
Fino al 1º giugno 2009.

Con il titolo di "En la ciudad y más allá" (In città e oltre), la settima edizione dei "Rencontres Africaines de la Photographie" di Bamako ha come argomento centrale l?urbanità.
Questa edizione pone l?accento sulla fragilità della città e della vita urbana, sulle reti relazionali tra individui e gruppi sociali, sulle costruzioni lasciate a metà e sullo sconcerto e disperazione di chi le abita. Istantanee che narrano la resistenza, la lotta quotidiana, gli sguardi di sfida dei giovani.
Il percorso espositivo ricerca un?urbanità ancora da definire, mutevole, in permanente ricostruzione. Come qualsiasi città viva.
La nuova edizione dei "Rencontres", presso il CCCB, comprende, tra le altre mostre, un omaggio al fotografo Serge Jongué (1951-2006) e un?esposizione monografica su Samuel Fosso (1962), uno dei grandi creatori contemporanei del continente.
Viene inoltre presentata per la prima volta la sezione "Noves imatges", una selezione di video creativi che ha lo scopo di incrinare la visione spesso stereotipata delle varie realtà africane.
 

La Plaça dels llibres imaginats

Elisa Pellacani  2009-04-02 

arte 

esposizioni 

Imagine Book
A cura di Elisa Pellacani e dell'Associazione Ilde Bcn
"La Plaça dels llibres imaginats"
Sant Jordi 09
23 aprile 2009.

Il prossimo 23 aprile 2009, giorno di Sant Jordi, Plaça Sant Just a Barcellona, raccolta e suggestiva piazza nel barrio Gotico di Barcelona, sarà ribattezzata "La Plaça dels llibres imaginats"(La Piazza dei libri immaginati) ed ospiterà l?esposizione itinerante "Immagine book" dedicata ai libri d'autore e alle piccole e piccolissime edizioni.
La manifestazione è stata organizzata dall'Associazione Ilde Libri d'Artista di Bcn con la collaborazione del Centro Civico Pati Llimona, della Libreria Loring Art e dell'Ajuntament di Bcn.
Questi i Partecipanti alla rassegna "La plaza de los libros imaginados", con inaugurazione alle ore 12:
Deborah Walker e i "Lili after Garrett" (Jérôme Brajtman, Pierre Quenehen), con il cd inedito "Immagine book".
Claude Marzotto con "Vermut tipografico", prove di stampa: caratteri mobili e macchine per "proto-tipi".
Carmen Garcia de Mora e l'"Estudi Textil Barce.lana", libri tessuti, telai e fili.
Javier Quintanilla, "Il libro come supporto artistico", carte e colori per libri con finestre sul mondo.
Mattia Campo Dall?Orto, "la pagina che verrà", atto artistico in diretto dipingendo pagine.
Sd.Edicions, con Alba Garcia i Puig, autrice dei libri illustrati "El cirerer", "Clara", "Bona nit", e Nautica, autrice di "Stop" e "Los caracoles", che firmano i loro libri.
Il taller Perill con i suoi libri e le "Gioie-Parole", libri gioiello in esposizione presso la Galleria Amber Art, con Silvia Walz.
Edicions 1010, con le editrici Nora Ancarola e Marga Ximenez, e le collezioni "Atenea" e "Babau".
Alfonso Filieri e le Edizioni Orolontano, Archivio Internazionale del libro d?artista, sezione "L?arte di fare il libro", Roma.
Diego Bisso e un libro per una azione collettiva di arte ambientale.
Il Trio d?archi "Oriol Martorell", Adriano Ortega, Marcel Graell e Guillermo Ordoñez.
Alexis Quezada e Cristina Izquierdo con "Tango milonguero".
Mademoiselle Dolores e le sue carte magiche nel mazzo illustrato da Elisa Pellacani.
"Edicions a la vista", inaugurazione della mostra a cura di Marta Darder con la collaborazione di Albert Corbeto nell'adiacente Reial Accademia de Bones Lletres de Barcelona, opere di Claude Marzotto, Elisa Pellacani e Edicions 1010.
Verrà inoltre presentata la rassegna: "Il libro, forma di pensare e metodo di operare", presentazione di edizioni collettive. Con la partecipazione del
Liceo Artistico Ripetta, Roma, classe 3°D, con l?apertura di "Ponte dorato" con Alfonso Filieri
IES Valles de Sabadell, 1°baccellierato: progetto interdisciplinare "Le città invisibili" tra letteratura, arte e matematica, dal libro di Italo Calvino attraverso l?interpretazione scientifica di Miquel Albertì; coordinano il progetto Jose Moreno, Celia Prats, Monte Duran, Monte Florensa, Diana Bernardos, Lourdes Carmelo.
Escola E. E. Gavina, Barcellona, 2°ESO: "El perro pastor (una historia tragica)".
Cepsa Oriol Martorell, 1° de Primaria, con "Los mapas imaginarios".
Escola Massana, corso Permanent 2009 "Libro de artista y libro objeto", con Elisa Pellacani: "llibres imaginables".

Saranno inoltre presenti in piazza con i loro libri, gli editori:
Edizioni Consulta, librieprogetti.
Emilio Sdun e la Prensa Cicuta.
Cangrejo Pistolero Ediciones.
Ghislain Olivier e Julia Solimando con "les editions de l?heure".
Loring Art, libreria, edizioni e libri d?arte.
Libreria Argot, Castiglione, e Sofia Piqueras, artista del libro e libraia.
la Cueva de Graphos, atelier di stampa e incisione, Born, con "Miscelaneas de la cueva" e gli interventi di Carlos Alguacil, Gloria Royo e Ana Abascal in tiratura limitata per "Immagine book" (20 esemplari di cada in 20 copie di questo libro).
Encuadernaciones Girbes con Cathy Metamero Martìn, una professione lunga una vita per una famiglia di rilegatori e maestri inquadernatori.
Edizioni Ilfilodipartenope, Napoli, con raffinate edizioni d?arte tra la ricerca grafica e l?intervento manuale per tirature d?arte.
 

Subsonica, il concerto

Roberto Fenocchio  2009-03-31 

musica 

concerti 

Il primo concerto barcellonese dei Subsonica per me è iniziato circa una settimana prima con una e-mail di Paolone Aka Ferrari che mi allertava dell?evento, di cui per altro già sapevo. E con Paolone si sono radunati in massa i ricordi di quella Torino a metà degli ?80, che ormai è già memoria, storia, aneddoto. Paolone è un esperto del gruppo (Paolo Ferrari, "Anomalia Subsonica: la biografia ufficiale.", Firenze, Giunti, 2003).
Samuel & C. arrivano da Madrid, dove hanno suonato lunedì 9 marzo, primo concerto ufficiale in Spagna.
La sala Apolo, pista centrale, è stato il palcoscenico per l?esibizione "en directo" a Barcellona. Ambiente roccocò, simile alla Paloma, altro mitico locale della città.
Verso le 22:00 si inizia, dopo un breve preambolo, con Veleno e poi cadono, come pere mature, Nuova Ossessione e L?ultima risposta. Il pubblico, composto in maggioranza da italiani, entra in pressione e il pavimento inizia a vibrare. Giubilo alle prime note di Disco Labirinto e tifo da stadio per l?inno Liberi Tutti, ma proprio tutti. Boosta si dimena e gronda, Samuel essenziale e passionale ad un tempo, mulina le braccia a mo? di Ian Curtis. Max in sala di regia, ricorda le manovre di Eraldo Pecci (questa è per Paolone?) ed è puntuale nei riff. Vicio e Ninja sorreggono lo stabile. Sfilano Nuvole rapide, Il Cielo su Torino, Strade e altre per arrivare fino a Preso blu.
E poi un bis. Uno solo, il programma notturno della Sala Apolo prevedeva un altro concerto.
Divisa in 2 parti, una antologica e una più dance, l?esibizione barcellonese dei Subsonica ne ha ribadito la professionalità. Il perdurare della loro verve autentica ha permesso ai Subsonica di narrare un decennio complesso, di superare gli anni '90 e di avere ancora parecchio da dire. Subsonica è solo musica, la semplicità che si fa suono, senza orpelli. Nell?intervista precedente il concerto (che potete ascoltare), Max e Samuel hanno confermato che la collegialità del lavoro di composizione e arrangiamento dei brani è ancora prassi nell?attività musicale del gruppo. E dopo oltre 10 anni sembra funzionare ancora.
Speriamo ritornino presto.

Ascoltate l'intervista di Roberto Fenocchio a Samuel e Max dei Subsonica.

Concerto dei Subsonica
Sala Apolo
C./ Nou de la Rambla 113
Barcellona
Mercoledì 11 marzo 2009.

www.subsonica.it
 

Joan Rabascall

RF Web Macba Bcn  2009-03-09 

arte 

esposizioni 

Rabascall. Producció 1964-1982
Curatore: Bartomeu Marí
Macba Bcn
Fino al 19 aprile 2009

L'esposizione di Joan Rabascall (Barcelona, 1935), che organizza il Museu d'Art Contemporani de Barcelona, si concentra sulle opere realizzate dall?artista dagli anni ?60 ai primi anni ?80, momento in cui l?impiego e la manipolazione delle immagini provenienti dalla comunicazione costruisce un discorso apertamente critico sui meccanismi, i messaggi e i topici che questi mezzi impongono. Il lavoro di Joan Rabascall si situa al centro di una visione "perversa" e affilata della critica dell?oggetto e del consumo che si sviluppa in Europa, in contrapposizione al fascino per il prodotto caratteristico del pop-statunitense. Rabascall vive a Parigi dal 1961 e visita spesso Londra e Amsterdam, dove conosce i critici e teorici Lawrence Alloway ? che conia il termine "pop art" nel 1958 ? e Pierre Restany, padre intellettuale dei Nouveaux Réalistes francesi. Rabascall entra in contatto quindi con le avanguardie del suo tempo, l'Independent Group in Inghilterra e i Nouveaux Réalistes in Francia, che recuperano tecniche di rappresentazione e posizioni estetiche ed etiche vicine al dadaismo berlinese. Rabascall ci parla di una cultura dell?immagine stampata sulle riviste e diffusa dai mezzi di comunicazione di massa, che ben presto lascerà il passo all?immagine in movimento e alla televisione. La critica sociale legata a posizioni politiche di denuncia e rivolta portano Rabascall ad esplorare la dipendenza della cultura rispetto all?economia, la moda e la politica per sviluppare, negli anni ?70, una riflessione sulla costruzione della storia e sull?oppressione culturale e politica del franchismo.
Joan Rabascall ha lavorato in collaborazione con artisti quali Benet Rossell, Jaume Xifra i Miralda alla realizzazione dei "rituals" a Parigi (1969 e 1970). Prossimo agli artisti del gruppo d?arte sociologica a metà degli anni ?70, se n?è presto distanziato per continuare una pratica individuale e coerente tra tecnica e contenuto, discorso e atteggiamento, di fronte alla crescente commercializzazione e mediatizzazione dell'oggetto artistico dei primi anni ?80. L'esposizione "Rabascall. Producció 1964-1982" s?articola intorno a composizioni (serie) in cui Rabascall analizza la problematica dell?immagine e della sua trasmissione. Tra il 1964 e il 1968 realizza una serie di collages partendo da immagini tratte da mezzi di informazione su carta stampata, con un forte contenuto critico rispetto all?induzione al consumo ("Mass Media", 1967); agli stereotipi dell?immagine della donna come oggetto sessuale ("Obsession", 1964, o "La Super-Femme", 1967); alla crescente militarizzazione e violenza della società con la rappresentazione di armi e bombe atomiche ("La Bombe", 1966; "Atomic Kiss", 1968); al modello di vida statunitense come paradigma del benessere sociale ("American way of..." , 1970) e alla progressiva informatizzazione del potere ("Ibm", 1967).
 

Richard Rogers

RF Web Caixa Forum Bcn  2009-03-08 

arte 

architettura 

Richard Rogers + Arquitectos.
De la casa a la ciudad
Caixa Forum Barcelona
Dal 6 marzo al 7 giugno 2009.

L'ultimo illuminista. Così si autodefinisce Richard Rogers per il suo pensiero sulla società civile e sulla relazione esistente fra spazio costruttivo e inclusione sociale. L'esposizione "Richard Rogers + Arquitectes. De la casa a la ciutat" illustra il fascino che esercita sull'arquitetto britannico il Movimento Moderno, attraverso la concezione dell'edificio come macchina e il suo interesse per un'architettura chiara e trasparente e l'introduzione di nuovi materiali.
La mostra monografica organizzata presso il Caixa Forum di Bcn e curata dallo stesso Rogers e da Olivier Cinqualbre, conservatore del Centro Pompidou, presenta una revisione dettagliata dei lavori di Richard Rogers, dall'inizio della sua attività negli anni '60, a fianco di Norman Foster, alla collaborazione con il noto architetto italiano Renzo Piano negli anni'70, con il quale progettò e realizzò il Centro Georges Pompidou (1971-1977).
L'esposizione ripropone inoltre i numerosi progetti elaborati dal 1977 fino ai giorni nostri dal suo studio, illustrati da modelli e plastici, fotografie, filmati, disegni e scritti.
La mostra è stata presentata al Centro Pompidou di Parigi nell'ambito del 30º anniversario dell'apertura.
 

La Revuelta Sureña

Elisa Pellacani  2009-03-08 

arte 

esposizioni 

"La Revuelta Sureña", festival di performance poetiche e libri d?artista: da Siviglia parte un progetto europeo per l?impulso alla ricerca sul libro e per la diffusione dell?editoria d?arte.

Si è svolto in Siviglia il secondo Festival Internazionale di Perfopoesia. "La Revuelta Sureña" (questo il titolo dell?iniziativa) ha accolto durante una settimana azioni poetiche e performative in un fitto programma conclusosi con uno spettacolare corteo dedicato al dio Ganesh. Improntata quest?anno all?India, la "Revuelta Sureña" ha consolidato il connubio tra la creazione poetica e la sua diffusione attraverso media editoriali non solo presentando le ricercate edizioni del Cangrejo Pistolero, curato dagli stessi organizzatori della manifestazione, ma affiancando alla poesia un ampio spazio, nella bella piazza Alameda de Hercules, dedicato alla creazione artigianale di libri.
Il "Salone della Bibliodiversità", organizzato grazie alla collaborazione de librodeartista.info, ha coinciso con l?inaugurazione della mostra di libri d?artista a cura di Jim Lorena "Azul", già nella galleria Concha Pedrosa e attualmente in corso negli spazi dell?Accademia di Belle Arti di Siviglia. Per giorni si sono susseguite sperimentazioni, condotte da professionisti ed artisti intervenuti, con il pubblico e con le scuole che hanno affollato il Salone, inerenti all?edizione artigianale di libri: dalla carta fatta a mano, alla serigrafia, alla stampa tipografica e la calligrafia, fino alla stampa con torchio e vari procedimenti pittorici per realizzare libri unici e collettivi. Contemporaneamente, il pubblico ha avuto la possibilità di avvicinare e poter acquistare libri d?artista, contando sulle edizioni della "Prensa Cicuta", di Emilio Sdun, e sulla presenza di capolavori editoriali direttamente dall?archivio tedesco di forum.bookart. L?associazione Ilde è stata invitata a partecipare da Barcelona, ed è stata ben orgogliosa di presentare alcuni libri di autori e artisti che hanno collaborato alle recenti esposizioni, Carmen Garcia de Mora e i suoi libri tessuti al telaio, Silvia Walz e i libri gioiello, Nani Tedeschi e Sofia Piqueras Mir, Patricia Soto Avendaño e piccole edizioni illustrate da Elisa Pellacani, tra le altre cose. La conferenza prevista nella Casa delle Sirene è stata occasione per parlare del valore dell?associazionismo artistico e intellettuale, riscoprendo nel libro un valore educativo utile sia alla crescita dell?individuo che alla pratica della sua maturità artistica. Mentre la performer Gracia Iglesias, chiusa nella sua stanza trasparente nel bel mezzo della piazza (un cubo in plexiglass senza uscite ma una sola apertura nel lato superiore), ha aspettato paziente che la gente le portasse sufficienti volumi per costruire una scala con cui letteralmente poter uscire dalla sua prigionia, le associazioni presenti hanno rilevato la necessità di una maggior reciproca conoscenza tra le parti che contribuiscono alla creazione realizzazione e diffusione del libro d?artista, del libro illustrato e dell?editoria d?arte in senso generale. Librodeartista.info, ILDE, Forum.bookart e Les Editions de l?Heure hanno così inaugurato un progetto di cooperazione europea che consideri i moderni sistemi della comunicazione come parte integrante della diffusione della ricerca sul libro, disciplina artistica per la cui valorizzazione si richiede la partecipazione degli enti pubblici della Cultura e dell?Istruzione.

www.librodeartista.info
www.festivalperfopoesiasevilla.com
 

Progetto diffusione libro d'artista

Elisa Pellacani  2009-03-08 

cultura 

libri 

Librodeartista.info, Ilde, Forum Book Art e Editions de l?Heure presentano un progetto di cooperazione europea per la diffusione e il collezionismo del libro d?artista e dell?editoria d?arte
Librodeartista.info con Forum Book Art, ILDE e Editions de l?Heure si impegna nella creazione di uno spazio europeo per la diffusione del libro d?artista, del libro illustrado e dell?editoria d?arte in Europa.
Riunitosi a Seviglia, in occasione del ?Salone della Bibliodiversità?, i rappresentanti di queste associazioni hanno rilevato un mutuo non conoscersi tra le parti che concorrono alla realizzazione, diffusione e commercializzazione dei libri d?artista, libri illustrati e dell?editoria d?arte in generale nei Paesi che compongono l?Unione Europea, così come delle possibilità aperte dalle nuove tecnologie dell?informazione; in questo caso, della consapevolezza che attraverso le reti che già sono state create o che sono in fase di progettazione per questo, si possa generare un collezionismo stabile e sostenibile che sia impulso a sperimentare percorsi creativi sul libro d?artista e sulla sua riproducibilità editoriale.
Niente di tutto ciò sarebbe possibile senza un coordinamento a cui possano partecipare gli autori, gli editori e le parti che concorrono alla diffusione e commercializzazione in diversi Paesi europei, perché possano stabilire canali d?informazione continua, con un adeguato interscambio di informazioni sugli autori e la loro opera.
Si è anche segnalata come fondamentale la partecipazione delle Istituzioni che si occupano di Cultura ed Educazione nelle diverse aree interessate: centri formativi, centri per la diffusione e il collezionismo d?arte, spazi per attività culturali, etc., contribuendo collettivamente a dar impulso in ambito europeo alla ricerca e alla diffusione del libro d?artista come disciplina artistica.
 

Subsonica

RF Web Sala Apolo Bcn  2009-03-06 

musica 

concerti 

Concerto dei Subsonica
Sala Apolo
C./ Nou de la Rambla 113
Barcelona
Mercoledì 11 marzo 2009.
Biglietti: 23 euros, prevendita 18 euro
www.subsonica.it

Dopo oltre dieci anni di intensa attività musicale in Italia, arrivano a Barcellona i Subsonica. Partiti da Torino sul finire del secolo si sono affermati a livello nazionale e sono uno dei pochi gruppi ad aver passato quasi indenni gli anni ?90.
Hanno inserito Madrid (concerto di lunedì 9 marzo, alla Sala Heineken) e Barcellona nel loro "Eclissi Tour" e presentano il cd "Eclissi" del 2007 e qualcosa della prima raccolta ufficiale "Nel vuoto per mano", pubblicata nel settembre 2008.
Il concerto è alla Sala Apolo del Paral.lel, che così presenta i Subsonica sul proprio sito:
Subsonica por primera vez en Barcelona!
Desde hace mas una década son sin lugar a duda la mejor banda pop-electrónica de Italia; siempre vanguardistas han conseguido fusionar la canción italiana con las nuevas tecnologías y tendencias de la música dance y electrónica.
Con más de 10 álbumes en su carrera y centenares de conciertos en los recintos más importantes de Italia en la última temporada convocaron a más de 250.000 personas en sus actuaciones. Ganadores en dos ocasiones del premio "Best Italian act" de la MTV están ahora de gira por Europa para llevarse a casa nuevos estímulos para el próximo álbum. Cita ineludible.

Per maggiori informazioni sui Subsonica, questo è il sito ufficiale: www.subsonica.it
 

Josep Mompou

RF Web Obra Social Caixa Catalunya  2009-02-17 

arte 

esposizioni 

Josep Mompou
Casa Milà - Pedrera
Obra Social Caixa Catalunya
Pg Gràcia, 92 -Bcn
Dal 10 febbraio al 14 giugno 2009.

Casa Milà ? La Pedrera presenta l?opera del pittore catalano Josep Mompou.
Un totale di 128 opere, tra cui le famose "Dancing" e "La morte di Icaro", oltre a paesaggi, figurativo e nature morte, provenienti da oltre 60 diversi collezionisti.
Josep Mompou (Barcellona 1888 - Vic 1968) fa parte di quella generazione di artisti che, nonostante abbia rappresentato una tappa importante e significativa della pittura catalana negli anni Venti e Trenta del secolo scorso, è ancora semi sconosciuta al grande pubblico.
Membro della denominata "Generació del 17", Josep Mompou incarna l'evoluzione della pittura novecentesca verso un figurativismo depurato, erede del fauvismo, che si impone in tutta Europa nei primi anni del XXº secolo.
Mompou sviluppa una solida carriera artistica che ottiene un?ampia risonanza nella società catalana e nei collezionisti dell?epoca, i favori della critica e riconoscimenti internazionali, in Francia e negli Stai Uniti.
Questa brillante carriera viene troncata nel 1934, anno in cui contrae una tubercolosi che lo obbliga ad interrompere la sua attività creativa. Il ritorno alla normalità, che avviene nella seconda metà degli anni ?40, vede Mompou lontano dalle correnti artistiche imperanti, anche se conserva ancora un notevole prestigio nelle nuove generazioni di artisti.
 

Cildo Meireles

RF Web Macba Bcn  2009-02-17 

arte 

esposizioni 

Cildo Meireles
Macba Bcn
Esposizione organizzata dalla Tate Modern di Londra, in collaborazione con il Museu d'Art Contemporani de Barcelona (Macba)
Curatori Vicente Todolí e Guy Brett
Dall'11 febbraio al 26 aprile 2009

L'esposizione presenta un percorso per l?opera dell?artista brasiliano Cildo Meireles (Rio de Janeiro, 1948), attraverso le sue grandi istallazioni, i disegni e gli oggetti realizzati dal 1967 al 2008.
Cildo Meireles è autore di un?opera di straordinaria complessità che ha radici nella confluenza tra politica, filosofia e simbologia dei nostri tempi. La recente concessione del Premio Velázquez de Artes Plásticas (2008) conferma la fascinazione e l?interesse che suscita il lavoro di questo artista brasiliano anche fuori dai confini de suo paese.
La figura di Cildo Meireles è fondamentale per comprendere l?avanguardia artistica brasiliana del dopoguerra e rappresenta un punto di riferimento tra il neoconcretismo della fine degli anni ?50 e l?arte concettuale di fine anni ?60.
L'opera di Meireles si può definire come un accostamento poetico allo studio della società: esamina i processi di comunicazione, la figura dello spettatore e il valore dell?arte e dei retaggi della storia. Le tematiche della sua opera vanno dall?espansione del capitalismo nell?ambito internazionale alla cultura degli indios della selva amazzonica. I suoi lavori partono spesso da un elemento concreto che sviluppa fino a trovare l?equilibrio tra realtà, simbolismo e immaginario.
L'opera di Meireles è caratterizzata dalla ricerca di nuovi significati attraverso l?esplorazione dei limiti estetici, percettivi, scientifici ed economici. Ricerca costante e riflessione di un artista cosciente che la memoria è l?unica possibilità di rimanere nel tempo per un?opera.
Cildo Meireles ha manifestato diverse occasioni che lo spazio ha connotazioni "fisiche, geometriche, storiche, psicolgiche, topologiche e antropologiche" e che constituiscono il nucleo base della sua opera.
 

Il·luminacions

RF Web Cccb Bcn  2009-02-17 

arte 

esposizioni 

Il·luminacions
Catalunya visionària
Cccb Bcn
C Montalegre, 5
Dal 17 febbraio al 17 maggio 2009

La mostra "Il·luminacions", organizzata dal CCCB, è un percorso attraverso il pensiero e la creazione in Catalogna dall?epoca di Ramon Llull fino ai giorni nostri, con una massiccia presenza di artisti e creatori visionari.
L?esposizione presenta circa 800 opere di importanti protagonisti del mondo dell?arte, della letteratura, della scienza e del pensiero, che con la propria creatività hanno rotto schemi preesistenti, quali: Cerdà, Dalí, Cuixart, Colom, Duchamp, Ferrer i Guàrdia, Fortuny, Fontcuberta, Gaudí, Le Corbusier, Picasso, Picabia, Sisa, Tàpies e Verdaguer.
L'avventura culturale e artistica della Catalogna è stata caratterizzata da uno sguardo utopico e allo stesso tempo pragmatico, che ha aperto le porte alla modernità, al pensiero e all?azione. Attraverso le opere di artisti e creatori visionari, l'esposizione propone un?approssimazione alle illuminazioni che hanno costituito la visione della Catalogna moderna e post-moderna.
 

Joyas y Palabras

Elisa Pellacani  2009-02-15 

cultura 

libri 

Joyas y Palabras
Un workshop de joyería contemporánea y libros de artista
con Silvia Walz y Elisa Pellacani
Taller Perill
Barcelona
Del 26 de Febrero al 1 de Abril 2009

La joyería contemporánea y el libro de artista se funden: un workshop de cinco clases entre el papel y el metal, la caligrafía y el esmalte, el estampado y el grabado. Encuadernaciones y costuras en un recorrido experimental para una exposición de libros únicos y preciosos.
Empieza en el Taller Perill de Barcelona el 26 de febrero, con Elisa Pellacani y Silvia Walz.
Agradecemos vuestro enterés en difundir nuestra pasión sobre los libros y los lenguajes para ellos útiles.

Elisa Pellacani

La gioielleria contemporanea e il libro d'artista: un workshop di cinque incontri tra carta e metallo, calligrafia e smalto, metodi di stampa e incisione. Rilegature e cuciture in un percorso sperimentale per un'espozione di libri unici e preziosi.
Comincerà presso il Taller Perill, Barcellona, il 26 febbraio, con Elisa Pellacani e Silvia Walz.
Ringraziamo per il Vostro interessamento nella diffusione della nostra comune passione per i libri e i linguaggi utili alla loro realizzazione.

Elisa Pellacani


Joyas y Palabras

Un workshop de joyería contemporánea y libros de artista,
con Silvia Walz y Elisa Pellacani.
en el Taller Perill

Es el título de 6 sesiones donde el alumno además de confeccionar una joya con el tema de las palabras aprende a hacer un libro sobre esta joya que tanto puede ser embalaje como complemento o un libro sobre esta joya o todo al mismo tiempo.
El punto de partida es un cuento, una poesía, una frase o simplemente una palabra, que escoge cada alumno.

La joya puede ser una ilustración, una visualización de este elemento literario o simplemente puede tener como elemento la palabra.
Se proponen diferentes métodos de trabajo donde se vinculan estas dos técnicas de expresión:
libro de artista y joyería
como puede ser:
-caligrafía sobre papel (plumillas y herramientas alternativas de escritura) y sobre metal (esmaltes)
-calado y estampado en metal y papel,
-transfer de letras o imágenes sobre metal para grabar y para imprimir sobre papel con el tórculo,
- coser papel ? coser metal
-desplegables, libros modificados, libros-cajas, contenedores y contenidos: soportes y enganches.

Esta dirigida a gente que tenga un mínimo conocimiento de joyería y quiera experimentar ideas nuevas dentro del mundo de la joyería y conocer el mundo de libro de artista.

Preinscripción hasta el 20 de Febrero
Silvia Walz : silviawalz@gmail.com, o movil 618454360
Elisa Pellacani: epellacani@yahoo.it o movil 657257158
Plazas: 6
Precio: 200? + 50? Preinscripción
Lugar: Taller Perill c/ Perill 41. Gracia. Barcelona (Metro Verdaguer y Diagonal)

Programa

Sesión 1 ? Jueves, 26 de Febrero 16.30-20.30h
Cada alumno trae un cuento, una poesía, una frase, o una palabra.
A partir de las letras escogidas se enseñan varias maneras, como el brainstorming, maquetas etc. para llegar a un proyecto. Pequeña introducción en las técnicas de esmalte y las posibilidades del esmalte para introducir las letras con el esmalte.
Introducción a la caligrafía, herramientas propias y experimentales.
Acabar de concretar los proyectos de cada persona.

Sesión 2 ?Miércoles 4 de Marzo 16.30-20.30 h
Cada alumno debe tener su proyecto y desarrollarlo a nivel práctico.
Introducción al estampado con calado en papel y metal
El libro como espacio, desplegables con formas; la joya como contenido, portadas rígidas forradas en tela y encajes.
Se profundizan los conocimientos sobre los esmaltes?

Sesión 3 ?Jueves 5 de Marzo 16.30-20.30h
Experimentación con los transfers sobre metal para grabar tanto en papel con el tórculo como en el mismo metal. Transferencias sobre papel, intervenciones sobre fotografías, collages.

Sesión 4- Miercoles 11 de Marzo 16.30-20.30h
Preparar moldes de metracylato para estampar sobre metal y papel.
Impresiones bidimensionales con módulos, en cartón, en acero; matrices en silicona.

Sesión 5 ? Miercoles 25 de Marzo 16.30-20.30
Plegado japonés, coser papel, coser metal. Aplicación de métodos de encuadernación a la máquina de coser; juntar metal a textil y papel.

Sesión 6- Miercoles 1 de Abril 16.30-20.30h:
Acabar los proyectos, preparar exposición

Las joyas con sus libros tienen el fin de ser expuestos por Sant Jordi.
 

Joaquim Mir

RF Web CaixaForum Bcn  2009-02-01 

arte 

esposizioni 

Joaquim Mir
Antológica (1873-1940)
CaixaForum Barcelona
Avinguda Marquès de Comillas, 6 - 8 Bcn
Dal 4 febbraio al 26 aprile 2009.

La mostra dedicata a Joaquim Mir comprende opere che spaziano per tutta carriera artistica del pittore catalano; da quando faceva parte - con Nonell, Vallmitjana, Canals e Pitxot - della denominata "Colla del Safrà", fino all?ultimo periodo, a partire dal 1921, anno in cui si stabilì a Vilanova i la Geltrú.
Tra questi due periodi, si possono rivisitare le sue campagne pittoriche ad Andorra, nei primi anni ?30 ed anche le opere dipinte nel Campo de Tarragona, Reus, Maspujols e l'Aleixar, in passato oggetto di monografie ed esposizioni.
La mostra dedica particolare attenzione alle opere che Mir dipinse a Maiorca, intorno alle quali si è creato il mito dell?artista che si fonde con la natura, si affaccia sui precipizi e alfine perde il senno in un delirio di luce e di colore.
L?esposizione, frutto di un intenso lavoro di ricerca portato a termine dal critico e storico Francesc Miralles e la sua equipe, presenta una selezione di 80 opere - olii, pastelli e disegni - tra le quali si trovano alcuni dei pezzi del periodo di maggior maturità e riflessione dell?artista, oltre ad alcune opere poco conosciute dal grande pubblico e alcune inedite.
 

Neorealisme

RF Web La Tecla Sala Hospitalet  2009-01-31 

arte 

esposizioni 

Neorealisme. La nova imatge a Itàlia, 1932-1960
Neorealismo. La nuova immagine in Italia.
Centre cultural metropolità Tecla Sala
Avinguda Josep Tarradellas i Joan 44
L'Hospitalet de Llobregat
Dal 22 gennaio al 5 aprile 2009.

L´esposizione analizza le relazioni e le coincidenze della fotografia con la corrente neorealista italiana, intensamente rappresentata nella letteratura e nel cinema, ma anche dal linguaggio fotografico in cui trova espressioni vive ed eloquenti.
La fotografia neorealista è nata intorno agli anni ?30, ma solo più tardi, negli anni ?50, questa "nuova fotografia" capace di documentare la realtà, ha avuto il suo massimo splendore, grazie al recupero della libertà dopo gli anni bui del fascismo.
La mostra presenta oltre 200 immagini, materiale grafico e cinematografico del periodo 1932-1960, in cui si possono osservare i temi e gli interessi di vari autori che, con obiettivi e sensibilià spesso molto diversi, sono uniti dall?essenza della poetica neorealista.
 

Paul Strand

RF Web Fundació Foto Colectania  2009-01-31 

arte 

esposizioni 

Paul Strand. Retrospectiva 1915-1976
Fundació Foto Colectania
Carrer Julián Romea, 6
Sant Gervasi
Dal 23 gennaio al 4 aprile 2009

La Fundació Foto Colectania presenta l?opera di Paul Strand, uno dei maggiori fotografi del ?900. La sua concezione di "fotografia diretta" anticipò movimenti come la Nuova Obiettività. Strand è universalmente noto soprattutto come ritrattista, i suoi ritratti di volti anonimi e umili travolti da dalla Crisi del ?29 negli Stati Uniti o dell?immediato dopo guerra in Europa sono famosissime.
L?esposizione "Paul Strand. Retrospectiva 1915-1976", curata da Rafael Llano e prodotta dalla Fundación Pedro Barrié de la Maza, arriva a Barcellona dopo aver fatto tappa a La Coruña e a Vigo.
La mostra presenta 75 fotografie, scattate tra il 1915 e il 1976, che ripercorrono i temi e i momenti della creativtà dell?autore.
Le fotografie, provenienti dall'Aperture Foundation di New York e dal Philadelphia Museum of Art, sono correlate dalla pubblicazione "Paul Strand. En el principio fue Manhattan", edito dalla Fundación Pedro Barrié de la Maza. Si tratta di esteso saggio sul fotografo che include oltre cento immagini.
 

The Influencers 2009

RF Web Cccb Bcn  2009-01-31 

cultura 

eventi 

The Influencers 2009
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Carrer de Montalegre 5
Barcelona
5 - 6 - 7 febbraio 2009.

Il Cccb di Bcn presenta il progetto The Influencers, un festival che esplora le armi non convenzionali della comunicazione.
Negli anni è stato definito come una galleria di progetti inclassificabili, ricerca sulla guerriglia della comunicazione, campionario di fantascienza nel presente e, finanche, talk show di chi non vede la tv.
The Influencers è semplicemente un laboratorio di idee: un think-tank che durante tre intense giornate offre storie intrecciate di tergiversazioni, manipolazioni e trasformazione degli elementi vivi delle culture contemporanee.
Progetti visionari che elaborano e distorsionano la comunicazione di massa, la cultura popolare globale, la propaganda tecnologica e il feticismo ideologico. Alimentano la complessa macchina mediatica con contra-memes, tecnologie aberranti e mitologie alternative che hanno come obiettivo che la macchina stessa espella risultati insperati e finanche contraddittori. Lo slogan "Entretenimiento Radical" ne definisce il raggio d?azione e a sua volta funziona come un movimento che provoca corto circuiti e stimola quesiti.
Il Festival The Influencers, giunto quest?anno alla Vº edizione, presenta tra gli altri autori (vedere programma: http://theinfluencers.org ), il collettivo letterario italiano Wu Ming.
Wu Ming è un gruppo di 4 scrittori nato nel 1999, un laboratorio che elabora, altera e diffonde storie dimenticate, sepolte o distorte. Il collettivo, molto noto in Italia, ha venduto oltre 500.000 copie delle proprie pubblicazioni tradotte in varie lingue. Gli autori sono per la libera diffusione del sapere e denunciano il sistema dei diritti d?autore, ritenendolo obsoleto. Wu Ming è un?espressione cinese che significa "senza nome" e rappresenta sia un omaggio alla dissidenza (si tratta di una firma molto usata dai cittadini cinesi che chiedeno la libertà d?espressione), che un rifiuto all?importanza dell?identità personale e al mondo editoriale della fabbrica di autori. I romanzi di Wu Ming sono un esempio di lavoro collettivo e la dimostrazione della forza di un processo creativo alimentato dalla continua collaborazione con la comunità dei lettori.
 

Barnasants 09

RF Web Ajuntament Bcn  2009-01-13 

musica 

eventi 

Barnasants 09
La cançó d'autor protagonista dels hiverns barcelonins
Cotxeres de Sants, Sala Luz de Gas, Harlem Jazz Club e Palau de la Música.
Del 15 gennaio al 22 marzo 2009.

Sessanta concerti, venti presentazioni e dodici artisti internazionali; la XIVº edizione del festival de la cançó d'autor de Barcelona Barnasants presenta un programma completo e vario, che riunisce cantautori emergenti e artisti consacrati.
Del 15 gennaio al 22 marzo, i concerti si terranno in vari teatri e sale della città, tra cui ricordiamo les Cotxeres de Sants, la sala Luz de Gas, l?Harlem Jazz Club o il Palau de la Música.
Il festival Barnasants oltre a mantenere la propria vocazione di dar voce ad artisti emergenti e praticamente sconosciuti al grande pubblico, intende potenziare la canzone d?autore in Catalogna e stimolare lo scambio di esperienze musicali fra cantautori di tutto il mondo. Pere Camps, direttore della manifestazione, definisce lo spirito del festival come "l?unione di cantautori catalani emergenti, cantautori di altri paesi e artisti di grande esperienza".
Durante i 2 mesi di programmazione, si esibiranno alcune delle voci consacrate della canzone d?autore quali Marc Parrot, Luis Eduardo Aute, Pedro Guerra, Albert Pla, Kiko Veneno, Cesk Freixas, Elliott Murphy, Gerard Quintana, Los Secretos o Paco Ibáñez.
Tra gli artisti internazionali presenti a Barnasants 09, segnaliamo la cantante greca Savina Yannatou, il francese Rimbaud, la colombiana Marta Gómez e il nostro Sergio Cammariere (concerto 8 febbraio, Luz de Gaz).

Per informazioni più dettagliate vi inviamo al sito di Barnasants 09
www.barnasants.com



 

Guerra Civil a Catalunya

RF Web Museu d'Història de Catalunya  2009-01-13 

arte 

esposizioni 

Guerra Civil a Catalunya: Testimonis i vivències
(Guerra Civile in Catalogna. Testimonianze e vissuti)
Museu d'Història de Catalunya
Plaça Pau Vila, 3 Bcn
Dal 13 gennaio al 1º marzo 2009

La Guerra Civil in prima persona.
La mostra che presenta il Museu d'Història de Catalunya raccoglie lettere, fotografie e altri documenti inediti che vanno dalla proclamazione della Seconda Repubblica alla fine della Guerra Civile. L?esposizione ricostruisce i fatti accaduti il primo giorno di guerra, il 19 luglio 1936, a Barcellona; di cui si possono trovare interviste a vari testimoni. "Tutti coloro che hanno vissuto la Guerra Civile ricordano perfettamente ciò che stavano facendo quando si diffuse la notizia, quel 19 luglio.." afferma Pelai Pagès, uno dei curatori della mostra.
Scopo dell?esposizione è "rivelare ciò che ha rappresentato la Guerra Civile in Catalogna e come fu vissuta la guerra negli aspetti quotidiani", aggiunge Pagès. Per cui nel percorso espositivo troviamo materiali che spiegano vari avvenimenti, come ad esempio la trasformazione di uno degli alberghi più noti della città, l?Hotel Ritz, in mensa popolare o la celebrazione di una fiera del libro in pieno periodo di guerra.
"Di un fatto non c?è mai una sola versione", afferma Ignasi Sardà, uno dei curatori della mostra; ed è per questa ragione che l?esposizione presenta documenti di varia provenienza, dalle cartoline degli esiliati franchisti durante il conflitto che affermavano che ai repubblicani "mancava l?aiuto di Dio", alle lettere dei soldati che combattevano nella resistenza repubblicana.
Tra le tante testimonianze, la mostra presenta anche materiale cinematografico inedito di un cineoperatore dilettante che filmò gli avvenimenti più importanti accaduti in plaça Sant Jaume dalla Seconda Repubblica allo scoppio della Guerra Civile.
 

Lluís Llach a la Plaça Reial

RF Web Ajuntament Bcn  2009-01-11 

arte 

esposizioni 

Lluís Llach a la Plaça Reial
Setba Zona d'Art
Plaça Reial, 10
Fino al 13 febbraio 2009

L?appartamento della plaça Reial di Bcn in cui ha abitato Lluís Llach per 14 anni, accoglie un?esposizione di 36 fotografie in bianco e nero dell?artista, opera di Miguel Morales. La mostra presenta ritratti del cantautore che vanno dall?infanzia fino al recete ritiro dalle scene.
10 testi di Omar Jurado accompagnano le fotografie e raccolgono aneddoti e confidenze di Llach.
Nell?ambito dell?esposizione si terranno recital, conferenze, proiezioni e concerti.

Lluís Llach
(Verges, Baix Empordà, 7 maggio 1948), è uno dei più noti cantautori catalani.
Assieme a Joan Manuel Serrat è il più noto rappresentante della Nova cançó catalana; ma, a differenza di Serrat, compone le sue canzoni esclusivamente in catalano. Il suo percorso inizia nel 1967 come membro de "Els setze jutges"; e già dai primi anni scrive autentici inni di lotta e resistenza antifascista che divengono ben presto notissimi in tutta la Spagna sebbene composti in lingua catalana.
È il caso di "Cal que neixin flors a cada instant" (Bisogna che nascano fiori in ogni momento), "La gallineta" (La gallinella) o "L?estaca" (Il Palo), forse la sua canzone più nota, tradotta in molte lingue e vero strumento di rivendicazione e lotta popolare.
D?altro lato, Lluís Llach è forse il cantautore iberico con la più vasta e solida formazione musicale e che più ha sviluppato il proprio percorso artistico e politico. La sua versatilità di compositore è straordinaria, passando fra la tradizione catalana e le sonorità mediterranee (in questo molto simile al De André di "Creuza de mä"), tra cantate di sapore classico e ritmi decisamente pop e rock.

Discografia
1968. Els èxits de Lluís Llach
1970. Ara i aquí
1972. Com un arbre nu
1973. Lluís Llach a l'Olympia
1974. I si canto trist
1975. Viatge a Ítaca
1976. Barcelona. Gener de 1976
1977. Campanades a morts
1978. El meu amic el mar
1979. Somniem
1980. Verges 50
1982. I amb el somriure, la revolta
1984. T'estimo
1985. Maremar
1985. Camp del Barça, 6 de Juliol de 1985
1986. Astres
1988. Geografia
1990. La forja de un rebelde
1991. Torna aviat
1992. Ara, 25 anys en directe
1993. Un pont de mar blava
1993. A Bigi, perquè el ballis
1994. Rar
1995. Porrera -Món-
1997. Nu
1998. 9
2000. Temps de revoltes
2002. Jocs
2004. Poetes
 

Els cartells de Juan Gatti

RF Web Ajuntament Bcn  2009-01-11 

arte 

esposizioni 

L'art dels cartells de Juan Gatti
FNAC El Triangle
Plaça Catalunya, 4
Dal 9 gennaio al 4 marzo 2009

Fnac Triangle dedica una mostra all'opera di Juan Gatti, uno dei migliori cartellonisti sud americani, che ha lavorato con registi assai noti quali Pedro Almodóvar, John Malkovich, Fernando Trueba o Álex de la Iglesia.
L'esposizione presenta bozzetti, disegni, manifesti e foto, lavori in gran parte inediti di molti film a cui l?artista argentino ha collaborato.

Juan Gatti
Nato a Buenos Aires in Argentina nel 1950, dopo aver conseguito il diploma in Arti Visive all'Università della capitale, Juan Gatti comincia la sua carriera di art director. Nel 1985, dopo essersi trasferito in Spagna, apre il suo graphic design studio a Madrid. Da allora Gatti migliora costantemente il suo lavoro collaborando regolarmente con alcune dei più importanti griffe: Vogue Italia, Vogue, Spagna, Vanity Fair USA, Christian Dior Perfumes, Loewe and Chloé, realizzando anche libri di fotografia per maestri come Peter Lindbergh e Bruce Weber.
 

Federico Fellini. El circo de las ilusiones

RF Web Caixa forum Bcn  2009-01-01 

spettacoli 

cine 

Federico Fellini
El circo de las ilusiones
(Il circo delle illusioni)
Curatore: Sam Stourdzé
CaixaForum Barcelona
Dal 16 febbraio al 13 giugno 2010

Federico Fellini (Rímini, 1920 - Roma, 1993) è considerato uno dei più significativi artefici del concetto di cinema moderno.
La sua filmografia costruisce un mondo privato, intimo e personale di immagini liriche e poetiche. Nei suoi film altera le norme narrative, disarticola il racconto e riconcepisce il cinema, in tutta libertà e al margine di correnti artistiche o di pensiero. Rappresenta quindi una coraggiosa difesa dell'immaginazione come categoria conoscitiva valida.
L'esposizione "Federico Fellini,il circo de las ilusiones" si concentra quasi esclusivamnete sulle immagini, esplora l'universo felliniano e costituisce una specie di laboratorio visivo di oltre quattrocento opere che propizia il dialogo tra immagini fisse ed immagini in movimento.
Presenta Fellini attraverso le sue varie ossessioni e analizza le fonti d'ispirazione come materia prima del processo creativo felliniano.
La mostra è organizzata e prodotta in collaborazione con NBC Photographie, París.

Conferenze e proiezioni nell'ambito dell'esposizione:

Conferenza inaugurale. Fellini o la fábrica de las imágenes
16/02/2010
Visita commentada - Guidata

Federico Fellini. El circo de las ilusiones
Visita commentada per gruppi
Del 17/02/2010 al 13/06/2010
Visita commentada - Guidata

Conferenza: Mitologías y espectáculos
Proiezione del film Satyricon
03/03/2010

Conferenza. Fellini: el universo del juego. De la viñeta a la gran pantalla
Proiezione del film Lo sceicco bianco
10/03/2010

Conferenza. Nel mezzo del cammin. Entre Dante y Fellini
Proiezione del film La dolce vita
17/03/2010

Conferenza. La representación del deseo en el cine de Fellini
Proiezione del film Amarcord
24/03/2010

Viaje a Tulum: trabajar con Fellini
Proiezione del film Fellini 8 ½
31/03/2010
 

L?altra Rodoreda

RF Web Ajuntament Bcn  2008-12-28 

arte 

esposizioni 

L'altra Rodoreda
Mercè Rodoreda pittrice
Casa Milà ? La Pedrera
Sala Esposizioni
Passeig de Gràcia 92
Fino al 1º febbraio 2009

Uno degli aspetti artistici meno noti di Mercè Rodoreda (1908 ? 1983) è il suo interesse per le arti plastiche durante gli anni ?50, prima di iniziare la sua ripresa letteraria che, dal 1958 in avanti, con la pubblicazione nel ?62 de La plaça del diamant, la rese la scrittrice catalana moderna più tradotta del ?900.
L?esposizione della Pedrera colma questa lacuna presentando fino al 1º febbraio una trentina di dipinti e collages di Mercè Rodoreda, opere per la maggior parte inedite, realizzate dalla scrittrice tra il 1949 e il 1957, durante il suo esilio a Parigi e a Ginevra.
Dipinti e collages su carta, rappresentano volti e corpi di donne, soldati e rifugiati, in uno stile che ricorda quello di Klee o Kandinski.
 

Joyas Sensacionales

Elisa Pellacani  2008-12-28 

arte 

esposizioni 

Joyas Sensacionales
Lo cotidiano y lo raro
Coordinación de Silvia Wals
Gal.leria Mailuna
Carrer Valldonzella, 48
Barcelona
Fino al 10 gennaio 2009.

Le ultime creazioni in forma di gioielli di Lola Gratacós, Stéphanie Barbié, Lourdes Carmelo, Eva Girbes, Marta Miguel, Elisa Pellacani, Maria Brossa, Xus Anglès e altri artisti, coordinati da Silvia Wals.
 

L?imaginari d?Eugenio Lucas

RF Web Mnac Bcn  2008-12-27 

arte 

esposizioni 

L'imaginari d'Eugenio Lucas
L?influenza di Goya nella poetica romantica
Museu Nacional d'Art de Catalunya
Collezione D. Juan Antonio Gutiérrez-Herrero
Curatore: Francesc Quílez
Fino al 1º Febbraio 2009

Autore di grande fecondità creativa, Eugenio Lucas Velázquez (Madrid, 1817-1870) è uno degli artisti spagnoli più importanti del XIXº secolo. Noto discepolo di Goya, i suoi disegni occupano un posto di rilievo nella produzione artistica della sua epoca.
Senza allontanarsi dal segno del Maestro, Lucas costruisce forme immaginarie suggestive e a tratti affascinanti che ricordano alcune insolite creazioni di Victor Hugo o William Turner. Grazie all?uso della tecnica delle macchie, raggiunge risultati di sicuro effetto che tendono a un?estetica di potente modernità. L?eredità di Goya si nota in alcune tipologie tematiche presenti nelle opere esposte: capricci, scene di tauromachia o acquerelli raffiguranti streghe.
La mostra ha come principale obiettivo la riscoperta del disegno di Lucas, parte della sua produzione artistica meno nota; si tratta pertanto di mettere in evidenza l?audacia della sua proposta plastica e la sua singolare poetica che si rifugia in composizioni di piccolo formato, lontane dall?attività pittorica dell?artista che percorre vie più convenzionali.
L?esposizione, la più importante allestita finora su Lucas, presenta circa 70 disegni, tra i quali alcuni conservati in musei prestigiosi come il Museo Nacional del Prado, la Biblioteca Nacional, The British Museum, The Metropolitan Museum of Art o The Cleveland Museum of Art.
 

Sopravvivere a Barcellona

Antonio Marenco  2008-12-16 

vivere 

bere 

Fuga di cervelli? Non da queste parti.
Breve saggio disordinato sulla speranza di vita del non più giovane immigrato italiano.

Ci sono molti modi per sopravvivere a Barcelona spendendo poco o niente.
La prima soluzione, ovvia e di grande soddisfazione è quella di trasformarsi in un "okupa", quindi non lavarsi nè mutande nè capelli, farsi un paio di peircing, strappare un pò i vestiti, comprarsi un pitt bull, accaparrarsi una casa, attaccare luce e acqua facendo ponte su qualche vicino sprovveduto, iniziare coltivazioni e tagli di droghe svariate e sopravvivere (anche molto bene) con il ricavato dello spaccio e delle possibili camere subbaffitate a innocenti nordici.
Al lato opposto della gerarchia sociale dell?immigrante in Spagna si trova chi contribuisce con la sua forza lavoro (sottopagata) al mantenimento del meccanismo socio-industriale spagnolo.
Ad esempio l?architetto che non percepisce il "paro" (perchè sebbene sia legato come un salame ad una scrivania viene considerato autonomo) e viene pagato intorno ai 1000-1500 euro al mese per una media di 48-65 ore settimanali, li possiamo scalare un affitto (se decide di dividere casa) di 300-400 euro, qualche spesa, bollette..avrà a sua disposizione all?incirca 500 euro al mese.
Nel caso in cui questo architetto, ormai disperato e con il tic da "autocad" decide di associarsi con altri architetti immigrati, viene fondata una società che sarà in breve sommersa da spese e debiti incagliando i soci nel progetto suicida di sfidare l?orgoglioso catalano proprio sul suo terreno più sacro: l?architettura.
Nel mezzo di queste due realtà oggettive si possono scorgere dei lidi paradisiaci: come il designer web inglese, che lavora da casa (200m2) nel centro di barcelona e riceve sul conto pesanti migliaia di pounds, oppure il fortunato investitore che comprò casa qui 15-20-30 anni fà e adesso si ritrova a gestire o una serie di appartamenti decadenti che gli studenti si accalcano per occupare a 400 euro a stanza, oppure si ritrova a gestire un micro hotel lussuosissimo che servirà come filtro per ribonificare le zone torbide del centro barcellonese.
Al di là dunque delle discussioni sulla quasi totale mancanza di lavoro e le difficoltà di inserimento professionale và detto che barcelona è una città che funziona molto bene, funzionano le reti di comunicazione (per noi romani è pura fantascienza), funzionano i servizi pubblici: al catasto ho ricevuto informazioni, fotocopie e una serie di complicate ma illuminanti notizie in meno di 10 minuti, in italia per le stesse informazioni ho dovuto compilare una serie infinita di cartelle, litigare con quasi tutti i presenti, rompermi una mano cercando di afferrare l?impiegato statale attraverso il vetro blindato e andare a recuperare l?auto al deposito di centocelle dopo 2 ore di autobus senza aria condizionata.
Se avete lo stomaco forte inoltre a barcelona e facile mangiare spendendo poco o niente.
Qui infatti, nei secoli dei secoli si è plasmata l?arte del riciclo dell?olio. Se i cinesi dicono "tutto quello che cammina, vola, striscia e nuota si può mangiare" i catalani riprendono "tutto l?olio che si usa una volta, può essere utilizzato all?infinito", e non è una strana coincidenza che i migliori cuochi del mondo vengano proprio dalla Catalunia, è semplicemente il risultato dello spirito di conservazione delle classi piu ricche che cercano così di sopravvivere più a lungo.
Per fortuna che i pizzaioli napoletani si sono trasferiti ormai in massa tra barcelona e provincia.
Portando con loro le sparatorie stile "Gomorra" fuori dalle pizzerie più importanti, pare infatti che barcelona sia uno dei nodi piu importanti per il riciclo di denaro, il passaggio della droga (da centro america e marocco) e smistamento di prodotti cinesi.
Il problema è che se non sei di qualche paesino casertano o non ne imiti decentemente l?accento è difficile trovare lavoro redditizio in questo ramo.
Ma torniamo a problemi che ci riguardano più da vicino: la ricerca del cibo.
Pochi giorni fà un amico polacco mi confidava di aver trovato un "percorso delle meraviglie" tra bar, panetterie e supermercati nel quale veniva caricato dello scaricabile a fine giornata.
Come il mercato della frutta di seconda mano, adesso abbiamo pane, gelato, succhi di frutta, cornetti, insomma un tour culinario di tutto rispetto.
E anche l?ozio o cultura, a seconda di come vogliamo definirlo, sono qui di facile e libero accesso, anche se bisogna sempre essere pronti a cogliere l?occasione per entrare in un circolo privilegiato di newsletter con inviti ad eventi promozionali ricchi di cibi e bevande.
Da poco abbandonato il "giro dei vernissage" perchè ormai da troppi riconosciuto e salutato come scroccone di turno, la novità sono i circoli universitari. Meno abituati agli sciacalli e sovvenzionati dallo stato e dalle ricche amministrazioni catalane, qui si possono trovare a discrezione cibo, bevande e qualche buon contatto. L?ultima a cui ho partecipato, tramite amica studente, è stata l?inaugurazione dell?anno accademico dell?universita di architettura sperimentale catalana, ad accoglierci: un capannone di 4000 metri quadri ristrutturato per l?appunto sperimentalmente, 600 salsicce, qualche bottiglia di vino e i frigoriferi incustoditi degli studenti.
Mentre mi alimentavo a base di salsiccia e birra incustodita, gli studenti più attenti seguivano il corso serale di disegno industriale in contesto industriale e con musica industriale a fare da sottofondo. Finite le birre del frigo studenti la sala rimase vuota.
Al ritmo di birre, vini caldi, stuzzichini e (quando dice bene) butifarra catalana la speranza di vita dell?italiano medio che decide di dedicarsi allo scrocco è di circa 40 anni. Vi si può aggiungere qualche mese nel caso di una particolare resistenza fisica.
Per fortuna gli ospedali catalani sono all?avanguardia nella sperimentazione su immigrati.
Ma ci si può ancora chiamare immigrati in un sistema unico europeo?
 

Bandabardò in concerto

RF Web Bandabardò  2008-11-25 

musica 

concerti 

Bandabardò in concerto
Sala Bikini
Barcellona
Venerdì 5 dicembre 2008.

Riecco la Bandabardó, ormai di casa in Spagna e in special modo a Barcellona, dove si è esibita nel 2004, 2005 e l?ultima volta lo scorso anno in novembre, sempre presso la Sala Bikini.
Gradito ritorno quindi. La band fiorentina presenta il nuovo disco "Ottavio", un dramma teatrale (o almeno concepito come tale) che racconta la vita e le opere di Ottavio, antieroe che nella commedia dell'arte rappresentava la maschera dell'innamorato.
Alla ricerca della felicità, Ottavio inizia il suo cammino sperimentando la durezza della vita, incontrando numerosi personaggi.
Da segnalare "Bambino", la prima canzone, con la voce accattivante di Tonino Carotone che si inserisce tra le pieghe di "Guaglione" di Renato Carosone, in un mix di napoletano, francese e chissà quant?altro? Si passa ai sapori da saloon western di "Bambine cattive", alle sarabande esaltate che prendono la rincorsa di "Timido tango"; seguono "La Mauvaise Réputation" un classico di Georges Brassens, la rockeggiante "Lilù si sposa" e la vispa e trascinante "O?guerriero ?nnammurato". Un?altra cover d?annata ("Viva la campagna") e un omaggio a Paolo Conte ("La Vedova Begbick").

Bandabardò, formazione attuale:
Erriquez - Enrico Greppi - voce, chitarra
Finaz - Alessandro Finazzo - voce, chitarra
Donbachi - Marco Bachi - basso
Orla - Andrea Orlandini - chitarra, tastiera
Nuto - Alessandro Nutini - batteria
Cantax - Carlo Cantini - preproduzione
Ramon - José Ramon Caravallo Armas - percussioni, tromba
 

Segnali di fumo

Elisa Pellacani  2008-11-24 

arte 

esposizioni 

"Segnali di fumo" Dal Centro Civico
L?iniziativa, nata dalla collaborazione tra il Centro Civico Pati Llimona e l?Associazione Ilde, propone un esperimento di "mail art" per far riscoprire il fascino della comunicazione postale; anche ai più piccoli.

Tra le varie proposte offerte dal Centro Civico Pati Llimona (calle Regomir 3, dietro piazza del Ayuntamiento) durante i giorni intitolati "Pren la paraula" e dedicati alla comunicazione, quella di "Senyals de fum" nasce dalla collaborazione con l?Associazione culturale Ilde, che si occupa del mondo editoriale e del libro d?artista. L?idea richiama esperimenti di "mail art", basati cioè sullo scambio di materiale creativo e artistico attraverso l?uso del mezzo postale; giusto il 5 di dicembre, in Argentina, si celebra il giorno "del arte correo", per iniziativa di Vortice Argentina, che dal 1975 raccoglie opere di artisti da tutto il mondo attraverso l?invio di un timbro d?autore. Il Centro Civico ? che la settimana scorsa celebrava il giorno internazionale dei Diritti dell?Infanzia, e tra gli altri quindi il diritto alla comunicazione ? per l?occasione ha stampato una cartolina illustrata dedicata al tema della comunicazione scritta e dell?invio postale, ancora in diffusione presso lo stesso Centro, e su cui i bambini sono stati invitati a "stampare" un proprio disegno durante il taller che ho tenuto sulle stampe manuali. Tra le numerose attività ludiche organizzate per i bambini durante questi giorni, quella di creare un proprio timbro (grazie al materiale Milán, una specie di linoleum morbidissimo pensato proprio per loro) richiamava sia l?idea dell?ufficio postale, mezzo oggi dichiaratamente in disuso, sia una forma di comunicazione segnica e non-verbale. Per incoraggiare i più piccoli alla stampa di un "segnale di fumo" mediante cui comunicare con uno o più amici, il Centro civico ha predisposto un?urna trasparente e i francobolli perché davvero le cartoline potessero essere inviate dal Centro Civico. L?azione è continuata il giorno successivo anche per gli adulti e in particolare gli artisti che hanno partecipato a "Print a book", in cui l?Associazione Ilde ha raccolto timbri e matrici di artisti che sono state poi pubblicate ne "El gran mapa de los autores de libros y sus sellos", insieme ai libri d?artista e alle piccole edizioni che han partecipato alla mostra organizzata dalla stessa associazione con l?appoggio del Ayuntamiento de Barcelona e del Centro Civico durante il giorno di San Jordi. Il catalogo-mappa è stato presentato così anche nel Centro Civico, dopo il suo varo nella Libreria Loring Art (di calle Gravina), a concludere questo lungo progetto dedicato al libro d?autore iniziato proprio in aprile con la collaborazione tra il Centro Civico e l?associazione Ilde. Oltre all?esposizione dei timbri e delle matrici, in una suggestiva ambientazione creata dalla stampa ingrandita, sulle pareti del bel Centro, dei simboli, per la presentazione del catalogo Angelo Scimìa ha riproposto il suo monologo "Moleskine", un vero e proprio "libro vocale" con cui aveva già intrattenuto vari spettatori durante il giorno di San Jordi in Piazza Sant Just dove Ilde ha montato l?esposizione (la prima, all?aperto) di libri d?artista. Gli intervenuti hanno chiaramente colto l?occasione per creare durante la serata un proprio timbro e stamparlo sulla cartolina, che chi avrà la fortuna di ricevere potrà collezionare come pagina di un libro unico, postale. In questi giorni, oltre all?apertura delle iscrizioni ai corsi dell?offerta Permanent della Escola Massana, tra i quali quello dedicato al libro d?artista, che curo personalmente dal 2005, si stanno proponendo altri corsi pensati per la realizzazione "in forma di libro" di un proprio progetto. La "Escuela itinerante de libros", creata dall?Associazione Ilde per diffondere attraverso vari centri tecniche e conoscenze per la realizzazione di libri sia in fase di prototipo che di materiale inedito per la stampa, farà infatti due fermate, previste per il prossimo mese di dicembre e per gennaio, una nella Libreria Loring Art, l?altra presso il Taller Perill, in Gracia. Saranno in un caso un ciclo di incontri dedicati alla realizzazione di un primo esemplare e poi alla sua riproduzione in tirature limitate ("Da 1 a 10", il titolo del corso nella libreria Loring), nell?altro l?apertura del taller Perill al gruppo che si sta costituendo di fabbricanti di libri (illustratori, scrittori, fotografi, creativi delle più diverse discipline) perché si ritrovino nel taller per sviluppare e lavorare al proprio progetto libro (le "Ediciones Sueños").
Il tutto, in previsione della prossima mostra di libri d?artista che l?Associazione Ilde sta organizzando e prevista per il prossimo aprile, che si inaugurerà a Barcellona e poi inizierà il suo percorso itinerante in varie sedi, tra cui, ovviamente, una tappa italiana.

Per informazioni:
tallerperill.blogspot.com
www.loring-art.com
www.vorticeargentina.com.ar/proyectos/dac
epellacani@yahoo.it
 

Gioielli d'ambra

Elisa Pellacani  2008-11-24 

arte 

esposizioni 

Gioielli d?ambra, da non dimenticare
Sedici artisti coordinati da Silvia Walz
Galleria Amber art
carrer Banys Nous Bcn

Gioielli d?ambra, da non dimenticare
Sedici artisti coordinati da Silvia Walz espongono i loro gioielli d?ambra con tema "Lo olvidado".

È stata inaugurata presso la galleria Amber art, di carrer Banys Nous, un?esposizione particolare che presenta il lavoro di sedici artisti cimentatisi nella realizzazione di gioielli secondo non solo un tema, che in questo caso era "Lo olvidado", cioè quello che è stato dimenticato, o appartiene al mondo della dimenticanza, ma anche secondo un materiale, in questo caso l?ambra. L?idea è nata da Silvia Walz, professora della Escola Massana di Bcn e artista nota a livello internazionale, che ha coordinato i sedici artisti durante una serie di incontri svoltisi nel Taller Perill, in Gracia (calle Perill 41, per la precisione). Il richiamo tra il tema proposto (che si inserisce in una serie di proposte fatte da Silvia Walz in un percorso di sperimentazioni chiamato "Joyas sensacionales") e l?ambra è evidente: il materiale infatti è noto per avere la peculiarità di trattenere nelle sue trasparenze residui animali o vegetali dell?epoca in cui si è creato, quindi guardarlo senza pensare a qualcosa di passato, forse dimenticato, è difficile. Il connubio poi con la giovane galleria Amber Art, un bello spazio proprio di fronte all?Artesanya Catalunya, è venuto di conseguenza, visto che è dedicato coraggiosamente e interamente a gioielli fatte con l?ambra, nella varietà di stili e montature possibili sia come tecnica che come estetica. Gli artisti hanno lavorato partendo dal materiale "grezzo", cioè da una pietra (o forse è meglio dire "un pezzo") d?ambra che la galleria ha messo a disposizione, insieme alla casualità della forma e della reazione del pezzo ai tagli e alla lavorazione. L?ambra è un materiale estremamente facile da essere lavorato, essendo basicamente una resina, e per questo è al tempo stesso difficile avendo punti non calcolabili di fragilità in cui si può rompere; rispetto a quello che comunemente si può pensare, l?ambra si presenta nella maggior parte dei casi come una pietra non trasparente, ma bianca-giallastra. Lavorandola, limandola, arriva in alcuni casi a ottenere la trasparenza con cui è comunemente conosciuta e rivelare alcuni resti di un?epoca lontana, oltre a sprigionare un intenso e piacevole profumo che si dice abbia qualità terapeutiche. Molta gente ha partecipato all?inaugurazione dell?esposizione, e i due proprietari, molto emozionati, hanno gentilmente regalato agli intervenuti una bottiglietta medicamentosa con alcune schegge d?ambra e l?indicazione di aggiungervi alcool a 90 gradi per ottenere una "pozione" benefica; a Diego Bisso e Xus Angles è stato invece consegnato il primo e secondo premio, "cosa difficile da definire", hanno detto gli organizzatori, consistente in un sacchetto pieno del dorato materiale, perché altre sperimentali e nuove gioie possano essere create. Durante la mostra è stato presentato il catalogo dei lavori (che ancora reperibile in galleria per gli appassionati di edizioni rare e d?arte), curato da Silvia Walz e realizzato in tiratura limitata con rilegatura manuale; una preziosità editoriale dove si possono gustare eternate su carta queste gioie d?autore.
In esposizione opere di: Laia Borell, Isabel Herrera, Stefanie Barbiè, Fatima Tocornal, Elisa Pellacani, Lola Gratacos, Silvina Rio, Alicia Giraldez, Caroline Borges, Lourdes Carmelo, Marta Miguel, Diego Bisso, Nicole Deuster, Eva Girbes, Xus Angles, Maria Brossa.
 

Figura i natura morta en Picasso

RF Web Museu Picasso Bcn  2008-11-22 

arte 

esposizioni 

Objectes Vius. Figura i natura morta en Picasso
(Oggetti vivi. Figura e natura morta in Picasso)
Museu Picasso Bcn
Fino al 1º marzo 2009

La vita delle nature morte di Picasso.
Gli alberi possono diventare corpi, come ne "Les Demoiselles d?Avignon". Un volto può trasfigurarsi in chitarra. Sono solo alcune delle trasformazioni tra figura e natura morta presenti nell?opera del Maestro, ora in esposizione al Museu Picasso di Bcn sotto il titolo di "Objectes Vius. Figura i natura morta en Picasso" fino al 1º marzo 2009.
Circa 60 opere, tra le quali due incompiute e qualche disegno inedito ceduto dalla famiglia.
Dal 1907, momento in cui Picasso inizia la tappa cubista, si notano i giochi e le prime trasformazioni tra oggetti e figure: "Gli oggetti sembrano figure gesticolanti, come se avessero braccia" afferma Green, il curatore della mostra. Picasso trasforma le figure in automati, figure morte, "sculture con artista interno".
La rima tra figure vive e inanimate è cara anche a un grande artista amico di Picasso, Juan Gris, tra i primi ad adottare tale tematica, di cui nell?esposizione si possono ammirare due opere.
Una constellazione di segni.
La ripetizione è uno dei metodi con i quali Picasso ha sperimentato sulle nature morte, popolandole di righe nere; come riportano i quaderni del Maestro tra il 1924 e il 1925, pieni proprio di linee e punti. Il risultato è una sorta di costellazione, che rende possibile all?osservatore la costruzione di qualsiasi tipo di figura.
Il momento culminante del percorso espositivo è rappresentato da quattro botteghe, dipinti che denotano un forte senso teatrale.
L?interesse per la tematica erotica allontana Picasso dalle corrispondenze tra figura e natura morta. Tutto diventa quindi più organico e gli oggetti, che possono essere considerati parti di un corpo smembrato, si sovrappongono a figure femminili.
 

Narratives urbanes. La construcció literària de Barcelona

RF Web Ajuntament Bcn  2008-11-22 

cultura 

libri 

Narratives urbanes. La construcció literària de Barcelona
(Narrative urbane. La costruzione letteraria di Barcellona)
Sala d'Actes de l'Ateneu Barcelonès
24 novembre 2008.

Lo scorso 24 novembre si è svolta la presentazione del libro "Narratives urbanes.La construcció literària de Barcelona". Punto di partenza della pubblicazione sono le quindici sessioni del corso "La gran novel·la sobre Barcelona.De Narcís Oller fins avui" (Il grande romanzo su Barcellona, da Narcís Oller a oggi), diretto da Margarida Casacuberta e Marina Gustà e organizzato dall?Arxiu Històric de la Ciutat dal maggio al gennaio 2005.
?Narratives urbanes. La construcció literària de Barcelona? è un?opera collettiva divisa in tredici capitoli in cui vari specialisti analizzano il modo con cui scrittori quali Narcís Oller, Santiago Rusiñol, Josep Maria Folch i Torres, Carles Soldevila, Josep Maria de Sagarra, Mercè Rodoreda, Terenci Moix, Montserrat Roig, Juan Marsé, Ignacio Agustí e Eduardo Mendoza, hanno rappresentato nelle proprie creazioni l?immagine mutevole della città di Barcellona.
Il periodo storico preso in esame riguarda oltre 150 anni: dall?inizio dell?800 fino al decennio del 1980 ed è illustrato da fotografie delle varie epoche.
 

World Press Photo 2008

RF Web Cccb Bcn  2008-11-19 

arte 

esposizioni 

World Press Photo 2008
Mostra internacional de fotoperiodisme professional
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Dal 18 novembre al 14 dicembre 2008.

Per il quarto anno consecutivo la Fondazione Photographic Social Vision organizza, in collaborazione con il Cccb di Bcn, l'esposizione World Press Photo.
La mostra raccoglie le opere vincitrici dell?omonimo concorso ed è nota come la principale esposizione itinerante dedicata al lavoro dei fotoreporter.
Ogni anno una giuria internazionale indipendente, formata da tredici membri, sceglie le fotografie migliori tra tutte quelle inviate da molti professionisti, agenzie e giornali di tutto il mondo. Nell?edizione di quest?anno 59 sono stati gli artisti premiati, tra i quali il reporter britannico Tim Hetherington, al quale è andato il premio foto dell?anno per un'istantanea di un soldato americano in Afganistan.
La mostra si suddivide in undici le categorie: notizie d?attualità, cronaca, sport, foto d?azione, reportage sportivi, temi contemporanei, vita quotidiana, ritratti, natura, arte e intrattenimento.
World Press Photo 2008 sarà presentata in 40 paesi e 20 città, a dimostrazione di come il linguaggio fotografico possa superare frontiere idiomatiche e culturali.
 

Dossier 1 Gli autori in esposizione si raccontano.

Elisa Pellacani  2008-11-03 

arte 

esposizioni 

Gli autori in esposizione si raccontano:
(dal catalogo "1-6 08 Llibre", edizioni Consulta)

Dina Caball Olivet

Des de terres llançanenques arribo als 15 anys a Barcelona amb la finalitat d?introduir-me en el món de l?art. Descobreixo que m?apassiona en tots els sentits, i m?hi llanço de cap.
Aquesta "llançada" em provoca una pertorbació al cervell que m?impedeix decidir quina és la modalitat artística amb la qual m?identifico. I per això, després de set anys d?experimentacions, m?expresso de totes les maneres possibles.
Així doncs, en les meves obres, hi trobareu fotografies, il·lustracions, joies, vídeos, animacions, llibres i sobretot... sentit de l?humor.

Desde tierra ampuradanesa llego a Barcelona a los 15 años con el fin de introducirme en el mundo del arte. Descubro que éste me apasiona en todos los sentidos y me tiro de cabeza.
Este lanzamiento me provoca una perturbación en el cerebro que me impide decidir cuál es la modalidad artística con la que me identifico. Por ello, tras siete años de experimentaciones me expreso de todas las formas posibles.
O sea que en mis obras vais a encontrar fotografías, ilustraciones, joyas, vídeos, animaciones, libros y sobre todo... sentido del humor.


Carolina Pérez Guiu

Definirse a uno mismo, es sin lugar a dudas la tarea más difícil que siempre se me plantea, sea en el momento que sea. Siempre podría ir a lo fácil, lo recurrente y empezar por mi profesión, diseñadora gráfica, pero prefiero hacerlo con vuestra lectura ?entre líneas? de todo esto: montaña. ciudad. variedad. sensaciones. sentimientos. experimentar. transmitir. ver. mirar. realizar. diseñar. crear. resolver. imaginar. soñar. entender. viajar. conocer. desear. querer. descubrir. sonrisas. risas. diversión. dar. pasear. dulce. salado. picante. sencillo. bonito. la luz. el sol. amanecer. la luna llena. el verde. el negro. el naranja. el violeta. mucha música. hablar. conversar. escuchar. aprender. compartir. encontrar. buscar. llenar. repartir. él. todos y todas. juntos...

Definir-se a un mateix en sense cap dubte la feina més difícil que sempre se m'ha plantejat, sigui en el moment que sigui. Sempre podria anar al que és fàcil, recurrent i começar per la meva professió, dissenyadora gràfica, però prefereixo que ho feu amb la vostra lectura, ?entre línies? de tot això: muntanya. ciutat. varietat. sensacions. sentiments. experimentar. transmetre. veure. mirar. realitzar. disenyar. crear. resoldre. imaginar. somiar. entendre. viatjar. conèixer. desitjar. voler. descobrir. somriures. rialles. diversió. donar. passejar. dolç. salat. picant. senzill. bonic. la llum. el sol. veure sortir el sol. la lluna plena. el verd. el negre. el taronja. el violeta. molta música. parlar. conversar. escoltar. aprendre. compartir. trobar. buscar. omplir. repartir. ell. tots i totes. junts...


Bianca Damasceno Vieira

Sou uma designer gráfica recém formada apaixonada por encadernação, história da arte e ilustração. Vim para Barcelona com o intuito de encontrar inspiração e idéias frescas na história dessa cidade. Chegando aqui, encontrei muito mais do que pensava ao sair da minha terra querida, Brasil. Pode-se dizer que uma carioca em Barcelona fez grandes amizades e aprendeu a um oceano de distância de casa, como se descobrir e vencer as adversidades em qualquer lugar do mundo. E o que eu levo dessa cidade é justamente o que eu quero para o meu ofício como designer-ilustradora-encadernadora: perseverança.

Sóc una dissenyadora gràfica acabada de formar, enamorada de l?enquadernació, la història de l?art i la il·lustració. Vaig venir a Barcelona amb ganes de trobar inspiració i idees fresques en la història de la ciutat. En arribar, vaig trobar moltes més coses de les que esperava quan vaig sortir de la meva terra estimada, el Brasil. Podríem dir que una carioca a Barcelona va fer grans amics i va aprendre, a un oceà lluny de casa, com descobrir-se i com sortir-se de les adversitats a qualsevol lloc del món. I finalment, el que m?emporto d?aquesta ciutat és justament allò que vull per a la meva feina com a dissenyadora-il·lustradora-enquadernadora: perseverància.


Ares Borràs Mata

Obrir la mirada, fer volar el pensament, experimentar amb els colors, la llum, la natura, les sensacions, textures, volums, formes i materials és allò que més m?agrada. Autodidacta de formació artística durant molts anys, perseverant, constant, autocrítica i inconformista, les idees i les meves mans sempre han anat treballant.

Abrir la mirada, hacer volar el pensamiento, experimentar con los colores, la luz, la naturaleza, las sensaciones, texturas, volúmenes, formas y materiales es lo que más me gusta. Autodidacta de formación artística durante muchos años, perseverante, constante, autocrítica e inconformista, las ideas y mis manos siempre han ido trabajando.


Piedad García Zañartu

Soy Piedad García (1980), licenciada en Bellas Artes en la Universidad FinisTerrae (Chile) y actualmente estoy realizando un master en Estética y Teoría del Arte Contemporáneo en la UAB (Barcelona).
Desde el año 2002 he participado en exposiciones tanto colectivas como individuales en Chile y el extranjero, donde la pintura y la fotografía han sido mis medios de producción. En mi trabajo se ven reflejadas todas las angustias, emociones y caminos que tiene la vida. Me interesa el sentir del sujeto.

Sóc Piedad García (1980), llicenciada en Belles Arts per la Universitat de FinisTerrae (Xile) i actualment estic fent un mestratge en Estètica i Teoria de l?Art Contemporani a la UAB (Barcelona).
Des de l?any 2002 he participat en exposicions tant col·lectives com individuals a Xile i a l?estranger; en què la pintura i la fotografia han estat els meus mitjans de producció. A la meva feina s?hi veuen reflectides totes les angoixes, emocions i camins que té la vida. M?interessa com sent el subjecte.


Ariadna Goberna Cabanyes

M?identifico com a mediterrània, amb un caràcter català una mica més marcat que la resta, sóc tolosenca i pisana; sóc romana d?adopció, grega de nom. La meva formació és llarga, i és que necessito temps per aprendre les coses, però la meva incursió al món de l?art és curta, sóc experimentadora plàstica durant un any. La meva feina és traduir, potser per dues raons, per explicar com són les coses de prop i per aprendre com són les de lluny.

Me identifico como mediterránea, con un carácter catalán un poco más marcado que lo demás, soy tolosana y pisana, romana de adopción, griega de nombre. Mi formación es larga, pues necesito tiempo para aprender las cosas, pero mi incursión en el mundo del arte es corta, soy experimentadora plástica durante un año. Mi trabajo es traducir, quizá por dos razones, para contar cómo son las cosas cercanas y para aprender cómo son las más alejadas.


Sandra Figueras Valls

Vaig néixer a Lleida al 74. Vaig acabar Belles Arts el 98 a Barcelona, després me?n vaig anar a Varsòvia a seguir pintant, gravant i aprenent en general. A part de les neus de Polònia vaig provar les pluges de Londres. Fa cinc anys que he tornat a Barcelona, em continuo dedicant a la pràctica artística i a més intento utilitzar-la per parlar d?art amb la gent al museu en què treballo.

Nací en el 74 en Lérida. Terminé Bellas Artes en el 98 en Barcelona, después me fui a Varsovia a seguir pintando, gravando y aprendiendo en general. A parte de las nieves de Polonia probé las lluvias de Londres. Hace cinco años que volví a Barcelona, sigo dedicándome a la práctica artística y además intento utilizarla para hablar de arte a los demás en el museo en el que trabajo.


Maite Awad

Maldigo del Alto Cielo es una canción y un poema. Está escrito por Violeta Parra quién fuera una gran artista chilena: música y cantora, pintora, bordadora, ceramista, recolectora y artesana. En estos versos nos canta sobre la potencia del desamor. Como el dolor pudo hacerla maldecir todo aquello que alguna vez llenó de esperanza su corazón. Estos pequeños libros inconscientes y desgarrados son un homenaje a esta tremenda mujer, enamorada de su tierra y del amor. Un homenaje al poder de su verso, a su voz grave, a su guitarra de acordes sencillos y a esos ojos grandes oscuros que brillan todavía allá en el cielo de Los Andes. Con todo el respeto de mi alma, a Doña Violeta.

Maldigo del Alto Cielo és una cançó i un poema. Està escrit per Violeta Parra que va ser una gran artista xilena: música i cantant, pintora, brodadora, ceramista, recol·lectora i artesana. En aquests versos ens canta sobre la potència del desamor. De com el dolor li va fer maleir tot allò que en un altre moment li havia fet omplir el cor d?esperança. Aquests petits llibres inconscients i estripats són un homenatge a aquesta dona tremenda, enamorada de la seva terra i de l?amor. Un homenatge al poder del seu vers, a la seva veu greu, a la seva guitarra d?acords senzills i a aquests ulls grans i foscos que brillen encara enllà del cel dels Andes. Amb tot el respecte de la meva ànima, per a la Violeta.


Eulàlia Llopart Cirilo
professió? fabricar somnis i ensenyar a construir-los
art? vida
dibuixar? una passió i una necessitat de sobreviure
colors? el blanc i el negre, el vermell i el verd, el blau i el taronja, el groc i el violeta
objectiu? aprendre més

¿profesión? fabricar sueños y enseñar a construirlos
¿arte? vida
¿dibujar? una pasión y una necesidad de supervivencia
¿colores? el blanco y el negro, el rojo y el verde, el azul i el naranja, el amarillo y el violeta
¿objetivo? aprender más
 

Dossier 2 Cos'è un libro per te.

Elisa Pellacani / Edizioni Consulta / Associazione Ilde  2008-11-03 

arte 

esposizioni 

Un libro è?
secondo gli artisti

Carol
Un viaje.
Un viatge.

Res.
Nada.

Dina
Un racó d?intimitats.
Un rincón de intimidades.

Bianca
Um objeto cheio de surpresas.
Un objecte ple de sorpreses.
Un objeto lleno de sorpresas.

Ares
Un llibre és tot un univers per descobrir!
Un libro es todo un universo para descubrir!

Piedad
Un libro es como la vida, tiene un principio y un final,
pero también un largo camino por recorrer, en el cual
van quedando nuestros sueños, experiencias y recuerdos.
Un juego que con imaginación puede llevarnos a encontrar
rutas inesperadas.
Un llibre és com la vida, té un principi i un final; però també
és un llarg camí que cal recórrer; hi van quedant els postres
somnis, experiències i records. Un joc que amb imaginació
ens pot dur a trobar camins inesperats.

Sandra
Un lloc nou
Un sitio nuevo

Maite
Un libro para mí es la posibilidad de comunicarnos por otra vía.
La posibilidad de zambullirnos en otro universo por el tiempo
Que estimemos conveniente. Algunos prescinden de los libros
de por vida, otros creemos que es un buen modo de escapar.
Un llibre per mi és la possibilitat de comunicar-nos
per una altra via. La possibilitat de capbussar-nos
en un altre univers durant el temps que creguem
convenient. Alguns prescindeixen dels llibres de
per vida, d?altres creiem que són una bona manera
d?escapar-nos.

Eulàlia
Tot
Todo
 

Libri d?Artista alla Escola Massana

Elisa Pellacani  2008-11-02 

arte 

esposizioni 

Libri d?Artista alla Escola Massana
Esposizione dei libri e dei progetti realizzati tra gennaio e giugno 2008 nel corso di Massana Permanent sotto la direzione di Elisa Pellacani.
Escola Massana
c/Hospital 56, Barcelona.
Artisti in esposizione: Maite Awad, Ares Borràs, Dina Caball, Sandra Figueras, Bianca Damasceno, Piedad Garcìa, Ariadna Goberna, Eulalia Llopart, Carolina Perez.
Dal 3 al 17 novembre 2008.

Libri d?artista, libri di chi? Una mostra di libri d?artista reca con sé fin dall?inizio questa domanda; ma non solo per la molteplicità di letture che la definizione offre, quanto perché effettivamente i libri che chiamiamo "d?artista" si distinguono dagli "altri" per l?importanza sottolineata al progetto, all?idea dell?autore. Che, pur rispondendo, come fu nella storia del libro "d?artista", all?incarico di un editore, si trova a realizzare qualcosa che contempli un margine di libertà espressiva, affidata appunto all?artista, oltre che un valore superiore dato all?oggetto. Al principio, non carta stampata: il libro d?artista è un?opera d?arte, che in sé inizia, si sviluppa, finisce. Chiede l?intervento del pubblico, che lo sfogli o che per lo meno lo segua nel suo dispiegarsi. Ha in sé l?unicità dei materiali usati, della tiratura limitata perché realizzata manualmente. Ma non solo: il libro diventa qualcosa di più, vissuto come mezzo comunicativo moderno, rivaluta un principio indiscutibile dell?Arte, che è quello dell?ideazione. La parte artigianale ne permette la traduzione in prototipo, la considerazione dei materiali necessari e delle sue possibilità di riproducibilità, ma lo sviluppo del progetto porta l?idea alla semplificazione necessaria perché possa essere ripetuto senza perdere i suoi caratteri di unicità.
Si apre un universo infinito, in cui si richiede all?autore di essere anche editore: dare al materiale visuale prodotto una forma, quindi dalla libertà totale a un ordine disciplinato da equilibri di composizione grafica, di peso delle carte, di funzionalità dell?oggetto. È un esercizio totale per la riorganizzazione delle possibilità espressive di ognuno, e alla sua sintesi, in un libro.
In esposizione presso l?Escola Massana vengono presentati alcuni dei libri, dei progetti di libro, delle sperimentazioni a cui durante sei mesi ? nel corso di Libro d?artista e libro oggetto della Massana Permanent ? hanno lavorato persone dai percorsi espressivi diversi ma accomunate dal desiderio di fare libro. Esercitazioni di calligrafia, uso dell?immagine in relazione al testo, metodi di rilegatura e studio del segno, alfabeti e simboli, stamperia manuale, monotipie e impaginazione del tutto. L?elenco delle terre attraversate nel viaggio per dar luce al proprio libro è lungo, e durante sei mesi gli autori in mostra hanno cercato di non perdere il proprio filo di ricerca e di realizzare ognuno il proprio progetto. Alcuni libri sono diventati piccole edizioni autoprodotte in serie limitata, alcuni oggetti unici, altri sono solo i primi capitoli di qualcosa. In mostra anche tredici copie di uno stesso volume (un romanzo titolato "Sr. Smith") che gli autori hanno modificato applicando il proprio intervento su tutte le copie, facendone di ognuna una copia?d?artista, a più mani.
Il catalogo contiene le esperienze e i risultati del corso 2008 che sono stati raccolti ed editati nel giugno 2008 per i tipi di Consulta, libri e progetti (ISBN 978 88 89156 34 6). Realizzato con metodi manuali, il catalogo (intitolato "1-6 08 Llibre") è stato inquadernato e rilegato durante gli ultimi giorni del corso nei laboratori della Escola Massana, ed è in esposizione in alcune librerie specializzate.
Elisa Pellacani

Consultare i dossier:
Dossier 1: Gli autori in esposizione si raccontano.
Dossier 2: Cos?è un libro per te?





 

La Beata Ocaña

RF / Rosario Fontova El periódico de Catalunya / Web Galeria La Rosa del Vietnam Bcn  2008-11-01 

arte 

esposizioni 

La beata Ocaña
Galleria La Rosa del Vietnam
Carrer Peu de la Creu, 21
Barcellona.
Fino al 15 novembre 2008.

L?esposizione ricorda José Pérez Ocaña, artista naif che fu tra i protagonisti delle Ramblas dei primi anni ?80 e della movida barcellonese, che morì, vittima di un incidente durante le feste del suo paese, Cantillana presso Siviglia, il 18 settembre 1983.
Figura polemica, condannato a una certa marginalità negli anni della repressione, Ocaña possedeva uno stile libertario che oggi pare una vera rarità. Sono ormai leggendari i suoi happening che mescolavano arte, teatro e provocazione, come narra il film "Ocaña, retrato intermitente" del regista Ventura Pons (http://www.venturapons.com/filmografia/retratop.html).
L?esposizione, allestita dal gallerista Pere Pedrals, raccoglie una selezione di disegni originali su carta e una serie di opere in cartapesta tra cui le due vergini favorite di Ocaña e il Sole del tragico incidente di Cantillana.
Pere Pedrals ha comprato recentemente le vergini di cartapesta da un amico dell?artista: si tratta di opere scenografiche che rappresentano la Virgen de la Asunción e la Virgen de la Divina Pastora, accompagnate da decine di agnelli e di angeli. Facevano parte di un?esposizione che venne allestita presso la Capella di carrer Hospital nel 1982, la più importante tra le mostre che organizzò Ocaña a Barcellona.
Durante l?esposizione viene proposto il cortometraggio "Hasta los ángeles mueren en el suplicio" (Persino gli angeli muiono nel supplizio), girato nel febbraio del 1979 dal regista Gérard Courant. Ocaña, travestito da "bailaora" con "peineta", scialle e ventaglio, danza davanti alla Porta di Brandeburgo, accompagnato da una Marilyn Monroe di cartone. Il film, praticamente inedito, fa rivivere l?Ocaña delle Ramblas, frontato e allo stesso tempo vulnerabile.
Il 15 novembre, giorno di chiusura dell?esposizione, la Galleria La Rosa del Vietnam ha organizzato una processione per il Raval con in testa le due vergini, adornate da angeli e agnelli, che terminerà davanti al Macba, dove è prevista la beatificazione di Ocaña.
 

A la ciutat xinesa

RF Web Cccb Bcn  2008-11-01 

arte 

esposizioni 

A la ciutat xinesa.
(Nella città cinese).
Mirades sobre les transformacions d'un imperi
(Sguardi sulle trasformazioni di un impero)
Centre de Cultura Contemporània de Bcn
Dal 4 novembre 2008 al 22 febbraio 2009.

La Cina vive, da circa un decennio, importanti processi di costruzione e distruzione che ne stanno modificando notevolmente il paesaggio.
L?esposizione organizzata presso il Cccb situa questi cambiamenti nella continuità della storia e della cultura della Cina. L?obiettivo è presentare la realtà della città di ieri e di oggi in quattro dimensioni: urbanismo, architettura, paesaggio e infrastruttura.
È inoltre un?occasione per confrontare queste realtà con l?immaginario cinese e quello occidentale e con i meccanismi dell?informazione e della propaganda.
L?esposizione raccoglie documenti archeologici, opere d?arte, plastici, immagini d?archivio e creazioni contemporanee.
Il percorso espositivo, unificato dalla nozione del cambiamento, si scompone in una dozzina di spazi autonomi vincolati o a una parola o a un concetto cinese o a una città, che viene presentata attraverso una delle sue principali caratteristiche. Tra queste viene messa in risalto la realtà della Pechino attuale, in pieno processo di sviluppo urbano per i lavori dei Giochi Olimpici.
Giardino, Carattere, Terra, Acqua, Fengshui, e Costruzione/Distruzione, sono le sezioni dell?esposizione; Suzhou, Xi'an, Chongqing, Canton, Shangai e Pechino, le città rappresentate.
 

Modernitat americana

RF Web Fundació Miró Bcn  2008-11-01 

arte 

esposizioni 

Modernitat americana
Opere della Corcoran Gallery of Art
Fundació Joan Miró Bcn
Curatrici: Sarah Newman e Sarah Cash
Dal 31 ottobre 2008 al 25 gennaio 2009.

L'esposizione presenta più di 100 opere di artisti americani dalla fine del XIXº secolo fino alle porte del XXIº.
Dai paesaggisti e dagli artisti che hanno lavorato sotto l?influenza di Parigi, fino all?espressionismo astratto o alla fotografia, la mostra propone un percorso che aiuta a comprendere meglio l?evoluzione dell?arte moderna negli Stati Uniti di oggi.
Tra gli artisti presenti all?esposizione ricordiamo George Bellows, John Singer Sargent, Arthur Davies, Marsden Hartley, Joseph Cornell, Thomas Hart Benton, John Sloan, Edward Hopper, Milton Avery, Mark Rothko, Willem de Kooning, Cy Twombly, Richard Diebenkorn, Martin Puryear e Robert Mangold.
 

Arxiu universal

RF Web Macba Bcn  2008-10-25 

arte 

esposizioni 

Arxiu universal. (Archivio universale)
La condició del document i la utopia fotogràfica moderna.
Macba Museu d'Art Contemporani de Barcelona
Direzione del progetto: Bartomeu Marí
Curatore: Jorge Ribalta
Concetto Survey 2007: Jorge Ribalta e Joan Roca
Dal 23 ottobre 2008 al 6 gennaio 2009.

Realizzare un archivio visivo universale è stata una delle missioni storiche della fotografia. Ma recentemente, l?abbandono del realismo nei dibattiti attuali sulla fotografia digitale e sulla postfotografia, pare determinare il tramonto di quest?utopia. Il documento fotografico è ormai uno dei tanti anacronismi della modernità?
La risposta a questo quesito e il dibattito che ne può scaturire è l?obiettivo dell?esposizione "Arxiu universal. La condició del document i la utopia fotogràfica moderna", che raccoglie centinaia di fotografie e documenti: dalle prime "fotointerpretazioni" di Lewis Hine dell?inizio ?900 a una serie di opere attuali commissionate dal Macba di Bcn a vari fotografi contemporanei.
La mostra parte dai testi scritti da August Sander nel 1931 sulla fotografia come linguaggio universale e ha come referente dialettico "The Family of Man", la leggendaria esposizione che Edward Steichen presentò nel 1955 presso il Museum of Modern Art (Moma), di Nuova York.
"Arxiu universal" è divisa in 2 grandi sezioni: una che traccia il percorso storico per alcuni dei dibattiti generali sul documento fotografico in epoca moderna (dal 1850 al 1980); e l?altra che prende la città di Barcellona e la sua storia fotografica come specifico caso da analizzare.
Dibattiti sul documento fotografico.
Si articolano in tre parti: la dialettica tra riformismo e rivoluzione negli anni ?20 e ?30, la rottura nella considerazione del ruolo dello spettatore e alcuni dei grandi progetti documentali della modernità.
Opere di Lewis Hine, la Photo League, Rodchenko, Ben Shahn, Helen Levitt, John Gurmann, Heinrich Zille, Walter Evans, Brassaï, Hill Brandt, Weegee, Paul Strand e Doisneau; documenti degli spazi espositivi di El Lissitzky e di esposizioni tedesche, francesi, italiane e spagnole degli anni ?30; dalla "Mission Heliographique" del 1851 alla Missione della Datar del 1980, il progetto "Homes del segle XX" di August Sander, esplorazioni fotografiche classiche come quelle del 40º Parallelo o del West americano.
La construzione fotografica di Barcellona come caso da studiare.
Questa seconda parte esamina la tensione tra la costruzione di immagini ufficiali e di contro-immagini che partono dalla storiografia fotografica e dalla corrispondenza con il modello urbano. Raccoglie documenti che vanno dall?Esposizione Universale del 1888 al Fòrum de les Cultures del 2004.
La mostra presenta inoltre un survey fotografico commissionato dal Macba di Bcn a un gruppo di fotografi contemporanei che propone un?immagine della nuova città che emerge dalle recenti trasformazioni.
Opere di Sandra Balsells, Xavier Basiana, Lothar Baumgarten, Patrick Faigenbaum, Hans-Peter Feldmann, David Goldblatt, William Klein, Manolo Laguillo, Ana Muller, Marc Pataut, Xavier Ribas, Andrea Robbins & Max Becher, Gilles Saussier, Jean-Louis Schoellkopf, Allan Sekula, Ahlam Shibli.
 

Borse d?Autore

Elisa Pelacani  2008-10-21 

arte 

esposizioni 

Borse d?Autore
Libreria Loring art
C/Gravina 8
08001 Barcelona
Tel. 93 412 01 08
www.loring-art.com/

Presso la libreria Loring art continua l?esposizione di libri d?artista e dei timbri che dal giorno di San Jordi l?Associazione Ilde ha raccolto e presentato in un catalogo particolare: una mappa, che ricorda quelle geografiche nelle dimensioni e nelle pieghe, ma che invece di direzioni stradali e coordinate terrestri invita a un viaggio nel fantasioso mondo della creazione di libri.
"El gran mapa de los autores de libros y sus sellos", edito per i tipi della casa editrice italiana Consulta, con l?appoggio dell?Ayuntamiento de Barcelona e del Centro Civico Pati Llimona, con cui l?Associazione Ilde ha organizzato nell'aprile scorso la prima mostra di libri d?artista all?aperto durante il giorno di San Jordi (23 d?aprile), raccoglie un universo di creatività editoriale: dai libri prototipo, veri e propri oggetti da sfogliare, usando i materiali piu? diversi, passando per i libri illustrati, fotografici, inquadernati manualmente, fino a piccoli tiraggi autoeditati.
La collaborazione con Milán, che da pochi mesi ha presentato un nuovo formato di un cauchu molto tenero e malleabile, facile da incidere per stampe manuali ed effetti monotipici, si è trasformata nell?invito agli artisti a rappresentarsi attraverso un simbolo, secondo l?idea di ricreare un alfabeto visivo che permetta dal disegno originale di riprodurne varie copie.
Molte di queste matrici sono poi state utilizzate per realizzare piccole edizioni di libri illustrati, stampe con interventi manuali, una vera e propria collezione di caratteri tipografici illustrati con cui sia possibile comporre storie e che, nel catalogo-mappa, sono presentati come segno di riconoscimento degli stessi artisti che hanno realizzato i libri.
Mentre si sta preparando una seconda presentazione del catalogo nel Centro Civico Pati Llimona, dove saranno invitati i bambini, autori per eccellenza e artisti del futuro, a lasciare un loro segno inciso, la Libreria Loring in occasione dell?esposizione dei timbri e dei libri ha richiamato numerose persone che durante tutto un pomeriggio hanno composto a più mani un unico libro, quasi due metri di carta su cui sono stati stampate le matrici, e che ora è possibile vedere esposto nella stessa libreria.
Da pochi giorni la Loring ha anche inaugurato una serie di borse d?autore, di cui la prima raccoglie una parte delle stampe dell?iniziativa.
Le borse con i timbri sono state stampate in una tiratura limitata di duecento esemplari, e sono disponibili presso la Libreria insieme al catalogo.
 

Bcn Jazz Festival 08

RF Web Ajuntament Bcn  2008-10-18 

musica 

eventi 

40º Festival Internacional de Jazz de Barcelona
In vari locali, sale e teatri della città.
Dal 19 ottobre al 29 novembre 2008.

Il Festival Internacional de Jazz de Barcelona, che quest?anno celebra la 40º edizone, propone concerti di grande interesse, a cominciare da Al Green, che debutta a Barcellona, all?Auditori il 24 ottobre. Sempre all?Auditori suoneranno il pianista Brad Mehldau e il saxofonista Joshua Redman il 9 novembre.Tra gli alri nomi ricordiamo Matthew Herbert, che presenterà le sue ultime composizioni così come Lambchop.
Questa edizione del Festival dedica un ciclo speciale alla tromba con i concerti di Tom Harrel Quartet, Till Brönner o Nicholas Payton Quintet.
Sarà presente anche una nutrita rappresentanza del jazz catalano: gruppi storici come La Locomotora Negra, Triphasic o La Vella Dixieland, protagonisti anche dei concerti aperitivo gratuiti all'hotel Alexandra ogni sabato alle ore 19:00, insieme a Ned Sublete e Charlie Moreno.
Tra le iniziative del Festival ricordiamo inoltre il ciclo di conferenze organizzato presso l?Institut Nord-americà su diversi aspetti del mondo del jazz. Sono in programma anche concerti fuori città, a L'Hospitalet de Llobregat, Sant Cugat, Viladecans e Santa Coloma de Gramenet.

Qui di seguito il programma:

Concerto inaugurale "Porgy & Bess",
Big Band de l'Esmuc
Parc del Centre del Poblenou
19/10/2008

Bebo & Chucho Valdés
L'Auditori de Barcelona
23/10/2008

Al Green
L'Auditori de Barcelona
24/10/2008

Concerti-aperitivo all'Alexandra
Hotel Alexandra
Dal 19/10/2008 al 29/11/2008

Ignasi Terraza & Dado Morodi Quartet, con Pierre Boussaguet e Alvin Queen
L'Auditori de Barcelona
26/10/2008

Harlem Hot Jazz Sessions
Harlem Jazz Club
Dal 26/10/2008 al 23/11/2008

Tomasz Stanko Quartet
L'Auditori de Barcelona
28/10/2008

Herbie Hancock Sextet
Palau de la Música Catalana
30/10/2008

Marc Copland
Luz de Gas
01/11/2008

Ingrid Jensen Quartet
Luz de Gas
02/11/2008
 

Tv Boy

RF Web Galeria Safia Bcn  2008-10-16 

arte 

esposizioni 

Tv Boy / Melting Pop
Street art, pitture e istallazioni
Salvatore Benintende
Galleria Galeria Safia Bcn
Bruniquer, 9
08012 Barcelona
Tl.i Fax: 93 213 84 96
safia@galeriasafia.com
www.galeriasafia.com
Dal 18 settembre al 31 ottobre 2008.

La Galleria Safia di carrer Bruniquer presenta l?esposizione dell?artista siciliano attivo a Barcellona Salvatore Benintende/Tv Boy.
Il mondo creativo di Tv Boy oscilla in modo equilibrato tra la street art, i graffiti, il disegno e le opere pittoriche su tela o carta. Come afferma il critico d?arte Jacopo Perfetti, Salvatore Benintende attua una "carnevalizzazione del mondo contemporaneo".
Si tratta di un processo creativo sorprendente e polemico, che ha prodotto personaggi solo apparentemente infantili e innocenti, protagonisti di scene e situazioni ironiche e mordaci. L?opera di Tv Boy è piena di idee fresche e fantasiose, in cui si possono individuare le linee tradizionali del fumetto occidentale (autori quali Schultz, per esempio) oltre ad alcuni tratti caratteristici dell?illustrazione giapponese, assai diffusa negli ultimi anni.
Salvatore Benintende/Tv Boy gioca inoltre con simbologie antropologiche e archetipi religiosi: croci, aureole, occhio divino, teschi.
Attraverso il linguaggio del fumetto, persegue una continua sperimentazione con i propri strumenti comunicativi anche nella re-interpretazione di capolavori dell?arte, del cinema o dela letteratura.
Interventi urbani di Salvatore Benintende/Tv Boy sono stati realizzati a Milano (città in cui è si è formato) e Barcellona (città in cui opera negli ultimi anni).

Salvatore Benintende, in arte TvBoy (Palermo 1980). "Illustrarocker".
Inizia a graffitare a tempo perso nel 1996. Studia design e grafica a Milano, poi Belle Arti a Bilbao. Attualmente vive a Barcellona dove lavora come grafico per diverse riviste di skate e street culture. The TV boy è il suo ironico e irriverente alter ego che dissacra l?invadenza della televisione nelle nostre vite e nei nostri pensieri.

Tv Boy
Hangar
Passatge del Marques de Santa Isabel, 40
Barcellona
 

La Plaça Reial Inspira

RF Web Espai Setba Bcn  2008-10-15 

arte 

esposizioni 

"La Plaça Reial Inspira"
Setba - Zona d'Art
Plaça Reial , 10 - 1r 2a
08002 Barcelona
Tel. 934 813 696
www.setba.net
setba@setba.net
Dal 9 al 30 ottobre 2008.

Setba - Zona d'Art presenta fino al 30 ottobre l?esposizione "La Plaça Reial Inspira", che raccoglie le opere di 14 artisti di diverse discipline che hanno interpretato Plaça Reial su proposta del Setba, dandone una loro personale versione.
La mostra vuole essere un omaggio alla piazza e alla sua storia e a tutto ciò che può ispirare gli artisti partecipanti. Attraverso fotografie, incisioni, dipinti, disegni e sculture, il pubblico potrà osservare 14 "piazze reali" diverse, risultato dell?interpretazione artistica di ciascun autore.
Obiettivo dell?esposizione è recuperare l?attività artistica che da sempre ha caratterizzato Plaça Reial e riattivare questo spazio come punto culturale di riferimento della città.
Zona d'Art è uno spazio culturale polivalente destinato principalmente ad accogliere esposizioni artistiche, conferenze, presentazioni, laboratori e attività che possano contribuire al recupero dell?antico richiamo artistico di Plaça Reial e del quartiere di Ciutat Vella.
Setba collabora con varie associazioni e gruppi culturali di Bcn e recupera l?opera e il vissuto di artisti importanti per il passato della piazza, come il pittore andaluso e performer Ocaña o il cantautore Lluís Llach.

Plaça Reial.
Situata sulle Ramblas barcellonesi, poco oltre carrer Ferran, la piazza ha origini relativamente recenti, fu creata infatti nel 1848 dall?architetto e urbanista Francesc Daniel Molina su un antico convento di frati cappuccini.
Al centro della piazza, popolata da alte palme e circondata da portici (rari a Bcn), si trova una fontana chiamata delle "Tres Gràcies". I due lampioni nei pressi sono opera giovanile di Antoni Gaudí.
È gemellata con Piazza Garibaldi di Città del Messico.
 

Festival de Música Popular de Barcelona

Web Ajuntament Bcn  2008-10-06 

musica 

concerti 

Festival de Música Popular de Barcelona
In vari locali della città
Al 6 al 15 otobre 2008.

Il primo Festival de Música Popular de Barcelona presenta circa 30 proposte musicali in ben 18 spazi e locali della città e ha l?obiettivo di avvicinare il grande pubblico alla musica popolare dal vivo. Lo spirito della manifestazione è simile a quello del Festival della canzone popolare e d?autore di San Remo, organizzato dal Club Tenco.
Tra gli artisti che si esibiranno ricordiamo Quico Pi de la Serra all? Harlem Jazz Club, Pascal Comelade, Perico Sambeat, Down Home Orkestra, Roger Mas, Carles Benavent e Calima.
Concerti si terranno in alcune delle più rappresentative sale barcellonesi quali, oltre al citato Harlem Jazz Club, Luz de Gas, la Sala Apolo, l'Ateneu Barcelonès, il Teatreneu, L'Auditori e l'Antilla Bcn.

Ecco in dettaglio alcuni dei principali concerti:

Concerto Roger Mas Set
Luogo: Escola de Música Taller de Músics
Data: 06/10/2008

Concerto Caracola
Luogo: Harlem Jazz Club
Data: 08/10/2008

Spettacolo Tangos e Milonga
Luogo: Luz de Gas
Data: 08/10/2008

Concerto Ritmo Cartel Orquestra
Luogo: Discoteca Antilla Bcn Latin Club
Data: 09/10/2008

Spettacolo di Tap Jam
Luogo: Sala Vivaldi
Data: 09/10/2008

Concerto Calima + Eldys Gasolina Motor
Luogo: Club Sala Apolo
Data: 10/10/2008

Concerto Diego Cortés + María del Mar Fuentes
Luogo: Ateneu Popular Nou Barris
Data: 11/10/2008

Recital letterario Barcelona Tango
Luogo: Llibreria Negra y Criminal
Data: 11/10/2008

Concerto Diego López Collia Septet
Luogo: Escola de Música Taller de Músics
Data: 13/10/2008

Concerto Carles Benavent & Jordi Bonell
Luogo: Harlem Jazz Club
Data: 15/10/2008
 

El pa dels àngels

Web CaixaForum Bcn  2008-10-05 

arte 

esposizioni 

El pa dels àngels
(Il pane degli angeli)
Collezioni dalla Galleria degli Uffizi
Da Botticelli a Luca Giordano
CaixaForum Barcellona
Av. Marquès de Comillas, 6 - 8 Bcn
Dal 22 ottobre 2008 all? 8 febbraio 2009

CaixaForum Barcellona presenta per la prima volta in Spagna "El pa dels àngels", una straordinaria collezione d?arte italiana proveniente dalla Galleria degli Uffizi di Firenze.
Si tratta di 45 capolavori realizzati, tra il XV ed il XVII secolo, da maestri quali Botticelli, Luca Signorelli, il Parmigianino, Luca Giordano e Cristofaro Allori.
Opere sublimi che fino ad oggi era difficile poter ammirare all?estero.
La mostra prende il titolo dal mistero della trasformazione del pane e del vino nella carne e nel sangue di Cristo, che è stato spesso rappresentato, ed è, secondo la dottrina cattolica, il sacrificio del figlio di Dio che libera l?umanità dal peccato originale.
Nell?eucarestia, il corpo di Cristo è il pane degli angeli.
L?esposizione è un percorso nella spiritualità dell?Occidente attraverso vari episodi dell?Antico e del Nuovo Testamento: il peccato originale, l?annuciazione, l?ultima cena e la morte e resurrezione di Cristo. Ricostruisce inoltre il processo artistico e stilistico portato a termine dai grandi maestri dell?arte italiana dell?epoca.
La mostra è stata organizzata in collaborazione con la Galleria degli Uffizi, Contemporanea Progetti / Firenze e con l?Istituto Italiano di Cultura di Barcellona.
 

Els vint-i-quatre graons

Web Fundació Joan Miró  2008-10-04 

arte 

esposizioni 

Els vint-i-quatre graons de Miró
(I ventiquattro scalini)
Avui no aspiro a res
(Oggi non aspiro a nulla)
Juan López
Fundació Joan Miró Bcn
Curatore: Jorge Díez
Dal 3 ottobre al 16 novembre 2008.

La Fundació Joan Miro accoglie l'esposizione "Els vint-i-quatre graons" (I ventiquattro scalini), un omaggio a Joan Miró nel 25º anniversario della morte.
È composta da un ciclo di cinque progetti realizzati da Juan López, Diana Larrea, Javier Arce, Abi Lazkoz e Raúl Belinchón. Artisti che hanno concepito le proprie opere prendendo spunto dalle fonti documentali dell?archivio della Fondazione.
Juan López (Alto Maliaño, 1979) costruisce abitualmente le sue opere con segnali, immagini e messaggi e interviene in spazi urbani e espositivi.
Altera gli spazi sovrapponendo strumenti e risorse con cui la pubblicità innonda le città: immagini, testi, fotografie, cartelli, segnali e graffiti. Juan López lavora con vari strumenti artistici: disegno, forma, colore, composizione e collage, con cui scuote e sorprende il pubblico su temi quali il consumismo e la pubblicità.
Per l'esposizione dell?Espai 13, Juan López presenta due opere: "Numerosis" e "Avui no aspiro a res". "Numerosis" è la documentazione video del riflesso che l?orologio luminoso di una farmacia sotto casa dell?artista proietta sul vetro della finestra durante 24 ore. In "Avui no aspiro a res", l'artista prende spunto dall?interesse di Joan Miró per il lavoro con tecniche e materiali nuovi, si tratta di un?istallazione che presenta un collage d?immagini in video con disegni realizzati su nastro isolante.
Protagonisti dell?istallazione sono i "traceurs", come vengono chiamati coloro che praticano il "parkour", disciplina sportiva che consiste nello spostarsi in ambiente urbano e/o rurale superando ostacoli di vario genere nel modo più abile possibile e potendo ricorrere solo alle risorse del fisico umano.
 

Sitges 2008

RF Web Ajuntament Bcn  2008-10-04 

spettacoli 

cine 

Festival de Sitges 2008
41º Edizione del Festival Internacional de Cinema Fantàstic de Catalunya
Sitges
Dal 2 al 12 ottobre 2008.

Vampiri, zombies e il cinema asiatico più innovativo saranno i protagonisti della 41º edizione del Festival Internacional de Cinema Fantàstic di Sitges.
Con una programmazione ancora più fantastica rispetto alle passate edizioni e con la fantascienza come leimotiv, il festival commemora il 40º anniversario di una delle pellicole più emblematiche del genere "2001 Odissea nello spazio", di Stanley Kubrick, alla memoria del quale verrà assegnato il Gran Premi Honorífic de Sitges 2008.
In un momento di grande successo del cinema di genere fantastico, il festival offre una programmazione che mette in evidenza giovani autori, accanto alla produzione più classica del genere, per varietà e tematiche.
Le pellicole in concorso sono in totale 23, dal "vampirismo" di "Let the right one" alle nuove proposte di "Martyrs" e di "Blindness", che ha aperto il Festival deI Cannes o il film senza pregiudizi di Miguel Martí, "Sexykiller".
Si inaugura in questa edizione del festival una sezione che recupera i grandi classici del genere fantastico, oltre a "2001 Odissea nello spazio" verranno proiettati anche "King Kong", di cui ricorre il 75º anniversario e "La notte dei morti viventi" di George A. Romero.
Zombie walk. Venerdì 10 ottobre Sitges sarà invasa da centinaia di zombies, un peculiare corteo che da Palazzo Miramar percorrerà le vie della città in omaggio al film "La notte dei morti viventi".
 

El Gran Mapa de los Autores de Libros

Elisa Pellacani  2008-09-21 

arte 

esposizioni 

El Gran Mapa de los Autores de Libros
Un progetto di Elisa Pellacani
Con la Associazione Ilde di Artisti del Libro
Libreria Loring Art
Carrer Gravina 8 Bcn
Venerdi 19 settembre 2008

Venerdi? 19 settembre nella Libreria Loring, a Barcellona centro dell?editoria d?arte, un pomeriggio dedicato al libro d?artista e a quanti siano affascinati da questi libri speciali.
Si presenta il catalogo della prima esposizione di Libri d?artista all?aperto, organizzata dall?Associazione Ilde con l?appoggio dell?Ayuntamiento e del Centro Civico Pati Llimona. La scorsa primavera, durante il giorno tradizionalmente dedicato a San Jordi, nella bella Piazza San Just Ilde ha montato un punto dedicato a vere e proprie opere d?arte in forma di libro, dal pezzo unico alle piccole edizioni, alcuni inediti e altri già in circolazione tra gli appassionati. L?esposizione ? che è continuata nel Centro Civico Pati Llimona per le due settimane successive ? in parallelo e grazie alla collaborazione di MILAN con il suo materiale per incisioni e stampa "Print Block", ha consacrato il progetto "Print a book". Sono stati raccolti i timbri e le matrici realizzati dagli autori con l?idea di partecipare alla stampa di un unico universo segnico-simbolico, così come utilizzati durante i corsi dell?Associazione, per realizzare piccole edizioni. A cura di Elisa Pellacani, le due iniziative continuano una ricerca sul mondo dell?editoria nei suoi vari aspetti a cui è dedicata l?associazione Ilde: dalla progettazione del libro alla sua realizzazione, con tecniche proprie del prototipo artistico e della manifattura artigianale, secondo il concetto che il progetto di un libro possa essere riprodotto senza perdere i suoi caratteri di unicità.
Il catalogo è una mappa a colori, edita per l?italiana Consulta, libri e progetti, e presenta le stampe dei timbri de "Print a book" più i libri d?artista, alcuni dei quali saranno in esposizione nella libreria, insieme alle matrici originali in cauchu?, questo materiale di recente diffusione MILAN e d estremamente pratico per sperimentazioni di stampa. La libertà di realizzazione usata per i libri, che escono dal comune per prendere forma di oggetti, gioielli, pezzi tessuti, con a lato una libertà solo parziale, legata alla forza del segno, nei timbri , in quanto la "limitazione" dell?uso dello stesso materiale per tutti i partecipanti ha obbligato l?attenzione maggiormente al simbolo o al disegno e alla sua possibilità di essere riprodotto.
Novelli Gutemberg, i partecipanti al giorno del libro d?artista nella Lo ring, verranno invitati a lasciare un segno estemporaneo nel libro bianco che si aprirà nell?occasione in libreria, e che resterà in esposizione come testimone dell?immortale desiderio umano per il libro.
Durante lo stesso pomeriggio, la Lo ring presenta la sua nuova collezione di borse?d?autore, dedicando la prima serie all?iniziativa "Print a book".

El Gran Mapa De Los Autores De Libros y sus Sellos
Ed. Consulta, libri e progetti, Isbn 88 978 8915638 6
Un proyecto de Elisa Pellacani
Con la Associazione Ilde, artisti del libro
www.ilde.info
(info: +34 657 257 158)

e con la collaborazione del
Ayuntamento de Barcelona, Ciutat Vella
Centro Civico Pati Limona
Casa Milán
 

Dossier Gli Autori

Elisa Pellacani Associazione llde  2008-09-21 

arte 

esposizioni 

El Gran Mapa de los Autores de Libros y sus Sellos
Progetto di Elisa Pellacani
Con la collaborazione dell'Associazione Ilde
e della Libreria Loring Art Bcn.

Gli Autori e le Edizioni presenti nella Mappa sono i seguenti:

Alberto Hernàndez "Alto", Alexandra Maria Morin Barbosa, Alicia Giradles, Ana Cardim, Ana Yael Zareceansky, Anna Baldi (atelier L?almanacco), Anna Cazorla, Anna Grimal, Antoni Hervàs Cortés, Antonio Marenco, Ayuko Kojima, Ares Borràs Mata, Ariadna Goberna Cabanyas, Asumpciòn Raventos, Beatriz Concha Torres, Belen Sanz, Bianca Damasceno, Bimbo, Borobiltxo Libros, Camilla Leonori, Carmen Amador, Carmen Garcia de Mora, Carolin Mueller, Carolina Perez Guiu, Cathy Retamero Martin, Cecilia Lirici, Chiara Armellini, Clara Devesa, Claudia Torricelli, Cristina Salas, Dario Zeruto, Davide Baroni, Diego Bisso, Dina Caball Oliver, Duduà, Ediciones Agra, Editorial Morsa, Edizioni Consulta, Elio Germani , Elisa Munsò Griful, Elisa Pellacani, Elisenda Soler, Eloìsa Cartonera, Eriko Fukuda, Esther Pradell, Eulalia Llopart, Fabiola Matarazzo, Fidel Pereiro, Francisco Peña Diaz, Giuseppe Bussi, Grupo Cocoliche
(Catalina Negri, Clara Trucco, Eleonora Mattioli, Luna Cohen, Javier Bermudez Lopez, Maria Ribera Salvador, Patricio Rago), Guido Correa, Irati Fernandez, Irene Caroni, Irma Samayda, Isabel Brito Farré, Isabel Ruiz, Jordi Borràs, Jordi Clusa, Jordi Ferreiro , Judith Mc Caig, Kiku Aromir Ayuso, Laura Encuentra, Lourdes Carmelo, Lucia Sforza, Maite Awad Lobato, Mar Sansano, Marc Torrent, Maria Cinta Sala, Maria Diaz Esparragoza, Maria Sola Barcelò, Marianna de Palma, Marianna Rovere, Marina Val Mirò, Mario Pèrez Ruìz, Marta Boan, Marta Miguel, Mayje Alvarez Ollé, Miguel Ollé Aguilò, Mirjana Farkas, Morena Coppola, Nani Tedeschi, Neus Caamaño, Nuria Calavera Bitria, Nùria Farré Pàmpols, Paloma Rodríguez, Papelicola, Patricia Soto Avendaño, Rino Sorrentino "Rinedda", Rosa Covarosky, Sandra Figueras Valls, Sara Llusa Gomis, Sebas Outes "Sodo", Sergio Grispello, Silvia Walz, Sofia Piqueras Mir, Strip Burger ed., Sung he Oh, Teresa Batlle Tresserras, Teresa Gironés, Teresa Herrador Bravo de Soto, Teresa Pampalona, Toni Azorin, Ugo Magnanti, Valentina Dogo, Valeria Brancaforte, Varuna, Vinka Grbic, Xus Anglès.
 

Alphonse Mucha

RF Web CaixaForum Barcelona  2008-09-21 

arte 

esposizioni 

Alphonse Mucha (1860-1939). Seducció, modernitat i utopia
(Seduzione, modernità e utopia)
CaixaForum Barcellona
Dal 19 settembre 2008 al 4 gennaio 2009.

La Fondazione "la Caixa" presenta in questi giorni presso il CaixaForum di Bcn l?esposizione "Alphonse Mucha (1860-1939). Seducció, modernitat i utopia".
Si tratta di una selezione di fotografie che costituiscono un?esauriente retrospettiva sull?opera dell?artista ceco.
Il percorso espositivo è strutturato in quattro grandi nuclei tematici: Teatro, Bellezza, Mistero e Modernità. La metropoli è lo scenario, la fotografia è il mezzo per presentarlo. "Seducció, modernitat i utopia" offre un?ampia lettura dell?opera di Mucha e invita il pubblico alla riflessione sui complessi rapporti tra arte moderna e kitsch, fra utopia e commercio, tra individualità creativa e progetto collettivo; e pertanto sulle finzioni e gli obiettivi dell?arte moderna.
La produzione di Mucha comprende moltissime opere, divise principalmente in dipinti, grafiche e manifesti pubblicitari, tutti permeati dagli elementi caratteristici dell'Art Nouveau. I suoi lavori spesso raffigurano giovani donne in abiti dal taglio neoclassico, circondate da motivi floreali che formano cornici geometriche attorno alla figura. Il suo stile venne spesso imitato, nell'arte e nella pubblicità, con esiti raramente all'altezza dell'originale.
Alfons Mucha (Ivan?ice - Moravia -, 24 luglio 1860 ? Praga, 14 luglio 1939) fu uno dei massimi rappresentanti dell?Art Nouveau. Dopo i primi studi d?arte a Brno si trasferisce a Vienna, dove incontra il conte Karl Khuen Belasi di Mikulov che si interessa al suo lavoro, lo assume per decorare con degli affreschi i suoi castelli e decide di sostenerlo economicamente. Grazie a questo sussidio può iscriversi all'Accademia delle Belle Arti di Monaco di Baviera. Nel 1887 Mucha si trasferisce a Parigi, proseguendo i suoi studi presso l'Académie Julian e presso l'Academie Colarossi e prosegue la produzione di illustrazioni per riviste e manifesti pubblicitari. Di quest?epoca sono molto noti i cartelli di "Gismonda", un'opera teatrale di Victor Sardou con protagonista Sarah Bernhardt. Dopo un soggiorno di circa 4 anni (dal 1906 al 1910) negli Stati Uniti d'America, Mucha ritorna in Europa e si stabilisce a Praga. Cura le decorazioni del Teatro delle Belle Arti e di altri importanti palazzi praghesi. Quando la Cecoslovacchia, dopo la Prima guerra mondiale, ottiene l'indipendenza Mucha disegna francobolli, banconote e altri documenti governativi per la giovane nazione. Per molti anni si dedica al completamento dell'opera che è considerata il suo capolavoro, l'"Epopea slava"", una serie di grandi dipinti che descrivono la storia del popolo slavo. L'"Epopea Slava" viene presentata a Praga nel 1928.
Muore a Praga il 14 luglio 1939.





 

Olafur Eliasson

RF Web Fundació Miró  2008-09-21 

arte 

esposizioni 

Olafur Eliasson
La naturalesa de les coses
(La natura delle cose)
Fundació Joan Miró
Dal 20 giugno al 28 settembre 2008.

"La naturalesa de les coses" è la prima esposizione di Olafur Eliasson in Spagna. Si tratta di installazioni su grande scala, sculture e fotografie che ricreano elegantemente i paesaggi e l?atmosfera dell?Islanda, terra in cui l?artista affonda le sue radici.
La mostra presenta cinquanta pezzi che esplorano la produzione artistica di Eliasson, dal 1993 a oggi e include una nuova opera appositamente creata per l?evento.
Il percorso espositivo si divide in due parti. Nella prima ( presso le sale del Centre Cultural Caixa Girona) vengono presentate le serie fotografiche e di fotoincisione e nella seconda sono presenti le installazioni create dal?artista appositamente per la mostra.
L'opera di Olafur Eliasson, artista danese - islandese nato a Copenhaguen nel 1967, si concentra nello studio della percezione sensoriale, delle leggi della fisica e dei fenomeni naturali. Lavora con varie tecniche, tra le quali spiccano le installazioni scultoree in spazi specifici. Eliasson ricontestualizza elementi come la luce, l?acqua, il ghiaccio o la nebbia per creare situazioni speciali che cambiano e alterano la percezione del pubblico rispetto allo spazio. Trasforma le sale del museo in uno spazio ibrido nel quale natura e sculura si fondono. La complessità e la diversità dei suoi lavori sono divenuti un importante punto di riferimento nel panorama artistico attuale. Per la sua attività ? contradistinta da continua ricerca, innovazione, impegno e libertà - Olafur Eliasson ha ricevuto il Premio Joan Miró, che lo consacra come uno degli artisti più rilevanti degli ultimi anni.
Eliasson ha presentato le sue opere nei più importanti musei del mondo, tra le più recenti esposizioni ricordiamo "Take your Time: Olafur Eliasson", una mostra antologica per il San Francisco Moma, che sarà trasferita anche al Moma di New York, città nella quale l?artista sta preparando un importante intervento urbanistico.
 

Àfriques

RF Web Museu Etnològic de Barcelona  2008-09-21 

arte 

esposizioni 

Àfriques
Viatge a l'altra riba
(Afriche. Viaggio all?altra sponda)
Museu Etnològic de Barcelona
Museu d'Arqueologia de Catalunya
Fino al 30 aprile 2009.

Sfidando i topici, l?esposizione "Àfriques", allestita presso il Museu Etnològic de Barcelona presenta un?immagine caleidoscopica del continente africano. Un gioco di voci e sguardi riportati sia da artisti africani che operano in Spagna sia da europei che sono andati oltre, sono ritornati e ci spiegano ciò che hanno visto. Queste esperienze aiutano a stabilire un vincolo tra questo mondo così differenziato e il mondo occidentale.
Il percorso espositivo si svilppa in due sedi: il Museu d'Arqueologia de
Catalunya ("La mirada d'occident" ? Lo sguardo dell?occidente) e il l Museu Etnològic de Barcelona ("Viatge a l'altra riba"- Viaggio all?altra sponda).
"Entre dues ribes" (Tra le due sponde) illustra invece lo sguardo degli africani, che spiegano la propria esperienza rispetto alla propria terra.
I pezzi in esposizione sono quindi in gran parte elementi quotidiani, scelti appositamente per l?evento.
La mostra si complementa con una seconda parte che presenta l?Africa in modo più accademico: prendendo spunto dalla storia e soprattutto delle varie credenze religose che convivono in tutto il continente.
 

Camins de Mar

R F  2008-09-09 

arte 

esposizioni 

Camins de mar
Fotografies de les Illes Balears a l'Arxiu Mas. 1913-1928.
La Fundació Institut Amatller d'Art Hispànic
Passeig de Gràcia Bcn
Dal 29 maggio al 28 settembre 2008

La zona espositiva della splendida Casa Amatller presenta la mostra "Camins de Mar.(Sentieri di Mare)Fotografies de les Illes Balears a l'Arxiu Mas. 1913-1928"; una selezione di oltre 80 fotografie inedite scattate da Adolf Mas e Pelai Mas nelle isole Baleari tra il 1913 e il 1928, appartenenti al fondo fotografico della Fundació Institut Amatller d?Art Hispànic.
Fedeli alla loro metodologia di lavoro, Adolf e Pelai Mas hanno fotografato non solo gli aspetti più rappresentativi dell?architettura civile e religiosa dell?arcipelago, ma ne hanno anche descritto, con dettagli a volte sorprendenti, gli aspetti urbanistici e archeologici.
Non mancano inoltre fotografie che documentano scene di vita quotidiana e del folklore delle Isole e le istantanee che riportano vari esempi della ricca arte decorativa di alcuni palazzi e case nobiliari.
Le immagini, d?innegabile valore estetico, costituiscono anche importanti documenti che arricchiscono il già notevole patrimonio iconografico delle Baleari.
 

Mercè 08

R. F.  2008-09-09 

musica 

eventi 

La Mercè 2008
In vari punti della città
Dal 19 al 24 Settembre 2008.
Per consultare il programma completo: http://www.bcn.cat/merce/ca/index
Si ricorda che tutti gli spettacoli della Mercè sono gratuiti.

La Mercè (Mare de Deu de la Mercè) è la festa patronale di Barcellona e cade il 24 settembre. I festeggiamenti si prolungano per una settimana e offrono spettacoli che spaziano in tutte le arti: teatro, danza, cinema, musica, presentati da artisti catalani, spagnoli e internazionali. Non mancano le rappresentazioni e le rievocazioni della tradizione popolare catalana quali il "Correfoc", le sardane, le sfilate di "Cap grossos" e di Giganti.
L?edizione di quest?anno ha come novità il moltiplicarsi degli spazi e dei palcoscenici: si inaugurano infatti gli scenari del Castello del Montjuïc, del Moll (Molo) de Barcelona (Torre Jaume I) e della vecchia fabbrica Fabra i Coats di Sant Andreu, che vanno ad aggiungersi alla zona del Fòrum, al Port Vell, al Parc de la Ciutadella e naturalmente a molti punti del centro della città.
L?illustratore Pedro Torrent è l?autore del manifesto della Mercè 2008, che da giorni ricorda l?evento in tutte le vie di Barcellona, si tratta di una sorta di collage in cui appaiono un sorriso, un naso, una mano, un?esclamazione e una nota musicale. Il "Pregó" (discorso inaugurale) sarà recitato dal cantautore catalano Jaume Sisa, uno dei protagonisti musicali della manifestazione.
Le nuove installazioni del Castello di Montjuïc ospiteranno un grande circo in cui si potrà assistere a spettacoli di magia, teatro gestuale, giocolieria e acrobazie, oltre a varie gags comiche.
Al Parc de la Ciutadella si esibiranno artisti provenienti da tutta Europa, che metteranno in pratica lo slogan che caratterizza la Mercè 08: "Dialogar per conviure" (Dialogare per convivere): spettacoli di danza e percussioni cubane con il gruppo SolarSons, della compagnia teatrale francese L'Élephant Vert, dell'umorista ecuadoriano Carlos Michelena.
Al Portal de la Pau molta attesa per i concerti di Raimundo Amador, Ojos de Brujo, Pau Donés e dei Marditos Roedores, gruppo di rumba catalana.
Gli artisti più noti si esibiranno nello spazioso Parc del Fòrum, si tratta di La Unión, Melendi, Chenoa, La Guardia, Lucas Masciano e Iguana Tango.
Il nuovo spazio del Parc de la Ciutadella è dedicato alla musica jazz: concerti di Horacio Fumero e Albert Bover, del Carles Benavent Quartet e di Mark Ayza con Core Rhythm. In plaça Sant Jaume saranno protagoniste le jazz band: La Sucursal S.A., Brina, l?Orquestra Cimarron, La Carrau e l?Orquestra Principal de La Bisbal.
Gli amanti della musica latina non possono mancare all'appuntamento di martedì 23, presso il Passeig Lluís Companys, accanto all?Arc de Triomf, al concerto della Latin Band, de La Sucursal S.A. e di Jayme Enrique Aymara, profeta della "tecnocumbia".
Infine in Plaça Catalunya avrà luogo il concerto "la nit galàctica de Jaume Sisa". Il cantautore "galàctic", che proprio martedì 23 settembre compirà 60 anni, sarà accompagnato dalle Acapulco All Stars, Antònia Font e alcuni invitati speciali tra i quali Pascual Comelade e i Melodrama
 

Roy Paci al Mercat de Música Viva de Vic

Roberto Fenocchio  2008-09-08 

musica 

eventi 

Mercat de Música Viva de Vic 2008
Dal 17 al 21 settembre 2008
Vic (Osona)
Catalogna
Per consultare il programma completo del Mercat: www.mmvv.net

Durante il mese di settembre si celebra il Mercat de Música Viva de Vic, nella Catalogna centrale, uno dei principali mercati culturali di riferimento per l?industria musicale europea e mondiale. Giunto alla 20º edizione, il Mercat è lo scenario di proposte che nascono dallo scambio di contatti e conoscenze tra programmatori e musicisti, tra impresari musicali e pubblico.
La manifestazione costituisce ormai un solido un ponte tra i continenti che mette in contatto professionisti e artisti, sviluppando nuovi spazi creativi e di collaborazione.
Anche nell?edizione di quest?anno il Mercat offre una programmazione di tutto rispetto nella quale spiccano i nomi di artisti quali Che Sudaka, Ibrahim Maalouf, Brigada, Toti Soler, Pascal Comelade, Almasàla, Joan Isaac, Gossos.
Per l?Italia ci sarà il poliedrico trombettista siciliano Roy Paci, accompagnato dai suoi Aretuska, che si esibiranno venerdì 19 settembre verso l?1:30 del mattino, preceduti dal gruppo di neo folk capitaneggiato da Ambrogio Sparagna, che salirà sul grande palco della bellissima piazza di Vic verso le 0:30.
Roy Paci presenterà il suo ultimo lavoro "Suonoglobal" (V2, 2007), uscito nella primavera di quest?anno e che sta riscuotendo un notevole successo, al quale hanno collaborato Manu Chao, Enriquez dei Bandabardò, Pau de Negrita, Cor Veleno, Caparezza e i salentini Sud Sound System.
Formazione: Roy Paci ? voce, tromba; Peppe Siracusa ? chitarra, voce Roberto Melone ? basso; MC Skalabrino ? tastiere; Anderson Souza ? percussioni; Massimo Marcer ? tromba/ batteria; Gaetano Santoro ? sax; Giorgio Giovannini ? trombone.
Per maggiori informazioni: www.aretuska.com

Ambrogio Sparagna è uno dei musicisti di riferimento della nuova musica folk italiana. Il suo progetto musicale esplora le tradizioni popolari dell?Italia del Sud e le sue ballate risentono dell?influenza della tradizione musicale mediterranea: chitarra battente, tamburello, fisarmonica, ciaramella.
Formazione: Ambrosio Sparagna ? voce/fisarmonica; Erasmo Treglia ? ciaramella/violino/flauti/chitarra; Valentina Ferraiuolo ? tamburello.
Per maggiori informazioni: www.ambrogiosparagna.it
 

Fira de Tàrrega

Web Fira Tàrrega R.F.  2008-09-08 

musica 

eventi 

Fira de Tàrrega 2008
Dall' 11 al 14 settembre 2008
Tàrrega (Lleida)
Per consultare il programma completo della Fira: www.firatarrega.com

È uno dei più noti festival di artisti di strada: mimi, clown, attori, trampolieri, giocolieri, artisti comici, musicisti, ecc., provenienti da tutta Europa e dalle Americhe, si danno appuntamento ogni anno a Tàrrega, in provincia di Lleida, nella Catalogna nord.
Giunta alla 28º edizione, la manifestazione si propone, come afferma il direttore artistico Jordi Colominas: "La ricerca della diversità nel linguaggio creativo e di favorire gli spettacoli di strada, a stretto contatto con il pubblico".
Partecipano all?edizione di quest?anno più di 60 compagnie, per la metà catalane, tra cui la Efímer di Lleida, con lo spettacolo inaugurale "Pop3", ma sfileranno per le vie di Tàrrega anche i francesi della Carabasse o della Caravanne Passe con "Le vrai-faux mariage", rievocazione di un matrimonio gitano-ebreo in stile Kusturica o i tedeschi della Bängditos Theater che presentano "Überfluss", i britannici della Dot Comedy con lo spettacolo "Get lost!", la tradizione di teatro popolare dei colombiani della Chiminigagua.
Sarà presente inoltre il gruppo teatrale italiano "Le vedove allegre", composto da tredici donne accomunate da un tragicomico evento: la "strana" scomparsa dei propri mariti. Accompagnano il feretro dell?ultimo deceduto rinnovellando ognuna il proprio lutto e rendendone partecipe il pubblico.
L?irriverente "ensemble" dipana per le vie della città azioni corali e assoli sostenuti da note e ritmi coinvolgenti, con un impatto visivo, scenico e musicale di grande effetto. Un giallo intrigante, con colpi di scena, una sorta di "Arsenico e vecchi merletti" musicale intervallato da virtuosismi circensi e comicità al femminile.
La parata-spettacolo è interpretata da artiste di varie nazionalità che hanno formazioni teatrali differenti (giocoleria, mimo, trampoli, clown, cabaret, musica e teatro di figura) e lavorano da anni nel teatro di strada e nel teatro comico.
"Le vedove allegre" si esibiranno alla Fira de Tàrrega, sabato 13 settembre alle 12:00 e alle 21:00 e domenica 14 alle ore 12:00
Ecco i nomi delle tredici protagoniste:
Emma Hughes - Trampoli / organetto
Cristina Atzori - Bolognese batteria
Angelica Georg - Regista teatrale / clown
Barbara Sartori - Veronese trampoli / attrice comica
Franca Pamploni - Padovana pianoforte / fisarmonica
Luz Pierotto - Argentina percussioni / tamburi
Maila Sparapani - Bolognese tecniche circensi / clown
Rita Pelusio - Milanese attrice comica / regista teatrale
Samanta Merlo - Torinese attrice / trampoliera
Serena Galella - Ciociara attrice / trampoli
Simona Molari - Torinese clown
Stella Cappellini - Bolognese sassofonista / compositrice
Consuelo Conterno - Canellese (AT) giocoliera / trombonista

La regia dello spettacolo è di Claudio Cremonesi.
Per informazioni sul programma completo del festival consultare:
www.firatarrega.com
www.levedoveallegre.org
 

Oblidant Velázquez

RF Web Museu Picasso Bcn  2008-08-11 

arte 

esposizioni 

"Oblidant Velázquez. Las Meninas"
(Dimenticare Velázquez. Las Meninas)
Museo Picasso Barcellona
Dal 16 maggio al 28 settembre 2008

La nuova esposizione organizzata presso il Museo Picasso vuole mettere in rilievo una parte fondamentale della collezione, esplorando i legami di Picasso con la tradizione pittorica spagnola e in special modo con Velázquez, proponendo nuove letture della famosa serie de "Las Meninas" attraverso le numerose interpretazioni che vari artisti hanno in seguito realizzato.
Tra agosto e dicembre del 1957, nel suo studio di La Californie, a Cannes, Picasso porta a termine un?esaustiva analisi de "Las Meninas" di Velázquez sulla linea delle interpretazioni di opere di grandi artisti quali Manet, Courbet, Poussin, Delacroix, El Greco, che realizzò a partire dal secondo dopoguerra.
Questa serie di 58 dipinti ad olio, costituita da ben 44 interpretazioni dell?opera di Velázquez, è stata donata integralmente dal Maestro al Museo Picasso di Barcellona nel 1968.
Picasso, come ricorda Sabartés nel suo libro "L'Atelier de Picasso", ha così spiegato le sue sensazioni nella realizzazione della serie: "Se un artista si mette in buona fede a copiare "Las Meninas" e se quell?artista fossi io, arrivato a un certo punto mi domanderei: E se mettessi questo un po? più a sinistra o a destra? E proverei a farlo in modo nuovo, dimenticando Velázquez".
Non si tratta di proiettarsi unicamente al passato per analizzare le continuità e le discontinuità di Picasso rispetto alla tradizione, ma anche di studiare la persistenza del motivo de "Las Meninas" nella storia dell?arte fino ai giorni nostri, raccogliendo le revisioni contemporanee esistenti, che ormai non dialogano soltanto con l?opera di Velázquez ma anche con le creazioni di Picasso. Si tratta quindi di un?esposizione che invita il visitatore a riscoprire la collezione del museo alla luce di questa nuova contestualizzazione.





 

La biblioteca dei sogni

Elisa Pellacani  2008-07-22 

arte 

esposizioni 

"La biblioteca dels somnis"(La biblioteca dei sogni)
di Elisa Pellacani
galleria "Alea", calle Argenteria 66
fino al 30 d?agosto
catalogo in edizione limitata, edizioni "Consulta, libri e progetti"
www.aleagaleria.com

La biblioteca dei sogni

Piccoli libri-gioiello da portare e i personaggi di tanti racconti illustrati, in argento e oro.

Erano gli anni del liceo, delle traduzioni in greco e dei brani della letteratura italiana; penso sia stato allora che sono caduta, meraviglia di un?Alice nel paese di Reggio Emilia, dentro uno dei tanti libri su cui disegnavo, appuntavo, sognavo. I libri erano ?e hanno continuato ad essere per anni, quando gli studi universitari obbligano a una concentrazione che poco sa di reale- il contenitore di qualcosa che si portava con se?, una specie di borsa da viaggio piena di nozioni che si sarebbero sapute, un giorno; un tassello insignificante nel mondo del sapere a cui mancavano sempre i disegni giusti e che componevano, poco a poco, il puzzle delle proprie scoperte. Erano i viaggi, era la voglia di vedere davvero, con i propri occhi, quella favola reale che è il mondo: la prima mostra di fotografie, di ritorno dall?India, erano tutti scatti in bianco e nero, una caterva di pellicole, di donne velate nel sole, di cose straordinarie che avevo visto e che volevo raccontare. Le mostre hanno il vantaggio di obbligare al riordino di molte idee, ma lo svantaggio della precarietà, e l?occasione di stampare un catalogo fu la continuazione del mio precipitare, capitolo dopo capitolo, nell?universo dei libri: le mie foto potevano essere raccolte in uno spazio più maneggevole, più personale perché stavano raccolte sulle mensole di molti che la mostra non l?avrebbero mai vista. Pensavo a come moltiplicare in molte copie una sensazione, quella della carta baritata su cui stampavo in camera oscura, del quaderno di viaggio? Continuavo a precipitare senza neanche accorgermene. Quando fui alla Scuola di grafica di Venezia, il corso annuale di libro d?artista ?parola allora un po? strana ? riuniva persone che con percorsi diversi volevano dare alle loro idee forma di libro, e i metodi manuali dell?incisione, dell?inquadernazione liberavano la testa da preoccupazioni legate alla stampa in tipografia, a quella difficoltà di rendere bello "toccare" un libro una volta che fosse stampato. Poi vennero gli anni all?ISIA di Urbino, grande tradizione della progettazione editoriale, poi continuò ? e continua fino ad oggi ? una convinzione: che i libri siano un grande tesoro, e che siamo tanti, sono tantissimi, gli autori che hanno seppellito il loro, nei cassetti pieni di disegni, negli scritti fotocopiati, nelle pagine che si vorrebbero cucire insieme. Il ?Libro d?artista? ? territorio di sperimentazioni artistiche da sempre e percorso d?indagine inevitabile perché chiede una coerenza di estetica e contenuto, di sequenza, di ritmo ? altro non è che un progetto curato in tutte le sue parti, voluto dall?esigenza comunicativa di farsi sfogliare, leggere anche senza testi ma nell?uso di materiali, di tecniche più diverse: unisce la preziosità dell?unicum a una sua possibile riproduzione, perché se il progetto è ben fatto, se l?estetica traduce un concetto (o contenuto) e non è fine a se stessa, ci sono mezzi e possibilità che questo si riproduca senza perdere la sua bellezza. Questo è lo sforzo di una casa editrice piccola ma che desidera continuare ad occupare uno spazio nel bosco-delle-cose-belle, rendendone aperto l?accesso anche a chi un originale non lo possa o non lo riesca ad avere. Durante i corsi in cui insegno, di progettazione e costruzione di libri, nel Centro civico Pati Limona, nella Escola Massana, come questo attualmente in corso nel Taller Perill di Gracia, si fabbricano libri artigianali, ma l?intenzione della casa editrice a cui lavoro è quella di accostare ai volumi finora pubblicati almeno una parte di queste meravigliose opere uniche che tanti illustratori, gioiellieri, scrittori danno alla luce e poi vedono sbiadire nel silenzio. "La biblioteca dei sogni", in esposizione fino al 30 di agosto nella galleria Alea di Carrer Argenteria 66, è stata per me una necessità, quella di dare un corpo fisico al mio innamoramento di eterna studentessa, riunendo in libri piccoli ma preziosi come tutti quelli che vorrei avere e stampare, la biblioteca che negli anni è diventata troppo pesante e fragile al tempo stesso per seguirmi. Ho cominciato alcuni anni fa incidendo non su lastre di zinco ma d?argento, e riunendole, come a rendere eternamente riproducibile ogni pagina, in piccoli "libri" votivi. Gli acquarelli si sciolgono nelle piogge monsoniche, gli smalti no. Le idee volano ed è difficile afferrarle, il metallo costringe a renderle solide, immutabili. Nella Biblioteca dei (miei) sogni i personaggi diventano tridimensionali, per me abituata all?illustrazione bidimensionale, escono dai racconti per i quali sono stati pensati e fanno compagnia, appesi alla parete o nascosti nella tasca della giacca; i libri si aprono, svelano dettagli d?oro e parlano di quello che ognuno vuole, perché ci sono cose che non hanno bisogno di tante parole; si snodano perché avrei sempre voluto che i giocattoli non fossero solo per i bambini, e a tutte (o quasi) le bambine piacciono gli amuleti, le cose magiche e ?stavolta- uniche. Ringrazio Lali Mensa, che in un?estate di sogni malcelati mi invitò nella sua bella galleria, e Debora Walker, che ha reso irripetibile il giorno dell?inaugurazione suonando e cantando dal vivo pezzi appositamente da lei composti col suo inseparabile compagno, un violoncello viaggiatore come questa giovane grande artista che dall?Italia, alla Francia e oltre, sempre verso nuove frontiere, sta dedicando il suo talento a un?altra biblioteca dei sogni, fatta non di immagini ma di suoni.
 

Barraques, la ciutat informal

RF Web Museu d'Història de la Ciutat  2008-07-21 

arte 

esposizioni 

Barraques, la ciutat informal
(Baracche, la città informale)
Museu d'Història de la Ciutat
Conjunt Monumental de la Plaça del Rei - Casa Padellàs
Plaça del Rei, 7
Carrer Veguer, 2*4
Barri Gòtic Bcn
Dal 17 luglio 2008 al 22 febbraio 2009.

Più di 150 fotografie, dipinti e altri documenti, per la maggior parte inediti, fanno rivivere l?epopea delle antiche baracche del quartiere della Barceloneta. Si intitola "Barraques, la ciutat informal" (Baracche, la città informale), l?esposizione che presenta il Museu d'Història de Barcelona fino al 22 febbraio 2009.
Genesi e sviluppo, conflitto e interazione con la pianificazione urbanistica del più importante baraccato della Barcellona del ?900, il "Somorrostro", simbolo della crescita informale della città, formatosi tra le spiagge della Barceloneta e del Poble Nou.
Tra il materiale esposto, di particolare interesse sono i piani urbanistici delle varie epoche, le carte catastali che aiutano a rievocare quel mondo ora scomparso, insieme alle testimonianze delle famiglie che abitavano nelle baracche. Testimonianze che rivelano la costruzione di un tessuto sociale, di aspettative e tratti comuni e nello stesso tempo peculiari di ogni insediamento.
 

Autòpsia del nou mil·lenni

RF Web Cccb Bcn  2008-07-19 

arte 

esposizioni 

Autòpsia del nou mil·lenni
James Graham Ballard
Centre de Cultura Contemporània de Bcn
Dal 22 luglio al 2 Novembre 2008

Scrittore autenticamente visionario, il britannico James Graham Ballard (Shanghai, 1930) ha costruito un?opera caratterizzata da temi ricorrenti e simboli ossessivi, capace di trascendere i propri codici genetici per decifrare il presente e proporre plausibili visioni del futuro.Un futuro costellato da piscine vuote, motel abbandonati, catastrofi, perversioni insospettate e architetture asettiche, che, in certo modo, è già il nostro presente.
Per J.G. Ballard il futuro dell?umanità ha acquisito la forma di un corpo esanime e l?autore ne analizza ossessivamente i traumi e le patologie. Anni fa ha affermato che il futuro a cui realmente era interessato erano i seguenti 5 minuti. I nostri orologi indicano che quei 5 minuti sono passati.
L?esposizione "Autòpsia del nou mil·lenni", che presenta il Cccb, è un percorso attraverso l?universo creativo di Ballard: i suoi tempi e le sue ossessioni, la dissezione delle chiavi segrete della contemporaneità, i suoi referenti artistici e letterari, le intuizioni precise e disincantate di una vita futura retta dai concetti di anti-utopia asettica e di catastrofe.
L'opera di Ballard è ancora un discorso aperto con la capacità di illuminare il corso del futuro. Autore di grande influenza nelle posteriori generazioni di creatori in tutte le discipline (dal cinema di fantascienza alla musica industriale), Ballard è autore di opere quali "L?Impero del Sole" e "Crash", che sono state adattate al grande schermo da Spielberg e da David Cronenberg.
Per introdurre il pubblico all?universo "ballardiano", la mostra si avvale di vari supporti: istallazioni scenografiche, audiovisive, la biblioteca completa di Ballard, opere di artisti discepoli di Ballard e altri documenti.
Esposizione organizzata nell?ambito di Kosmopolis 08.
 

Entre el sagrat i el profà

RF Web CaixaForum Bcn  2008-07-19 

arte 

esposizioni 

Entre el sagrat i el profà (Tra sacro e profano)
Il Rinascimento a Prato
CaixaForum Barcelona
Mostra organizzata in collaborazione con Contemporanea Progetti, Firenze.
Dal 19 giugno al 28 settembre 2008

Il Rinascimento, uno dei grandi movimenti artistico-culturali della storia europea, caratterizzato dal recupero dello spirito classico e dall?Umanesimo, ebbe particolare rilievo a Prato, nei pressi di Firenze, in Toscana.
L?esistenza di un importante spirito corporativo produsse una straordinaria ricchezza culturale che rivaleggiava con la vicina e importante Firenze. Donatello e Filippo Lippi lasciarono esempio delle proprie capacità tecniche e creative nella decorazione della cattedrale di Prato, che divenne meta di pellegrinaggio per nuove generazioni di artisti.
L?esposizione ?Tra sacro e profano?, che organizzata dall?Obra Social Caixa Forum, presenta il contributo di Prato al Rinascimento durante un periodo di ben quattro secoli: dalle creazioni degli artisti del XIVº secolo, come Bernaldo Daddi, autore della pala d'altare della ?Sacra Cintola? (che la Vergine consegnò a San Tommaso e che viene conservata a Prato come reliquia) fino ai capolavori di Filippo Lippi, del XVº secolo, in cui lo spirito dell?Umanesimo si manifesta con massima raffinatezza.
La mostra raccoglie inoltre il contributo dei manieristi, quali Giovanni Maria Butteri e dei naturalisti, come Giovanni Battista Caracciolo, il Battistello.
Dalle luminose epifanie del Trecento alla violenza espressiva di Luca Signorelli, la cui opera è caratterizzata da toni oscuri e tenebrosi che preludono al Barocco.
L?esposizione propone un percorso attraverso la storia dell?arte italiana con 59 opere provenienti dal Fondo del Museo Civico di Prato, tra le quali dipinti su legno e tela, affreschi, rilievi in terracotta e maiolica, mobili e gioielli.
Il percorso espositivo ricorda inoltre i vincoli storici tra Barcellona e Prato, all?epoca due importanti centri di produzione tessile, che ebbero un?intensa relazione commerciale.
 

Reuters mira el món

RF Web Palau Robert Bcn  2008-07-08 

arte 

esposizioni 

Reuters mira el món (Reuters guarda il mondo)
Le migliori immagini dell'agenzia Reuters
Palau Robert Bcn
Fino al 31 agosto 2008.

L?agenzia Reuters presenta, al Palau Robert di Barcellona, una selezione di oltre 80 fotografie realizzate durante il periodo che va dal 2000 al 2005. Globalizzazione, cambio climatico, terrorismo e immigrazione, sono solo alcuni dei temi trattati. "Reuters mira el món"(Reuters guarda il mondo) è dedicata ai 240 giornalisti morti(dal 2000 ad oggi)nell'esercizio della propria professione.
Le istantanee raccolte in questa esposizione sono state selezionate da un archivio formato da milioni di immagini scattate dai 600 reporter della Reuters, l?agenzia di notizie più importante al mondo.
"Reuters mira el món" si divide in cinque sezioni: Grandi temi (terrorismo, catastrofi naturali, migrazioni di popoli), Religione, Stili di vita e Conflitti bellici.
Lungo il percorso espositivo un video illustra il lavoro dei fotografi dell'agenzia e molte altre immagini, pubblicate in un libro edito recentemente dalla Reuters. È stato inoltre allestito uno schermo su cui si possono consultare le immagini che arrivano all'agenzia in diretta da ogni parte del mondo.
 

Dissidanses

RF Web Macba Bcn  2008-07-08 

arte 

esposizioni 

Dissidanses
Nancy Spero
Museu d?Art Contemporani de Barcelona (Macba)
Curatori: Manuel J. Borja-Villel e Rosario Peiró
Dal 4 luglio al 24 settembre 2008

Nancy Spero (Cleveland, Ohio, 1926) è una delle pioniere dell?arte femminista e una delle protagoniste della contestazione giovanile della New York degli anni ?60 e ?70, a cui hanno preso parte anche artisti quali Martha Rosler e Adrian Piper.
"Dissidanses" è la prima grande retrospettiva dedicata all?opera dell?artista statunitense e va dai suoi primi lavori da studentessa, all?epoca dell'Art Institute de Chicago, esposti per la prima volta, alla sua ultima istallazione alla Biennale di Venezia nel 2007.
Il titolo dell?esposizione, tratto da un testo di Hélène Cixous per il catalogo, annuncia una proposta di lettura in cui si mettono in relazione due aspetti fondamentali dell?opera di Spero: il suo carattere critico verso la situazione politico-artistica che ha dovuto vivere nella sua estesa carriera e l?importanza del movimento del corpo come veicolo di articolazione del proprio discorso artistico.
Organizzata cronologicamente, la mostra presenta l?opera di Spero come un progetto unitario nel quale presente e passato si confondono proprio come nei riti e nelle narrazioni antiche che servono all?artista da ispirazione.
Tra le opere esposte ricordiamo la serie "War" (1966-1970); "Artaud Paintings" (1969-1970) insieme d?opere basate su testi del poeta francese Antonin Artaud; "Torture of Women" (1976) che combina le immagini e le drammatiche testimonianze delle atrocità commesse dai regimi dittatoriali sud americani sulle donne, secondo i rapporti di Amnesty International; "The First Language" (1981); la monumentale istallazione "Azur"(2002) che prende il titolo da una famosa poesia di Mallarmé, per arrivare a "Take No Prisoners" del 2007, presentata alla Biennale di Venezia.
 

Duchamp Man Ray Picabia

RF Web Mnac Bcn  2008-07-02 

arte 

esposizioni 

Duchamp, Man Ray, Picabia
Museu Nacional d?Art de Catalunya
Curatrice: Jennifer Mundy, della Tate Modern.
Dal 26 giugno 2008 al 21 settembre 2008

Il Museu Nacional d?Art de Catalunya, in collaborazione con la Tate Modern di Londra, presenta un?esposizione dedicata a tre artisti chiave del XXº secolo: Marcel Duchamp (1887-1968), Man Ray (1890-1976) e Francis Picabia (1879-1953), tre geniali provocatori che hanno rivoluzionato i canoni artistici dell?epoca, segnando un importante rinnovamento della concezione estetica nell?arte contemporanea.
La mostra raccoglie oltre 300 opere tra cui dipinti, fotografie, disegni, pellicole e oggetti (i famosi ready mades di Duchamp).
Marcel Duchamp e Francis Picabia si conobbero a Parigi e, durante l?esilio negli Stati Uniti, si unirono a Man Ray a New York, contribuendo allla diffusione del movimento Dada nella città e forgiando un?amicizia duratura. L?esposizione mette in risalto proprio l?influenza che tale amicizia ha avuto nelle rispettive carriere artistiche.
Attraverso il percorso espositivo si può assaporare l?attrazione e il fascino per le macchine, per il movimento o per l?erotismo e si possono osservare le sperimentazioni con luci e trasparenze, che portarono Man Ray all?invenzione della rayografia.
Nella parte finale dell?esposizione (Sala Temporals 2), viene presentata una raccolta di documenti e testimonianze, scambi di corrispondenze e di idee e giochi comuni, tra cui soprattutto gli scacchi.
 

Da capo

RF Web Macba Bcn  2008-07-02 

arte 

esposizioni 

Da capo
Francesc Torres
Museu d'Art Contemporani de Barcelona (MACBA)
Curatore: Bartomeu Marí
Dal 6 giugno al 28 settembre 2008

Pioniere del linguaggio dell?istallazione, Francesc Torres (Barcellona, 1948) riflette criticamente su varie manifestazioni della cultura, della politica, della memoria e del potere attraverso le sue creazioni multimediali, che danno all?artista catalano una collocazione singolare nell'arte degli ultimi decenni.
La retrospettiva che presenta il Macba raccoglie una selezione di opere create dalla fine degli anni ?60 in avanti, fino alla produzione più recente. Il percorso espositivo pone l?accento su aspetti inediti e poco conosciuti dell?opera di Torres, come ad esempio l?influenza della poesia e, soprattutto, l?importanza del disegno e dei lavori sull?immagine che vincolano l?artista al linguaggio della pittura.
Francesc Torres ha sviluppato il proprio percorso artistico all?estero: alla fine degli anni ?60 lavora a Parigi con lo scultore d?origine polacca Piotr Kowalski; tra il 1972 e il 2002 si stabilisce negli Stati Uniti, dove crea buona parte delle sue istallazioni e alla fine degli anni ?80 lavora per circa due anni a Berlino. È quindi poco noto in patria, nonostante la sua costante partecipazione alla vita culturale come saggista e articolista su giornali e riviste.
L'opera di Torres è essenziale per comprendere la continuità delle tendenze dell?avanguardia negli anni ?80 e ?90. Poeta sperimentale, arriva alla creazione artistica attraverso ricerche linguistiche, influenzato soprattutto dall?opera di Joan Brossa. Dal linguaggio all?azione: Torres è assai interessato dalla creazione in misura d?azione, come mezzo di trasmissione e contatto con il pubblico.
Torres sintetizza il vocabolario che ha messo in gioco nelle istallazioni e nei lavori di scultura. Ecco quindi i collage e l?alterazione dell?immagine mediatica, provenienti da pubblicazioni, dalla televisione o dal cinema, come nel caso di Newsweek Series (1990). "Da capo", il titolo in italiano dell?esposizione, rivela chiaramente la posizione dell?artista rispetto alla propria opera, considerata come una partitura da ripetere.
 

Dossier. Programma Festival Grec 2008

Web Festival Grec 2008  2008-06-23 

arte 

eventi 

Ecco il programma completo del estival Grec 2008:

25 Giugno
Història del soldat - Teatre Grec Montjuïc
26 Giugno
Aquesta criatura - Teatre Lliure-
27 Giugno
EL REI LEAR - BIBLIOTECA DE CATALUNYA
DO 29 JUNIO
MUJERES - TEATRE GREC
LU 30 JUNIO
CONVERSES 2008 - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
RIMUSKI - MERCAT DE LES FLORS
SU SEGURO SERVIDOR, ORSON WELLES - TEATRE ROMEA
MA 1 JULIO
NUNCA ESTUVISTE TAN ADORABLE - LA VILLARROEL
MI 2 JULIO
ANDRÒMACA - TEATRE GREC
EN BROSSA FA DISSABTE A CAN PICASSO - MUSEU PICASSO
JULIOL A LES BIBLIOTEQUES - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
NITS D?ESTIU A CAIXAFORUM - CAIXAFORUM
THE BROTHERS SIZE - TEATRE LLIURE-ESPAI LLIURE
JU 3 JULIO
CALDERA EXPRESS ?08 - LA CALDERA
CONVERSES 2008 - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
DINO SALUZZI Y FAMILIA - PLAÇA DEL REI
MARIANA EN SOMBRAS - L'AUDITORI - SALA 2
NITS DE MÚSICA A LA FUNDACIÓ JOAN MIRÓ - FUNDACIÓ JOAN MIRÓ
TROILUS AND CRESSIDA - TEATRE LLIURE - SALA FABIÀ PUIGSERVER
VI 4 JULIO
COBLA SANT JORDI - CIUTAT DE BARCELONA - PLAÇA DEL REI
DIES DE DANSA - OTROS ESPACIOS
EMANUEL GAT DANCE - MERCAT DE LES FLORS
SA 5 JULIO
L?ORCHESTRA DI PIAZZA VITTORIO - TEATRE GREC
REFREE + CABEZAS DE CERA + JUAN PABLO VILLA + SILVIA PÉREZ CRUZ - PLAÇA DEL REI
DO 6 JULIO
XAVIER RUDD - TEATRE GREC
LU 7 JULIO
HIROAKI UMEDA - MERCAT DE LES FLORS
MI 9 JULIO
BENEFACTORS - SALA MUNTANER
EN BROSSA FA DISSABTE A CAN PICASSO - MUSEU PICASSO
JULIOL A LES BIBLIOTEQUES - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
TODOS HABLAN - TEATRE LLIURE-ESPAI LLIURE
JU 10 JULIO
CONCERTS AL MACBA - MACBA
EL ÁNGEL EXTERMINADOR - TEATRE GREC
ENSAM - TNC - Sala Petita
INTERFERÈNCIA - OTROS ESPACIOS
LAPSUS DANSA - LA CALDERA
NITS DE MÚSICA A LA FUNDACIÓ JOAN MIRÓ - FUNDACIÓ JOAN MIRÓ
VANESSA DA MATA - PLAÇA DEL REI
VI 11 JULIO
DE LOS AFECTOS - MERCAT DE LES FLORS
DIDO & AENEAS - TNC - Sala Gran
RAÚL PAZ + INVITADOS - PLAÇA DEL REI
SA 12 JULIO
EVAN PARKER & AGUSTÍ FERNÁNDEZ - PLAÇA DEL REI
DO 13 JULIO
LISBOA ZENTRAL CAFÈ - PLAÇA DEL REI
LU 14 JULIO
ALFONSO VILALLONGA - PLAÇA DEL REI
MA 15 JULIO
CONVERSES 2008 - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
MI 16 JULIO
CANTS D?AMOR, FUROR I LLÀGRIMES - PALAU DE LA MÚSICA CATALANA
EN BROSSA FA DISSABTE A CAN PICASSO - MUSEU PICASSO
JULIOL A LES BIBLIOTEQUES - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
NITS D?ESTIU A CAIXAFORUM - CAIXAFORUM
SUTRA - TEATRE GREC
JU 17 JULIO
A DISAPPEARING NUMBER - TEATRE LLIURE - SALA FABIÀ PUIGSERVER
AREATANGENT - LA CALDERA
CONCERTS AL MACBA - MACBA
JAVIER COLINA FEATURING PANCHO AMAT - PLAÇA DEL REI
NITS DE MÚSICA A LA FUNDACIÓ JOAN MIRÓ - FUNDACIÓ JOAN MIRÓ
VI 18 JULIO
LA SHICA - PLAÇA DEL REI
SA 19 JULIO
FAST FORWARD: LO QUE VENDRÁ EN LAS ARTES ESCÉNICAS - CCCB
KIOSCO DAS ALMAS PERDIDAS - MERCAT DE LES FLORS
DO 20 JULIO
SON DE LA FRONTERA - PLAÇA DEL REI
LU 21 JULIO
LAS TROYANAS - TEATRE GREC
MA 22 JULIO
RODOREDA. RETRAT IMAGINARI - MERCAT DE LES FLORS
MI 23 JULIO
EN BROSSA FA DISSABTE A CAN PICASSO - MUSEU PICASSO
JULIOL A LES BIBLIOTEQUES - BIBLIOTEQUES DE BARCELONA
NITS D?ESTIU A CAIXAFORUM - CAIXAFORUM
JU 24 JULIO
CONCERTS AL MACBA - MACBA
NITS DE MÚSICA A LA FUNDACIÓ JOAN MIRÓ - FUNDACIÓ JOAN MIRÓ
VI 25 JULIO
HIP HOP AL TEATRE GREC - TEATRE GREC
DO 27 JULIO
NIT DE CIRC - TEATRE GREC
MA 29 JULIO
EL REI LEAR - BIBLIOTECA DE CATALUNYA
MÍSIA I ELS SEUS POETES - TEATRE GREC
MI 30 JULIO
JOHN SURMAN QUARTET - TEATRE GREC
NITS D?ESTIU A CAIXAFORUM - CAIXAFORUM
PINSANS I CADERNERES - TEATRE ROMEA
JU 31 JULIO
BUIKA - TEATRE GREC
NITS DE MÚSICA A LA FUNDACIÓ JOAN MIRÓ - FUNDACIÓ JOAN MIRÓ
SA 2 AGOSTO
RÈQUIEM - TEATRE GREC


LOS ESPACIOS DEL FESTIVAL GREC 2008:

BIBLIOTECA DE CATALUNYA
Hospital, 56
Tel. 93 270 23 00
www.bnc.cat
Metro: L3 (Liceu)
Bus: 14, 18, 38, 59, 91, N9, N12, N15

BIBLIOTECA FRANCESCA BONNEMAISON
Sant Pere més Baix, 7
Tel. 93 268 73 60
www.bcn.cat/biblioteques
Metro: L1, L3 (Catalunya), L4 (Urquinaona)
Bus: 17, 19 40, 45, N4, N8, N9, N11

BIBLIOTECA HORTA - CAN MARINER
Vent, 1
Tel. 93 420 82 85
Metro: L5 (Horta)
Bus: 39, 45, 71, 102 112, 185

BIBLIOTECA JAUME FUSTER
Plaça de Lesseps, 20-22
Tel. 93 368 45 64
www.bcn.cat/bibjaumefuster
Metro: L3 (Lesseps)
Bus: 22, 24, 28, 31, 32, 87, 92, 116, N4, N0

BIBLIOTECA MERCÉ RODOREDA
Camèlies, 76-80
Tel. 93 435 31 70
www.bcn.cat/bibmercerodoreda
Metro: L4 (Alfons X)
Bus: 31, 32, 39, 55, 74, 114, N6, N0

BIBLIOTECA SAGRADA FAMÍLIA
Provença, 480
Tel. 93 450 87 33
www.bcn.cat/biblioteques
Metro: L2 y L5 (Sagrada Família)
Bus: 10, 19, 33, 34, 43, 44, 50, 51

BIBLIOTECA VAPOR VELL
Passatge del Vapor Vell, 1
Tel. 93 409 72 31
www.bcn.cat/bibvaporvell
Metro: L1 (Plaça de Sants) y L5 (Plaça de Sants)
Bus: 30, 56, 57, 115, 153, 157

CAIXAFORUM
Av. Marquès de Comillas, 6-8
Tel. 93 476 86 00
www.lacaixa.es/obrasocial
Metro: L1 y L3 (Espanya)
Bus: 13, 50

CENTRE DE CULTURA CONTEMPORÀNIA DE BARCELONA (CCCB)
Montalegre, 5
Tel. 93 306 41 00
www.cccb.org
Metro: L1, L2, L3 (Catalunya y Universitat)
FGC y RENFE (Catalunya)
Bus: 7, 9, 14, 16, 17, 24, 38, 41, 50, 54, 55, 56, 58, 59, 64, 66, 67, 68, 91, 120, 141, L94, L95, N1, N2, N3, N5, N6, N8, N12, N13, N14, N15, N16, N17

FUNDACIÓ JOAN MIRÓ
Parc de Montjuïc, s/n
Tel. 93 443 94 70
www.bcn.fjmiro.es
Metro: L3 y L1 (Espanya)
Funicular de Montjuïc (Metro Paral·lel)
Bus: 50, 55

L'AUDITORI
Lepant, 150
Tel. 93 247 93 00
www.auditori.org
Metro: L1 (Glòries i Marina), L2 (Monumental), L4 (Bogatell).
Tranvía: T4 (Auditori/Teatre Nacional)
Bus: 6,7,10,56, 62, B21, B25, N0, N2, N3, N7 i N11

LA CALDERA
Torrent d'en Vidalet, 43
Tel. 93 415 68 51
www.lacaldera.info
Metro: L3 (Fontana), L4 (Joanic)
Bus: 39, 114, 116, N6

LA VILLARROEL
Villarroel, 87
Tel. 93 451 12 34
www.villarroelteatre.cat
Metro: L3 (Fontana), L4 (Joanic)
Bus: 39, 114, 116, N6

MACBA
Plaça dels Àngels, 1
Tel. 93 412 08 10
www.macba.es
Metro: L1 y L2 (Universitat),L3 (Catalunya)
FGC: Catalunya
Renfe: Pl. Catalunya
Bus: 14, 24, 41, 55, 59, 64, 91, 120, 141

MERCAT DE LES FLORS
Lleida, 59
Tel. 93 426 18 75
www.mercatflors.org
Metro: L1 y L2 (Universitat),L3 (Catalunya)
FGC: Catalunya
Renfe: Pl. Catalunya
Bus: 14, 24, 41, 55, 59, 64, 91, 120, 141

MUSEU PICASSO
Montcada, 23
Tel. 93 256 30 00
www.museupicasso.bcn.cat
Bus: 14, 17, 19, 39, 40, 45, 51, 120
Metro: Línia 4 (Jaume I)

PALAU DE LA MÚSICA CATALANA
Sant Francesc de Paula, 2
Tel. 93 295 72 00
www.palaumusica.org
Bus: 17, 19, 40, 45
Metro: Línia 1 yi 4 (Urquinaona)

PLAÇA DEL REI
Plaça del Rei, s/n
Tel. 93 316 10 00
Metro: L4 (Urquinaona)
Bus: 17, 19, 40, 45, 120, N8

SALA MUNTANER
Muntaner, 4
Tel. 93 323 52 27
www.salamuntaner.com
Metro: L1, L2 (Universitat)
Bus: 14, 20, 37, 59, 54, 63, 120, L94, L95, N1, N2, N12, N13, N14, N15, N16, N17

TEATRE GREC
Pg. Santa Madrona, 36
Tel. 93 316 10 00
www.bcn.cat/grec
Metro: L1 (Espanya), L3 (Espanya, Poble Sec)
FGC: Espanya
Bus: 9, 13, 27, 30, 37, 50, 55, 57, 65, 109, 157, N0, N1, N2, N13, N15, N53, EA, EN

TEATRE LLIURE
Pg. Santa Madrona, 40-46 (Sala Fabià Puigserver)
Pl. Margarida Xirgu, 1 (Espai Lliure)
Tel. 93 289 27 70
www.teatrelliure.cat
Metro: L1 (Espanya), L3 (Espanya, Poble Sec)
FGC: Espanya
Bus: 9, 13, 27, 30, 37, 50, 57, 65, 109, 157, N0, N1, N2, N13, N15, N53, EA, EN

TEATRE NACIONAL DE CATALUNYA (TNC) ? SALA GRAN
Plaça de les Arts, 1
Tel. 93 306 57 00
www.tnc.cat
Metro: L1 (Glòries, Marina) y L2 (Monumental)
Tranvía: T4 (Auditori/Teatre Nacional)
Bus: 6, 7, 10, 56, 62, 92, B21, B25, N0, N3, N7 i N11

TEATRE NACIONAL DE CATALUNYA (TNC) ? SALA PETITA
Plaça de les Arts, 1
Tel. 93 306 57 00
www.tnc.cat
Metro: L1 (Glòries, Marina) y L2 (Monumental)
Tranvía: T4 (Auditori/Teatre Nacional)
Bus: 6, 7, 10, 56, 62, 92, B21, B25, N0, N3, N7 i N11

TEATRE ROMEA
Hospital, 51
Tel. 93 301 55 04
www.teatreromea.com
Metro: L3 (Liceu)
Bus: 14, 59, N9, N12, N15
 

Llenar el hueco

Irma Samayoa, Ana Yael Zareceansky, Alba Martorell Rivista Varuna  2008-06-22 

cultura 

libri 

Presentata presso lo spazio dell'Associazione Ilde in Carrer Sant Rafael del Raval di Bcn, il nuovo progetto di Irma Samayoa, Ana Yael Zareceansky e Alba Martorell, la Rivista Varuna.
Le tre artiste ci illustrano la loro poetica, l'idea e il progetto.

Llenar el hueco.

Un día hace tres años buscamos un espacio donde publicar desde nuestra propia escuela y no lo encontramos, un espacio común en donde pudiéramos discutir de temas trascendentales o banales, en donde nuestras ideas pudieran corretear y jugar a sus anchas, en donde pudieran cobrar vida nuestras dudas y certezas. Nos preguntamos ¿dónde?
La decepción de saber que no existía tal espacio fue dejando cabida a la ilusión de crear uno propio, uno personalizado en donde la energía de unos cuantos pudiese aportar placeres a muchos; nosotras como estudiantes tuvimos desde el principio la energía suficiente para empezar con el proyecto? Y así, con unas cuantas reuniones, cafecitos y selección de discos, decidimos sentar las pautas del proyecto, darle forma a las ideas.

Al principio fue difícil, con la ayuda de la escuela y con sudor, - no podemos dejar de contar lo mucho que nos apoyaron algunos profesores - produjimos un primer número, ambicioso, lleno de espacio, de color, de ganas, encajando cualquier propuesta en un papel de 15x15 cm, sin restricciones, pudiendo tocar todas las disciplinas: ilustración, narrativa, poesía, fotografía, teatro, collage, diseño, escultura, textil, música, hay sitio para todas las materias y propuestas.

Conseguimos así un escenario que se levantó de nuestro apetito, ahora el apetito de todos, que puede ser y ha sido trazado y reformado tantas veces como fue necesario, para convertirse en ese espacio que intenta llenar el hueco que habíamos encontrado, un espacio que por ser nuestra necesidad dábamos por seguro que era la necesidad de muchos más como nosotras, una publicación donde lanzar ideas y ponerlas a la vista, por y para todo aquel que quiera sumar, nada en Varuna está atado, parte de la fuerza con la que hemos construido este proyecto nos obliga a nosotras mismas a respetarle y dejarle tomar aire con el pecho muy hinchado, sin ligaduras, para que sea suelta en sus movimientos, ágil y fresca en el fondo y en la forma.
Nuestros caminos están muy poco andados y poco habitados, lo sabemos, estamos dispuestas a ensuciar cuantos disfraces sean necesarios, casi sin reparar en los daños y en la inversión energética, si a cambio tenemos un manojo de ganas materializadas, esas ganas marranas de hacer, de decir, de contar, de recitar, de escribir, de narrar, de dibujar, de trazar, de llamar, de convocar, de confesar, de borronear, de rayar, de corregir... de empezar...

Así nació Varuna, una publicación que se balancea entre un libro de colección, un fanzine y una revista ilustrada, que se viste de etiqueta, con tapa dura, cartón virgen, lomo de tela y serigrafía en la cabecera, encuadernada a mano, cada ejemplar está personalizado y seriado en ediciones de 200 a 300 números distribuidos por Barcelona en los núcleos de investigadores y curiosos, como por ejemplo la central del raval, la laie, ras o arkham comic.

Dentro? en el papel? lo mejor, la gente que lo ha hecho más posible que nosotras, esa gente que ha ocupado el espacio dispuesto.

El primer número lo titulamos el principio de las cosas, en clara alusión a nuestro propio principio, la siguiente remesa trataba las coincidencias? actualmente celebramos la llegada del tercero de lejos no se ve? con una presentación en la sede de Ilde, afortunadamente en el más arduo y delicado de los tres ejemplares hemos contamos con amigos, sumandos, como esta asociación que sin ningún reparo se ha lanzado, la divulgación y el disfrute de este último retoño está por comenzar, este es nuestro último proceso, gracias a todos, después de tres años decidimos dejarlo aquí.

Irma Samayoa, Ana Yael Zareceansky, Alba Martorell
 

Ukiyo-e

RF Web Ajuntament Bcn  2008-06-15 

arte 

esposizioni 

"Ukiyo-e, imatges d'un món efímer" (Immagini di un mondo effimero).
Incisioni giapponesi dei secoli XVIIIº e XIXº.
Curatori: Gisèle Lambert e Jocelyn Bouquillard.
Fundació Caixa Catalunya
Casa Milà / La Pedrera. Sala d'Exposicions
Pg Gràcia, 92
Barcelona.
Fino al 14 settembre 2008.

La Fundació Caixa Catalunya presenta, pressso gli spazi espositivi della Pedrera, l?esposizione "Ukiyo-e, imatges d'un món efímer" (Immagini di un mondo effimero).
Oltre centinaio di incisioni giapponesi risalenti ai secoli XVIIIº e XIXº, provenienti dal Département des Estampes de la Bibliothèque Nationale de France.
La mostra, che si articola in 5 aree tematiche: teatro, bellezza femminile, parodia, erotismo e paesaggi, si avvale di incisioni di artisti quali Harunobu, Koeyusai, Kiyonaga, Utamaro, Hokusai o Hiroshige.
Gli "ukiyo-e" arrivano in Europa nella seconda metà dell?Ottocento, con i primi scambi commerciali che pongono termine a quasi due secoli di isolamento e protezionismo nei confronti dell?Estremo Oriente e riflettono il carattere fugace dei piaceri immediati e mondani nel Giappone del periodo Edo.
Queste stampe hanno affascinato i collezionisti e gli artisti francesi dell?epoca, influenzando lo spirito sperimentale dell?impressionismo e del simbolismo.
 

El Carib Precolombí

RF Web Museu Barbier-Mueller  2008-06-15 

arte 

esposizioni 

"El Carib Precolombí. El poble i la cultura taína"
(I Caraibi precolombiani. Il popolo e la cultura dei Taino)
Museu Barbier-Mueller d'Art Precolombí
Carrer Montcada, 14
Barcelona.
Dal 28 maggio al 28 settembre 2008.

L'esposizione "El Carib Precolombí" organizzata presso il Museu Barbier-Muller, presenta oltre 50 pezzi che esplorano la cultura dei Taino, il popolo indigeno che Cristoforo Colombo incontrò nel suo primo approdo nel Nuovo Mondo.
Fra' Bartolomeo de Las Casas nel suo libro "Historia General de las Indias" riferisce che nel 1508 rimanevano circa 60.000 taino nell'isola di La Hispaniola (odierna Santo Domingo).
Nel 1531 lo sfruttamento e le malattie avevano ridotto il numero a 600.
Attraverso una selezione di sculture e oggetti intagliati in legno, pietra e documenti scritti, la mostra rivela dettagli sui i costumi, i riti e l?intima relazione con la divinità dei Taino.
Di particolare interesse pezzi quali un "dúho" in legno (scanno abbassato usato dagli indiani), un uomo uccello o una figura antropomorfa con lacrime sulla guancia.
 

Festival Grec 08

RF Web Festival Grec 08  2008-06-15 

arte 

eventi 

Festival Grec di Barcellona
Edizione 2008
Direttore: Ricardo Szwarcer
Dal 25 giugno al 2 agosto 2008.

Il Festival Grec di Barcellona propone anche quest?anno una selezionata programmazione in vari campi artistici, presentata in alcuni dei palcoscenici più emblematici della città. Il più importante è senza dubbio il Teatre Grec di Montjuïc, ma molti spettacoli saranno di scena al Cccb, alla Fundació Miró, al Macba oltre al Palau de la Música Catalana, nell?anno del Centenario. Nell?edizione 2008 il Festival dedica particolare attenzione alle proposte sceniche del Regno Unito e vari spettacoli sono stati raggruppati sotto il titolo di ?Panorama UK?.
Il Festival inizia con "Història del Soldat", un classico del teatro musicale, opera di Igor Stravinsky portata in scena da Nigel Lowery e Amir Hosseinpour.
Si tratta di uno spettacolo concepito per l?occasione, un regalo che il Grec offre alla città.
Tra le proposte italiane al Grec 2008 ricordiamo il concerto dell?Orchestra di Piazza Vittorio di Roma, diretta da Mario Tronco, che si terrà il 5 luglio presso il Teatre Grec di Montjuïc. Questa peculiare orchestra cosmopolita si esibisce per la seconda volta a Barcellona, dopo il notevole successo del concerto del settembre 2007 in Avinguda de la Catedral, per la Festa della Mercè.
Per approfondimenti rimandiamo all?articolo di www.bcn-it.com

Nel Dossier Programma Festival Grec 2008 troverete il programma completo del Festival e gli spazi in cui si svolgeranno le rappresentazioni.
 

Dossier. Programma Sónar 2008.

RF Web Sónar 2008  2008-05-31 

musica 

eventi 

Programa Sónar 2008.

Jueves 19 Junio.

Sónar de Día.
CCCB y MACBA Bcn.

Asstrio (ES)
Bass Clef (Blank Tapes/UK)
Chacho Brodas (Del Palo/ES)
Christopher D Ashley (Sunday Best/UK)
Díscolo (LowClub/ES)
DJ Lui (Electric Cafè/ES)
DJ2D2 (Del Palo-SonarMusic/ES)
Galis115 (Miniatura-Ruralita/ES)
Internet 2 (ES)
Jahbitat (Project Mooncircle-Discos Compulsivos/ES)
Little Dragon (Peacefrog/SE)
Lucius Works Here (Foehn/ES)
Manu González & Vidal Romero (Go Mag/ES)
Pan Sonic (Mute-Blast First/FI)
Santiago Latorre (Accretions/ES)
Take (Eat Concrete/US)
Two PIAS DJs (Pias/ES)
Uke (Jabalina Records/ES)
XX Teens (Mute/UK)
CAPSULE presenta
Pram (Domino/UK)
ZX Spectrum Orchestra (Warm Circuit/UK)
EMILII RECORDS presenta
Arbol (ES)
Deefried (ES)

Sónar de Noche
Sónar Park / Fira Gran Via

Ben Watt (Buzzin? Fly/UK)
Goldfrapp (Mute/UK)
Leila (Warp/UK)

Viernes 20 de Junio 2008.

Sónar de Día
CCCB y MACBA Bcn

Aixònoéspànic (ES)
Blackjoy (FR)
Deepchord presents Echospace (Modern Love/US)
El Guincho (Discoteca Océano/ES)
First Aid Kit (Closer/ES)
F-on (Downbeat/Deep-Explorer/ES)
Jneiro Jarel?s Shape Of Broad Minds (Lex/US)
Kalabrese pres. The Rumpelorchestra (Muve/CH)
Konono Nº1 (Crammed Discs/CD)
Le Rok (Karaoke Kalk/DE)
Nisei vs Za (BCore-Acuarela/ES)
QA?A (ES)
Quiet Village (!K7/UK)
Tara de Long (Fatal Recordings/US)
Tender Forever (Green Ufos/US)
Vasco Ispirián (The Room-Playgroundlabel/ES)
Virginie (VE)
Yellow Swans (Load/US)
Yo Majesty (US)
NINJA TUNE & COUNTER RECORDS presentan
Daedelus (US)
J Mountain (UK)
The Heavy (UK)
The Long Lost (US)

Sónar de Noche
Sónar Park / Fira Gran Via

BC vs JC feat. Darren Emerson (UK)
Boys Noize (Boysnoize Records/DE)
Diplo (Mad Decent/US)
Dj Soak (Coffy Records/ES)
Erol Alkan (UK)
Ewan Pearson (Misericord/UK)
Frankie Knuckles (Def Mix/US)
Hercules and Love Affair (DFA-EMI/US)
Justice (Ed Banger Records/FR)
Madness (Lucky Seven/UK)
Pulshar (PhonoBox/ES)
Rob Da Bank (Sunday Best/UK)
Róisín Murphy (EMI/IE)
Suite on Clouds (ES)
The Pinker Tones (Pinkerland/ES)
Yelle (Source Etc./FR)
BBC Radio 1 presenta
Flying Lotus (Warp/US)
Mala (Digital Mystikz/UK)
Mary Anne Hobbs (BBC Radio 1/UK)
Shackleton (Skull Disco/UK)
Programado por Mary Anne Hobbs
MINUS presenta CONTAKT
Gaiser (US)
Heartthrob (US)
Magda (US)
Marc Houle (CA)
Richie Hawtin (CA)
Troy Pierce (US)
RED BULL MUSIC ACADEMY RADIO presenta
Buraka Som Sistema (PT-AO)
Theo Parrish (Sound Signature/US)

Sabado 21 de Junio 2008.

Sónar de Día
CCCB y MACBA BCN

CaboSanRoque (ES)
Camping (PuPilo Records/ES)
COH plays Cosey (Raster Noton/DE)
DJ Birdy (ManzanasTraigo!/ES)
DJ Key (Funky Noise/MA)
Doozer (BrokenLoop/ES)
Electrotoylets (ES)
Grobas (Thrasher Home-981Sessions/ES)
Kid Acne (Lex/UK)
Matmos (Matador/US)
Northern State (Ipecac/US)
Señor Rosa (ES)
Skymark (Soulsociedad/CH)
The Black Dog (Soma/UK)
The Duloks (UK)
The Field (Kompakt/SE)
DIRTY presenta
Dirty Sound System (FR)
Discodeine (FR)
Pilooski (FR)
FLOGSTA DANSHALL & HARMÖNIA presentan SKWEEE
Rigas Den Andre, Pavan, Joxaren y Daniel Savio (Flogsta Danshall/SE)
Randy Barracuda, Mesak, Sla y Eero Johannes (Harmönia/FI)
OSAKA INVASION presenta
Bogulta (JP)
DJ Scotch Egg (Load/JP)
Maruosa (Renda/JP)
Ove Naxx (Accelmuzhik/JP)

Sónar de Noche
Sónar Park / Fira Gran Via

Angel Molina (SonarMusic/ES)
Antipop Consortium (US)
Buraka Som Sistema DJ?s (PT)
Check One (ES)
Chloé (Kill the DJ/FR)
Clark (Warp/UK)
DJ Mehdi (FR) vs A-Trak feat. Kid Sister (US)
DJ Yoda Magic Cinema Show (Antidote/UK)
Dubfire (Sci+Tec/US)
M.I.A. (XL/UK)
Miss Kittin (Nobody?s Bizzness/FR)
Neon Neon (Lex/UK-US)
Oscar Mulero (Warm Up-Zero Oscillator/ES)
Ricardo Villalobos (Sei Es Drum/CL)
Sharon Schael (Female Pressure/VE)
Soulwax (Modular/BE)
X-102 discovers The Rings of Saturn (Underground Resistance/US)
Yazoo (Mute/UK)
DIAL presenta
Efdemin (DE)
Pantha Du Prince (DE)
ED BANGER RECORDS presenta
Busy P. (FR)
Krazy Baldhead (FR)
Nil (FR)
SebastiAn (FR)
FREERANGE presenta
Jimpster (UK)
Milton Jackson (UK)
 

Off Massana, ovvero credere per creare

Elisa Pellacani  2008-05-28 

arte 

esposizioni 

Off Massana, ovvero credere per creare
La coordinatrice Toni Azorin guida il suo gruppo nel coraggioso mestiere di essere artista. Con due sfide: saper cambiare per dare forma alle proprie inquietudini.

Giovedì 5 giugno alle ore 20, negli spazi luminosi della sala Agustí Massana, nel Poble Español, avrà luogo l?annuale epilogo di un percorso lungo mesi di progettazione, sperimentazione, confronto: l?esposizione dei trenta giovani artisti che han fatto parte del gruppo della Off Massana presenterà opere che, sotto la supervisione critica di Toni Azorin, parlano della fatica e al tempo stesso del coraggio, di fare arte.
Gli artisti del gruppo della Off Massana vengono selezionati ogni anno e viene loro data la possibilità di lavorare nei talleres di cui l'Escola Massana dispone nel Poble Español. La multidisciplinarietà della proposta è data, oltre che dalle personalità diverse che ogni anno formano il gruppo, dalle possibilità tecniche ed espressive che la stessa struttura offre: infatti i talleres del Poble Español, lontano dal traffico e dalla vita cittadina, hanno gli spazi che spesso mancano a chi si dedica all?arte e laboratori attrezzati per diverse tecniche, dall?incisione, alla serigrafia, alla gioielleria, senza contare le aule dove è possibile praticare scultura, pittura e via dicendo. Si crea quindi un contesto vivo in cui l?obiettivo è l?interscambio tra i partecipanti ai talleres, chiamati a confrontarsi su tematiche artistiche e sul loro lavoro, ma anche l?effettiva presa di coscienza, da parte di ognuno, di quelo che è un mestiere difficile e senza risposte assolute come quello dell?artista. Il progetto Off prevede due esposizioni annuali, tornasole di un?attività silenziosa ma continua: una a febbraio, all?interno dell?Escola Massana, e una appunto a giugno, che chiude simbolicamente un percorso aprendo al pubblico una serie di proposte sempre nuove, libere da vincoli di qualsiasi natura e spesso finalmente motivazione perché un artista possa farsi conoscere.
Gli artisti che hanno partecipato all?Off Massana quest?anno sono: Raul Almendros, Cecilia de Arriba, Carles Azcòn, Bimbo, Diego Bisso, Marta Boan (attualmente in esposizione presso il Fad con una personale dopo la segnalazione nell?ultimo Enjoia?t), Ana Cardim, Lourdes Carmelo, Alejandra Castellani, Cristina Cebada, Jordi Clusa, Constanza Coffrè, Clara Devesi, Catalina Dupont, Piedad Garcia, Lucie Laluque, Maria Lobo, Ruth Martin, Carolin Mueller, Anna Oyarzun, Elisa Pellacani, Nicolas Rojas,
Pilar Romero, Emilie Rubio, Clara Trucco, Ana Yael, Taisei Watanabe.
Scrive Toni Azorin nel trittico-catalogo che accompagna l?esposizione:
?Todos los cambios tienen un sentido, y creo que ese es el camino de este proyecto un entorno de renovación continuo, lleno de aportaciones y propuestas donde cada recuentro entrega con gratitud el trabajo de todo un año.
Off Massana 2008 parte de una visión compartida en el mundo artístico actual, creer para crear, esa necesidad que parte del individuo con la pregunta de encontrar alguna respuesta o la simple contemplación de un resultado en estado de trasformación.
Las inquietudes se manifiestan en su diversidad y consiguen materializarse en procesos llenos de matices, en propuestas o simplemente en visiones que nos inician en la reflexión.
La responsabilidad que implica el desarrollo de un proyecto personal es lo que nos da el interés y el valor de una exposición que espera la visita y participación del espectador el cual no se muestra indiferente, por lo menos en ediciones anteriores y esta vez no será menos.
Todos los cambios tienen un sentido.?
In apertura, insieme alla musica da camera del quartetto d?archi Cuatrinaranjus, l?eccezionale performance ritmica di David Batllo, accompagnato dalla batteria di Niko Wagenknecht: per chi ancora non li conoscesse, dico che si tratta di uno spettacolo da non perdere, per l?unicità del numero che unisce ritmo e acrobazia e per l?abilità consolidata da esperienze circensi e in vari platò internazionali.
 

Libri d?artista e timbri d?autore

Elisa Pellacani  2008-05-28 

arte 

esposizioni 

Libri d'artista e timbri d'autore.
Con l?iniziativa "Print a book" l?Associazione Ilde presenta il catalogo dell?esposizione di Sant Jordi, oltre a un universo di simboli in cui riconoscere oltre cinquanta artisti attraverso i loro timbri.

"Un libro unico per Sant Jordi", a cura di Elisa Pellacani e organizzata dall?Associazione Ilde, è stato il primo tentativo sperimentale di portare in piazza, durante il giorno di Sant Jordi, libri unici e d?autore. L?Associazione Ilde si occupa infatti a Barcelona di riunire artisti e artigiani che sul libro lavorano creando pezzi unici e originali per metodi di realizzazione, contenuti e tecniche, spesso lontane dal tipico libro che siamo abituati a trovare nelle librerie. L?iniziativa ha creato in Piazza Sant Just, cuore del Barrio Gotico barcellonese, uno spaccato dell?editoria artistica attuale, con contributi di varie aree europee e del Sud America, presentando originali di artisti provenienti da diverse discipline che sul libro trovano fonte d?ispirazione e ricerca. Attenzione particolare per le piccole edizioni e agli editori e alcune librerie specializzate che della diffusione di questo materiale inedito e bellissimo si occupano, di solito con una cura particolare nella progettazione grafica e nella realizzazione.
Han partecipato gioiellieri, scultori, illustratori, fotografi e artigiani del tessuto, fino al gruppo Cocoliche (nella foto) che ha impersonato e fatto rivivere attraverso i presenti in piazza la leggenda di Sant Jordi con una vera e propria performance teatrale. La mostra, che ha incontrato un pubblico sorpreso e partecipe, si è poi trasferita nel Centro Civico Pati Llimona, dove è rimasta aperta al pubblico fino alla settimana scorsa, contando su un?affluenza superiore alle aspettative (oltre cento persone all'inaugurazione). L?iniziativa rientra nel progetto di sensibilizzazione alla parola e all?immagine del Centro Civico attraverso corsi e incontri intensivi.
L?associazione Ilde presenterà il catalogo delle opere esposte, insieme a un universo di simboli che gli artisti hanno realizzato lavorando un materiale estremamente duttile, prodotto dalla Milan e ancora in fase di commercializzazione.
L?iniziativa, chiamata dall?Associazione "Print a book", richiama il concetto che dalla progettazione dell?illustrazione di un libro unico, d?autore, si possa arrivare alla sua moltiplicazione, attraverso metodi di stampa manuali e "casalinghi", ossia che non abbiano bisogno dei mezzi solitamente necessari alla riproduzione a stampa. L?idea è sperimentata anche attraverso i corsi che l?Associazione promuove ed è nata dal corso di "Libro d?artista e libro oggetto che Elisa Pellacani sta impartendo nella scuola Massana, lavorando con i suoi alunni a metodi di stampa manuali per la formazione di matrici che possano servire al progetto di un libro.
Il materiale è stato diffuso dall?Associazione ad artisti di discipline differenti che hanno risposto consegnando un timbro d?autore. I sigilli verranno esposti e si procederà alla loro visione nella stampa di un unico libro collettivo, appunto una mappa dei segni e simboli (a richiamare il famoso Frutiger, pietra migliare della grafica contemporanea) di questo primo esperimento dell?Associazione Ilde.
Mentre rimane una sorpresa l?identificazione degli artisti attraverso i loro timbri (per i quali l?associazione sta chiudendo il termine di riconsegna), gli autori in catalogo con i loro libri sono: Antoni Hervàs, Elisa Munso, Carolin Mueller, Ana Yael, Morena Coppola, Ares Borràs, Cinta Sala, Sofia Piqueras, Maria Diaz, Dario Zeruto, Fabiola Matarazzo, Alexandra Maria Morim, Dina Caball, Teresa Herrador, Beatriz Concha Torres, Bianca Damasceno, Patricia Soto, Teresa Pampalona, Ariana Goberna, Angela Sanchez, Chiara Armellini, Nani Tedeschi, Ana Cardim, Lourdes Carmelo, Diego Bisso, Sergio Grispello, Marianna Rovere, Rino Sorrentino, Varuna, Carolina Perez Guiu, Sandra Figueras Valls, Carmen Garcia de Mora, Lucia Sforza, Maite Awad Lobato, Papelicola, Paloma Rodriguez, Mirjana Farkas, Ugo Magnanti, Nuria Calavera Bitria, Sandra Llusa Gomis, Antonio Nemea, Vinka Grbic, Kim Wright, Silvia Walz, Clara Trucco, Elisa Pellacani, Anna Baldi, Haizea Poza, Jordi Ferreiro, Marta Flors Colomer, Kikju Aromir Ayuso, Belen Sanz, Ayuko Kojima, Giuseppe Bussi, Teresa Gironés, Eulalia Llopart, Mario Pérez Ruìz, Teresa Batlle Tresserras, Asumpciòn Raventos, Catalina Negri, Eleonora Mattioli, Luna Cohen, Maria Ribera Salvador, Patricio Rago, Javier Bermudez Lopez, Angelo Scimmia. Una presenza importante occupano i piccoli editori, Borobiltxo Libros, editorial Morsa, Duduà, Stripburger ed., casa editrice Agra, Consulta edizioni, testimoni della fatica di produrre e diffondere questi libri inediti, insieme all?impegno solidale di Eloisa Cartonera che compie un?operazione di recupero sociale attraverso la realizzazione di libri rilegati in cartone. La collaborazione della Libreria Lo ring di Barcelona e della libreria Argot, di Castellon, han evidenziato l?intenzione di librerie independenti di appoggiare la diffusione del libro d?arte, oltre che dei nuovi, inediti autori.
 

Dossier. Le gioie quotidiane di Elisa Pellacani

Franco Notari  2008-05-28 

arte 

esposizioni 

Le gioie quotidiane di Elisa Pellacani.
Presentati nel Palazzo dei Principi di Correggio i gioielli "etnici" dedicati all?India dall?artista attiva a Barcellona ma di origini emiliane.
di Franco Notari


Si è inaugurata a Correggio nell?Emilia,durante la manifestazione cittadina "Etnica", la mostra dei gioielli realizzati da Elisa Pellacani, poliedrica artista italiana residente da alcuni anni a Barcelona, dove lavora nella Escola Massana occupandosi di libri d?artista. La mostra è dedicata all?India, subcontinente che la Pellacani ha visitato in vari viaggi e di cui ha cercato di rendere il sapore e la gioia, appunto, per la decorazione, per il vestire ogni giorno oggetti e simboli della propria tradizione. Fedele alla sua ricerca visiva con l?illustrazione e la fotografia, con cui da anni la Pellacani pubblica cataloghi e partecipa a mostre ed eventi, "India, gioie quotidiane" tradisce la passione dell?autrice per i libri, come oggetti depositari di qualcosa di personale e unico: in mostra alcuni pezzi di gioielleria, associati a scatti della vita quotidiana, nell?ingegno della costruzione del metallo (argento e oro) a proteggere la delicatezza della carta, sono piccoli libri preziosi da portare, secondo la visione di un viaggiatore che stupito dall?Oriente vorrebbe farlo proprio. Scrive l?autrice: "è quotidiana la gioia di portare con sé l?idea che attraverso le mani diventa simbolo e poi oggetto. Guardo e desidero tradurre il subcontinente indiano, e nel segno è chiaro che non gli appartengo".
Poi, in mostra, animali tratti da schizzi e appunti della statuaria indi, che si traducono in un mondo fiabesco caro all?autrice, come ha ben sottolineato Carles Codina nel testo scritto a presentazione del catalogo che il Museo di Correggio ha editato per l?occasione: "elementi figurativi a cui cambia le proporzioni, i materiali e le più diverse tecniche applicate in modo franco e diretto con cui costruisce queste piccole favole que finiscono per riportarti alla tua stessa iconografia infantile. Il suo piacere nell?inventare favole dando vita a tutto un micromondo immaginario e trasformarlo in piccoli tesori che possono essere trasportati."
La mostra rimarrà visibile fino al 15 di giugno nelle sale del Museo "Il Correggio", nel Palazzo dei Principi di Correggio.
Gioielli-oggetti della stessa autrice sono visibili in gallerie di Barcelona, tra cui Alea, la galleria di gioielli contemporanei di calle Argenteria, che a inizio luglio dedicherà una personale alla Pellacani.

Franco Notari
 

Sónar 2008

RF Web Sónar Bcn  2008-05-26 

musica 

eventi 

Festival Música Avanzada y Arte Multimedia Sónar 2008
Sónar de Día Cccb e Macba Bcn
Sónar de Noche Sónar Park / Fira Gran Via
19, 20 e 21 giugno 2008.

Il fattore femminile, inteso come modo in cui le donne affrontano la creazione musicale, sarà uno dei fili conduttori del Festival Sónar (Música Avanzada y Arte Multimedia) di quest?anno. Protagoniste saranno infatti "Dive" come Roisin Murphy e Allison Goldfrapp o artiste "combattive" quali Mia.
Ma oltre a questi grandi nomi, saranno presenti artiste che hanno dimostrato nei propri lavori vincoli fra femminilità e musica, come la "versatile" voce della francese Camilla, che si esibirà al Palau de la Música, l?americana Tara Long, Mar Sellars, fondatrice di The Dulors o la "oscurità minimale" di Chloe.
Il Sónar 2008 darà notevole spazio alla musica di produzione francese, presentata da Busy P. Dirty Sound Systeme, Discodeine e Sebastian, fra gli altri.
Altri appuntamenti. Il Festival di quest?anno sarà inoltre scenario di una storico re-incontro tra gli inglesi Yazoo, il tandem tecno-pop formato da Allison Moyet e Vince Clark, fondatore e figliol prodigo dei Depeche Mode, che 25 anni dopo la separazione, suoneranno di nuovo insieme.
Altri nomi: Frankie Knuckles, uno degli autori più influenti della "house" di Chicago, il duo Mike Banks-Jeff Mills e il trio formato dai fratelli Cullum, Jamie e Ben, con Darren Emerson.
"Bastardismo". Il versante più "festaiolo" del Sónar, dedicato alla pista da ballo, definito dagli organizzatori con il termine "bastardismo", cioè le correnti frutto di fusioni musicali apparentemente impossibili, filone in cui eccellono band quali Justice, con la fusion di musica elettronica, rock e punk o le canzoni della giovanissima Yelle o dei Boys Noize, Diplo.
Abbastanza esigua la presenza della musica d?avanguardia spagnola, tra i pochi artsisti presenti The Pinker Tones, CaboSanRoque e Asstrio.
Nulla la presenza italiana.
Come nelle passate edizioni il Festival Sónar 2008 si divide in Sónar de Día (i concerti si svolgono presso il Cccb /Centre de Cultura Contemporània de Bcn e presso il Macba / Museu d?Art Contemporàni de Bcn) e Sónar de Noche (i concerti si svolgono presso il Sónar Park / Fira Gran Via e presso il Palau de la Música di Bcn).
Per consultare il programma del Festival Sónar 2008 cliccare su Dossier: Sónar 2008.
 

Hannah Collins

RF Web Caixa Forum Bcn  2008-05-26 

arte 

esposizioni 

"Hannah Collins. Història en curs"(Storia in corso)
Fotofrafie e proiezioni di Hannah Collins.
CaixaForum Centre Social i Cultural
Av. Marquès de Comillas, 6
Sants-Montjuïc
Fino al 24 agosto 2008.

Le fotografie panoramiche e le proiezioni multischermo di Hannah Collins sono tra le più grandi che si possono trovare attualmente nell?arte contemporanea. CaixaForum di Barcellona presenta fino al 24 agosto, una notevole selezione di queste imponenti opere.
Hannah Collins è tra gli artisti pionieri dela fotografia panoramica e di grandi dimensioni che però non perde il carattere intimo. I temi costanti sono: la fugacità della vita moderna, le relazioni fra memoria e storia e il tentativo di esprimere queste esperienze intangibili attraverso le immagini.
Tra le proiezioni multischermo presenti alla mostra, vi è anche "La Mina, Història en curs", sullo storico quartiere periferico di Bcn, in cui l?artista ricerca i punti di contatto fra gli individui e i gruppi sociali.
Completano il percorso espositivo una ventina di immagini panoramiche inedite "Dibuixant sobre la ciutat"(Disegnando sula città), che fanno parte di un progetto sul mutevole paesaggio di Barcellona.
 

Venedors

RF Web Ajuntament Bcn / Web Iic Bcn  2008-05-21 

spettacoli 

cine 

Teatro.
?Venedors? (Venditori)
di Edoardo Erba
Adattamento al catalano e regia di Carles Fernández Giua.
Interpreti: Jordi Brunet, Eva Cartañà, Rafa Cruz, Iván Morales
Sala Beckett
Carrer Ca? l?Alegre de Dalt 55
Gràcia Barcelona

?Venedors? (Venditori) , adattamento al catalano di una delle più lucide opere teatrali del giovane drammaturgo italiano Edoardo Erba, sta riscuotendo notevole successo presso la Sala Beckett di Bcn, in cui si rappresenta fino a domenica 25 maggio.
Particolarmente efficace la messa in scena di Carles Fernandez Giua, che propone di intendere la vita come se fosse un mercato. Il protagonista è Brigo, un venditore di prodotti igienici per la casa.
Cattiveria e cinismo stillano da quest?opera che prende di mira il consumismo, tema certamente non nuovo, ma che Erba tratta con una comicità crudele ed inquietante che ci offre un spaccato grottesco della nostra società.

Edoardo Erba, (Pavia, 1954) una delle figure più rilevanti della drammaturgia italiana degli ultimi quindici anni, si forma alla scuola del Piccolo Teatro di Milano. A partire dalla metà degli anni Novanta il suo lavoro richiama l?attenzione del pubblico e della critica: un suo testo, La maratona di New York, conosce infatti uno straordinario successo non solo in Italia ma anche all?estero dove viene rappresentato in più di dodici paesi. Lo stile di Erba si ispira all?opera di Pinter, Beckett, Kafka, e, in particolar modo, alla scrittura poetica di Dino Buzzati. Straordinaria appare la sua capacità di trasporre la realtà quotidiana nella quale sono immersi i suoi personaggi in un registro onirico e surreale.
 

Cesare Pavese

RF Web Iic Bcn  2008-05-17 

spettacoli 

cine 

Spettacolo teatrale in musica
?Cesare Pavese-Uomo e scrittore?
Con Carlo Mega, Giorgio Merati e Carmelo Massimo Torre
Casal del Metge, Via Laietana, 31
Mercoledì 28 maggio 2008

Cesare Pavese è senza dubbio uno degli autori italiani del ?900 più apprezzati a Barcellona. In ogni casa in cui ho avuto il piacere di essere ospite in questi vent'anni ho trovato almeno un suo titolo, preferibilmente un romanzo.
Molte saranno le iniziative in patria e suppongo particolarmente nel Piemonte del sud.
In occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Cesare Pavese, l?Istituto Italiano di Cultura di Bcn organizza lo spettacolo teatrale in musica "Cesare Pavese-Uomo e scrittore", di Carlo Mega, con Giorgio Merati, clarinetto e Carmelo Massimo Torre, fisarmonica.
Lo spettacolo ripercorre la vita e l?opera delo scrittore piemontese; il contrasto città-campagna, adolescenza-maturità e i temi della solitudine e della incomunicabilità.
Brani tratti da "Il mestiere di vivere", "Lavorare stanca" e "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi".

Carlo Mega, voce recitante.
Inizia il suo percorso professionale con Luca Ronconi nel 1973.
Nel 1985 fonda la compagnia "TeatroMusica Meliké".
Giorgio Merati, clarinetto.
Si è diplomato presso il Conservatorio "G.Verdi" di Milano e in seguito alla Civica Scuola di Musica nella prassi esecutiva rinascimentale e barocca del flauto dolce. Insegna clarinetto e flauto dolce al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.
Carmelo Massimo Torre, fisarmonica.
Inizia il suo percorso musicale con il maestro Angelo Carmine ed il maestro Sergio Scappini. E' docente presso l'Associazione Internazionale Willems di Lione. Ha collaborato con il "Piccolo Teatro" di Milano nello spettacolo "Pinocchio" accompagnato da Giorgio Merati (clarinetto) e Carmelo Torre, (fisarmonica).
 

El maig del 68

RF Institut Fancés Bcn  2008-05-11 

arte 

esposizioni 

I fatti del Maggio ?68.
Institut Francès de Barcelona
Carrer Moià, 8
Dal 6 al 31 maggio 2008.

Sono passati quarant?anni dal maggio del 1968 e per ricordare il "Maggio francese" Institut Français de Barcelone organizza un?esposizione fotografica su quei giorni con opere del reporter Göksin Sipahioglu, fondatore dell?agenzia Sipa Press.
Si tratta dello sguardo di un fotoreporter straniero sul microcosmo parigino dell?epoca, sulle manfestazioni e su quei momenti di lotta: il viso di una donna che risalta in un gruppo, gli scontri fra le forze dell?ordine e gli studenti che avevano occupato la Sorbona.
Le fotografie dell?esposizione sono raccolte nel volume "Mai 1968 : L'Histoire en photos" (Edizioni Scali, 2008)















 

Presidi Slow Food a Bcn

RF  2008-05-03 

vivere 

bere 

Quinzena dels Baluards Italians Slow Food a Barcelona.

Dal 7 al 21 maggio 2008, l?Associazione Slow Food Manuel Vázquez Montalbán di Barcellona organizza la 2º Quinzena dels Baluards Italians Slow Food (La quindici giorni dei presidi italiani Slow Food).
Vi partecipano ben dodici tra i migliori ristoranti italiani della città, ognuno dei quali ha scelto uno o più prodotti protetti dall?Associazione Slow Food e li propone, per quindici giorni, nel proprio menú.
Consultare il dossier Slow Food per i dettagli sui prodotti e sulle ricette.
Per approfondimenti, Web: http://www.barcelona.slowfood.es/
I ristoranti che aderiscono all?iniziativa sono i seguenti:

Al Contadino sotto le stelle
Gràcia ? c./ Saragossa 23 - Tel 93 418 9589

Antica Piada
Barceloneta

Els Napolitans
Eixamples c./ Diputacio 3 - Tel 93 539 3058

Enoteca d?Italia
Gràcia ? c. / Santa Magdalena 7 - Tel 93 368 2849

Gravin
Born - Rera Palau, Tel 93 268 4628

Il Vizietto
Sant Gervasi ? c./ Ganduxer 16 - Tel 93 414 3104

Inmortales
Sant Gervasi ? c. / Sagues 25 - Tel 93 202 3579

Sesamo
Raval c. / Sant Antoni abat 52 - Tel 93 441 6411

Specchio Magico
Gràcia ? c./ Luis Antunez 3 - Tel 93 415 3371

Tacabanda
Gràcia ? c./ Torrent de l?Olla 64 - Tel 93 210 4516

Xemei
Montjuïc - Passeig de l?Exposicio 5 - Tel 93 553 5140

Z'Alia
Gràcia - Carrer Torres 5 - Tel 93 210 3654

Saló Biocultura
Palau Sant Jordi
Barcellona
Dall?8 all?11 maggio 2008.
Web: http://www.biocultura.org

Si ricorda inoltre la partecipazione di Carlin Petrini, presidente di Slow Food International, al Saló Biocultura, in programma a Barcellona dall?8 all?11 maggio.
La manifestazione, nell?edizione d quest?anno, si occupa della lotta ai prodotti transgenici, all?egemonia delle grandi multinazionali dell?alimentazione e ai brevetti su prodotti naturali che da millenni sono patrimonio di tutta l?umanità.
La conferenza di Carlin Petrini su "Un altro ritmo di vita" è prevista per domenica 11 maggio e sarà seguita dall?intervento di Josep Pàmies, presidente di Slow Food Catalunya, sull?importante ruolo della Stelvia, pianta medicinale utilizzata nella cura del diabete, simbolo della lotta contro i brevetti e le esclusive delle grandi multinazionli farmaceutiche e dell?alimentazione.
 

Dones: Els camins de la llibertat

RF Web Ajuntament Bcn  2008-04-26 

cultura 

costumi 

"Dones: Els camins de la llibertat" (Donne. I sentieri della libertà)
Museu d'Història de Catalunya
Pl. de Pau Vila, 3 (Palau de Mar)
Barcelona

Il Museu d'Història de Catalunya rimemora in questa mostra, che raccoglie circa 300 oggetti originali, la lotta delle donne per le libertà e i diritti civili.
Attraverso cartelli, fotografie, libri, documenti e altri oggetti, l?esposizione ripercorre i momenti importanti del movimento femminista internazionale.
La parte centrale dell?istallazione è costituita dalla sezione "Feminismes a Catalunya"(Femministe in Catalogna), che ricorda il femminismo sociale e culturale che predominava a Barcellona all?inizio del XXº secolo. L?esposizione testimonia la lunga storia della conquista dei diritti delle donne, un ricco itinerario storico in chiave di protagonismo femminile, che oltre alla lotta per i diritti civili, ricorda l'atteggiamento critico delle donne verso le autorità politiche e religiose, la creazione di spazi di libertà per l?azione politica femminile.



 

Una vida a la Seat

RF Web Ajuntament Bcn  2008-04-26 

arte 

esposizioni 

"Una vida a la Seat" (Una vita alla Seat)
Biblioteca Francesc Candel
Carrer Amnistia Internacional 10
Sants-Montjuïc
Barcellona.

Una quarantina di fotografie del fondo Prieto-Rius, in esposizione presso la Biblioteca Francesc Candel, illustrano la vita di fabbrica alla Seat della Zona Franca di Bcn tra gli anni ?50 e la fine degli anni ?70.
Attraverso fotografie, documenti e oggetti quotidiani viene ricostruita la vita della famiglia Prieto-Rius in un luogo singolare come una grande fabbrica, alla periferia della città, circondata da campi e fattorie ora scomparse.
Le immagini sono state organizzate in cinque ambiti tematici: la famiglia, la fabbrica, l?immaginario, il desiderio e il tempo libero.
La famiglia fu testimone dela nascita della prima Seat 600, delle varie trasformazioni delle istallazioni, delle visite del generale Franco e dei primi scioperi.




 

Julio Ubiña, fotògraf

RF Web Palau Robert Bcn  2008-04-26 

arte 

esposizioni 

Julio Ubiña, fotògraf (1921 - 1988)
Palau Robert Barcellona
Dal 28 marzo al 25 maggio 2008

Fino al 25 maggio il Palau Robert dedica una personale al fotografo Julio Ubiña.
Dopo aver frequentato varie facoltà dell?Università di Barcellona (Diritto, Chimica, Ingegneria), Ubiña iniziò a dedicarsi alla fotografia alla fine degli anni '40.
Con la sua Leica MP-135, fedele compagna di viaggio, cominciò a collaborare con il gruppo di reporter della Gaceta Ilustrada e con la nota rivista Paris Match. Lavorò anche per le riviste Stern e Life, realizzando importanti reportage: Congo, Angola, Giordania, il viaggio di Paolo VI in Terra Santa.
Si interessò all'illustrazione di libri, collaborando spesso con Oriol Maspons: tra i titoli più significativi ricordiamo ?"Toreo de salón" di Cela; "Un poeta en Nueva York" di García Lorca e una guida di Barcellona.
Il suo spirito inquieto lo incoraggia a sperimentare nuove metodologie di lavoro fotografico: cambia l?immediatezza, la mancanza di tempo per pianificare la foto e la decisione dello scatto da prendere rapidamente, in pochi secondi, con la calma e la capacità di vedere la foto già risolta al momento dello scatto.
Attraverso la fotografia pubblicitaria scopre gli spot e i cortometraggi e inizia una prolifica attività di produzione che lo porta alla creazione di uno dei primi laboratori per fotografi professionisti a Barcellona.
Negli ultimi anni, ormai ritiratosi dalla professione attiva, non rinunciava alle sue passeggiate per la città, in compagnia della fedele Leica, in cui si dedicava a carpire ritratti tra la gente, con un impercettible clic. Da questa ricerca nasce la serie "espectres" (spettri).
 

Magnum. 10 seqüències

RF Web Cccb Bcn  2008-04-23 

arte 

esposizioni 

Magnum. 10 seqüències (sequenze)
Centre de Cultura Contemporània di Bcn
Dal 23 Aprile al 7 Settembre 2008

Il Centre de Cultura Contemporània (Cccb) di Barcellona presenta l?esposizione "Magnum. 10 seqüències". Il cinema nell?immaginario della fotografia, una mostra co-prodotta dalla Cinémathéque Française e dal Cccb di Bcn, con la collaborazione dell?agenzia Magnum.
Dieci fotografi dell?agenzia Magnum evocano l?influenza del cinema nel proprio immaginario. L?esposizione ha invitato questi fotografi, rappresentanti di diverse generazioni e varie correnti della fotografia, a produrre dieci lavori originali, in cui dimostrare come il cinema può infiltrarsi nel loro lavoro di percezione e rappresentazione dela realtà. Le opere, fotografie o istalazioni audiovisive, rivelano registi e film che hanno lasciato importanti tracce nel loro immaginario: passaggi, influenze, sovrapposizioni tra i due mondi.

I dieci fotografi e le rispettive fonti d?ispirazione:
Abbas / "Paisà" (1946) dI Roberto Rossellini
Antoine D?Agata, Bruce Gilden / Cinema noir americano
Harry Gruyaert / Michelangelo Antonioni
Gueorgui Pinkhassov / Andrei Tarkovski
Gilles Peress /"Repérages", di Alain Resnais
Mark Power /"Amator" (1979) di Krzysztof Kieslowski
Alec Soth /"En el curs del temps" (Im lauf der zeit, 1976) di Wim Wenders
Donovan Wylie /"Elephant" (1989) di Alan Clarke
Patrick Zachmann /Cinema di Shangai degli Trenta.
 

Dossier: ultime notizie Esposizione

Elisa Pellacani Ilde Associazione Artisti del Libro  2008-04-16 

cultura 

libri 

All'evento "un libro unico per San Jordi" sono arrivate oltre cinquanta adesioni di artisti provenienti dalle più diverse discipline e che nel libro e nella saga di Sant jordi trovan ispirazione per dar forma agli oggetti più diversi, oltre che di piccoli editori che combattono per una progettazione accurata o d'autore per le loro pubblicazioni. Il giorno di Sant Jordi sarà possibile trovare, in piazza San Just e nell'esposizione curata da Elisa Pellacani dal 24 al 3 di maggio presso il Pati Llimona, i libri più rari, dalle rose fatte con pagine di libro, agli esemplari unici con tecniche di stampa manuale, a libri tessili e illustrati; ci saranno libri-gioiello da portare e libri fatti a vestito, da indossare; accanto al monologo Angelo Scimia, che aprirà l'inaugurazione dell'esposizione il 24 alle 19.30,il gruppo Cocoliche presenterà il suo "Libro vivente di San Jordi". Tra gli artisti, provenienti da Europa e oltre: Rino Sorrentino, Cinta Sala, Ana Yael, Ugo Magnanti, Diego Bisso, Beatriz Concha Torres, Nuria Calavera Bitria, Lila Iranzo Kuartiella, Antonio Nemea, Vinka Grbc, Elisa Munso, Adriana Fabregas, Maria Diaz, Ana cardim, Clara Trucco, Sergio Crispello, Carmen Garcia Demora, Sofia Piqueras, Nani Tedeschi, Patricia Soto Avendaño, Sebas Outes, Morena Coppola, Teresa Pampalona, Marianna Rovere, Haizea Poza, Fabiola Matarazzo, Jordi Ferreiro, Eleonora Mattioli, Luna Cohen, Maria Ribera Salvador, Patricio Rago, Catalina Negri, Javier Bermudez Lopez, Lucia Sforza, Elisa Pellacani, Davide Baroni, Ariadna Goberna, Carolina Perez Guiu, Dina Caball Olivet, Bianca Damasceno, Ares Borràs, Sandra Figueras Valls, Maite Awad Lobato e il fotografo Elio Germani. Parteciperanno con i loro libri editati l'editorial Morsa, la Casa editrice Agra, Varuna, Consulta editore con la collana "plegaditos e caffè", e altre preziosità dal mondo libro, in parte selezionate dalla libreria Argot, di Castellón, e Loring Art, di Barcellona; entrambe unite dalla passione per il libro d'arte, illustrato, in tiratura limitata.

Dichiarazione di Eva Peña, coordinatrice dell'evento per il Pati Llimona.
"Estas iniciativas que estamos proponendo con la collaboración de la Asociación de artistas del libro "Ilde", con los cursos de proyectación y realización artesanal de libros, y en el día de Sant Jordi, la exposición de pequeñas ediciones, forman parte del interés de la colectividad por el texto y la imagen" dice Eva Peña, coordenadora de las activitats de dinamització del Centre Cívic Pati Llimona "elementos sobre los que trabajamos como centre cívic y que en el libro encuentran su ideal fusión, y permite el estudio y la práctica de técnicas creativas".

-Per l'occasione, l'associazione di artisti del libro inaugurerà il suo nuovo sito www.ilde.info, in cui sarà possibile trovare informazioni sulle attività e sbirciare tra i tesori custoditi nel magazzino di Ilde.
 

Belén Maya al Mercat de les Flors

Jorge Puértolas Marcén  2008-04-14 

musica 

artisti 

Recensione dello spettacolo
"Souvenir" di Belén Maya
Mercat de les Flors Barcellona
28 / 30 marzo 2008

"Souvenir" è uno spettacolo in cui Belén Maya dà mostra di tutta la bellezza del flamenco nel suo stato originale, ma non mancano i momenti in cui la danza tradizionale si apre alle influenze di altre danze moderne. Con una scenografia piuttosto semplice, Belén Maya e i suoi ballerini sono i veri protagonisti in scena e riescono a coinvolgere lo spettatore con la purezza dei loro movimenti, coadiuvati dalle voci flamenche di Rosario "La Tremendita" e Jesús Corbacho. Il set tocca l?anima di ogni spettatore presente in sala, dall?inizio alla fine.
L?opera si divide in due parti: la prima, molto più pura, se parliamo di flamenco tradizionale, mostra diverse scene che ricordano i piccoli "tablaos" dove il flamenco si sente nell?aria e dove la musica e il ballo diventano modo e forma viscerali di esprimere e tirare fuori tutti i sentimenti.
Un?atmosfera quasi mistica pervade palcoscenico dove i ballerini e i cantanti evocano senza neanche dire una parola, l?uso delle luci collabora a rendere possibile questa magia.
Belén Maya balla senza sosta e trasmette tutta la sua forza. Dopo ogni ballo, dopo che Maya ha trasmesso tutta la grinta possibile, il pubblico esplode e comincia a battere le palme delle mani, nel generoso tentativo di restituire un po? del calore che lei regala col cuore. A volte l?emozione e così forte che il battito ritmato delle palme non attende la fine dell?atto. È determinante risaltare l?uso coreografico del vestito flamenco, che Maya muove ad arte, con un?intensità paragonabile soltanto alla sua imponente presenza.
La seconda parte invece mescola il flamenco e musica elettronica e "Souvenirs" si trasforma: movimenti rotti, un narratore, abbigliamento più adatto alla danza contemporanea... L?opera prende un?altra strada senza perdere la passione e l?intensità che si respira dall?inizio. In circa 40 minuti si narra il rapporto tra un padre (già morto) e un figlio, collegando allo stesso tempo il titolo col filo discorsivo e riflettendo sulla influenza dei vari stili di oggi sulle danze più classiche.
Belén Maya. La "bailaora", figlia di due maestri, ha scritto pagine celebri del flamenco contemporaneo. Tra le sue interpretazioni più note ricordiamo quella nel film di Carlos Saura "Flamenco", dove rappresentava le nuove generazioni.
Maya ha fatto il giro del mondo dando prova del suo talento e ha collaborato con i più grandi coreografi e ballerini. Nel 2008 la tourné di questa Artista con la "A" maiuscola, ha toccato vari paesi tra i quali gli Stati Uniti, l?Inghilterra e la Germania, nei prossimi mesi sarà la volta di Francia, Marroco e Spagna.
 

Il supermercato dei sentimenti

Mariona Barrera  2008-04-13 

cultura 

libri 

Il supermercato dei sentimenti.

Piero era un uomo molto normale, con tutto quello che ?normale? comporta. Era un uomo di media età, né alto né basso, né grasso né magro. Era sposato con Nicoletta, la prima donna che aveva baciato, da 20 anni e avevano due ragazzi: Luca e Giulia. Abitavano in un appartamento non molto grande neanche molto piccolo in periferia. La loro vita era, semplicemente, normale.

Ogni mattina Piero si svegliava alla stessa ora, alle sei. Gli piaceva svegliarsi di prima mattina quando nella casa regnava la tranquillità e il silenzio. Così poteva fare colazione mentre leggeva il giornale. Un?ora dopo, cominciava la frenesia propria di ogni giorno: baruffe, corse, rumori di pentole...

Lui accompagnava i ragazzi a scuola. Di solito, prendevano il tram dove Piero poteva continuare a leggere un po? di più il giornale perché i ragazzi parlavano -bene, litigavano, sarebbe più esatto? tra loro. Dopo averli lasciati alla porta della scuola, continuava il suo tragitto fino al lavoro a piedi.

Faceva il contabile in un?azienda d?esportazione/importazione, situata in centro. Lì lavorava otto ore praticamente solo e soltanto aveva una pausa al giorno per pranzare. Di solito, pranzava con Tommaso, un collega molto diverso da lui, un po? testa calda e molto avventuriero, ma con il quale gli piaceva parlare, non sapeva molto bene perché.

Un venerdì, all?ora di pranzo, Tommaso gli propose:
-Ascolta Piero, perché non vieni con me questa sera all?uscita del lavoro? Voglio portarti a un posto che ho scoperto due settimane fa e che non posso levarmelo dalla testa.
-Dov?è?
-È in periferia e vedrai come ti piace. Non posso raccontartelo perché devi vederlo con i tuoi propri occhi.

Normalmente, Piero gli avrebbe detto di no, ma quel giorno curiosamente Nicoletta non sarebbe stata a casa perché doveva andare a una festa con i bambini da sua sorella e ogni volta che ci andavano, rincasavano molto tardi. Quindi, gli rispose:
-Va bene, ci troviamo alla porta alle sei e ci andiamo insieme.

Tommaso lo guardò un po? sorpreso, ma con un ampio sorriso che mostrava tutti i suoi bianchissimi denti.
-Non te ne pentirai!

Alle sei in punto partirono dal centro città, presero il tram e si diressero in periferia. Dopo qualche fermata, Tommaso gli fece un segno e con lo sguardo gli disse ?È qui?. Piero si rese conto che erano molto vicino a casa sua. Era la fermata seguente.

Un po? sospettoso, seguì Tommaso fino a l?entrata di un gran edificio che aveva un?insegna luminosa che diceva: ?Supermercato di sentimenti?. Rimase fermo, attonito, non sapeva cosa pensare. Dove lo aveva portato Tommaso? Era uno scherzo di cattivo gusto? E come mai non aveva visto quel cartello così grande e stridente da casa sua?

Prima di rendersi conto, Tommaso lo aveva già spinto all?interno. Era un solo spazio molto grande e molto ampio, con un mucchio di scaffali di metallo molto alti che contenevano milioni di flaconi di diversi volumi. Piero si sentiva perso, perfino un po? stordito. Continuava a non capire niente.

Tommaso si era perso in un corridoio, dunque Piero era da solo e non sapeva dove recarsi. Alla fine, si avvicinò a uno scaffale e lesse una delle etichette dei flaconi: Passione sfrenata. Sentì una stretta al cuore. Ne lesse ancora un?altra: Paternalismo. E un?altra: Paura...

Non poteva crederci. Quelli erano flaconi di sentimenti! Ce n?erano tantissimi, tutti disposti in ordine alfabetico. Era una cosa eccezionale, ma sconcertante. Chi vendeva quei sentimenti? Da dove li avevano presi? Quanto costavano?

In lontananza vide Tommaso che parlava in via amichevole con qualcuno. Si diresse verso lui per cercare di capire cos?era tutto quello.
-Non ti sembra incredibile? ?gli domandò Tommaso prima che Piero potesse dire niente.? Il primo giorno che sono venuto, non ho quasi dormito. Ma adesso che è la terza volta che ci sono venuto, mi sono abituato e ho già scelto qualche flacone. Tu cosa prendi?
-Ma Tommaso, mi puoi dire cos?è questo esattamente? Dove siamo e cosa fanno tutti questi flaconi qui.
-Non lo capisci Piero? È un supermercato di sentimenti. Qui si possono trovare tutti i sentimenti esistenti sulla faccia della Terra. Soltanto devi scoprire quello che ti manca di più e portartelo via. È il migliore regalo che ci avrebbero potuto fare. Approfitta dell?occasione.

Piero non poteva crederci. Quello era troppo per lui! Sconcertato e un po? spaventato, se ne andò senza dire niente al suo amico. Quella notte non dormì, come gli aveva detto Tommaso. Ma non solo fu quello. Da allora, ogni giorno quando tornava a casa dal lavoro, si fermava nella fermata seguente, passava davanti al supermercato di sentimenti, si fermava davanti alla porta, guardava l?insegna, osservava l?interno, ma non ci entrava mai. E così ogni giorno fino alla fine della sua vita.
 

Milo Manara al Saló del Còmic di Bcn

Sito Iic Bcn  2008-04-13 

cultura 

eventi 

26º Saló Internacional del Còmic de Barcelona
Fira de Barcelona
Palau n. 8
Plaça d?Espanya Bcn
Dal 17 al 20 aprile 2008.

Il Saló Internacional del Còmic de Barcelona (Ficomic) è ormai da anni un punto di riferimento per l?editoria del settore fumetto. Giunto alla sua ventiseiesima edizione, si propone quest?anno di analizzare l?influenza nell?immaginario collettivo raggiunta dall?arte del disegno su tavola, dimostrata dall?attenzione prestata negli ultimi anni da cinema, televisione e letteratura contemporanea.
Tra gli altri autori, all?edizione di quest?anno, saranno presenti gli italiani Milo Manara e Vittorio Giardino, due nomi assai apprezzati in ambito internazionale.
Di Milo Manara, i visitatori del salone avranno tra l?altro l?occasione di ammirare le splendide tavole originali della mostra "Manara-Fellini".
La fama di Milo Manara, le cui tavole originali sono diventate veri e propri oggetti di culto, ha superato da tempo i confini della nostra Penisola. Sono dell'inizio degli anni Settanta le prime storie a sfondo erotico e i lavori di militanza politica, in cui è evidente l?influenza di Hugo Pratt che Manara considera come uno dei suoi maestri più significativi. Su testo di Pratt disegna "Tutto ricominciò con un?estate indiana" pubblicato sulla rivista "Corto Maltese", opera che i critici del settore non esitano a considerare fra i capolavori del genere. Nelle tavole di Manara l?avventura e l?erotismo acquisiscono un ruolo sempre più preponderante, anche se l?artista non disdegna il filone della grande storia raccontata a fumetti: "Storia di Francia", pubblicata da Larousse e tre celebri episodi della "Storia d?Italia a fumetti" curata da Enzo Biagi.
Milo Manara ha inoltre collaborato registi quali: Federico Fellini, Alejandro Jodorowsky e Pedro Almodóvar.
Ricordiamo che l?Istituto Italiano di Cultura di Barcellona
organizza giovedì 17 aprile alle ore 19:30
un Incontro con Milo Manara.
Istituto Italiano di Cultura di Barcellona
Passatge Mendez Vigo 8
Barcellona.
 

Alessandro Baricco a Bcn

Sito Iic Bcn e sito Baricco  2008-04-13 

cultura 

libri 

Alessandro Baricco alla maratona di lettura di Sant Jordi
Istituto Italiano di Cultura di Barcellona
Passatge Mendez Vigo 8
Mercoledì 23 aprile 2008. Ore 11:00
Organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura di Barcellona
In collaborazione con la Casa degli Italiani ed il Liceo Scientifico Amaldi.

Come negli anni scorsi la Casa degli Italiani, l?Istituto Italiano di Cultura e il Liceo Amaldi di Barcellona organizzano una lettura per il 23 aprile, Sant Jordi (San Giorgio), giornata mondiale del libro e in Catalogna festa della rosa e del libro. Quest?anno il romanzo scelto per la tradizionale maratona di lettura è "Seta" del noto scrittore torinese Alessandro Baricco che sarà presente all?avvenimento.
La maratona inizierà alle ore 11:00

Alessandro Baricco (Torino, 25 gennaio 1958)
È tra i più noti esponenti della narrativa italiana contemporanea.
Durante gli anni novanta Baricco si afferma con i romanzi: "Castelli di rabbia" (1991), "Oceano mare" (1993), "Seta" (1996), "City" (1999), "Senza sangue" (2002). Nel 1994 esce "Novecento". Un monologo, da cui è stato tratto un lavoro teatrale (con Eugenio Allegri e la regia di Gabriele Vacis a partire dal 1994, e con Arnoldo Foà in un nuovo allestimento nel 2003) e un film, "La leggenda del pianista sull'oceano" di Giuseppe Tornatore. Per Feltrinelli pubblica due raccolte degli articoli scritti per la Stampa e Repubblica ("Barnum", del 1995, e "Barnum 2", del 1998). Nel 2002 pubblica Next (Feltrinelli), breve saggio sulla globalizzazione
Nel 2004 pubblica "Omero, Iliade" (Feltrinelli) un lavoro sulla traduzione di Maria Grazia Ciani dell'Iliade da cui Baricco trae un reading teatrale.
Nel 2005 passa dalla Rizzoli alla casa editrice Fandango di Domenico Procacci, con cui pubblica il romanzo "Questa storia".
Nel 2007 esce la trasposizione del romanzo "Seta" . Il film è prodotto da Domenico Procacci della Fandango e il regista è il canadese François Girard. Nel cast Michael Pitt e Keira Knightley. Baricco, al contrario del film di Tornatore, questa volta ha curato personalmente la sceneggiatura.
Lo scrittore è al momento alle prese con il suo primo film da regista, "Lezione 21", prodotto da Fandango Distribuzione con Rai Cinema. Cast internazionale per questa opera prima, tratta da un soggetto inedito dello stesso Baricco e che verrà girata in inglese: protagonista Noah Taylor insieme con John Hurt, Clive Russell e Leonor Watling
 

Parole in primavera

Nicoletta De Boni  2008-04-12 

cultura 

libri 

"L?uomo è abile nel dominare tutto ciò che può servirgli; ed è spesso bravo anche, ahimè, a mettere in scacco intorno a lui, per interessi materiali, la felicità. I giardini che costruisce sono belli; ma potrebbero esserlo molto di più. La gran parte delle volte egli saccheggia, sporca e infrange l?armonia (?) Se avesse più a cuore favorire la gioia altrui invece di sacrificarla per consolidare il suo impero, il volto del mondo potrebbe essere cambiato."
da "Primavera" di André Gide.

Un abitino nuovo, a fiori, per il giorno di festa, per il giorno di Pasqua e l?odore secco del cotone; i petali di quei fiori dentro il vimini e il velluto di quei petali a ricoprire i vicoli di un piccolo paese in fondo a una valle, nel giorno della domenica delle palme; il colore rosa.
Erano per me la primavera, quand?ero bambina.
Ora che ho un volto di donna, ora che la Pasqua è già frettolosamente e anticipatamente stata, la primavera è un cielo, senza sangue. Né Santi, né Morti, né Cristi. Nessuna buia tragedia. Solo un pulsante, bellissimo azzurro, su nel cielo.
Giocando a nascondino, in bilico tra visibile e invisibile, ha inizio una primavera. Il battito del cuore, la vita che è vita che non si vede. La vita di chi ha una vita che non si vede. Tutti i corpi di queste vite. E la loro pelle.
Oggi che è primavera, nella mia rubrica sotto la lettera B scrivo bocciolo, alla lettera C "cambiamento", e "corpo"; sotto la lettera D "desiderio".
E "foglie verdi" in F. L come "luce", M come "movimento", S come "speranza", U come "umore".
Era ancora l?alba quando alla radio l??Accademia della Lingua del Mondo? ha annunciato che sarà vietato, nel corso dei prossimi tre mesi, pena l?impiccagione, l?uso di B come bravi, "belli e brutti, buoni e bene", che si pronuncia con la e aperta, e poi C "cattivi" e D come "definitivo, dominio" e F come "fama fesso fine fuga" e G.
Come "guerra".
I, "immobilità, i, intelligente, ssssssssanti ppppppputtane". v, "vanità".
Infine "zeta", come "zitti", che si pronuncia con la z sorda.
Ma non è vero.
Nessuno di noi qui rispetta i divieti e si sa. Infatti stiamo tutti "bene", infatti siamo tutti "zitti" e pronti, ad andare alla "guerra".
Noi uomini ci siamo schierati; abbiamo occhi a mandorla e all?ingiù, alcuni all?infuori e altri all?indentro, quadrati tondi curvi, triangoli cerchi ellissi, simmetrici asimmetrici e strabici. Ma tutti, davvero tutti, abbiamo uno sguardo fermo, e leggero. Un leggerissimo sguardo. E precisissimi calcoli e sperimentate strategie militari, dentro il capo. E ci vediamo tutti "ben"issimo. E tutti abbiamo una divisa pulita e lucenti medaglie. Fierezza e onore per le guerre vinte e i successi ottenuti. Elogi elogi.
Anche i fiori sono già di fronte a noi. Hanno petali e pure gambi, e sono tutti "ben" piantati a terra. Viole, primule e anemoni bianche e anemoni gialle e bucaneve campanellini, margherite, mimose, iris. Tutti con dolci spalancati occhi di chi già sa, di vivere poco.
Caro Gide, anch?io nel mio sogno di primavera vedo un campo di battaglia senza macchie di sangue; vedo fiori che sanno correre, darsela a gambe levate, poi d?un tratto fermarsi e tornare indietro e con forza e astuzia "bene" difendersi; vedo soldati a terra, a pancia in su. Con gli occhi chiusi allegramente divincolano gli arti. Mi avvicino in punta di piedi perché questo è un sogno "bello" e li vedo con un gambo attorno al collo e un fiore al posto del viso! Respirano ancora, respirano meglio e il loro respiro profuma. Quei volti in fiore sorridono.
Ma non è vero.
La battaglia si è conclusa e fuori dal campo ci sono uomini che ripuliscono le loro divise e lucidano le loro medaglie; già affilano nuovamente le armi. E mangiano e bevono vino. Ridono e stremati dicono: "gli abbiamo dato una bella lezione di vita. A quegli stupidi fiori".
Poi in quel mio sogno di primavera arriva una bimba, che saltella in quel "bel" campo colorato di fiori; si ferma, ne sceglie uno e con bontà e cura ne strappa, ad uno ad uno, i petali.
Anche lei sorride, alza gli occhi, mi guarda e dice: m?ama.

Rimane sempre un po? d?inverno dentro una primavera. Pertanto sarà meglio diffidare del sole e del cielo terso e portare sempre con sé un golfino di cotone, a manica lunga.
Sta per arrivare l?estate, poi sarà l?autunno, e l?inverno. E se Dio vuole, di nuovo la primavera e ancora questo bellissimo sole...
 

Mercè Rodoreda. La mort de la innocència

Sito Palau Robert Bcn  2008-04-12 

cultura 

eventi 

?Mercè Rodoreda. La mort de la innocència?(La morte dell'innocenza)
Palau Robert di Barcellona
Curatrice: Marina Gustà.
Dal 26 marzo al 15 giugno 2008.

Il Palau Robert presenta un?esposizione dedicata all?opera della grande scrittrice catalana Mercè Rodoreda, nell?anno in cui ricorre il centenario della nascita dell?autrice de ?La piazza del Diamante?.
Nata a Barcellona il 10 ottobre del 1908, Mercè Rodoreda è considerata una delle massime esponenti della letteratura catalana del ?900. Tra i suoi romanzi più noti ricordiamo, oltre al citato ?La plaça del Diamant?(1962), che è considerato il suo capolavoro: ?Colpo di Luna e altri racconti ? (Vint-i-dos contes, 1958), ?La via delle Camelie? (El carrer de les camèlies, 1966), ?Il giardino sul mare? (Jardí vora el mar, 1967), ?Lo specchio rotto? (El Mirall Trencat, 1974), ?Quanta, quanta guerra... ? (Quanta, quanta guerra, 1980).
Nel 1980 riceve il premio d'onore della Letteratura Catalana e diventa socio onorario dell'Associazione di scrittori in lingua catalana.
Ammalata di cancro, muore a Girona nel 1983.
Nel 1998, in suo onore, è stato istituito il premio letterario Mercè Rodoreda.
L?esposizione ricrea l?atmosfera, il mondo complesso e peculiare dei romanzi della scrittrice e ha come denominatore comune la perdita dell?innocenza e il patto con la vita e con la morte che ne deriva.
La mostra è divisa in quattro sezioni, recanti il titolo di altrettanti romanzi della Rodoreda: ?La plaça del Diamant?, ?Mirall trencat?, ?La mort i la primavera? e ?Quanta, quanta guerra?.
Materiale audiovisivo, musiche e letture diffondono i testi della scrittrice.
L?esposizione del Palau Robert fa parte degli atti dell?"Anno Rodoreda", un?iniziativa della Generalitat de Catalunya in collaborazione con la Fundació Mercè Rodoreda (Institut d?Estudis Catalans),la Institució de la Lletres Catalanes e l?Institut Ramon Llull.
 

Els bombardejos de març de l'any 1938 a Barcelona

Sito Agenzia EFE  2008-04-12 

arte 

esposizioni 

"Refugi, quan el refugi és el subsòl" (Rifugio, quando il rifugio è il sottosuolo).
Metropolitana di Barcellona, Stazione Universitat della Linea 2.
Dal 15 marzo al 30 aprile 2008.

Tra le 22.08 del 16 e le 15.19 del 18 marzo del 1938 la città di Barcellona subì i più tremendi bombardamenti della sua storia. Un inferno che durò 41 ore, in cui si susseguirono 12 attacchi massicci, a intervalli di 3 ore, vennero lanciate 44 tonnellate di bombe. Fu il primo bombardamento sulla popolazione civile della storia dell?aviazione militare.
Le ricostruzioni storiche, condizionate dalla vittoria del fronte franchista e dalla politica di memoria selettiva del regime, hanno finora impedito di far luce sulle responsabilità di quei bombardamenti.
Le autorità franchiste ribadirono in varie occasioni che gli attacchi contro la città erano diretti a obiettivi militari e non civili e che in realtà fu il comando italiano, sotto gli ordini diretti di Mussolini, a decidere di portare a termine questo nuovo genere di operazioni, senza comunicare tale intenzione alle autorità franchiste. Fu Franco a ordinare di sospendere gli attacchi aerei, dimostrando così di avere l?autorità per decidere la sorte degli abitanti di Barcellona.
Per ricordare quei tragici giorni, la Generalitat de Catalunya presenta l'esposizione "Refugi, quan el refugi és el subsòl" (Rifugio, quando il rifugio è il sottosuolo), allestita presso la stazione Universitat della Linea 2 della metropolitana di Barcellona.
Viene riprodotta una una stazione della metropolitana degli anni '30 adibita a rifugio anti aereo sotterraneo. Un pannello ricorda i nomi delle vittime dei bombardamenti che furono 700 e intorno, sparse per il pavimento, sono incollate varie prime pagine dei giornali di quel marzo del 1938 che riportarono le notizie sui bombardamenti: foto di morti e feriti, di macerie che testimoniano il terrore degli abitanti della città.
Vi sono anche alcuni schermi che riproducono le immagini delle guerre che seguirono alla Guerra Civile spagnola, la Seconda Guerra Mondiale, la guerra del Golfo, in cui sono stati effettuati bombardamenti su popolazione civile.

Documenti:

Telegramma trasmesso da Roma con l'ordine di avviare i bombardamenti di marzo 1938. Archivio Militare dell'Areonautica Italiana, Roma.

http://www.barcelonabombardejada.cat/files/tele1.swf

Telegramma trasmesso da Logronyo con l'ordine di concludere i bombardamenti di marzo 1938. Archivio Militare dell'Areonautica Italiana, Roma.

http://www.barcelonabombardejada.cat/files/tele3.swf
 

Resistents. La cultura com a defensa

Sito Museu d'Història de Catalunya  2008-04-12 

arte 

esposizioni 

"Resistents La cultura com a defensa"(Resistenti. La cultura come difesa)
Fotografie di Pilar Aymerich
Museu d'Història de Catalunya
Dal 1º aprile al 1º giugno 2008.

L'esposizione "Resistents La cultura com a defensa" (Resistenti. La cultura come difesa), basata sulle immagini della fotografa barcellonese Pilar Aymerich, è la nuova proposta del Museu d'Història de Catalunya, per ricordare e scoprire la resistenza culturale alla dittadura franchista.
Si tratta di un percorso storico attraverso sessanta ritratti di creatori, artisti, pensatori, intellettuali e scrittori che hanno guidato la resistenza culturale, durante gli anni della Guerra Civile e dell?esilio e, per coloro che sono rimasti, durante i terribili anni della repressione franchista e il dopoguerra.
Il Museu d'Història de Catalunya presenta inoltre in questi giorni la mostra ?Les presons de Franco? (Le prigioni di Franco), sui centri penitenziari del regime franchista. Vi sono rappresentati la vita in prigione e il regime carcerario, le prigioni femminili, i processi, i cancellieri e le famiglie dei detenuti. Un percorso nella vita di tutti coloro che hanno subito e sofferto la mancanza di libertà e il trattamento vessatorio per diferdere le difendere le proprie idee.
 

Libros de artistas en el día de Sant Jordi

Elisa Pellacani  2008-04-01 

cultura 

libri 

Libros de artistas en el día de Sant Jordi.
Exposición en la calle y en el Centre Cívic Pati Llimona,
Invitación a participar!
Organizado por "Ilde", Asociación de Artistas del Libro.

El 23 de Abril, día de Sant Jordi, de los libros y las rosas, organizar en la calle un espacio donde se puedan encontrar libros ilustrados, objetos, pequeñas producciones relacionadas con el mundo de los libros, será nuestra forma de participación, de encuentro e intercambio.
Invitamos a los que quieran exponer su obra y sus libros con nosotros, en una calle del centro de Barcelona, a enviar sus adhesiones antes del día 13 de abril a esta dirección de correo electrónico epellacani@yahoo.it, indicando las obras que se quieren presentar y si se quiere ponerlas a la venta (en este caso incluir el precio)
Las obras tendrán que llegar a Barcelona, en la sede de nuestra asociación, durante el fin de semana del 19 y 20 de abril; los gastos de envío a cargo de los participantes y la asociación se reserva el derecho de admisión y selección de los trabajos.
En la semana siguiente al día de Sant Jordi, una selección de las obras presentadas en la calle se va a exponer en el Centre Cívic Pati Llimona.
Esperando vuetras adhesiones a nuestra lucha contra el tremendo dragón, y que rápidos como la flecha dorada podríais confirmar vuestra participación,

Elisa Pellacani
epellacani@yahoo.it
Ilde Asociación de Artistas del Libro
Barcelona

Il 23 di aprile, giorno dedicato a San Giorgio, ai libri e le rose, aprire uno spazio nella via pubblica dove sia possibile trovare libri illustrati, oggetti, piccole produzioni dedicate al mondo dei libri, sarà il nostro modo di partecipare alla festa: creando un luogo di incontro e di scambio.
Invitiamo tutti coloro che desiderano esporre le proprie opere e/o libri, di farlo con noi, in un luogo di passaggio del centro di Barcelona, inviando l?adesione entro il giorno 13 di aprile a questo indirizzo, indicando la quantità di materiale che si ha intenzione di presentare (precisare se si intende metterlo in vendita, in questo caso includere il prezzo).
Le opere dovranno arrivare a Barcelona, nella sede della nostra associazione, durante e non oltre il fine settimana del 19 e 20 di aprile; le spese postali sono a carico dei partecipanti mentre la associazione si riserva il diritto di ammissione e selezione dei lavori.
Per tutta la settimana seguente al giorno di San Jordi, una selezione delle opere presentate sarà esposta nel Centre Cívic Pati Llimona diu Barcellona.
Felicitandoci se vorrete unirvi alla nostra lotta contro il terribile drago, e se rapidi come la freccia dorata potrete confermarci vostra partecipazione.

Elisa Pellacani
epellacani@yahoo.it
Ilde Associazione di Artisti del Libro
Barcellona

Hola! Además de la invitación a participar en la parada-exposición de libros para la semana de San Jordi, os quiero comunicar que durante toda esta semana (hasta el 4 de Abril) están abiertas las inscripciones a los talleres del Centre Cívic Pati Llimona. Entre otras, hay plazas para el curso sobre los libros de artista que voy a tener personalmente: el jueves, de 19.30 a 21.30h, para un total de 18 horas (primera clase el día 17 de Abril).
El precio del curso es de 50 euros.
Informaciones y inscripciones: Pati Llimona, c/ Regomir, 3, tel. 93 2684700.
Taller creado especialmente para escritores, ilustradores, fotógrafos y creativos que quieran realizar un libro único y personal, a través de técnicas de encuadernación, prácticas de caligrafía, impresiones manuales, viejas técnicas de reproducción fotográfica y lo que puede servir para el desarrollo del proyecto personal de un libro.

Esperando sea la ocasión para encontrarnos en páginas aún
no escritas y nuevos pequeños sueños en forma de libro,
 

El Romànic i la Mediterrània

Web Ajuntament Bcn  2008-03-31 

arte 

esposizioni 

"El Romànic i la Mediterrània. Catalunya, Toulouse i Pisa (1120 - 1180)"
Museu Nacional d'Art de Catalunya (Mnac)
Carrer Mirador Palau Nacional, 6
Sants-Montjuïc
Dal 29 febbraio al 18 maggio 2008.

Con questa esposizione il Museu Nacional d'Art de Catalunya (Mnac) si propone la riscoperta del risorgere degli edifici monumentali che ebbe luogo durante XIIº secolo nei paesi del Mediterraneo occidentale.
Durante questo periodo, i sarcofagi e gli archi onorifici romani ispirarono gli artisti romanici, dal denominato Mestre de Cabestany fino agli scultori del portale di Ripoll.
Questo risveglio venne determinato dal processo di affermazione politica ed espansionistica dell'epoca di Ramon Berenguer IV, che mise in contatto le contee catalane con Tolosa e con Pisa.
L'esposizione presenta un'importante selezione di opere, alcune delle quali esposte per la prima volta in Catalogna: si possono infatti ammirare oltre alle sculture, pitture su tavole e intagli.
Uno degli aspetti più interessanti della mostra "El Romànic i la Mediterrània" è la ricostruzione virtuale del portale di Ripoll, un progetto tra i primi in questo campo realizzato dall?Universitat Politècnica de Catalunya, che presenta, in una versione inedita, una delle opere emblematiche di questo periodo.

Conferenze.

Dalla fine di marzo al 7 maggio il Mnac organizza vari cicli di conferenze al margine della mostra a cui interverranno noti esperti internazionali sull?Occidente mediterraneo del XIIº secolo, tra i quali: Mariagiulia Burresi (Museo Nazionale San Matteo), Daniel Cazes (Musée Saint-Raymond), Immaculada Lorés (Universitat de Lleida) e Quitterie Cazes (Université de Paris).
 

Lezione Zero: Il marconista

Lourdes Ribas  2008-03-29 

cultura 

linguistica 

Lezione Zero.

Presentiamo "Io facevo il marconista sul Titanic", testo scritto da Lourdes Ribas, studentessa dell?ultimo anno del corso di italiano dell?Istituto Italiano di Cultura di Barcellona.
Nel prossimo numero di www.bcn-it.com, presenteremo un secondo testo, anche questo selezionato tra i molti scritti nell?ultimo quadrimestre e riportato sul blog: www.lezionezero.splinder.com.

Paolo Gravela.


Io facevo il marconista sul Titanic.

Ho viaggiato molto nella mia vita. Ho attraversato mari ed oceani, da nord a sud. Dall?America all?Europa, dall?Africa all?Asia conosco quasi tutti i porti ed ho visitato le grandi città di notte, quando c?è vita. Per vent?anni ho fatto il marconista su grandi navi che imbarcavano gente, povera o ricca, ma tutti con lo stesso sogno, con la stessa speranza: andarsene lontanissimo per cominciare una nuova vita. Nessuno sapeva che ciò è impossibile. Per fortuna l?ho imparato da giovane. Era il 1912 e facevo il marconista. Ho dovuto fare i bagagli di corsa perché mi avevano detto il giorno prima di partire da Londra che il mio collega marconista si era ammalato. Prima di imbarcarmi su quella nave, di cui si diceva che era la più grande, la più forte, la più coraggiosa del mondo ?ed anche la più arrogante, secondo me? avevo detto a mia moglie che non mi piaceva. Titanic si chiamava. Tutti la trovavano bellissima ma per me era volgare. Ho sempre preferito le navi ?come le donne? più discrete, più sobrie, più eleganti, ma con quell?eleganza e quella bellezza che si scopre piano piano e che non tutti possono vedere, soprattutto coloro che si lasciano abbagliare da ?false luci?, come diceva il signor Vogel.

Il signor Vogel l?ho conosciuto a bordo. Lui faceva il medico ma era un filosofo. Gli piaceva fumare un sigaro ogni notte, mentre guardava la luna ed il mare, e chiacchierare con me, che lo ascoltavo e non dicevo niente. Infatti non potevo dire niente perché non lo capivo bene. Ho soltanto capito una cosa e questa l?ho capita dopo: nessuno può cambiare il suo destino sebbene se ne vada lontanissimo. Prima di imbarcarsi il signor Vogel si era innamorato. Lei era una brava ragazza di Amburgo ma ?accidenti!? suo non aveva intenzione di sposare sua figlia con un medico.
Il signor Vogel era come quel ragazzo di terza classe, quell?irlandese che credeva di poter ingannare la propria fortuna. E lei, la ragazza di prima classe con il cappello più ridicolo del mondo, era davvero bella, un angelo, con quella voce dolcissima che pareva sfiorare l?aria. Loro si baciavano sotto la luna e sembrava che le fiorisse un sbocciasse un sorriso sul viso d?argento. Perfino io ho pensato per un attimo che forse si sarebbe potuto ingannare il destino. Ma l?iceberg ha fatto un bel lavoro. Il signor Vogel ed il ragazzo irlandese sono morti. E io, il marconista, mi sono salvato e nonostante i piedi congelati ho fatto il marconista per altri dieci anni.

Lourdes Ribas
 

Dispositius per a l?acció

Sito Ufficiale Macba Bcn  2008-03-29 

arte 

esposizioni 

Dispositius per a l?acció. (Dispositivi per l?azione)
Nomeda e Gediminas Urbonas
Museu d?Art Contemporani de Barcelona (Macba)
Curatore: Bartomeu Marí
Dal 14 marzo 2008 al 15 giugno 2008.

L'opera di Nomeda e Gediminas Urbonas ? nati in Lituania rispettivamente nel 1968 e nel 1966 ? si sviluppa in progetti che analizzano i conflitti e le contraddizioni creati dalla nuova realtà economica, sociale e politica dei paesi fino a pochi anni fa legati all?ex-Unione Sovietica nell?ambito del quotidiano, della gestione degli spazi pubblici e del concetto di nazione.
L?esposizione presenta cinque istallazioni che raccolgono il lavoro degli ultimi otto anni: Transaction (2000-2004), Ruta Remake (2002-2004), Druzba (2003 - in corso), Pro-test Lab (2005 ? in corso) e Villa Lituania (2007).
Nell?opera di Nomeda e Gediminas Urbonas ogni progetto nasce e si sviluppa come un processo che implica la collaborazione di collettivi o specialisti di altre discipline, quali la musica, l?architettura o la psichiatria. Tale metodologia determina l?assenza di uno stile unitario o riconoscibile, che è una delle caratteristiche formali dell?opera, come l?introduzione di archivi cinematografici, in uno o vari momenti del processo, che evidenziano la costruzione dei modelli di controllo di una società.
 

Buone intenzioni

Lino Graz  2008-03-16 

cultura 

libri 

Lui le disse: costruirò un giardino incantato. Con un cortile al sole dell?estate. Con una finestra illuminata dalla luna. Un giardino di limoni e rosmarino, timo e prezzemolo, basilico ed erba medica. Un mandorlo, un carrubo, una forsizia, una rosa rampicante. Una magnolia, un ulivo, un papavero.
Lei gli disse: costruirò un giardino incantato. Con un praticello di quadrifogli. Con un orto di pomodori e zucchini. Appenderò sulla porta la mano di Fatima e l?immagine della Vergine Maria, in modo che restino fuori. Aprirò il mio giardino ai fuggiaschi a agli sfrattati.
Lui le disse: imparerò a tirar di scherma per difendere il mio giardino da cinici e malintenzionati. Farò corsi di giardinaggio. Farò corsi di calligrafia. Aprirò il mio giardino a vecchi e a mentecatti.
Lei gli disse: costruirò un giardino incantato, Rimarrò seduta all'ombra d?estate e offrirò tè e caffè ai passanti. Riempirò il giardino di bambini e li lascerò giocare senza disturbarli.
Lui le disse: costruirò un giardino incantato, prenderò il rastrello e strapperò le erbacce. Chiuderò a calce le crepe dei muri. Inciderò versi sugli archi della porta e sul pozzo. Una fontana innaffierà le piante e le parole. Manderò i bambini al mercato a vendere pomodori e zucchini in cambio di carne, uova e formaggi.
Lei gli disse: costruirò un giardino incantato, insegnerò ai bambini a leggere e scrivere. Insegnerò ai vecchi e ai mentecatti, ai fuggiaschi e agli sfrattati. Insegnerò agli adulti a leggere e scrivere.
Non in franchising.

C'è un popolo delle isole del sud che tramanda le proprie tradizioni tracciando segni sulla sabbia spazzata dal vento.

(Buone intenzioni era il titolo di uno spettacolo teatrale di Roger Bernat di alcuni anni fa)

Barcellona 2008
 

Els Jardiners d?Amon

Web Museu Egipci de Barcelona  2008-03-13 

arte 

esposizioni 

Sarcòfags de l?antic Egipte.
Jardiners d?Amon a la Vall de les Reines.
Fundació Arqueològica Clos
Museu Egipci de Barcelona
Carrer València, 284
Tel.: (34) 93 488 01 88
Del 13 de març al 30 de setembre de 2008.

Un Descobriment extraordinari.
L?any 1903 es va produir un descobriment extraordinari a la Vall de les Reines: dues tombes ricament decorades, repletes de sarcòfags i mòmies. Es tractava de les tombes dels prínceps Khaemuaset i Setherjepeshef, fills del faraó Ramsès III (dinastia XX). Aquesta troballa fou possible gràcies a la Missió italiana dirigida per l?arqueòleg Ernesto Schiaparelli. Ambdues tombes havien estat construïdes cap a 1170 aC, saquejades en el decurs dels tres segles següents, i reutilitzades com a cementiri col·lectiu a partir de l?any 800 aC. Es pogueren recuperar 17 sarcòfags complets i 25 caixes, tapes i fragments de sarcòfag. Tanmateix, s?ha pogut documentar que alguns d?ells vàren pertànyer a una família de jardiners que assoliren el càrrec de ?Cultivadors de lotus del temple d?Amon?, ja que al recinte sagrat de Karnak s?hi cultivava aquesta flor amb la finalitat d?emprar-la per a retre culte a la divinitat. A excepció de sis sarcòfags sencers, la resta foren dipositats al Museu Egipci de Torí, del qual Schiaparelli n?era conservador. Una part significativa d?aquest impressionant conjunt s?exhibeix, per primera vegada, al Museu Egipci de Barcelona.
 

Post-it City

Rob Fen Web Cccb Barcelona  2008-03-13 

arte 

esposizioni 

"Post-it City. Ciutats ocasionals".
Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona
Curatori: Martí Peran, Filippo Poli, Giovanni La Varra, Federico Zanfi
Dal 12 marzo al 25 maggio 2008.

"Post-it City" è la città delle trasformazioni temporanee, autopromosse, non preordinate che, come i foglietti gialli che usiamo quotidianamente, compaiono e scompaiono nelle nostre città, senza lasciare traccia.
"Post-it City" è una mostra promossa dal Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona, ideata e curata da Giovanni La Varra, Martí Perán, Filippo Poli e Federico Zanfi e raccoglie ricerche, immagini e mappe che testimoniano una modalità particolare di cambiamento dello spazio urbano, una modalità temporanea, errante, improvvisa, occasionale.
"Ciutats ocasionals" tenta di esplorare le multiple e possibili varianti, fornendo parecchio materiale per la riflessione: l?utilizzo della città "in costruzione", determinati aspetti del fenomeno "okupa", l?impiego temporaneo di alcuni terreni per raduni e ritrovi occasionali ? un campo zingari, una festa rave ?, la trasformazione della città universitaria diurna in una zona di transizione sessuale durante la notte?
Il progetto, per l?insieme di parametri che mette in gioco, sfocia in una serie di argomenti di grande interesse per la cultura contemporanea: la necessità di creare spazi disponibili, la versatilità dell?idea di riciclaggio, le nuove emergenze soggettive.
L?esposizione fa parte del progetto omonimo organizzato dal Cccb di Bcn e il Centre d'Art Santa Mònica ed è diretto Martí Perán.
Tra gli artisti e i ricercatori che hanno proposto i loro lavori ricordiamo: Husseyin Alptekin, Alexander Apostol, Marina Ballo, Francisca Benitez, Kenny Cupers, Matteo Ghidoni, Hariklia Hari, Sandi Hilal, Francesco Jodice, Miki
Krastman, Charlie Koolhaas, Armin Linke, Ilaria Mazzoleni, Daniele Pario Perra, Alessandro Petti, Tadej Pogacar, Martha Read, Isabella Sassi, Sophie Thorsen, Katarzyna Teodorczuk, Roberto Zancan, Veronica Zapletalova.
 

100 anys del Palau

Rob Fen Web Caixa Fórum Bcn  2008-03-13 

arte 

esposizioni 

"1908 ? 2008: 100 anys del Palau".
Caixa Fórum Barcelona
Av. Marquès de Comillas, 6-8
Dal 20 febbraio al 25 maggio 2008.

Con l?esposizione ?1908 ? 2008: 100 anys del Palau?, CaixaForum rende omaggio al Palau de la Música Catalana, nell?anno del centenario dell?importante istituzione barcellonese. Si tratta di un percorso nella storia attraverso immagini e suoni che presentano apetti del Palau che vanno al di là dello splendore architettonico dell?edificio e ne sottolineano l?impegno sociale e la proiezione moderna ed internazionale.
La mostra raccoglie inolte le testimonianze di coloro che hanno partecipato allo spirito universale del Palau, dando il loro contributo alla causa della musica e della cultura.
Inaugurato il 9 febbraio 1908, il Palau de la Música Catalana è una delle sale da concerto più singolari del mondo. Costruito tra il 1905 e il 1908 dall?architetto Lluís Domènech i Montaner, il Palau è senza dubbio uno degli edifici più rappresentativi del Modernismo e uno dei simboli della cultura catalana. La sua creazione fu possibile grazie al supporto della società civile per accogliere la sede dell?Orfeó Català.
Il Palau è stato il palcoscenico su cui si sono esibiti i grandi protagonisti della cultura musicale universale: da Pau Casals, Richard Strauss con l?Orchestra Filarmonica di Berlino, Yehudi Menuhin, Alfredo Kraus o Herbert von Karajan, ai grandi nomi del panorama musicale attuale: Montserrat Caballé, Daniel Barenboim, Josep Carreras, Plácido Domingo, Ainhoa Arteta, tra gli altri.
Il Palau è stato inoltre teatro di storiche prime, come il Concerto di Manuel de Falla, nel 1926, sotto la battuta del compositore o il Concerto di Aranjuez di Joaquín Rodrigo, nel 1940. Senza scordare le manifestazioni teatrali o dedicate a vari generi musicali, che hanno portato a Barcellona personaggi del calibro di Vittorio Gassman e Woody Allen o l?epico concerto di Camarón de la Isla.
 

Zhù Yì!

Jorge Puértolas Marcén  2008-03-03 

arte 

esposizioni 

Zhù Yì!
Palau de la Virreina
Dal 20 febbraio al 25 marzo 2008

Cina è il paese più popolato del mondo e uno dei più estesi in superficie, ma è sempre stato poco conosciuto nel mondo occidentale. Negli ultimi decenni, le trasformazioni sociali, i movimenti migratori, il forte sviluppo economico, hanno fatto aumentare l?interesse per il gigante asiatico. Inoltre quest?anno in Cina si svolgeranno i Giochi Olimpici, che rappresentano un serio banco di prova per la Cina come sistema politico e capacità organizzativa. Senza contare le libertà personali e collettive, punti ancora dolenti nell'ambito della vita democratica del paese.
?Zhù Yi!?, che in italiano significa ?attenzione!?, raccoglie le opere di 31 artisiti cinesi nati dopo 1960. La mostra, in oltre cento fotografie, espone la realtà della società cinese nelle città; anche se dobbiamo pensare che i cinesi quando parlano di una città piccola, parlano di due milioni di abitanti. Il percorso espositivo, tra le stanze del palazzo, presenta le opere in cinque sezioni: la storia immemore, l?identità, l?individuo nel suo ambiente, lo sviluppo economico, la natura e la nuova società di consumo.
Inoltre la mostra è completata da un video in cui gli artisti spiegano la propria attività.
"La cultura è come una barca che va controcorrente, se non avanza sta retrocedendo" questa è una delle frasi che si possono trovare in due punti chiave dell?esposizione e che fanno ne fanno intendere le caratteristiche. Nella prima stanza e nel corridoio, più o meno a metà del percorso, non ci sono fotografie, ma soltanto frasi, detti, motti, frammenti di discorsi oppure storie della mitologia cinese; che permettono di approfondire la riflessione.
In generale la mostra parla di una società che si trova in un momento d?incertezza, una società che sta cambiando e dove c?è un grosso confronto fra la storia, le tradizioni e le influenze occidentali e, addirittura, classiche (c?è un riferimento ai marmi del partenone di Atene).
Le fotografie di Miao Xiaochun combinano tutti questi elementi alla perfezione, definendo la figura dell'uomo, che ben potrebbe rappresentare il concetto di "storia", in atmosfere attuali dove si può osservare la velocità dei cambiamenti in Cina e le curiose combinazioni che questi generano.
Per ultimo vorrei citare una foto che rappresenta in un modo sublime il cambio del ruolo della donna. "Dancer Series" di Zeng Yicheng, è come un audiovisivo che descrive l?evoluzione attraverso la storia, in modo molto evocativo che non lascia indifferenti.
La mostra fa riflettere su interrogativi primordiali, di difficile responso: da dove veniamo? Dove siamo? E dove andiamo?
 

Só-Ló Bar

Roberto Fenocchio  2008-03-03 

vivere 

bere 

Locali italiani a Barcellona.
Il Poble Sec.

Só-Ló Bar
Di Cosimo Tacinelli
Carrer Margarit 18
Poble Sec
Barcelona
Tel. : (00 34) 93 329 76 18
E-mail: cosimotac@hotmail.com

Cosimo Tacinelli di Longastrino, dove iniziano le Valli di Comacchio, a metà strada tra Argenta (Ferrara) e Alfonsine (Ravenna). Fin da giovane si dedica alla ristorazione sulla riviera adriatica (Cattolica, Riccione), i primi anni, poi passa a Bologna, Caorle, Milano. A questo punto decide di fare esperienza all?estero e sceglie Parigi (noblesse oblige?), dove lavora per parecchio tempo e quindi Barcellona, da circa 5 anni la sua nuova città. Nella primavera del 2007 trova il locale adatto per aprire un bar: in carrer Margarit, la zona è il Poble Sec, nei pressi della nota pizzeria Bella Napoli.
In effetti il Só-Ló Bar ricorda gli immensi bar della Bassa: è spazioso, luminoso e grande quanto basta da poter ospitare vari ambienti. C?è un grande schermo e un piccolo palco per i concertini dal vivo. L?arredamento è sobrio, con pareti pensate e illuminate per accogliere dipinti e quant?altro d?artistico si voglia proporre. Ci sono grandi tavoli e tavolini, sofà(s) e un?accogliente e lunga ?barra?(bancone), con tante alcooliche tentazioni in bella mostra.
Per quanto riguarda la ?poetica? del Só-Ló, è Cosimo "in person" a illuminarci:
"il Só-Ló si spiega quasi totalmente nel suo slogan: un altro bar è possibile!....
In due parole: è un bar, un bar normale con un potenziale enorme.
Si può mangiare, bere, ubriacarsi, cercare relazioni, scrivere, esporre quadri, ascoltar musica, guardare una partita, ecc.. in un bar, potenzialmente, si può far di tutto... per questo il Só-Ló è aperto a tutte (quasi) le attività che si possano svolgere in un bar a condizione che siano legali (ovviamente), sostenibili e rispettose verso le altre persone e che nessuna di queste cose prenda il sopravvento sul concetto di "Bar"..."
Queste le proposte: "Musica (live e non live), soprattutto world music e fusioni dei vari continenti (con predilezione per Africa, America Latina ed Europa mediterranea), ma anche intermezzi comici, rock progressivo, salsa dura, trobadores, musica classica e new age. Attività ludico-culturali in genere... concerti, caffè-teatro, rugby, un po´di calcio, expo, mercatino, rassegne cinematografiche, video, serate a tema, ecc."
Passiamo agli alcoolici: "Rhum: possiamo azzardarci e definire il Só-Ló Bar anche una ronteca, anche se sembra un po? pretenzioso... comunque ci sono circa 60 rhum a disposizione e, meraviglia delle meraviglie, "non" c'è rhum bacardí!!!... così come non ci sono prodotti della Coca Cola Company (il Bacardi ne è uno), Nestlé, Danone, Red Bull, Damm... sicuramente ci saranno altri prodotti di multinazionali al Só-Ló, ma almeno questi no...Tanto per ricordare che un altro bar è possibile..."
"Birre: circa 15-20 tipi di birra, non sempre le migliori del mondo, però di varia provenienza e alcune poco conosciute sul mercato europeo..."
"Piccole specialità: il succo di zenzero fresco, i succhi naturali (non ci sono succhi di frutta in bottiglia), le infusioni, i rhum macerati..."

Consultare il programma di attività e concerti del Só-Ló Bar cliccando dossier.
 

Amas de casa

Patrick Subirats Hofer  2008-03-03 

arte 

esposizioni 

"Amas de casa"
Exposició de dibuixos eròtics de Patrick Subirats Hofer
Bar Gal.leria "El Nus"
Carrer Mirallers, 5
Born - Barcelona
Dal 6 al 31 de març de 2008.

El proper dijous 6 de març, s?inaugura al bar gal.leria d?art "El Nus" situat al barri del Born de Barcelona (c/ Mirallers, 5), l?exposició de dibuixos eròtics "Amas de casa" del jove pintor barceloní Patrick Subirats Hofer (1974).
L?exposició consisteix en una sèrie de dibuixos de nus femenins, que han estat realitzats emprant fotografies de dones desconegudes trobades a la xarxa. Son fotografies fetes en l?intimitat de casa i sovint per la seva parella, és a dir, són totalment amateurs. Això dóna als dibuixos cert aire de moment íntim, fent que l?espectador se senti com un "voyeur". Els dibuixos están realitzats únicament a llàpis amb molt poc color, resaltant molt el contrast entre el blanc i el negre. Aquest fet atorga als dibuixos sobrietat i destaca la elegància de les postures provocadores i constantment suggerents, però amb certa timidesa de les dones fotografiades.
Finalment el fet de no dibuixar les cares de les dones, mantenint el seu anonimat, acaba donant als dibuixos cert punt de misteri.
L?exposició es podrà veure durant tot el mes de març.
 

Vermell a part

Web Fundació Miró Bcn  2008-02-26 

arte 

esposizioni 

"Vermell a part" (Rosso a parte)
Arte Contemporanea cinese dalla Collezione Sigg.
Fundació Joan Miró Barcellona
Dal 21 febbraio al 25 maggio 2008.

Con l?esposizione "Vermell a part" (Rosso a parte)la Fundació Joan Miró offre un ampio panorama dell?arte cinese più recente, opere provenienti dal fondo della collezione di arte cinese contemporanea più completa al mondo, curata da Uli e Rita Sigg. Si tratta di opere di vari stili e di artisti di particolare rilevanza, dall?epoca del Realismo Socialista ai giorni nostri. L?esposizione si divide in sei grandi sezioni che illustrano i fenomeni sociali e politici che hanno segnato l?arte cinese contemporanea e presentano opere di artisti di quali Ai Weiwei, Song Dong o Yue Min Jun.
Le sezioni sono le seguenti:
1. Mao come sottofondo: riferimenti all'ambiente politico e al fenomeno del culto della personalità del leader.
2. Trasformazione: la nuova Cina. I grandi cambiamenti economici e paesaggistici.
3. Storie personali: i nuovi cinesi. L?impatto dei cambiamenti sull?individuo e sulla collettività.
4. Nuove visioni di antiche tradizioni artistiche: l?integrazione di aspetti tradizionali nell?opera di noti artisti contemporanei.
5. Un?ironia particolare.
6. L?arte occidentale vista dalla Cina: rapporti tra arte cinese e arte occidentale.



 

Zoran Music

Web Ajuntament Bcn  2008-02-26 

arte 

esposizioni 

"Zoran Music (1909-2005): De Dachau a Venècia"
Fundació Caixa Catalunya
Casa Milà - La Pedrera
Pg Gràcia, 92
Curatore: Jean Clair.
Dal 26 febbraio al 18 maggio 2008.

Zoran Music (Gorizia 1909 ? Venezia 2005), pittore sloveno praticamente sconosciuto in Spagna, è il protagonista della nuova esposizione che presenta, fino a metà maggio, la Fundació Caixa Catalunya presso l?emblematico edificio della Pedrera.
Si tratta della prima retrospettiva itinerante realizzata dopo la morte dell?artista, avvenuta tre anni fa e che raccoglie più di 130 opere, molte delle quali inedite, come ricorda il curatore della mostra, Jean Clair.
L?opera di Music è uno studio intenso sulla fragilità umana e va ricondotto a quel vuoto esistenziale particolarmente diffuso negli anni posteriori al secondo conflitto mondiale, causato dall?orrore della guerra e dalla scoperta dei campi di concentramento e sterminio. Lo stesso Music fu internato nel campo di Dachau, in cui lavorò presso l?amministrazione dell?unità di infermeria e con i pochi mezzi che aveva a disposizione, dipinse circa 200 opere ("No som els últims" /Non siamo gli ultimi) che rappresentano profonde riflessioni sulla tragedia umana, sulla deportazione e sulla violenza della guerra. Probabilmente la parte più nota della sua produzione artistica.
Dopo la liberazione Music si trasferì a Venezia dove visse a lungo. La città lagunare insieme ai pittori spagnoli El Greco e Goya, hanno avuto grande influenza sulla sua opera. Si ricorda infatti il soggiorno madrileno del pittore, dedicato allo studio delle opere di questi artisti al museo del Prado. Dipinti, olii e disegni in cui la figura umana assume un protagonismo sorprendente e che Music ritrae in modo magistrale.
Anche se negli anni ?50 Music fu attratto dalla pittura astratta, soprattutto nella serie di opere sulle terre dalmate, il pittore sloveno in seguito abbandonò tale tendenza e si è concentrato, nell?ultimo periodo della sua produzione artistica, su paesaggi (Siena, Umbria, Venezia) e autoritratti, simbolizzanti solitudine e meditazione.
 

Dossier: Después del Silencio

Silvio Garabello  2008-02-25 

arte 

gallerie 

Silvio Garabello, nato e cresciuto nelle Langhe.

A ventanni ho cominciato a viaggiare, per l'Europa, vivendo e lavorando in Inghilterra, Scozia, Irlanda, Olanda, Germania, Portogallo, Egitto. Dal 2001 vivo in Spagna, Barcelona e Granada soprattutto, negli ultimi tre anni in ritiro nei boschi dell'Alpujarra, Sierra Nevada. Ho lavorato in una compagnia di teatro per ragazzi in tourné nazionali. Insegno, scrivo, traduco. Inizio l'apprendistato fotografico, fondamentalmente autodidatta, affascinato dalla profonda eloquenza della narrazione per immagini. L'Andalusia, il Portogallo, il Sudamerica , ma anche le Langhe, viste in una nuova prospettiva, Napoli, il Salento, sono gli scenari della mia attuale investigazione fotografica. Con un approccio non-giornalistico, piuttosto a metà tra il documentario e il linguaggio poetico inteso come dissociazione anarchica tra il soggetto e la sovrastruttura stereotipata che lo riveste. Registro momenti effimeri di altre storie, piccoli punti luminosi nascosti dal fracasso dell'idiozia dilagante, dei flussi turistici, della crescita economica, del benessere ad ogni costo, che mi riportino alla unità racchiusa in ogni frammento, che poi restituisco come un interrogativo aperto, come una scheggia di specchio piantata nel fango, come la pedata di un bimbo nella pozzanghera. La fotografia è un istante di apnea, è l'inizio di una conversazione, un atto di gratitudine.
U Russ (il Rosso) era il nome (o soprannome, "stranòm") di un mio antenato, un gigante pelorosso di cui mio nonno mi raccontava cose prodigiose, e che diede poi il nome alla sua numerosa discendenza e anche al posto dove sono cresciuto: Ca' du Russ.

"Después del Silencio".
Exposición de fotografías.
Inauguración: jueves 7 febrero 2008 22hs
ENTRESUELO - Pl. S. Agustín 2 - Granada.
Friend guest: Paolo Bonfiglio, pintor y realizador. Proyección de las películas de animación "Ars" y "Mater".

...la vida nos arroja al vacìo, y nosotros decimos en el aire: -voy por este camino! - eligo este otro!...(E.Pavlowsky)

(Castellano)
Russ (el Rojo) era el apodo de un antepasado, un gigante pelirrojo de quien mi abuelo me contaba aventuras prodigiosas, y que luego dio nombre a su vasta descendencia y también al lugar donde nací: Ca' du Russ (casa del Rojo)

Silvio Garabello Nacido en Italia, en la zona de Le Langhe. Con veinte años empieza a viajar, por Europa, viviendo y trabajando en Inglaterra, Escocia, Irlanda, Holanda, Alemania, Portugal, Egipto. Desde 2001 vivo en España, principalmente Barcelona y Granada. Los últimos tre años en la Taha de Pitres, entre los bosques de la Alpujarra granadina. He trabajado en una compañía de teatro para jóvenes, con giras en todo el País. Enseño, traduzco, escribo. Aprendo como se construye una cúpula, a jugar con los niños, y otras cositas sobre la vida, el amor y la muerte. Empiezo mi aprendizaje fotográfico, fundamentalmente autodidacta, fascinado por la gran expresividad de la narración por imágenes. Andalucía, Portugal, América Latina, le Langhe, el Sur de Italia, son los escenarios de mi actual investigación fotográfica. Con un punto de vista entre el documentario y el lenguaje poético, en el sentido de disociación anárquica entre el sujeto y la sobra estructura estereotipada che lo envuelve. Recojo momentos efímeros de otras historias, pequeños puntos luminosos escondidos entre el ruido de la estupidez, de los flujos turísticos, del crecimiento económico, del bienestar a toda costa, che me lleven a la unidad escondida en cada fragmento, que luego devuelvo come una cuestión abierta, como un pedazo de espejo clavado en el barro, como la patada de un niño en un charco. La fotografía es un momento de apnea, el comienzo de una conversación, un gesto de agradecimiento.
 

C?era uno che non scriveva libri

Lino Graz  2008-02-17 

cultura 

libri 

C?era uno che non scriveva libri...

C?era uno che non scriveva libri, non ne scriveva uno dopo l?altro. Non aveva scritto raccolte di poesie, né in rima né senza, né in verso libero né secondo complicati sistemi metrici asiatici medievali. Non aveva scritto diversi romanzi brevi e saggi e articoli su varie sfaccettature della realtà. Non aveva scritto neanche un romanzo lungo, di quelli promessi fin dall?adolescenza, romanzo corale e generazionale. Non aveva mai scritto copioni teatrali originali né adattamenti di opere classiche e moderne.
In uno dei suoi romanzi brevi più importanti non aveva immaginato se stesso, in gioventù, scrivere soggetti per fumetti d?avventura, il cui protagonista, uno svogliato investigatore, dedito all?alcol, appassionato di giardinaggio, abitava ad Algeri e ?lavorava? a Barcellona. Hugo, così si chiamava l?investigatore, l?aveva perseguitato per anni. Se lo trovava coinvolto in un naufragio nella tazza di tè della colazione, mentre si faceva strada col machete tra la vegetazione dell?insalata serale, o lo inseguiva in sogno con un paio di cesoie in mano.
Solo da ubriaco lo lasciava in pace.
In quanto ad argomenti, svariava molto, tanto da venire spesso accusato di opportunismo. Proprio lui che non aveva dedicato un saggio intero a criticare l?opportunismo. Maledetti invidiosi.
Ma adesso veniamo a parlare del romanzo lungo che non aveva scritto, la storia di una vita, il viaggio di un uomo, che qui presentiamo in nuova edizione critica. Si tratta di un libro di più di settecento pagine -e quanto fu difficile selezionare il materiale, che triste gettare alle fiamme più di cinquecento pagine di vita vissuta- che si intitola: "Non ricordo più le cose che volevo dire".
Sono cose che succedono, non bisogna farsi abbattere.
In fondo è normale, ci sono troppe cose da ricordare: di pagare l?affitto e le bollette, di fare la spesa, di chiamare quel collega tedesco entro domani (mi raccomando, che i tedeschi sai come sono fatti), del compleanno della zia (mi raccomando, che le zie sai come sono fatte).
Credo che ognuno di noi lettori si possa identificare con il protagonista di "Non ricordo più le cose che volevo dire". Quante volte abbiamo avuto sulla punta della lingua la parola giusta nel momento giusto, eppure non siamo riusciti a rammentarla. Anche il nostro scrittore, d?altronde, era così. Lo si capisce subito; fin dalle prime pagine, si nota l?incertezza dell?autore nei confronti della sua storia. Non sto affermando che divaghi, nient?affatto; anzi, la coerenza del racconto è invidiabile, nessun ostacolo sintattico né semantico intralcia lo scorrere delle pagine bianche.
 

Después del Silencio

Silvio Garabello  2008-02-16 

arte 

esposizioni 

?La fotografia è un momento di apnea,
l?inizio di una conversazione,
un gesto di gratitudine?

Raccontare che cosa sento, investigare l?animo umano e l?anima del mondo, è ? tra le tante - una fatica meritevole. con il loro linguaggio silenzioso le immagini raccontano storie in cui ci si può rispecchiare.

Esistono luoghi, momenti, nei quali il monologo interiore, la corrente di parole con le quali descriviamo e spieghiamo il mondo a noi stessi, quindi agli altri, si riduce al grado minimo, all?essenza, si avvicina al silenzio. Questo ci permette di ascoltare, di ricevere in pieno la forza espressiva di una immagine. Immagini che dicono, raccontano, domandano.

Le fotografie che propongo guardano all?uomo, che raramente appare in forma esplicita, piuttosto attraverso le sue traccie, la sua assenza. Attraverso immagini che spesso raccontano della desolazione, distruzione, abbandono, registro estremi geografici e umani (ho sempre sentito una forte attrazione per i limiti, le frontiere), racconto un tempo presente che abbiamo già vissuto, o forse è quello che ci aspetta?

Non voglio celebrare o vaticinare la catastrofe, piuttosto proporre una riflessione che personalmente vedo necessaria. Il silenzio non è un fine, un obiettivo, è una situazione precaria, instabile, una frontiera da transitare, dove qualcosa finisce e necessariamente qualcosa comincia.

Il silenzio è chiarezza, e questo alle volte pesa, spaventa, così lo sotterriamo velocemente con rumori rassicuranti. E se provassimo a conocerlo, ad attraversarlo?

silvio garabello uruss

?Il silenzio, in realtà, non esiste.
Quando non sento nulla,
è perchè non sto ascoltando.?

(L?INTELLIGENZA È ASCOLTARE - Andreo Nottetempo, poeta)

?La vida nos arroja al vacìo,
y nosotros decimos, en el aire:
- voy por este camino, elijo este otro...?

(SENSATEZ - E. Pavlovsky)
 

Lothar Baumgarten: autofocus retina

Web Macba Bcn  2008-02-11 

arte 

esposizioni 

"Lothar Baumgarten. Autofocus retina"
Curatore: Bartomeu Marí
Museu d?Art Contemporani de Barcelona (Macba)
Dall'8 febbraio al 15 giugno 2008.

Prima esposizione retrospettiva dell?artista tedesco Lothar Baumgarten (Rheinsberg, 1944) in Spagna. Figlio di un antropologo, Baumgarten visse alcuni anni presso gli indigeni di una tribù dell?Amazzonia venezuelana e fu uno dei primi asrtisti che, alla fine degli anni sessanta, introdusse i fatti delle rappresentazioni delle culture minoritarie, praticamente sconosciute alla cultura occidentale ufficiale.
Interessato alla "nozione" e alla scoperta dell?"altro" e alla rispettiva veicolazione nella storia, nei suoi lavori Baumgarten utilizza oggetti, immagini e la parola scritta come materiali fondametali per stimolare la riflessione sulle condizioni di scambio e di transito in rapporto ala geografia e all?accumulazione dei fatti storici.
L?esposizione riguarda in particolare il lavoro fotografico di Baumgarten, attraverso le serie "Carbon" (1989) e "Montaigne" (1985), che costituiscono saggi visivi e sintesi del suo lavoro.
Si parte dalle opere realizzate sulla geografia degli Stati Uniti, attraverso le due linee ferroviarie che attraversano il paese (Carbon), per arrivare alle iscrizioni visive nel paesaggio dell?Amazzonia venezuelana (Montaigne, serie che si espone per la prima volta). Sono fotografie in bianco e nero che testimoniano l?interesse di Baumgarten per l?iconografia naturalista e la visione di un artista-antropologo. Combinate con elementi testuali, le sue fotografie diventano enciclopedie del paesaggio in costante evoluzione.
Fa parte della mostra l?opera "Ecce Homo", del 2002, allestita presso la "Capella" del Macba di Barcellona. Sono state inoltre inserite opere emblematiche sulle culture sud americane, quali l?istallazione ?"Imago Mundi" (1988), che stabilisce una metafora tra diffusione della carta a colori nella fotografia e lo spirito dei colonizzatori del XXº secolo.
 

Vides minades. 10 anys

Web Cccb Bcn  2008-02-11 

arte 

esposizioni 

?Vides minades. Deu anys?.
Fotografie di Gervasio Sánchez.
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Carrer Montalegre, 5
Dal 15 febbraio al 13 aprile 2008.

Protesi, mine e ritratti si aggiungono alle storie di vita captate da Gervasio Sánchez. Sokheurm Man, Adis Smajic, Fanar Zekri o Monica Paola Ojeda sono tra le vittime delle mine anti-uomo. Celato dalle cifre e dalle statistiche, che dicono che sono 300.000 i sopravvissuti con mutilazioni, il loro dolore rimane spesso occulto. Per non dimenticare queste vite spezzate, il Centre de Cultura Contemporània di Barcellona (Cccb) presenta "Vides minades. Deu anys", esposizione dedicata alle fotografie di Gervasio Sánchez.
Il progetto è nato nel 1995 da alcune istantanee che il fororeporter di Cordova comincia a collezionare e che riguardano vari fronti: l?Angola, la Cambogia, il Mozambico, l?Afganistan, il Nicaragua, il Salvador, la Bosnia-Herzegovina, l?Iraq, la Colombia e che sono state già presentate in una prima mostra, nel 1997, in occasione della firma del Trattato di Ottawa per la proibizione delle mine anti-uomo.
L'esposizione del Cccb presenta inoltre fotografie di 48 protesi, 25 tipi di mine anti-uomo e 98 ritratti di persone che sopravvivono con varie amputazioni. Storie come quella di Adis Smajic, che è passato attraverso un calvario di 30 operazioni o quella di Fanar Zekri, che a 18 anni e nonostante abbia perduto le gambe, non rinuncia al calcio, la sua grande passione.
Gervasio Sánchez non usa solo la fotografia come arma di denuncia, ma si impegna, con la sua testimonianza, a non far dimenticare che ?lo spirito del Trattato di Ottawa purtroppo non si è compiuto e la comunità internazionale non ha in realtà fatto molto per risolvere il problema: non ci sono stati aiuti effettivi alle vittime, né sono stati portati a termine progetti veramente efficaci per sminare i territori più pericolosi".
Per cui la situazione rimane drammatica: si calcola che saranno necessari mille anni per eliminare tutte le mine che sono disseminate per il mondo, tra cui bisogna ricordare quelle di fabbricazione spagnola e italiana. Malgrado ciò le vittime fotografate da Gervasio Sánchez, non perdono la voglia di vivere e con coraggio affrontano la dura realtà di ogni giorno.

Cenni biografici.
Gervasio Sánchez è nato a Cordova nell?agosto del 1959 ed è fotoreporter dal 1984. I suoi lavori vengono pubblicati sull?Heraldo de Aragón e su La Vanguardia, collabora inoltre con la Cadena Ser e la Bbc. È autore di vari libri fotografici tra i quali: ?El cerco de Sarajevo? (1995) e i volumi pubblicati dalla Editorial Blume, ?Vidas minadas? (1997 e 2002), ?Kosovo, crónica de la deportación? (1999), ?Niños de la guerra? (2000), ?La caravana de la muerte?, ?Las víctimas de Pinochet ?(2002), ?Latidos del tiempo? (2004). Ha ricevuto i premi ?Club Internacional de Prensa?, ?Andalucía de Cultura?, ?Derechos Humanos de Periodismo?, ?Liber Press?. Dal 1998 è inviato speciale per la pace dell?Unesco
 

Off Massana, collettiva 2008.

Elisa Pellacani e Tony Azorín  2008-02-05 

arte 

esposizioni 

Sale Busquet e Blava della Escola Massana, carrer Hospital di Barcellona.
Inaugurazione giovedì 7 febbraio 2008, alle ore 19:00

Si inaugura giovedì 7 febbraio alle 19.30 la prima tappa di questo nuovo anno di lavoro artistico del gruppo Off Massana, nelle diverse discipline.
Si tratta di ventotto artisti di provenienza e percorso diverso che ogni anno vengono selezionati per poter lavorare negli spazi che la scuola Massana mette a disposizione presso il Poble Espanyol. Spazi attrezzati per le diverse esigenze tecniche di varie discipline: gioielleria, incisione, pittura, fotografia e lavorazione su tessuto.
Coordinati da Tony Azorín, gli artisti sviluppano durante un anno un progetto personale, con la finalità non solo di realizzarlo, con un?ottica di interdisciplinarietà e collaborazione, ma anche di esposizione e quindi di contatto col pubblico. L?esposizione (a cui seguirà un?altra mostra a giugno, allestita presso il Poble Espanyol) è quindi il primo resoconto di un?attività che dalla stessa Tony Azorín viene qui di seguito descritta e che in molti casi è già stata laboratorio per artisti che hanno proseguito la loro attività al di fuori della Escola Massana.

"La exposición Off Massana del 7 de Febrero convoca a la nueva generación de artistas del año 2008.
Las disciplinas que se plantean son diversas, escultura, pintura, ilustración, joyería, fotografía y textil.
La riqueza de su contenido así como la diversidad de su temática, plantea una exposición en la que tienen lugar el planteamiento y el desarrollo personal de cada uno de los componentes. La Sala Busquest así como la Sala Blava, recogen a veintiocho artistas ,en un lugar situado en el interior del recinto de la escuela Massana, es un espacio visitado y circundado por alumnos y profesores que con curiosidad, durante un periodo de tres semanas, será escenario del proyecto Off Massana y que ofrece un bocado de la muestra que se presentará a principios de Junio de este mismo año, en la Sala Agustí Massana situada en el Poble Espanyol, lugar donde se encuentran los talleres de trabajo. El proyecto cumple ocho años de recorrido, todo gracias al esfuerzo y entusiasmo de los componentes, sin olvidar las instituciones que nos apoyan permitiendonos una libertad total de planteamiento y contenidos."

Tony Azorín

Questi gli artisti che espongono:
Emilie Rubio, Cecilia de Arriba, Tasey Watanabe, Anna Oyarzunmoyés, Nicolás Rojas Haye, Alejandra Castellani González, Diego Bisso, Javiera Gaete, Ana Cardim, Lucía Constanza Cofre Labbe, Sergio Lopez Navarro, Jordi Clusa Gironella, Carolin Mueller, Piedad García Zanartu, Catalina Dupont Grau, Raul Almendras Arias, Joan Elias Ripoll, Chiara Zenzani, Ana Yoel Zareceansky, Lourdes Carmelo Parra, Marisa Franco, Cristina Cebada, Carles Azcón, Núria Molinas, Clara Trucco, Marta Boan, Elisa Pellacani, Pilar Romero, Rosa García.
L?inaugurazione di giovedì prevede l?apertura a cura del violinista argentino ?Isabelasnacho?, che si esibirà in una performance su testi di propria composizione.

Elisa Pellacani
 

Eufòria_02: Golden Eyes

Jorge Puértolas Marcén  2008-02-05 

arte 

esposizioni 

"Eufòria_02: Golden Eyes"
Petra Mrzyk e Jean-François Moriceau
Espai Montcada CaixaForum Barcelona
Dal 18 gennaio al 23 marzo 2008

Una camera vuota... disegni in bianco e nero che circondano il pubblico... un?immagine che ben potrebbe rappresentare la mente dell?essere umano. Si tratta dell?esposizione "Eufòria_02: Golden Eyes" di Petra Mrzyk e Jean-François Moriceau, che ci fanno partecipi delle loro creazioni sull?euforia, fino il prossimo 23 marzo, presso l?"Espai Montcada" del CaixaForum di Barcellona.
La mostra è la seconda parte di questo ciclo, sviluppato dal curatore David Armengol, di cui l?euforia è il nesso d?unione. In "Eufòria_02: Golden Eyes" si possono contemplare disegni di vario tipo, con un chiaro riferimento all?iconografia attuale. La sessualità è uno dei principali argomenti trattati; gli artisti trovano questo tema negli oggetti e ne sottolineano le caratteristiche per far riflettere il pubblico. L?uso iconografico viene collegato all?attualità e si estende dal cinema alla pubblicità, in questo modo si delinea un caos senza principio né fine, in cui i disegni si sovrappongono dando un senso di profondità che rimanda il pubblico all?analisi del proprio subcosciente.
Due sono le modalità per avvicinarsi al senso della mostra: un modo individualizzato (concentrandosi su ogni disegno), ma l?immediata necessità di allontanarsi per contemplare il singolo disegno nell?insieme che lo circonda, fa intuire che solo una visione unitaria può dare una valida chiave di lettura dell?opera. L?inclusione dei disegni in cerchi neri fa pensare alle bollicine d?ossigeno nell?acqua e in qualche maniera ispira un senso di libertà, ma si tratta di una libertà fragile (in apparenza) come i pensieri; pensieri spesso senza un senso chiaro ma che parlano di noi.
"Eufòria_02: Golden Eyes" è la prima mostra di questi due artisti in Spagna. Come dice David Armengol nella presentazione, non è casuale il nome della mostra dato che Mrzyk e Moriceau sono da anni affascinati dalla "Spia di Sua Maestà". Passione che è diventata un loro segno distintivo, insieme ai film del famoso agente segreto inventato dalla fantasia di Ian Fleming. Questi disegni hanno un?intensità che coinvolge totalmente il pubblico, che spesso resta immobile nella contemplazione, quasi fosse intrappolato in una ragnatela.
 

Cavalia

Sito Ufficiale Cavalia  2008-02-02 

arte 

eventi 

Cavalia
Parc del Fòrum
Rbla Prim , 2*4 Barcellona
Carpa de la plataforma marina del Fòrum
Dal 29 gennaio a 27 febbraio 2008

"Cavalia" è uno spettacolo equestre multimediale creato da Normand Latourelle, uno degli artisti pionieri del Cirque du Soleil.
Acrobati, saltimbanchi, ballerini, cavalieri e 60 cavalli in uno spettacolo che combina la tradizione equestre e le arti sceniche e sintetizza l?evoluzione del rapporto uomo-cavallo nella storia. "Cavalia" viene rappresentato nella Gran Carpa Blanca, un tendone di 30 metri d?altezza che può contenere oltre 2000 spettatori, che a Barcellona viene montato presso la plataforma marina del Fòrum.

Protagonizado por más de 60 caballos y 37 artistas, el espectáculo ecuestre multimedia abrirá sus puertas al público de Barcelona a partir del 29.
El creador, presidente y director artístico de ?Cavalia? es Normand Latourelle, uno de los pioneros de Cirque du Soleil, del que formó parte hasta 1990. "Cavalia" llega a España tras haber seducido a más de un millón y medio de espectadores en Estados Unidos, Canadá y Europa.
"Cavalia" es un espectáculo incomparable,una perfecta ?e inédita ? combinación de tradición ecuestre y artes escénicas que sintetiza la evolución de la relación entre elhombre y el caballo a lo largo de la historia,basándose en diversas disciplinas.
Acróbatas, saltimbanquis, bailarines, jinetes y músicos comparten un gran escenario con los caballos, en una experiencia diferente y cautivadora.
Diseñada especialmente para "Cavalia", la Gran Carpa Blanca alberga un escenario de 50 metros de largo donde los caballos pueden moverse con libertad y dar rienda suelta a su nobleza, fuerza, belleza e instinto.
Este espectacular espacio,con sus cuatro torres de una altura similar a la de un edificio de diez pisos y con capacidad para albergar a 2000 espectadores,se ha convertido en una de las carpas itinerantes más grandes del Continente.
 

Gli appuntamenti

Lino Graz  2008-02-02 

cultura 

libri 

Gli appuntamenti.
Di Lino Graz.

Qualche anno fa mi imbattei nella storia di uno che nella vita conobbe moltissime persone e fu amico di quasi tutte loro. Per ragioni su cui non vale la pena dilungarsi, mi sono in seguito trovato a indagare la vita sociale di quest?uomo da un punto di vista statistico.
Ebbene, visse ottantacinque anni e conobbe millecentoquindici persone, settecentosette delle quali considerava amici. Prese con seicentoventuno di essi un totale di seimilacentoquindici caffè, quattromilatrecentodue birre, duemilaottocentoventisette bicchieri di vino (per mancanza di spazio, tralasceremo di distinguere le qualità di caffè, birre e vini). Con appena cinquantatre andò centoquarantaquattro volte al cinema, settantatre a teatro, duecentosessantacinque a concerti di musica varia, in piedi o seduto. Scambiò con ottocentoventinove, tra conoscenti e amici, cinquantamila ottocentotrentasei mail e ventisettemila trecentoquattordici telefonate.
Durante le conversazioni, in presenza o al telefono, e tramite gli scambi di mail, trattò venticinquemila seicentododici volte del tempo ?in settemila ottocentosei occasioni pioveva-, quindicimila trecentoundici volte di problemi familiari e affettivi, diecimila settecentosei di salute propria e altrui, settemila centoventisette di politica ?quattromila cinquecentonove infervorandosi-, seimila ottocentodue di sport ?seimila settecentocinquantuno di calcio, solo cinque volte di scherma-, tremila novecentoquattordici volte parlò o ascoltò di viaggi, tremila novecentosette di libri, duemila duecentosei di film?
Interrompo qui questa enumerazione per concentrarmi su un anno solo della sua vita, preso a modello: l?anno in cui compì 40 anni. Durante quell?anno prese centoquarantasette appuntamenti con novantatre amici ?tralasciando quindi il dentista, il medico e gli impegni di lavoro, ma considerando invece l?avvocato e il barbiere, visto che riteneva di avere con loro un rapporto di amicizia.
Con il passare degli anni il numero di appuntamenti prese a ridursi. Gli impegni della vita adulta rendono sempre più difficile far coincidere orari e luoghi. Inoltre, poiché invecchiava senza sosta, cominciò a temere che non avrebbe più visto alcuni dei suoi amici.
Le somme si trasformarono in sottrazioni. Si spaventò pensando che di molti forse non avrebbe neanche saputo la fine, né loro la sua. Negli ultimi anni di vita, ogni volta che si guardava allo specchio, gli sembrava di scorgere una traccia di una delle millecentoquindici persone che aveva conosciuto.
 

Sex in Legoland

Angelo Rossi  2008-01-30 

cultura 

libri 

Ma i Lego fanno sesso?
"Sex in Legoland" di Giovanna Marmo.

"Lì nel parco
oggi è proprio
una bella giornata?
ho una piccola cacca in mano
se vuoi posso regalartela

io se vuoi
posso spararti un proiettile di piscio in bocca
grazie, sei gentile
grazie, sei gentile"

Il nostro viaggio nella poesia contemporanea italiana che viaggia su cd, una poesia che quasi potremmo definire più precisamente come "fonografia", cercando di spostare l'asse di questi eventi di scrittura dalla tipografia all'incisione di una traccia "fonica", continua con un cd che ha avuto una notevole risposta da parte della critica: e ben a ragione. Oggi parleremo, infatti, di "Sex in legoland", opera scritta e performata da Giovanna Marmo, poetessa-performer, ma sarebbe più adatto dire "artista", napoletana che ha all'attivo già numerose opere. In verità "Sex in Legoland" è uscito già qualche anno fa, nel 2002, esclusivamente su cd, per i tipi di Derive/Approdi: la voce della Marmo è supportata dalla sapientissima sezione musicale ad opera di Frank Prota, musicista napoletano già membro degli ormai leggendari Le Loup Garou (http://www.leloupgarou.org/). Come dice il titolo l'opera è un vero e proprio concept album su un universo-Lego parallelo che prende vita dalle parole e dalle voce della Marmo. In realtà vorremmo avanzare un'ipotesi per spostare l'asse dell'analisi e guardare l'operazione della poetessa napoletana da un'ottica prettamente deleuziana. Partendo da un'operazione tutta linguistica e metaforica, la Marmo si inserisce nel flusso indistinto della comunicazione contemporanea, ne delimita un perimetro ad alto potenziale simbolico e immaginativo, se ne impossessa e lo piega al proprio intento poetico: si impossessa del mito dei Lego, duplicazione plastica e metaforica della serializzazione umana coeva, e disegna una stralunata geografia-Lego. Questo mondo-Lego parallelo alla Legoland vera trova nella parola viva e nella musica una potenza viva, quasi elan vital che lo rende tridimensionale, immaginifico e reale, ma è un incanto paradossalmente carnale: i corpi-lego mangiano, sporcano, sputano, producono cacca, piscio, sperma, sangue proprio come un corpo umano. Attribuendo ai Lego quello che è il carattere più umano, la corporeità, la Marmo sembra come voler sottoporre al lettore-ascoltatore una piegatura riflessiva: in essa l'uomo si specchia e riscopre nella Legoland proprio quella corporeità che lo rende umano e che innaturalmente rifiuta, sottomettendosi alla tirannia delle leggi del mercato rappresentata proprio dai Lego. Questi assumono qui come una specie di ruolo eversivo: simbolo del sistema di produzione capitalistica, che serializza l'uomo e lo priva del corpo così come sono seriali e plastificati i Lego, sono proprio loro ad aprire un fronte interno alla civiltà dei consumi assumendo in quest'opera una corporeità, una carnalità che costringe l'uomo a riflettere su di sé. Insomma, la Marmo partendo da un'incursione nel mondo della comunicazione e facendo un vero e proprio foro nel flusso, dà vita ad una plastica messa in situazione avvolta da una stralunata e stupefacente affabulazione: non si tratta più di poesia, ma di una creazione plastica. Crediamo di poter affermare che "Sex in Legoland" è molto più vicino ad una vera e propria opera d'arte che ad un'opera di audiopoesia.
 

Il Carnevale di Sitges

R. F.  2008-01-23 

cultura 

costumi 

Il Carnevale di Sitges
Dal 31 gennaio al 6 febbraio 2008.

Sitges è un?importante località balneare nei pressi di Barcellona ed è nota per essere la sede del Festival Internazionale di Cinema della Catalogna, per il Festival del Teatro e per il Carnevale, uno dei più prestigiosi della regione.
Un sorprendente spettacolo che dura un?intera settimana, in cui per le vie della cittadina si succedono le sfilate di carri e maschere, di gruppi teatrali su piattaforme mobili e straordinarie composizioni floreali. Il tutto dinamizzato dal ritmo infuocato dei gruppi musicali partecipanti che suonano senza sosta, tra luci, colori e fantasia?..
Le sfilate sono una notevole esibizione di creatività estetica ed artistica, così come le coreografie originali, che hanno reso celebre il Carnevale di Sitges.
Il personaggio del ?Carnestoltes? (il Carnevale) è il vero protagonista della festa e rappresenta la parte ironica e burlesca dell?avvenimento. I festeggiamenti iniziano infatti con il suo ?arribo? (arrivo) e con la sua consacrazione a ?comandant de la Vila? (comandante della Città), segue quindi il suo sermone satirico ("predicot") dal balcone del Palazzo del Comune e continua le sue "performances" durante tutta la settimana, fino alla morte e al suo ?enterrament? (sepoltura / funerale), che diventa l?atto ludico/ luttuoso che chiude la festa. Ma per una settimana sarà il Re del Carnevale e inviterà al divertimento, alla satira, alla trasgressione dell?ordine stabilito.
Recentemente si è affiancata alla classica e tradizionale figura del Carnestoltes quella della Regina del Carnevale, rappresentazione della bellezza e del ?glamour?, che sfilerà Martedì Grasso e Giovedì Grasso.
Per informazioni dettagliate sul programma del Carnevale di Sitges 2008, vi invitiamo a consultare la pagina web ufficiale:
www.sitges.com/carnaval/carnaval.htm
 

Las mujeres que no conocemos

Web CCCB Bcn / Trad. R. F.  2008-01-20 

spettacoli 

cine 

?Las mujeres que no conocemos? (Le donne che non conosciamo)
CCCB(Centre de Cultura Contemporània de Barcelona)
Dal 23 Gennaio 2008 al 30 Marzo 2008

?Las mujeres que no conocemos? (Le donne che non conosciamo) fa parte, insieme a ?Unas fotos en la ciudad de Sylvia?(Alcune foto nella città di Silvia) e a ?En la ciudad de Sylvia?, dell?ultimo progetto creativo di José Luis Guerin. Tre formati diversi intorno al medesimo discorso, la stessa tematica: la riflessione del cineasta sul ritratto femminile, il tempo che fugge e la propria creazione cinematografica. In ?Las mujeres que no conocemos?, istallazione espositiva prodotta in occasione della Biennale di Venezia dello scorso anno e allestita presso il padiglione spagnolo, Guerin utilizza il montaggio foto-sequenziale, formato a metà strada fra il cinema e la fotografia.
Il risultato rappresenta un nuovo passo in avanti verso la confluenza tra cineasti e musei e indaga un versante originale, quello del cinema ?esposto? d?avanguardia, che ha avuto tra i primi promotori proprio il CCCB di Bcn.

José Luis Guerín (Barcellona 1960).
Regista, documentarista e professore di Cinematografía presso l?Università Pompeu Fabra di Barcellona, si è imposto alla critica già con uno dei suoi primi lavori, ?Los motivos de Berta? (I motivi di Berta), Premio Sant Jordi 1983. Nel 2001 con ?En construcción? (In costruzione), film documentario in cui viene poeticamente narrata e documentata la demolizione del ?barrio chino? (Raval) di Barcellona, è arrivato anche al grande pubblico. ?En construcción? ha ricevuto parecchi riconoscimenti in Spagna e all?estero, tra i quali il Premio Goya (equivalente al David di Donatello, ndr) di quell?anno al miglior documentario e la Menzione Speciale della Giuria al Festival de Cine de San Sebastián. Da ricordare inoltre: Innisfree (1990), Tren de sombras (1997) e l?ultimo lungometraggio ?En la ciudad de Silvia?(2007), presentato al Festival del Cinema di Venezia dello scorso anno.
 

I principi etruschi tra oriente e occidente

R. F.  2008-01-20 

arte 

esposizioni 

?I principi etruschi tra oriente e occidente?
Caixa Forum Barcellona
Av. Marquès de Comillas, 6-8
Tel. 00 34 93 476 86 00.
Curatrice: Anna Mura.Sommella
Dal 31 gennaio al 4 maggio 2008.

Si continua a parlare del ?mistero etrusco?, per le particolarità etnografiche, linguistiche, religiose, politiche e culturali che fanno degli Etruschi un popolo così diverso da quelli che popolarono anticamente la penisola italica. Tra i molteplici interrogativi che da secoli attendono di essere svelati, quello che riguarda la loro origine è forse il più oscuro e determinante. Si tratta di un popolo che emigrò dall?Asia Minore e si stabilì nell?attuale Toscana, come affermava il grande storico greco Erodoto o era un popolo autoctono, come si pensava nell?epoca augustea?
L?esposizione ?I principi etruschi tra oriente e occidente? che dal 31 gennaio al 4 maggio è possibile visitare presso il Caixa Forum di Barcellona, è una ghiotta occasione per saperne di più.
La mostra raccoglie più di centosettanta opere, provenienti dai Musei Vaticani, dal Museo Etrusco di Villa Giulia, dai Musei Capitolini di Roma, dal Museo Archeologico di Firenze, dal Louvre e da altri musei minori. Si possono ammirare semplici oggetti o splendidi gioielli, opere che permettono di ricostruire gli aspetti più significativi e originali della cultura e della tradizione artistica degli Etruschi attraverso un percorso articolato in due grandi ambiti storico-artistici, compresi tra l?VIII e il III secolo a. C. Nel primo settore, dedicato all??Età dei Principi?, vengono presentate, attraverso preziose testimonianze archeologiche, le manifestazioni di fasto tipiche della cultura ?orientalizzante?. Il secondo settore prende in considerazione il periodo tra il VI e il III secolo a. C., che segna l?affermarsi della cultura urbana nelle grandi città-stato e permette al grande pubblico di avvicinarsi agli aspetti della vita pubblica e privata degli Etruschi.
Molte le conferenze organizzate nell?ambito dell?esposizione, tra le quali ricordiamo ?I principi etruschi ed il fasto delle corti orientali?, con la quale la curatrice, la dott.ssa Anna Mura.Sommella, Direttrice dei Musei Capitolini di Roma, inaugura l?evento.
(30 gennaio 2008. Ore 18:00, Auditori Caixa Forum)
 

I ristoranti di Vázquez Montalbán

Verònica Heredia Web Ajuntament Bcn  2008-01-15 

vivere 

bere 

I ristoranti di Vázquez Montalbán.
Dallo scorso lunedì 14 gennaio, 20 ristoranti di Barcellona e della Catalogna offrono ai propri clienti un menú ispirato allo scrittore e giornalista Manuel Vázquez Montalbán, grande appassionato di gastronomia. ?Els menús Manuel Vázquez Montalbán? sono un?iniziativa di 20 ristoranti che vogliono rendere omaggio all?autore barcellonese scomparso nell?ottobre del 2003, che ci ha lasciato pagine mirabili in cui descriveva, con dovizia di particolari, i piatti che gustava in alcuni ristoranti di Barcellona, ormai entrati nel mito, come il detective Pepe Carvalho ed il fedele Biscuter. Sono ora i ristoranti a ricordare e a riproporre quelle ricette, in una sorta di itinerario tra gastronomia e letteratura.
L?iniziativa viene organizzata parallelamente all?esposizione ?Con Manuel Vázquez Montalbán?, allestita presso il Palau Robert di Barcellona, che, fino al 16 marzo 2008, presenta un percorso nella vita e nell?opera del popolare scrittore barcellonese attraverso due sue grandi passioni: la buona cucina e i viaggi.
I ristoranti che partecipano all?iniziativa sono: Can Borrell, Can Lluís, Can Solé, Egipte, Eldorado, Fonda Europa, Hispania, Motel Empordà, Casa Leopoldo, María de Cadaqués, Odissea, Pa i Trago, Peixerot, Els Pescadors, Quo Vadis, El Racó d'en Binu, Rincón de Aragón, Sant Pau, Senyor Parellada e Via Veneto.
Tra i piatti che si potranno gustare ricordiamo il classico capretto al forno del ristorante Can Lluís, il ?bacallà à Bràs?di Casa Leopoldo, il pasticcio di cipolla e formaggio dell'Egipte, la trippa ?amb cap i pota? del ristorante Els Pescadors o il gelato ?de palo santo? dell'Eldorado.
Anche la nota cocteleria Boadas si è unita all?omaggio, con alcuni ?combinados?ispirati a Montalbán, a Carvalho e a Biscuter.
Consultare i menú su questo sito: http://w3.bcn.es/fitxers/home/menus.066.pdf
E?.buon appetito.
 

Barcellona fotografata

Rossend Casanova / Trad. R. F.  2008-01-08 

cultura 

libri 

L?Arxiu Fotogràfic (dell?Arxiu Històric) della Città di Barcellona presenta il volume ?Barcelona fotografiada? (Barcellona fotografata).
Il libro raccoglie per la prima volta le più di cento fonti fotografiche conservate presso l?Arxiu Fotogràfic della città, creato nel 1906, che conserva ben due milioni di fotografie, provenienti da raccolte pubbliche e private, dagli inizi della fotografia ai giorni nostri. Tra queste fonti, che contribuiscono a costruire la storia della città di Barcellona, ci sono istantanee di fotografi anonimi o sconosciuti e opere di autori (documentaristi, fotoreporter e ritrattisti) molto noti quali Charles Clifford, Antoni Esplugas, Pau Audouard, Jean Laurent, Josep Postius, Pérez de Rozas, Colita, Josep Maria Sagarra, Frederic Ballell, Josep Domínguez, Amadeu Mariné e Francesc Serra.
Immagini insolite e simboliche della Ciutat Comtal.
ll volume, concepito in forma di guida, fa inoltre conoscere l?evoluzione storica dell?Arxiu Fotogràfic e costituisce un importante fondo documentale che aiuta a ricostruire e seguire l?evoluzione storica della città e della storia della fotografia.
 

Picasso i la seva col.lecció

Web Museu Picasso Bcn / Trad. R. F.  2008-01-02 

arte 

esposizioni 

?Picasso i la seva col.lecció? (Picasso e la sua collezione)
Museo Picasso di Barcellona
Carrer Montcada, 15
Fino al 30 marzo 2008.

Il Museo Picasso di Barcellona presenta la collezione personale del grande Maestro composta da più di un centinaio di opere, tra le quali dipinti di Renoir, Cézanne, Rousseau, Braque, Matisse, Miró, Degàs, Coubert, M.Jacob, Seurat, Fernández, Derain, Max Ernst, Van Dongen, Modigliani e Vuillard.
?Sono i miei amici?, confidò Picasso al mercante d?arte Kahnweiler. ?In fondo che cos?è un pittore? Un collezionista che vuole raccogliere una collezione dipingendo egli stesso i quadri di altri pittori che gli son piaciuti?.
Picasso ha raccolto le opere di illustri colleghi durante tutta la sua vita, che può essere quindi ripercorsa attraverso questa esposizione che per altro non ha carattere cronologico. Molti di questi quadri sono frutto di scambi tra il Maestro e altri grandi artisti. Picasso li teneva nel suo studio, magari per terra o appesi o impilati tra le sue opere. Pareva quasi che facessero da sfondo al suo luogo di lavoro quotidiano.
Il Maestro voleva cedere questa collezione allo stato francese, a condizione che fosse mantenuta integra. Alla sua morte gli eredi hanno rispettato la sua volontà. Pertanto il Museo Picasso di Parigi raccoglie la parte essenziale di questa collezione, completata da altre opere cedute in seguito dagli eredi.
La collezione di Picasso è stata presentata a Monaco di Baviera nel 1998 e a Parigi nel 1999 ed è la prima volta che viene esposta in Spagna.
 

Charlie Chaplin a Bcn

Web Caixa Forum / Trad. R. F.  2008-01-02 

arte 

esposizioni 

?Chaplin en imatges?
CaixaForum Barcelona
Avinguda Marquès de Comillas, 6-8
Fino al 27 aprile 2008.

Organizzata dalla Fundació ?la Caixa? e da NBC Photographie di Parigi, è la prima grande esposizione dedicata a Charlie Chaplin allestita in Spagna.
La mostra raccoglie circa 250 documenti, principalmente fotografie, materiale documentario, sequenze di film e poster, con molti inediti. Attraverso le immagini si ripercorre la vita di Charles Chaplin, l?attore e il personaggio pubblico, dalla creazione della figura di Charlot agli ultimi lavori.
Chaplin fu uno dei primi artisti a conseguire un grande successo mediatico, che lo fece diventare un personaggio molto amato e una vera e propria icona del XXº secolo.
Parallelamente all?attività di attore, Chaplin fu anche un acclamato cineasta e nel periodo di massima notorietà, negli anni trenta, iniziò ad includere regolarmente nei suoi film elementi di critica sociale. Le sue posizioni politiche provocarono un lento distanziamento dal pubblico di massa e tensioni con le autorità statunitensi che culminarono con una vera e propria persecuzione durante il periodo della ?caccia alle streghe?, nei primi anni cinquanta.
Nel 1952 Charles Chaplin abbandona gli Stati Uniti con la sua famiglia e da quel momento fisserà la sua residenza in Svizzera fino alla morte, avvenuta il giorno di Natale del 1977.
 

Cesc al Palau Robert

Web Palau Robert Bcn / Trad. R. F.  2008-01-02 

arte 

esposizioni 

?'La força d'un traç?
Cesc, un referent de l'humor gràfic català.
Palau Robert
Passeig de Gràcia 107, Barcelona
Curatore: Toni Batllori
Fino al 3 marzo 2008.

Il Palau Robert presenta l?esposizione ?'La força d'un traç? (La forza di un tratto/segno), dedicata a uno dei grandi caricaturisti e comunicatori grafici catalani, Francesc Vila i Rufas (Barcelona, 1927 ? 22 dicembre 2006), più noto con lo pseudonimo Cesc, con il quale firmava le sue creazioni.
La mostra, che è allestita presso le Cotxeres, viene organizzata a un anno dalla scomparsa dell?artista e si prolungherà fino al 3 marzo.
Cesc era senza dubbio uno dei maestri tra gli umoristi grafici catalani ed era diventato un punto di riferimento importante, grazie al suo segno vigoroso, espressivo e spontaneo da disegnatore impegnato.
L?esposizione cerca di captare l?essenza dell?opera di Cesc e utilizza come filo conduttore uno degli sfondi ricorrenti delle sue vignette: i palazzi, gli edifici giganteschi, esempio della prepotenza e della stupidità del potere.
Cesc è stato uno dei primi disegnatori del giornale Avui, per cui ha lavorato durante circa un decennio. Ha collaborato inoltre con il Diari de Barcelona, El Correo Catalán e Tele/eXprés, a riviste catalane e spagnole quali Cavall Fort, Serra d'Or, Catalunya Música, Hermano Lobo, Por Favor e alcune sue vignette sono apparse su pubblicazioni internazionali come Paris Match, Punch, Le Rire, Esquire, Harper's.
Ha inoltre pubblicato vari libri: ?La Costa Brava?, ?Gargots?, ?Tics del país?, ?Els captaires d?en Cesc?, ?No som res?, ?Arriba Spain?, ?La autèntica història de Catalunya?, ?Desarrollo y desarrollados S.A.?, ?No és broma?, ?Guia de ciutadans anònims?.
La mostra presenta le due attività di Cesc, quella più nota di comunicatore, caricaturista, cartellonista e disegnatore pubblicitario e quella meno nota di pittore.
Per quanto riguarda i premi e i riconoscimenti ricevuti da Cesc durante la sua carriera ricordiamo: il Premio Internazionale di Disegno Ynglada-Guillot (1961), il Premio Città di Barcellona di Disegno(1970), il Premio L'Il·lustrador d'or (1994), la Croce di Sant Jordi della Generalitat (1995) e il Premio d?Onore Gat Perich (1997)
 

Pulsions

Elisa Pellacani  2007-12-17 

arte 

esposizioni 

"Pulsions" (Pulsioni), mostra della Escola Massana nella "Capella" di Calle Hospital a Barcellona.

La "Capella" di Calle Hospital ha recentemente inaugurato l?esposizione che fino al 6 gennaio del nuovo anno presenterà alcuni lavori realizzati da studenti della Escola Massana come progetti finali del corso universitario in Arte e Disegno e di quelli di grado superiore in Pittura e Scultura. Il titolo, Pulsioni, mette l?accento sul connubio di ricerca e impulso del fare artistico e che la scuola crede necessario incentivare appoggiando piani didattici che permettano la sperimentazione di diversi linguaggi paralleli. Lo spazio già suggestivo in se stesso della "Capella" ha reso evidenti, proprio nell?avvicinamento uno all?altro di oggetti e supporti così diversi, la multidisciplinarietà di una collettiva in cui emerge un fatto comune, la spinta all?esterno, a dare una forma a qualcosa di intimo e personale, può essere inoltre un ambito di appartenenza come una scuola o diciamo un circuito di influenze a dare la direzione, quando questo delle pulsioni, a ben guardare, altro non è che l?avvio, e lo sforzo nel perdurare, all?arte, alla comunicazione di sé.
In mostra: Ariadna Trias, Britta Eppinger, Vìctor Masferrer, David Gutìerrez, Mariana Zamarbide, Marlon Mas, Miquel Samitier, Carlos Gavilàn, Jordi Requena, Jon Elortza, Eriko Fukuda, Vanessa Prieto, Alejandro Martìn, Marc Ligos.
Con un testo di introduzione e presentazione di Jesus Martinez Clarà.


www.bcn.cat/virreinaexposicions
 

Libri, d?artista

Elisa Pellacani  2007-12-17 

cultura 

libri 

Libri, d?artista.
Il libro d?arte, prototipo e fatto a mano, raccoglie interesse da artisti di campi diversi ed è sempre più il primo passo verso un?editoria di piccoli capolavori. Riprodotti e stampati.
Un?associazione culturale a Barcellona nel circuito europeo di libri d?artista, con corsi e mostre.

Di Elisa Pellacani

Una rinnovata associazione culturale che si occupa di tutto ciò che riguarda il libro, dalla sua progettazione a ciò che ne compone il contenuto, quindi le illustrazioni, la grafica.
Il campo si allarga, di fatto la concezione di ?libro d?artista? (titolo antico e di per sé vago) raccoglie oggi tutta una serie di esperienze creative e artistiche che spaziano dalla rilegatura manuale, alla serie limitata, all?oggetto. E, naturalmente, a una cura e studio di ciò che potrà essere riprodotto, diffuso, stampato, generando quindi piccole edizioni di autori freschi e nuovi come quelli che spesso non finiscono nelle librerie.
La prima mostra internazionale di libri d?artista a Barcellona che abbiamo organizzato, aprile di quest?anno presso il Pati Llimona, aveva raccolto oltre 40 opere di artisti da tutta Europa, cosa che ci ha incoraggiato a continuare, con nuove idee, arricchiti di nuove collaborazioni.
Le persone che attorno al libro d?artista si stanno riunendo, confrontando, incontrando, testimoniate nei corsi intensivi che organizziamo con Melene Genvrin, rilegatrice del "Taller Papelicola", come nel corso semestrale che tengo alla Escola Massana, provengono spesso da campi d?indagine diversi, a volte da professionalità diverse, ma nel libro trovano un comune denominatore e spesso l?esigenza di dare un ordine o una forma al loro lavoro. La vastità del campo è affascinante: nell?ultima "biennale del carnet de voyage" di Clermont Ferrand, in Francia, dove ho presentato un mio libro fotografico, ho visto antropologi e viaggiatori raccontarsi attraverso scritti e disegni. Creativi bizzarri, spesso di oggetti molto ingegnosi, hanno presentanto i loro libri alla recente inaugurazione nel ravennate italiano di "Libri mai mai visti", ormai alla sua tredicesima edizione.
A Roma, "La Tana" raccoglie da oltre un decennio opere che cataloga, presenta, diffonde: opere uniche, di autori affermati e di creatori ancora poco conosciuti.
Gli ultimi libri a cui mi sto dedicando, uno dei quali è stato premiato come gioiello al Premio Enjoyat organizzato dal FAD di Barcellona, sono da portare: perché davvero non posso più ascoltare chi dice che i libri?sono fuori moda.

epellacani@yahoo.it
papelicola@yahoo.fr
www.distritoquinto.org

- Massana Permanent, corsi semestrali, libro d?artista e libro oggetto: www.escolamassana.cat
- Clermont Ferrand, Francia, Biennale du carnet de voyage, www.biennale-carnetdevoyage.com
- ?libri mai mai visti?, VACA Vari Cervelli Associati, Russi (Ravenna), esposizione di libri d?artista: www.vaca.it
- ?La tana spazio dal 1999?, centro sul libro d?artista, Roma, esposizioni di libri d?artista: latanaspaziodal1999@tiscali.it
- Orfebres FAD, Associaciò: www.fadweb.org, www.orfebres.blogspot.com

DIDASCALIE:
foto 1,2,3: Clermont Ferrnad, Francia, Biennale du Carnet de Voyage
foto 4,5,6: libri d?artista di Elisa Pellacani: 4-?BCN extra-ordinaria?, mappa fotografica;
5- ?Ex voto?, libro gioiello premiato al Fad Orfebres di barcelona;
6- ?Senza corde?, su rotolo per pianoforte meccanico, in esposizione a Russi (Ravenna).
 

Il guardone

Adela Padín  2007-12-17 

cultura 

libri 

"guardone" s.m. (pop.) Chi, per morbosa curiosità,
spia le nudità o gli atti sessuali altrui; voyeur.
(Lo Zingarelli Minore)

Si preparò come al solito per una lunga e intensa giornata. Innanzitutto, comodità. Sapeva che avrebbe passato molte ore seduto, senza alzarsi nemmeno una volta per concentrarsi meglio, per non perdere il filo di quello che aveva davanti agli occhi. Spiegò in maniera rituale in torno a sé tutto ciò che non poteva mancare in queste occasioni: gli occhiali, il taccuino per appuntare pensieri improvvisi e sfuggenti, il portacenere che alla fine avrebbe traboccato di mozziconi, l?orologio per non perdere la nozione del tempo. Spense il cellulare per evitare interruzioni indesiderate, regolò la sedia al punto giusto e si sistemò davanti alla finestra, dove aveva organizzato una sorta di piccolo ?studio?. I tenui raggi di sole lo riscaldavano appena, ma almeno non avrebbe avuto molto freddo in quella stanza lugubre e stonacata, o non così tanto da dovere interrompere la sua attività.

Si sentiva come Jack lo Squartatore, come se stesse per sezionare, sviscerare, sventrare, nella solitudine di quella stanza, alle spalle del mondo, in un anonimato che a volte lo scoraggiava ma il più delle volte lo eccitava, come un delitto impune. Era l?unica cosa che sapeva fare. E lo faceva da anni, con una passione che non poteva confessare perché nessuno l?avrebbe capito. Era duro entrare in materia, molte volte si domandava se aveva torto a fare quello che faceva, lo assalivano dubbi filosofici e trascendentali. Tuttavia, ora dopo ora, man mano che avanzava, cominciava a sentire un formicolio, la bocca gli diventava secca, il cuore palpitava sboccato, le tempie battevano forte e più niente esisteva al mondo. E anche se gli faceva male guardare quasi senza battere le palpebre a causa della concentrazione, non riusciva a staccare gli occhi. Sapere che presto sarebbe arrivato il momento finale non lo tranquillizzava, anzi, l?incitava a continuare e lo spronava più avanti, senza pietà, senza sosta. A un certo punto, sentì che tutto sarebbe finito, improvvisamente. La stanchezza stava per sconfiggerlo ma non poteva abbandonare, ormai non dipendeva da lui, non controllava più né il suo corpo né il suo cervello, era come un burattino maneggiato chissà da chi. Raggiunse il momento algido e mise il punto finale. Esalò un sospiro.

Si appoggiò sullo schienale e contemplò soddisfatto la sua opera. La traduzione era pronta.
 

Montjuïc 1915

Web Ajuntament Bcn  2007-12-15 

arte 

architettura 

?Montjuïc 1915, Primera Mirada? (Primo Sguardo)

Arxiu Fotogràfic de l?Arxiu Històric de la Ciutat de Barcelona
Pl. Pons i Clerch, 2, 2on - 08003 Barcelona
Tel. 932 56 34 20
arxiufotografic@bcn.cat
Fino al 30 maggio 2008.

L?Arxiu Fotogràfic de la Ciutat de Barcelona presenta una selezione di fotografie che la Junta Directiva de l?Exposició Internacional de Barcelona ha raccolto sistematicamente e che illustrano le trasformazioni dalla montagna di Montjuïc.
Le immagini testimoniano la grandezza dei lavori realizzati dallo sforzo di migliaia di lavoratori. La scelta di questo primo periodo, dal 1915 al 1923, mette particolarmente in risalto le fotografie che sorprendono per il rigore formale e trasmettono il fascino del paesaggio naturale che progressivamente scompare per fare spazio ad imponenti edificazioni frutto del lavoro e dell?ingegno umano.
Se inizialmente queste fotografie furono scattate per documentare sistematicamente l?archivio delle costruzioni, dei terreni, del paesaggio, ora sono state raggruppate con criteri moderni sulla scorta dei referenti plastici della storia recente. Partendo dai negativi originali degli autori, si sono infatti realizzate copie in grande formato che permettono una migliore visione iconografica.
Tra il 1913 e il 1930, autori quali Merletti, Roisin, Sagarra, Brangulí, Godes o Pérez de Rozas fotografarono continuamente le trasformazioni della montagna del Montjuïc. Il risultato di questo lavoro è un?estesa produzione fotografica con più di mille opere, tra negativi su vetro e positivi su carta, questi ultimi raccolti in due album: "Pruebas fotográficas" e "Exposición Barcelona. Exposición Internacional de Industrias Eléctricas y General Española".
Dal 1932 quest?immenso materiale fotografico viene conservato presso l?Arxiu Fotogràfic de l?Arxiu Històric de la Ciutat de Barcelona e fa parte del Subfons Exposició Internacional de Barcelona 1929.
 

En Transició

Web CCCB Bcn  2007-12-12 

cultura 

costumi 

?En Transició?
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Curatori: Manel Risques, Ricard Vinyes e Antoni Marí
Dal 20 novembre 2007 al 23 febbraio 2008.

L?esposizione ?En Transició? non è stata pensata in termini di descrizione cronologica, narrativa, di un?epoca storica, ma come una proposta di comprensione del processo complesso e profondo che caratterizzò gli anni tra la dittatura franchista e la democrazia, attraverso le persone che li hanno vissuti
Gli individui e i vari collettivi sono i veri protagonisti della mostra che illustra i grandi cambiamenti che si verificarono ad ogni livello della società spagnola negli anni 70 e 80. Il risultato è una narrazione che vincola le storie personali a quelle collettive, di cui si testimoniano le vittorie e le sconfitte.
L'esposizione offre uno spazio introduttivo in cui vengono analizzate le contraddizioni interne del regime franchista attraverso la ricostruzione di una riunione segreta del ?Consejo del Movimiento?.
Seguono nove spazi tematici che disegnano l?evoluzione di una società che ha disarticolato tutto ciò che il regime franchista sembrava aver lasciato come perenne mandato: 1. Sciopero, 2. Commissariato, 3. Scuola, 4. Nuclei di Convivenza, 5. Ospedali psichiatrici, 6. Scena musicale, 7. Rappresentazioni, 8. Domande alla Transició.
Nella parte finale (9. Obstacles / Ostacoli) un asse trasversale presente lungo tutto il percorso espositivo mette in rilievo, attraverso lo humor grafico, le vignette e la satira, i principali ostacoli che hanno frenato il processo verso le libertà democratiche.
L?esposizione sarà presentata anche a Madrid.
 

Rebis.Periferiche/Reset

Angelo Rossi  2007-12-09 

cultura 

libri 

Rebis.Periferiche di Lisa con RESET di Bad Sector

"o parola che sembra
discarnata snervata
smuscolata spolpata
isola tra le membra"

Si diceva nella prima tappa della nostra rubrica, che si sarebbero affrontati quegli autori che hanno fanno del superamento dei compartimenti stagni dei generi una delle linee base della propria ricerca in ambito poetico. In questa seconda tappa vogliamo allora soffermarci su una delle operazioni più riuscite in questo ambito: si tratta di Rebis.Periferiche/RESET, opera nata dal felicissimo incontro tra un giovane poeta italiano contemporaneo, Tommaso Lisa, e un musicista sperimentale da anni impegnato nell'ambito della ricerca nella fisica del suono, Bad Sector. Il risultato dell'incontro è un cd+booklet prodotto da un'etichetta musicale di Pordenone, l'OECD impegnata nell'ambito della musica gotico-industriale. Il cd è allegato al libro di Tommaso Lisa, o viceversa: naturalmente il libro accoglie ben più dei 12 testi entrati a pieno titolo nel cd. Se partiamo dal libro, non possiamo non soffermarci sul percorso poetico di Tommaso Lisa, impegnato nell'esplorazione delle potenzialità "periferiche" della parola: ma, attenzione, in ambito musicale ed elettronico una perfierica non è elemento marginale, bensì una fonte di segnale, la traccia base che filtrata, elaborata, potenziata, distorta produce suono da un semplice impulso. Lisa, che oltre ad essere poeta con numerose pubblicazioni alle spalle e soprattutto con una solida esperienza nell'ambito della fonografia, è anche dottore di ricerca in Letteratura con una tesi sulle poetiche dell'oggetto da Anceschi ai Novissimi, si concentra su un registro lessicale che predilige particolarmente l'oggettualità spesso minerale o industriale e persegue l'assenza di organico e umano. Inoltre agisce sapientemente sulla parola sorvolando e trascurando volontariamente l'aspetto semantico e concentrandosi particolarmente sul significante: la parola/suono diventa così prima di tutto oggetto, periferica, punto d'indeterminazione determinato dall'ordito testuale in cui viene inserita e dalla modalità di fruizione del testo poesia, che esprime sempre la propria massima potenzialità nell'esecuzione performativa. Ne viene fuori un paesaggio spesso sterile e asettico come un non-luogo o come una periferia post-industriale abbandonata ma proprio in quanto tale terreno fertile per azzerare l'univocità del dettato semantico e per lasciare spazio agli scorazzamenti del lettore. Ci sembra allora di aver colto un'istanza di metodo, poiché è sulla stessa falsariga che le parole di Lisa entrano nel RESET che ne fa Bad Sector, musicista, compositore, creatore di periferiche e, naturalmente, performer da anni sulla scena come artista, oltre ad essere ricercatore di professione. L'ambito di ricerca di Bad Sector è quel fertilissimo terreno in cui sono impegnati numerosi artisti contemporanei nel tentativo, spesso felicemente riuscito, di trasformare suoni, rumori, impulsi elettrici in ritmo, musica vera e propria nell'assenza pressoché totale di qualsiasi strumento tradizionale. Nel paesaggio sonoro creato da Bad Sector le parole di Lisa si inseriscono acusticamente elaborate, distorte, variate, semplicemente irriconoscibili come la voce dell'autore stesso che le performa. La parola viene trattata in modo plastico, scultoreo quasi, fino a divenire suono tra i suoni, ritmo, oggetto. La poesia si fa musica e la musica poesia in una schizofrenica e centrifuga linea di sviluppo che tradisce i canali tradizionali del libro a stampa e fa letteralmente schizzare via dalla pagina la poesia.
 

La solita domanda

Giulia Romanelli  2007-12-09 

cultura 

libri 

La solita domanda.

di Giulia Romanelli

Sedeva davanti allo specchio.
Sedeva in compagnia di se stesso e delle sue mani immobili.
Si stava lambiccando con la solita domanda di sempre, che gli spezzava i pensieri e il respiro, quando bussarono alla porta.
Un nuovo volto comparve insieme al suo nello specchio, alle sue spalle, dalla penombra della stanza.
?Mi hai chiamato??
Rispose stupito: ?Ecco, io veramente, non saprei...?
Stava già per scomparire dietro la porta, quando...

Quando lo scrittore ebbe un gesto di stizza e lasciò perdere, infastidito forse dai rumori in strada, o dalla fame. Era tardi e non aveva ancora cenato.
E adesso?
Che farne del vecchio attore lasciato lì davanti allo specchio a interrogarsi, chi mai era entrato alle sue spalle, la morte, o la vita?
Colpa degli specchi, era un gioco troppo facile, non avrebbe dovuto abusarne, ormai era un vecchio trucco che conoscevano tutti.
Eppure lo affascinavano gli specchi, e ancor più gli specchi in teatro, e le maschere riflesse negli specchi in teatro, riflessi nello sguardo del pubblico, riflesso nello sguardo degli attori.
Si sentí spezzato in più punti.
La vertigine lo obbligó a sedersi. Guardó nello specchio.
Qualcuno bussó alla porta.
?Mi hai chiamato??
Rispose stupito: ?Ecco, io veramente non saprei...?
 

Timelines

Jorge Puértolas Marcén  2007-12-02 

arte 

esposizioni 

"Timelines: Tansparencias en una habitación oscura"
di Joan Jonas.
Mostra organizzata dal Museu d?Art Contemporani de Barcelona.
Dal 20 settembre 2007 al 7 gennaio 2008.

La ?Capella? e l?edificio principale del Macba accolgono questa prima mostra retrospettiva dell?opera di Joan Jonas, un'artista che occupa una posizione di rilievo nella tecnica della performance e del video fin dagli anni 60 e 70. Nella ?Capella? si può godere della sua magnifica performance "Mirage" (1976) dove il gioco di specchi e lo sguardo ci fa capire l'inquietudine dell'artista per l?identità. Nell?abside si osserva l?istallazione usata per la l'interpretazione del mito di Elena di Troia nella più recente "Lines in the Sand" (2002). Per la maggior parte si tratta di interpretazioni dirette, Joan Jonas lavora su versioni d?altri artisti che trasforma in modo assai personale come nella performance barcellonese del 25 ottobre, nella quale su testi della ?Divina Commedia? ha elaborato un suo adattamento con l?aiuto di ragazzi che hanno partecipato al workshop svoltosi dal 15 e al 19 ottobre.
L'esposizione presenta gli elementi tipici dell?opera dell'artista di New York, immagini che si ripetono, cerchi senza fine... riescono ad allontanarci dalla realtà.
L?uso di riferimenti al mondo animale rafforza il carattere mitico di alcuni dei suoi capolavori. Tutto questo senza mai dimenticare che il linguaggio di Joan Jonas di solito si nutre del teatro Noh e Kabuki del Giappone, due forme classiche del teatro drammatico di questo paese dell'Estremo Oriente, ed anche delle danze ancestrali degli indiani Hopi a cui lei stessa assistette nel 1970.

La mostra mette alla prova i sensi del visitatore che non deve soltanto osservare ma integrarsi nell'opera, spesso sorprendente. L?uso di ogni tipo di materiale: terra, carta, maschere.. e i video, le luci e i suoni fanno percepire la grandezza visiva che caratterizza l'arte di Joan Jonas.
Come ad esempio la performance realizzata al Macba, dove ha mostrato la sua sensibilità nel colpire i sensi del pubblico.

Chiunque vada alla mostra deve pensare che non troverà la vera opera di Jonas, dato che la sua creazione è viva, nasce e muore nel momento della performance. Gli oggetti che vi si trovano non sono che gli elementi o le istallazioni usate nelle diverse performance; comunque l?atmosfera ricreata attraverso i video può trasportare lontano e far sentire l?universo Jonas.

Jorge Puértolas Marcén
 

Casa Amatller

Web Ajuntament Bcn  2007-11-28 

arte 

esposizioni 

Il Museo del Prado, alla Casa Amatller.
Casa Amatller
Passeg Gràcia, 41
Fino al 30 marzo 2008

L'architetto modernista Puig i Cadafalch costruì Casa Ametller tra il 1898 e il 1900. Con Casa Lleó Morera e Casa Batlló costituisce la denominata "Illa de la Discòrdia" (Isola della Discordia), formata da tre edifici modernisti in uno stesso isolato. Tutti e tre di grande valore architettonico, ma di stile assai diverso. Casa Ametller richiama lo stile gotico dell'Europa centrale, soprattutto per il tetto piramidale ma anche il gotico catalano degli archi e delle finestre e la chiara influenza modernista delle ceramiche utilizzate sulla facciata.
In questi giorni Casa Amatller presenta l'esposizione "Dibujos al descubierto. Reflectografías infrarrojas de pinturas de los siglos XV y XVI del Museo del Prado".
La mostra combina l'interesse scientifico e l'esibizione delle trasformazioni realizzate da maestri quali Hieronymus Bosch e Botticelli, dal progetto di disegno alla terminazione pittorica. Vengono presentati disegni di alcune delle opere pù rilevanti delle collezioni del Prado del XVº e del XVIº secolo. Quattordici opere sono state sottoposte alla tecnica della riflettografia ad infrarossi per svelare la bellezza occulta delle tavole e mettere in risalto il disegno.
 

Aida al Liceu

Web Gran Teatre del Liceu Bcn  2007-11-28 

musica 

concerti 

"Aida"
di Giuseppe Verdi.
Orchestra Sinfonica e Coro del Gran Teatre del Liceu di Barcellona.
Gran Teatre del Liceu
Carrer la Rambla, 51
Le rappresentazioni saranno in programma fino al 19 gennaio 2008.

Opera in quattro atti.
Messa in scena per la prima volta al Teatro dell'Opera del Cairo il 24 dicembre 1871. La prima a Barcellona fu al Teatre Principal il 16 aprile 1876 e al Gran Teatre del Liceu l'anno seguente, il 25 febbraio 1877.
Libretto: Antonio Ghislanzoni
Musica: Giuseppe Verdi
Direzione musicale: Daniele Callegari
Direttore di scena: José Antonio Gutiérrez
Scenografia: Josep Mestres Cabanes (restaurata da Jordi Castells).

Grande attesa per una delle opere più emblematiche di Giusepe Verdi, Aida.
La defezione del soprano Fiorenza Cedolins e la presenza del tenore francese Roberto Alagna, fischiato alla Scala circa un anno fa, sempre durante una rappresentazione di quest'opera, caratterizzano la messa in scena di José Antonio Gutiérrez.

Aida: Micaela Carosi, Indra Thomas, Hui He, Hasmik Papian
Amneris: Elisabetta Fiorillo, Marianne Cornetti, Larissa Diadkova
Radamès: Roberto Alagna, Marco Berti, Piero Giuliacci
Amonasro: Joan Pons, Ambrogio Maestri, Alberto Mastromarino
Ramfis: Carlo Colombara, Andrea Papi, Giorgio Giuseppini, Stefano Palatchi
Sacerdotessa: Begoña Alberdi
Messaggero: Josep Fadó

Costumi: Franca Squarciapino
Luci: Albert Faura
Coreografia: Ramon Oller (Cia. Metros)
Co-produzioe: Gran Teatre del Liceu/ Festival Internacional de Música de Santander.

Opera della maturità verdiana, ambientata nell'antico Egitto, narra la storia d'amore tra Aida, una principessa etiope schiava e Radamés, comandante dell'esercito egiziano che occupa le sue terre. A questo amore si oppongono Amonasro, padre di Aida, che esige vendetta e Amneris, figlia del faraone, innamorata di Radamés.
 

Napper e Frith al Mnac di Bcn

Web Ajuntament Bcn / Trad. R.F.  2007-11-28 

arte 

esposizioni 

"Napper i Frith. Un viatge fotogràfic per la Ibèria del segle XIXº"
Museu Nacional d'Art de Catalunya
Carrer Mirador Palau Nacional, 6
Fino al 10 febbraio 2008

L'esposizione presenta 124 fotografie che ripercorrono la penisola Iberica, per la maggior parte realizzate dal gallese Robert P. Napper, che su incarico della società "Francis Frith & Co.", nella seconda metà del XIXº secolo, effettuò vari reportage in Spagna, Portogallo e Gibilterra.
Poco conosciuto dal grande pubblico, Napper fu uno dei fotografi pionieri nella rappresentazione fotografica realista della figura umana e quindi uno dei primi foto documentaristi.
Nella seconda metà del XIXº secolo la fotografia si diffuse rapidamente così come l'interesse per i paesi lontani ed esotici. La pubblicazione delle prime riviste illustrate e l'espansione coloniale favorì la nascita delle prime forme di turismo culturale: prima l'Italia, ma anche la Grecia, la Spagna il Medio Oriente e la Terra Santa l'Egitto e quindi l'Algeria e il Marocco.
Numerosi letterati, artisti, avventurieri, eruditi e fotografi si lasciarono sedurre dal fascino di questi paesi. La Spagna divenne meta di parecchi intellettuali, soprattutto inglesi, francesi e americani, affascinati in special modo dall'Andalusia e dal suo passato islamico.
L?esposizione è il risultato di un lavoro di ricerca sulla società inglese "Francis Frith & Co.", una delle prime grandi compagnie specializzate nella produzione di copie fotografiche agli inizi della diffusione commerciale della fotografia. Il proprietario, il fotografo Francis Frith (1822-1898) creò la compagnia nel 1860 e pubblicò 25 libri fino al 1886.
Robert P. Napper, viaggiò in Spagna dal 1861 al 1864 e dedicò particolare attenzione all'Andalusia pubblicando alcune delle sue migliori opere nell?album "Views in Andalusia".
Molte delle fotografie presentate alla mostra sono inedite o vengono esposte per la prima volta e provengono da istituzioni pubbliche e da collezioni private.
 

Atrapats al gel

Web Museu Marítim de Bcn  2007-11-18 

arte 

esposizioni 

Atrapats al gel (Prigionieri del ghiaccio).
?La leggendaria spedizione di Shackleton all?Antardite?.
Museu Marítim de Barcelona.
Dal 13 novembre 2007 al 24 febbraio 2008

L?esposizione fa rivivere l?incredibile impresa dell?esploratore Ernest Shackleton e dei suoi ventisette uomini che tentarono di portare a termine la prima traversata a piedi dell?Antartide. Nell?agosto del 1914, mentre stava per scoppiare la Prima Guerra Mondiale, la spedizione, imbarcata sulla nave Endurance, cominciò questa straordinaria avventura. Ma quando si trovava a solo un giorno di navigazione dalla terra ferma, la nave rimase imprigionata nel ghiaccio del Mare Weddell e vi rimase, trasportata dai ghiacci alla deriva, per un anno, fino al 1915. Squarciata dalla pressione del ghiaccio, l?Indurance affondò. Shackleton e i suoi uomini iniziarono così una lunga marcia che li portò in salvo nel settembre del 1916, dovendo superare cincostanze climate ed ambientali assai avverse. Frank Hurley, il fotografo della spedizione, in quei drammatici mesi di lotta quotidiana per la sopravvivenza, riuscì a cogliere in modo magistrale l?impressionante bellezza dei paesaggi antartici.
?Atrapats al gel? viene organizzata nell?ambito dell?Anno Polare Internazionale 2007-2008, che dal marzo 2007 presenta un ambizioso programma di ricerca e diffusione a cui partecipano scienziati di oltre sessanta paesi. L?esposizione è un contributo alla conoscenza delle regioni polari e alla diffusione dell?importanza degli studi e della conservazione di tali zone, soprattutto in momenti di grande preoccupazione per l?andamento dell?equilibrio climatico del pianeta.
La mostra offre, oltre alla documentazione dell?impresa di Ernest Shackleton e dei suoi uomini, fotografie e una grande quantità di materiale scientifico sull?Antartide.
 

Bandabardò a Bcn

Giovanni Vargiu / Radio Chango  2007-11-17 

musica 

concerti 

Bandabardò.
Sala Bikini. Barcelona.
Jueves 15 de Noviembre de 2007.

Después de su tercera gira en España y de llenar la Sala Heinecken de Madrid el 8 de febrero pasado, podemos confirmar que Bandabardó es ya una realidad en España. Diez discos publicados en su país desde que se formaran en Marzo del 93 y una media de 150 conciertos al año, recorriendo cada local, club, pueblo, campo de deportes, centro social, festival o universidad de Italia demuestran que Bandabardó es uno de los grupos con el directo más destacado de la vecina península. Ahora Bandabardó nos visita a su regreso de México, donde han vivido probablemente su experiencia más intensa apoyando diferentes proyectos educativos de Chiapas. Bandabardó presenta su último trabajo editado en Italia "Fuori Orario" el primer Doble CD recopilatorio de la banda, que contiene además 4 temas inéditos y algunas versiones ?live? para no perderse. También han editado recientemente su primer DVD,?Vento in Faccia? plasma en imágenes toda la fuerza de los italianos encima de un escenario. "Fuori Orario" ha sido editado, además de en Italia, en Alemania, Francia, Luxenburgo y Belgica. Sonido completamente acústico, mediterráneo e intenso, cóctel explosivo que invita a la danza y a la diversión.
En Italia llevan casi quince años haciendo bailar a sus paisanos con su entretenido folk rock bañado por ritmos latinos, reggae y ska Banda eminentemente acústica, los músicos florentinos que forman Bandabardò están embarcados en una gira sin pausa que visitará Barcelona para contagiar la fiesta y alegría con su incansable ritmo.
Erriquez, Finaz, Don Bachi, Orla, Ramón y Nuto, los seis miembros que forman el combo, tomaron el nombre de Bandabardò en honor a la sex symbol francesa Brigitte Bardot.

Bandabardò a Barcellona (15/11/07)
Attenzione e Concentrazione. E? quello di cui avrei bisogno per scrivere quest?articolo. Sì, perché della Bandabardò conosco poco o niente, a parte Attenziò Concentraziò ovviamente. E ora dovrei scrivere un articolo a causa di una promessa strappatami a tradimento. Mah, dice che dovrei riportare la scaletta dei pezzi e parlare un pò dei componenti del gruppo.
Visto che la mia pigrizia atavica mi impedisce di prendere appunti su un taccuino e tantomeno di tormentare qualche malcapitato chiedendogli il titolo di ogni singola canzone che viene suonata, opto per una strategia mnemonica.
La strategia è questa: memorizzare le caratteristiche di ogni singola canzone e dopo, con calma, fare una ricerca su internet mettendo su google le parole chiave inerenti le caratteristiche sopra citate (tiè!).
Cosicché inizia il concerto e la prima canzone comincia, o ha al suo interno (non ricordo bene), svariati assoloni di chitarra. Bene, mi appunto mentalmente ?assoloni di chitarra?, se non bastasse potrei mettere anche ?ha al suo interno? o ?non ricordo bene? (certo che internet ne fa di prodezze eh?).
Bene, prima canzone fatta. La seconda è ancora più facile: ?quella col fischio?, o anche ?quella dove si rompe la corda al cantante-chitarrista?.
Bene, anche la seconda è fatta.
Dopo di ché la mia strategia mnemonica se ne va a ramengo perché praticamente tutte le canzoni cominciano o ?hanno al loro interno? un ?assolone di chitarra? e alla fine mi verrebbe fuori una scaletta composta da un fracco di canzoni con lo stesso titolo, una canzone diversa (quella col fischio) e Attenziò Concentraziò.Mierda.
Vabbè, ci penserò dopo. Passiamo ai componenti del gruppo.
Bandabardò, formazione attuale:
Erriquez - Enrico Greppi - voce, chitarra
Finaz - Alessandro Finazzo - voce, chitarra
Donbachi - Marco Bachi - basso
Orla - Andrea Orlandini - chitarra, tastiera
Nuto - Alessandro Nutini - batteria
Cantax - Carlo Cantini - preproduzione
Ramon - Jose Ramon Caravallo Armas - percussioni, tromba
I nomi sono facili e anche qua sicuramente internet mi darà una mano (me li cerco questo pomeriggio). C?è il chitarrista senza capelli, ma con un tiro ?the puta madre? (come direbbero a Londra), è lui il padrone di tutti gli assoloni che ho detto prima e usa una chitarra acustica come se fosse un?elettrica. Ha una padronanza sconcertante. C?è il cantante che anche lui suona la chitarra. Ritmica. E? ?alto? e ?con la barba?. Il batterista era ?un pò nascosto? e non lo ?vedevo bene? (mi chiedo se tutte queste parole chiave non diano troppi dettagli al signor internet). Però anche lui si sentiva forte e chiaro.
C?è anche un bassista, o contrabbassista, che usava un ?contrabbasso magrolino? rispetto a un contrabbasso normale e ogni tanto ci si puntellava per ballarci attorno. C?è un percussionista-trombettista-cantante, un ?cubano enorme? che ha anche cantato qualche ?brano in cubano? (questa definizione mi potrebbe servire anche per la scaletta).Infine c?è un ?altro chitarrista?. Suonava principalmente la chitarra elettrica, ma anche le tastiere e aveva i ?capelli un po? lunghi? (anche il contrabbassista aveva i ?capelli un pò lunghi?, vuoi vedere che google mi dice che si tratta della stessa persona?).
Bene, più o meno mi sembra di aver adempiuto alla promessa fatta. Spero solo di non essere stato troppo preciso nei dettagli.
Per quanto riguarda il concerto in sé è stato trascinante anche per me che ero un profano, e, anche se l?Attenzione e la Concentrazione ogni tanto mi abbandonavano, di Ritmo e Vitalità ce n?era a profusione.
Giovanni Vargiu.
 

Biografia Bandabardò

Web Bandabardò  2007-11-17 

musica 

concerti 

La Bandabardò è un gruppo fiorentino di rock e folk principalmente acustico formatosi nel 1993, il cui nome è un omaggio a Brigitte Bardot.
La Bandabardò nasce l'8 marzo 1993. Enrico "Erriquez" Greppi, cantante franco-lussemburghese-fiorentino riesce a convincere Alessandro Finazzo (detto Finaz), allora virtuoso chitarrista elettrico, a buttare via ogni amplificatore e a fondare una band che proponesse canzoni da cantare tra amici. L'obiettivo è infatti quello di trasportare sul palco la stessa atmosfera delle suonate tra amici e la neonata band comincia un tour in Italia e in Francia suonando per locali e anche per strada.
Il primo album, "Il circo mangione" esce nel 1996 ed ottiene un ottimo successo, vincendo anche il Premio Ciampi. Il successo è confermato col secondo album, "Iniziali Bì-Bì", seguito a ruota da un live in edizione limitata, Barbaro tour. Nel 2000 esce "Mojito Football Club", apprezzato dalla critica e segnalato come disco del mese da Rockerilla. L'anno successivo viene pubblicato un altro live, "Se mi rilasso... collasso", che contiene anche l'inedita "Manifesto".
Ma è con "Bondo! Bondo!" nel 2002 che la band ottiene un successo internazionale con un tour in Spagna, Francia e Svizzera. Nello stesso anno Paolino esce dal gruppo (ora suona con Piero Pelù) e viene sostituito nel tour invernale da Ughito, giá percussionista dei Malfunk. Dal 2003 entra a far parte della formazione Jose Ramon Caravallo Armas, meglio conosiuto come Ramon, ai fiati e alle percussioni.
L'album "Tre passi avanti" esce nel 2004. Nello stesso anno viene pubblicata l'autobiografia della Banda, scritta con Massimo Cotto e intitolata "Vento in faccia", dall'omonima canzone (edita da Arcana). "Vento in faccia" è anche il titolo del DVD che contiene il concerto di apertura del tour per l'ultimo album, a Firenze, oltre a riprese di backstage e messaggi dei fan. Tra le collaborazioni del gruppo: con Daniele Silvestri nel brano "Cohiba", Max Gazzè, Paola Turci e anche con Patty Pravo, nel cui album "Nic-Unic" suonano e fanno da coro nella canzone "Tristezza moderna".
Collaborano con i Modena City Ramblers nell'album "Appunti partigiani" del 2005, con il brano "I Ribelli della Montagna". Nell'ottobre 2005 esce "GE-2001", compilation pubblicata in allegato al quotidiano Il manifesto per raccogliere fondi per i processi seguiti ai Fatti del G8 di Genova. Vari gli artisti che partecipano all'iniziativa, tra questi anche la Bandabardò con il brano "La fine di Pierrot".
Il 1º settembre 2006 segna il ritorno discografico della band fiorentina con il "Greatest Hits - Fuori Orario" che, a sorpresa, riceve un ottimo riscontro: primo nelle classifiche dei punti vendita indipendenti e settimo nelle grandi catene.
Bandabardò, formazione attuale:
Erriquez - Enrico Greppi - voce, chitarra
Finaz - Alessandro Finazzo - voce, chitarra
Donbachi - Marco Bachi - basso
Orla - Andrea Orlandini - chitarra, tastiera
Nuto - Alessandro Nutini - batteria
Cantax - Carlo Cantini - preproduzione
Ramon - Jose Ramon Caravallo Armas - percussioni, tromba.
 

PerImetri. Poesie di Gabriele Frasca

Angelo Rossi  2007-11-17 

cultura 

libri 

PerImetri

"giunto al frigo l'aprì, non c'era molto,
solo l'austerità delle lamiere
d'alluminio, riempì d'acqua un bicchiere,
restò a guardarlo, ed insipido il volto
galleggiò un po', poi si mise in ascolto,
niente, ovviamente, poteva sedere
ora, tranquillo, frugarsi, vedere
dentro, più dentro, ecco, non c'era molto"

G.Frasca, Lime, Einaudi 1995

Parlare della poesia di Gabriele Frasca non è facile, ma è sicuramente la stella polare sotto la quale vorrei iniziare questa rubrica che sarà, udite udite, una rubrica di poesia italiana: perché bisognerà prima o poi pur smetterla di accennare un istintivo sbadiglio quando si sente solo nominare il genere in oggetto. Ed è con le pupille dilalate dalla ricerca mediatica di cui è capitale la città in cui scrivo, Barcellona, che vorrei farlo per rendere conto del fermento che qui non giunge: il palcoscenico bifronte di Bcn-it può rivelarsi forse una buona occasione per collegare entrambi. Vorrei accostarmi e fornire qualche strumento per accostarsi alla poesia italiana contemporanea facendolo attraverso un'agguerrita schiera di contemporanei che l'ha presa per mano e l'ha traghettata in territori simultaneamente nuovi e antichi; ma più di tutto la traghetta dalla stanza chiusa dell'evento intimo e privato e dalla sterile stasi della pagina stampata all'hinc et nunc dell'evento collettivo, alla traccia chimica impressa sul lato b, quello registrabile, di un cd, al quasi immateriale dell'elttronico, al vibrare di timpani e corde vocali. La poesia, per questa schiera di autori vecchi e giovani, è territorio di sfondamento delle pareti tra i media e tra i generi, ed è per questo che qui si comincerà da colui che è il più potente e agguerrito tra essi, Gabriele Frasca. Se lasciamo a Google l'onere dell'annotazione biografica, possiamo subito dire che Frasca è romanziere, saggista, filologo e fine conoscitore della teoria dei media, docente di letterature comparate, traduttore di Samuel Beckett e Philip Dick, autore di testi teatrali, frequentatore dei microfoni di Radio Tre e di qualche palcoscenico teatrale in esplosivo connubio con Roberto Paci Dalò di Giardini Pensili(http://giardini.sm/): ma Frasca è prima di ogni cosa un poeta. Rame, Lime, Rive pubblicate per Zona e per la consacrante Collana Bianca dell'Einaudi, e, fra non molto, Prime per Luca Sossella Editore, sono la serie di titoli bisillabi delle sue raccolte: una costanza sillabica che è un primo punto luminoso per disegnare la costellazione della poetica fraschiana. Partito da una puntuale riflessione filologica e mediale, il mondo poetico di Frasca riscopre la metrica in un'inarcatura linguistica in cui la parola si piega all'esperta fucina del poeta. Oltre alla sua ancestrale funzione mnemonica, la metrica nella poesia di Frasca è soprattutto congegno acustico e ritmico: si innesta su un linguaggio e una materia ordinari che è quanto di più lontano dallo scontato sublime della poesia, poiché pesca a piene mani nel quotidiano. La materia è, inoltre, trattata con passo fumettistico: il verso delinea, con pochi tratti pittorici che si rivelano inneschi per la sfera immaginitiva della mente, una vera e propria sequenza. Metrica, ritmo, fumetto, epica del quotidiano "cospirano" a delineare una situazione emotivamente potente che coinvolge più sensi e fa appello a diverse sfere intellettive: più che realismo, si tratta forse di iperrealismo poiché il quotidiano è restituito nella pienezza della sua "messa in situazione". Ma questi stessi elementi cospirano a far schizzare via dalla pagina il testo e a restituirlo al suo medium originario, la voce. Nella sua tensione all'oralità la poesia torna tra la gente, al suo territorio naturale, quello della performance e il poeta torna ad essere prima di ogni cosa un performer: ed è proprio quello che state ascoltando il frutto forse più alto e divulgativo del grande lavoro della fucina fraschiana, una canzone. Insieme ad un abile gruppo di musicisti napoletani, riuniti sotto l'allusivissimo nome ResiDante, Frasca ha dato vita al cd Il fronte interno vera e proprio raccolta di canzoni pubblicate per Luca Sossella Editore: il testo così lascia definitivamente la pagina e diventa, su un tappeto musicale che fa tesoro della lezione stilistica dei Residents di cui Frasca è profondo conoscitore, canzone, ritornello che viene canticchiato e magari reinventato mentre si lavora, in un paradossale riallacciarsi all'antico e fluido status del testo dantesco finito sulle labbra degli artigiani della Firenze mediovale.

Angelo Rossi

Gabriele Frasca è nato a Napoli nel 1957.
Nel 1984 ha pubblicato ?Rame?, la sua prima silloge poetica, per la casa editrice Corpo 10 di Milano. Una nuova edizione di questo lavoro è uscita nel 1999 per l?editore Zona di Genova, mentre altre due raccolte di poesie ? ?Lime? e ?Rive? ? sono state pubblicate da Einaudi di Torino rispettivamente nel 1995 e nel 2001.
Ha fondato i gruppi poetico-musicali Asilo Poetico e i ResiDante e ha collaborato a più riprese con musicisti come Steven Brown e Roberto Paci Dalò.
Nel 2005 ha tenuto presso l?Università di Lecce il seminario ?Il suono e la voce?, con Giovanni Lindo Ferretti, Andrea Rossetti e Roberto Paci Dalò, presentando insieme a quest?ultimo il progetto ?Rimi?, finalizzato alla realizzazione e all?esecuzione di una ?letteratura da ascolto?.

 

14è Festival de Cinema Independent de Barcelona 'L'alternativa 2007'

Web Ajuntament Bcn  2007-11-16 

spettacoli 

cine 

Llocs: Pantalla Hall del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Fnac El Triangle
Casa Amèrica Catalunya
Auditori del Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Institut Français de Barcelone
Cinema Maldà
Casa Àsia
Del 16 al 24 de novembre de 2007.

Nous creadors, films de més de 60 països, curtmetratges i documentals al Festival de Cinema Independent de Barcelona.
Cada any, L'Alternativa, el Festival de Cinema Independent de Barcelona, ofereix l'oportunitat de veure obres que normalment no tenen lloc a la cartellera comercial.
En l'edició d'enguany, la número 14, el festival ha batut el rècord de participació, amb més de dues mil pel·lícules que s'han presentat a les quatre seccions competitives. De totes aquestes, finalment 65 pel·lícules de 26 països competiran per fer-se amb el premi al millor llargmetratge, documental, curtmetratge o animació. A tot això s'han d'afegir les sempre estimulants seccions paral·leles.
Teatre i jazz.
Aquest any el Festival dedica una retrospectiva a Peter Brook. El director i teòric de teatre també es va interessar pel cinema, especialment a l'inici de la seva carrera. A més, també va fer adaptacions al cinema d'obres de teatre.
Nous creadors i creadors de novetats.
L'altre nom propi del festival és el de Paul Busch. L'animador britànic és ja un nom consolidat, ja que les seves obres, que barregen ficció, documental i animació, formen part de les col·leccions d'art d'alguns museus.
D'altra banda, L'Alternativa és sens dubte una ocasió per conèixer el treball de creadors novells. Enguany, la programació del festival ofereix una selecció del millor cinema jove de Mèxic i de les obres més innovadores dels curtmetratgistes alemanys. No hi faltarà l'habitual secció que ens apropa al treball que es fa a les escoles de cinema.
Mirades a Bolívia.
També cal destacar el monogràfic dedicat al grup de cineastes bolivià Grupo Ukamau, que durant els 40 anys de trajectòria han retratat la realitat del poble de Bolívia.
Completen les seccions paral·leles de L'Alternativa un repàs al curtmetratge espanyol, una sessió dedicada a l'anomenat documental de reportatge i diversos tallers especialitzats.

Llargmetratges:
Familia Tortuga Rubén Ímaz Castro (Mèxic)
La León Santiago Otheguy (França)
O Grão Petrus Cariry (Brasil)
Tejut Benedek Fliegauf (Hongria)
¿Dónde están sus historias? Nicolás Pereda (Mèxic / Canadà)

Curtmetratges:
Dad Daniel Mulloy (Regne Unit)
Escalator Björn Kämmerer (Àustria / Alemanya)
Le Cahier Froid Jean-Claude Taki (França)
Primera nieve Pablo Agüero (Argentina / França)
Como todo el mundo Franco Lolli (França)
Le voyage de Rabia Meyar Al Roumi (França)
Minutite sled tova Nikolay Todorov (Bulgària)
Türelem László Nemes (Hongria)
Flat Dreams Eva Tang (Singapur)
La piscine de maman Yann Chayia (França)
Le remords Yann Sinic (França)
Trecho Clarissa Campolina & Helvécio Marins Jr (Brasil)
Water Buffalo Christelle Lheureux (França)
Help is Coming Ben Mor (Estats Units)
Hinterland Geoffrey Boulange (França)
Puertas adentro Martín Carranza (Argentina)
Sur ses deux oreilles Emma Luchini (França)
Europa 2007 Pedro Caldas (Portugal)
Hold Up Thierry Samitier (França)
L'escale Shalimar Preuss (França)
La parabólica Xavi Sala (Espanya)
Lo que trae la lluvia Alejandro Fernández Almendras (Xile)
 

Il mercato di Sant Antoni

Roberto Fenocchio  2007-11-05 

posti belli 

mercati 

Il mercato di Sant Antoni compie 125 anni.
I festeggiamenti si celebrano dal 13 al 18 novembre e nei mesi successivi comincerà la ritrutturazione prevista dal Comune di Barcellona.
È uno dei mercati storici della città ed è stato inaugurato il 23 settembre del 1882, opera dell?architetto municipale Antonio Rovira i Trias. Per 5 secoli la Porta di Sant Antoni, alla confluenza tra la Ronda e la calle omonime, è stata la via d?ingresso a Barcellona per re e personaggi famosi che visitavano la città. Dopo l?abbattimento delle mura, nella seconda metà del XIXº secolo, si formò un triangolo tra Piazza di Spagna, la Gran Via, la Ronda Sant Pau, la Ronda Sant Antoni e l?Avinguda Paral.lel, in cui venne edificato il quartiere di Sant Antoni, intorno al mercato.
Il quartiere, pur rispettando la struttura a reticolato degli Eixamples barcellonesi, presentava caratteristiche proprie, che lo rendevano autonomo rispetto alla nuova Barcellona della fine del XIXº secolo. Nel 1909, durante la famosa ?Setmana Tràgica? subì parecchi incendi, come quelli dell?edificio ?de los Esculapios? e della fabbrica di liquori Torres.
Il perimetro del mercato è quello di un isolato degli Eixamples, strutturato con 4 gallerie che si incrociano nel punto in cui si eleva una cupola ottogonale di circa 20 metri d?altezza. Tale disposizione forma 4 piazzole in cui oltre ad una fontana, si trovano 2 padiglioni adibiti a dipendenze del mercato.
La struttura del mercato è costruita in ferro opera della Società Maquinista terrestre y marítima.
Tutte le domeniche si svolge il mercato di libri usati, il più importante della città. Si possono trovare anche dischi in vinile, cassette, video, dvd, videogiochi, qualsiasi componente ciberntico d?occasione, monete, figurine, poster, fotografie, oggetti di antiquariato.È frequentatissimo e non è difficile trovare qualche buona occasione. Il fascino del mercato domenicale di Sant Antoni è proprio il viaggio nella memoria attraverso oggetti e libri che raccontano di una città che ormai non esiste più.
 

1977. Ja som aquí! Memòria d?EFE

Web Palau Robert / Trad. R.F.  2007-11-02 

arte 

esposizioni 

La Generalitat de Catalunya in collaborazione con l?Agenzia Efe presenta dal 20 settembre al 2 dicembre 2007 l?esposizione ?1977. Ja som aquí! Memòria d?EFE?.
Il 1977 fu l?anno in cui vennero convocate le prime elezioni democratiche in Catalogna e in Spagna, fu anche l?anno del ritorno del presidente della Generalitat in esilio Josep Tarradellas e del recupero dell?autogoverno e delle istituzioni catalane soffocate dal franchismo.
Dopo quaranta anni di dittatura, il popolo poteva manifestare nuovamente la propria volontà e cominciava la costruzione di una nuova nazione democratica.
Il 23 ottobre, giorno del suo atteso arrivo a Barcellona dopo un esilio di quasi mezzo secolo, il presidente Tarradellas pronunciò dal balcone dl palazzo della Generalitat in plaça Sant Jaume, le famose parole: ?Ciutadans de Catalunya, ja sóc aquí! ? (Cittadini della Catalogna, (finalmente) sono qui!). Parole che hanno acquisito un valore simbolico importante e divennero famosissime, come ricorda del resto il titolo della mostra. Il percorso espositivo si divide in 4 parti: Il cammmivo verso le prime elezioni democratiche, le lezioni del 15 giugno?77, la manifestazione dell?Onze de Setembre di quell?anno e il ritorno del presidente Tarradellas. La mostra fotografica è allestita nelle sale e nel giardino del Palau Robert di Passeig de Gràcia a Barcellona.
 

Manuel Vázquez Montalbán

Web Palau Robert Bcn / Trad. R. F.  2007-11-02 

cultura 

eventi 

?Con Manuel Vázquez Montalbán?
Palau Robert, Barcellona.
Curatore: Ignasi Riera con la collaborazione di Pep Anglí.
Dal 1º novembre 2007 al 16 marzo 2008.

?Con Manuel Vázquez Montalbán?, è il titolo dell?esposizione allestita presso il Palau Robert di Barcellona che presenta un percorso nella vita e nell?opera del popolare scrittore barcellonese attraverso due sue grandi passioni: la buona cucina e i viaggi.
La mostra, disegnata dallo studio dell?architetto Pep Angli, prevede vari ambiti tra cui una sala da pranzo dove sono disposti 24 tavoli, apparecchiati tutti in modo diverso, ognuno rappresenta un ristorante, tra i molti descritti da Vázquez Montalbán nelle avventure di Pepe Carvalho: da Casa Leopoldo al Bulli, dal Rincón de Aragón all? Egipto. In fondo alla sala da pranzo un caminetto evoca le ricorrenti scene in cui il detective bruciava determinati libri. Il percorso espositivo si conclude con un "fumoir" teatro del ?sobremesa? (il dopo pranzo), da godere con l?immancabile sigaro e coppa di cognac. Manuel Vázquez Montalbán, nato a Barcellona nel 1939 e scomparso 4 anni fa, nel 2003 per un attacco cardiaco all?aereoporto di Bangkok, è molto noto anche in Italia grazie alle avventure di Pepe Carvalho e non solo. Tra i premi letterari assegnati al popolare ?Manolo? in Italia ricordiamo il Premio Raymond Chandler a Viareggio per il romanzo ?Galíndez? nel 1992, il Premio Internazionale di Letteratura Ennio Flaiano per la biografía del generale Franco nel 1994 e il Premio Grinzane Cavour nel 2000.
 

Sota la bomba

Web MACBA Bcn  2007-11-02 

arte 

esposizioni 

Sota la bomba. El jazz de la guerra d?imatges transatlàntica. 1946-1956
MACBA Museu Art Contenporani de Barcelona
Comissaris: Serge Guilbaut i Manuel Borja Villel
Coproducció: Museu d?Art Contemporani de Barcelona (MACBA), Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía (MNCARS)
Del 05/10/2007 al 07/01/2008

Aquesta exposició analitza el diàleg entre diferents esferes de la vida política i cultural de la postguerra als Estats Units i França, i documenta un període molt concret, entre 1946 i 1956, que comprèn des de l'eufòria de l'alliberació i la reconstrucció que segueixen la Segona Guerra Mundial fins a les penombres i la por de la Guerra Freda. La mostra vol comparar i contrastar l'art produït a França i als Estats Units durant aquests anys en què Nova York va substituir París com a centre principal de l'art modern. L'objectiu és entendre com i per què determinades obres van tenir èxit fins a convertir-se en icones mediàtiques, i per què unes altres, en canvi, ni tan sols van ser vistes i encara menys discutides. Tot i això, aquestes icones no van tenir el mateix reconeixement a un costat i a l'altre de l'Atlàntic. Després de la victòria de l'expressionisme abstracte, els crítics americans, amb Clement Greenberg al capdavant, van menysprear la producció artística francesa perquè la consideraven vana i sense sentit. Confrontada amb la imponent presència del moviment victoriós de l'expressionisme abstracte, l'escena artística francesa, en la seva riquesa fragmentada, semblava incapaç de projectar una veu o una direcció úniques cap al futur, com París ho havia fet en el passat.

L'exposició, organitzada seguint un ordre cronològic, pretén introduir en la discussió diferents àmbits de discurs, com ara pel·lícules, diaris, moda, arxius i entrevistes, confrontats amb les obres d'art. La selecció inclou obres de pintors de l'avantguarda clàssica tan coneguts com Pablo Picasso, Fernand Léger, Wassili Kandinsky o Henri Matisse ?que van tenir un gran pes en el desenvolupament de l'art de la postguerra?, i mostra artistes rarament exposats a Espanya, com Jean Dewasne o Édouard Pignon, vinculats al Partit Comunista Francès. El nucli central es desenvolupa a l'entorn d'obres d'artistes tan fonamentals com Jackson Pollock, Robert Motherwell, Willem de Kooning, Mark Rothko, Arshile Gorky, Wols, Henri Michaux, Bram van Velde, Nicolas de Staël, Pierre Soulages o Hans Hartung juntament amb les d'altres artistes rellevants en el seu moment, però avui oblidats pel gran públic. De fet, un dels propòsits de l'exposició és mostrar la importància històrica de diferents proposicions que han estat desterrades de la història lineal del cànon. Entre aquestes hi ha moviments, com el surrealisme revolucionari o els Indian Space, i un extens nombre d'artistes que just ara comencen a ser redescoberts, com Giuseppe Capogrossi, Howard Daum, Alfred Manessier o Steve Wheeler; les artistes Maria-Helena Vieira da Silva, Gertrude Barrer, Irene Rice Pereira, Claire Falkenstein, o els pintors afroamericans Romare Bearden i Byron Brown, entre d'altres.
 

I consigli di Urbano

Lino Graz  2007-10-22 

cultura 

linguistica 

Dodici consigli e un?avvertenza per conservare i ricordi in autunno

Dati l?ora solare alle porte, l?imbrunire in arrivo e i primi freddi, Urbano consiglia di conservare i ricordi come segue:

1. I ricordi di mare possono essere congelati e tenuti in ghiacciaia.
2. I ricordi di montagna verranno messi a seccare tra le pagine di un libro o avvolti in fogli di giornale.
3. I ricordi felici vanno sotterrati perché germoglino in primavera.
4. In genere conservare i ricordi più fragili e delicati in luogo fresco e asciutto.
5. Ci sono ricordi che è meglio tenere lontano dalla portata dei bambini.
6. Ci sono ricordi con cui è invece auspicabile far giocare i bambini.
7. C?è chi ordina i ricordi nei cassetti, con i fazzoletti ben piegati, o in cartelline di documenti.
8. C?è chi preferisce sparpagliarli per la casa e ogni tanto ci inciampa o gli dà un calcio e finiscono sotto gli armadi.
9. Esistono ricordi prêt-à-porter che conviene avere sempre in tasca o in borsa, a portata di mano.
10. Esistono ricordi in formato doc, jpeg, java, pdf, ppt, conservabili in pc o mac o USB.
11. I ricordi piccanti sott?olio, quelli carnosi sott?aceto, quelli umidi sotto sale.
12. I ricordi ingombranti meglio chiuderli in scatoloni o casse in cantina o solaio. Occhio però alle tarme.
Avvertenza.
Chi dovesse trasportare ricordi illegali, può servirsi di valigie a doppio fondo, stive di navi o ingerirli prima di partire per poi?

Ps. Per alcune idee ringrazio Abraham Hurtado e il suo spettacolo di danza ?I was there?, ?Las Historias de Cronopios y de Famas? di Julio Cortázar e gli amici visti nel fine settimana.

Lino Graz
Barcellona, ottobre 2007
 

Passió i negoci, l'art a la Venècia dels segles XVII-XVIII

Web Obra Social Caixa de Catalunya / Trad. R. F.  2007-10-21 

arte 

esposizioni 

"Passió i negoci, l'art a la Venècia dels segles XVII-XVII".
(Passione e affari, l?arte a Venezia nel XVII e nel XVIII secolo)
Fundació Caixa de Catalunya Obra Social.
Sala delle Esposizioni de La Pedrera, Passeig de Gràcia 92.
Curatore: Xavier Barral
Dal 23 ottobre 2007 al 27 gennaio 2008.

"Passió i negoci, l'art a la Venècia dels segles. XVII-XVII" è senza dubbio una delle esposizioni più attese dell?autunno culturale barcellonese. Presentata dalla Fundació Caixa Catalunya fino al 27 gennaio 2008 nella splendida cornice della Pedrera e introdotta da opere di Veronese e dei Bassano, la mostra offre un ampia selezione dell?arte veneziana che influì profondamente sulla cultura europea del tempo.
Per la prima volta a Barcellona si potranno ammirare circa cento capolavori provenienti da importanti musei europei: opere di Tiepolo, Ricci, Guardi, Canaletto, Bellotto, Carriera, Longhi e Canova, oltre a rari disegni, incisioni e preziosi volumi.
La mostra non rappresenta solo un itinerario nella creazione artistica della città in un determinato periodo, ma cerca di illustrare il divenire vitale di Venezia nel momento in cui recupera il palcoscenico culturale europeo ed inizia a generare tendenze artistiche importanti. Nonostante l?inizio della decadenza politica e socio-economica che vive a partire da questi anni, Venezia rimmarrà una città di riferimento nell?ambito artistico ancora per molto tempo, irradiando un?immagine di splendore grazie a questi grandi creatori.
Il percorso espositivo riguarda vari ambiti: la religione, la mitologia, la produzione editoriale, la vita quotidiana, i ritratti e i paesaggi della Venezia dell?epoca.
 

World Press Photo al CCCB

Web CCCB Bcn  2007-10-20 

arte 

esposizioni 

World Press Photo
Mostra internacional de fotoperiodisme professional.
CCCB (Centre de Cultura Contemporània de Barcelona)
Del 16 Oct 2007 al 11 Nov 2007.

El CCCB exposa les fotografies guanyadores del principal concurs mundial de fotoperiodisme, el World Press Photo. Cada any, un jurat internacional tria les fotografies guanyadores d'entre les que envien fotoperiodistes, agències, diaris i fotògrafs de tot el món. Les fotos participen en les categories de notícies d'actualitat, temes d'actualitat, personatges d'actualitat, esports o fotos d'acció, entre d'altres.
L'exposició World Press Photo, coneguda mundialment per tractar-se de la principal mostra itinerant de fotoperiodisme, exhibirà les obres guanyadores del concurs anual que porta el mateix nom.
Cada any, un jurat internacional independent format per tretze membres tria les fotografies guanyadores entre les enviades per fotoperiodistes, agències, diaris i fotògrafs de tot el món. Les fotos participen en 11 categories: notícies d'actualitat, temes d'actualitat, personatges d'actualitat, esports, fotos d'acció, reportatges d'esports, temes contemporanis, vida diària, retrats, naturalesa i art i entreteniment. En l'edició de 2006 van participar en el concurs 4.266 fotògrafs de 123 països, que van presentar imatges dels fets ineludibles de l'actualitat, com ara la guerra a l'Iraq, el tsunami o la crisi a Haití, però també dels moments bonics i insospitats que ofereix l'esport, la naturalesa o la vida quotidiana en qualsevol punt del planeta.
 

Yves Tanguy. L?univers surrealista.

Web MNAC Bcn / Trad. R. F.  2007-10-07 

arte 

esposizioni 

Yves Tanguy. L?univers surrealista

MNAC Museu Nacional d?Art de Catalunya di Barcellona
Dal 26 ottobre 2007 al 13 gennaio 2008

Esposizione organizzata dal Museu Nacional d?Art de Catalunya di Barcellona e dal Musée des Beaux-Arts di Quimper (Bretagna).
Curatore: André Cariou, direttore del Musée des Beaux-Arts di Quimper.

La mostra "Yves Tanguy. L?univers surrealista." porta a Barcellona ben 200 opere che rappresentano le varie tappe dell?attività artistica del pittore francese. È la prima volta che Barcellona dedica un?esposizione antologica a Yves Tanguy (1900-1955), uno degli artisti più rilevanti del movimento surrealista. Accanto ai dipinti più emblematici del suo catalogo surrealista, viene presentata anche una selezione di disegni, incisioni, libri e riviste d?epoca in cui appaiono illustrazioni di Tanguy, fotografie originali e documenti inediti ceduti dalla famiglia dell?artista. La mostra si avvale di opere provenienti da importanti istituzioni pubbliche e da numerose collezioni private.


 

Il traduttore spaziale

Lino Graz  2007-10-07 

cultura 

linguistica 

Di palo in frasca, dopo leone, lince e lucciola, l?enciclopedia illustrata che Urbano sta traducendo è arrivata sulla luna. Non è molto lontana da casa la luna, ma neanche molto vicina. Per un traduttore, le distanze, tanto spaziali quanto temporali, si misurano in parole: quante parole ci sono dalla terra alla luna? Quante parole ci impieghi a lavare i piatti? E a leggere un libro? Lo stesso vale per i prezzi: quanto costa andare in Paraguay? Quindicimila parole, ventimila? Altrettante per fermarsi un mese, o forse più, sulle rive del Paranà, ad imparare il guaranì?
Non c'è vita sulla luna, pare certo. Di conseguenza per il momento non servono traduttori. Dico per il momento perché presto anche quel povero pianetino verrà colonizzato, dagli americani in primis, che allora pian piano svilupperanno un "moon english" tutto loro, che all'inizio indignerà la regina, la BBC e addirittura il New York Times, ma presto verrà studiato, nasceranno una letteratura e un cinema, si pubblicheranno giornali e fumetti in "moon english". Si mescolerà con il russo lunare, il giapponese lunare, lo spagnolo lunare, il francese accademico, ecc. Ci sarà anche uno che parla foggiano stretto e fa le pizze; e certo un catalano che fonderà il Circolo Lunare in difesa delle Minoranze Linguistiche "Amics del Pep" (el Pep è lui). Né potrebbero mancare un esploratore portoghese, un paio di mercanti olandesi, un drappello di arabi a cavallo in avanscoperta in nome di Allah, dieci missionari gesuiti, i soliti investimenti svizzeri, la tecnologia tedesca e coreana. E i cinesi? Quelli non si mescolano con nessuno e sono ovunque.
Adesso però interrompo questo viaggio spaziale del traduttore che va sulla luna, perché ormai siamo alla emme, che è di mamma, di madrepatria, di metropoli, di Magnetismo Terrestre. Torno a casa in caduta libera gravitazionale. Prima telefono però, come ET.
 

Apartheid. El mirall sud-africà.

Web CCCB Bcn / Trad. R. F.  2007-10-06 

arte 

esposizioni 

Apartheid. El mirall sud-africà.
(Apartheid. Lo specchio sudafricano)
CCCB (Centre de Cultura Contemporània) di Barcellona
Dal 26 settembre 2007 al 13 gennaio 2008.

Il CCCB presenta l'esposizione ?Apartheid. El mirall sud-africà? (Apartheid. Lo specchio sudafricano), un?approssimazone concettuale e visiva alle vecchie e nuove forme di pregiudizio e discriminazione razziale, attraverso un?ampia selezione di opere originali e materiale documentario.
La mostra documenta le principali tappe di una storia che non si ferma alla triste esperienza sudafricana e alle eredità europee, ma indaga nei cliché e nelle pratiche razziste alimentate dalla modernità occidentale. Questi pregiudizi costituiscono ancora oggi un potente strumento per giustificare e mantenere le disuguaglianze più arbtrarie e rappresentano una barriera spesso insuperabile alla costruzione di un?ordine sociale cooperante, equo, in altre parole, socialmente sostenibile.
Il percorso espositivo ha come punto di partenza un?approssimazione storica al razzismo e documeta lo sviluppo dele ideologie che stabiliscono diverse categorie dell?essere umano ? le ?razze? ? nello stesso periodo in cui, paradossalmente, si affermano le idee moderne sulla dignità umana e sull?uguaglianza dei diritti di tutti gli individui.
Nella parte centrale l?esposizione abborda dettagliatamente i vari temi del sistema dell?apartheid sociale, politico, economico, culturale e territoriale sudafricano nel priodo tra il 1948 e il 1994. L?apartheid come esempio estremo e trasparente di razzismo di radice occidentale. La parte conclusiva mette in evidenza la riproduzione su larga scala delle nuove modalità di razzismo, sia all?interno delle società democratiche che nelle relazioni fra i paesi ricchi e i paesi poveri.
 

Ritorna Paolo Conte

R.F/ .Agenzie  2007-10-06 

musica 

concerti 

Paolo Conte in concerto.
Girona, Auditori - Palau de Congressos, 28 ottobre 2007.
Barcellona, Palau de la Música Catalana, 30 ottobre 2007.

A due anni dall?ormai mitico concerto all?anfiteatro Grec di Barcellona, Paolo Conte ritorna in terra catalana. Due concerti: il primo a Girona, martedì 28 ottobre, nel?ambito del Festival de Temporada Alta 2007 e il secondo in città, il 30 ottobre, concerto inaugurale del Festival de Jazz de Barcelona, che vedrà il nome di Paolo Conte accanto a quello di alcuni suoi eroi, prestigiosi musicisti fra cui Ornette Coleman e Sonny Rollins.
Avremo quindi l?opportunità di sondare l?umore e la verve del 70enne cantautore astigiano, senza dubbio uno degli artisti italiani più prestigiosi all?estero. Nell?occasione del concerto del luglio 2005, era parso che la serata fosse stata un po? strappata al tour di Elegia, che prevedeva varie date in Francia. Conte si fermò solo un giorno in città e ripartì rapido come il ritmo di ?Dancing?. Speriamo di ritrovarlo più presente e a suo agio: è abituatissimo alla Francia, ma in Spagna c?è venuto poco, qualche capatina a Madrid a presentare alcuni dischi, una volta a Barcellona nel 1988 invitato dal cantautore catalano Quico Pi de la Serra. E finalmente il concerto del luglio 2005 nell'ambito del Festival Grec di Bcn. Difficile comprendere le ragioni di questa ?assenza?, in una terra che a mio avviso ?sente? molto le sue canzoni. Barcellona e la Catalogna, surtout.
È probabile che da buon piemontese abbia il ?pallino? della Francia.
Lo attediamo a capo dei suoi ?gregari in fuga?, il gruppo di musicisti che da qualche anno lo accompagna: Daniele di Gregorio, piano, batteria e marimba; Jino Touche, contrabasso e chitarra; Daniele dall´Omo, chitarra; Massimo Pitzianti, piano, tastiere, fsarmonica, bandoneón, clarinetto e sax baritono; Claudio Chiara, basso, tastiere, fisarmonica, sax alto e baritono e flauto; Luca Velotti, sax soprano, tenor, alto e baritono e clarinetto; Lucio Caliendo, oboe, fagotto e percussioni.
Ottimi ?gregari? che Paolo Conte dirige alla perfezione e che nel 2005 furono protagonisti di un concerto notevole per qualità e quantità.
Da ricordare anche lo riuscitissimo album ?Danson Metropoli? che gli Avion Travel hanno dedicato a canzoni di Conte, con la collaborazione dell?artista astigiano. Uscito all?inizio del 2007, ha riscosso un notevole successo di critica e di pubblico. Veri gioielli le versioni di ?Elisir?, ?Aguaplano? e soprattutto ?Languida?. La virtuosa chitarra di Fausto Masolella che reinventa il colorito calambour ?Sijemadicandhapajiee? e lo trasforma in un?esplosione di suoni che vanno dal Mediterraneo al blues, al funky. La prova ineccepibile delle doti vocali di Peppe Servillo, che ha dimostrato di avere Conte nelle sue corde, migliorando la mitica ?Spassiumatamente?. Paolo Conte era dietro alle quinte del progetto e qualitativamente la sua supervisione ha contato parecchio, direi che è stata un lusso.
Bentornato Paulin.



 

L?Orchestra di Piazza Vittorio a Bcn.

Roberto Fenocchio  2007-09-24 

musica 

concerti 

Mercè 2007.
Concerto dell?Orchestra di Piazza Vittorio di Roma.
Diretta da Mario Tronco.
BAM 2007.
Avinguda de la Catedral.
Barcellona 21 settembre 2007.

Una vera sorpresa il concerto dell?Orchestra di Piazza Vittorio di Roma, che ha presentato il suo variopinto repertorio in una festosa serata nella gremita Avinguda de la Catedral, uno dei principali palcoscenici della Mercè 2007. Il pubblico, già affascinato dal precedente concerto di Amasäla e Abdeljalil, si è lasciato coinvolgere totalmente dall?esibizione dell?Orchestra diretta da Mario Tronco, che ha nella diversità dei componenti la propria forza.
Messa insieme dal tastierista degli Avion Travel nel 2002, la formazione di Piazza Vittorio consta infatti di musicisti di varia provenienza: Houcine Ataa il cantante tunisino dalla bellissima voce; Peppe D?Argenzio sax baritono e clarinetto basso, come Mario Tronco componente dei casertani Avion Travel; Evandro Cesar Dos Reis , brasiliano voce, chitarra classica, cavaquinho; Omar Lopez Valle , cubano tromba, flicorno; Awalys Ernesto ?El Kiri? Lopez Maturell, cubano batteria, congas, mani, piedi e cori; John Maida , Stati Uniti violino; Eszter Nagypal, ungherese violoncello; Gaia Orsoni viola; Carlos Paz , Ecuador voce, flauti andini; Pino Pecorelli, contrabasso, basso elettrico; Raul ?Cuervo? Scebba , Argentina marimba, glockenspiel, congas, percussioni varie; El Hadji ?Pap? Yeri Samb, Senegal voce, djembe, dumdum, sabar, shaker; ?Kaw? Dialy Mady Sissoko, Senegal - voce, kora, piede; Giuseppe Smaldino, corno; Ziad Trabelsi, Tunisia oud, voce e Mario Tronco, direttore artistico, piano fender.
La storia dell?Orchestra parte dal quartiere Esquilino, a Roma. Un quartiere che ruota intorno a una piazza dal cuore romano e tanti colori in più: Piazza Vittorio. Luogo di passaggio e di convivenza per tante razze, la sua atmosfera ha ispirato Mario Tronco nell?idea che in tanti avrebbero voluto avere e che solo lui, sostenuto dalla tenacia di Agostino Ferrente, autore di un bellissimo film documentario sui primi passi della formazione. Tanti musicisti differenti tra loro per origini, strumenti, esperienze. Tutti insieme appassionatamente in un?Orchestra che suona e reinventa la musica del mondo con una nuova energia, quella che il pubblico si scopre addosso dopo ogni concerto.

Concerto dei Mau Mau
Moll de la Fusta
Mercè 2007.
BAM 2007.
Barcelona 21 settembre 2007.

Nella stessa serata, in un palcoscenico montato proprio vicino alla statua indicante di Colombo, al Moll de la Fusta, si sono esibiti anche i ritrovati Mau Mau che hanno presentato il loro ultimo disco ?Dea?. A 12 anni dalla prima apparizione qui a Barcellona, era il 1995 e il gruppo torinese fu eletto "mejor conjunto" rivelazione di quell?edizione del BAM (Barcelona Acció Musical), Luca Morino, Fabio Barovero, Josh Sanfelici e soci si ripresentano. Dopo 2 anni di inattività come gruppo e parecchi progetti collaterali, i Mau Mau tornano on the road , supportati come al solito dalle percussioni di Bienvenu Taté Nsongan, dalla batteria di Paolo Gep Cucco e dalla tromba di Amik Guerra, che sostituisce il mitico Roy Paci, ora impegnato con i suoi Aretuska. Il pubblico del Moll de la Fusta dopo le prime canzoni ha cominciato a ballare e ha dimostrato di gradire il mix di ritmi brasiliani conditi alla piemontese dell?ultimo repertorio Mau Mau, con qualche digressione tarantolata come ?La casa brucia?, canzone composta in collaborazione con i salentini Sud Sound System.
Morino & C. hanno confermato il loro sound avvolgente e hanno dimostrato di saper ancora coinvolgere il pubblico nelle avventure musicali del porvenir.

Sabato 22 settembre è toccato a Pietra Montecorvino, sempre al Moll de la Fusta, a pochi metri dal mare. Il concerto della cantante napoletana ha confermato le sue altissime doti interpretative e la grinta di una voce unica. Fortunatamente negli ultimi anni Pietra ci ha allietati con varie esibizioni qui a Barcellona e speriamo continui a considerarla una città talismano per le sue esibizioni.
 

Una visita al parc del Guinardó

Maria Rosa Salvadó Trad. Rob.Fen.  2007-09-24 

posti belli 

parchi 

Sulle falde del Turó de la Rovira, scendendo verso l?avinguda de la Mare de Déu de Montserrat, si trova il parc del Guinardó, uno dei parchi più estesi e dagli aspetti più contrastanti di Barcellona, dove convivono il tono rustico delle foreste e la squisitezza di giardini storici e curati, in cui l?acqua ha un indubbio protagonismo.
Il parco del Guinardó, di proprietà comunale dal 1910, è diviso in tre parti assai differenziate: la parte urbana, la parte storica, e in alto la frondosità della vegetazione forestale. I giardini a terrazze e le pinete fanno del parco uno degli spazi verdi più rinfrescanti e placidi della città.
La parte urbana è frutto della ristrutturazione realizzata nella zona inferiore del parco nel 1977, che è stata ampliata e collegata alla plaça del Nen de la Rutlla, ora sede dell?ingresso principale del parco. È formata da terrazze situate a diversi livelli, separate da alberi e arbusti. I gelsi, gli olmi e gli olivi sono gli alberi presenti in questa zona del parco.
La parte storica è costituita da un frondoso giardino creato nel '700 da Jean Claude Nicolas Forestier in collaborazione con Nicolau M. Rubió i Tudorí. Di fattura eminentemente rustica, il giardino è popolato da cedri, cipressi, mimose e lecci, tutti alberi di grandi dimensioni e risale sulle pendici del colle seguendo il corso di un torrente. Comincia presso la Font del Cuento e sale per il colle attraverso terrazze collegate da sentieri e scale che portano a un lavatoio dove si può godere di un ottimo panorama della città.
La Font del Cuento. All?inizio della zona storica del parco, si trova una fontana che Forestier integrò al suo progetto e su cui Rubió appose alcune antiche iscrizioni su pietra. Il getto della fontana era però assai irregolare e quindi la gente che attendeva si riempissero le brocche, cominciava a chiacchierare. Di qui lo strano nome di Font del Cuento molto nota e frequentata nel quartiere.
La parte forestale del parco è situata su una forte pendente ed è costituita da un?importante foresta che circonda la parte più elevata della zona storica, come un anfiteatro che si va estendendo verso valle, disseminata di sentieri.
 

L?encís de la dona

Roberto Fenocchio  2007-09-23 

arte 

esposizioni 

"L?encís de la dona" (Il fascino della donna)
Ramon Casas al Liceu e a Montserrat.
Salone degli Specchi.
Gran Teatre del Liceu.
Curatore Josep C. Laplana.
Dal 20 settembre al 21 ottobre 2007.

Il Salone degli Specchi del Gran Teatre del Liceu di Barcellona accoglie dal 20 settebre al 21 ottobre l?esposizione ?L?encís de la dona. Ramon Casas al Liceu y a Montserrat?. La mostra, organizzata congiuntamente dalla Fundación Gran Teatre del Liceu, il Museu de Montserrat e il Círculo del Liceo presenta per la prima volta 25 opere di grande valore artistico del pittore Ramon Casas, uno dei massimi esponenti del Modernismo catalano.
Come suggerisce il titolo, la tematica centrale dell?esposizione è costituita dalla donna e dalla sua presenza nella società e nella cultura, nella musica e nel teatro operistico dell'epoca. Fanno parte della mostra 12 plafond che Casas dipinse tra il 1901 e il 1902 per la Rotonda del Círculo del Liceo, nei quali la figura femminile è protagonista, in diverse discipline artistiche e musicali e nella danza: musica popolare catalana, musica religiosa, musica di scena, balli popolari e balletto classico. Notevole anche l?olio ?La Sargantain?, acquistato dal Gran Teatre del Liceu alla Vº Exposició Internacional d?Art di Barcellona nel 1907, uno dei primi dipinti ad olio in cui appare la modella Julia Peraire, futura sposa del pittore. Il Museu dI Montserrat contribuisce all'evento con dieci plendidi dipinti ad olio realizzati da Casas tra il 1892 e il 1922, provenienti dalla donazione del collezionista Josep Sala Ardiz (1875-1980), tra i quali il quadro ?Madeleine?, dipinto a Parigi nel 1892, l?opera più emblematica dell?esposizione e che ne è infatti il simbolo.
Attraverso 23 dipinti ad olio e 2 disegni, Casas rivela il mondo femminile che lo ciircondava, per il quale sentiva una particolare predilezione.
In particolar modo lo affascinava la figura della donna che rompe cliché e schemi, al fine di trovare una sua collocazione nella società, spesso trasgressiva. Non c?è quindi da stupirsi se le donne di Casas sono fumatrici, leggono i giornali, sono sportive, se guidano automobili e vanno al bar da sole; tutte attività considerate prettamente maschili nella Barcellona di fine ottocento. Ciò nonostante Ramon Casas ha saputo infondere nelle ?sue? donne quel fascino femminile così caratteristico e inconfondibile.
È stato pubblicato un catalogo dell?esposizione con articoli di Francesc Fontbona, Mercedes Palau-Ribes e Josep C. Laplana, curatore della mostra.
 

Un cos sense límits

Roberto Fenocchio  2007-09-23 

arte 

esposizioni 

?Un cos sense límits? (Un corpo senza limiti)
Fundació Joan Miró Barcelona
Curatore Jean-Louis Prat
Dal 26 ottobre 2007 al 27 gennaio 2008

La Fundació Joan Miró presenta ?Un cos sense límits? (Un corpo senza limiti), mostra che aiuta a comprendere i cambiamenti della rappresentazione del corpo umano nell?arte del XXº secolo, momento in cui la figura umana non è più unicamente un ritratto o un simbolo della bellezza, ma è ormai diventata un modo per esprimere emozioni. ?Un cos sense límits? raccoglie più di 80 opere (pittura e scultura) realizzate tra il 1900 e il 2000 da 41 artisti, rappresentativi dei movimenti artistici delle avanguardie: Maillol, Schiele, Dix, Matisse, Picasso, Miró, Duchamp, Chagall, Moore, Dubuffet, Basquiat, Fischl, Tàpies e Saura tra gli altri. Le opere esposte presentano un persorso iniziatico in cui troviamo confronti, giustapposizioni e opposizioni che mettono in luce la ricchezza dei linguaggi artistici del XXº secolo, oltre al geniale contributo di ogni ortista. Nel 1863 Manet con il dipinto ?l?Olympia? apre un nuovo orizzonte nella rappresentazione della figura umana nell?arte. La modella è una persona contemporanea all?artista, che si svela senza pudore all?osservatore. È un corpo nudo reale, non uno studio d?accademia, è un corpo anonimo che non rappresenta alcuna antica divinità, ma che esprime in modo totale la modernità.
Da quel momento il nudo cessa di essere idealizzato e inizia ad essere esibito senza complessi. La bellezza non è più concepita come formalismo ed è presentata attraverso canoni che permettono ogni tipo di rivoluzione estetica e creano i presupposti per una nuova libertà creativa ed espressiva.
Le variazioni nel modo di rappresentare il corpo umano segnano quindi le trasformazioni stilistiche del secolo: gli espressionisti rappresentano un corpo tormentato, i cubisti inseriscono aspetti d?arte primitiva, i surrealisti ne esaltano l?erotismo. Dopo la 2º Guerra Mondiale il ritorno ai corpi tormentati in artisti quali Kooning, Bacon o Freud.
 

Tracciamo una mappa

Lino Graz  2007-09-09 

cultura 

libri 

Tracciamo una mappa
(la città di Urbano)

poi la strada la trovi da te
(Edoardo Bennato)

All?Ernesto, viaggiatore


La mappa che Urbano ha disteso sul pavimento di piastrelle a figure rosse, grigie e bianche della casa del Raval di Barcellona, parte da una strada sterrata che da una collina, attraverso boschi di castagni, querce e frassini, conduce a un lago. Urbano la segue con un dito. Davanti a mappe, carte, piantine, si sente un vero viaggiatore, un esploratore come Brazzà, che da Udine attraversò la giungla per andare a Brazzaville in Congo, come un piccolo Marco Polo in tempi di GPS, fondatore di città come Alessandro e Augusto, ma virtuali (quante Urbanopolis si contano sul mappamondo!), trafficante di schiavi, schiavo lui stesso, poi liberto, amante di una principessa decaduta (che oggi assume le fattezze della farmacista di Sant Pau), mercante di seta e porcellane (e papaveri) dall?Asia, ebreo errante, olandese volante, inviato speciale, scrittore di viaggi, cartografo maiorchino, missionario gesuita, poeta, navigatore e santo.
Qualcuno dice che sul fondo del lago ci sono secoli, se non millenni, di storia. Qualcun altro dice che invece non c?è quasi niente, perché ogni anno il Comune lo drena. I primi al paese li chiamano i Fantasiosi, i secondi i Cinici. Tra Cinici e Fantasiosi, ogni San Lorenzo, festa patronale, si svolgono tornei di calcio, bocce, tiro a segno, ballo di coppia, scacchi, ramino, domino, sputo del nocciolo dell?oliva e altre discipline. La rivalità non impedisce comunque a Cinici e Fantasiosi di lavorare e ubriacarsi insieme. Si contano addirittura coppie miste: lei Cinica lui Fantasioso, lei Fantasiosa lui Cinico.
Il paese è gemellato con un altro paese vicino a un altro lago. I due paesi distano molti chilometri l?uno dall?altro. Sulla strada che li separa (o unisce, come preferite), ci sono, nell?ordine: un alto e frondoso platano, vecchio di un secolo, sotto il quale vive un matto che dice di esserne il figlio; una grande città, vecchia di un millennio, dentro la quale vivono più di un milione di matti che dicono di esserne i figli; una catena montuosa difficile da oltrepassare da cui scende un ampio e lungo fiume: sulle pendici dei monti e lungo le sponde del fiume sorgono templi di fogge diverse, dedicati a divinità incaricate di svariati compiti (dall?agricoltura alla ginecologia, dalla medicina omeopatica alla psichiatria, dalla protezione di viaggiatori e marinai alla distillazione di liquori, fino alla benedizione di bambini con acqua o con fuoco); vi sono poi un circo di donne barbute, venditori di sogni e unguenti miracolosi, ballerine alate, domatori di chimere mezze uomini e mezze animali e altre incredibili attrazioni; cinque zone di frontiera transitate su e giù da trafficanti di sigarette, magliette, elettrodomestici, elettricisti, sarti e fumatori; distese di campi coltivati a grano, orzo, segale, alfalfa, girasoli, granoturco; distese di terre coperte di boschi, abitati da lupi, cinghiali e orsi, o di sterpaglie popolate da pulci, formiche, topi e cani randagi.
La mappa che Urbano ha disteso sul pavimento di piastrelle a figure rosse, grigie e bianche della casa del Raval, sembra adesso assumere la forma di un aquilone, poi di una stella, una cupola, un piede. Tutto sottosopra, Urbano la piega a farne una barca, un aereo, una rana gigante. Non contento del risultato, la ridispiega sul pavimento. Ora la mappa però è piena di pieghe e strappi. Nelle pieghe si sono infilati profughi e clandestini e dagli strappi sono passati stormi di uccelli migratori.
Difficile raccapezzarsi in questa giungla di segni. Chissà come avrà fatto Brazzà in Congo? Avrà chiesto in giro:
- scusi, per Brazzaville?
- la fondi pure là.
Gli avrà risposto un abitante del bosco indicando una radura lungo il Congo.
I vecchi dicono che non bisogna mai dimenticare da dove si viene. Certo, pensa Urbano, anche se a volte sarebbe più utile non dimenticare dove si va.

Lino Graz

Barcellona, settembre 2007
 

El cartell modern al MNAC

Roberto Fenocchio  2007-09-09 

arte 

esposizioni 

?El cartell modern a les col·leccions del Gabinet de Dibuixos i Gravats del MNAC?

Esposizione organizzata dal Museu Nacional d?Art de Catalunya.
Curatore: Francesc Quílez, responsabile dei conservatori del Gabinet de Dibuixos i Gravats del MNAC.
Dal 19-07-2007 al 30-09-2007
Con la collaborazione di Agrolimen.

L?esposizione ?El cartell modern a les col·leccions del Gabinet de Dibuixos i Gravats del MNAC? (il cartellone moderno presso le collezioni del Gabinet de Dibuixos i Gravats del MNAC ) si compone di oltre 80 opere che permettono di valutare la diffusione che la produzione cartellonistica europea ha avuto nel processo di formazione delle grandi collezioni catalane dell?epoca.
La mostra pone in risalto l?incidenza che i modelli pubblicitari europei e le forme artistiche disegnate da grandi artisti hanno avuto sulla nascita e posteriore sviluppo di quest?arte pubblicitaria in Catalogna.
Il Gabinet de Dibuixos i Gravats del MNAC conserva un fondo molto importante di oltre 600 cartelloni modernisti, stranieri e catalani, che sono stati acquisiti nel 1903 grazie a Lluís Plandiura e nel 1921 da Alexandre de Riquer. Si tratta di opere di molti dei più prestigiosi cartellonisti europei quali Alphonse Mucha, Jules Chéret, Théophile Alexandre Steinlen, Henri Meunier o Henri Privat-Livemont.
 

Mercè 2007

Roberto Fenocchio  2007-09-08 

musica 

eventi 

Quattro gorni di festa, dal 21 al 24 settembre; oltre 600 attività, centinaia di gruppi e artisti spagnoli e internazioali e ben 25 scenari. Questi i numeri della Mercè 2007, la festa patronale di Barcellona. Il sindaco della città, Jordi Hereu, ha presentato il programma delle feste e il cartellone ufficiale, opera dell?artista Enric Jardí. L'edizione di quest'anno è dedicata al mare e alle genti del Mediterraneo e quindi il Port Vell sarà il palcoscenico principale.
All?interno della Mercè si celebrerà la 15º edizione del BAM (Barcelona Acció Musical), che vedrà tra i protagonisti della sezione dedicata alle musiche del Mediterraneo, il gruppo torinese dei Mau Mau e la cantante partenopea Pietra Montecorvino al Moll de la Fusta, il gruppo marocchino Darga, Imarhane del Mali, i palestini Dam e l?artista catalano Marc Parrot.
Interessantissima anche la sezione dedicata alla rumba catalana: al Portal de la Pau suoneranno gruppi quali Rauxa, Gertrudis, Ai Ai Ai, Barrio Negro, Los Fulanos & Los Menganos e Los Manolos. Plaça Catalunya sarà teatro del concerto più atteso, quello di Peret e la Troba de Kung-fu, venerdì 21 settembre.
In programma ci sono inoltre spettacoli in strada, una scuola di ?grumets? (mozzi), dove anche i più piccini possono imparare ad issare le vele, a fare nodi o a pescare. Il mare sarà anche protagonista della Cavalcada de la Mercè, organizzata come una grande "cercavila marinera". Per sottolineare la vocazione ?marinera? di questa edizione, La Festa Major di Barcellona sarà sede di un Forum Mediterraneo di Cooperazione Culturale.
 

Lei dunque capirà.

Roberto Fenocchio  2007-09-07 

cultura 

libri 

Presentazione del libro:
?Lei dunque capirà? (Garzanti 2006)
di Claudio Magris
Casa degli Italiani
Passatge Ménsez Vigo
Barcellona
Martedì 4 settembre 2007.

?Así que Usted comprenderá? è il titolo in castigliano dell?ultimo libro di Claudio Magris, presentato dinanzi a un folto pubblico che non ha perso l?appuntamento con uno degli srittori italiani più amati in Spagna.
Dopo una breve introduzione del direttore dell?IIC, il professor Javier Aparicio Maydeu ha analizzato il testo di Magris, in Italia edito da Garzanti, che consta di una cinquantina di pagine. Lo scrittore triestino ripercorre, in modo assolutamente attuale ed emozionante, il mito di Euridice, uccisa dal morso di un serpente, e di Orfeo, che, sceso nell'Ade per riportarla sulla terra, la perde per sempre vinto dalla tentazione di voltarsi a guardare la sposa prima di uscire dagli Inferi. Di questo toccante e antico racconto, l'intellettuale triestino coglie e restituisce il senso profondo e universale, scorgendo e offrendo al pubblico anche un vortice di piccoli frammenti quotidiani, veri, palpitanti. Euridice è prigioniera di un Ade talvolta kafkiano e angosciante, talvolta rassicurante, una Casa di Riposo, eterna, gestita da un Presidente invisibile, misericordioso e severo. Attraverso le parole della donna conosciamo ogni vibrazione del loro animo: la felicità, il vuoto, la catastrofe, la pienezza insostenibile di stare insieme. Tuttavia, la convinzione che l'uomo sia sceso a prenderla per cantare la verità sconosciuta ai vivi (ottenendo così gloria presso di loro), e la consapevolezza del fatto che i morti non conoscono le verità ultime più dei vivi, inducono la giovane donna a chiamare l'amato facendolo voltare, in modo da non dargli un dispiacere enorme, quello di rivelargli che non potrà cantare la verità, in quanto nemmeno i morti la possiedono. L'uomo si volta e lei, sconsolata e serena a un tempo, ripiomba nel buio dell'immensa Casa di Riposo.
?Lei dunque capirà? è stato portato in scena, un monologo a cura del Stabile del Friuli-Venezia Giulia, per la regia di Antonio Calenda e interpretato da Daniela Giovanetti, che ha riscosso notevole successo nei più prestigiosi teatri italiani.
Javier Aparicio Maydeu, tra gli altri temi, ha messo in evidenza il velato ma solido senso di humor che pervade il racconto, soprattutto nelle parole di Euridice. Claudio Magris, totalmente a proprio agio e quindi straordinariamente comunicativo, dopo aver ringraziato i traduttori (Anna Casassas per la versione in catalano ? ?Vostè ja ho entendrà?, Edicions del 1984, Barcelona - e José Ángel González Sainz per l?edizione in castigliano ? ?Así que Usted comprenderá? Editorial Anagrama, Barcelona -) ha passato in rassegna i punti salienti del suo ultimo lavoro: il mito, le sfumature autobiografiche, i concetti di soglia, vuoto, verità.
 

Dossier Festa Major Poble-sec 2007

Rob. Fen.  2007-07-18 

cultura 

eventi 

Anche quest?anno la Festa Major del Poble-sec sarà un appuntamento importante delle serate di metà luglio in città. Ci saranno tutti gli ingredienti delle feste patronali di quartiere a Barcellona: giganti, correfoc, castellers, balli tradizioni catalani (sardanes), la tombola popolare, le ?Havaneres? e il ?cremat?, cinema all?aperto, Nell?edizione 2007 il ?barri? celebra con un?eposizione i 30 anni di attività del gruppo musicale ?La Salseta del Poble-sec?, uno dei più famosi della città. Tra le molte proposte musicali ricordiamo il ?Downtown Reggae Festival?, presso il Camp Municipal de la Satalla, venerdì 20 luglio.
Per maggiori informazioni sulla Festa Major 2007 del Poble-sec, consultare il sito:
www.poblesec.entitatsbcn.net

Tra i locali italiani del Poble-sec ricordiamo:

Bar Seco
Passeig de Montjuïc n. 74
Poble-sec
Barcellona
Tel. : 93 329 63 74

Sóló Bar
Carrer de Margarit 18
Poble-sec
Barcellona
Tel.: 93 329 76 18
E-mail: cosimotac@hotmail.com

Altri locali interessanti:

Tinta Roja
Bar / Espai d?art / Tango
Creu dels Molers 17
Poble-sec
Barcelona
Metro: Poble Sec - Junto a Av. Paralell.
Información y reservas
93.531.37.36 - 678.371.278
www.tintaroja.net
 

Vinicio in plaça del Rei

Roberto Fenocchio  2007-07-17 

musica 

concerti 

Concerto di Vinicio Capossela
Festival Grec 2007 di Barcellona
Plaça del Rei
Lunedì 16 luglio 2007.
Ore 22:00
Grande serata in plaça del Rei a Barcellona e grande successo per Vinicio Capossela.
Tutto esaurito. E molti turisti italiani che, passando dalla vicina plaça Sant Jaume, si sono accalcati dietro le transenne per ascoltare comunque le note di ?Scivola vai via? o ?Corvo torvo?.
Serata calda, appiccicosa. La piazza stipata, le mura secolari da scenario.
Vinicio inizia con ?Non trattare? e a seguire ?Brucia Troia?, dall?ultimo cd ?Ovunque proteggi?. La maschera taurina di indubbio effetto s?alterna sul palco ad altri travestimenti, si nota nei brani un nuovo respiro rispetto al concerto dello scorso novembre alla Sala Bikini, ora sono limati, setacciati dalla lunga tourné.
Anche questa volta ?Marajà? s?insinua tra i pezzi di Ovunque proteggi, il pubblico in delirio salta e suda. Segue un breve commento introduttivo a ?Medusa Cha cha cha?, in cui Vinicio prizza malizia e inforca la mitologica maschera. Notevole versione sostenuta da un?ottima sezione fiati, quasi tutta in castigliano.
E in castigliano prosegue Vinicio per raccontare la favola della Hormiga e della Cigala e passare a ?Dalla parte di Spessotto?. Con ?Corvo torvo? inizia la parte centrale del concerto, senza dubbio la più riuscita. Ecco, come per incanto, ?Scivola vai via?, con Vinicio al piano e poi ?Con una rosa?, ?Ultimo amore? in castigliano e ?Signora luna?, versione particolarmente spettacolare.
Si passa poi alle ?rancheras?: la prima in italiano e la seconda, battezzata per l?occasione col titolo di ?Yo te dejo en San Antonio (en Barcelona)? in castigliano e di nuovo il pubblico sembra apprezzare l?energia della festa: salta e suda. Vinicio ritorna al piano con ?Pena del alma? e quindi la spledida versione di ?L?uomo vivo (inno alla gioia)", forse uno dei momenti più intensi del concerto e segue, senza tregua, ?Il ballo di SanVito?. Capossela chiude con un motivo in siciliano ?U? piscaletto? (lo zufolo), per presentare e ringraziare i componenti del gruppo.
A grande richiesta i bis. Vinicio ne ha concessi 2, al piano, ?Ovunque proteggi? e per finire un bolero intenso e appassionato e quindi i saluti e l?abbraccio finale con il pubblico osannante.
Tonino Carotone, che pure era presente alla serata, non ha partecipato al concerto, come in un primo tempo si era pensato, soprattutto nelle rancheras, com?era accaduto alla Sala Bikini lo scorso novembre. Resta il fatto che Vinicio ci è parso sempre più spagnolo (soprattutto nei testi) e che entrambi sono maestri dell?ora brava che speriamo di rivedere insieme.
Senza dubbio il concerto è servito per presentare ufficialmente a Barcellona un artista che ha nelle sue corde parecchi argomenti per piacere anche oltre frontiera come Vinicio e attendiamo quindi lusinghiere critiche dai media catalani e spagnoli.
A presto, Vinicio.
 

Enrico Guariento

Irene Angela Bianchi  2007-07-15 

arte 

esposizioni 

Artisti italiani a Barcellona.
Enrico Guariento.
Galleria Trébol Bcn Art
Travesia del Maestrazgo, 2
Poble Español ? Montjuïc
Barcellona
Dal 12 luglio al 9 agosto 2007.

Si è inaugurata lo scorso 12 luglio l?esposizione dell? ?image-maker? italiano Enrico Guariento e di Anais Janis presso la Galleria Trébol Bcn Art del Poble Español di Barcellona.

Definire un artista risulta sempre molto difficile ma sembra che la natura umana ci spinga quasi obbligatoriamente a circoscrivere, incasellare, ?mettere in forma?; nemmeno l?arte si sottrae a questo ?diktat?, sviluppando regole, ?manifesti?, tendenze, che uniscono in un piano comune differenti talenti artistici.
Se noi volessimo contraddistinguere il lavoro artistico di Enrico Guariento potremmo chiamarlo ?collagismo multimediale?, infatti egli è un attento ?creatore di immagini? (Image maker), che porta il suo fruitore verso una dimensione surreale, non metafisica, confezionata con gusto ed armonia pittorica.
Privilegiando colori intensi e immagini fortemente evocative dell?onirico, il Guariento si avvicina a quel movimento letterario e culturale, che coinvolse l?intera vita artistica, con speciale riguardo alle arti figurative, dei primi ?900 fino ai giorni nostri, denominato ?Surrealismo?.
L?esperienza americana, il talento pittorico e fotografico nonché una forte esigenza espressiva calata nel contemporaneo hanno fatto sì che il Nostro privilegiasse questa forma di espressione distinguendosi altresì da una seppur importante schiera di fotografi (William Klein, Mapplethorpe o Newton), straordinari cacciatore di immagini ma non autentici ?image maker?.
Davanti ai ?collages? di Guariento siamo colti da una serie di sensazioni e suggestioni che vanno dall?estraneamento al riso, ci inclinano allo ?stupore? e alla meraviglia, matrici stesse del pensiero e della vita, ci fanno pensare al filosofo come al bambino che pur stupiti da ciò che vedono non se chiedono il senso, guardano e lasciano che le immagini parlino e trasmettano la loro forza evocativa, istintiva, primigenia.
Cosi il ?surrealismo primitivista? del Guariento si distingue da ogni altra forma di ?imagining? quando nella sua produzione entrano oggetti, animali, essi viventi, paesaggi, che si mescolano secondo regole ?non regolate?, che trasgrediscono una qualunque legge di consequenzialità, pur restando sempre all?interno di un seppur personale equilibrio espressivo, e cromatico.
Entrando nel mondo del ?come se?, ?come se fosse reale?, nè lo spazio nè il tempo appartengono più a questa dimensione; l?artista che si esibisce ?per sé? e per il suo ?visitatore?, ci accompagna così, attraverso motivi ricorrenti quali il viaggio, le quinte teatrali, i cieli cupi, onirici, il femminile che sembra spesso perdere la sua stessa connotazione sessuale, nella sua singolare ?visione? (vision) facendoci provare così uno strano incanto ed insieme ?scanto?, quasi spavento, curiosità e timore, di fronte alle atmosfere sapide di colore, memori che, come scrisse il grande drammaturgo spagnolo Calderon de la Barca : ? La vita è sogno?.

Irene Angela Bianchi
 

Poble-sec

Rob. Fen.  2007-07-15 

posti belli 

luoghi 

Tra il Porto e Hostafrancs, tra il quartiere del Raval, l?Eixample e Montjuïc, abbarbicato alla montagna, sotto l?ombra del Castello, nacque il Poble-sec.
Nel 1854, quando finalmente fu approvata la demolizione della mura di difesa che circondavano Barcellona, Poble Sec non fu inserito nel Piano di riforma della città (Pla Cerdà) e rimase all?interno dell?area di sicurezza del Castello di Montjuïc. Ciò nonostante nei decenni seguenti il quartiere cominciò a crescere.
Tra il Paral.lel e la montagna, tra Piazza di Spagna e il Mediterraneo, Poble-sec da sempre è stato influenzato dalle coordinate che ne caratterizzano la privilegiata collocazione geografica. Alla fine del XIXº secolo il Paral.lel era già considerato la ?Broadway? barcellonese, animava le notti del quartiere e di tutta la città, con spettacoli e ?music-halls, mentre Montjuïc offriva la tranquillità che irradiava la vegetazione, animata soltanto dai pomeriggi di gita fuori porta in locali rustici (berenadors) che pullulavano sulla montagna.
L?edificazione di Piazza di Spagna e delle installazioni dell?Esposizione Universale del 1929, condizionò notevolmente la crescita del quartiere verso ovest, che comunque si espanse rapidamente verso la montagna, vista la grande richiesta di mano d?opera di quegli anni, caratterizzati da grandi costruzioni e trasformazioni edilizie. Tale sviluppo ebbe anche la frontiera est del quartiere, in cui sorsero fabbriche e magazzini che determinarono la crescita e il potenziamento del Porto.
Poble-sec fu un quartiere di grande orgoglio proletario, culla dell?anarchia e del sindacalismo radicale di Barcellona e, durante la Guerra Civile Spagnola, subì stoicamente i catastrofici effetti del primo bombardamento civile della storia (1938) ad opera soprattutto di aerei italiani.
Poble-sec, che per quasi 50 anni è cresciuto tra il ?Barrio Chino? e le baracche del Montjuïc, impregnato di sentimenti e sensazioni magistralmente interpretate dal ?figliol prodigo? del quartiere, il famoso cantautore catalano Joan Manel Serrat (El noi del Poble-sec ? il ragazzo del Poble-sec), oggi fa parte del Distretto Amministrativo Sants-Montjuïc, ed è tradizionalmente diviso in 3 parti chiaramente differenziate: La França Xica, l?Eixample de Santa Madrona e gli Hortes de Sant Bertran. La França Xica construita nella parte più elevata del rione e delimitata da Carrer Lleida, conserva ancora piccole ville d?inizio ?900, situate nella zona della Satalia, che paiono governare il quartiere ed osservare la città quando dorme. L?Eixample de Santa Madrona, che porta il nome della più antica patrona di Barcellona ed è la principale chiesa del quartiere e ne costituisce la parte centrale. Pochi sanno che fu una delle prime eixample della città. Ed infine gli Hortes de Sant Bertran, toponimo molto antico della storiografia catalana, sono situati sul luogo anticamente occupato da enormi campi coltivati a frutta, cereali e orti la cui produzione era destinata al consumo della popolazione di Barcellona in forte crescita.
Poble-sec, nato all?ombra della Montagna, dove la città finisce e comincia il mare, con le sue vie che salgono e scendono e non danno mai tregua, è da sempre un quartiere multietnico e multiculturale, con forte presenza di sud americani, asiatici ed europei. Come in altri quartieri della città si parla dal catalano stretto al castigliano andaluso, alle mille diversità del castigliano centro-sud americano, oltre all?arabo e a varie lingue del Pakistan.
 

Sean Scully

Sito Ufficiale Fundació Miró Bcn / Rob. Fen.  2007-07-02 

arte 

esposizioni 

Sean Scully
Fundació Joan Miró Barcellona
Fino al 30 settembre 2007.

La Fundació Miró presenta una selezione antologica dell?opera Sean Scully (Dublino, Irlanda 1945), artista che combina vari stili pittorici: astrrazioni geometriche, minimali, concettuali, espressionismo astratto, nell?incessante ricerca di un proprio linguaggio.
Più di un centinaio di opere tra dipinti, sculture, disegni e fotografie che illustrano l?intenso percorso creativo dell?artista canadese che ha saputo fondere l?astratto con la tradizione pittorica.
La retrospettiva, che si potrà visitare fino al 30 settembre, passa in rivista gli ultimi 30 anni della produzione artistica di Scully. I quadri astratti conservano un forte collegamento con le forme e i colori del quotidiano di cui la sua opera riflette una ?grande emotivita`?, come afferma la direttrice della Fondazione, Rosa María Malet.
Si apprezza inoltre una dimensione temporale che deriva dalla profondità prodotta dalla sovrapposizione delle forme. Scully difende la pittura come ?strumento di comunicazione profondo e capace di sintetizzare il senso dell?anima?.
 

Staël alla Pedrera

Sito Ufficiale Caixa de Catalunya / La Pedrera  2007-07-02 

arte 

esposizioni 

?Staël?
La Pedrera
Cente Cultural Fundació Caixa Catalunya
Direttore: Alèx Susanna
Curatore: Jean-Louis Prat
Fino al 24 settembre 2007

Lo spazio espositivo del Centre Cultural Fundació Caixa Catalunya della Pedrera presenta un percorso nell?opera del pittore di origine russa Nicolas de Staël (1914-1955). L?esposizione ?Staël? pronone, fino al 24 settembre, 60 opere dell?artista che seppe conciliare pittura astratta e figurativa. Nicolas de Stäel nacque nel 1914 en San Pietroburgo, dopo la Rivoluzione la sua famiglia si strasferì in Polonia e, dopo un viaggio in Olanda, si stabilì in Belgio, dove Nicolas iniziò la sua carriera artistica. Visitò la Spagna nel 1934 e dopo la Guerra Civile, durante uno di questi viaggi fu Manresa e si interessò all?arte romanica catalana. Morì suicida nel 1955.
Nel 1991, l?allora ministro della Cultura Jorge Semprún, organizzò una mostra antologica di Stäel presso il Museo d?Arte Contemporanea Reina Sofía di Madrid.
Come afferma il Direttore della Fundación Caixa Catalunya, Alèx Susanna: ?La pittura di de Staël è caratterizzata dalla saturazione di colori vibranti e violenti, dipinti in cui si vive la battaglia e la tensione tra il figurativo e l?astratto, pervasi da un dialogo particolarmente armonico con la musica contemporanea?.




 

Vinicio Capossela al Grec 2007.

Roberto Fenocchio  2007-06-21 

musica 

concerti 

Festival Grec 2007 Barcellona
Vinicio Capossela
Plaça del Rei
16 luglio 2007
Ore 22:00

Vinicio Capossela ritorna a Barcellona, questa volta invitato a una manifestazione importante. Il concerto del prossimo 16 luglio in Plaça del Rei, fa parte infatti del programma del Festival Grec 2007, la più importante rassegna culturale estiva di Barcellona. L?ottimo ricordo della sua ultima esibizione dello scorso 2 novembre, alla Sala Bikini, in cui nella seconda parte del concerto ha duettato con Tonino Carotone, è uno stimolante biglietto da visita. Probabilmente Vinicio riproporrà i momenti migliori del suo ?Ovunque proteggi?, cd che ha venduto moltissimo e che lo ha proiettato verso una dimensione europea, oltre ai confini dell?italo stivale. Capossela sarà accompagnato dal suo rodatissimo gruppo, in cui primeggia la chitarra di Alessandro Stefana e formato inoltre da Zeno De Rossi alla batteria, Glauco Zuppiroli al contrabbasso, Michele Vignali ai tamburi, Vincenzo Vasi alle percussioni / programmazione elettronica. L?appuntamento è quindi per lunedì 16 luglio nella bellissima Plaça del Rei, magico e storico sfondo all?esibizione di uno dei migliori artisti italiani. Probabile l?apparizione in concerto di Tonino Carotone, staremo a vedere.

Produzione Esecutiva: Posto Nove

Posto Nove
c./Valencia 246 1º - 2ª
08007 Barcellona
www.postonove.com
info@postonove.com
 

Mas i Mas Festival

Sito Ufficiale Ajuntament Bcn / Rob. Fen.  2007-06-19 

musica 

concerti 

Cinquant?anni fa Peret (Pedro Pubill Calaf. Mataró, Barcellona, 1935) cominciò la sua carriera artistica di vate della Rumba Catalana e per festeggiare l?evento, il Maestro sarà uno dei protagonisti del Mas i Mas Festival, in programma dal 24 luglio al 5 settembre. Il concerto di Peret inaugurerà la manifestazione, seguito da ben 140 altri appuntamenti in cui si esibiranno oltre 400 artisti.
Nato per supplire al vuoto musicale estivo a Barcellona, il Mas i Mas Festival è giunto alla 5º edizione e propone musica classica, jazz, flamenco e suoni cubani in vari palcoscenici cittadini: l?Auditori di Bcn, l?Anfiteatro del Teatre Grec, ma anche locali più intimi come Luz de Gaz o il Jamboree e da quest?anno anche la Pedrera.
Il 26 luglio il Gran Teatre del Liceu presenterà la mitica formazione cubana Buena Vista Social Club, degli ?eroici? Cachaíto López, Guajiro Mirabel, Manuel Galbán e Jesús Aguaje Ramos. La nuova generazione della musica cubana sarà rappresentata da Lucrezia, cantante cubana che da anni risiede a Bcn.
Da ricordare i concerti del Wayne Shorter Quartet (con John Patitucci, Danilo Pérez e Brian Blade), dell?Orchestra Araba di Barcellona e dei Fangoria (Alaska e Nacho Canut), che chiuderanno il Festival il 5 de settembre con la presentazione del loro ultimo lavoro ?El extraño viaje?.

Consultare il programma completo del Mas i Mas Festival sul sito:
www.masimas.com/festival
 

Dossier Locali Italiani Gràcia Bcn

Filippo Marchesi Elisa Pellacani Rob. Fen.  2007-06-12 

vivere 

bere 

L?Enoteca d?Italia.
Carrer Santa Magdalena, 17.
08012 Barcelona.
Orario: da lunedì al sabato dalle 16:00 alle 21:00.
Tel. / Fax.: 34 93 368 28 19.
www.enotecaditalia.org
Inaugurata nel novembre del 2006 da due ragazzi veronesi Alberto Simoncini e Leonardo Caneppele, ?fuggiti? come molti altri dall?Italia berlusconiana.
Conoscevano Barcellona da anni e, constatando la scarsa presenza di vini italiani di qualità, hanno deciso di trasferirsi e iniziare l?attività nel quartiere di Gràcia, nei pressi della stazione metro di Lesseps.
Presentano soprattutto vini del Triveneto (Amarone, Gewurtztraminer , Valpolicella, Tocai friulano, Soave, Teroldego, Pinot Grigio, Refosco, Ribolla Gialla) di eccellente qualità e stanno importando anche vini piemontesi (Barolo, Barbaresco e Dolcetto), toscani (Brunello di Montalcino e il Nobile di Montepulciano) e romagnoli (Sangiovese e Albana).

Bar Stuzzichini
Carrer Nil i Fabra angolo Carrer Perez Galdos
Barcellona
(Inaugurato nell'aprile 2007)
Proprio dietro plaça Lesseps, più o meno lungo il confine immaginario del quartiere di Gràcia (che in realtà si estende e si arrampica fin verso il Parc Gúéll), lo scorso aprile Claudio e Fabrizio, fratelli riminesi, hanno aperto un bar che ripresenta l'ambiente di un famoso bar del centro della capitale della costa romagnola, in stile cantinetta.
Locale arredato con cura, molto luminoso; colpiscono gli eleganti lampadari, le tende rosse e l'intimità di un angolo del locale in cui campeggia un notevole mosaico dell'artista pugliese Oronzo Orodè.
Bancone ampio, lungo ed accompagnato da una bella quanto assortita lista di alcolici che ti fanno pensare di essere capitato proprio in uno dei locali del centro di Rimini.
Un altro tocco di italianità è dato dall?offerta mangereccia, costituita esclusivamente da specialità fatte in casa. Le piadine, tanto per ribadire le radici romagnole, sono le autentiche supestar. Ma poi ci sono pizze e crostini e per quanto riguarda i dolci (anche questi tutti rigorosamente fatti in casa) alcuni semifreddi tra cui il famigerato e buonissimo triramisù.
Gli amanti dei cocktail non resteranno certo delusi: mojitos, caipirinhas spritz e americani sono un?altra specialità della casa ma non mancano certo alcuni tra i grandi classici vini italiani.
In fondo al locale c'è un piccolo privè, intimo, raccolto e sicuramente particolare, visto che è arredato con miriadi di cuscini e un tavolo basso da tè , si ha la sensazione di una piacevole intimità anche grazie a un piccolo soppalco. L'altra anima del locale è rappresentata dallo schermo che permette la visione delle reti italiane e dall'italica passione che esplode durante le partite di calcio delle varie squadre dello Stivale e della Nazionale.
Musica italiana.

Ristorante Tacabanda
Cucina Piemontese
Carrer Torrent de l'Olla, 64
08012 Barcellona
Tel.: 34 93 210 45 16
www.tacabanda.es
Scendendo dal carrer Torrent de l'Olla, una delle principali vie di Gràcia, poco sotto Plaça del Sol, troviamo il ristorante italiano Tacabanda. Come il nome suggerisce, si tratta di un ristorante di cucina piemontese. Lo gestiscono da circa 3 anni William e Fabrizio (astigiano), che in realtà volevano aprire un ristorante a San Francisco, ma la ventura e altri intoppi li hanno portati a Barcellona.
Il locale è sobrio e accogliente, con cucina a vista e aromi nell'aria.
Tacabanda propone piatti della cucina italiana del nord ovest, principalmente piemontesi, curando in modo particolare il connubio piatto vino.
Nel menù spiccano, oltre ai notevoli primi, la carne cruda all'albese (la carne arriva direttamente dall'Italia) e il brasato al Barolo, la selvaggina e i formaggi.Interessante l'accostamento tra frutta e selvaggina.
La lista dei vini è popolata dai più autorevoli nomi della produzione vinicola astigiana e alcuni dell'albese.
 

Dossier Sónar 2007, le ultime

Ufficio Stampa Sónar  2007-06-11 

musica 

eventi 

Tutte le informazioni utili sul Sónar 2007 di Bcn.
Concerti, gruppi, sale, teatri, luoghi di performance, orari, prezzi, attività, ecc.
Insomma ciò che gli spagnoli definiscono con il termine: "Información básica".....

Información básica Sónar 2007
14.15.16 Junio de 2007.
Barcelona.

Tarifas y puntos de venta de entradas y abonos, transportes, facilidades y consejos para este año.
Precios
Abono Especial: Abono General (3 días y 2 noches) + Entrada a los conciertos de la Noche Inaugural (Jueves 14 de junio): 170 ? (disponibilidad limitada)
CCCB-MACBA-Centre d'Art Santa Mònica-Fira Gran Via (M2)
La forma más práctica y cómoda de disfrutar de Sónar. Válido para acceder a todas las actividades, tanto de día como de noche y a los conciertos de la Noche Inaugural del Jueves 14 de junio en el escenario SonarPark de Fira Gran Via (M2). No da acceso a los conciertos del Viernes 15 de junio en L?Auditori de Barcelona

Abono General (3 días y 2 noches): 140 ?
CCCB-MACBA-Centre d?Art Santa Mònica-Fira Gran Via (M2)
Válido para acceder a todas las actividades, tanto de día como de noche. Excepto a los conciertos de la Noche Inaugural del Jueves 14 de junio en Fira Gran Via (M2) y del Viernes 15 de junio en L?Auditori de Barcelona

Entrada Noche Inaugural (Jueves 14 de junio): 48 ?
Escenario SonarPark - Fira Gran Via (M2)
Beastie Boys: A Gala Event - Concierto Instrumental Exclusivo
Narod Niki: proyecto de techno minimalista nacido de la mente de Ricardo Villalobos que reunirá a varios artistas de la escena electrónica para interactuar en un concierto experimental con la vista puesta en la pista de baile.
Atención: Beastie Boys también actúan el Viernes 15 de junio en Sónar de Noche

Entrada 1 día Sónar de Día: 28 ?
Entrada 1 día Sonarama (sólo Centre d?Art Santa Mònica): 6 ?
Entrada Viernes Sónar de Noche: 48 ?
Fira Gran Via (M2)
Entrada Sábado Sónar de Noche: 45 ?
Fira Gran Via (M2)
Entrada Concierto L´Auditori: 15 ?

Venta Entradas
Las entradas y abonos se pueden adquirir por teléfono y a través de la página web de Sónar y a través de la web de Tick Tack Ticket
On-line: www.ticktackticket.com
Por teléfono: Tel. 902 150 025 desde España, de lunes a domingo de 10.00h a 22.00h. Desde el extranjero, sábados y domingos de 10.00h a 22.00h
Tel. +34 934 929 180 desde el extranjero, de lunes a viernes de 10.00h a 22.00h
En tiendas de discos*** de la red Tick Tack Ticket de toda España (lista completa de tiendas en www.ticktackticket.com)

Taquillas Palau de la Virreina
La Rambla, 99
Del 5 al 16 de junio
Lu-Sa de 10.00 h. a 19.30h / Do: de 11.00 h. a 14.30 h.

Venta en taquillas durante los días del festival

Taquillas Sónar de Día
c/dels Àngels, 7 (Convent dels Àngels)
Sólo recogida: 12 y 13 de junio de 10:00 a 19.30 h.
Venta y recogida: 14, 15 y 16 de Junio de 11.00 a 21.00 h.

Taquillas Sonarama
Centre d'Art Santa Mònica
Durante los días del festival de 14.30 h.a 22.00 h.

Taquillas Sónar de Noche
Fira Gran Via (M2)
Durante los días del festival a partir de las 20.00 h.

Venta Entradas Concierto L?Auditori
On-line: www.telentrada.com
Por teléfono: 902 10 12 12 (desde España) y + 34 93 326 29 46 (desde el extranjero)
En las oficinas de la Caixa de Catalunya
En las taquillas de L?Auditori (de lunes a sábado de 12.00 h. a 21.00 h.)
Info L?Auditori: 93 247 93 00 y www.auditori.org

Venta anticipada en Francia
FNAC-Carrefour-Géant
On-line: www.fnac.com
Por teléfono: 0892 68 36 22
(0,34?/min)

Venta anticipada en Bélgica
FNAC Bruxelles, Liège, Louvain, Gand, Anvers, Wijnegem
On-line: www.fnac.be
Por teléfono: 0900 00 600 (0,45?/min)

Venta anticipada en Suiza
FNAC Genève Balexert, Genève Rive, Lausanne, Fribourg
On-line: www.fnac.ch


Espacios y actividades:

Sónar de Día
De 12.00 h. a 22.00 h.

CCCB
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
c/Montalegre, 5
SonarVillage. Escenario Hall. SonarDôme
Feria Discográfica. Planta 2
Área Profesional. Pati Mossèn Puig
SonarMática. Planta -1
El área multimedia del festival cambia de tercio dirigiendo sus pasos hacia el mundo de la magia.
Sónar a la carta. Planta -1
La mediateca del festival. Arte digital, vídeo y música mediante selecciones comisariazas por especialistas.
SonarCinema. Auditori. Planta -2
Una muestra de trabajos realizados en todos los formatos y disciplinas de la creación audiovisual.

MACBA
Museu d?Art Contemporani de Barcelona
Entrada por c/ Montalegre, 5
SonarComplex. Planta 0
Espacio donde se diluyen las fronteras sonoras de la electrónica. Las propuestas de este año van desde el noise extremo hasta el ruidismo digital.
Feria Editorial. Planta 0

Centre D?art Santa Mònica
Rambla de Santa Mònica, 7
Sonarama
Área que este año invita al visitante del Centre d?Art Santa Mònica a una inmersión en las posibilidades espaciales del sonido.
Conferencias y Debates

Sónar de Noche
Jueves 14 de junio
Escenario SonarPark ? Fira Gran Via (M2) ? Noche Inaugural:
Beastie Boys ? A Gala Event: Concierto Instrumental Exclusivo + Narod Niki
Avda. Botánica, 62 (Polígon Pedrosa)
L?Hospitalet del Llobregat
A partir de las 23.00h
El abono general y la acreditación de Sónar 2007 no son válidos para asistir a este concierto.

Viernes 15 de junio
L?Auditori ? Sala 2 (Oriol Martorell)
Concierto doble con Tristano-Murcof y Alexander?s Annexe feat. Mira Cálix
C/Lepant, 150
Barcelona
A las 20.00h
El abono general y la acreditación de Sónar 2007 no son válidos para asistir a este concierto.

Viernes 15 - Sábado 16 de junio
Fira Gran Via (M2)
Avda. Botánica, 62 (Polígon Pedrosa)
L?Hospitalet del Llobregat
A partir de las 22.30h
SonarClub, SonarPub, SonarPark, SonarLab, SonarCar

 

Locali italiani a Bcn: Gràcia

Filippo Marchesi e Rob. Fen.  2007-06-10 

vivere 

bere 

Antico municipio indipendente fino al XIXº sec., il quartiere di Gràcia rappresenta un?alternativa alla Barcellona turistica. Edifici relativamente bassi, spesso unifamiliari, l'atmosfera è quella di un paese incastonato nella città. Popolato da artisti, giovani europei (soprattutto francesi e italiani) e sudamericani e anziani barcellonesi, negli ultimi anni è un miscuglio strano e divertente di comari e okupas, ben riuscito vista la tolleranza e la tranquillità che si respirano nelle molte e deliziose piazzette del "barri".
Plaça del Sol è il centro nevralgico di Gràcia, teatro di veri ?sabba? musicali durante le feste patronali del Municipio, che si celebrano nelle 2 prime settimane d?agosto, in cui le principali vie del quartiere vengono riccamente addobbate, con tanto di concorso.
Gràcia offre una vastissima scelta di locali (ristoranti, bar, discoteche) tra i quali parecchi italiani, nati da circa 4 o 5 anni e ne conferma la forte presenza, aumentata notevolmente negli ultimi anni.
Tra questi segnaliamo l?Enoteca d?Italia, Stuzzichini e Tacabanda.
 

Sónar 2007, le ultime

Ufficio Stampa Sónar  2007-06-09 

musica 

eventi 

A grandi linee confermiamo il programma già pubblicato nel dossier dell?anteprima del festival Sónar di Bcn. Beastie Boys, Devo, Calle 13 e Mala Rodríguez sono i nomi più attesi. Nel dossier ?le ultime dal Festival? potete consultare informazioni di vario tipo sul Sónar 07: prezzi, orari, artisti, luoghi dei concerti, ecc. Insomma , le ultime sul Festival che venerdì 15 giugno vivrà una delle notti più magiche?.

Beasties Boys, el dubstep y el new-rave encabezan una noche ecléctica y explosiva Beastie Boys, Dizzee Rascal, Richie Hawtin, Cornelius y mucho más?
La programación nocturna del viernes 15 remata la segunda y penúltima jornada del festival. La noche dos de Sónar 2007 se presenta repleta de grandes nombres y multitud de proyectos que no puedes dejar escapar.
Beastie Boys volverán a hacer acto de presencia aferrados a sus micrófonos, blandiendo contundentes descargas rítmicas y toneladas de flow en su segundo concierto en Sónar, este dedicado a sus hits de siempre. La rocktrónica psicodélica de Cornelius y la personal lectura del cabaret a cargo de Romantica pondrán el sello oriental a la velada. La del viernes también será la noche de estos dos estilos que tanto están dando que hablar últimamente: dubstep y new-rave. El primero estará representado por Kode 9 & The Spaceape, Oris Jay, Skream y Mary Anne Hobbs, embajadora de BBC Radio 1 en Sónar y padrina de todos los anteriores. Los emisarios del new-rave serán Digitalism, Simian Mobile Disco, New Young Pony Club y los invitados al monográfico de Ed Banger Records & French Music Export Office: Justice, Dj Mehdi y Uffie feat. Feadz.

Por su parte, Modeselektor Dj-Team pondrán sobre el escenario su revoltosa interpretación de la IDM y Signal (alias de Frank Bretschneider, Carsten Nicolai y Olaf Bender, o lo que es lo mismo, la cúpula de Raster Noton) ofrecerán todo un ejercicio de minimalismo con su show de electrónica en estado puro. La pista de baile temblará con las sesiones de Richie Hawtin, Timo Maas, Ben Mono y el directo de Dizzee Rascal. Además, Spacek & Benji B Soundsystem y As One. Todo esto sin olvidar una larga lista de dj?s nacionales en la que figuran Dj2d2, Angel Costa, Undo, Boris Divider y Dubbyman.

ACTUACIONES

BEASTIE BOYS
SonarClub, 23:40
DIZZEE RASCAL
SonarPark, 04:00
RICHIE HAWTIN
SonarClub, 03:00
CORNELIUS
SonarPark, 01:00
ROMANTICA
SonarPark, 03:00
SIMIAN MOBILE DISCO
SonarClub, 05:00
DIGITALISM
SonarPark, 4:45
NEW YOUNG PONYCLUB
SonarPub, 00:30
MODESELEKTOR DJ-TEAM
SonarClub, 01:00
 

Lee Miller: Picasso en privat.

Sito Ufficiale Ajuntament Bcn / Rob. Fen.  2007-06-06 

arte 

esposizioni 

?Lee Miller: Picasso En Privat?
Museu Picasso Barcelona
Carrer Montcada, 15
Curatrice Katherine Slusher.
Fino al 16 settembre 2007.

La nuova esposizione temporale del Museu Picasso di Bcn è dedicata all?opera della fotografa americana e musa surrealista Lee Miller.
Si intitola ?Lee Miller: Picasso En Privat? e presenta più di cento fotografie che testimoniano la celebrata energia magnetica del Maestro, immortalata da un occhio attento ai momenti creativi e alle varie epoche della sua attività e produzione.
Si tratta infatti di fotografie, alcune molto famose, che costituiscono documenti importanti relativi al Picasso intimo e privato, senza dubbio uno dei reportage più completi sul grande genio del ?900.
Lee Miller (Stati Uniti, 1907 ? Gran Bretagna 1977) ha scattato circa un migliaio di fotografie a Picasso nei 37 anni della loro intensa amicizia.
L?esposizione presenta anche una selezione dell?attività di fotografa documentarista e pubblicitaria di Lee Miller, oltre ad alcune istantanee che ne ricordano l?esperienza di corrispondente e reporter di guerra. Fu infatti tra i primi fotografi ad entrare nel campo di sterminio di Buchenwald.
Si possono ammirare, per la prima volta riuniti, i cinque ritratti in cui Picasso, nel 1937, ha a sua volta immortalato la fotografa , vestita da Arlesiana, durante un soggiorno nella tenuta di Mougins, in compagnia del marito Roland Penrose, uno dei principali biografi del Maestro di Malaga.
La mostra è stata organizzata con la collaborazione del direttore dell??Archivio Lee Miller? Antony Penrose, figlio dell?artista e ne commemora il centenario della nascita.
 

Festival Grec 2007

Sito Ufficiale Ajuntament Bcn / Rob. Fen.  2007-06-05 

musica 

eventi 

Il Festival Grec di Barcellona, giunto alla 31a edizione, presenta spettacoli di teatro, danza, musica e altre discipline artistiche dal 26 giugno al 5 agosto. Si tratta della più importante rassegna estiva della città e quest?anno si arricchisce di 2 nuovi palcoscenici: il Sant Andreu Teatre (SAT!) e ?La Caldera? del quartiere di Gràcia.
Come ha affermato il direttore Ricardo Szwarcer durante la presentazione, l?edizione 2007 del Festival punta su grandi allestimenti internazionali inediti e sul potenziamento della creazione scenica nazionale.
Opere teatrali di qualità, classiche e contemporanee, danza sperimentale e musica che si fonde nell?immagine, sono le linee portanti del Grec di quest?anno, particolarmente sperimentale e d?avanguardia.
La famosa ballerina Sylvie Guillem sarà la protagonista dello spettacolo inaugurale, il 26 giugno, con l?opera ?Sacred Monsters? presso il Teatre Grec del Montjuïc.
Al Mercat de les Flors sarà di scena il Cloud Gate Dance Theatre of Taiwan con lo spettacolo ?Moon Water? e tra le altre proposte teatrali ricordiamo: il Nuovo Teatro di Riga (Lettonia) con ?Long Life?; ?La Gaivota?, una rilettura del testo di Checov di Enrique Díaz, uno dei nomi prestigiosi del teatro brasiliano contemporaneo; ?Eva Perón?, al Teatre Lliure; ?4.48 Psicosis? al Teatre Ovidi Montllor, diretta da Luciano Cáceres con l?attrice Leonor Manso e ?Imperium?, il ritorno della Fura dels Baus, opera interpretata solo da attrici, presentata recentemente a Beijing (Cina).
Ricordiamo inoltre ?Le mani forti? di Marco Calvani, opera messa in scena e adattata da Marc Matínez e ?La famiglia dell?antiquario? di Carlo Goldoni che porta a Barcellona la Compagnia del Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni (Eros Pagni, Virgilio Zernitz, Gaia Aprea, Anita Bartolucci, Giovanni Calò, Massimo Cagnina, Piergiorgio Fasolo, Nunzia Greco, Aldo Ottobrino, Paolo Serra e Enzo Turrin), diretta da Lluís Paqual.
Il Festival Grec porta a Barcellona una serie di spettacoli musicali in cui l?immagine è protagonista. Laurie Anderson presenta il suo nuovo spettacolo ?Homeland?, un concerto multimediale. Peter Greenaway, accompagnato dal DJ Radar, mescola musica e immagini dei suoi film in diretta. Michael Nyman interpreta la musica che ha composto per il film sovietico ?Man with a Movie Camera?.
Ma il Fesival Grec presenta anche importanti nomi della miglior musica attuale, tra i quali Antony & The Johnsons, Bebo Valdés, Maria del Mar Bonet e Jorge Drexler, Vinicio Capossela, oltre a gruppi emergenti come Shuarma, Gonzales e, per prima volta, Pascal Comelade.
 

Bicing

Claudia Pani  2007-06-03 

cultura 

costumi 

Sono le 17.00 e mi trovo in Diagonal con Provença, appuntamento in Piazza Real alle 17.15!
Accidenti a me e al mio solito ritardo cronico! L?autobus??? Mmmhhh...buona idea...peccato che mi abbia appena superata e se adesso mi caccio in metro, sottoterra, al buio e con questo caldo, quando esco sarò ridotta uno straccio! (Non so voi ma entrare in metro mi trasmette sempre una discreta dose di ansia e stress per non parlare di quell?umido tipico del sottosuolo che ti si appiccica sulla faccia...). A questo punto non mi resta che provare la novità barcellonese in tema di trasporto pubblico! Ha poche settimane di vita ma sta riscuotendo un enorme successo! Sfodero dal portafogli la mia lucente tessera magnetica e vado verso una stazione del Bicing! Eccomi, faccio scivolare la tessera su un totem e mi prendo la prima bicicletta ?pubblica?....
E te pareva....? Mi è capitata la n.17...non vorrei dire ma.....vediamo un po' come va!
Inizio la discesa libera lungo Rambla Catalunya e dopo soli 10 minuti eccomi davanti a un parcheggio proprio affianco all?uscita del metro. Aggancio la bicicletta, aspetto qualche secondo e si accende una la luce rossa che indica che la bici è stata ripresa in consegna dal sistema e, puntuale come una svizzera, arrivo al mio appuntamento! Questa idea è favolosa! Soprattutto perchè ti libera dallo stress di cercare un posto dove lasciare la bici, dal perdere tempo per agganciarla a un palo, dal girarci intorno quattro volte con due lucchetti diversi, portarti via il sellino e sporcarti le mani di grasso....senza contare quanto è scomodo andare in giro con un sellino in mano.
La formula del trasporto pubblico a Barcellona si è appena arricchita di un mezzo tradizionalissimo, ecologico e divertente: la bicicletta.
Da qui il nome del servizio pubblico "Bicing".
La bici la prendi e la riporti presso i numerossimi terminali dislocati in città e con questa ti sposti, godendo magari di un bel sole, da un punto all?altro.
Iscriversi al "Bicing" è facile e rapido. Lo hanno già fatto trentamila persone! Ti abboni al costo annuo di sei euro (24 a partire da fine luglio) tramite l?apposita web www.bicing.com e dopo solo due giorni ti arriva a casa il tesserino magnetico riconosciuto dal sistema informatico che gestisce il servizio. L?abbonamento, nominale, non può essere ceduto ed è legato alla carta di credito con la quale si paga l?iscrizione. La prima mezz?ora è gratis mentre paghi trenta centesimi ogni mezz?ora successiva sino ad un massimo di 2 ore.
Se arrivi a una stazione e non ci sono parcheggi liberi, risfoderando la tessera e poggiandola nuovamente sul totem, ti vengono accreditati dieci minuti in più per riconsegnare la bici e lo schermo ti visualizza una mappa con i parcheggi più vicini e con il numero di posti a disposizione.
Quando ho cercato di riconsegnarla ieri, stava iniziato a piovere: arrivare al parcheggio e trovarlo pieno non è stato molto divertente ma, sapete che c?è? La pioggia ha un sapore diverso se ti sorprende lungo la strada...
 

Da Queneau ai ceci e oltre...

Gabriele Deiana  2007-06-03 

cultura 

costumi 

Da Queneau ai ceci e oltre. L'allegro divenire della TV italiana: la giusta assenza di Mina.

Uno spezzone video tratto dalla trasmissione televisiva del 1974 "Milleluci", per la regia di Antonello Falqui e presentato da Raffaella Carrà e Mina Mazzini.
Siamo al termine dell'ultima puntata, Mina e Raffaella asseriscono di non saper come accomiatarsi dal pubblico (qualsiasi saluto sembrerà preparato, dicono). Decidono perciò di accomiatarsi usando vari stili possibili: burcoratico, amichevole, militaresco, drammatico, pragmatico...

Era un tempo in cui alla TV c'era ancora arte e si evitava la banalità. Lo si capisce chiaramente guardando questo brano: c'è un'eco letteraria che rimanda direttamente a "Esercizi di stile" di Raymond Queneau. Incredibile vero? Fantascienza in comparazione con la TV di oggi.
A ben guardare però (e col senno di poi) è come se in questa trasmissione si incontrassero due maniere di fare TV differenti.
Mina la rappresentante più giovane della vecchia maniera, quando regnava un certo stile, quando, nonostante una censura maldestra si erano prodotte delle stupende trasmissioni, con artisti che venivano dall'avanspettacolo, dal teatro, dal cinema.
La Carrà, rappresenta invece la maniera che verrà: quella di una TV spazzatura di quiz e di reality show. Ricordate la trasmissione "Pronto Raffaella" in cui il climax era raggiunto quando Raffaella chiedeva al/alla telespettatore/telespettatrice al telefono: quanti ceci ci sono in questa ampolla di vetro?, oppure il "Carramba che sorpresa!" con i drammi di familiari che si ritrovavano dopo decenni. E' comunque la Carrà l'esempio più nobile (o meno deleterio) all'interno di questo genere di TV, dato che è un'artista: sa ballare, cantare, anche se non ha una gran voce (insomma: non è neanche lontanamente paragonabile con una Maria de Filippi per esempio).

Questa trasmissione è dunque il tempo e il luogo in cui questi due "mondi televisivi" si incontrano. E' questo uno dei segnali che indicano la fine di un'epoca: finiva l'Italia un pò innocente del Carosello; iniziava l'Italia degli "spot", delle reti private e del consumismo sfrenato: del "Berlusconismo".
E non è un caso che sia stata l'ultima trasmissione a cui Mina ha partecipato: alcuni hanno scritto che si fosse ritirata perchè depressa, altri perchè stanca che si parlasse dei suoi amori e non della sua musica, altri perchè era ingrassata. In realtà queste motivazioni (ammesso che fossero vere) erano solo una faccia della medaglia: l'altra faccia è che Mina da donna e artista intelligente vedeva bene che non valeva più la pena lavorare in una TV sempre più mediocre. Credo infatti che avesse sopportato per anni di lavorare in questo mezzo politicizzato, lottizzato, solo per avere l'opportunità di stare al fianco di artisti di primo livello e per poter crescere artisticamente. Nel '74 aveva già raggiunto lo "stramassimo" a livello artistico. Che senso aveva continuare nel piccolo schermo?
 

La Casa degli Italiani. Storia della Comunità Italiana di Barcellona (1865 - 1936).

Roberto Fenocchio  2007-05-26 

cultura 

libri 

Lo scorso 24 maggio è stato presentato presso la Casa degli Italiani di Barcellona il libro di Silvio Santagati, ?La Casa degli Italiani. Storia della Comunità Italiana di Barcellona (1865 - 1936). Avvenimenti e protagonisti attraverso due secoli?. Editorial Mediterrània 2007. Barcelona.
Alla presenza del console italiano, di altre autorità e di una nutrita rappresentanza dei discendenti dei protagonisti del libro, il Presidente della Casa degli Italiani Milesi ha sottolineato che lo studio di Santagati viene a colmare un notevole vuoto storiografico intorno alla più importante istituzione italiana presente sul territorio.
È la storia della più antica società benefica e culturale italiana esistente oggi nel mondo.Una storia fatta di persone e di nomi: Adolfo Folchi, fiorentino, fondatore delle scuole; Amerigo Fadini, cremasco, artefice della Casa degli Italiani; Angelo Comello, veneziano, fondatore della Società Italiana di Beneficenza. E poi Calcagno, Pantaleoni, Mezzalama e Maucci.
Il lunigiano Emanuele Maucci, venditore ambulante di libri, analfabeta, che costruì dal nulla un impero editoriale dissoltosi fra le macerie della Guerra Civile spagnola. Il genovese Antonio Calcagno, intellettuale giramondo e promotore entusiasta della tradizione culturale italiana. Nomi riscattati dalla memoria, protagonisti di tutte le tappe e i periodi storici e politici che ha vissuto l?istituzione attraverso due secoli.
Come ha affermato lo scrittore e giornalista catalano Lluís Permanyer, lo studio di Santagati, corredato da documenti e fotografie finora inediti, costituisce un notevole contributo alla storiografia della città e della Catalogna.
 

Fronteres

Sito Ufficiale CCCB / Rob. Fen.  2007-05-25 

arte 

esposizioni 

?Fronteres?.
CCCB (Centre de Cultura Contemporània de Bcn)
Curatori: i geografi francesi Michel Foucher e Henri Dorion.
Cooproduzione del CCCB e del Musée des Confluences de Lyon.
Dal 4 maggio al 30 settembre 2007.

Il CCCB presenta l?esposizione ?Fronteres?, che vuol essere una riflessione sul concetto di frontiera e delle sue tipologie e costituisce inoltre una panoramica sulle diverse frontiere geopolitiche di oggi (i confini d?Europa, Stai Uniti ? Messico, Israele ? Palestina, Corea del Nord ? Corea del Sud, Kashmir, Miami ? l?Avana, il caso di Melilla...).
La mostra è stata concepita come un viaggio attraverso mondi diversi,
un percorso che allea storia e geopolitica, lo sguardo dei fotografi e i testimoni, suoni e mappe, riflessioni generali e studi sul campo.
Lungo il percorso espositivo il pubblico potrà ammirare fotografie di Patrick Bard, Olivier Coret, Marie Dorigny, Olivier Jobard, Nicolas Righetti, Frédéric Sauterau, Eric Roux-Fontaine e Michel Séméniako e le riflessioni di Roger Bartra, Zygmunt Bauman, Georges Corm, Manuel Cruz, Francisco Fernández Buey, Michel Foucher, David S. Landes, Tzvetan Todorov e Eyal Weizman. Da ricordare la partecipazione dei creatori Frederic Amat, Enric Massip, Ángel Morúa e Josep Niebla.



 

Montjuïc, inaugurata la nuova teleferica.

Uffico Stampa Ajuntament de Bcn / Rob. Fen.  2007-05-13 

posti belli 

luoghi 

Inaugurata il 16 maggio la nuova teleferica del Montjuïc che consentirà di arrivare alla parte più alta della montagna, al Castello. Circa quindici minuti di tragitto in cui si può ammirare Barcellona dall?alto.
Tre sono le stazioni del percorso: il Parc de Montjuïc, il Mirador e il Castello, anche se è consigliabile cominciare il viaggio dalla stazione situata alla quota più bassa e cioè da quella di Parc de Montjuïc.
Molte sono le novità di questa nuova teleferica, che non ha nulla a che vedere con la vecchia istallazione. In primo luogo sono state migliorate la capacità, l?accessibilità e l?integrazione con l?ambiente circostante. È stato infatti ridotto al massimo l?impatto mediambientale e sono aumentate le misure di sicurezza che ora permettono il funzionamento degli impianti durante tutto l?anno.
Le cabine sono molto spaziose, dotate di cinture di sicurezza per sedie a rotelle e di ampie vetrate, così da consentire splendide viste panoramiche della città.
Si possono ammirare piazza Catalunya, la Cattedrale, la Sagrada Família, le navi in rada e in porto, la Villa Olimpica, la Torre AGBAR e la zona del Fòrum.
In totale il percorso si eleva per 750 metri su un dislivello di 84,5 metri, tra le stazioni di Parc de Montjuïc e il Castello.
Il costo totale dell?opera ha raggiunto 14,5 milioni di euro. Il trasporto sarà in gestione all?azienda pubblica Telefèric de Montjuïc che prevede un?utenza di circa 400.000 persone durante il primo anno di funzionamento. La nuova teleferica sarà finanziata esclusivamente dagli utili derivanti dallo sfruttamento della gestione.

 

Anteprima Sónar 2007 Bcn.

Ufficio Stampa Sónar 2007.  2007-05-08 

musica 

eventi 

Il festival Sónar di Bcn anticipa le proposte dell'edizione 2007.
Tra i grandi nomi della scena musicale di ieri e di oggi presenti alla manifestazione ricordiamo: Beastie Boys, Devo, Calle 13 e Mala Rodríguez.
Nel Dossier il programma completo.

Dos nombres destacan en el cartel nocturno de Sónar 2007: Beastie Boys, el trío blanco más famoso del hip hop y Devo, la célula marciana de la new-wave. Después de años de ausencia, las dos bandas han escogido el festival para su fulgurante aterrizaje en la península. El hip hop y el pop del espacio exterior no faltarán en las noches de Sónar.
Adrock, Mike D y MCA son Beastie Boys, una de las formaciones más revolucionarias del hip hop y uno de los proyectos que más ha hecho para expandir las fronteras del género. Todo es posible en la música de esta banda de Brooklyn con una carrera de casi veinticinco años. Hip hop para todos los públicos, gamberro, ocurrente y que, por encima de todo, se escapa de cualquier cliché. Nadie se atrevería a ponerlo en duda: Beastie Boys son únicos e irrepetibles, y su paso por Sónar (su primera visita a Barcelona) es un acontecimiento del todo ineludible. Pero es que, además, los neoyorquinos no actuarán en el festival una sola vez sino dos. Su primera aparición será el jueves sobre el escenario de SonarPark con ?A Gala Event ? Exclusive Instrumental Show?, un sorprendente concierto instrumental en el que el trío cambiará los micrófonos por guitarras, bajos, teclados y baterías para ofrecernos una muestra de su amor por el funk, los rare grooves, el soulful jazz, la exótica y la bossa nova. Ad Rock y compañía volverán el viernes por la noche para tomar el SonarClub con sus rimas incendiarias y su habitual pirotecnia musical. Y aún habrá otra ración de los beasties en Sónar 2007 con la presentación en SonarCinema de ?Awesome, I fuckin? Shot That!?, un documental filmado con cincuenta cámaras desde la perspectiva del público y que recoge la actuación de la banda en un abarrotado Madison Square Garden el 9 de octubre de 2004.

Y ahora adivinen? ¿a quién recuerdan esos Beastie Boys enfundados en monos de trabajo fluorescentes del genial video-clip ?Intergalactic?? Pues a Devo, claro, los otros invitados de honor de este Sónar repleto de pop festivo y con grandes dosis de humor. Después de 17 años sin pisar un escenario europeo, el cuarteto desembarca para iniciar una mini gira por el viejo continente. Formada a principios de los setenta en Akron (Ohio), la banda encabezada por Gerald Casale y Mark Mothersbaugh dio la vuelta al sonido de raiz punk, poniendo los sintetizadores a la misma altura de las guitarras. Referentes clave de la new wave y padres indiscutibles del pop sintético, Devo son los autores de enormes canciones (?Mongoloid?, ?Whip It? o esa versión plastificada de ?Satisfaction? que es casi mejor que la original?) y poseedores de una de las puestas en escena más locas y extravagantes de toda la historia del pop. Su paso por SonarClub la noche del sábado será un momento único para descubrir a una de las formaciones más singulares que haya dado la música popular.

Beastie Boys, ?A Gala Event ? Exclusive Instrumental Show?
Jueves 14 de Junio / Escenario SonarPark

Beastie Boys
Viernes 15 de Junio / Escenario SonarClub

Devo
Sábado 16 de Junio / Escenario SonarClub

Calle 13 y Mala Rodríguez desatan el ritmo en la última noche de Sónar
La sorprendente reinvención del reggaeton a manos de los puertorriqueños Calle 13 y las nuevas canciones de La Mala ponen el acento latino a la noche del sábado. Ritmos desenfrenados, rimas deslenguadas y alguna sorpresa de última hora para la recta final de este Sónar 2007.
El reggaeton puede ir mucho más allá del politono. Calle 13 lo demuestran con su mezcla única de hip-hop, dancehall, funk, reggae, cumbia, salsa y jazz. Más de 400.000 discos vendidos, críticas de oro en las páginas de The New York Times, Time Magazine, Los Angeles Times o Bilboard y dos premios Grammy avalan a estos puertorriqueños que han revolucionado el sonido reggaeton desde dentro. Apartándose (e incluso mofándose) de los clichés más arraigados al género, la formación capitaneada por René Pérez Joglar (alias Residente) y Eduardo José Cabra Martínez (alias Visitante) tiene la potencia como signo distintivo. Potencia que reside tanto en su música imaginativa y musculosa, como en sus avispadas letras, siempre cargadas de humor negro y reivindicación político-social. ¿Más datos? busquen en la lista de amigos y colaboradores de Residente y Visitante y encontrarán al doblemente oscarizado Gustavo Santaolalla (compositor de las bandas sonoras de ?Babel? y ?Brokeback Mountain?), al grupo de rap cubano Orishas o a la mismísima Mala Rodríguez.

Pero la de Calle 13 no será la única propuesta cargada de actitud y marcado acento hispano de la noche del sábado, caracterizada como siempre por el ritmo, el volumen y la energía. Será justamente ella, Mala Rodríguez, rresentará su recién estrenado tercer trabajo, ?Malamarismo?, la sevillana exhibirá ese inconfundible hip-hop con duende que la hace única tanto dentro como fuera de nuestro país. Más abierta que nunca a las influencias, la rapera con la lengua más viperina de la península ha jugado a los malabares con todos los estilos que tenía a mano en este nuevo disco que ella misma no duda en calificar como el mejor de todos. Entre los que han echado una mano a La Mala encontramos a Tego Calderón, Julieta Venegas, Raimundo Amador. Estas conexiones y una serie de coincidencias en el tiempo y el espacio parecen indicar que, muy probablemente, alguna sorpresa podría ocurrir durante esta última noche de Sónar que se presenta cargada de irreverencia y desparpajo.

Calle 13
Sábado 16 de Junio / Escenario SonarPark

La Mala Rodríguez
Sábado 16 de Junio / Escenario SonarPark

 

Dossier: Programma Sónar 2007

Ufficio Stampa Sónar 2007.  2007-05-08 

musica 

eventi 

Ecco il programma completo del Sónar 2007 di Barcellona.
Si tratta di un programma ancora provvisorio, per cui vi consigliamo di consultare il sito ufficiale del Sónar: www.sonar.es per essere aggiornati sugli eventuali cambiamenti.
Nei prossimi numeri di www.bcn-it.com pubblicheremo il programma ufficiale e definitivo.


JUEVES 14 DE JUNIO - SÓNAR DE DÍA

CONCIERTOS Y DJ'S:

JAMES HOLDEN (UK)
DORIAN (ES)
LES ANCIENS (ES)
BASELINE (ES)

SHOWCASES:

BEIJING WAVES
FM3 plays THE BUDDHA MACHINE (CN)
718 (CN)
FM3 feat. BLIXA BARGELD (CN / DE)
WHITE (CN)

NOBLE LABEL
KAZUMASA HASHIMOTO (JP)
JUNJI KUBO (JP)
PIANA (JP)

ACCIDENTAL
SETSUBUN BEAT UNIT (UK)
MICA & THE CLUSTER (UK)
THE INVISIBLE (UK)

STATION 55
NIGHT OF THE BRAIN (ES)
JOE ROBINSON (UK)
BURBUJA (ES)

CAPSULE & NO-FI
BLACK GALAXY (UK)
BURNING STAR CORE (UK)
JAZZFINGER (UK)

JUEVES 14 DE JUNIO - SÓNAR DE NOCHE ?FIRA GRAN VIA (M2) / ESCENARIO SONARPARK-

BEASTIE BOYS (US)
NAROD NIKI


VIERNES 15 DE JUNIO - SÓNAR DE DÍA

CONCIERTOS Y DJ'S:

SUNN 0))) (US)
INFINITE LIVEZ vs. STADE feat. JOY FREMPONG (UK / FR)
CLARK (UK)
HASWELL & HECKER (UK / DE)
EMANON (US)
BLACK AFFAIR (UK)
LES AUS (ES)
NETTLE (US / ES)
BACANAL INTRUDER (ES)
FACTO DELAFÉ Y LAS FLORES AZULES (ES)
CHARLES HAYWARD (UK)
EMILIANO ZELADA & JONATHAN PANNACIÒ (IT)

SHOWCASES:

HOT AS HEL
NICOLE WILLIS & THE SOUL INVESTIGATORS (FI)
THE EXECUTIVES (FI)
ACCU (FI)
TUOMAS TOIVONEN (FI)

* L?AUDITORI

ALEXANDER?S ANNEXE feat. MIRA CALIX (UK)
TRISTANO + MURCOF (LU / MX)


VIERNES 15 DE JUNIO - SÓNAR DE NOCHE

CONCIERTOS Y DJ'S:

BEASTIE BOYS (US)
CORNELIUS (JP)
RICHIE HAWTIN (CA)
DIZZEE RASCAL (UK)
TIMO MAAS (DE)
ROMANTICA (JP)
DIGITALISM (DE)
SIMIAN MOBILE DISCO (UK)
NEW YOUNG PONY CLUB (UK)
MODESELEKTOR DJ-TEAM (DE)
DUBBYMAN (ES)
NACHO MARCO (ES)

SHOWCASES:

BBC RADIO 1
MARY ANNE HOBBS (UK)
KODE 9 & THE SPACEAPE (UK)
ORIS JAY (UK)
SKREAM (UK)

ED BANGER RECORDS & FRENCH MUSIC EXPORT OFFICE
DJ MEHDI (FR)
UFFIE feat. FEADZ (US / FR)
JUSTICE (FR)

RED BULL MUSIC ACADEMY
SPACEK & BENJI B SOUNDSYSTEM (UK)
AS ONE (UK)

SÁBADO 16 DE JUNIO - SÓNAR DE DÍA


CONCIERTOS Y DJ'S:

JUNIOR BOYS (CA)
MIRA CALIX (UK)
VARIOUS PRODUCTION (UK)
HEY WILLPOWER (US)
PLANNINGTOROCK (UK)
WOLF EYES (US)
KTL (US / AT)
KHAN OF FINLAND (FI)
FIBLANDA (ES)
OLDER (ES)
SIBERIAN FIELDWORKS (ES)

SHOWCASES:

ONANDON RECORDS & FRENCH MUSIC EXPORT OFFICE
C2C (FR)
HOCUS POCUS (FR)

MODERN LOVE & EVNTS
MILES (UK)
CLARO INTELECTO (UK)
ANDY SCOTT (UK)

RUSH HOUR RECORDS presenta BEAT DIMENSIONS
HEARIN? AID (SE)
JAY SCARLETT & CINNAMAN (UK / NL)

SÁBADO 16 DE JUNIO - SÓNAR DE NOCHE

CONCIERTOS Y DJ'S:

DEVO (US)
CALLE 13 (PR)
MOGWAI (UK)
MALA RODRIGUEZ (ES)
JEFF MILLS (US)
MATTHEW DEAR?S BIG HANDS (US)
FANGORIA (ES)
DAVE CLARKE (UK)
DJ NU-MARK (US)
MISS KITTIN (FR)
ALTERN8 (UK)
RAHZEL & DJ JS-ONE (US)
RADIO SLAVE (UK)
DJ WOODY (UK)
DAMIAN SCHWARTZ vs. TADEO (ES)
BORIS DIVIDER (ES)
SWAT ? SQUAT (ES)

SHOWCASES:

LO RECORDINGS
BLACK DEVIL DISCO CLUB (FR)
MILKY GLOBE (UK)
CURSOR MINER (UK)

INNERVISIONS
DIXON (DE)
CHATEAU FLIGHT (FR)
AME (DE)

MINUS
JPLS (US)
TRACTILE (CA)


* Nota: Ni el abono normal ni la acreditación permiten el acceso a los conciertos del viernes 15 de junio en L?Auditori de Barcelona.

Esta lista es provisional i está sujeta a posibles cambios. Si queréis obtener información periódicamente actualizada podéis visitar nuestra web www.sonar.es o daros de alta en nuestro servicio de newsletter en la misma.
 

Santiago Rusiñol al MNAC di Bcn.

Ufficio Stampa MNAC / Rob. Fen.  2007-05-08 

arte 

esposizioni 

Disegni di Santiago Rusiñol al MNAC di Bcn

MNAC (Museu Nacional d'Art de Catalunya) Barcellona
Dal 24 aprile 2007 al 1º aprile 2008
Curatore: Francesc Quílez, del Gabinet de Dibuixos i Gravats del MNAC.

Nell?ambito della commemorazione dell?Anno Rusiñol, il Museu Nacional d'Art de Catalunya organizza un?esposizione all?interno della collezione permanente dedicata all?artista. Si tratta di un?accurata selezione di disegni conservati presso il Gabinet de Dibuixos i Gravats del Museu, costituita da 30 opere rappresentative delle diverse tappe dell?attività artistica di Santiago Rusiñol.
Tra i capolavori in esposizione citiamo 'Retrat de Carles Mani i Pere Ferran', 'Un carreró de Gènova' e 'Retrat d'Alfredo Sainati'. Molti di questi disegni facevano parte della collezione del critico d?arte e di letteratura Raimon Casellas e furono acquistati dalla Giunta del Museo nel 1911.
 

Botigues emblemàtiques de Barcelona

Sito Ajuntament Bcn / Rob. Fen.  2007-05-08 

cultura 

libri 

Un libro di recente pubblicazione raccoglie le botteghe più belle ed emblematiche di Barcellona. Stabilimenti commerciali, con più di 50 anni di storia, che conservano l?aspetto originale e che spesso combinano tradizione e modernità.
Si intitola ?Guapos per sempre. Botigues emblemàtiques de Barcelona?, contiene testi delle giornaliste Maria Favà e Carme Amorós e foto di Rosina Martínez, Pere Pascual e Xavier Bolao.
È una rassegna degli oltre cento locali che sono stati insigniti del riconoscimento ?Guapos per sempre? (Belli per sempre).
Titolo che dal 1994 viene assegnato dal Comune di Barcellona e che premia, oltre alla tradizione commerciale, anche la conservazione dell?immagine e dello spirito originale di questi stabilimenti commerciali.
?La Guanteria Alonso?, ?Queviures Quilez? o ?Casa Beethoven? sono solo alcune delle note botteghe di cui si parla nel libro, ma ve ne sono di ogni tipo: farmacie, alberghi, sale da ballo, pasticcerie, o negozi di abbigliamento.
?Guapos per sempre, Botigues emblemàtiques de Barcelona? fa parte della collezione ?Barcelona Paisatges?, che prossimamente pubblicherà anche il volume ?Balcons de Barcelona?, a cura di Anton M. Espadaler.
 

Toquinho al Palau de la Música de Bcn.

Filippo Marchesi  2007-04-30 

musica 

concerti 

Toquinho è senza dubbio l?ospite più illustre di questo XVIIº Festival de Guitarra de Barcelona. Venerdí 20 aprile, il Palau della Música era pieno in ogni ordine di posti e Toquinho pronto a deliziarci con un ripasso di 40 anni di grande musica brasiliana, proprio quanti ne conta la carriera di questo grande artista. Il chitarrista (di origini italiane) ha dato vita a un concerto in cui non si è risparmiato e non ha assolutamente deluso i suoi numerosi estimatori e gli appassionati di Bossa Nova e di chitarra classica spagnola (violao in brasiliano). Ha concesso tre bis , l`ultimo sicuramente non programmato, ma vedendosi acclamato è stato ?costretto? a sfamare la grande voglia di musica del pubblico presente. Il concerto è stato senza dubbio entusiasmante e di grande qualità, soprattutto la parte centrale in cui Toquinho si è esibito senza l?appoggio della peraltro ottima band che lo accompagnava e ha dimostrato ancora una volta grande abilità e padronanza dello strumento che ama, offrendo al pubblico una serie di assoli in cui ha voluto rendere omaggio ai suoi maestri (Tom Jobim e Vinicius de Moraes). Assoli che hanno confermato la grande versatilità del suo repertorio che attraversa vari generi e stili con una sensibilità forgiata nel tempo. Ma il concerto non è stato solo musica...Toquinho infatti ha regalato al pubblico del Palau il racconto di episodi della sua vita di vita con alcune delle persone che lo hanno accompagnato in questa sua straordinaria carriera. Una su tutte il padre: ha infatti iniziato rivelando che, appena diciassettenne, si guadagnava da vivere suonando la chitarra e il padre lo rimproverava perché la musica non gli avrebbe mai consentito di guadagnarsi da vivere. Anni dopo, quando Toquinho iniziò a guadagnare bene suonando, si ricordava spesso delle parole del padre. Una primizia il seguente racconto: Toquinho, già artista affermato, si trovava in visita a Roma e il grande Marcello Mastroianni lo aveva invitato a cena in un noto ristorante. Mastroianni gli disse che avrebbero dovuto vedersi tassativamente alle dieci di sera in piazza Navona e Toquinho, sapendo quanto Marcello tenesse alla puntualità, si presentò all?ora stabilita... Ma passano i minuti e Mastroianni non arriva fino ad accumulare un ritardo sconcertante di ben cinquanta minuti. Mastroianni finalmente arriva, trafelato, ancora vestito e truccato da scena, gli chiede scusa, dice che hanno finito tardissimo le riprese ed aggiunge che è difficile capire quanto sia dura la vita dell?attore. Toquinho risponde che non c?è problema, che anche lui è abituato a queste cose e che un artista difficilmente riesce ad avere orari normali. Ma Marcello insiste nel dire che è difficile può capire quanto sia dura la vita dell?attore, un sentimento misto di esitazione ed estraneità pervade Toquinho, ma Marcello non gli lascia il tempo di ragionare, infatti aggiunge: ?Sì, la vita dell?attore è molto dura, comunque è sempre meglio che lavorare??. Il pubblico ha senz?altro gradito il puro distillato di Brasile che gocciolava da ogni nota della sua chitarra ed io forse più di tutti, permettetemelo: di ritorno da un viaggio in Brasile e precisamente a Bahia, Toquinho mi ha inconsciamente fatto uno splendio regalo; ha infatti iniziato il concerto con ?Uma Tarde en Itapua?. Inutile dire che io un pomeriggio sulla spiaggia di Itapua l?ho vissuto per davvero...  

Dossier: Les passejades de la ruta de les llibertats

Alfred Bosch i Josep Melero  2007-04-26 

cultura 

libri 

Alguns punts d'interès de les passejades de la ruta de les llibertats. Si us animeu a fer alguna de les rutes del llibre podreu tenir una visió diferent de la que teníeu fins ara de racons realment èpics de Barcelona. Aquí en teniu alguns exemples: Les torres de la muralla romana del segle IV, situades a la plaça dels Traginers. La Sala del Consell de Cent, que fou el govern de la ciutat des del 1265, i precursor dels sistemes democràtics de representació més antics d'Europa. Les restes de la Sinagoga Major, avui recuperada, al carrer de Marlet. De fet, és una de les poques, si no l'única, que es conserva perquè les sinagogues van ser destruïdes durant els pogroms antijueus de 1391. L'Església de Sant Andreu del Palomar, en què es troba adossada la capella del Sant Crist dels Segadors, lloc on s'inicià la revolta dels Segadors que va precipitar la Guerra de Successió. Les Drassanes Reials, escenari de la mort del virrei Santa Coloma per part dels segadors revoltats. Al passeig del Born, a més del Fossar de les Moreres i les runes descobertes recentment sota l'antic mercat, hi ha testimonis arqueològics de l'enderrocament de part del barri per construir la ciutadella militar. A la façana de l'edifici del carrer de Sòcrates, al número 2, hi ha incrustada una bomba de 1843 que es va llançar amb els canons del general Prim. La Canadenca, una antiga fàbrica, ens ha deixat com a testimoni les seves tres xemeneies al Poble Sec. Aquesta fàbrica va ser l'escenari, el 1919, d'una de les vagues més famoses de la ciutat. Al terrat de la Reial Acadèmia de Ciències, a la Rambla 115, s'hi van fer forts escamots del POUM, entre els quals hi havia l'escriptor anglès George Orwell. La façana de Sant Felip Neri conserva encara els efectes de la metralla d'un dels bombardejos de l'aviació feixista durant la Guerra Civil. Aquell bombardeig va matar 153 persones en un sol dia, una tercera part de les quals eren infants. El Castell de Montjuïc, va ser usat com a presó durant la Guerra Civil i la postguerra. Com sabem, el president Companys hi va ser afusellat, igual que altres dissidents polítics. La prefectura superior de policia, a la Via Laietana 43, va ser el sinistre centre de detencions, interrogatoris i tortures de la policia al llarg dels 40 anys del règim feixista. A l'Església dels Caputxins de Sarrià, al carrer del Cardenal 12, s'hi van reunir el 1966 mig miler d'estudiants i intel·lectuals per fundar el Sindicat Democràtic d'Estudiants de la UB. Després de dos dies de tancament van ser desallotjats a la força.  

La Ruta de les llibertats

Sito ufficiale Ajuntament de Bcn  2007-04-24 

cultura 

libri 

Barcellona nasconde molti luoghi per il ricordo, luoghi in cui i barcellonesi lottarono per le proprie libertà, alcuni fino alla morte. Ora è possibile riscoprirli grazie a una nuova guida ?La ruta de les llibertats? recentemente pubblicata dall?Institut del Paisatge Urbà a cura di Alfred Bosch i Josep Melero. Questi percorsi, classificati cronologicamente per capitoli, ripercorrono 2000 anni di storia, dall?epoca romana fino alla dittadura franchista, ed evocano la lunga tradizione di lotta dei barcellonesi a difesa delle libertà, della propria identità e dei diritti sociali e civili. Si possono così ricordare e comprendere episodi importanti del divenire storico della città quali la fondazione romana, il saccheggio d'Almansor, la firma della ?Carta de llibertats de Barcelona?, i pogrom contro gli Ebrei, il dissidio tra la Busca i la Biga, la guerra civile contro Joan II, la guerra ?dels Segadors?, quella dei Pirenei, quella dei Nove Anni e quella di Successione, l?11 Settembre, le bombe di Espartero, la ?Setmana Tràgica?, la Seconda Repubblica, la proclamazione dell'Estat Català, l'esecuzione di Companys, la ?Caputxinada?, la morte di Puig Antich. Tutti questi episodi sono ampiamente documentati nella guida ?La ruta de les llibertats? da testi, fotografie d?epoca e recenti, incisioni, stampe, quadri, disegni, mappe di zona. Sono perfettamente delineati i percorsi storici, corredati da informazioni pratiche sui monumenti che si possono visitare.  

Un teatre sense teatre

Sito ufficiale MACBA Bcn  2007-04-24 

arte 

esposizioni 

"Un teatre sense teatre"
MACBA Museu d'Art contemporani de Bcn
Del 25.05 al 11.09 2007.
Comissaris: Bernard Blistène i Yann Chateigné, amb la col·laboració de Pedro G. Romero.
Producció: Museu d?Art Contemporani de Barcelona (MACBA) i Museo Berardo de Lisboa.

Un teatre sense teatre vol explorar les diferents propostes artístiques que, des de principi del segle xx, s?han anat desenvolupant a partir del model teatral per tal de constituir-se, en el centre de l?espai de les arts visuals, en prolongació i en alternatives a les categories i divisions estètiques de les belles arts.
Híbrides, aquestes formes d?expressió múltiples han constituït i constitueixen uns territoris en què les qüestions pròpies de les arts visuals s?alimenten de les que són pròpies de les arts escèniques: en aquestes, el que és viu s?enfronta amb la inanitat, el temps amb l?espai, la vida amb l?artifici, el que és real amb la seva representació, fins al punt que es pot considerar l?espai de l?art contemporani com a «l?altre escenari» del teatre.
Aquest «altre escenari» i el lloc que hi ocupa el subjecte és precisament el que vol mostrar aquest projecte: un subjecte a voltes actor i a voltes espectador, la presència del qual mena a una redefinició del funcionament i de la finalitat de l?obra.
Des d?Hugo Ball fins a Mike Kelley, des d?Oskar Schlemmer fins a Dan Graham, des de Christian Boltanski fins a James Coleman, són els codis i les convencions, les utopies i les vel·leïtats de transformacions estètiques, polítiques i socials portades per l?experiència de l?escena, els que teixeixen i sostenen aquí els vincles entre teatre i art contemporani. Mitjançant aquesta interacció constant, les arts visuals amplien el seu camp d?acció, conquereixen altres espais. A partir del model teatral, des de Konstantin Stanislavski fins a Vsevolod Meyerhold, des d?Antonin Artaud fins a Samuel Beckett, des de Jerzy Grotowski fins a Tadeusz Kantor, l?art no deixa de preguntar-se indefectiblement per què estava disposat a separar-se del que és viu.
I és que la realitat del món en què vivim tendeix a abolir la distinció entre allò teatral i allò real. El món contemporani ja és una immensa representació. El subjecte hi busca contínuament el seu lloc.
Mentre que el teatre troba, probablement, en el camp de l?art les condicions de la seva possible emancipació, les arts visuals troben en els models que el teatre els proporciona les condicions d?un possible rebuig de la mercaderia, una posada en crisi de la representació o de la materialitat de les coses: l?elaboració de noves estratègies, una manera de «crear mons» a través de nous prismes i nous enfocaments. Enfront de la industrialització de les imatges i dels cossos, alguns artistes contraposen, a través de les formes i les lleis del teatre i de l?escenari, un rebuig a tota estètica de la reconciliació, i consideren la teatralització de la realitat com una alternativa a l?espectacularització contemporània i com una possible reconstrucció del subjecte en uns moments de fracàs d?allò polític.


 

Alghero, eccezione culturale in Sardegna

Gabriele Deiana  2007-04-22 

cultura 

linguistica 

Una canzone catalana che s?intitola ?Des de Mallorca a l´Alguer? dice: ?Des de Mallorca a l?Alguer, tots parlem el mateix? (da Maiorca ad Alghero parliamo tutti allo stesso modo). Vengo da una cittadina della Sardegna, Alghero. Ad Alghero c?è un monumento, con i colori della bandiera catalana, dov?è scritto se ben ricordo: Alguer pays català de Sardenya, cioè Alghero paese catalano della Sardegna. Alghero divenne catalana nel periodo dell?occupazione dell?isola da parte della Regno d?Aragona, quando venne cacciata la popolazione autoctona e vi si installò un insediamento di catalani appunto. Era una sorta di roccaforte, un porto sicuro dove i dominatori stavano in casa propria. Venne per questo fortificata e costituì per secoli una sorta di isola nell?isola. Ogni notte si chiudevano gli accessi alla città fortificata e venivano riaperti al mattino, per permettere le attività di pesca e commercio. Chi veniva a vivere nella città fortificata doveva imparare l?algherese per integrarsi o per lo meno per potersi far capire. Si cominciò ad abbattere le mura solo nel 1881, anno in cui con regio decreto si approva definitivamente un Piano di Ingrandimento della città. Si capisce quindi come si sia potuto conservare l?algherese fino ai nostri giorni, nonostante in Sardegna il catalano fosse stato rimpiazzato come lingua ufficiale dallo spagnolo nel secolo XVII e quest?ultimo dall?italiano nel secolo XVIII. Quelli del resto dell?isola venivano chiamati dagli algheresi ?i sardi?, forse con una punta di disprezzo, per sottolineare una sorta di ?alterità culturale? e i sardi chiamavano Alghero ?S?Alighera?, riferendovisi come a una città estranea, non sarda. A questo punto è necessario specificare cos?è l?algherese: viene definito come una varietà del catalano, una ?lingua? conservativa (com?è tipico delle comunità isolate) poiché ha conservato termini del catalano arcaico, medioevale, che è andata via via assumendo tratti fonetici e lessicali dal sardo e poi dall?italiano. Oggi ci sono varie iniziative perché non venga persa la parlata, si fanno dei corsi gratuiti di algherese e catalano, si tengono contatti con la ?Generalitat? di Barcellona, le vie del centro storico sono scritte in algherese, il ?Coro polifonico algherese? cura la tradizione di canti in algherese. Dopo aver detto tutto questo devo ammettere, con un po? di vergogna che io non parlo l?algherese, perché i miei mi hanno sempre parlato in italiano e anche perché fino ai tredici anni ho vissuto in una cittadina nel centro della Sardegna, dove si parla sardo. Tuttavia capisco abbastanza l?algherese, per questo, una volta a Barcellona, sentendo parlare catalano, vedendo alcune insegne nei negozi scritte in catalano, mi faceva un effetto strano, buffo, come fossi a casa: quella che io avevo sempre considerato una parlata marginale o per lo meno minoritaria all?interno della Sardegna, è invece la parlata di una città ricca e cosmopolita come Barcellona. Certo, lo sapevo da prima: ma una cosa è saperlo perché lo senti dire, come una sorta di mitica leggenda, e un?altra e sentirlo e viverlo sul posto. Dal mio punto di vista di immigrante algherese insomma, dimenticando i fatti storici, ebbi l?impressione che a Barcellona si parlasse una varietà di algherese e non ad Alghero una varietà del catalano! Come chiosa a questo breve articolo, ci tengo a ricordare un piccolo contributo che hanno dato dei membri della mia famiglia per tenere vivo questo sentimento di ?algheresità?, questa identità culturale. Mio nonno materno, Vittorio Nannarelli (romano d?origine, ma ?adottato? dalla città), pianista e compositore, che ha musicato alcune canzoni della tradizione popolare algherese, e mia nonna paterna, Peppina Carboni, che scrisse un libro di poesie in algherese Records (Ricordi), 1989, e che è addirittura menzionata nel sito www.gencat.cat. Gabriele Deiana gabriele76@tele2.it  

Sant Jordi

Paz  2007-04-11 

cultura 

costumi 

Il 23 aprile, festa di San Giorgio, è da settant'anni una delle giornate più importanti per la Catalogna. In tutta la Regione ma in special modo a Barcellona le strade sono invase da bancarelle di libri e chioschi di rose, per permettere a uomini e donne di compiere un rituale che vede gli uomini regalare alle donne una rosa e le donne ricambiare o anticipare il dono con un libro. Fiumi di persone si riversano nelle Ramblas fino a sera nell? aria frizzante e profumata; va da sé che il gioco non sia esclusivo appannaggio delle coppie ?di fatto?, anzi. Si dice che il giorno di San Giorgio sia testimone di nuovi amori, non nasce tuttavia con l?ambizione di diventare un San Valentino primaverile quanto dal desiderio di celebrare in modo intrigante e coinvolgente il puro piacere della lettura, la vera passione protagonista di questa tradizione. L'evento coinvolge le massime Istituzioni Culturali e Politiche Catalane tanto che l?UNESCO nel 1995, su proposta degli Editori catalani, ha dichiarato che il 23 aprile, festa di Sant Jordi, sia la Giornata mondiale del Libro e del Diritto d?Autore, la data inoltre coincide fatalmente con quella della morte di Shakespeare e di Cervantes. La tradizione della rosa è invece legata intimamente alla leggenda del Santo guerriero che, dopo aver sconfitto il drago, colse dal cespuglio di rose germogliato dal sangue del mostro una splendida rosa per donarla alla Principessa liberata.  

Sant Jordi: La città in un libro, d'artista.

Ilde Notari  2007-04-11 

arte 

esposizioni 

Esposizione internazionale di libri d?artista a Barcellona LA CITTA? IN UN LIBRO, D?ARTISTA. Organizzata dall?associazione culturale ?I libri di Alice?, presso il Pati Llimona di carrer Regomir 3, raccoglie opere di oltre quaranta artisti da tutta Europa. L?Associazione culturale ?I libri di Alice? inaugura la prima esposizione internazionale di libri d?artista a Barcelona il 23 de aprile, giorno celebrato dalla tradizione catalana per la ricorrenza di S.Jordi, in cui oggetto di regalo tra innamorati sono le rose e proprio i libri. La mostra presenta pero? una selezione di libri non solo particolari, ma addirittura unici, essendo la risposta di oltre quaranta artisti da tutta Europa all?invito dell?Associazione di rappresentare ? in forma di libro ? la città, sia reale o immaginata, con le tecniche e le misure ritenute idonee da ogni artista. Il risultato è quindi una serie di edizioni e prototipi unici, alcuni più giocati sul ruolo originale del testo e dell?immagine e della loro rilegatura, altri che si allontanano dall?idea più tradizionale del libro e che sono oggetti, sculture, in alcuni casi vere e proprie proposte vicine al design. L?Associazione culturale ?I libri di Alice? è un?associazione giovane, nata da alcuni corsi di libro d?artista tenuti dalle socie fondatrici presso la Escola Massana di Barcelona e in atelier privati, e dalla necessità di creare un punto di scambio e incontro tra artisti che abbia sede in Barcelona ma che sia in contatto con le altre realtà europee che si occupano di questi particolari libri. Convinte sostenitrici di un?editoria sempre più curata, personale e possibilmente svincolata dalle logiche strettamente commerciali del mercato, Roberta Bridda ed Elisa Pellacani realizzano libri d?artista con cui partecipano in prima persona a mostre ed eventi ad esso collegati; nei loro corsi, oltre alle tecniche tradizionali di inquadernazione manuale, affrontano il libro dal punto di vista progettuale, prestandosi il libro d?artista all?applicazione delle tecniche più diverse in un percorso di multidisciplinarietà che spesso affascina anche chi alla grafica non si è mai avvicinato in forma diretta. L?esposizione, intitolata per questa sua prima edizione ?La città in un libro?, sarà ospitata nel Centro civico ?Pati Llimona? di Barcellona, con inaugurazione il 23 aprile alle ore 19.30 e rimarrà aperta fino al 9 maggio. In calendario, tra le attività del ?Pati Llimona?, anche un corso intensivo di cinque giorni, tenuto da Roberta Bridda ed Elisa Pellacani, in cui la scrittura e l?immagine verranno proposte come componenti di un unico progetto che si andrà esaurendo nella stessa durata del corso. Gli artisti in esposizione sono: Carlo Anceschi, Debora Antonello, Anna Baldi, Chiara Cardascia, Monica de Mas, Roberta Bridda, Giuseppe Bussi, Alfonso Filiera, Vinka Grbics, Loretta Cappanera, Enrica Capone, Laia Calvet, Alfonso Lentini, Melene Genvrin, Mirjana Farkas, Morena Coppola, Isa Cortesi, Sara Silvia Ferrucci, Irate Gonzalez, Simonetta Lodesani, Lia Malfermoni, Sung he Oh, Elisa Pellacani, Giorgia Ricagni, Marco Menozzi, Antonella Pagano, Paola Pinna, Guillermo Saenz Arrarás, Stefania Missio, Beatrice Palazzetti, Sofia Piqueras, Elisabetta Salvioni, Loredana Seregni, Francesc Ventura, Irene Woodbury, Antida Tammaro, Federica Viani, Ass. Culturale Telecitofono, Liuna Virardi, Roberto Zanello. Le opere in mostra sono raccolte in un catalogo-pieghevole (una specie di mappa geografica delle città d?artista) progettato e curato da "I Libri di Alice" ed edito dall?italiana ?Consulta, libri e progetti?; la loro esposizione conta sul patrocinio dell?Ajuntament de Barcelona e della Libreria ?Loring? (carrer Gravina), specializzata in libri d?arte rari e in serie limitate. ?La città in un libro?, prima esposizione internazionale di libri d?artista organizzata dall?Associazione Culturale ?I libri di Alice?. Pati Llimona, carrer Regomir, 3 ? Barcelona, tel. 0034 932 684 700 Dal 23 di aprile (inaugurazione ore 19.30) al 9 maggio 2007. Visite guidate su appuntamento (0034 657257158) e info: www.ilibridialice.com Catalogo in mostra, edizioni ?Consulta, libri e progetti?.  

Testo catalogo esposizione

Paz  2007-04-11 

arte 

esposizioni 

Fin da piccola è stata una bambina curiosa. I libri, si sa, sono mondi, e molti altri sono quelli che aprono; la tentazione è troppo forte, come guardare e non fare. Fascino del libro prototipo, oggetto-opera d?arte, è quello di contenitore e contenuto insieme, limite invisibile tra le discipline e le tecniche in favore di una comune lotta comunicativa: il libro. Territorio libero e fertile, mantiene un?idea, che è quella della serie conclusa, della storia che si possa leggere anche senza testi, del valore di ogni parte compositiva e dell?importanza della sua realizzazione estetica. Viene voglia di scriverne uno proprio a vedere quante Alici piccole e curiose stanno fantasticando cercando di dare forma al proprio mondo; la prima rassegna internazionale di libri d?artista che abbiamo l?onore di presentarvi è il primo invito a un tè nella foresta-dei-libri-belli in cui volevamo sapere, volevamo vedere quali sono le città, reali o immaginate, in cui ognuno ha preferito ? o potuto ? perdersi, e se lo volesse raccontare. Quaranta artisti hanno risposto, e compongono la prima mappa dei sogni di Alice, che avete nelle mani; molti e molti altri ancora dai loro boschi e oceani e indici dorati sappiamo avere libri preziosi e l?olfatto sufficiente per trovare la direzione? Elisa Pellacani I Libri di Alice Barcelona abril 2007  

Secret Rooms.

Rob. Fen.  2007-04-08 

arte 

esposizioni 

Stasi. Secret Rooms. Daniel e Geo Fuchs Virreina Exposicions Palau de la Virreina Bcn Dal 29 marzo al 1º luglio 2007. All?inizio del 2004 i fotografi Daniel e Geo Fuchs furono invitati a Berlino dalla Fondazione Starke per lavorare a nuovi progetti e fu allora che entrarono per la prima volta nella sede del Ministero per la Sicurezza dello Stato (Stasi) dell?estinta RDA: gli uffici, le prigioni preventive, gli archivi e i bunker. Dopo la caduta del Muro nel 1989 e la riunificazione tedesca nel 1990, la Stasi è stata smantellata, come molte altre istituzioni del regime socialista e oggi, 15 anni dopo, alcuni di questi luoghi sono ancora intatti e danno l?impressione che il tempo si sia fermato. Daniel e Geo Fuchs hanno trovato i luoghi dove sono ancora visibili i segni e i simboli di una persecuzione e una repressione implacabili e svelano il funzionamento interno dei meccanismi di quel sistema - una miscellanea di architettura, potere e impotenza -con immagini inedite. Nel progetto i due artisti seguono un procedimento che mette a fuoco tutti i luoghi da una stessa prospettiva. Ne risultano fotografie di una fermezza e di una franchezza quasi brutali: monitor di vigilanza spenti in una sala di controllo o l?ufficio di un addetto alla sorveglianza penitenziaria di Hohenschönhausen con le pareti in tappezzeria floreale. Foto che illustrano la freddezza del sistema come quella del lungo corridoio del centro penitenziario con le sale di interrogatorio da ambo i lati. Il Ministero per la Sicurezza dello Stato (Stasi) fu fondato nel 1950 nella Repubblica Democratica Tedesca. Fu il servizio di spionaggio interno ed estero e organo di istruzione per delitti politici; ma soprattutto fu un apparato di repressione e sorveglianza del partito al governo, il Partito Socialista Unificato di Germania, contro i cittadini della RDA critici nei confronti del sistema. Ben 90.000 furono gli addetti della Stasi e più di 170.000 furono i collaboratori non ufficiali, su una popolazione di circa 16 milioni di abitanti, quanti ne contava l?estinta RDA.  

Parc del Turó de la Peira.

Rob. Fen.  2007-04-08 

posti belli 

parchi 

Parc del Turó de la Peira. Pg. Frabra i Puig, 396 Nou Barris Barcelona. Dopo i lavori di riabilitazione durati ben otto mesi, è stato inaugurato in questi giorni il nuovo Parco del Turó de la Peira. L'Institut Municipal de Parcs i Jardins ha investito 1,2 milioni di euro nel miglioramento dello stato generale di questo spazio verde del distretto di Nou Barris (nella parte nord di Barcellona), che occupa una superficie di 7,71 ettari e costituisce uno dei polmoni della città. Le opere di abbellimento, mirate a restituire l?aspetto originale di questo parco, si sono concentrate soprattutto agli ingressi, che sono stati pavimentati e nella nuova zona di gioco attrezzata con istallazioni per bambini, panchine e tavoli. Il Parc del Turó de la Peira si estende su una superficie di 7,71 ettari, che facevano parte di un?antica cava di pietre, proprietà della marchesa di Castellvell, passata al Comune di Barcellona durante la Seconda Repubblica (1931 ? 1939). Fu disegnato dall?architetto Lluis Ruidor e inaugurato (una prima parte) nel 1936. Dal dopoguerra è stato ampliato in diverse fasi fino all?inaugurazione della seconda parte e dell?insieme ristrutturato nel 1977, opera in questo caso dell?architetto Joaquim M. Casamor. La sommità del colle che domina il parco è coronata da una croce metallica e da un belvedere, che domina la vecchia cava di pietre. Il parco è solcato da sentieri che serpeggiano lungo il colle. Il versante nord è costituito da una pineta e la parte sud da alberi e arbusti di molte varietà. Quello del Turó de la Peira è l?unico parco di Barcellona da cui si può godere di una vista a 360º gradi, si possono contemplare infatti sia la Serra di Collserola che il mare.  

In My Stairwell

Rob. Fen.  2007-04-07 

arte 

esposizioni 

In My Stairwell di Mark Seliger Galleria Hartmann Carrer Sta. Teresa, 8 Barcellona Fino al 21.05.2007. La Galleria Hartmann di Barcellona raccoglie una selezione di 50 fotografie Platinum di Mark Seliger presenti in ?In My Stairwell?, l?ultimo libro dell?artista statunitense. In questa serie di foto Mark Seliger usa un muro di mattoni a vista (stairwell) del suo studio di New York, sito in un enigmatico edificio d?anteguerra, come sfondo ai suoi ritratti di personaggi celebri per captare la loro essenza. Secondo Seliger questo sfondo in mattoni a vista è perfetto per dare consistenza e familiarità a quest?ultima serie di ritratti. ?Un luogo dove i personaggi si possono esprimere liberamente e dove tutto è rilevante?, afferma l?artista. Dal lancio del libro fotografico ?In my stairwell?, l?esposizione itinerante è stata presentata nelle più prestigiose gallerie ed ora arriva in Spagna, alla Galleria Hartmann di Barcellona. Bruce Springsteen, Mick Jagger, David Bowie, Susan Sarandon, Drew Barrymore, Lou Reed, Lenny Kravitz o Giorgo Armani sono solo alcuni degli importanti personaggi che Seliger ha fotografato, collaboratore tra l?altro di riviste come Rolling Stone o Vanity Fair. Col tempo i suoi ritratti di celebrità sono diventati vere icone di un?epoca grazie alla sua capacità di estrarre l?essenza dei personaggi, abilità che gli è valsa la fama di essere uno dei fotografi più richiesti in questo settore. La mostra ?In my Stairwell? presenta fotografie di volti celebri del cinema, della musica, della moda e della cultura. Vengono esposte in totale 50 fotografie, tra le quali si annoverano quelle di Mick Jagger, Susan Sarandon, Lou Reed o Julia Roberts.  

Escultura, potser.

Rob. Fen.  2007-04-07 

arte 

esposizioni 

Claes Oldenburg Coosje van Bruggen Escultura, potser. (Scultura, forse.) Fundació Joan Mirò Barcelona Curatrici: Ida Gianelli e Marcella Beccaria (Museo Castello di Rivoli. Torino.) Dal 23 marzo al 3 giugno 2007. L?intensa collaborazione tra Claes Oldenburg (Stoccolma, 1929) e Coosje van Bruggen (Groningen, 1942) si basa sulla combinazione di due identità forti e diverse. Attraverso un incessante dialogo, articolato in parole e immagini, i due artisti hanno ridefinito il concetto di scultura affrontando dinamicamente la complessità del mondo contemporaneo. L?esposizione ?Claes Oldenburg Coosje van Bruggen. Escultura, potser? (Claes Oldenburg Coosje van Bruggen. Scultura, forse.) che presenta oltre 200 opere, documenta l?unicità di questo percorso creativo. L?opera "Il Corso del Coltello" identifica il punto iniziale del progetto espositivo, focalizzato sugli ultimi 20 anni di attività degli artisti. La performance, che ebbe luogo a Venezia nel 1985, rivela l?apertura di Oldenburg e di van Bruggen al dialogo con l?architettura, la letteratura e il teatro. Ciò dimostra inoltre l?approssimazione specifica al contesto urbano, con la quale gli artisti dichiarano la coraggiosa decisione di operare oltre la sicurezza che offre un museo. Anche se spesso Oldenburg e van Bruggen hanno lavorato a progetti su grande scala, creando opere pubbliche in varie città europee, americane e asiatiche, la loro arte si sviluppa nell?intimità dello studio e si alimenta del dialogo costante tra i due. Ogni progetto viene elaborato attraverso bozzetti, disegni, studi e plastici. Documento d?idee in continua trasformazione, ciascuno dei lavori è inoltre un?opera indipendente. Come per i progetti pubblici su grande scala, il più piccolo dei loro disegni rappresenta la profonda analisi di forme e contenuti che ne caratterizza la ricerca. Attraverso un?ampia selezione di opere l?esposizione offre al pubblico la possibilità di osservarne da vicino la forza dinamica. ?Scultura, forse.? Presenta inoltre una selezione di importanti istallazioni museistiche, tra le quali sono presenti le creazioni più recenti. Riflessioni sulla fragilità umana e sui microcosmi di avvenimenti che definiscono la vita quotidiana, queste opere dimostrano la capacità degli artisti di comunicare valori universali al di là di barriere linguistiche e culturali.  

18 Festival de Guitarra de Bcn.

Roberto Fenocchio  2007-03-25 

musica 

eventi 

18º Edizione del Festival de Guitarra de Barcelona. Dal 22 marzo all'8 giugno 2007. In vari teatri e locali della città. L'Auditori, Palau de la Música Catalana, Luz de Gas, Sala Bikini. Il ?Festival de Guitarra? di Barcellona è ormai uno dei classici appuntamenti musicali della città. Quest?anno è giunto alla 18º edizione e come sempre è caratterizzato da proposte eclettiche con i migliori strumentisti classici, del flamenco e delle musiche dal mondo. Il 22 marzo ha inaugurato la manifestazione il concerto di Vicente Amigo, il chitarrista sivigliano di nascita ma cordobés d?adozione che è diventato negli ultimi anni uno dei punti di riferimento del flamenco moderno. Tra gli artisti spagnoli segnaliamo i concerti di Niña Pastori al Palau de la Música, accompagnata da Josemi Carmona e del magnifico duo composto da Raimundo Amador e Kiko Veneno, che chiuderanno il festival all?Auditori. Sarà presente anche l?argentino Ariel Rot, che presenta il suo nuovo disco in compagnia di Amaral, Andrés Calamaro e Fito & Fitipaldis. Tra i grandi artisti internazionali presenti alla manifestazione ricordiamo l'australiano Tommy Emmanuel e il mitico fondatore dei King Crimson, Robert Fripp.Il chitarrista jazz Chuck Loeb e le sfumature blues dell?ispano-francese Gaby Jogeix. Spazio anche alla bossa-nova con Toquinho e alla musica portoghese con le cantanti di Fado Mariza e Teresa Salgueiro. Tre interpreti femminili da scoprire: la chitarrista cinese Xue Fei Yang, la cantante di Capo Verde Lura e Ana Popovic, chitarrista blues di Belgrado. Tra le proposte più originali del festival segnaliamo il gruppo di musicisti Violently Happy, che presenta versioni assai personali del repertorio dell?islandese Björk. Il programma del Festival de Guitarra de Barcelona: Concerto di Tommy Emmanuel. L'Auditori de Barcelona Data: 31/03/2007 Concerto 'Robert Fripp Soundscapes' Palau de la Música Catalana Data: 19/04/2007 Concerto 'Toquinho' Palau de la Música Catalana Data: 20/04/2007 'Concerto em Lisboa' con Mariza L'Auditori de Barcelona Data: 25/04/2007 Raimundo Amador i Kiko Veneno L'Auditori de Barcelona Data: 08/06/2007 Concerto 'Cañizares toca Albéniz' L'Auditori de Barcelona Data: 12/05/2007 Concerto 'M'ben di fora' con Lura L'Auditori de Barcelona Data: 13/05/2007 Concerto 'Xue Fei Yang' L'Auditori de Barcelona Data: 25/05/2007 Concerto 'IV Mostra di giovani chitarristi' L'Auditori de Barcelona Data: 26/05/2007 Concerto 'Chuck Loeb' Discoteca Bikini Data: 13/04/2007 Concert 'Ana Popovic' Discoteca Bikini Data: 17/05/2007 Concerto 'Stanley Clarke Band' Luz de Gas Data: 26/04/2007 Concerto 'Pedro Javier González Trío' Luz de Gas Data: 11/05/2007 Concerto 'Dúos, tríos y otras perversiones' con Ariel Rot Palau de la Música Catalana Data: 19/05/2007 Concerto 'La Serena' con Teresa Salgueiro & Lusitânia Ensemble Palau de la Música Catalana Data: 24/05/2007 Concerto 'Steel the Blues' con Gaby Jogeix Discoteca Zacarías Data: 04/05/2007 Concerto 'Al voltant de Björk' con Violently Happy Discoteca Zacarías Data: 09/05/2007 Concerto 'Biel Ballester' Discoteca Zacarías Data: 19/05/2007 Concerto 'Niña Pastori e Josemi Carmona' Palau de la Música Catalana Data: 31/05/2007 Concerto 'Jonah Smith' Luz de Gas Data: 16/05/2007  

The Killing Machine i altres històries

Rob. Fen.  2007-03-20 

arte 

esposizioni 

Janet Cardiff e George Bures Miller ?The Killing Machine i altres històries? MACBA (Museu d'Art Contemporani de Barcelona) Curatore: Bartomeu Marí Dal 2 febbraio al 1º maggio 2007. Il MACBA (Museu d'Art Contemporani de Barcelona) ospita fino al 1º maggio 2007 l?esposizione ?The Killing Machine i altres històries? (The Killing Machine e altre storie), dedicata all?attività degli artisti canadesi Janet Cardiff e George Bures Miller. Dall?inizio degli anni novanta Janet Cardiff (Bruxelles, Ontario, Canada, 1957) e George Bures Miller (Vegreville, Canada, 1960) hanno lavorato congiuntamente alla realizzazione di opere che utilizzano il suono e la voce come materia prima e tema principale. Attraverso tecniche di edizione e di riproduzione del suono binaurale e l?uso di auricolari e sistemi di altoparlanti, Cardiff e Miller creano istallazioni che possono essere considerate delle vere e proprie sculture sonore. La mostra raccoglie in totale dieci istallazioni che formano un tessuto di esperienze indipendenti e allo stesso tempo complementarie. Ogni opera è caratterizzata da tempi e ritmi propri e unisce esperienze teatrali e di musica dal vivo con il cinema, sperimentando un nuovo genere narrativo. Ed è proprio quest?ultimo aspetto che avvicina le opere di Cardiff e Miller alla letteratura, dando luogo a un copione che può essere letto o interpretato secondo lo sguardo o l?orecchio di ogni lettore-spettatore, calato in storie/fictions che si sovrappongono ripetutamente. Le istallazioni di Janet Cardiff e George Bures Miller sono unità temporali di esperienze, narrazioni che coniugano racconti/fiction ed effetti sonori che mettono a prova le percezioni del pubblico, operando una dissociazione tra i sensi dell?udito e della vista. Lo spazio scultorico si trasforma dunque in uno spazio fantasmagorico o allucinante in cui confluiscono tradizioni culturali che sembrano in apparenza contraddittorie. Il pubblico si trova davanti a opere di difficile classificazione, un collage che unisce forme dell?alta cultura come lopera lirica, il cinema d?essai o la letteratura con la cultura popolare, rappresentata dal cinema di serie B, dal rock?n?roll o dai programmi radiofonici.  

Disegni spagnoli dell?Hispanic Society of America. Dal Siglo de Oro a Goya.

Rob. Fen.  2007-03-20 

arte 

esposizioni 

?Dibuixos espanyols a la Hispanic Society of America. Del Segle d'Or a Goya.? (Disegni spagnoli dell?Hispanic Society of America. Dal Siglo de Oro a Goya) Museu Nacional d?Art de Catalunya (MNAC). Curatori: Priscilla Muller, Hispanic Society of America. José Manuel Matilla, Museo Nacional del Prado. Francesc Quílez, MNAC. Dal 16 marzo al 24 giugno 2007 Barcellona espone per la prima volta i disegni degli album di Goya che appartengono alla prestigiosa Hispanic Society of America di New York, un?istituzione che conserva una delle più importanti raccolte di arte e cultura spagnola. L?esposizione ?Hispanic Society of America. Del Segle d'Or a Goya? (Disegni spagnoli dell?Hispanic Society of America. Dal Siglo de Oro a Goya) ripercorre la storia del disegno spagnolo dal XVIº al XIXº secolo attraverso i lavori dei principali artisti della storia dell?arte spagnola dell?epoca moderna. La mostra è organizzata dal Museu Nacional d?Art de Catalunya (MNAC) e dal Museo Nacional del Prado e presenta 82 opere di grandi maestri spagnoli del disegno come Francisco Pacheco, Vicente Carducho, Claudio Coello, Jusepe de Ribera e, soprattutto, Francisco de Goya, di cui sono presenti numerosi e importanti disegni. L?esposizione permette di ripercorrere un esteso periodo cronologico della storia del disegno spagnolo, dalle prime opere del XVIº secolo fino alla prima metà del XIXº secolo.  

Zona B: als marges d?Europa.

Nuria Enguita Mayo / Rob. Fen.  2007-03-20 

arte 

esposizioni 

?Zona B: als marges d?Europa.? (Zona B: ai margini dell?Europa) Fundació Antoni Tàpies Barcellona. Curatori: Nuria Enguita Mayo e Carles Guerra Dal 10 marzo al 1º maggio 2007. "Zona B: ai margini dell?Europa" rappresenta una nuova tappa della ricerca visiva e saggistica iniziata nel 2003 da Ursula Biemann, Angela Melitopoulos e Lisa Parks che ha per titolo Transcultural Geographies (Geografie transculturali). Si tratta di lavori focalizzati su una zona specifica tra i Balcani, la Turchia e il Caucaso; una zona B, secondo le autrici, ai confini dell?Unione Europea: uno spazio di transito, di transizione e di sperimentazione della zona A, l?Europa Unita. Il progetto include istallazioni, video e saggi sulle trasformazioni delle geografie sociali, intime e politiche verificatesi in questa zona : accurati reportage e riflessioni sulle infrastrutture aeree e sottorranee, che spesso sono invisibili ? satelliti, gasodotti, oleodotti ? e che alterano lo spazio e la società di quei paesi. ?Black Sea Files? (Archivi del Mar Nero) di Ursula Biemann, per esempio, è un lavoro di ricerca critica sulla costruzione dell?oleodotto BTC (Bakù ? Tilflis ? Ceyhan) organizzato in 10 archivi video. ?Corridor X? di Angela Melitopoulos, che pone la riflessione sugli spazi di migrazione nei territori della ex-Jugoslavia. ?Postwar Footprints? di Lisa Parks, saggio visivo e testuale sulle aeree territoriali della ex-Jugoslavia nelle quali si possono ricevere segnali salellitari, in uno scenario ancora segnato dalla guerra recente e nel quale gli stessi protagonisti ora impongono il loro dominio delle onde. ?Visual Essays on the Margins of Europe? è il titolo della pubblicazione che accompagna l?esposizione in cui si ipotizzano le conclusioni possibili delle ricerche iniziate dal progetto B-zone.  

Carlos Pazos: No em diguis res

Roberto Fenocchio  2007-03-13 

arte 

esposizioni 

Museu d?Art Contemporani de Barcelona Esposizione : No em diguis res (Non dirmi nulla) Carlos Pazos Curatore: Manuel J. Borja-Villel Dal 9 marzo al 6 maggio 2007. Il MACBA (Museu d?Art Contemporani de Barcelona) presenta l?esposizione ?No em diguis res? (Non dirmi nulla) dell?artista catalano Carlos Pazos (Barcelona, 1949). La mostra, lungi dal formato convenzionale della retrospettiva, ripercorre trent?anni di attività di Pazos e tenta di ricostruirne l?eco-sistema senza seguire un?evoluzione lineare, in modo da offrire al pubblico una visione globale ed esaustiva dell?opera dell?artista. Nei lavori di Pazos è praticamente impossibile distinguere l?artista dal collezionista di oggetti, infatti ?No em diguis res? raccoglie parte degli oggetti collezionati, che danno all?istallazione un carattere quasi intimo e sentimentale. Tale atmosfera consente al pubblico di avere la sensazione vivissima di visitaredi l?atellier in cui Pazos produce le proprie dreazioni. La mostra è completata dal film realizzato appositamente per l?evento: ?Mnemocine. Pel·lícula per retallar, 2006-2007? (Mnemocine. Film da ritagliare, 2006-2007), concepito e realizzato dall?artista come sintesi e ?catalogazione audiovisiva? della propria attività. L?iter artistico di Carlos Pazos s?inserisce sull?onda dell??estetica del silenzio?, unica via percorribile di fronte alla perdita dell?ingeniutà e alla constatazione dell?impossibilità per l?immagine di costruirsi in realtà. Le politiche dell?identità (taciuta sotto una maschera narcisista), le poetiche oggettuali (attraverso l?unione di ?souvenir? trappati al loro tempo reale) e il gusto per l?abietto (declinato a tratti come un feticcio), sono le linee in cui si articola il ?rumore? con il quale Carlos Pazos costruisce il suo silenzio: dire che non rimane più nulla da dire. Pazos ha iniziato la sua attività artistica sotto l?egida della pop art europea, ma presto ha progressivamente sviluppato i suoi interessi verso il linguaggio dell?oggetto, dell?assemblaggio e dell?associazione di significati, con forti legami con l??arte povera?, nella quale veniva dato protagonismo all?elemento quotidiano e ai propri codici iconografici. Malgrado la sua formazione all?interno della tecnica del collage, l?impostazione di Pazos diverge radicalmente dalle linee della generazione precedente, per la quale la frammentazione dell?oggetto quotidiano possedeva un senso mistico, o del senso soprannaturale che vi conferivano i concettuali. Nel caso di Pazos la realtà è inclusa nell?opera come un vuoto: non vi è referente artistico e l?oggetto rimanda sempre a una finzione. Questa tensione fra il collage, i frammeti di realtà e la rappresentazione del vuoto, è senza dubbio uno dei contributi più interessanti dell?universo di Pazos.  

Straordinario Viaggio di Elisa Pellacani.

Rob. Fen.  2007-03-12 

arte 

gallerie 

Artisti italiani a Barcellona. Elisa Pellacani Straordinario Viaggio 10x15 cm Con illustrazioni e testi dell?autrice, pagine bianche per appunti e annotazioni Contiene adesivi! Edizioni Consulta, LibriEprogetti (Reggio Emilia -Italia) L'illustratrice e fotografa Elisa Pellacani, attiva a Barcellona da qualche anno, ha pubblicato recentemente il suo originale libro "Straordinario Viaggio". Si tratta, come rivela la stessa autrice: "di un quaderno di appunti per viaggiatori-sognatori, per viaggi da uno a trenta giorni. Ogni giorno un personaggio e una frase, solo da guardare per viaggi della fantasia, o da riscrivere per un quaderno di viaggio a due mani. La prima, quella dell?autrice, la seconda di chi curioso capitano di navi di parole non possa astenersi dal partecipare al diario di bordo verso mete ancora non raccontate. Possibilità di rispedire il diario a Ilibridialice ed entrare nel grande atlante dei viaggiatori che senza essersi mai conosciuti si incontreranno sulle pagine del loro carnet de voyage, da posti strani ma anche dalla noia quotidiana di un appunto in autobus". Elisa Pellacani è fotografa e illustratrice. Ha pubblicato cataloghi fotografici e alcune sue opere sono state esposte in Italia e all?estero. Negli ultimi anni ha tenuto un corso sul libro d?artista presso la "Escola Massana" di Barcellona e attualmente lavora nei laboratori della sezione Off. Con l?Associazione "I Libri di Alice" collabora a un progetto di valorizzazione del libro come oggetto d?arte attraverso la diffusione e lo scambio ?di qua di la? dal Mediterraneo?. Realizza progettazioni grafiche ed edizioni limitate di libri e oggetti. Alcuni lavori di Elisa Pellacani si possono trovare presso la Galleria E-Tres, che espone alcuni ex libris e incisioni e presso Alea-Majoral, che espone alcuni gioielli d?arte. In librerie e negozi sensibili ai piccoli editori e alle edizioni limitate si possono trovare altre publlicazioni dell'autrice (?La segunda vez que he nacido?, ?Sulla meraviglia del ritorno?). La Loring Art, che ha recentemente celebrato i suoi dieci anni di attività specializzandosi nel libro d?arte e nella cultura visiva contemporanea con libri spesso rari, ha dedicato a ?Straordinario Viaggio? la sua ultima vetrina; sicuramente pensando, come afferma Elisa Pellacani: "che possano parlare a un cuore catalano piu? i disegni che le poetiche scritte che l?accompagnano, quasi interamente rigorosamente in italiano". Presso la Libreria Central del Raval, sono in esposizione alcuni disegni originali. Lo ?Straordinario viaggio? è in esposizione e vendita in alcune librerie e gallerie di Barcellona: - Laie-CCCB, c./Montalegre 6 - Libreria Medios, c./Valdonzella 7 - Arkham Comix, c./Xuclà 16 - Libreria Documenta, c./ Cardenal Casanas 4 - Amateur, c./Riera Baixa 16 - Loring Art, c./calle Gravina - Valentina Bar, c./Regomir - RAS, c./Doctor Dou 10 - Galleria E-Tres, c./Esquirol 3 - Libreria San Jordi di c:/Ferran - Libreria La Central del Raval.  

Leonardo, geni curiós

Roberto Fenocchio  2007-03-10 

arte 

esposizioni 

Esposizione ?Leonardo, geni curiós? (Leonardo, il genio curioso) Il Codice Atlantico dell'Accademia dei Lincei, 1894-1904. Museu Marítim di Barcellona Dal 15 marzo al 2 settembre 2007. Nell?ambito degli eventi organizzati in Spagna e in Catalogna per il 2007, dichiarato "L'Any de la Ciència" (Anno della Scienza), il Museu Marítim di Barcellona organizza l?esposizione ?Leonardo, geni curiós? (Leonardo, il genio curioso) e presenta una delle opere meno conosciute del grande Maestro del Rinascimento: Il Codice Atlantico. Infatti, a parte gli addetti ai lavori, in pochi conoscono la vera storia di quest?opera, che all?apparenza si presenta come una raccolta di disegni e progetti di Leonardo, ma che, oltre ai moltissimi ambiti di ricerca che documenta, nasconde tra le pagine originali curiosità sulla vita del Maestro. L'edizione Hoepli del 1894 del Codice Atlantico, curata dall'Accademia Nazionale dei Lincei, coincise con l'avvio della trascrizione integrale del più famoso e consistente fra i codici leonardiani. L'Accademia conserva una delle rare copie di quell'edizione, che oggi, dopo il restauro dell'originale, costituisce l'unica opportunità di rivedere il Codice Atlantico così come Pompeo Leoni, scultore e collezionista, lo "costruì", alcune decine di anni dopo la morte di Leonardo, con criteri a volte discutibili ma che ebbe il merito di salvare una parte importante degli studi di Leonardo. Il Codice Atlantico raccoglie il lavoro intellettuale che il Maestro portò a termine tra il 1478 e il 1519, tra cui si trovano, per esempio, i primi studi della ristrutturazione urbanistica di Milano; il progetto architettonico per un palazzo dei Medici a Firenze; alcuni schizzi di famose opere di Leonardo e tutta una serie di schemi di progetti di meccanica ? un vascello azionato a pale, uno scafandro, un particolare tipo di paracadute ? e numerose pagine dedicate all?astronomia, all?anatomia, alla fisica, alla matematica, alla botanica o alla geografia. In mostra, oltre alle Tavole Atlantiche, anche quindici macchine di Leonardo, realizzate negli anni `50 del Novecento per il Museo di Vinci. All?interno del percorso espositivo si potranno infine ammirare alcuni fra i più recenti prodotti di grandi aziende all?avanguardia nei rispettivi settori.  

Manolo Laguillo: Barcelona, 1978-1997...

Roberto Fenocchio  2007-03-03 

arte 

esposizioni 

Manolo Laguillo Esposizione ?Barcelona, 1978 ? 1997 ?? MACBA Barcellona Dal 2 marzo al 6 maggio 2007. Curatore Jorge Ribalta Il MACBA (Museu d?Art Contemporani de Barcelona), presenta l?esposizione del fotografo Manolo Laguillo (Madrid, 1953) ?Barcelona, 1978 ? 1997?.?, che coglie la rappresentazione della città partendo dall?ipotesi della stretta relazione tra l?opera dell?artista e la costruzione di un?immagine di Barcellona attraverso fotografie degli anni ?80, cruciali nella storia urbana della capitale catalana. L?esposizione presenta uno studio sui cambiamenti urbanistici di Barcellona negli anni ?80: dalla restaurazione della municipalità democratica agli anni immediatamente post-olimpici, recuperando immagini di realtà che, in quel periodo di grandi trasformazioni urbanistiche e dominato dall?immagine propagandistica della città, rimasero in secondo piano. Sono immagini delle nuove periferie, dei poligoni industriali lungo il Besòs, delle zone industriali del Poblenou, delle aree portuali e dei cortili (patios) interni delle Eixemple; si tratta quindi di una Barcellona ?in vestaglia e con la barba da fare?, come afferma l?artista. Negli anni ?80 infatti l?opera di Laguillo si distanziava dall?immagine pubblicitaria della Barcellona, culminata con i Giochi Olimpici del 1992. In questo contesto il lavoro di Laguillo, per l?attenzione verso le periferie e le storie dimenticate dall?immagine ufficiale, può essere visto come precursore di quella tendenza che, consolidatasi negli anni ?90, tentava di costruire un?immagine più critica e complessa della città, dando forma alle realtà che rimanevano fuori dall?ampolloso elogio che celebrava il trionfo del ?modello urbanistico Barcellona?. La mostra si divide in due parti: la prima comprende lavori realizzati tra il 1978 e il 1997 e la seconda riguarda i lavori degli ultimi anni, presentata con diapositive proiettate su due grandi schermi contigui. Nella prima parte si espongono solo immagini in bianco e nero. Il nucleo centrale della mostra è dedicato alle trasformazioni urbanistiche realizzate per i Giochi Olimpici del 1992, documentate attraverso fotografie di luoghi chiave come lo stadio di Montjuïc, la Diagonal, il porto il quartiere di Vall d'Hebron, ripresi prima, durante e dopo la ristrutturazione.  

Bartolo e la danza in città.

Lino Graz  2007-02-24 

cultura 

libri 

Bartolo e la danza in città. (La città di Urbano). Da piccolo, girando in macchina con la madre per la città, Urbano guardava dal finestrino i cittadini entrare e uscire dai portoni, svoltare l?angolo, sbattere un tappeto dal balcone. Leggeva le insegne che si accendevano e spegnevano, osservava la gente fermarsi a parlare, scendere di corsa dall?autobus, discutere da un abitacolo all?altro. La città gli sembrava una coreografia di playmobil. - Mamma, chi è che decide? Bartolo? - Chi è Bartolo, tesoro? - Il vigile urbano che sta davanti a scuola. - E cosa decide Bartolo? Urbano restò un momento in silenzio, a pensare, poi disse: - I movimenti. Possibile, si domandava Urbano, che sia Bartolo a muovere tutti questi corpi, inseguiti da tutte queste anime che non ne vengono a capo? Non era proprio una domanda, quella di Urbano, piuttosto un dubbio impreciso. La domanda, ben formulata, la pose già più grande al nonno al paese. E il nonno, che aveva ormai perso il senno, rispose: sono io, sono io, Bartolo sono io! per poi buttarsi a raccontare delle gambe delle ballerine di Macario, a teatro, a Torino, quand?era giovane. Le sue uniche visite in città. As Bailarinas. Urbano allo spettcolo Visita Guiada di Cláudia Dias. Cláudia Dias conosce bene la sua città. Sa, per esempio, che alla foce del Tejo, l?acqua si increspa e forma piccole onde saltellanti, che i lisboeti chiamano as bailarinas, le ballerine. Altrettanto bene sembra conoscere il suo corpo. I suoi umori. O forse no, forse lo sta esplorando con noi in questo momento, mentre ci porta lungo il fiume a Lisbona, ci racconta del terremoto del 1755 (12.000 morti, secondo alcuni storici evento storico pari alla distruzione del Word Trade Center), del quartiere dei pescatori, delle differenze tra una riva all?altra, del fiume che, come sempre, unisce e separa, porta la vita e la porta via. La voce di Cláudia Dias è bassa, calma, calda ma distante, come da sempre immaginiamo il parlare dei portoghesi. Racconta di una città, presente e passata, intima e di solito nascosta Il corpo di Cláudia, nudo, si espone sincero, adulto, non posa. Racconta di sé e della città con dolcezza, come una nonna libertina racconta la sua gioventù alla nipote. Tre livelli. Urbano allo spettacolo Bipolar di Abraham Hurtado e Kotomi Nishiwaki. Un livello grigio, di calcestruzzo, una cella, una grata. Scopo del gioco: picchiami. Un livello rosso, notturno, deforme, sensuale. Scopo del gioco: prendimi. Un livello verde, solare, in un labirinto di siepi, all?inseguimento di una ragazza che civetta, gridolini elettronici. Scopo del gioco: acchiappami. Di nuovo un livello grigio, di calcestruzzo, il molo sul mare d?inverno, un viadotto su una circonvallazione. La ragazza triste, il salto, il volo, il sangue rosso scuro sull?asfalto grigio. Scopo del gioco? Game over. Un corpo smarrito. Urbano allo spettacolo Shock Body di Anna Macrae. Spazio e corpo. Confini, limiti, luce-buio, bianco-nero. Corpo passivo, corpo pupazzo, burattino-burattinaio (di se stesso). Mi specchio nel mio corpo e non lo riconosco. Non lo conosco. Lo cerco. Paura, smarrimento. Tu ti illumini, tu scappi alla luce (alla tua). Prova a vedere che effetto fa muovere il corpo come non l?hai mosso mai. Che effetto ti fa e che effetto fa agli altri. Urbano, appena sveglio la mattina, segue il suggerimento di Anna Macrae e sdraiato a terra si contorce le membra. Una gamba sotto l?ascella, un braccio tra le dita di un piede. Una sorta di via di mezzo tra un fachiro e lo scarafaggio di Kafka. Davvero un peccato non aver imparato a ballare da piccolo. Lino Graz linograz@yahoo.es www.linograz.splinder.com Nota: i tre spettacoli citati nel testo sono stati presentati a Barcellona e Sabadell all?interno del festival Complicitats 2007.  

La Primavera Repubblicana. Barcellona 1931-1939.

Rob. Fen. / Sito ufficiale MDHCB  2007-02-22 

arte 

esposizioni 

Dal 7 gennaio al 21 maggio 2007. Museu d?Història de la Ciutat de Barcelona Salón del Tinell Plaza del Rey, s/n La mostra, organizzata presso il Museu d'Història de la Ciutat de Barcelona, illustra l?epoca della IIª Repubblica Spagnola a Barcellona e l?impulso di modernizzazione che le nuove politiche progressiste, malgrado il corto periodo di vita della IIª Repubblica, dettero alla democratizzazione a tutti i livelli della vita cittadina. L?esposizione presenta cartelloni d?epoca, documenti sonori e visivi, quotidiani, fotografie e altri materiali che ricreano quell?attivismo popolare che fu, soprattutto grazie al nuovo ruolo della donna per la prima volta protagonista, una costante determinante di quegli anni in cui si perseguì un sogno. La Guerra Civile e la vittoria del regime franchista posero fine a quel sogno di modernità. www.laprimaverarepublicana.cat  

Dossier La Primavera Repubblicana.

Sito Ufficiale MDHCB  2007-02-22 

arte 

esposizioni 

La Primavera Republicana. Barcelona 1931-1939. Del 7 gener al 21 maig de 2007. Museu d?Història de la Ciutat de Barcelona Saló del Tinell Plaça del Rei, s/n El discurs de la mostra se centra en la rebuda de la República a Barcelona i l´impuls modernitzador que les noves polítiques progressistes, malgrat el curt període de vigència del règim republicà, varen suposar en la democratització a tots els nivells de la vida ciutadana. Què se n?esperava d?aquesta primavera republicana? Tot o gairebé tot. Havia arribat l?hora dels ciutadans, que havien deixat de ser súbdits d?una monarquia decrèpita i decadent, per esdevenir persones lliures. L?aire republicà havia d?esbandir l?ambient resclosit de tantes dècades de retard i donar el protagonisme de la història al poble, encapçalat per «la senyora gorda de las dos tetas, un muslazo y el gorro raro», com recordava Paco Candel, i als seus representants, la nova classe política d?esquerres, catalanista i republicana. Des de la democratització del vots dels ciutadans (les dones van poder votar a les eleccions de novembre de 1933) fins a la renovació a fons del sistema educatiu, passant per una necessària i imprescindible reforma agrària, la millora de les condicions laborals dels treballadors o el canvi del paper social de la dona, tot estava per fer i semblava possible. El 12 d?abril de 1931 les primeres eleccions municipals després del període dictatorial es van convertir en un referèndum contra la monarquia. El rei Alfons XIII es va exiliar i es va proclamar la II República espontàniament als carrers de les ciutats. La revolució pacífica i ciutadana d?aquelles jornades van convertir els súbdits d?un regne en ciutadans d?un país lliureLa cultura va deixar de ser «cultura per a les elits» i es va convertir en la cultura al servei dels ciutadans: escultures per a la ciutat, un nou urbanisme racionalista, més biblioteques i museus, escoles, habitatges populars, universitats, centres d?estudi, ateneus, associacions, teatre popular, l?impuls artístic de les avantguardes revolucionàries?Entre les primeres grans iniciatives dels governs democràtics de la II República destaca la reforma educativa. Les escoles laiques i mixtes van recuperar, a Barcelona, la tradició liberal de començament de segle. D?aquells anys són: l?Institut Escola, l?Escola del Mar, l?Escola del Bosc o la xarxa d?escoles municipals Amb la República es va reconèixer, finalment, el dret a votar de la dona, sancionat en l?article 36 de la Constitució de 1931. La principal artífex de la inclusió del vot femení a Espanya va ser Clara Campoamor. Les nits del Paral·lel, les vetllades de boxa, l?excursionisme, el teatre, el cinema, l?oci i el lleure dels anys trenta es van popularitzar gràcies a la introducció de les 8 hores de treball, amb les quals van arribar les 8 de descans i les 8 de lleure. Durant la guerra civil Barcelona va ser durament bombardejada per l?aviació italiana, aliada dels sublevats contra la República. En conjunt l?aviació franquista va provocar 2.500 víctimes i va destruir 1.500 edificis. El 26 de gener de 1939, les tropes franquistes ocupaven Barcelona; la guerra s?havia acabat per als seus ciutadans. L?1 d?abril de 1939 va finalitzar la guerra civil amb l?ocupació de Madrid. S?inicia la dictadura encapçalada pel general Franco, un règim polític caracteritzat per la seva ideologia feixista i la repressió política, social i cultural dels ciutadans. A causa de la derrota militar, a començament de febrer de 1939 els dirigents polítics i sindicals de la República, i molts escriptors, intel·lectuals, mestres, treballadors, tècnics, professionals, etc., de Catalunya han de marxar a l?exili.  

Quan plovien bombes. I bombardamenti su Barcellona durante la Guerra Civile Spagnola.

Roberto Fenocchio  2007-02-20 

arte 

architettura 

Esposizione "Quan piovien bombes" ("Quando piovevano bombe") Dal 20 febbraio al 13 maggio 2007. Museu d'Història de Catalunya Plaça Pau Vila 3 Ciutat Vella Barcellona Il Museu d'Història de Catalunya presenta l?esposizione "Quan plovien bombes"(?Quando piovevano bombe?), allestita con la collaborazione della Regidoria de Ciutat del Coneixement de l'Ajuntament de Barcelona. Si tratta di una mostra che recupera le terribili esperienze dei bombardamenti su Barcellona durante la Guerra Civile Spagnola e impone la riflessione sulla pratica dei bombardamenti indiscriminati sulla popolazione civile che da allora fa parte purtroppo della guerra e delle strategie militari. L?esposizione presenta materiale grafico e avvicina il pubblico ad alcuni dei 1.400 rifugi anti-aerei che si erano costruiti in città. La mostra "Quan plovien bombes" scopre lo spazio sotterraneo e svela un mondo nascosto alcuni metri sotto i nostri piedi. Vengono illustrati i sistemi di costruzione, la tipologia e le caratteristiche eccezionali dell?immensa rete di rifugi della città. Dopo l?arrivo delle truppe di Franco, il 26 gennaio 1939, questi rifugi anti-aerei furono chiusi e completamente dimenticati. Oltre ai contenuti storici, la Regidoria Ciutat del Coneixement propone l?integrazione di un nuovo strumento di consultazione: uno schermo interattivo in formato 3D che raccoglie la documentazione degli archivi, con la possibilità di accedere all?archeologia urbana e alle fonti orali e quindi ricostruire e interpretare i bombardamenti. Dal 20 febbraio al 13 maggio 2007. Museu d'Història de Catalunya Plaça Pau Vila 3 Ciutat Vella Barcellona  

Hammershøi e Dreyer a Bcn

Roberto Fenocchio  2007-02-20 

arte 

esposizioni 

Dal 25 gennaio al 1º maggio 2007 il CCCB (Centre de Cultura Contemporània de Barcelona) presenta l'esposizione "Hammershøi i Dreyer" che per la prima volta raccoglie la produzione di due degli artisti danesi più universali di tutti i tempi: il pittore Vilhelm Hammershøi (Copenhagen, 1864?1916) e il cineasta Carl Theodor Dreyer (Copenhagen, 1889?1968). La mostra è una una cooproduzione tra CCCB e l' Ordrupgaard di Copenhagen, dove si è potuta visitare fino al 7 gennaio 2007. La mostra presenta 36 opere di Hammershøi e 12 montaggi audiovisivi di frammenti di film di Dreyer e inoltre fotografie e documenti provenienti dagli archivi privati dei due artisti, che permettono di ripercorrere il processo di riflessione ed elaborazione delle creazioni esposte. Questa esposizione è la prima allestita in Spagna dedicata all'opera di Hammershøi, con 36 pezzi essenziali. Finora si erano presentate solo mostre antologiche del pittore danese a Parigi, New York e Amburgo. Il primo scopo dell'esposizione del CCCB è divulgare l'opera dei due artisti di notevole importanza nella storia della pittura e del cinema europei, ma ancora poco noti al grande pubblico. In secondo luogo del progetto allestito al CCCB intende illustrare le strette relazioni visive e creative, le metodologie, i concetti intimi dell'arte e le similitudini estetiche dei due artisti danesi. Vilhelm Hammershøi (Copenhagen, 1864 ? 1916). L'opera di Hammershøi è circoscritta a pochi motivi pittorici: interni urbani delle abitazioni in cui è vissuto; una donna solitaria, normalmente dipinta di spalle, in uno spazio domestico; i ritratti di familiari e amici, alcuni edifici di Copenhagen e Londra e i paesaggi dell'isola danese di Selandia. Motivi pittorici caratterizzati da un'atmosfera misteriosa, inerte, e in questa immobilità risiede il fascino delle opere di Hammershøi. Carl Theodor Dreyer (Copenhagen, 1889 ? 1968). Autore di film di raffinata poetica delle sfumature, degli effetti in chiaro scuro, caratterizzata dall'infaticabile ricerca di verità spirituali e della bellezza. In quaranta anni di attività, iniziata all'epoca del cinema muto, Dreyer ha girato film quali "Il Presidente" ( Præsidenten , 1918), "Michael" ( Mikaël , 1924), "Il signore della casa" ( Du skal ære din hustru, 1925), "La Passione di Giovanna d'Arco" ( La Passion de Jeanne d'Arc , 1927 ), "Vampyr" (1932) e "Dies irae" (Vredens Dag , 1943). Nel 1955 a Dreyer fu assegnato il primo premio del Festival del Cinema di Venezia per il film "Parola"( Ordet ). Il suo ultimo film, "Gertrud" (1964), assai polemico, gli valse il premio danese Bodil alla miglior pellicola dell'anno e ancora oggi è considerato uno dei dieci migliori film della storia del cinema.  

Massana off

Elisa Pellacani  2007-02-14 

arte 

esposizioni 

Massana Off, esposizione Sala Busquet/Blava, Escola Massana, c/Hospital Fino al 22 di febbraio Si è inaugurata lo scorso giovedì 8 febbraio (e rimarrà aperta fino al 22 febbraio) l?esposizione dei lavori degli artisti di Massana Off. Nelle sale Busquet e Blava, all?interno della Escola Massana di carrer Hospital a Barcellona, è visibile la prima parte del percorso progettuale dei partecipanti, che culminerà in una seconda esposizione, a giugno. Ogni anno la Massana offre la possibilità ? caso abbastanza atipico, vista anche la difficoltà dell'organizzare l'evento - a un gruppo di artisti di lavorare in spazi attrezzati alle diverse discipline che la scuola lascia a loro disposizione praticamente a orario continuato. Si tratta di luminosi atelier situati nel Poble Espanol, a dieci minuti di passeggio da Plaça d'Espanya. Oltre all?esigenza di incontrarsi e confrontarsi, Massana Off vuole costituire uno spazio che ?con un concetto innovativo, offra allo studente una situazione intermedia tra la scuola e il mercato del lavoro, in cui gli artisti e i disegnatori possano sperimentare e sviluppare una comune progettualità all?interno del reale, nel contesto attuale?, sottolinea Josep M. Vidal, attuale direttore della scuola. Organizzata e fortemente voluta da Toni Azorín, coordinatrice dei partecipanti e degli allestimenti, Massana Off può avvalersi di spazi diversificati in modo da permettere il lavoro individuale e soprattutto spazi attrezzati alla pratica di discipline quali la gioielleria, la serigrafia, l?incisione, che spesso costituiscono un problema tecnico alla sperimentazione e al proseguimento di una tecnica fuori dall?ambiente accademico. Il risultato è una componente sottile eppur comune, visibile nell?esposizione in corso, ed è la tentazione, più che l?intenzione, di uscire dai confini del proprio percorso per esplorare altri territori espressivi. Ne nasce così un universo complesso in cui risulta evidente la personalità del lavoro di ogni artista e non la sua formazione. ?I concetti, l?esecuzione progettuale, le riflessioni che ogni partecipante apporta all?iniziativa sono sempre più vicini alla scoperta della propria personalità?, spiega Toni Azorín ?e sono i passi di giovani artisti che hanno deciso di entrare nel complicato mondo dell?arte usando Massana Off come piattaforma di produzione e presentazione guardando al mondo dell?arte contemporanea ma rivolti al pubblico più vasto?. Gli artisti in esposizione possono considerarsi anche un tornasole interessante del movimento intellettuale della città: Massana Off dispone infatti di un suo gruppo di nazionalità diverse, e visibili nelle opere sono la traduzione di segni e tradizioni diversificate ma curiose le une dalle altre. In esposizione, Lizh Wen, Veronica Hecht, Ylenia Galligò, Alfonso Jiménez, Nuria Calavera, Cristina Cebada, Ruth Martin, Erico Fukuda, Marta Boan, Clara Trucco, Tamara Kuselman, Carlos Arciniegas, carles Azcòn, Nuria Molinos, Gloria Santacana, Eva Domene, Luz Galdeano, Melissa Pritchard, Neus Gallego Rosa Garcia; tre artisti dall?Italia, Liuna Virardi, illustratrice, che ha realizzato in diretta ?Mi horizonte?, su tavola di grandi dimensioni, Elisa Pellacani, con la sua installazione-gioiello ?Ex voto de amor?, e Carmela Santonastaso, con un loop di fotografie dal titolo ?Proiezioni indiscrete?. Massana Off, esposizione Sala Busquet/Blava, Escola Massana, c/Hospital Fino al 22 di febbraio  

Escola Massana Bcn Dossier

Sito Ufficiale Escola Massana  2007-02-12 

arte 

esposizioni 

Més de 70 anys d'Ensenyament de l'Art, els Oficis Artístics i el Disseny. La interdisciplinarietat, que genera la interrelació entre les especialitats d'Art i de Disseny i afavoreix la formació integral dels nostres alumnes és, com a filosofia pedagògica, la principal característica de l'Escola Massana. L'Escola Massana és el centre municipal d'Art i Disseny que la ciutat de Barcelona té instal·lat en el bell edifici de l'antic Hospital de la Santa Creu. Fruit del llegat del pastisser i filantrop barceloní Agustí Massana, l'Escola va iniciar la seva tasca pedagògica el 14 de gener de 1929. L'Escola Massana articula la seva oferta educativa sobre tres àmbits conceptuals (arts visuals, arts aplicades, i disseny) i en tres nivells curriculars: Massana Superior (Cicles Formatius de Grau Superior, i Graduat Universitari en Arts i Disseny), Massana Bàsica (Batxillerat Artístic), i Massana Permanent (formació contínua no reglada tant d'iniciació com d'especialització i post-grau). L'Escola Massana pertany a ELIA Lliga Europea d'Instituts d'Arts, a la Coordinadora Disseny per a Tothom EIDD, al FAD Foment de les Arts Decoratives, a l'AAVC Associació d'Artistes Visuals de Catalunya, i a la Coordinadora d'Escoles Públiques d'Art i Disseny de Catalunya. La Escola Massana de Barcelona, uno de los más prestigiosos centros de arte y diseño de España, nació el 14 de enero de 1929 gracias al impulso de Agustí Massana. El propósito de Agustí Massana -que no llegó a ver la escuela, ya que murió años antes de su inauguración- fue crear un centro dedicado a los jóvenes obreros que querían estudiar después de su jornada laboral en la industria. La matrícula era gratuita para los que no tenían recursos y asequible para el resto. "El objetivo de Massana", apunta el actual director Prieto, "no sólo era dar formación artística a los obreros, sino también salvar los oficios que la industria dejaba de lado". Durante sus 70 años de existencia, la escuela ha pasado varias etapas, algunas de ellas críticas. Durante la década de los treinta tuvo su época de esplendor, gracias al apoyo de la Generalitat republicana. Luego vinieron los años más duros del franquismo, en los que la escuela tuvo serios problemas de supervivencia. Los años sesenta, no obstante, fueron otra etapa de expansión gracias a la introducción del diseño en una escuela de artes y oficios por primera vez en España. La última crisis surgió a finales de los setenta, estando aún anclada la escuela en los planes de estudios franquistas. La llegada de un nuevo director, Francesc Miralles, consiguió salvarla de la crisis educativa: "Durante los años ochenta Miralles inició un innovador proyecto educativo, que se ha ido continuando y enriqueciendo", señala el director. Pero no la salvó de la crisis económica, ya que las instituciones no apostaron por ella: ni el Ayuntamiento de Barcelona ni la Generalitat se comprometieron a solucionar los problemas del centro, situado en el antiguo hospital de la Santa Creu, en el Casc Antic de Barcelona. La principal causa de conflicto era que ninguna de las dos administraciones quería hacerse cargo de la escuela, de titularidad municipal, aunque la competencia en educación correspondía a la Generalitat. La celebración del 70º aniversario, sin embargo, coincide con otra etapa de esplendor. El Ayuntamiento se ha comprometido a hacerse cargo del centro, lo que ha permitido empezar las obras de los dos edificios de la escuela, que datan de los siglos XV y XVIII.  

Botanica Urbana (La città di Urbano)

Lino Graz  2007-02-10 

posti belli 

parchi 

A l?exida de casa Hi ha una olivera Que té raó. Jordi Coca Terres Grogues Urbano ha sempre voluto fare il botanico. Chiamare le piante per nome. Fin da bambino. Fin da bambine le piante. Dev?essere per i profumi della campagna d?estate. Sanno di vita e d?infanzia. Un?altra cosa che Urbano ama fare è camminare per la città, di quartiere in quartiere, di dettaglio in dettaglio, di radice in radice. Sa di libertà. Barcellona da qualche anno è piena di bagolari. Ce ne sono sempre di più. Arrivano alla spicciolata, trovano un angolo, mettono radici. Chiamano casa, ne arrivano altri. Un?invasione appena percettibile. Bagolaro in catalano si dice lledoner, in spagnolo almez. In questa stagione sono spogli e semplici; la corteccia uniforme tende al grigio. Occupano in particolare la zona sinistra dell?Eixample, ma ve ne sono ovunque. Urbano non aveva la più pallida idea di cosa fosse un bagolaro fino all?altro giorno, quando lesse per caso un articolo del Periódico sulla flora e la fauna barcellonese. Diceva che i lledoner stanno pian piano rimpiazzando i plàtans d?ombra, qui albero cittadino per eccellenza. E cosa diavolo è un lledoner? Si domandò Urbano. Dizionario: bagolaro. Bagolaro? Mai sentito. È come scoprire di avere un cugino di cui non avevi mai saputo prima. Anzi, un sacco di cugini. Soprattutto nella zona sinistra dell?Eixample, ma non solo. - Mamma, vado a giocare coi bagolari! - Vai pure, figlio mio. Le mamme sono tranquille. I bagolari trasmettono fiducia. E i platani? Beh, quelli, qui, sono i fratelli maggiori di tutti i barcellonesi (nonni e papà quelli sulla Rambla e al mercato di San Antoni). Zie invece le alte acacie frondose (alla Barceloneta, in Riera Alta e Nàpols) e sorelle le tipuane gialle (san Felip Neri, Drassanes) e le piccole quercie scure (Al Raval, in Maria Aurèlia Capmany, di un po? più grandi ce n?è una sfilza lungo una scalinata che scende da Mundet. Sorelle maggiori e madri, invece, quelle di plaça Catalunya e della Diagonal). Fratelli anche i tigli (Rambla Catalunya) e amici saggi, un po? malandati gli olmi (Aragó, Zona Franca, Comerç), malati di un fungo provocato da un insetto. Come amanti, Urbano consiglia l?Albero Parasole cinese (fedele e morboso, Passeig de San Joan, Consell de Cent), e quello di Giuda (detto anche dell?Amore o del Fuoco, mica male, passionale senz?altro, mediterraneo. Ma attenzione: mai innamorarsi. Pla de l?Os sulla Rambla, Avinguda Xile), il prugno rosso (fa sangue, Doctor Dou) e il glicine viola (l?amante ricca di Pedralbes); come compari, l?Albero dei Sigari (nella zona Alta, fino a Horta) e l?Albero Bottiglia (Balmes, Travessera de Dalt). Con la testa tra le nuvole, a cercar datteri sulle palme di plaça Reial, Urbano in città rischia le gambe, i piedi e la vita. Poco lontano una macchina s?è schiantata contro un platano. Ha vinto il platano. Domenica Urbano è stato al giardino botanico di Barcellona. A Urbano piacciono molto i giardini e i parchi. Ne fosse stato più consapevole vent?anni fa, magari scansava la naia, visto che si raccontava che chi rispondeva ?sì? a ?ti piacciono i fiori?? nel questionario psicologico finiva dalla psicologa per rischio frociaggine (per altro della psicologa del Distretto a Torino si dicevano meraviglie e Urbano l'immaginava tutta curve e occhioni neri che ti scrutano le pustole). Il nuovo giardino botanico di Barcellona si trova sulle pendici del Montjüic, quello vecchio anche. Tuttavia, il giardino vecchio risente del gusto ottocentesco e s'infossa in una gola, nascondendosi nell'umidità e nella penombra, mentre quello nuovo ostenta se stesso in pieno sole, come l'attuale Barcellona sulle prime pagine di molte riviste che tante soddisfazioni ("ma quanti grattacapi, signora mia!") dà alle sue portinaie. Nei giardini botanici, come ben noto, le piante, per quanto vive, dispongono di piccola lapide con su incisi terribili nomi latino-magiari. Il visitatore si sente perduto, destinato all'ignoranza perpetua. Sa perfettamente che neanche visitandolo cento volte si ricorderà del nome di "quel maledetto cespuglio del cazzo cinese giallino all'entrata!" che continuerà quindi in cor suo a chiamare ?cespuglio del cazzo cinese giallino?, o al massimo ?cespuglio cinese del cazzo giallino?. Ma non bisogna essere ingiusti e strafottenti né con Linneo né col giardino botanico di Barcellona. Dei giardini botanici e dei botanici ebbasta Urbano ha grande stima. Studiare e curare le piante è una delle più nobili attività dell'uomo, spesso purtroppo dato a ben altre operazioni. Il giardino botanico di Barcellona, poi, è un posto solare, luminoso, da cui si vede bene la città pur standone in parte fuori. Una passeggiata tra il l'Hipericum canariense e il Viburnum rigidum (sic), con a destra la Xanthorrhoea lauca e a sinistra l'Eschscholzia californica, vale proprio la pena e ventila alveoli polmonari e cerebrali. Converrete con Urbano, tuttavia, sul contorsionismo che richiede alla lingua -e ancor più al cervello- la semplice lettura di esempi della Nomenclatura Binomiale che il Geniale Naturalisia ha creato per descrivere il Creato del Geniale Enigmista. No? - La luna, - disse Nuto, - bisogna crederci per forza. Prova a tagliare a luna piena un pino, te lo mangiano i vermi. Una tina la devi lavare quando la luna è giovane. Perfino gli innesti, se non si fanno ai primi giorni della luna, non attaccano. Cesare Pavese La luna e falò Gli ulivi hanno sempre ragione. Lino Graz linograz@yahoo.es www.linograz.splinder.com  

Il Sifò

Silvia Cumbo  2007-02-10 

vivere 

bere 

Quando sono arrivata a Barcellona, sono stata stregata dalla bellezza particolare del Raval e uno dei primi locali che ho frequentato era il Sifò. Mi ricordo la prima volta che ho varcato la soglia di questo bar, ho pensato che fosse in tono con il quartiere e che mi trasmettesse ambienti familiari e caldi: piccolino, era facile che si riempisse e il fine settimana la gente arrivava lì anche per provare l?assenzio che si può trovare in diversi locali al Raval. Ho conosciuto i proprietari, ragazzi argentini che vivevano da diversi anni a Barcellona e che avevano sgobbato prima di mettere un po? di soldi da parte per il loro progetto in comune. Da lì, la loro ascesa: il locale era sempre pieno, soprattutto il fine settimana; un misto di gente straniera e locale che scambiava le proprie idee e i progetti sognati al bancone: era come essere in un piccolo laboratorio, da dove uscivano scambi, opportunità. Energia pura esaltata da fiumi di birra e vino catalano. Così, con un ritmo frenetico e costante, il bar tre anni dopo è fiorito: ha ampliato gli spazi, organizza serate con DJset internazionali e si avvale di una piccola cucina che ?fabbrica? delizie argentine! Ed è sulla guida Michelein?bella ascesa no? Silvia  

Himmler nel monastero alla ricerca del Graal.

Rob. Fen./ Mario Baudino  2007-02-10 

cultura 

eventi 

1940, la missione segreta in Catalogna del capo delle SS: Voleva assicurare al Terzo Reich la preziosa reliquia immaginata dai poeti medievali. Il 23 ottobre 1940, mentre Hitler tentava di convincere Franco a scendere in guerra con i tedeschi, Heinrich Himmler era a Barcellona, nell?Hotel Ritz. Cercava il Sacro Graal, la mistica coppa dei poemi medievali in cui, secondo la versione più cristianizzata, sarebbe stato raccolto il sangue di Cristo. Credeva che esistesse davvero come oggetto materiale, lo considerava un?icona così importante da poter essere quasi un?arma segreta. Il capo e creatore delle SS, il fanatico costruttore di una «nuova religione» esoterica cercava tesori sacri dovunque. E quella mattina, accompagnato da quattro giovanotti biondi e marziali e da alcune autorità cittadine, piombò nell?abbazia di Montserrat, uno dei monumenti più noti della Catalogna. L?abate Antoni Maria Marcet e il suo vice Aureli Maria Escarré giudicarono inopportuno riceverlo, dati i suoi attacchi alla Chiesa tedesca. Un frate che parlava bene il tedesco si mise a disposizione. Da tempo i monaci insistevano sullo stretto legame fra Montserrat e la presunta reliquia, ma senza spingersi a dichiarare che era lì. Padre Andre Ripol Noble, giovanotto prudente, dovette far ricorso a tutte le sue arti diplomatiche per spiegare che non c?era nessun Graal a disposizione, al momento. Poi, liberatosi dell?ospite, decise che era meglio tacere. Ha rievocato quella visita imbarazzante solo qualche anno fa, da una casa di riposo. E a poco a poco la notizia ha cominciato a circolare. Ora una scrittrice, Montserrat Rico Góngora, ha ricostruito tutti i particolari affidandoli a un romanzo storico, La Abadía profanada, che uscito da Planeta sta cominciando a fare il giro del mondo, tanto che l?altro giorno il tema ha sedotto anche l?Independent. Va detto che il libro ricostruisce bene una vicenda vera, che testimonia ancora una volta l?interesse di Himmler per i reperti esoterici. L?imponente monastero-santuario di Montserrat è il simbolo della resistenza catalana al franchismo. Fu eretto nel 1025, sul sito di un romitaggio; ampliato nei secoli (nel ?500 ebbe come abate il futuro papa Giulio II), venne distrutto da Napoleone, ma ben presto ricostruito. Più che per le leggende sul Graal, è però famoso per la «Moreneta», la celebre Vergine nera, meta di grandi pellegrinaggi, e per gli Escolans, il coro infantile più antico d?Europa. Le derive «magiche» del nazismo sono oggetto di lunghe controversie. Da noi le ha studiate per esempio Giorgio Galli, in un libro, Nazismo magico, continuamente ristampato per Mondadori.  

Dossier Sacro Graal a Barcellona

Mauro Panzera  2007-02-10 

cultura 

eventi 

Quando Himmler cercò il Graal in Catalogna. La montagna di Montserrat, in Catalogna, offre oggi agli occhi dello spettatore uno scenario d'incomparabile bellezza, che evoca sensazioni di misticismo. Situata nella regione tradizionalmente più avanzata della Spagna, si innalza all?interno della pianura del Llobregat, a Nord-Ovest di Barcellona; è alta 1236 metri; caratterizzata dalla presenza di strani pinnacoli di arenaria, ed ha una larghezza di 5 chilometri ed una lunghezza di 10 chilometri. La località è famosa essenzialmente perché ospita un monastero, completato nel 1592, al quale si può tuttora accedere prendendo una "funicular", una funivia, dalla pianura. All?interno di una cappelletta si può notare la statua di una Vergine Nera, nota come "La Moreneta" ("La Moretta"), che è tuttora meta di un folto pellegrinaggio di fedeli, che la venerano quale Santa Patrona della Catalogna. Un?opera di R. Wagner (Il "Parsifal") ha tratto spunto dalla montagna in esame (1). Ciò che molti non sanno è che nel corso del XX secolo anche Montserrat è stata al centro dell?interesse di quelle componenti esoteriche del nazismo, che, per trovare il Santo Graal, avevano sguinzagliato i propri uomini per mezza Europa. Non dobbiamo infatti dimenticare che, per quanto riguarda il recipiente in cui Giuseppe d?Arimatea raccolse il sangue di Cristo, è sempre esistita anche una versione spagnola che vedeva la "Sacra Coppa" in un calice contenuto nella Cattedrale di Valencia: con la base e la parte superiore dell?oggetto che sono fatti di cornalina, e con lo stelo istoriato di gemme, il calice in questione è attualmente esposto nella "Capilla del Santo Caliz", una cappelletta gotica situata all?interno della Cattedrale medesima; inoltre, a Barcellona si trova il documento attestante la donazione della reliquia di Valencia, avvenuta il 26 settembre 1399 a favore del Re d?Aragona da parte del Monastero di San Juan de la Pena (vedi "Il Santo Graal: un mistero antico duemila anni" di P. C.. Ciò indubbiamente ha fatto sì che si alimentasse un alone di mistero attorno alla montagna in questione, in prossimità della quale pare vi siano stati, e vi siano, numerosi avvistamenti di UFO. Del resto, il simbolismo esoterico della Montagna di cui ci stiamo occupando è vieppiù accresciuto dalla stessa presenza, al suo interno, dell?immagine di una Vergine Negra, se dobbiamo vedere nelle Madonne Nere europee una testimonianza dell?antico culto egiziano di Iside, la quale era chiamata, per l?appunto, "La Nera" (2). Anche Stephen Benko ipotizza una correlazione tra la Vergine Nera col Bambino - da un lato - e l?immagine di Iside con il figlio Horus, dall?altro, aggiungendo che a volte la divinità egizia femminile era raffigurata col colore nero; relativamente alle motivazioni per cui le figure di Montserrat sono nere, si prospetta l?ipotesi che forse una statua antica di Iside possa essere stata trovata dai pastori nel nono secolo, i quali potrebbero aver ritenuto che si trattasse di una Madonna col Bambino. Fatto sta che la Montagna di Monserrat si presenta oggi come particolarmente interessante anche dal punto di vista ufologico, oltre che religioso, come evidenziano gli studi di Luis José Grifol, che per molto tempo ha studiato strane luci osservate al di sopra della Montagna; la testimonianza è stata ulteriormente avvalorata da molte altre persone. Inoltre già nel secolo IX d.C. alcune "luci" che scendevano dal cielo annunciavano ad alcuni pastorelli dove fosse nascosta l?immagine della Madonna Negra, ponendo così le premesse per la futura costruzione del Monastero, secondo la Tradizione; infatti, secondo un altro racconto, già nell?anno 718 l?immagine della Madonna Nera sarebbe stata spostata da Montserrat, per evitare che cadesse preda degli invasori Saraceni, per poi ricomparire grazie alla scoperta di alcuni pastori che avrebbero notato la presenza di strane luci, accompagnate da canti provenienti dalla montagna (3). Sappiamo che il termine "Munsalvaesche", che deriva dalla versione germanica di "Montsalvat" (una parola catara che vuol dire "Monte Salvato"), stava ad indicare il Castello del Graal, che, secondo il romanziere medievale tedesco Wolfram von Eschenbach, si trovava per l?appunto sui Pirenei. Negli Anni Trenta, l?archeologo Otto Rahn ed il filosofo Alfred Rosenberg si erano recati a Montségur per cercare il Santo Graal (Montségur era la rocca della Linguadoca francese che nel XIV secolo aveva ospitato l?estrema resistenza dell?eresia catara, e che, secondo O.Rahn, coincideva con il Castello del Graal); del resto, i collegamenti del Graal con i catari erano ipotizzati sulla base dell?assonanza linguistica tra "Montsalvat" e "Montségur" (4). A questo punto dobbiamo ripercorrere brevemente la storia del movimento cataro. L?eresia catara, non dimentichiamolo, si era diffusa nel XIII secolo per l?appunto in Linguadoca, nel Sudest francese; i suoi appartenenti, fondamentalmente ispirandosi al manicheismo, credevano che l?umanità si dividesse in due fazioni (il bene ed il male) e non accettavano il simbolo della Croce, poiché non credevano nella morte di Gesù. I loro sacerdoti, che amavano definirsi "perfetti" o "uomini puri", portavano sempre con sé una copia del Vangelo di Giovanni e mostravano un atteggiamento di palese distacco per i beni materiali. Lo stesso Lucifero era visto come un?entità benefica chiamata Luzbel. L?eresia arrivò a contare migliaia di adepti in Francia, Germania e nelle regioni settentrionali dell?Italia e della Spagna. Come può facilmente intuire, vi erano troppi elementi che spingevano il Papa ad intervenire per evitare l?allargamento del fenomeno ritenuto ormai molto pericoloso per l?ortodossia cristiana. Pertanto, nel 1208 fu promossa la Crociata Albigese contro tale dottrina, che vide la Francia di Enrico IV appoggiare direttamente il Papato. La resistenza dei catari durò circa 40 anni, per successivamente consumarsi sulla Rocca di Montségur (la capitale del movimento) il 16 marzo 1244, allorquando le truppe del Pontefice la occuparono. Secondo gli atti dell?Inquisizione, un anno prima (nel 1243) i catari Pierre Bonet e Matheus furono incaricati di salvare il tesoro materiale della setta, che consisteva in grossi sacchi di monete d?oro e pietre preziose, che furono consegnati al prefetto Pons-Arnaud de Castelverdun, Signore della regione del Sabarthes, dove si trovavano le grotte dove successivamente si rifugiarono gli ultimi catari. Non dobbiamo infatti dimenticare che l?ideologia condannata dalla Chiesa Cattolica contava numerosi appoggi tra i benestanti ed i proprietari terrieri francesi, come documentato sempre nello stesso articolo di P. C. (5). Secondo i summenzionati atti dell?Inquisizione, la stessa notte della caduta di Montségur, dalla rocca medesima con delle corde si allontanarono quattro catari (si conoscono i nomi solo di tre di essi: Amiel Alicart, Hugo e Poitevin), che ridiscesero a valle. Molte ore più tardi, fu visto un fuoco accendersi sulla vetta innevata del vicino Monte Bidort; era quello il segno - come stabilito precedentemente - che i quattro avevano messo in salvo il "tesoro spirituale" dei catari. A questo punto però sorge un interrogativo: se i beni materiali della setta erano stati tratti in salvo circa un anno prima, in cosa poteva mai consistere questo "tesoro spirituale"? Lo studioso José Lesta, nella sua opera "El enigma nazi. El secreto esotérico del III Reich" (6), da cui ho attinto nell?analisi delle vicende dell?eresia catara, ha ipotizzato che potesse essere o una copia autentica del Vangelo di San Giovanni, oppure del Santo Graal. Studiosi come Ean Begg, autore di "The Cult of the Black Virgin", hanno notato che il Santuario di Montserrat è uno dei migliori candidati per essere stato uno degli antichi Templi del Santo Graal; Joan Carroll Cruz, che ha scritto "Miraculous Images of Our Lady", ritiene che il colore nero della Madonna di Montserrat sia dovuto alle innumerevoli candele ed alle lampade bruciate giorno e notte davanti all?immagine (7). A questo punto entrano in scena i nazisti. Che l?ideologia hitleriana presentasse una componente occultistico-esoterica è ormai risaputo, così come si sa che un ruolo ben preciso in quest?ambito fu assunto dal "Reichsfuhrer" Heinrich Himmler. Costui già nel 1935 aveva fondato la "Deutsches Ahnenerbe", o "Società di Studi per la Storia Antica dello Spirito", grazie alla collaborazione dell?olandese Hermann Wirth, un noto germanista. Scopo del neo-organismo era la ricerca delle antiche tradizioni germaniche in una prospettiva didattico-pedagogica affinché la popolazione tedesca sapesse conoscere e valorizzare le proprie origini. Di particolare interesse, all?interno della società, era il Dipartimento di Archeologia Germanica, che organizzò spedizioni in varie parti del mondo alla ricerca di sacre reliquie come il Santo Graal o l?Arca dell?Alleanza. Altri collaboratori dell?"Ahnenerbe" furono il romanista Franz Altheim, lo scrittore Ernst Junger, lo studioso della cultura nordica Eric Oxenstierna, il filosofo Martin Buber e soprattutto l?occultista Friedrich Hielscher Ma nel corso degli Anni Trenta Himmler volle creare una vera e propria "Camelot personale" che fu individuata nel Castello di Wewelsburg, in Westfalia, dove iniziò a riunirsi l?Ordine Nero, composto dai 12 membri delle SS selezionati per l?approfondimento di tematiche occultistiche promosse dal Reichsfuhrer, che peraltro era convinto di essere la reincarnazione dell?Imperatore di Germania Enrico I l?Uccellatore. All?interno del castello vi erano alcuni spazi vuoti, dove gli esponenti dell?"Ahnenerbe" avrebbero dovuto collocare tutti quegli strani oggetti di culto e potere, a seguito degli scavi realizzati in varie parti del mondo: il Santo Graal, la Sacra Lancia di Longino, i teschi di cristallo dell?America Centrale, l?Arca dell?Alleanza (8). In precedenza, tra il 1928 ed il 1932, Otto Rahn aveva girato per vari Paesi europei (Francia, Spagna, Italia e Svizzera) alla ricerca di collegamenti tra l?eresia catara ed il Santo Graal. Rahn, archeologo ed alpinista, nel 1935 entrò a far parte dello Stato Maggiore di Himmler (9). Così giungiamo finalmente all?inizio degli Anni Quaranta, che videro addirittura una visita del "Reichsfuhrer" in persona in Catalogna, alla ricerca del Santo Graal, la cui ubicazione era ritenuta da molti trovarsi non a Montségur, bensì nella Montagna Sacra di Montserrat, storicamente legata al mito del Graal. Lo stesso Richard Wagner, che ambientò il dramma mistico "Parsifal" nella "Spagna Gotica" (da contrapporsi alla "Spagna Araba") era di quest?avviso, ritenendo quindi che il Castello di Montsalvat, sede del Graal secondo il mito, corrispondesse per l?appunto alla Sacra Montagna catalana Il 23 ottobre 1940 Himmler arrivò a Barcellona, accompagnato dal suo collaboratore Generale Karl Wolf e da 25 ufficiali delle SS. Si racconta a tale proposito un curioso aneddoto, secondo cui gli Abati si sarebbero rifiutati di ricevere il "Reichsfuhrer", ben conoscendo la sua ostilità nei confronti del cristianesimo; il compito di ricevere la delegazione nazista fu assegnato ad un certo Padre Ripoll (che parlava tedesco), al quale Himmler avrebbe riferito che il Nazionalsocialismo presentava numerosi aspetti in comune con l?eresia catara "che si propugnava un tempo a Montserrat". Del resto, ciò che interessava al "Reichsfuhrer" non era il Monastero cattolico, bensì le cavità naturali della Montagna, nell?evidente convinzione che queste ultime svelassero un terribile segreto. È assolutamente vero che Montserrat presenta un numero incredibile di grotte e che c?è persino un lago sotterraneo; un esempio particolarmente illuminante può essere fornito dalla Grotta del Salitre, che presenta più di 700 metri di longitudine (10). José Lesta, in particolare, dichiara che ancora oggi, quando si verificano danni all?impianto elettrico di Montserrat, gli elettricisti vengono fatti scendere in determinati posti sotterranei con gli occhi bendati, in località inaccessibili sia ai turisti che alla maggior parte dei monaci; egli ha riferito che la stessa comunità di Montserrat desidera che determinate gallerie, cui si accede dall?interno del Monastero, continuino a rimanere segrete (11). Del resto, a Montserrat vi è sempre stata una discreta presenza di piccole comunità di eremiti che hanno popolato le innumerevoli grotte e cavità fin dai tempi anteriori all?arrivo del cristianesimo ufficiale. Fu soprattutto all?epoca dell?invasione araba che molte persone trovarono rifugio all?interno delle cavità medesime (12). Diventa quindi assolutamente plausibile l?ipotesi che il "tesoro spirituale" dei Catari possa essere stato tratto in salvo e nascosto tra queste grotte, impenetrabili ai più. Lesta riferisce altresì che, secondo l?esperto Ernesto Milà, in quei giorni del 1940 scomparve misteriosamente la valigetta nera di Himmler, all?Hotel Ritz di Barcellona, dove alloggiava il "Reichsfuhrer". Non si sa bene quale fosse il contenuto della medesima (alcuni pensavano che consistesse nel piano dei condotti sotterranei di Montserrat, altri che si trattasse di varie copie di un libro di Otto Rahn). Fu un?operazione alla quale pare non fosse stato estraneo il servizio segreto britannico, grazie alla complicità di un cameriere (13). La "pista catalana" del Santo Graal apre forse scenari nuovi in un?analisi dettagliata degli obiettivi geopolitici del Terzo Reich, tenendo conto dell?influenza di Himmler nelle scelte più propriamente politiche di Hitler. Quanto sopra evidenzia ampiamente quanto il rinvenimento delle "Sacre Reliquie" fosse importante per l?attuazione piena del programma del nazismo. A questo punto, io mi chiedo se e fino a qual punto quanto detto sopra possa aver influenzato l?appoggio finanziario e militare fornito dalla Germania hitleriana nei confronti del Generalissimo Franco al tempo della guerra civile spagnola che, conclusasi pochi mesi prima, non dimentichiamo vide proprio in Catalogna il formarsi della sede della resistenza più agguerrita delle Milizie repubblicane ed antifasciste. Forse Himmler aveva ritenuto non fosse il caso che a mettere le mani sul Graal fossero le truppe democratico-repubblicane ostili alla Tradizione? Note: 1. "Catalogna e Pirenei spagnoli" di Tony Kelly, Ed.Itinera, a.2000, pp. 224-225. 2. "I 7 veli di Iside la nera" di Selene Ballerini. 3. "Black Madonnas...", op. cit.; e "Guia de la Catalunya paranormal y magica" di Miquel G.Aracil, Gruppo Editoriale Protusa, 3° edizione, a.1992, pp. 103 e 104. 4. "Il Santo Graal: un mistero antico duemila anni" di P. C. 5. "Il Santo Graal: un mistero antico duemila anni" di P. C. 6. Ed. Edaf, 2003, pp. 97, 98 e 99. 7. "Black Madonnas....", op. cit.. 8. "El enigma nazi..." di José Lesta, op. cit. pp. 57, 58, 59, 65, 66, 67. 9. "Il Santo Graal: un mistero antico duemila anni" di P. C.. 10. "El enigma nazi..." di José Lesta, op. cit. pp. 108, 109 e 110. 11. "El enigma nazi..." di José Lesta, op. cit. pp. 109 e 110. 12. "Atlas de la Catalunya Magica y misteriosa" di Miguel G. Aracil, Ed. Bastet, a. 1999, pp. 76-77. 13. "El enigma nazi..." di José Lesta, op. cit. pp. 109 e 110. Bibliografia - "Montserrat, mountain, Spain", The Columbia Enciclopedia, Sixth Edition, 2001 - "Catalogna e Pirenei spagnoli" di Tony Kelly, ed.Itinera, 2000. - "Il Santo Graal: un mistero antico duemila anni" di P. C. - "I 7 veli di Iside la nera" di Selene Ballerini. - "Guia de la Catalunya Paranormal y Magica" di Miquel G.Aracil, Grupo Editorial Protusa, terza edizione, 1992. - "El enigma nazi. El secreto esotérico del III Reich" di José Lesta,"El Archivo del Misterio de Iker Jménez", ed. Edaf, 2003. - "Otto Rahn and the Quest for the Holy Grail". - "Atlas de la Catalunya Magica y misteriosa" di Miguel G.Aracil, Editoriale Bastet, 1999. - "Black Madonnas : Our Lady of Montserrat" di Michael P.Duricy. - "Himmler e gli SS", presentato da Bernard Michal con la collaborazione di Francis Mercury e Pierre Nouaille, ed. di Cremille, Ginevra, 1970. Il ministro del Reich sognava di costruirne una specie di museo nel castello di Wewelsburg, il suo «Vaticano delle SS» dove ciarlatani, maghi e agenti segreti si davano da fare intorno al capo. Qui sono nate molte leggende, alcune delle quali genialmente rivisitate dagli sceneggiatori di Steven Spielberg nella serie di Indiana Jones. Il Reichsführer voleva la lancia di Enrico l?Uccellatore, mitico re germanico, ma anche lo yeti in Tibet, per non parlare dell?Arca Santa. Il suo centro studi, l?Ahnenerbe (ovvero eredità ancestrale), finanziava esplorazioni per misurare il cranio dei tibetani o per cercare nelle isole del Nord tracce di insediamenti antichissimi - e inesistenti - dei fieri progenitori germanici. Il Graal, però, era il chiodo fisso. Così protesse e finanziò un giovanotto un po? idealista e un po? mascalzone come Otto Rahn, autore di un libro di culto, La crociata contro il Graal, e di un altro più segreto, Alla corte di Lucifero, che gli faceva intendere di esserne sulle tracce in Linguadoca, nella terra degli antichi eretici catari. Lo protesse, ne fu amico, e infine lo costrinse al suicidio, nel ?39, forse per uno scandalo sessuale, forse perché il poveretto si era accorto della vera natura del nazismo. Tutta questa industria del Graal, però, si basava su una banale assonanza e su una passione moderna: Wagner. Fu il genio della musica a rilanciare il mito in Europa, riprendendo nel Parsifal un antico poema tedesco di Wolfram von Eschenbach - dove il Graal era però rappresentato da una gemma - e contaminandolo con il Perceval di Chrétien de Troyes, il più antico (e incompiuto) poema sul Graal giunto fino a noi (in questo caso era però un largo piatto di portata) e con altre versioni successive: come si vede, la faccenda è complicata. Eschenbach aveva dato un nome al castello del Graal, che restò in Wagner: Montsalvat. A partire all?Ottocento, i francesi lo riconobbero in quello di Montségur, sui Pirenei. E gli spagnoli in quello di Montserrat, vicino a Barcellona. È probabile che Wagner si sia ispirato davvero ai paesaggi catalani: ma è altrettanto vero che senza i nazionalisti barcellonesi della fine Ottocento e dell?inizio Novecento, pazzi di lui, l?identificazione non avrebbe fatto strada. Invece, grazie a poeti dimenticati che si riunivano nei Juegos Floreales e sognavano Lohegrin e Sigfrid in salsa catalana, persino Himmler, l?uomo più temuto del suo tempo, abboccò come un turista qualsiasi. Nella sua vita furibonda non fu certo un?eccezione (abboccava facilmente alle esche esoteriche). Semmai, c?è da stupirsi che almeno per quella volta non fece danni. L?imponente monastero-santuario di Montserrat è il simbolo della resistenza catalana al franchismo. Fu eretto nel 1025, sul sito di un romitaggio; ampliato nei secoli (nel ?500 ebbe come abate il futuro papa Giulio II), venne distrutto da Napoleone, ma ben presto ricostruito. Più che per le leggende sul Graal, è però famoso per la «Moreneta», la celebre Vergine nera, meta di grandi pellegrinaggi, e per gli Escolans, il coro infantile più antico d?Europa. Le derive «magiche» del nazismo sono oggetto di lunghe controversie. Da noi le ha studiate per esempio Giorgio Galli, in un libro, Nazismo magico, continuamente ristampato per Mondadori. È indubbio che il partito nacque per impulso della Thule, società segreta di stampo esoterico, e che Himmler fu l?alfiere di questa tendenza. È altrettanto vero, tuttavia, che Hitler guardava con sospetto a questo mondo: nel Reich gli astrologi finivano spesso in prigione.  

El Jardí Botànic de Barcelona

Trad. e adatt. Rob.Fen.  2007-01-28 

posti belli 

parchi 

La cultura botanica in Catalogna ha una lunga tradizione storica. Probabilmente il primo giardino di concezione scientifica da essere considerato un giardino botanico fu quello di Sant Joan Despí, creato nell?anno 1723 da Jaume Salvador i Pedrol, esponente di seconda generazione di una famiglia di studiosi catalani che dette notevole impulso, durante il XVIIIº e il XXº secolo, allo studio della botanica in Catalogna. Le collezioni della famiglia Salvador i Pedrol sono attualmente esposte nel Gabinet d?Història Natural-Museu Salvador, presso l?Institut Botànic de Barcelona. Il referente più immediato, noto come Jardí Botànic Històric (e nuovamente aperto al pubblico nel 2003), fu creato nel 1930 dal Dr. Pius Font i Quer, presso il ?sots de la Foixarda? (avinguda dels Muntanyans-Parc de Montjuïc). Ma nel 1986, la necessità di edificare nuovi accessi alle strutture sportive olimpiche, ha seriamente pregiudicato la stabilità dei terreni sui quali sorgeva. Tale situazione ha propiziato la costruzione un nuovo Jardí Botànic a Barcellona, che fosse un centro di riferimento valido per la conservazione della flora mediterranea. Nasce così l?attuale Jardí Botànic de Barcelona, inaugurato il 18 aprile 1999, partendo da un progetto di restauro della vecchia discarica di detriti solidi del parc de Montjuïc. Il progetto viene realizzato dall?Ajuntament de Barcelona grazie alle sovvenzioni dell?Unione Europea. Il nuovo Jardí Botànic de Barcelona è stato progettato da un?equipe di architetti formata da Carles Ferrater, Josep Lluís Canosa e Bet Figueras, dall?ortocultore Artur Bossy e dal biologo Joan Pedrola. Indirizzo/Adreça c/ Dr. Font i Quer, 2 Parc de Montjuïc Codice postale/Codi postal 08038 Barcelona Tel.: 93 426 49 35 Fax : 93 424 50 53 E-mail: jardibotanic@mail.bcn.es Sito Web: www.jardibotanic.bcn.es  

Per bruixa i metzinera. La Cacera de Bruixes a Catalunya.

Trad. e adatt. Rob.Fen.  2007-01-28 

arte 

esposizioni 

Il Museu d?Història de Catalunya ospita, dal 26 gennaio al 27 maggio 2007, l?esposizione dedicata alla caccia alle streghe e ai processi di stregoneria avvenuti in Catalogna tra il XVº e il XVIº secolo dal titolo:?Per bruixa i metzinera. La cacera de bruixes a Catalunya? (?Per Streghe e fattucchiere. La caccia alle streghe in Catalogna?). La mostra analizza la spietata repressione che molte donne dovettero subire, spesso generata dall?ignoranza e dall?intolleranza. Tra il 1450 e il 1750, in molte regioni europee, la caccia alle streghes fu una pratica assai comune. Si calcola che circa 110.000 persone furono processate e le esecuzioni non furono meno di 60.000. Le vittime furono, nella maggior parte dei casi, donne povere, spesso vecchie e sole. In Catalogna le esecuzioni furono circa 400. Sebbene la documentazione storica dei processi relativi alla stregoneria si prolunghi dal XVº al XVIº secolo, la repressione fu pratica relativamente comune tra il 1616 e il 1622. In un contesto storico di grave crisi economica e di carestie, le presunte streghe furono accusate di appartenere a una setta universale presieduta dal demonio e di provocare omicidi, infanticidi e distruzione dei raccolti. Spesso l?iniziativa della repressione partiva dalle comunità locali. L?esposizione si avvale di un catalogo al quale hanno partecipato vari specialisti: storici medievalisti e moderni, antropologi e filosofi. Museu d'Història de Catalunya. Indirizzo/Adreça:Pl Pau Vila, 3 08039 Barcelona Tel.: 932254700 Prenotazioni: 932254244 Fax: 932254758 Zona: Barceloneta Metro: Barceloneta  

Presidi Slow Food a Barcellona

Rivista .IT/ IIC Bcn/ Adatt.Rob.Fen.  2007-01-27 

vivere 

bere 

Prima settimana dei presidi Slow Food a Barcellona, organizzata da Slow Food con la presenza di Carlo Catani e Vittorio Manganelli (responsabili dell'Università di Scienze Gastronomiche creata dalla stessa Slow Food). I presidi sono stati pensati per proteggere alcuni prodotti agro-alimentari ?in pericolo di estinzione? o la cui genuinità rischia di essere compromessa dalle moderne tecnologie produttive. Durante questa settimana (dal 29 gennaio al 4 febbraio), nove ristoranti italiani di Barcellona si impegnano a mettere in risalto sulle loro tavole uno o piú di questi prodotti (dal cardo ?gobbo? al pane di patate della Garfagnana, passando dalla pera cocomerina e dalla classica mortadella di Bologna). Informazioni: www.slowfood.it Per una settimana nei migliori ristoranti italiani di Barcellona si mangia secondo i precetti di Slow Food. L'evento gastronomico (Prima settimana dei presidi Slow Food) è stato organizzato dall?attivissimo convivium Slow Food Barcellona Vázquez Montalbán (dal 29 gennaio al 4 febbraio). Ognuno degli otto ristoranti scelti ha adottato un presidio (un prodotto italiano di qualità difeso da Slow Food) in base al quale verranno preparati i piatti. I ristoranti sono stati scelti in base a criteri «Slow»: nella loro cucina infatti utilizzano solo prodotti freschi, di stagione, non modificati geneticamente. Alla scelta dei vini invece ci penseranno gli enologi di Enoteca d?Italia (la prima enoteca italiana di Barcellona. Ecco cosa e dove potrete (prenotando)mangiare «sloow food»: I Buoni Amici (piatti a base della friulana pitina) Tacabanda (menu a base del Cardo Gobbo di Nizza Monferratoda Piemonte) Xemei (Mais bianco perla e Formaggio Agordino direttamente dal Veneto) Il Vizietto (Agnello d?Alpago del Veneto) Gravin (la Fava di Carpino dalla Puglia) Al contadino sotto le stelle(Pezzente della montagna dalla Basilicata) Sesamo(Pera cocomerina e sale di Cervia dall?Emilia) Specchio Magico (Mortadella classica di Bologna) Enoteca d?Italia (Vino Santo trentino). GRAVIN C/ Rera Palau, 3-5 Tel: 93 268 46 28 Zona: Born / La Ribera. Metro: Barceloneta / Jaume Iº IL VIZIETTO C/ Ganduxer, 16 Tel: 93 414 31 04 Zona: Sarrià-Sant Gervasi. Metro: Sant Gervasi AL CONTADINO SOTTO LE STELLE c./ Zaragoza, 123. Zona: Gràcia. Teléfono: 93 211 08 08. Metro: Fontana / Lesseps TACABANDA C/ Torrent de l'Olla, 64 Tel: 93 210 45 16 Zona: Gràcia. Metro: Fontana I BUONI AMICI c./Casanova, 193 Tel.: 934396816 Zona: Eixample Metro: Hospital Clinic Prenotazioni: 902 104 143 SPECCHIO MAGICO c./Carrer de Luis Antúnez 3, 08006 Barcelona Tel.: 932 178 824 SESAMO c./Sant Antoni Abat 52, 08001 Barcelona Tel.: 934 416 411 Zona: Raval / Sant Antoni Metro: Sant Antoni ENOTECA D?ITALIA c./Gran de Gràcia (C./Santa Magdalena 17) Tel.: 933 682 849 Zona: Gràcia Metro Fontana XEMEI. Paseo de la Exposición, 85, Barcelona. Zona: Sants Montjuïc Metro: Poble Sec  

Xcèntric 07

Sito Ufficiale Xcèntric  2007-01-27 

spettacoli 

cine 

Aquest any 2006 el CCCB commemora el cinquè aniversari de la seva programació estable de cinema i vídeo Xcèntric. El seu principal objectiu ha estat difondre les produccions audiovisuals que, per diversos motius, queden excloses dels circuits comercials. Al llarg d'aquests cinc anys, la programació d'Xcèntric ha reunit el treball de cineastes experimentals i d'avantguarda, documentalistes i, en general, autors amb un llenguatge propi. El Centre de Cultura Contemporània de Barcelona presenta l'exposició THAT'S NOT ENTERTAINMENT! El cinema respon al cinema , comissariada per Andrés Hispano i Antoni Pinent. La mostra proposa un recorregut pel cinema de les idees, aquest cinema que no és part de la indústria de l'entreteniment i que en la seva factura i el seu contingut demostra el potencial artístic, reflexiu i documental del mitjà. THAT'S NOT ENTERTAINMENT! El cinema respon al cinema recorre aquest potencial a partir d'autors i pràctiques que proven l'amplitud creativa d'allò que anomenem cinema, un art i una experiència que, més enllà de la narrativitat, comprèn l'abstracció, el cinema fet a mà, l'apropiació, la provocació o el qüestionament d'ell mateix. L'exposició presenta autors i moviments clau del cinema experimental i independent, però no està plantejada com una història alternativa al cinema de consum. La idea és definir el cinema des de pràctiques que, tot sovint, contravenen tòpics, mostren un món del cinema que es pot exercir de maneres properes a la pintura, la música o l'assaig. Entre d'altres, la mostra compta amb Peter Kubelka, Gustav Deutsch, Stan Brakhage, José Antonio Sistiaga, Jean-Luc Godard o Mathias Müller. El cinema s'imposa al llarg del segle xx com la principal forma d'entreteniment, mitjançant formats, gèneres i models de producció que han capitalitzat la definició del denominat setè art. Però, fora del circuit comercial, diverses pràctiques han esdevingut resistència artística i documental i contravingut tot allò que Hollywood representa i presumeix en exclusiva com a cinematogràfic. Els autors i les obres presentats en aquesta exposició il·lustren diverses maneres de fer i comprendre el cinema que no tenen res a veure amb la indústria de l'entreteniment. Totes elles, tanmateix, el reivindiquen com un dispositiu fascinant, formatiu, capaç de burlar la raó, expandir els sentits i donar accés a móns privats, remots i impossibles que, sovint, suposen experiències difícils d'expressar amb lògica o amb paraules. Moltes d'aquestes obres són, tot i la invisibilitat o vampirització que han sofert, aportacions importants a l'art contemporani, si no obres clau en l'evolució i reinvenció del mitjà. El cinema és un art jove, amb poc més de cent anys d'existència. Moltes de les seves expressions són, encara, reaccions, experiments i exploracions que tenen el mateix cinema com a motivació creadora.  

Dossier e programma Xcèntric 07

Sito Ufficiale Xcèntric  2007-01-27 

spettacoli 

cine 

Film Ist Una espectacular instal·lació de vuit pantalles mostra la manera en què el cinema va reinventar el nostre imaginari. Film Ist (1-6) / (7-12) és una pel·lícula de Gustav Deutsch (Viena, 1952) realitzada entre els anys 1998-2002. El film està compost de seqüències extretes de pel·lícules científiques i d'imatges rodades els primers anys trenta del cinema, l'anomenat cinema mut. Film Ist defineix el cinema a partir de la manera en què aquest reinventa la nostra mirada, el nostre imaginari i les nostres formes narratives. Per aconseguir-ho, Deutsch recupera cronològicament les pel·lícules i els usos que es van donar al cinematògraf, tot component mitjançant nombrosos episodis un calidoscopi antològic de la seva màgia i el seu potencial. L'argument és la llum Projecció del film Arnulf Rainer , obra clau de l'anomenat cinema mètric de Peter Kubelka , on el cinema es converteix en una experiència de llum, so i silenci, que remet a l'origen de la seva pròpia naturalesa. L'exposició ofereix aquesta pel·lícula com a projecció i com a experiència plàstica, ja que Kubelka permet també veure el film penjat a la paret, com si fos una partitura o un quadre abstracte. Hi ha un cinema que investiga sobre la manera en què funciona el seu propi dispositiu tècnic i la física perceptiva de l'espectador. És un cinema que prescindeix d'històries i del qual podem dir que el protagonista és la llum. Aquest cinema es fonamenta en la simple alternança de fotogrames opacs i transparents per tornar-nos a l'essència mateixa del cinema, que només pot fer visible allò que oculta parcialment. Aquest cinema sense argument reivindica també una apreciació plàstica i experiencial equivalent a la que reconeixem en la pintura o la música. Sense càmera Dos films de Stan Brakhage, un audiovisual i dos taules amb material original, permeten apropar-se a un cinema fet sense càmera, treballant directament sobre la pel·lícula. El cinema no depèn tan sols d'allò que es filma. La pel·lícula també és un suport físic sobre el qual podem actuar amb les mans, pintant-hi, ratllant-la, adherint-hi petits objectes, etc. Aquest procés aporta al cinema una dimensió domèstica, artística i orgànica que contrasta amb el mite del cinema com a ?fàbrica de somnis?, en la qual són imprescindibles actors, històries, decorats, tècnics i grans pressupostos. Mira'm Potser la pràctica cinematogràfica més revolucionària i més senzilla és aquella que pren la càmera per parlar d'un mateix, per mostrar el món i l'entorn immediat, bé com un exercici de realisme directe, bé com a subjectivisme radical. Els formats ?no professionals?, 16 mm i Súper-8 especialment, van permetre fer del cinema una eina documental en la qual el tema podia ser el mateix autor, el seu entorn o els seus indrets interns. L'artista, l'afeccionat i el documentalista tornaven al cinema un potencial ja exercit per la fotografia: el relat subjectiu de les nostres vides i impressions a partir de registres espontanis i directes. Alguns autors presents: Chantal Akerman, Frank i Caroline Mouris. Sense permís Diversos autors com Joseph Cornell, Mathias Müller, Martin Arnold o Jean-Luc Godard mostren les possibilitats creatives sorgides de l'apropiació com a recurs creatiu. Les imatges i seqüències existents esdevenen utensilis en mans d'autors capaços de fer amb elles coses noves, seves, sovint iròniques. Aquesta forma de reciclatge entén el cinema com un llegat comú i les seves imatges, reconeixedores o no, com fragments escampats per la nostra memòria, a punt per ser recuperats de la mateixa manera que una paraula o un objecte trobat s'incorporen a un poema o a una escultura. Comptant amb la seva credulitat Dues pantalles dialoguen amb fragments d'infames falsos documents que són respostos per falsos documentals. L'estratègia del xoc Audiovisual projectat en vàries pantalles que se centra en l'ús d'imatges provocatives i tabús. Alguns autors presents: Jean Genet, Agger, Georges Franju, Kurt Kren, Andy Warhol. En paral·lel a l'exposició THAT'S NOT ENTERTAINMENT. El cinema respon al cinema , el CCCB posa a disposició del públic l'Arxiu Xcèntric per poder consultar i visionar una àmplia selecció de les pel·lícules que s'han projectat durant aquests cinc anys. Pel que fa a la pel·lícula The act of seeing with one's own eyes , de Stan Brakhage, i com que no n'existeix cap còpia en vídeo, hem resolt fer-ne uns passis especials a l'auditori. Dies: 30 de desembre a les 18 h, 31 de desembre, 6 i 7 de gener i 18 de febrer a les 12 h. PROGRAMACIÓ GENER/FEBRER 2007 Diumenge 7 de gener, 18.00 h Cinema assajat I: Hollywood vs Los Angeles Dijous 11 de gener, 20.30 h Cinema assajat II: Centres comercials i immigració Dissabte 13 de gener, 21.30 h NIT Xcèntric - Programació especial L'EXPOSICIÓ « THAT'S NOT ENTERTAINMENT! El cinema respon al cinema» RESTARÀ OBERTA DE 21.30 h A 24 h Diarymentarie Diumenge 14 de gener, 18 h Cinema assajat III: La música Dijous 18 de gener, 20.30 h Variacions del real Albert and David Maysles Diumenge 21 de gener, 18 h Rescrits Pedro Costa Dijous 25 de gener, 20.30 h Variacions del real António Campos Diumenge 28 de gener, 18 h Rescrits El cinema segons Slavoj Zizek Dijous 1 de febrer, 20.30 h Variacions del real Yukio Mishima/Fumio Kamei Diumenge 4 de febrer, 18 h Rescrits Bob Dylan Dijous 8 de febrer, 20.30 h Variacions del real Heddy Honigmann Dissabte 17 de febrer, 21.30 h NIT Xcèntric - Programació especial L'EXPOSICIÓ « THAT'S NOT ENTERTAINMENT! El cinema respon al cinema» RESTARÀ OBERTA DE 21.30 A 24 H Mara Mattuschka, Gustav Deutsch, Peter Tscherkassky, Martin Arnold, Matthias Müller, Chistophe Girardet, etc. Diumenge 18 de febrer, 18 h Rescrits Frans van de Staak Dijous 22 de febrer, 20.30 h Rescrits Jean-Claude Rousseau Diumenge 25 de febrer, 18 h Retrats Abstractes  

Renata Tebaldi, profonda ed infinita

roberto fenocchio  2006-12-31 

musica 

eventi 

Gran Teatre del Liceu C./la Rambla, 51 - Ciutat Vella Dal 20 dicembre 2006 al 28 gennaio 2007. In omaggio alla grande cantante pesarese e al suo intenso ricordo a Barcellona, l?articolo è in italiano, catalano e castigliano. Il Gran Teatre del Liceu presenta l'esposizione "Renata Tebaldi, profonda ed infinita", in occasione del secondo anniversario della morte della grande cantante italiana, che a Barcellona ha ancora moltissimi ammiratori. Il Teatro barcellonese era infatti uno dei palcoscenici più cari a Renata Tebaldi che dal 1953 al 1959 fu la regina del Liceu, per poi passare al Metropolitan di Nuova York. L'exposició, que ocupa part del vestíbul històric, el Saló dels Miralls i el balcó Foyer, aplega una vintena de vestits, entre els quals hi ha el que va portar en el seu recital de comiat al teatre la Scala de Milà. Alhora, la mostra aplega una selecció de joies d'escenari i dues-centes fotografies que resumeixen la seva carrera artística i la seva vida privada. L'exposició, organitzada per l'associació Amics del Liceu i el Gran Teatre del Liceu, també inclou objectes personals de la soprano, com ara amulets, condecoracions que va rebre al llarg de la seva vida i exemplars de revistes en què va aparèixer a la portada, com ara Time (1958). Entre los años 1953 y 1959 la Tebaldi fue la reina del Liceo, hasta el 1971 lo fue del Metropolitan de Nueva York y de 1946 a 1955 fue la estrella de la Scala. Y siempre esa guerra entre Callas y ella. Guerra que muchos creen fue artificial y creada para vender discos más que para crear enemistades. En 1959 cuando ?la rival? fue a dar un recital al Liceo, los tebaldistas ofendidos gritaron ?Tebaldi?, ?Tebaldi? varias veces y consideraron una afrenta la presencia de la cantante griega en los territorios de la italiana. La rivalidad fue tan fuerte que hizo dividir en dos bandos a los aficionados a la ópera, como si fueran dos partidos de fútbol. Renata Tebaldi, una delle più affascinanti voci di soprano dell?ultimo secolo, nasce a Pesaro il 1° febbraio 1922 ma si trasferisce ben presto a Parma dove studia con i maestri Brancucci e Campogalliani al Conservatorio "A. Boito". Nel 1944 il debutto a Rovigo nel ruolo di Elena nel Mefistofele di Arrigo Boito. Nel 1946, terminata la guerra, partecipa al concerto di riapertura della Scala sotto la direzione di Arturo Toscanini, il quale nell'occasione la definisce ?Voce d'angelo?, appellativo che seguirà la cantante per tutto il resto della carriera. In breve Renata Tebaldi conquista le platee dei più importanti teatri d?opera del mondo, a cominciare dal Metropolitan di New York. Faust, Aida, Traviata, Tosca, Adriana Lecouvreur, Wally, La forza del destino, Otello, Falstaff e Andrea Chénier sono le opere maggiormente legate alle sue memorabili interpretazioni. Nel 1976 la Tebaldi lascia definitivamente il palcoscenico, dopo un concerto d?addio al Teatro alla Scala. Fra i direttori d'orchestra che hanno collaborato con la grande cantante figurano i nomi di De Sabata, Giulini, Toscanini, Solti, Karajan. Renata Tebaldi si è spenta il 19 dicembre 2004 nella sua casa di San Marino, all?età di 82. Gran Teatre del Liceu C./la Rambla, 51 - Ciutat Vella Dal 20/12/2006 al 28/01/2007 

I lampioni di Pere Falqués

www.bcn.es e altre Trad. Rob.Fen.  2006-12-31 

arte 

architettura 

Per la bellezza, per lo stile chiaramente modernista (liberty), per le forme sinuose e per i dettagli, molti pensano che i famosi lampioni del Passeig de Gràcia a Barcellona siano opera di Antoni Gaudí, ma non è così. Li disegnò nel 1906 l?architetto municipale Pere Falqués i Urpí, un modernista poco noto al grande pubblico. I lampioni furono molto criticati all?inizio ed ora sono ammiratissimi dai barcellonesi e dai molti turisti che quotidianamente li immortalano nei loro ricordi digitali. Nel caratteristico stile di Pere Falqués i Urpí si riconoscono tre tipologie di lampioni che ancora oggi si possono ammirare oltre che nel Passeig de Gràcia anche in Avinguda de Gaudí e in Passeig de Sant Joan (nei pressi dell'Arc de Triomf). Tutti sono caratterizzati da una base in pietra da cui fuoriescono braccia di ferro forgiato a forma di lettera con motivi floreali. I lampioni del Passeig de Gràcia, senza dubbio i più belli, hanno una piccola silhouette di un pipistrello sullo scudo della città con corona. La base, ancora oggi, viene utilizzata come panchina per due persone. E sono proprio le basi-panchine abbellite da mosaici di frammenti di ceramica bianchi, a generare la confusione con Antoni Gaudí, che invece disegnò i lampioni di Plaça Reial, nel 1878. I lampioni di Pere Falqués furono istallati nel Natale del 1906, a quell?epoca non c?era ancora la luce elettrica e quasi tutti gli emblematici edifici del Passeig de Gràcia erano in costruzione, come Casa Batlló e Casa Milà. I lampioni modernisti di tutta la città sono stati restaurati negli anni ottanta e quest?anno sono in programma nuovi interventi di restaurazione che il vandalismo ha purtroppo reso necessari. L'architetto barcellonese Pere Falqués fu nominato architetto municipale nel 1889, preferito a Lluís Domènech i Muntaner, che pochi anni dopo sarebbe stato una delle prime figure emergenti del modernismo. Nel 1897 Falqué costruì l?edificio dell?Azienda Hidroelèctrica de Catalunya e in seguito il monumento al politico Rius i Taulet del Passeig Lluís Companys e al drammaturgo Pitarra, oltre ai trenta lampioni del Passeig de Gràcia, che sono senza dubbio le sue opere più note. Negli ultimi anni della sua vita lavorò alla riordinazione del Parc de la Ciutadella, antica fortezza militare trasformata nello spazio verde più esteso della città. Falqués portò a termine anche altri progetti singolari, come la Torre de les Aigües della fabbrica di Can Girona, nel quartiere del Poblenou; la Tinença d'Alcaldia, in carrer del Bruc; la Casa de la Lactància, nella Gran Via e la Casa Ferrer, in Passeig de Gràcia.  

Els Cartells de Tàpies i l'esfera pública

Roberto Fenocchio  2006-12-31 

arte 

esposizioni 

"Els cartells de Tàpies i l'esfera pública" Fundació Tapies Museu. C./Aragó 255. Barcellona. Fino al 25 febbraio 2007. Curatrice: Núria Enguita Mayo La Fundació Antoni Tàpies presenta un?ampia selezione di cartelloni che Antoni Tàpies ha realizzato dal 1960 ad oggi e che riflettono l?impegno politico e sociale dell?artista. La tematica dominante, nella produzione cartellonistica di Antoni Tàpies, è stata spesso vincolata alla Catalogna e in special modo a quei momenti di repressione che rendevano palese l?assenza di libertà durante il franchismo. Più avanti e in piena ?transición? allo stato democratico, i cartelloni di Tàpies hanno assunto un carattere più universale, con particolare attenzione verso temi sociali e umanitari, senza per altro abbandonare l?ambiente culturale dell?artista e la sua predilezione per la musica, il cinema, la poesia e la letteratura. Si tratta di un?esposizione cronologica, che va dagli anni 60 ad oggi. Il tempo è il filo conduttore per rivedere il recente passato della Catalogna, costellato da avvenimenti determinanti nell?immaginario collettivo. Di particolare impatto il cartellone che ricorda l?esecuzione di Puig Antich, che Tàpies realizzò per una sua esposizione alla galleria Maeght e con il quale tapezzò i muri di Parigi con la scritta ?Assassini?. Da ricordare i cartelloni della Festa della Mercè e quelli sulla difesa della lingua catalana. La mostra illustra l?elaborazione di un linguaggio plastico particolare al servizio della comunicazione pubblica e l?impegno di Tapies negli avvenimenti politici e sociali che hanno caratterizzato la storia contemporanea della Catalogna e non solo. Per l?artista il linguaggio non deve essere intellettuale ma emozionale, nei suoi cartelloni infatti la forza grafica del concetto brilla sugli altri tratti estetici, in modo da contenere e trasmettere meno materia e più spirito.  

Capodanno a Barcellona

Roberto Fenocchio  2006-12-23 

vivere 

bere 

Sono moltissimi gli stranieri che festeggiano il nuovo anno nella capitale catalana, attratti dal desiderio di ?pasarlo bién? e dall?offerta culturale e turistica della città. Un?offerta sterminata soprattutto per quanto riguarda la vita notturna. Iniziamo con questo articolo un primo percorso indicando locali e luoghi secondo criteri di socialità e/o di autenticità molto personali e quindi lasciando da parte i moltissimi che ormai galleggiano nell?omogeneizzazione del turismo di massa, che nella capitale catalana, come in quasi tutte le metropoli, stanno soppiantando locali storici in luoghi da leggenda. La zona presa in considerazione è quella del Raval, il quartiere che più si è trasformato negli ultimi anni ma che presenta fortunatamente ancora cenni di socialità, che persistono spesso in un ambiente in totale decadenza e sprigionano eco di un recente passato che pare ormai lontanissimo. Sono bar come il famoso Marsella o El Segunto Acto o locali quali La Concha o Tinta roja, vero tempio del tango scoperto da Vinicio Capossela qualche anno fa o El Cangrejo. Accanto abbiamo locali relativamente nuovi come 23 Robadords, Sifó, Bar Ato e il Mariatchi, il locale di Manu Chao a Barcellona. Quest?ultimo dall?altra parte della Rambla, vicino a Plaça George Orwell (ribattezzata Plaza del Tripi), piazza dove si trova anche il Bahía, l?ormai mitico bar cantato da Manu Chao e Tonino Carotone, che proprio in questi giorni ha festeggiato (con una serata alla Sala Apollo) il decimo anniversario. Non lontano, in carrer Ample, si possono ricordare le serate ?mondiali? della scorsa estate con uno spritz al Cin-Cin Bar, ambiente variamente italiano e accento vicentino nell?aria Per quanto riguarda i ristoranti le proposte sono altrettando varie. Si va dall?ambiente casalingo del Bidasoa, cucina di Pamplona e covo di Tonino Carotone che qui chiamano Toñín, a quello di Las Fernández cucina ?casero?-mediterranea e, vicino a Correu Vell, Jupiter y La Luna ambiente particolare; per la cucina italiana: diciamo che al Xemei (Gemelli, cucina veneziana) si può passare un?ottima serata. Interessanti Obsessions del Raval, pasticceria italo-catalana e Papabubble, vera fabbrica di caramelle. Gli alberghi. Deliziosi l?Hotel Peninsular e l?Hotel España Ramblas, situati in una zona nevralgica, tra la nobiltà del Grand Teatre del Liceu e il Raval cosmopolita. N.B. Consultare l'elenco dettagliato. 

Capodanno a Barcellona. Bar, locali, ristoranti e alberghi.

Roberto Fenocchio  2006-12-23 

vivere 

bere 

Locali e bar. Tinta Roja Bar / Espai d?art Tango Creu dels Molers 17 Barcelona Metro: Poble Sec - Junto a Av. Paralell. Información y reservas 93.531.37.36 - 678.371.278 Entrata: ?12 (con una consumición) www.tintaroja.net También puedes obtener tu entrada en www.atrapalo.com Bar Marsella c./ Sant Pau, 65 08001 Barcelona Tel. : 00 34 93 442 72 63 23 Robadors Vins & Copas c./ Robadors, 23 Barcelona Metro Liceu Musica dal vivo: Jam Session mercoledì 20:00 / 23:00 Dj?s giovedì / sabato Jam Session Flamenco domenica 20:00 / 23:00 Bar Ato c./ Sant Pacià, 4 Barcelona Tel. : 00 34 93 442 96 67 Orario : 19:30 / 2:30 Desayunos Comidas Platos combinados Bocadillos calientes Bocadillos fríos Postres. Mariatchi Bar c/Codols,14. Barcelona Metro: Liceu La Concha Bar de copas c./ Guàrdia, 14 Barcelona Tel.: 00 34 93 302 41 18 Metro: Drassanes Zona: Ciutat Vella Spettacoli: dalle 17:00 alle 3:00 Il locale aprì i battenti nel 1982 ed era dedicato alla ?Diva?, l?attrice e cantante Sara Montiel, le cui foto ancora campeggiano sulle pareti. Ma i tempi cambiano e attualmente, pur conservando parte del suo fascino antico, si possono ascoltare diversi generi musicali, dal Flamenco al Raí. Además. Nel pomeriggio diventa un locale Chill Out, si possono gustare té e pasticcini arabi e fumare placidamente. Bar El Cangrejo C/Montserrat, 9 Barcelona Ciutat Vella Dj?s: mercoledì, giovedì, domenica 23:30 / 4:00, venerdì e sabato 1:30 / 4:00(Viernes y Sábado de 23.30 a 1.30 h Metro/Bus: Drassanes (Linea 3) Tel: 93 301 29 78 Si può assistere a spettacoli di vario genere, dalle session di pop revival al trasformismo, fino alla rivista e al teatro, senza pretese. Sifó Bar C./ Espalter, 4 Zona Raval Metro: Liceu Orario: tutti i giorni dalle 21:00 alle 3:00 Dj?s: ogni sera sessions Segundo Acto Bar c./ Roca, 18 (Plaça del Pí) Barcelona Metro: Plaça Catalunya Cin ? Cin Bar Aperitivo Italiano c. / Ample, 54 Barcelona Web: www.gruppocincinbar.com Metro: Jaume Iº Ristoranti. Bidasoa Ristorante Cucina Basco Navarra c. / d?en Serra Barcelona Ciutat Vella Las Fernández Bar / Ristorante En el corazón del Ravalquistán....con un punto casero-mediterráneo c./ Carretas, 11 Barcelona Metro Liceu / Paral.lel www.lasfernandez.com Orario: 21:00 / 2 del mattino Chiuso: lunedì Xemei Ristorante Cucina Veneziana Paseo de la Exposición, 85 Barcelona Tel.: 00 34 93 553 51 40 Jupiter La luna de Jupiter Tea restaurant Ensaladas Tartas caseras Bocadillos Plaça Tranginers, 8 C/ Jupi, 4 08002 Barcelona Tel.: 00 34 93 319 64 32 00 34 93 268 36 50 Web: www.jupiteryluna.com Pasticcerie. Obsessions del Raval Bar Caffetteria Pasticceria Produzione propria Carmelo e Andrea + due ragazzi catalani c./ Riereta, 15 Barcelona Tel.: 00 34 93 329 30 79 obsessionsdelraval@hotmail.com Papabubble Bomboneria c./ Ample, 28 08002 Barcelona Tel.: 00 34 93 268 86 25 Fax: 00 34 93 268 86 26 Web: www.papabubble.com Metro: Dressanes Alberghi. Hotel Peninsular c./ Sant Pau, 34 08001 Barcelona Tel. : 00 34 93 302 31 38 Fax : 00 34 93 412 36 99 Prenotazioni: reservas@hpeninsular.com Web: www.hpeninsular.com Metro: Liceu Hotel España Ramblas c./ Sant Pau, 9 ? 11 08001 Barcelona Tel. : 00 34 93 318 17 58 Fax : 00 34 93 317 11 34 Prenotazioni: hotelespanya@hotelespanya.com Web: www.hotelespanya.com Metro: Liceu Hotel Barcelona House c. / Escudellers, n.19 Barcelona (Zona Ramblas) Tel : (dall?Italia) 00.34.93.301.82.95 Fax : (dall?Italia) 00.34.93.412.41.29 Per prenotazioni via e-mail : reservas@HotelBarcelonaHouse.com e-mail : hbhouse@interplanet.es Metro: Liceu / Dressanes Hotel Comercio C./ Escudellers n. 15 Barcelona (Zona Ramblas) Tel : (dall?Italia) 00.34.93.318.74.20 Fax : (dall?Italia) 00.34.93.301.18.39 Metro: Liceu / Dressanes Pension Hostería Grau C./ Ramalleres n. 27 Barcelona (Zona Plaza Cataluña/Ramblas) Tel. : (dall?Italia) 00.34.93.301.81.35 Fax : (dall?Italia) 00.34.93.317.68.25 Pagina web : http://www.intercom.es/grau Per prenotare via e-mail : hgrau@telefonica.net Metro: Catalunya  

Pablo Palazuelo al MACBA

Rob.Fen.  2006-12-18 

arte 

esposizioni 

Barcellona Pablo Palazuelo 15 dicembre 2006 - 18 febbraio 2007 Museu d'Art Contemporani (MACBA) Plaça dels Àngels 1, 08001 Barcellona Orari: 11-19:30, sab 10-20, dom e fest 10-15, martedì chiuso Pablo Palazuelo (1915) è una delle figure chiave dell?arte spagnola della seconda metà del XXº secolo che purtroppo non ha ancora ottenuto il riconoscimento internazionale che meriterebbe. L?esposizione allestita presso il MACBA (Museo d?Arte Contemporanea di Barcellona) fino al 18 febbraio, pone in risalto gli aspetti meno conosciuti della sua opera cominciata nel 1939, dopo gli iniziali studi di formazione in architettura. Il suo lavoro riguarda soprattutto l?arte astratta, o non-figurativa, come dovrebbe essere definita secondo Palazuelo che concepisce l?arte come un ?cammino per far uscire i problemi umani?. I suoi riferimenti alla storia della pittura sono continui ed è particolarmente importante la riconosciuta influenza di maestri come Klee, che fu per l?artista un?autentica rivelazione, ma notevole è anche il suo interesse per costruttivisti russi quali Gabo e Pevsner. Dal 1946 l?evoluzione della pittura di Palazuelo propende verso l?astrazione geometrica, la geometría diventa quindi aspetto centrale del suo lavoro, considerata come la misura della materia, la possibilità di esplorarla, intendendo tale processo come un?interazione tra immaginazione e pensiero. Secondo Palazuelo infatti, ?la geometria è all?origine della vita. Avere una visione delle strutture contenute in altre strutture, vedere le nuove forme in potenza, vedere le possibilità di generare altre forme, sperimentare il passaggio da una forma all?altra attraverso metamorfosi ed esaminarne le trasformazioni come veder crescere una pianta?. Le forme geometriche con cui lavora Palazuelo si sviluppano inoltre attraverso un processo o movimento metamorfico di lunga durata; per cui si può affermare che le sue opere sono forme aperte e permangono aperte e predisposte alla trasformazione. Di qui l?interesse dell?artista per l?abilità e l?immaginazione con cui vengono manipolate le strutture grafiche geometriche nell?arte araba; o la corrispondenza tra la sua opera e la composizione musicale che già si manifesta nei suoi primi disegni del soggiorno parigino. Il colore, elemento che introduce nelle opere bi-dimensionali, non è presente nelle sue sculture: secondo Palazuelo la scultura non ha bisogno di colore aggiunto, giacché la varietà dei materiali metallici utilizzati fornisce gli spazi di colore che gli occorrono. Nella pittura immagina i colori prima d?introdurli, saturandoli, come simboli ?del profondo dinamismo tra l?energia psicichica e quella materiale.? Nel suo lavoro è altresì importante l?interesse per l?analisi della struttura, per la rivelazione delle nuove necessità e le sensazioni psichiche che le riproducono. Palazuelo non cerca di rappresentare, ma di ?collaborare? con l?atto dell?apparizione. L?immaginazione per l?artista è mezzo di attivazione della realtà nascosta e che igualmente considera un mondo reale; è un organo di conoscenza. 

Gego. Sfida alle strutture.

Rob. Fen.  2006-12-09 

arte 

esposizioni 

Gego. Sfida alle strutture. Esposizione dedicata all?artista sudamericana Gego (Gertrud Goldschmidt) Presso il MACBA (Museo d?Arte Contemporanea) di Barcellona. Fino al 14 gennaio 2007. Con Lygia Clark e Mira Schendel, Gego è, senza dubbio, l?artista sudamericana più importante della seconda metà del XXº secolo. Queste tre creatrici sono partite da un costruttivismo di radici europee per arrivare alle proporzioni estetiche attuali, lontane dall?idealismo modernista e vicine alla terapia, alla scrittura e alla visione esistenziale dello spazio. Oggi le opere di Clark e Schendel sono internazionalmente riconosciute, ma le proposte di Gego sono ancora poco note al pubblico europeo. L?esposizione organizzata dal Macba (Museo d?Arte Contemporanea di Barcellona) cerca di colmare tale lacuna illustrandone le varie sfaccettature della carriera artistica. La mostra, che ha carattere antologico, presenta in particolare le opere dell?ultimo periodo della produzione di Gego, caratterizzato dalle ?reticularias?. Nata ad Amburgo nel 1912, Gego (Gertrud Goldschmidt) si è laureata all?Università di Stoccarda. Emigrata in Venezuela nel 1939, inizia la pratica artistica all?interno della tendenza costruttivista d?ispirazione neoplastica. Sconosciuta al grande pubblico europeo, l?opera di Gego costituisce un?eccellente espressione dell?evoluzione dell?arte astratta in America Latina. Composte fondalmentalmente da linee ed intersezioni nello spazio, le sue sculture organizzano e danno movimento allo spazio e parallelamente definiscono il vuoto. Gego utilizza il vuoto come materia che modella lo spazio, agendo come elemento attivo. Linee e reti, le sculture si sviluppano in forma di strutture geometriche che diventano forme organiche. Tra il 1957 e il 1971, Gego realizza varie serie di disegni dominati dai sistemi di linee parallele dalle quali si svilupperanno le sue prime sculture. Nel 1969 realizza la scultura considerata più emblematica: la ?Reticulárea?. L?opera consiste in un grande ordito di linee sospese nelle spazio, ed è costituita da reticolati avvitati al proprio estremo in modo da risultare uniti e intersecati con altri. In seguito Gego ha creato ?Chorros? (1970) mediante lo stesso sistema di articolazione. Le linee non son più parallele ma cadono verticalmente in un apparente caos. Sono presenti all?esposizione anche ?Troncos? (1974), scultura basata su sistemi triangolari, ?Dibujos sin papel? e ?Tejeduras?, in cui l?artista pare restituire le strutture astratte al mondo reale e allo spazio della quotidianità.  

Picasso e il circo

Rob.Fen.  2006-12-06 

arte 

esposizioni 

"Picasso i el circ". L'intensa relazione tra il Maestro e il circo al Museo Picasso di Barcellona, fino al 18 febbraio 2007. L?esposizione riunisce 300 opere tra dipinti, sculture, disegni, incisioni, ceramiche e fotografie, provenienti da musei e collezioni private di tutto il mondo. L?esposizione ?Picasso i el circ?, passerà in rivista i rapporti tra il grande genio del ?900 e il mondo del circo. Già nella Barcellona della fine del XIXº secolo, Picasso frequenta i vari circhi che capitano in città. A Parigi, all?inizio del 1905, il circo entra nel suo immaginario pittorico. Le scene familiari in cui saltimbanchi ed arlecchini diventano protagonisti si fanno sempre più frequenti e caratterizzano il periodo blu. Durante gli anni del cubismo analitico, la familia di Arlecchino riappare in un olio del 1909 "Panes y frutero sobre una mesa", e quindi nel 1920 unitamente al Pierrot. Negli anni ?30 Picasso introduce la personalità del Minotauro, in cui l?artista si identifica, al punto da erigere la creatura mitologica a suo alter ego. Parallelamente sviluppa la figura e la personalità di Arlecchino, a cui dedica ricerche e studi iniziati già nel 1915. Questo intenso lavoro culminerà anni più tardi nella sua prima audace collaborazione teatrale "Parade", in cui l?artista ricrea la vita di un baraccone da fiera e fa del mondo del circo il motivo di una serie di esperimenti d?arte plastica. Nelle ultime opere il tema del circo riprende particolare rilevanza e Picasso esorcizza i numeri da circo della sua gioventù . Risorgono le amazzoni e i pagliacci nei suoi lavori e il Maestro si fa fotografare in varie occasioni in cui assume l?identità di un pagliaccio: simbolo della sua eroica e triste personalità, in magnifiche fotografie di noti professionisti quali David Douglas Duncan, André Villiers e Edward Quinn. Museu Picasso Data d'inizio: 16 novembre 2006 L'esposizione si conclude: 18 febbraio 2007 

Grandi maestri della pittura europea

Rob.Fen.  2006-12-06 

arte 

esposizioni 

Grandi maestri della pittura europea dal The Metropolitan Museum of Art, di New York. Da El Greco a Cézanne. Per la prima volta si potranno ammirare a Barcellona, presso il Museu Nacional d'Art de Catalunya (MNAC), una quarantina di opere provenienti dal Metropolitan Museum of Art di Nuova York. Si tratta di un itinerario pittorico che inizia nel XVIIº secolo e arriva fino al XIXº secolo, in cui il pubblico potrà vedere da vicino e conoscere in profondità i principali periodi artistici della storia dell?arte europea di questi secoli. Tra i dipinti che si potranno ammirare vi sono opere di artisti che hanno segnato l?arte universale quali: El Greco, Van Dyck, Tiepolo, Longhi, Mengs, Gainsborough, Fragonard, Goya, Corot, Courbet, Millet, Pisarro, Manet, Degas, Sisley, Monet, Renoir, Gauguin e Van Gogh, senza dimenticare Cézanne, che chiude il percorso espositivo. Data d?inizio: 01 Dicembre 2006 L?esposizione si chiude: 04 Marzo 2007  

Il mondo di Hermen Anglada-Camarasa

Roberto Fenocchio  2006-12-06 

arte 

esposizioni 

Il CaixaForum accoglie, fino al 18 marzo 2007, l?esposizione più completa sull'opera di Hermen Anglada-Camarasa finora mai allestita e che va ben oltre l?antologia, visto che non soltanto offre opere di tutte le tappe della sua carriera artistica, ma illustra l?influenza del folklore e del decorativismo spagnolo. L?esposizione "El món d'Anglada-Camarasa", divisa in 5 sezioni, raccoglie 192 opere, un centinaio delle quali sono di Anglada Camarassa e le rimanenti appartengono a maestri suoi contemporanei. Hermen Anglada Camarasa (Barcelona, 1871 - Port de Pollença, 1959) fu, tra dei protagonisti dell?arte catalana moderna, uno dei più celebrati a livello internazionale all'inizio del Novecento. Nato a Barcellona nel 1871, visse in Catalogna solo durante i primi anni della sua attività e durante la Guerra Civile. Si trasferì, dopo un primo soggiorno a Parigi dove era già un artista noto, a Maiorca nel 1914. La personalità di Anglada Camarasa è vincolata a due paesaggi/ambienti caratteristici: la Parigi notturna della Belle Époque, che seppe plasmare con uno stile misterioso e acuto e i paesaggi dell?isola di Maiorca, dove si rifugiò fuggendo dalla Prima Guerra Mondiale. Anglada passò gli ultimi anni della sua vita lontano dal mondo artistico e dalle tendenze più avanzate dell?arte contemporanea. Nell?esposizione, oltre a quelle di Anglada Camarassa, si potranno ammirare le opere di artisti catalani e stranieri che segnarono i suoi inizi come pittore. Artisti quali Tomàs Moragas, Modest Urgell, René-Xavier Prinet. Opere di artisti coevi come Ivan Mestrovic o Ignacio Zuloaga. Sono presenti inoltre opere di artisti che furono influenzati da Anglada, in qualche periodo della loro produzione artistica, nomi come Pablo Picasso o Pancho Cossío e anche opere di suoi discepoli: Marie Blanchard, Amadeo de Sousa-Cardoso, Tito Cittadini. Da non perdere l?ultima sezione in cui sono raccolti vari oggetti e opere d?arte raccolte dall?Anglada collezionista. La mostra è completata da diversi accenti musicali intimamente legati alla vita e all?opera di Hermen Anglada Camarasa (Enric Granados, Isaac Albéniz, Claude Debussy, Igor Stravinski). 

Eugenio Bennato all?Auditori di Bcn.

RobFen  2006-12-02 

musica 

concerti 

Els Napolitans 2006. ?Sponda sud?. Concerto di Eugenio Bennato. Auditori di Barcellona Giovedì 30 novembre 2006. Il concerto di Eugenio Bennato all?Auditori di Barcellona è stato l?evento che maggior successo di pubblico ha ottenuto tra quelli offerti dalla rassegna Els Napolitans 2006. Il musicista partenopeo ha presentato ?Sponda sud? il suo ultimo lavoro ?che ha molto a che vedere con i miei viaggi, le mie touné in giro per il mondo?. Afferma Bennato nell?intervista:?Un confronto continuo e costante con le mie radici e le etnie e popoli lontani?cercando di ampliare l?orizzonte mediterraneo verso altre latitudini e in particolare verso l?intensa e misteriosa Africa. La sponda mitica che conserva l?origine di tutte le leggende e il segreto di un suono percussivo primitivo che viaggia attraverso deserti e mari, si diffonde e arriva fino a noi, alle nostre sponde. Da Napoli al Gargano, alla Calabria, quelle voci, quelle melodie e quei balli mi trasportano ad Algeri, a Orano e a Casablanca e oltre al Cairo, in Etiopia, in Monzambico. Ogni tappa è una scoperta e il riconoscimento di emozioni e di un progetto che segue una via alternativa alla logica devastante del business e dell?alienante globalizzazione.? Fortemente segnato dalla ricerca della melodia e della modernizzazione di suoni e ritmi tradizionali, fondendo espressioni musicali di varia provenienza, ?Sponda sud? spinge Eugenio Bennato e il progetto Taranta Power oltre i confini mediterranei. Il folto pubblico dell?Auditori, composto in gran parte da italiani residenti ma con una considerevole presenza barcellonese, e di media quali TV3, RNE Radio4 (il concerto verrà radio trasmesso) , BarcelonaTV e Radio Contrabanda 91.4 fm BCN, ha risposto al richiamo della Taranta, lasciandosi conquistare ancora una volta dal vortice del ritmo e della danza. Eugenio ha regalato ballate come ?Lucia e la luna?, creando una delicata atmosfera da fiaba, per spezzarla poco dopo con una dirompente tammurriata o una pizzica o una tarantella. Bennato ha proposto anche alcuni brani di ?Che il Mediterraneo sia?, ormai diventati manifesti del Taranta Power, quali ?Se tratta di Taranta? o ?Taranta Sound?. Coadiuvato da musicisti giovani e preparatissimi come Francesco Loccisano alla chitarra battente e Stefano Simonetta al basso, dal cantante marocchino Mohammed Ezzaime El Alaoui e dalla voce del Monzambico Zaina Chabane e di Laura Klain, ha fatto ballare buona parte del pubblico. Nella serata è purtroppo mancato il previsto incontro con la cantante baleare María del Mar Bonet, per un?attesa collaborazione che probabilmente si riproporrà in futuro. Dopo anni di ricerca, Eugenio Bennato appare deciso quindi a continuare la sua attività prediletta di compositore: melodie, armonie e versi; con la speranza di proporre musica legata alle radici culturali ma votata alla contemporaneità.  

Eugenio Bennato: biografia

Roberto Fenocchio  2006-12-02 

musica 

artisti 

Eugenio Bennato. Biografia. Nato a Napoli nel 1948, Egenio Bennato fonda la "Nuova Compagnia di Canto Popolare" nel 1969, cominciando così la ricerca della musica etnica in Italia. La "Nuova Compagnia di Canto Popolare" conquista il pubblico più giovane, e segna enormemente il lavoro di artisti che negli anni '60 hanno dato vita alla "Scuola Napoletana" (Pino Daniele, Edoardo Bennato, Toni Esposito, Alan Sorrenti, etc.). Con la NCCP Bennato registra sei lp, e dopo un memorabile esordio al Festival dei Due Mondi di Spoleto (1972) comincia una serie di fortunate tournée in Italia e all'estero (Francia, Gran Bretagna, Germania, Yugoslavia, Unione Sovietica, Argentina, etc.). Nel 1976 Eugenio Bennato fonda "Musicanova", un nuovo gruppo con il quale realizza numerose fortunate incisioni, e con il quale va in tour in Italia e all'estero. Nel frattempo sviluppa un'intensa atttività di compositore di colonne sonore per cinema, teatro, e balletto. Nel 1978 "L'eredità della Priora" (RAI) - nel 1980 "Il Voto", piéce teatrale di Di Giacomo - nel 1982 "Sotto le stelle", un balletto by L. Falco - nel 1983 "Domani si balla", un film di M. Nichetti, con M. Melato - nel 1984 "Don Chisciotte", piéce teatrale e film di M. Scaparro - nel 1988 "A sud di Mozart", per la compagnia l'Alterballetto - nel 1989 "Cavalli si nasce", film S. Staino - nel 1995 "Le mille e una notte", per il Progetto Europeao del Teatro di Roma - nel 1997 "La stanza dello scirocco", film di M. Sciarra, con G. Giannini: per quest'ultima realizzazione Eugenio Bennato ha vinto il "Nastro d'Argento 1999" per la miglior colonna sonora. causa della sua attenzione allo sviluppo culturale del Sud, ed alla sua perizia da etnomusicologo, oltre che alla sua creatività, Eugenio Bennato è ben presto diventato il referente principale per chi si occupa di musica etnica italiana. Nel 1998 Eugenio Bennato crea il movimento artistico "Taranta Power". Nel gennaio del 2000 DFV ha pubblicato due cd ("Taranta Power" e "Lezioni di Tarantella") interamente dedicati al progetto di Eugenio Bennato, che consiste nella riscoperta ed attribuzione di un nuovo significato al potere musicale della tarantella, che ne enfatizzi le sue qualità di strumento di liberazione individuale ed allo stesso tempo di aggregazione sociale. Il progetto presenta il lavoro di alcuni dei Maestri della tarantella ("Lezioni di Tarantella"), come Andrea Sacco con la sua magica chitarra battente, Antonio Piccininno e Antonio Maccarone, e le sue varianti regionali, pugliesi, campane e calabresi, insieme ad un originale contributo creativo di Eugenio Bennato accompagnato dal gruppo Musicanova ("Taranta Power"). La Tarànta, o Tarantella - danza rituale del Sud Italia - con il suo movimento travolgente, la sua purezza ritmica, con l'espressione delle donne moderne rapite dalla sua magia, con la sua forza emergente che fa sognare - ed in quanto grande danza mediterranea del futuro, al pari del flamenco e del fado - è il filo conduttore di un viaggio che attraversa il mito antico e contemporaneo della musica del Sud. Oggi la Tarànta ha catturato l'attenzione di una grande platea che legge in essa uno splendido modello di danza liberatoria, a metà fra le suggestioni mediterranee dei ritmi greci e degli echi musicali nord e medio orientali. Eugenio Bennato si è avvalso per la realizzazione di questo progetto della collaborazione di musicisti provenienti da Campania, Calabria, Puglia e Basilicata. Questo progetto sta progressivamente guadagnando alla Tarànta la sua affermazione definitiva di forza unitaria della tradizione, viva nel presente e proiettata nel futuro. Di notevole interesse è il successo ottenuto ad Tarànta Power in Italia e all'estero, dove l'energia e l'impatto della forza della musica hanno scatenato anche fra i più giovani - avvezzi alle avanguardie, al rap e all'hip hop - un desiderio di ballare, scatenarsi e muoversi, presi da stupore, entusiasmo e ammirazione. 

Eugenio Bennato discografia

Roberto Fenocchio  2006-12-02 

musica 

artisti 

Discografia Eugenio Bennato GAROFANO D?AMMORE PHILIPS 1977 MUSICANOVA PHILIPS 1978 MUSICANOVA QUANNO TURNAMMO A NASCERE PHILIPS 1979 MUSICANOVA BRIGANTE SE MORE PHILIPS 1980 MUSICANOVA FESTA FESTA FONIT CETRA 1981 EUGENIO BENNATO CDG 1982 DULCINEA (dal film Don Chisciotte)CINEVOX 1984 EUGHENES CINEVOX 1986 CAVALLI SI NASCE CINEVOX 1989 LE CITTÀ DI MARE CINEVOX 1989 NOVECENTO AUF WIERDERSEHN CINEVOX 1991 LA STANZA DELLO SCIROCCO 1997 MILLE E UNA NOTTE FA TRING 1997 TARANTA POWER TARANTA POWER 1999 CHE IL MEDITERRANEO SIA TARANTA POWER 2002 TOTÒ SAPORE (con Edoardo Bennato) TARANTA POWER 2003 DA LONTANO TARANTA POWER 2004 SPONDA SUD TARANTA POWER 2006  

Programma Els Napolitans 06 2º

De Todo Management Bcn  2006-11-23 

arte 

eventi 

Introducció ?Els napolitans?, una trobada d?emocions napolitanes que eixamplen el territori creatiu d?una ciutat d?espectacle. Prosa, música, cinema, art, gastronomia... L?espectacle que neix de Nàpols es troba un any més, i és el tercer consecutiu, amb el públic d?una ciutat encuriosida, que ha fet de la multiplicitat cultural una pràctica quotidiana. Presentem a Barcelona un petit ventall d??excel·lències? alimentades pels humors d?una ciutat que val la pena d?observar, i d?estimar, per la fantasia i la riquesa possible de propostes tan diferents que no s?esgoten en un contenidor parcial com aquest. I, malgrat tot, una vegada més tenim l?ambició d?oferir a tots aquells que segueixin el nostre festival un retrat apassionat de la ciutat de Nàpols, mitjançant fragments creatius parcials però apassionants, que confiem que despertaran la curiositat i les ganes dels espectadors d?esperar noves trobades, per tal d?aprofundir el coneixement del nostre territori, entre espectacles i concerts, projeccions i xerrades amb protagonistes de l?escenari i de la cultura que es fa a Nàpols. Giulio Baffi TEATRE Teatre napolità contemporani ?rellegit? per tal d?aprofundir les múltiples possibilitats de trobada entre els humors, la sintaxi i les sonoritats que al meu parer existeixen entre la llengua napolitana i la catalana. Pàgines de novel·les dels grans autors de la literatura més recent esdevenen una suggestió sonora confiada a dos actors, Enrico Ianniello i Lluís Soler, i a un director, Adrian Schvarzstein, capaços d?apassionar-se amb les possibles suggestions que aquesta llengua ofereix a la seva creativitat i capacitats interpretatives. Així, assistirem en una original seqüència a l?escriptura d?Enzo Moscato i la d?Annibale Ruccello, les pàgines d?Erri De Luca i les de Peppe Lanzetta, a fi de crear un trajecte dramatúrgic de gran originalitat. Luparella, o Foto de bordell amb Nanà, d?Enzo Moscato Nanà dins el bordell tancat, a soles amb una prostituta moribunda, la Luparella. Som a la Nàpols de 1943, als Quartieri Spagnoli. La degradació i la desesperació imperen als baixos fons d?una ciutat devastada pels nazis. Les cinc roses de la Jennifer, d?Annibale Ruccello Aparentement és un cas de misteri, però en realitat una visió del món soterrat i obscur dels travestits. En aquesta peça els valors i convencions socials queden capgirats i oportunament adaptats a l?estrany univers dels qui viuen una diversitat massa evident als ulls de la gent normal. Amb Lluís Soler i Enrico Ianniello Assessorament artístic: Xavier Albertí Direcció: Adrian Schvarzstein Traduccions a cura de Pau Vidal Dilluns, 27 i dimarts, 28 de novembre 2006, 21.30h. - Ateneu Barcelonès ? C LITERATURA Lectura de dos contes d?autors napolitans contemporanis. En el marc d?intercanvis entre Nàpols i Barcelona que compta amb el sport del Teatro Stabile Mercadante, iniciat amb les represencacions de La finta pazza a Barcelona el 2005 amb motiu de la segona edició d?Els Napoitans i que segueix amb la participació catalana al festival Scena Internazionale amb dos espectacles al teatre Mercadante de dos respectius creadors d?aquí: Carles Santos i Raimon. La primera nit, d?Erri de Luca Tornar a casa després de matar per primera vegada vol dir capbussar-se en el fred, intentar en va trobar entre uns braços estimats una escalfor que no ha de combatre solament contra el glaç del tret recent, encara fumejant, sinó contra un passat de generacions, de famílies explotades pel temps, d?aules amb peus glaçats, de corrents d?aire que la història no pot tapar. La casa de Mondragone, de Peppe Lanzetta Perifèria pobra d?una ciutat pobra. Una família ofegada per la calor marxa de vacances al costat de milers d?altres famílies pobres igual d?ofegades. Carreguen el cotxe de roba, tovalloles, estris de platja, menjar... Però la calor no és l?única cosa que asfixia: també hi ha els deutes. I els deutes, tard o d?hora, s?han de pagar. Amb Lluís Soler i Enrico Ianniello Assessorament artístic: Xavier Albertí Direcció: Adrian Schvarzstein Traduccions a càrrec de Pau Vidal Dimecres, 29 novembre 2006, 18:00 h. Ateneu Barcelonès - Canuda, 6 Amb Enrico Ianniello i Lluís Soler TAULA RODONA TEATRE NAPOLITÀ / TEATRE CATALÀ, per un encontre possible Amb la participació de Lluís Soler, Enrico Ianniello i Giulio Baffi Dimarts 28, 18.30h. FNAC El Triangle L?objectiu d?aquesta taula rodona és fer una pinzellada a una part del teatre napolità poc coneguda. Espectacles lligats a la tradició però fortament projectats envers la poètica dels nostres dies, invencions que han seguit la tradició i que el temps no ha esborrat de la memòria d?un poble. Titelles i ombres xineses que multipliquen la fantasia de l?espectador. Una trobada de dramatúrgies originals pels temes i el llenguatge per tald e conèixer, i fins i tot podem dir per descobrir com a mínim una petita part d?una sèrie d?autors dels més interessants del teatre napolità contemporani i de la seva escriptura, que desperten la curiositat i posen a prova els actors. Fragments de ràdio per escoltar algunes de les comèdies de la nova dramatúrgia napolitana: Persone naturali e strafottenti, de Giuseppe Patroni Griffi, L?aberrazione delle stelle fisse, de Manio Santanelli, Le cinque rose di Jennifer, d?Annibale Rucello, Voci ed altri invisibili, d?Enzo Moscato, realitzades en un suggestiu experiment de radiofonia teatral de la mà de Luca De Fusco, Antonio Captano, Enzo Moscato i Mario Martone. NOTA. Durant el mes de desembre tindrà lloc a l?Istituto Cervantes de Nàpols una sessió de lectura d?autor catalans amb Lluís Soler i Enrico Ianniello. Info a www.detodoweb.com DOCUMENTALS Nàpols vista a través de l?objectiu de directors locals i foranis que retraten esplendor i misèria de la ciutat de les mil cares. Souls Of Naples, (Ned 2005 - 94 min.) dE Vincent Monnikendam Un fresc sobre les meravelles ocultes de la ciutat partenopea. El director ha dit: ?Volia ensenyar l?ànima de Nàpols, però he descobert que no en té una de sola sinó moltes de ben diferents. Ningú podria dir quantes, igual que ningú pot descriure Nàpols?. Dilluns, 27 novembre 2006, 19 h - Ateneu Barcelonès Canuda, 6 Felice!, de Matteo Antonelli i Rosaria Désirée Klain El film, fruit d?una feina començada l?any 2004, ?pretén recordar l?esforç d?un heroi no només de perifèria ?explica Klain- sinó un autèntic filòsof dels nostres dies, que rebutjava la supertecnologia d?ordinador en favor del redescobriment de l?artesania?. Pignataro, pintor de grafits, va dur a terme efectivament una acció pedagògica tenaç i incessant amb la seva escola popular del 1967 al 1978, primer a les barraques del campament Arar de Poggioreale i després a la barriada Ises de Secondigliano, suburbis napolitans. Napoli! Napoli! Napoli! (Ita) de Carlo Lizzani i Francesca Pirani Produït per Giacomo Pezzali per International Multimedia Production Un documental sobre Nàpols i la seva província, rics de ferments vitals tant avui com en un passat que han donat vida, en més de dos mil·lennis, a una realitat extraordinàriament important per la cultura i la vida de la Mediterrània, de la qual Nàpols n?és una de les capitals des de sempre. En aquesta nova obra cinematografica, Carlo Lizzani s?enfrenta a la difícil tasca de representar no només Nàpols, sinó també la seva veella província, i ho resol de manera brillant mitjançant olors i sabors d?una realitat que malgrat estar fortament estratificada al llarg dels segles sempre segueix activa i vital i a produir elements de cultura que aconsegueixen ser al mateix temps locals i universals. Dimarts, 28 novembre 2006, ore 19:00 - Ateneu Barcelonès, Canuda, 6 Dreaming by numbers, (Ita-Holanda 2005) di Anna Bucchetti Els números són una cosa estèril, abstracta i repetitiva. Però resulta que hi ha llocs, com ara Nàpols, on es revesteixen d?una identitat ben concreta associada a la cultura del poble i a una tradició molt antiga. La relació entre la ciutat i els números vista amb els ulls de la directora milanesa Anna Bucchetti, que des de 1992 resideix a Holanda. Dijous, 30 de novembre, 19h - Ateneu Barcelonès, Canuda, 6 TEATRE D?ANIMACIÓ Don Chisciotte della Mancia, Les aventures d?un hidalgo dins una barberia amb actors, titelles i ombres. Don Chisciotte della Mancia Amb: Stefano Moffa, Andrea De Rosa, Gabriele Saurio, Giuliana Ianniello Text i direcció: Aldo de Martino Escenes: Violetta Ercolano Compagnia degli sbuffi - centre teatre de figura Malgrat que sovint es considera que els ?pupi? (titelles) són patrimoni exclusiu de la cultura siciliana, volem portar a la llum la importància de Nàpols en la història d?aquestes marionetes tan conegudes arreu del món. Dins l?àmbit de les exposicions itinerants comissionades per la Provincia di Napoli. L?espectacle té lloc a la barberia de don Alfonso, on es materialitzen els somnis i les increïbles gestes del barber, un quixot modern. 2 desembre 2006, 12h - Ateneu Barcelonès - C/ Canuda, 6 CINEMA ?Lo sguardo inquieto?, Nàpols vista per Mario Martone ?La mirada inquieta? és la de Mario Martone, un dels directors napolitans actuals més prestigiosos que al llarg de trenta anys d?activitat ha sabut donar al teatre, el cinema i la televisió espectacles d?interès extraordinari. Presentarem una selecció de les seves pel·lícules i els seus curtmetratges centrats en la ciutat de Nàpols, vista com a originalíssima font d?inspiració cultural i escenogràfica i com a oferta de trobades inhabituals i aprofundides amb els protagonistes de l?art figuratiu. Un encontre-xerrada amb el prestigiós director ens proporcionarà l?ocasió d?aprofundir els temes i tècniques de la seva feina. · Nella Napoli di Luca Giordano (documental, 2001 ? 18 min.) Idea i direcció: Mario Martone Fotografia: Cesare Accetta Veus en off: Sandro Lombardi Produit per Angelo Curti i Nicola Giuliano amb el sport de la Regione Campania · Caravaggio, l'ultimo tempo (documental, 2004 ? 40 min.) Idea i direcció: Mario Martone Textos: Anna Maria Ortese reelaborats per Enzo Moscato a L?opera segreta A cura di Claudia Di Giacomo e Roberta Scaglione Amb Alessandro Abate Veu: Danio Manfredini · Nella città barocca (documental, 1984 ? 18 min.) Idea i direcció: Mario Martone Basat en obres del 1700 napolità Fotografia: Maurizio La Monica Dilluns, 27 de novembre, 16.30h. FNAC Triangle · Teatro di guerra (Film de teatro, 1998 ? 104 min.) Idea i direcció: Mario Martone Posada en escena: Mario Martone Amb: Andrea Renzi, Anna Bonaiuto, Iaia Forte, Roberto De Francesco, Marco Baliani, Toni Servillo, Maurizio bizzi, Salvatore cantalupo, Antonello cossia, Francesca Cutolo, Giovanna giuliani, Vincenzo Saggese, Lucia Vitrone, Sergio Tramonti, Adriano Casale, Lidia Koslovich, Lello Serao, con la partecipazione di Peppe Lanzetta, Renato Carpentieri, Lucio Allocca, Alba clemente, Gino Curcione, Lucia Ragni Dimarts, 28 de novembre, 16.30h. FNAC Triangle · Rasoi (Film di teatro, 1993 ? 58 min.) regia Mario Martone dallo spettacolo omonimo di Mario Martone e Toni Servillo su testi di Enzo Moscato con Enzo Moscato, Marco Manchisi, Tonino Taiuti, Vincenza Modica, Iaia Forte, Licia Maglietta, Gino Curcione, Isacco Esposito, Toni Servillo Dimecres, 29 de novembre, 16.30h. FNAC Triangle · Morte di un matematico napoletano (film, 1992 ? 108 min.) regia Mario Martone soggetto e sceneggiatura Mario Martone e Fabrizia Ramondino con Carlo Cecchi, Anna bonaiuto, Renato Carpentieri, Antonio Neiwiller, Toni Servillo, licia Maglietta, Fulvia Carotenuto, Roberto De Francesco, Andrea renzi, lucio amelio, alessandra D'Elia. Fnac Triangle, 30 novembre, ore 16:30 · L?amore molesto, (film, 1995- 104 min.) regia Mario Martone Basat en la novel·la homònima d?Elena Ferrante Posada en escena: Mario Martone Amb: Anna Bonaiuto, Angela Luce, Carmela Pecoraro, Licia Maglietta, Gianni Cajafa, Anna Calato, Giovanni Viglietti, Peppe Lanzetta, Italo Celoro, Francesco Paolantoni, Enzo De Caro, Tailer Martini, Carlo Carotenuto, Lina Polito, Marita D'Elia, Sabina Cangiano. Divendres,1 de desembre, 16.30h FNAC Triangle TAULA RODONA amb el cineasta Mario Martone Divendres, 1 desembre, 18.30h FNAC Triangle MÚSICA Eugenio Bennato, Sponda Sud El cantautor Eugenio Bennato torna a Barcelona per presentar el seu últim treball discogràfic titulat Sponda Sud, enterament dedicat a la recerca de les arrels africanes de la música popular. Gran intèrpret i musicòleg, és el màxim responsable de la redescoberta de la música popular de la Itàlia del Sud. Aquest concert marca el començament de la col·laboració artística entre Eugenio Bennato i Maria del Mar Bonet, gran intèrpret mallorquina i veu històrica de la música popular mediterrània. ?Fa dècades que busco en el terreny de la música popular informacions (testimonis, missatges, novetats) i emocions, i tanmateix l?actividad on em trobo més a gust és la creació de melodies, harmonies i versos; és a dir, l?activitat de compositor, sempre amb l?esperança d?inventar alguna cosa amb valor propi i un sentit contemporani?. E. Bennato Eugenio Bennato ? veu i guitarra Zaina Chabane ? veu i dansa Stefano Simonetta ? baix Francesco Loccisano? chitarra batent Mohammed Ezzaime El Alaoui ? veu, darabouka i ud Laura Klain ? veu i tamborins Dijous, 30 de novembre, 22h. - L?Auditori, Sala 3  

Els Napolitans 2006.

Roberto Fenocchio  2006-11-18 

spettacoli 

cine 

Ritorna l?appuntamento con la rassegna sulla cultura napoletana a Barcellona, ?Els Napolitans?. Teatro, marionette, cimema, documentari, musica, gastronomia, esposizioni e conferenze sono le proposte della terza edizione della manifestazione che si apre lunedì 22 novembre e si conclude sabato 2 dicembre. Teatro. Lluís Soler e Enrico Ianniello presentano presso l?Ateneu Barcelonès un recital in italiano, napoletano e catalano di frammenti di Giuseppe Patroni Griffi, Manlio Santarelli, Enzo Moscato e Annibale Ruccello, scelti da Erri De Luca e Peppe Lanzetta. Marionette. Spettacolo di guarattelle di e con Bruno Leone. Musica. ?Sponda sud?, concerto di Eugenio Bennato. Ritorno a Barcellona di un artista e musicologo napoletano tra i più noti in Italia che presenta il suo nuovo disco in cui continua la ricerca delle radici comuni della musica popolare. Cinema. ?Lo sguardo inquieto?, la Napoli vista da Mario Martone. Proiezione di film e documentari tra i quali ?Morte di un matematico napoletano?, ?L?amore molesto? e ?Teatro di guerra?, oltre a ?Souls of Naples?, Napoli attraverso lo sguardo di registi italiani e stranieri. Gastronomia. ?Assaggia Napoli? e ?I percorsi del gusto?, degustazioni popolari gratuite di prodotti della cucina napoletana nei mercati più emblematici di Barcellona. Arte. Esposizione sui Pupi napoletani. Conferenze. ?Teatro catalano e teatro napoletano, per un incontro possibile?. Situazioni e prospettive, esperienze a confronto.  

Programma Els Napolitans 2006.

R.F. De Todo Management  2006-11-18 

spettacoli 

cine 

Programma Els Napolitans 2006. Dal 27 novembre al 2 dicembre 2006 Lunedì 27 16:30 FNAC Triangle, cinema, Mario Martone: "Lo Sguardo Inquieto" e "Documentari d'Arte" Lunedì 27 19:00 Ateneu Barcelonès, documentario "Souls of Naples" di Vincent Monnikendam Lunedì 27 21:30 Ateneu Barcelonès, teatro, Soler e Ianniello in "Cinque Rose per Jennifer" e "Luparella" Martedì 28 16:30 FNAC Triangle, cinema, Mario Martone: "Lo Sguardo Inquieto" e "Teatro di Guerra" Martedì 28 18:30 FNAC Triangle, conferenza:"Teatro Napoletano e Teatro Catalano, per un Incontro Possibile" Martedì 28 19:30 Ateneu Barcelonès, documentari:"Felice" e "Napoli! Napoli! Napoli!" Martedì 28 21:30 Ateneu Barcelonès, teatro, Soler e Ianniello in "Cinque Rose per Jennifer" e "Luparella" Mercoledì 29 16:30 FNAC Triangle, cinema, Mario Martone:"Lo Sguardo Inquieto" e "Rasoi" Mercoledì 29 18:00 Ateneu Barcelonès, teatro, Solar e Ianniello in "La Prima Notte" e "La Casa di Mondragone" Giovedì 30 16:30 FNAC Triangle, cinema, Mario Martone:"Lo Sguardo Inquieto" e "Morte di un Matematico Napoletano" Giovedì 30 22:00 Auditori, musica: concerto di Eugenio Bennato "Sponda Sud" Venerdì 1º 16:30 FNAC Triangle, cinema, Mario Martone: "Lo Sguardo Inquieto" e "L'Amore Molesto" Venerdì 1º 18:30 FNAC Triangle, cinema, Mario Martone, "Lo Sguardo Inquieto", incontro con Mario Martone Sabato 2 12:00 Ateneu Bacelonès, teatro, la Compagnia degli Sbuffi in "Don Chisciotte de la Mancia".  

Humberto Rivas, il fotografo del silenzio

Rob.Fen C. Cultura Bcn  2006-11-13 

arte 

esposizioni 

È il fotografo del silenzio, com?egli stesso si definisce, ?Mi riesce meglio fare una foto che parlare in pubblico? confessa Humberto Rivas, al quale il Museu Nacional d'Art de Catalunya dedica l?esposizione Humberto Rivas ?El fotògraf del silenci?. Dal 14 novembre 2006 al 18 febbraio 2007. L?arista argentino ha iniziato la sua attività aristica a Buenos Aires come pittore e dal 1968, ?In un solo giorno, in un solo pomeriggio, nel mio studio, distrussi tutti i miei quadri?, decide di dedicarsi alla fotografia. Nel 1976 si trasferisce con la moglie a Barcellona e trova una città vivace in cui, nonostante gli ultimi singulti del franchismo, il mondo della fotografia si sta trasformando rapidamente. ?Da quel momento ci siamo sentiti barcellonesi?, afferma. Ed è di questa produzione che l?esposizione si occupa. Secondo Humberto Rivas ogni fotografia, in special modo i ritratti, è una ?guerra?. ?Nel ritratto vi è una lotta tra il fotografo, che vuole realizzare una sua opera e il soggetto, che vuole essere ritratto senza difetti?, spiega Rivas. ?Guerra? che deve vincere il fotografo, riuscendo a plasmare la personalità intima del soggetto. Le fotografie sono all?apparenza semplici e distillano un certo classicismo, ma sono fortemente espressive, con un punto oscuro. Tra le influenze artistiche che Rivas riconosce citiamo August Sander, in special modo per i ritratti della serie ?People of the Twentieth Century? e la poesia e i testi di Fernando Pessoa. Il passare del tempo è il grande tema dell?opera di Rivas, ne sono un esempio le fotografie dei fiori. L?ultima sala dell?esposizione raccoglie parte di un lavoro sulla Guerra Civile spagnola, istantanee di forte espressività delle persone e dei paesaggi. 

Ummah, l?Islam fotografato da Lluís Monreal

RobFen. CCultura Bcn  2006-11-13 

arte 

esposizioni 

?Ummah? è la nuova esposizione allestita presso la Casa Ametller, con le fotografie di Lluís Monreal, archeologo, è frutto di un rigoroso lavoro fotografico che narra vissuti, atteggiamenti e abitudini dei mussulmani negli spazi comuni. Allestita presso la Casa Ametller di Passeig de Gràcia, l?esposizione rimarrà aperta fino al 21 gennaio 2007. ?Ummah, imatges d'un Islam plural? raccoglie fotografie scattate Lluís Monreal negli ultimi 5 anni in vari paesi islamici. Idea centrale della mostra è appunto l?Ummah, la comunità mussulmana in senso ampio e della quale tutti i mussulmani si sentono parte, malgrado le diverse interpretazioni dottrinali del Corano. Il progetto ?Ummah, imatges d'un Islam plural? è un saggio fotografico, una testimonianza della normalità della vita nel mondo islamico. La storia della mostra è cominciata nel 2001 quando Monreal, archeologo e storico e fotografo per vocazione, si è trasferito a Kabul, in qualità di direttore dell'Aga Khan Trust for Culture (fondazione che si occupa della ricostruzione delle città storiche nei paesi islamici) per aiutare a ricostruire la città dopo l?attacco dell?Alleanza del Nord. Alcune foto scattate arrivano casualmente in mano dell?amico Jean-Marc Bonnard-Yersin, del Musée Suisse de l'Appareil Photographique, che propone a Monreal di trovare un filo tematico alla sua attività fotografica. Ne è venuto fuori il mosaico culturale, etnico e linguistico sconosciuto che possiamo ammirare. L?esposizione, che comprende anche laboratori infantili e conferenze, si divide in 5 sezioni dedicate a varie geografie e comuni riferimenti e include 60 immagini selezionate dai curatori Pascale e Jean-Marc Bonnard-Yersin. Per 5 anni Lluís Monreal ha viaggiato tra il Sahel e l'India con la sua macchina fotografica Leica per captare immagini di genti e luoghi spesso inaccessibili per un occidentale. Le fotografie infatti colgono la realtà di un Islam culturalmente ed etnicamente estremamente vario, tollerante e pacifico, molto diverso da quello descritto quotidianamente dalla convulsa attualità politica.  

Ciudadela

Penélope Maldonado y Daniele Gilardi  2006-11-07 

posti belli 

parchi 

Parque de la Ciudadela. Articolo interactivo. 

Vinicio Capossela: il mito e la grazia.

Roberto Fenocchio  2006-11-05 

musica 

concerti 

È cominciato con la canzone ?Brucia Troia?, dell?ultimo cd ?Ovunque proteggi?, il concerto di Vinicio Capossela a Barcellona. La Sala Bikini era strapiena, moltissimi italiani residenti e parecchi barcellonesi hanno accolto calorosamente il protagonista di questa attesa serata. Con la maschera cornuta del Toro, creatura dell?immaginario mediterraneo, Vinicio danza sul palco e ci regala sensazioni ataviche, rispolverando con cenni mitologici confusi la nostra memoria, perfettamente spalleggiato da una band oliatissima dal tour italiano, di cui segnaliamo il giovane ma abilissimo Alessandro ?Asso? Stefana alla chitarra e la sezione fiati composta da Eusebio Martinelli alla tromba e Gavino Murgia al sax, nonché Vincenzo Vasi ai campionamenti. Nella prima ora di concerto, Vinicio ha proposto buona parte dell?ultimo album, inframmezzando alcune perle di ?Canzoni a manovella? come ?Marajà?, ?Signora luna? e l?omonimo pezzo. Con la cover di ?Si è spento il sole? vecchio hit di A. Celentano, è iniziata la seconda parte in cui Vinicio ha condiviso il palco con Tonino Carotone, ospite d?eccezione. Da Celentano all?altrettanto mitico Adamo: Tonino attacca ?La notte?, una versione meravigliosa che lascia di stucco ?los veteranos? che ricordano l?originale, l?assolo di Stefana alla chitarra sferza la memoria. Seguono due rancheras dal tono assai festaiolo e tra il messicano e il pamplonica, in cui Tonino e Vinicio cantano una strofa in italiano e l?altra in castigliano, difficile rimanere fermi in sala. Deliziosa poi l?idea di presentare un medley in cui si fondono ?Che cos?è l?amor? di Vinicio e la celeberrima ?Me cago en el amor? di Tonino in un assioma che può essere valido per ogni epoca ed età. Non c?è tregua, si passa al mambo per atterrare ai boleros, dolcissimi, anche questi cantati in italiano e castigliano. Il pubblico in delirio. Tre bis. Tra i quali una straordinaria esecuzione de ?Il ballo di San Vito?intensissima, soggiogante e per ultima, ?Ovunque proteggi? che dà il titolo all?ultimo lavoro, con Vinicio al piano, un affettuoso saluto ad un pubblico affascinato. Ricordiamo i musicisti che hanno accompagnato Capossela alla Sala Bikini di Barcellona: Zeno De Rossi batteria e tamburi Michele Vignali fiati Glauco Zuppiroli cotrabbasso Eusebio Martinelli tromba, trombone Gavino Murgia sax, launeddas, voce Alessandro ?Asso? Stefana chitarra Vincenzo Vasi percussioni, campionamenti Il breve tour spagnolo di Vinicio si è completato con il concerto del 3 novembre al Festival Ahora di Palencia presso la Sala Caravel.  

BAC! 06 Dossier

a cura di Roberto Fenocchio  2006-10-29 

arte 

esposizioni 

El BAC!, séptima edición, volverá en la ciudad de Barcelona en noviembre de 2006.Los temas que tratará este año serán los relacionados con LAS IDENTIDADES. Identidades colectivas, individuales, políticas, culturales, sexuales, ficticias y la relación que establecen con sus paisajes, escenografías, territorios... Una propuesta que no es más que el inicio, un punto de partida que incite a la reflexión y representación en las últimas creaciones contemporáneas de una red imaginaria, o imaginada, pero de gran fuerza fáctica, que envuelve nuestros cuerpos y los espacios que habitamos. Como en otros años anteriores, la exposición principal se inaugurará en el CCCB (Centre de Cultura Contemporània de Barcelona), el día miércoles 22 de noviembre a las 20 hrs. A la exposición en el CCCB, que permanecerá abierta durante un mes, la acompañarán otras muestras y eventos en espacios colaboradores en toda la ciudad, esto es nuestro BAC!_REDES que en esta edición se ha ampliado, invitando no sólo espacios y galerías de Barcelona, sino que también del resto de España y del extranjero. Este año, contaremos con la participación de importantes nombres a nivel internacional:Tracey Emin, Anna Gaskell, Larry Sultan, Nazif Topçuoglu, Mary Sue, Tanyth Berkeley. El listado de todos los artistas y espacios participantes lo podréis consultar más abajo. Como cada año, el videoarte tiene un espacio especial reservado en el BAC!. En esta edición,la sesión de videoarte comisariada por un invitado estará a cargo de Anna Printezi*, quien ha preparado una interesante selección de videocreadores griegos, bajo el título "Antropocentrismos". Por otra parte, la sesión de videoarte, resultado de la convocatoria oficial del festival, seleccionó a 31 creadores. Del 22 de noviembre al 17 de diciembre el BAC! 06 reunirá el trabajo de casi 100 artistas de todo el mundo, cada uno de ellos propondrá su particular mirada sobre la temática que este año agrupa todas las obras en exhibición: las identidades y sus topografías. Pintura, escultura, fotografía, videoarte, ilustración, net.art, grafitti e instalaciones se podrán visitar durante el transcurso del festival. LA IMAGEN OFICIAL DEL BAC! 06 REALIZADA POR FLORIA SIGISMONDI La imagen oficial del festival en esta nueva edición es de la reconocida y versátil artista Floria Sigismondi, fotógrafa, escultora y creadora de videoclips como ?The end of the World? (The Cure),?Little wonder? (David Bowie), ?Obstacle 1? (Interpol), ?Untitled? (Sigur Ros), ?Tourniquet? (Marilyn Manson) y ?In my secret life? (Leonard Cohen). Hija de cantantes de opera italianos, nació en Pescara (Italia) pero reside desde temprana edad en Ontario (Canadá). Creadora de un personal estilo llamado hiper-surrealismo, Floria focaliza su atención en un mundo que habita sobre la fina línea que separa la vigilia del sueño, un lugar donde puede dar rienda suelta a su obsesión por el cuerpo y las representaciones de una anatomía que vive a marchas aceleradas el desarrollo de la biotecnología. Una artista intensa e imaginativa que construye mundos espectrales sobre las cenizas de la destrucción, ambientes donde la ironía se mezcla con la incertidumbre y el misterio. Un análisis algo hiriente de la sociedad y de las relaciones que establecemos entre los que de ella formamos parte, representada en un pequeño universo que a pesar de hablar con lenguaje propio es comprensible por todos nosotros.Por todas estas razones, Sigismondi se ha convertido en la portadora oficial del mensaje que esteaño encierra la temática del BAC! 06: las identidades y sus entornos. La imagen oficial del festival proviene de una fotografía disparada durante la filmación del videoclip de la canción ?In my secret life? de Leonard Cohen (2001). Del libro Inmune, © Die Gestalten Verlag 2006. EXPOSICIÓN EN EL CENTRE DE CULTURA CONTEMPORÀNIA DE BARCELONA_CCCB Bárbara Allain Jaume Aymerich Gili Azran Ula B. Tanyth Berkeley* Raúl Berrueco Jacques Bosser* Tv Boy Olga Carretero Mauro Corda* Moira Cummins Paola De Grenet Tracey Emin* Magdalena Esteve Franco de Toledo* Yolanda Del Amo Anna Gaskell* Diego Gil Mapi Gil Crystal Hartmann Silvia Iturria Lisa Johansson Salvador Luna Nina Mangalanayagam Quim Massana Caroline May* Raquel Meyers José Morraja Xavi Muñoz María Luisa Murillo Hugo Orlandini Xavi Padrós Vanessa Pastor* Paco Peregrín Cecilia Postiglioni Gerard Rancinan* Núria Rius Jorge Rodríguez Gerada Roberto Ruiz y Toni Ponti Mariana Sarraute Sislay Mary Sue* Ursula Vallejo Eva Vázquez Abraham Peter Voigt Cang Xin* He Yunchang* Yuki Shimura Larry Sultan* Nazif Topçuoglu* Zeng Yicheng* UNITED BAC! 06 El Festival BAC! este año ha puesto su dedo sobre una temática que cada día cobra nuevos significados; las identidades. Un mundo hiper globalizado y neoliberal ha fagocitado la proliferación de identidades que dentro de sus propios y particulares contextos buscan visibilidad dentro de un sistema mundial que se empeña en anularlas, a la vez que intenta dotarlas de un sentido negativo.Por su parte, el ser humano genera nuevas comunidades dentro y fuera del sistema, pero también aprovecha los intersticios que el mismo va dejando abierto. Las comunidades ya no sólo se forman y se desarrollan en un espacio físico determinado, hoy en día el espacio virtual producto del desarrollo tecnológico, es utilizado para crear redes de comunidades capaces de crecer hasta lo inimaginable. Es así como, el territorio y sus fronteras ya no son un límite. Es en este escenario en el que BAC! de esta nueva edición ha trabajado su propuesta conceptual y gráfica y que a continuación queremos presentar. United BAC! 06 es el título que engloba nuestra última edición y hace referencia a la creación de una nueva y particular comunidad. United BAC! 06 es un territorio sin límites físicos, simbólicamente formado por cada uno de los espacios y galerías que integran nuestro BAC! Redes. Ubicaciones aleatorias, unidas por la colaboración y el interés -ni comercial ni político-, por el arte. Esta comunidad no tiene una, sino varias banderas que no tienen otro objetivo que ser portadoras de una simbología creativa más que nominativa. Decenas de identidades bajo banderas sin nombre conocido. La población que pertenece a esta comunidad proviene de diversos territorios, hablan distintas lenguas y cada uno tiene sus propias costumbres. Esta comunidad es solo posible en la diferencia. United BAC! es una comunidad efímera que durante un mes permanecerá en constante movimiento con el objetivo de dar cuenta de la relevancia positiva que se genera al existir la diferencia, la diversidad de las identidades en United BAC! sólo puede ser motivo de enhorabuena!  

BAC! 06

Roberto Fenocchio  2006-10-26 

arte 

esposizioni 

La settima edizione del Festival Internazionale d'Arte Contemporanea (BAC!)si terrà a Barcellona dal 22 Novembre al 20 Dicembre 2006. I temi trattati dall'edizione di quest'anno saranno "le identità". Le identità collettive, individuali, politiche, culturali, sessuali, fittizie e le relazioni che stabiliscono con paesaggi, scenografie, territori...Questa proposta non è che l'inizio, un punto di partenza che incita alla riflessione e alla rappresentazione nelle ultime creazioni contemporanee di una rete immaginaria o immaginata che avvolge i nostri corpi e gli spazi che abitiamo. Come nelle precedenti edizioni l'esposizione principale verrà inaugurata presso il CCCB (Centre de Cultura Contemporània de Barcelona), mercoledì 22 novembre alle ore 20:00.Il BAC! 06 rimarrà aperto al CCCB per un mese, fino al 20 dicembre, altri eventi e mostre che accompagnano la rassegna, si potranno visitare in spazi collaboratori in vari punti della città. Il cartello dell'edizione 2006 è opera della fotografa, scultrice e autrice di video clip italo-americana Floria Sigismondi. Anche quest'anno saranno presenti all'esposizione artisti di fama internazionale come Tracey Emin, Anna Gaskell, Larry Sultan, Nazif Topçuoglu, Mary Sue, Tanyth Berkeley. Questo è l'elenco completo degli artisti presenti all'edizione 2006 del BAC!: Bárbara Allain, Jaume Aymerich, Gili Azran, Ula B., Tanyth Berkeley, Raúl Berrueco,Jacques Bosser, Tv Boy, Olga Carretero, Mauro Corda, Moira Cummins Paola De Grenet, Tracey Emin, Magdalena Esteve, Franco de Toledo Yolanda Del Amo, Anna Gaskell, Diego Gil, Mapi Gil, Crystal Hartmann Silvia Iturria, Lisa Johansson, Salvador Luna, Nina Mangalanayagam, Quim Massana Caroline May,Raquel Meyers,José Morraja,Xavi Muñoz,María Luisa Murillo Hugo Orlandini,Xavi Padrós,Vanessa Pastor,Paco Peregrín,Cecilia Postiglioni Gerard Rancinan,Núria Rius,Jorge Rodríguez Gerada,Roberto Ruiz E Toni Ponti Mariana Sarraute,Sislay,Mary Sue,Ursula Vallejo,Eva Vázquez Abraham,Peter Voigt Cang Xin,He Yunchang,Yuki Shimura,Larry Sultan,Nazif Topçuoglu,Zeng Yicheng.  

UAB: ?A taste of catalan culture?

Laura Venturato  2006-10-25 

cultura 

costumi 

19/10/06: ?A taste of catalan culture?. Ne è passato di tempo da quando sono arrivata a Bellaterra....e penso che gli annunci più frequensti che mi sono capitati davanti agli occhi (nelle bacheche delle facoltà, in qualsiasi parete di qualunque edificio, ovunque) intitolavano cosí: ?Fiesta Erasmus? in moltissimi locali barcelonesi e con i temi più svariati. Certamente non si può dire che a Barcellona si sia trascurato il tema dell?accoglienza degli studenti stranieri; senza dubbio uno studente erasmus che si voglia divertire lo può fare, e lo può fare ogni giorno.Ma la festa che finora mi ha colpito di più è quella del 19 ottobre appunto. Lo slogan di questa festa, che a mio parere si differenzia di gran lunga dalle altre, recita: ?Per coneixer Catalunya?; con uleriore sottotitolo: ?A taste of catalan culture?. L?obiettivo di questa festa è dare un assaggio agli studenti stranieri approdati in tutte le universitá catalane della cultura catalana, appunto. Quest?anno si svoge la quarta edizione e proprio nel campus della UAB, dove io si dà il caso che mi trovi. Potevo perdermela?! La locandina porta come immagine esemplificativa un piatto dove al posto di dischi il Dj pone un Tortell (il cui nome nello specifico è ?roscón de reyes?), tipico dolce catalano, a detta dei catalani, ma che in realtà è presente in gran parte della Spagna, come mi spiegava una ragazza gallega. È usanza mangiarlo in famiglia il giorno della befana; ma attenzione, nel dolce si nascondono due sorprese: si può trovare la statuina di un remagio e quel fortunato commensale sarà il re della tavola oppure una lenticchia e al poverino spetterà di pagare la torta....questa è la simpatica tradizione, se ho ben capito dalla mia professoressa di catalano che ovviamente da buona catalana e orgogliosa di essere tale mi parlva in questo idioma ancora per me precaria comprensione. Quindi finalmente ho modo di inoltrarmi un pò di più in quella cultura che avevo giá incontrato o, a seconda dei casi, con cui mi ero giá scontrata. E questo mi affascina non poco, mi sento pronta per la festa: vamos! La festa dura tutto il giorno e si svolge nella Placa Civica del campus, è aperta alle 12.00 da un opera teatrale ?My Barcellona?, quindi alle 14.00 è previsto un rinfresco di piatti tipici catalani, poi per tutto il pomerggio seguiranno a ruota, concerti (si esibiranno gli Àtic), danze tipiche, nonché la spettacolare gara di castelli umani, e ancora spettacoli folcloristici, per finire con due concerti rispettivamente dei Revolta 21 e degli Deskarats. Il tutto (o quantomeno la programazione ufficiale) avrà termine intorno alle 9. Ovviamente tutto ciò è offerto gratutamente alla comunità universitaria. Ancora prima di prendere parte ai festeggiamenti mi ha colpito la presentazione della festa nella locandina quando recita: ?Noi catalani siamo e ci sentiamo, sin da sempre, parte d?Europa e del mondo. Siamo un popolo aperto e accogliamo con vivo piacere persone che provengono da altre culture. Come tutti i paesi del mondo, però, ci piace preservare la nostra identità ed usare la nostra lingua, il catalano, che è il nostro veicolo di comunicazione e di interpretazione della realtà?. Questa frase, a mio avviso è carica di significato e può dar luogo a molteplici interpretazioni anche opposte e del resto complessa e multisfaccettata è la ?questione?(mi permetto di usare questa parola con un accezione del tutto neutra) catalana. Non è mio intento assolutamente dare giudizi, non ne avrei nemmeno la competenza. Mi pare singolare che una persona come me che è venuta in erasmus in Cataluña per i piú disparati motivi ma certamente non l?interesse per questa specifica questione l?abbia percepita fin quasi da subito e se ne sia in qualche modo appassionata. Dunque, i primi giorni a Barcellona in un approccio iniziale e superficiale vedevo una città di cui si poteva dire tutto fuorchè con una propria identità marcata; questo perchè ovunque ti giri vedi gente di tutti i tipi e la prima impressione è sicuramente di multietnicismo. Ma vivendo il quotidiano, allontanandomi dalla zona turistica, ho cominciato a percepire una forte identitá culturale, anche tra i giovani. Ho caminciato a provare piú sensazioni, a sentire diverse voci, opposte opinioni. É capitato che mi sono sentita esclusa da una cerchia di persone senza, un apparente motivo, ho ascoltato persone che osannavano fanaticamente la cultura catalana quasi ponendosi su un livello superiore al mio, ho discusso con persone che mi spiegavano la loro voglia di indipendenza per nobili ragioni, e dall?altra parte altre persone ugualmente catalane che si contrapponevano agli stessi compaesani dichiarando che queste nobili ragioni erano solo lo scudo a venali interessi economici. Ho avuto modo di ascoltare di tutto e di più sull?argomento. Per ora non ho ancora un?idea chiara e sono disposta a accettare qualsiasi spunto visto che è la realtà in cui ho deciso di vivere per il prossimo anno. Ma, tornando alla frase che mi aveva colpito maggirmente nella locandina, vorrei riportare una delle sue possibili interpretazioni datami dalla mia professoressa di catalano. Spiegandomi la sua visione della cosa ella ha esordito molto nettamente dichiarando di non sentirsi spagnola ma catalana e di essere fiera della propria cultura che sente diversa da quella del resto della Spagna. Alla mia obiezione che la cultura è qualcosa che ogni popolo dovrebbe difendere ma non usare come strumento di divisione mi ha risposto che la sua affermazione non è carica di un intento di divisione ma è comunque decisa perché memore del 40ennale proibizionismo franchista. Continua spiegandomi che quest?esperienza di privazione della propria identità culturale (ad partire dalla lingua) ha non si verifichi ciò che si è occorso all?epoca. Aggiunge poi che, almeno nel suo pensiero, non si tratta né di politica, né di economia, ma di un sentimento insito nelle persone. Ella è tra coloro che auspicherebbero una soluzione di tipo federalista... Ma a parte tutto ciò che ho ascoltato, più o meno nazionalista o moderato o quant?altro che ancora ascolterò, sicuramente mi piace pensare che sto andando ad una festa dove il messaggio che traspare forte e chiaro è, a mio avviso, molto nobile e cioè un messaggio di mantenimento, salvaguardia, e di non rinuncia della propria cultura. E ora perdonatemi ma ho una festa che mi aspetta... 20/10/06 Ormai la festa si è svolta, personalmente mi sono divertita anche se mi aspettavo una quantità maggiore di gente e il tempo non è stato particolarmente di aiuto visto che proprio quando stavano per esibirsi i gruppi di grido è iniziato a piovere copiosamente e quindi la festa è scemata prima del previsto. Debbo dire tra l?altro che è stato un pò deluso il mio proposito iniziale dal momento che tra gli stands delle varie associzioni culturali catalane presenti dominava tra tutti la bandiera del partito catalano indipenentista e quindi sicuramente simbolo prettamente politico piú che culturale. Comunque non penso che molti studenti erasmus presenti l?abbiano notata, io stessa mi sono fatta spiegare da un amico catalano la differenza tra la bandiera catalana ufficiale e quella del partito indipendentista appunto. Ho scoperto così che alla base della bandiera di Cataluña ©?è una legenda: si narra, infatti, che durante una battaglia contro i francesi un re catalano ha rigato con il sangue della sua mano il suo scudo d?oro mentre cadeva morente e da lì la bandiera ufficiale catalana porta quattro righe rosse su sfondo giallo; mentre in quella del partito indipendentista troviamo anche una stella in alto e un asino alla base. Ma ripeto non penso che molti tra i presenti, che debbo dire erano per la maggior parte italiani, ci abbiano fatto caso, o adirittura nemmeno sapevano dello stampo culturale alla base di questa festa. Per concludere direi che da una parte le mie idee sopra tale questione, quella catalana appunto, sono forse ancora piú confuse e dall?altra che di feste penso ce ne saranno molte altre..forse anche migliori. Quindi alla prossima!  

Bamako 05

Can.Cult. Trad. R.Fenocchio  2006-10-25 

arte 

esposizioni 

I migliori fotografi africani arrivano a Barcellona con Bamako'05 È iniziata da qualche giorno presso il Centre de Cultura Contemporània de Barcelona, l'esposizione fotografica Bamako'05. Si tratta di una selezione di oltre 300 fotografie tra quelle già presentate ai Rancontres Africaines de la Photographie, che si svolgono nella capitale del Mali ogni due anni. Fino al 28 gennaio 2007. Le fotografie svelano al visitatore le diverse visioni di uno stesso mondo attraverso i lavori di artisti che rinfrescano e rinnovano il nostro sguardo verso realtà sconosciute o alle quali ci siamo avvicinati da un altro punto di vista. Le varie sezioni dell?esposizione illustrano la complessità del continente africano. Da segnalare la figura del fotografo sud-africano Ranjith Kally, che coglie molti aspetti della vita della comunità indiana in Sud Africa, finora ignorata a livello nazionale e internazionale. Tra le varie sezioni dell?esposizione segnaliamo quella dedicata all?Algeria dell?emergente fotografo Zohra Bensemra, quella dedicata a Malick Sidibé (Mali), uno dei pochi fotografi noti anche in Europa e dell?artista dello Zimbabwe John Mauluka, scomparso nel 2003. L?ultima sezione, Transversals, raccoglie opere di artisti di altre discipline quali la scultura, che utilizzano la fotografia come espressione artistica: sono le creazioni della sudafricana Jane Alexander e del camerunese Pascale Marthine Tayou. Ricordiamo inoltre l?egiziano Rana El Nemr e il nigeriano Uchechukwu James Iroha. Secondo Ramoneda, curatore dell?esposizione, Bamako'05 vuol essere una piattaforma di diffusione di una realtà creativa che ha difficile accesso ai circoli culturali e artistici ufficiali.  

Hashem el Madani al CaixaForum

Rob. Fen. C. Cultura Bcn  2006-10-25 

arte 

esposizioni 

La Fondazione CaixaForum presenta l?esposizione ?Hashem el Madani. Retrats d'estudi i passeigs fotogràfics?. Un progetto in corso dell?Akram Zaatari/Arab Image Foundation. Fino all?11 febbraio 2007. Il lavoro che il fotografo libanese Hashem el Madani ha portato a termine negli ultimi 40 anni svela al visitatore un popolo e un paese calmo, umano e moderno, un?immagine ben diversa dall?attuale ritratto caotico e dolente del Libano. Più di 500.000 fotografie costituiscono l?archivio d?immagini di Hashem el Madani (Sidone, Libano, 1928). Per la maggior parte si tratta di ritratti di gente comune e immagini della sua città, un gigantesco puzzle visivo narra la vita di Sidone negli ultimi 40 anni. Circa 400 fotografie e 2 video configurano questo percorso nella geografia umana di un paese, il Libano, che viveva in pace godendo di un certo progresso e sviluppo economico, tanto da essere definito, negli anni 60 e 70, la ?Svizzera? del Medio Oriente. Periodo che sembra lontano alla luce della recente guerra e declino del paese, per anni schiacciato tra l?influenza politica siriana e le mire espansionistiche israeliane. Il Progetto Madani L?esposizione fa parte di un grande progetto artistico. Le 396 fotografie presentate al CaixaForum sono state selezionate tra le oltre 500.000 raccolte nell?archivio di Hashem el Madani, che gestisce attualmente l'Arab Image Foundation. Questa associazione ha lo scopo di promuovere e diffondere le opere di fotografi di origine araba. 

Vinicio Capossela a Barcellona

Roberto Fenocchio  2006-10-24 

musica 

concerti 

Dopo l?esibizione madrilena dello scorso 13 ottobre, Vinicio Capossela approda a Barcellona. L?appuntamento è per il 2 novembre alla Sala Bikini. Presenterà il suo ultimo disco, ?Ovunque proteggi?, recentemente premiato come miglior disco dell?anno dal Club Tenco e che ha raggiunto il primato delle ottantamila copie vendute in sei mesi, il primo album di Capossela a raggiungere il primo posto nella classifica degli album più venduti. Un cd complesso e affascinante con due digressioni: una scanzonata e intrigante ?Medusa cha cha cha? che ricorda le atmosfere di ??e allora Mambo?e l?altra dolcissima e malinconica ?Pena del Alma? tributo alla ?faccia triste dell?America?. Vinicio ritorna a Barcellona a due anni di distanza dal concerto, sempre al Bikini, affollato da un pubblico di schiacciante maggioranza italiana. Anche se ?Ovunque proteggi? verrà distribuito in Spagna dal 15 novembre, Capossela è poco noto in questa penisola. Ed è un peccato perché è sicuramente uno dei nostri migliori artisti, un vero zibaldone di reminescenze, ricordi, legami, voli pindarici, collegamenti. Nella sua musica c?è il sapore di miriadi di pietanze, il tutto presentato con spiccata personalità: il che fa accettabile il suo accostarsi a Conte senza scimmiottarlo degli inizi, lo scaltro occhiolino che fa a Buscaglione riesumandone le bizzarrie festaiole e il fraseggiare alla Tom Waits di pianura di alcune sue liriche. Ispirato positivamente dall?arrivo della musica balcanica, alla metà degli anni 90, se ne è servito per dare un respiro mitteleuropeo alla sua produzione, come si può godere in ?le canzoni a manovella? disco del 2000, anch?esso premiato al Club Tenco. Vinicio Ritorna con ?Ovunque proteggi? al mondo mediterraneo e al mito, ?il disco si presenta come un affresco di pezzi solenni, i cui singoli elementi discendono dalla notte dei tempi e per ciò contengono il seme del tutto, compresa la loro parte di attualità. È sufficiente evocarli e metterli in scena, per agitare con inaudita violenza ed efficacia lo spettro del presente. Del resto, sempre c'è stato da proteggersi e da proteggere, e sempre il sole è sorto su distese di terre tali da doversi indicare come "Ovunque". È anche un disco che parla di grazia. La grazia che vive, a volte nascosta, dentro di noi e quella - fuori di noi - che non ci è dato di saper causare ma solo di riconoscere e, possibilmente, di proteggere. È un disco sulla grazia a partire da quella che appartiene ai posti, alle persone, ai musicisti, ai mille riferimenti che di questo lavoro sono via via entrati a far parte. "Ovunque proteggi" è infatti costruito su un labirinto di luoghi che "sono" nei brani, ne definiscono, ne fissano una volta per tutte nel suono la forma, portando "ogni brano in fondo alla sua suggestione". Scrivere e registrare questa volta non sono stati due processi separati, ma piuttosto due momenti, a volte diversi, a volte perfino simultanei, dello stesso processo: si è cioè scritto e registrato nei luoghi e per i luoghi. Luoghi attraverso i quali Vinicio Capossela si è lasciato guidare o dai quali si è fatto sviare, andando avanti come condotto da un leggero soffio che sposta la polvere e lascia intravedere, più avanti, la strada?. Con Vinicio Capossela suoneranno al Bikini di Barcellona: Zeno De Rossi, tamburi Eusebio Martinelli, tromba, trombone Gavino Murgia, sax, launeddas, voce Alessandro ?Asso? Stefana, chitarre Vincenzo Vasi, theretin, campionamenti, percussioni, marimbas Michele Vignali, ance Glauco Zuppiroli, contrabbasso.  

Biografia di Vinicio Capossela

Sito Ufficiale V. Capossela Warner Music Italy  2006-10-21 

musica 

concerti 

Vinicio Capossela: biografia 1990 Esce "All'una e trentacinque circa", l'album d'esordio di Vinicio Capossela. Prodotto da Renzo Fantini e arrangiato da Antonio Marangolo, contiene 11 brani tra i quali figurano già alcuni classici del suo repertorio: "Scivola vai via", "Una giornata senza pretese", "Stanco e perduto" e la title-track. L'album verrà premiato l'anno successivo con la Targa Tenco per la migliore opera prima. 1991 Vinicio Capossela pubblica "Modì", il suo secondo lavoro. Intitolato con un gioco di parole che allude tanto alla parola francese "maudit" ("maledetto") che al nome abbreviato del grande pittore livornese Amedeo Modigliani, "Modì" contiene 10 nuove canzoni e si presenta come un passo avanti sul percorso già intrapreso dal precedente album, con un'altra manciata di classici caposseliani: "La regina del Florida", "Notte newyorkese", "Ultimo amore", "?E allora mambo" (che qualche anno dopo darà anche titolo ad un film di Lucio Pellegrini), oltre alla stessa "Modì" sono i brani che si mettono maggiormente in luce, confermando la felice vena creativa del loro autore. 1992 Capossela partecipa come attore al film di Sergio Staino "Non chiamarmi Omar", la cui colonna sonora è tratta proprio dai brani di MODI'. 1993 Insieme a Paolo Rossi, lavora alla realizzazione dello spettacolo teatrale "Pop e Rebelot" per il quale è anche attore e autore delle musiche. Nello spettacolo sono già presenti alcuni brani ("Il fantasma delle tre", "Ma l'America", "Decervellamento") che troveranno posto su suoi successivi album. Capossela torna a esibirsi al Club Tenco ed è presente sul disco tributo "Il Volo di Volodja", dedicato al grande chansonnier russo Vladimir Vitsoskj, con una rilettura del brano "Il pugile sentimentale". Nel frattempo si trasferisce a vivere a Milano, dove prende casa in Porta Ticinese; diventerà, in alcune canzoni e racconti il suo "barrio". 1994 In primavera Capossela prova con alcuni concerti nei club le nuove canzoni che andranno a far parte dell'album "Camera a Sud". Nel frattempo scrive per lo spettacolo "Milanin Milanon" di Paolo Rossi due canzoni: "Pioggia di novembre" e "Il silenzio della Innocenti". A giugno iniziano le registrazioni del nuovo album. In autunno esce il terzo album di Vinicio Capossela, "Camera a Sud"; il lavoro, a partire dal titolo, sembra guardare con più attenzione a riferimenti musicali provenienti dall'america latina. Canzoni come "Che coss'è l'amor", "Camminante", "Guiro", "Non è l'amore che va via", "Camera a sud" sembrano giocare con tempi e ritmi dell'America a sud del confine, pur senza perdere niente dell'immaginifico mondo capace di incrociare jazz e canzone d'autore tipico di Capossela. All'uscita dell'album fa seguito, a partire da ottobre, un tour. 1995 La pubblicazione di "Camera a Sud", che è anche il primo album di Vinicio Capossela a essere pubblicato all'estero - e per la precisione in Francia - viene seguito, per la prima volta, da una lunga serie di concerti in teatro che culmina proprio, nel novembre del '95, in un'esibizione al Theatre de la Ville di Parigi. Nello stesso anno Capossela scrive le musiche dello spettacolo teatrale "Il circo" per la compagnia Les Italiens di Paolo Rossi. 1996 A maggio iniziano le registrazioni del nuovo album, "Il ballo di san vito", il suo disco più contaminato e contagioso, realizzato in collaborazione con gli ex-Lounge Lizards Evan Lurie (che firma gli arrangiamenti) e Marc Ribot, già chitarrista di Tom Waits. L'album, che esce alla fine dello stesso anno, rappresenta una brusca sterzata rispetto al percorso musicale intrapreso da Capossela fino a quel momento, e affianca a brani maggiormente ispirati alle sue radici meridionali ("Il ballo di San Vito" e "Al veglione") le prime incursioni balcaniche figlie della fascinazione per il mondo raccontato da registi come Emir Kusturica e Milcho Manchevski ("Contrada Chiavicone"). Non mancano i momenti nel più tipico stile Capossela ("Le case", "Morna", "La notte se n'è andata", "Pioggia di novembre") in quello che appare fino a qual momento come il lavoro più completo e rappresentativo dell'artista. L'album esce nell'ottobre dello stesso anno, e viene presentato alla stampa con un live st d'eccezione al quale partecipa anche lo stesso Marc Ribot. Nel dicembre '96, in occasione della pubblicazione di "Sogni di Bunker Hill", Capossela partecipa, insieme a Vincenzo Costantino, a un reading dedicato a John Fante dalla casa editrice Marcos Y Marcos: l'esperimento, replicato in diverse occasioni, si trasforma in un reading semi - ufficiale di propri scritti e poesie che prenderà il titolo di "Accaniti nell'accolita" e contribuirà non poco alla scoperta di un autore fino a quel momento poco considerato in Italia. 1997 A gennaio debutta il tour teatrale de "Il ballo di san vito". Il 22 ottobre '97 al Naima Club viene registrata una speciale serata che porta sul palco, assieme alla band di Capossela, la fanfara di ottoni macedone della Kocani Orkestar, diretta da Neat Veliov. Da questa serata viene ricavato il corpo principale del quinto disco di Vinicio Capossela, LIVEINVOLVO. 1998 Esce a febbraio l'album dal vivo "Liveinvolvo" al quale fa seguito, nell'estate del '98, una serie di concerti realizzati tanto con il proprio gruppo che con la Kocani Orchestar. Dal tour viene ricavato anche un homevideo, che porta lo stesso titolo del live. "Liveinvolvo" contiene un solo inedito registrato in studio: si tratta di "Skata skata (Scatafascio)", brano utilizzato anche come sigla di coda del programma televisivo di Paolo Rossi "Scatafascio", del quale Capossela era stato ospite fisso per tutte le puntate. Nel frattempo, a novembre, a causa di un incidente stradale che lo costringe a un periodo di immobilità forzata, Capossela inizia a scrivere alcuni dei racconti che sei anni più tardi, nel 2004, finiranno nel suo romanzo "Non si muore tutte le mattine". 1999 Capossela si dedica a due esperimenti: una sonorizzazione per pianoforte e oggetti vari del classico di Charlie Chaplin "Tempi moderni", rappresentato in diversi cinema e teatri con grande successo, e un nuovo tour, intrapreso con uno spettacolo che lascia spazio a composizioni di altri autori: si intitola "Parole d'altrove", e affianca versioni in italiano di morne, rebetici e tanghi, realizzate da Capossela, a composizioni originali scritte nel frattempo. L'esperienza culmina con un concerto tenuto assieme al Trio Esquina del bandoneonista Caesar Stroscio. 2000 Ad aprile iniziano a Milano le registrazioni di un nuovo album, "Canzoni a manovella", il sesto lavoro della sua carriera. Composto da 17 tracce, il disco è prodotto insieme a Pasquale Minieri. In estate Vinicio Capossela si esibisce al Festival di Villa Arconati in un concerto speciale insieme al cantante jazz Jimmy Scott, una "leggenda personale" di Vinicio. L'album "Canzoni a manovella" viene pubblicato in ottobre, il successo è clamoroso, oltre 70.000 copie vendute nell'arco di due anni e numerosissimi riconoscimenti. Dedicato "ai pionieri aerostatici, ai temerari, ai marinai in bottiglia, a Céline, al revolver di Jarry e in generale a tutti quelli che hanno avuto il coraggio di buttarsi", "Canzoni a manovella" esce nel 2000 per celebrare, in un viaggio a ritroso, il Novecento e i suoi protagonisti, famosi e misconosciuti. Anche musicalmente l'album spazia tra generi e mondi distanti eppure affini nel sentire, dalla cabaret music berlinese ("Canzone a manovella"), alle grandi sale da ballo viennesi ("Bardamù"), dalle incursioni dirette ancora una volta a est ("Contratto per Karelias", "Solo mia", "Corre il soldato"), a quelle che lo riportano nelle pianure a sud del confine che separa Messico e Stati Uniti ("Signora luna"), dagli omaggi alla mittleuropa ("Polka di Warsava", "I pianoforti di Lubecca") al tributo a una "funeral song" tutta italiana ("La marcia del camposanto"), prima di chiudersi con un sentito omaggio alle "luci della ribalta" dal sapore chapliniano ("Resto qua"). 2001 All'uscita di "Canzoni a manovella" segue un lungo tour teatrale che registra l'esaurito ad ogni data. Altrettanto frequentati sono i concerti estivi tenuti in giro per l'Italia, che consolidano ulteriormente il seguito sempre crescente di Vinicio. Il video di "Marajà", girato con la regia di Ago Panini, ottiene una discreta rotazione sulle reti musicali, mentre Capossela fa una delle sue rare apparizioni televisive nel controverso programma televisivo di Daniele Luttazzi "Satyricon", dove canta "Con una rosa". L'estate del 2001 lo vede aprire la nuova edizione del Festival Umbria Jazz con un concerto insieme a Marc Ribot y Los Cubanos Postizos. Nel frattempo "Canzoni a manovella" viene premiato con la Targa Tenco quale migliore album dell'anno: Capossela esegue in omaggio a Sergio Endrigo "Bolle di sapone", in una splendida versione che lo vede avvalersi degli strumenti giocattolo di Pascal Comelade. Il giorno di Natale, Capossela suona per un concerto gratuito nel piazzale antistante la Stazione Centrale di Milano. Ma non è l'unico regalo che Capossela fa al suo pubblico: la notte del 24 dicembre, infatti, era andata in onda sulle frequenze di Radiodue "Canto di natale", riduzione radiofonica del "Racconto di Natale" di Charles Dickens, rielaborata e recitata dallo stesso Vinicio. Il radiodramma si rivela un esperimento di tale successo da far riconfermare l'appuntamento con Capossela per l'anno successivo. L'anno si conclude con i "Concerti per le feste", sorta di minitour natalizio che Capossela, più o meno trasversalmente, replicherà pure gli anni successivi. 2002 La lavorazione di un libro e alcuni concerti a sorpresa, oltre naturalmente a un nuovo tour estivo, occupano buona parte del 2002. In primavera, a Barcellona, Capossela lavora a canzoni come "Porto rancore al silenzio", "Cancion de las simples cosas". Viene inoltre iniziato l'assemblaggio del materiale che andrà a costituire la sua prima raccolta di successi, "L'Indipensabile". A ottobre Vinicio è nuovamente al Premio Tenco per presentare alcune sue versioni di brani che attingono a repertori diversi, dal tango al rebetico (quell'anno il "tema" di confronto deciso dall'organizzazione è quello della "versione" in italiano di brani scritti in altre lingue). A dicembre invece, Vinicio porta in tour il suo spettacolo "San Nicola Tour, - da S. Nicola a S. Silvestro", una decina di date in rock club e palazzetti, dedicato al nostro progenitore del più "globalizzato" Santa Claus. Contemporaneamente prepara per la radio ""I cerini di santo nicola" - racconto infiammabile per voci, suoni e canzoni", da lui stesso scritto e musicato, che viene mandato in onda la notte di Natale su RadioRai2. 2003 A gennaio 2003 esce "L'Indipensabile", la prima raccolta di Vinicio Capossela, pubblicata sempre con etichetta CGD East West. L'antologia contiene 17 canzoni nella loro versione originale, oltre alla inedita cover di Adriano Celentano "Si è spento il sole", brano inciso da Vinicio per essere dedicato a suo padre Vito, fan di Celentano, "e alla sua grande gioventù". A marzo prende il via una serie di concerti di presentazione dell'album: prima alcune date a Roma, poi una data unica, il 27 marzo al Palalido di Milano, ex-tempio della boxe italiana, per un "incontro" simbolico con il suo passato, "Vinicio Capossela vs. l'Indispensabile". In quell'occasione il palco è arredato come un ring, con tanto di corde, e Capossela sale sul palco in accappatoio e guantoni, sostenuto dal tifo del palazzetto. I concerti che promuovono l'uscita de "L'Indipensabile" vanno avanti fino a maggio, per riprendere poi durante l'estate. A ottobre Vinicio è ospite del Club Tenco, dove presenta tre sonetti di Michelangelo, registrati nell'album di Philippe Eidel dal titolo "Renaissance", accompagnato da un piccolo ensemble di strumenti antichi guidati dal Maestro Mario Brunello al violoncello, con Vittorio Ghielmi alla viola da gamba e Luca Pianca al liuto. L'anno si chiude con i consueti concerti natalizi: Capossela si esibisce in un doppio show al prediletto Fuori Orario di Taneto di Gattatico (RE), il posto in cui, da sempre, lo aspettano i suoi "amici peggiori". 2004 Prosegue intanto a ritmi sostenuti la lavorazione del suo primo romanzo: "Non si muore tutte le mattine", questo il titolo del libro, esce per Feltrinelli a marzo del 2004 e viene presentato a Milano con un improvvisato reading che rappresenta l'ancora inconsapevole punto di partenza di un vero e proprio nuovo progetto. Il libro viene accolto da buone recensioni e un ottimo riscontro di pubblico, vince anche un premio (il Premio letterario Frignano 2004) come migliore opera prima. Nel maggio dello stesso anno Vinicio si esibisce prima a Genova con Matteo Salvatore nel corso del consueto Concerto per il Primo Maggio e poi, in tutt'altro contesto, all'Auditorium del Parco della Musica di Roma in uno spettacolo unico intitolato "Concertato per Voci e Visioni", in compagnia del violoncellista Mario Brunello e dell'Orchestra d'Archi Italiana di Castelfranco Veneto. Nel corso del concerto si dà spazio anche ad alcune letture da "Non si muore tutte le mattine". Da maggio a luglio del 2004 Capossela è in tour in Italia e all'estero: da ricordare a questo proposito il concerto "Chi tiene polvere?spara!" tenuto a Torino da un cast che comprendeva, oltre a Vinicio Capossela, anche Roy Paci, Matteo Salvatore, Marc Ribot, Flaco Jimenez, Shane Mac Gowan and the Popes. I reading diventano progressivamente sempre più numerosi e importanti, anche dal punto di vista della progettazione: le letture sono diventate ormai uno spettacolo vero e proprio, con teatro d'ombre, interpolazioni sonore, raddoppi, sovrapposizioni, echi e interferenze. Un primo assaggio del livello di questo work in progress viene proposto da Radio Rai 3, che a partire dal 16 novembre manda in onda le RADIO CAPITOLAZIONI. "Voci, echi, suoni e visioni da Non si muore tutte le mattine" è il titolo dello spettacolo presentato per la prima volta ad ottobre alla rassegna REC di Reggio Emilia, con la regia di Daniele Abbado, e portato in teatro a Roma e Milano nel dicembre del 2004. 2005 Dopo un viaggio in Sardegna a febbraio, in occasione dei carnevali barbaricini, e un'ulteriore trasferta sulla rotta Belgrado-Sarajevo-Sofia-Moska, nella primavera del 2005 Vinicio inizia a lavorare a un nuovo album. Sardegna, Emilia, Sicilia, Puglia, Campania, Marche, Veneto, Lazio? la scrittura e le registrazioni del disco avvengono a partire dal giugno in luoghi diversi e distanti, con musicisti scelti di volta in volta a seconda dei brani. Nel frattempo Capossela partecipa al Festival di musica e letteratura "Assalti al cuore", organizzato da Mauro Giovanardi dei La Crus, dove si presenta proponendo un reading studiato per l'occasione. L'estate prosegue al lavoro sulle canzoni dell'album che si intitolerà "Ovunque proteggi", e che vengono finalizzate in studio a Milano. Alla fine dell'autunno l'album è pronto per essere pubblicato: la data d'uscita prescelta è il 20 gennaio 2006, ma consuetudine vuole che Capossela finisca l'anno con gli irrinunciabili "concerti per le Feste" al Fuori Orario di Taneto di Gattatico (RE). 2006 Il 6 gennaio, in tutte le radio, arriva il singolo "Dalla parte di Spessotto", che precede l'uscita del nuovo album. Il 20 gennaio esce "Ovunque proteggi", sesto album di studio di Vinicio Capossela, da lui scritto e diretto. L'album contiene 14 brani su 13 tracce, ed è realizzato con la collaborazione di Pasquale Minieri e con l'assistenza di Marco Cervetti. Vinicio Capossela - discografia essenziale: All'una E Trentacinque Circa - 1990, Cgd Eastwest; Modì - 1991, Cgd Eastwest; Camera A Sud - 1994, Cgd Eastwest; Il Ballo Di San Vito - 1996, Cgd Eastwest; Liveinvolvo - 1998, Cgd Eastwest; Canzoni A Manovella - 2000, Cgd Eastwest; L'indispensabile - 2003, Cgd Eastwest; Ovunque Proteggi - 2006, Atlantic. Biografia aggiornata a gennaio 2006.  

Discografia Vinicio Capossela

Sito Ufficiale V. Capossela Warner Music Italy  2006-10-21 

musica 

concerti 

OVUNQUE PROTEGGI (2006) Album: © Atlantic Non trattare; Brucia troia; Dalla parte di spessotto; Moskavalza; Al colosseo; L'uomo vivo; Medusa cha cha cha; Nel blu; Dove siamo rimasti a terra nutless; Pena del alma; Lanterne rosse; S.S. dei naufragati; Ovunque proteggi LIVEINVOLVO (2003) DVD: © CGD EastWest Il ballo di San Vito; Zampanò; L'accolita dei rancorosi; Il corvo torvo; Scivola vai via; Che cossè l'amor; Al veglione; Body guard; La notte se nè andata; Stanco e perduto; L'affondamento del Cinastic; Tanco del Murazzo; Contrada Chiavicone; Il pugile sentimentale; All'una e trentacinque circa; Camera a sud; Tornando a casa L'INDISPENSABILE (2003) Album: © CGD EastWest Si è spento il sole; Marajà; Il ballo di S. Vito; Zampanò; Morna; Corre il soldato; Ultimo amore; Che cossè l'amor; Tanco del murazzo; Con una rosa; Modi; Non è l'amore che va via; Il corvo torvo; Malamerica; Scivola vai via; ...e allora mambo; Una giornata senza pretese; All'una e trentacinque circa LE CANZONI A MANOVELLA (2000) Album: © CGD EastWest Bardamù; Polka di Warsava; Decervellamento; Marajà; Canzone a manovella; I pagliacci; Marcia del camposanto; I pianoforti di Lubecca; Suona Rosamunda; Intermezzo; Contratto per Karelias; Solo mia; Corre il soldato; Signora luna; Con una rosa; Nella pioggia; Resto qua LIVEINVOLVO (1998) Album: © CGD EastWest Una giornata senza pretese; La notte se n'è andata; Stanco e perduto; Il fantasma delle tre; Fatalità; Estate; Cristal; Ultimo amore; Scivola vai via; L'accolita dei rancorosi; Che cossè l'amor; Notte newyorkese; Contrada Chiavicone; Zampanò; Al veglione; All'1.35 circa; Il pugile sentimentale; Scatà scatà (Scatafascio) IL BALLO DI SAN VITO (1996) Album: © CGD EastWest Il ballo di san Vito; Morna; La notte se n'è andata; Le case; Il corvo torvo; Al veglione; Body guard; L'affondamento del Cinastic; S'agapò; Contrada Chiavicone; L'accolita dei rancorosi; Pioggia di novembre; Tanco del Murazzo CAMERA A SUD (1994) Album: © CGD EastWest Non è l'amore che va via; Zampanò; Amburgo; Che cossé l'amor; Il mio amico ingrato; Fatalità; Camminante; Furore; Ma l'America?; Il fantasma delle tre; Tornando a casa; Guiro; Camera a sud MODÌ (1991) Album: © CGD EastWest Modì; La regina del Florida; Notte newyorkese; 25 aprile; Solo per me; Ultimo amore; ? E allora mambo; Pasionaria; Cadillac; Notte di provincia ALL'UNA E 35 CIRCA (1990) Album: © CGD EastWest Resta con me; Una giornata senza pretese; Quando ti scrivo; Christmas song; Pongo sbronzo; Suite delle quattro ruote; Scivola vai via; I vecchi amori; Stanco e perduto; Sabato al corallo; All'una e trentacinque circa  

UAB: dati e caratteristiche del campus

Laura Venturato  2006-10-13 

cultura 

costumi 

Qualche dato...per iniziare. La UAB (Universitat Autonoma de Barcelona), fondata nel 1968, e il cui campus principale è situato nella località di Bella Terra (a 30 minuti in treno da Plaça Catalunya), è oggettivante uno dei più moderni, dinamici e completi centri di studi universitari pubblici in Spagna e probabilmente anche a livello europeo. Secondo i dati ufficiali dello scorso anno, gli studenti di quest'istituzione sono così ripartiti: Estudiants de 1r i 2n cicles (Studenti del 1º e 2º Ciclo) 37.975 Estudiants de 3r cicle (Studenti del 3º Ciclo) 11.335 Estudiants estrangers Erasmus (Studenti stranieri Erasmus) 1.147 Estudiants estrangers no Erasmus (Studenti stranieri non Erasmus) 1.002 Estudiants Erasmus de la UAB (Studenti Erasmus della UAB) 891 (fonte: http://www.uab.es) Gli studenti stranieri Erasmus giungono qui numerosi da tutta Europa. Ed in particolare, sempre secondo fonti ufficiali UAB aggiornate all?anno scorso, l?Italia è il primo paese d?origine (24%), seguito dalla Germania(18,7%), dalla Francia (15,3%), dal Regno Unito (5%). Mentre per quanto riguarda le facoltà in cui questi approdano abbiamo: la facoltà di filosofia e lettere con 216 studenti, quella di traduzione e interpretariato con 151 studenti, quella di economia con 131 studenti, quella di scienze politiche ed sociologia con 117 studenti, quella di scienze dell?educazione con 74 studenti, quella di giurisprudenza con 65 studenti, quella di scienze della comunicazione con 65 studenti, quella di medicina con 47 studenti, quella di psicologia con 47 studenti, quella di scienze con 41 studenti e quella di veterinaria con con 28 studenti. Questi dati dimostrano che oggettivamente l'UAB è una meta erasmus europea ed in particolare italiana molto ambita. Infatti anche la sottoscritta vi parla dell'esperienza che sta vivendo come studente erasmus alla UAB. Certamente non sono i dati statistici che convincono uno studente a partire per una determinata meta o per un?altra. Le ragioni della partenza, la situazione una volta arrivati, cosa offre la UAB, se corrisponde, delude o è superiore alle aspettative di uno studente..ed ancora cosa significa vivere in un'entita cosi peculiare spesso con molte contraddizioni come la Cataluña, ed in particolare nella tanto ambita Barcellona....A queste e quant?altre domande vorrei provare a rispondere non solo attraverso dati ma attraverso la viva esperienza giorno per giorno alla UAB. 

Sitges Festival Internacional de Cinema de Catalunya

Rob.Fen.  2006-10-13 

spettacoli 

cine 

La edición 39ª del Sitges Festival Internacional de Cinema de Catalunya conmemora los veinte años de la proyección en el Festival de de la película de David Lynch Terciopelo Azul. Además de una retrospectiva completa de su filmografía, Sitges 2006 presenta una amplísima variedad de obras artísticas creadas por el genio de Montana: cómics, pintura, videoclips, series de televisión, internet, exposiciones... El laberinto del fauno, de Guillermo del Toro, inaugura el Festival Internacional de Cinema de Catalunya, que tiene lugar del día 6 al 15 de octubre.El director mejicano es además protagonista de un Special Focus sobre su filmografía. Sitges 06 confirma que celebra el vigésimo aniversario del estreno en el festival de Terciopelo Azul, con un repaso al universo de David Lynch y con la première española de Inland Empire. Así mismo Màquina del Temps dedica retrospectivas a Alejandro Jodorowsky y a Kiyoshi Kurosawa. Además, la tercera edición de la Sitges Sales Office, punto de encuentro de la industria en el Festival, tiene lugar durante los días 6, 7 y 8 de octubre.(07/07/06) Los objetivos que persigue el Sitges Festival Internacional de Cinema de Catalunya son mantener el liderazgo mundial en el campo de la especialización en cine fantástico creando un modelo de Festival abierto a todos los públicos; ser el estandarte ante el resto del estado y el extranjero de la industria audiovisual catalana; conseguir que sea un festival de referencia para el público, la crítica y la industria; ser un referente en la recepción de las nuevas tendencias audiovisuales, con especial atención a Europa y demostrar que la etiqueta de fantástico no es restrictiva sino progresista.(23/02/06) El Festival Internacional de Cine de Sitges estrena también la última película del director Darren Aronofsky, The fountain, en el marco de la Sección Oficial Fantàstic Première. En el marco de la Sección Première, el Festival también proyecta Unknown, de Simon Brand y Running Scared, de Wayne Kramer.(05/09/06) 

L?Arte pre-Colombiana al museo Barbier-Mueller

C. C. Trad. Rob. Fen.  2006-10-12 

arte 

esposizioni 

L?esposizione "Arts i Rituals del Nou Continent.Amèrica pre-colombina", presenta al museo Barbier-Mueller di Barcellona l?eredità di antiche culture originarie del Messico e del Perù. Un?opportunità unica per ammirare le creazioni dell?arte pre-colombiana, un patrimonio culturale ricco e complesso. Fino a settembre 2007. Statue, ceramiche, tessuti e metalli hanno conservato nella forma e negli ornamenti un senso simbolico della vita e molte informazioni concernenti la struttura di quel mondo, tramandando dati sull?architettura, sulle strutture urbane e su altri aspetti di vita agreste e sui rituali. L?esposizione ?Arts i Rituals del Nou Continent. Amèrica Precolombina? permette di avvicinarsi alle culture originarie di Messico, Costa Rica, Panama, Colombia, Venezuela. Antiche credenze, la poesia e il senso profondo del sacro facevano parte delle basi scentifiche di osservazione che svilupparono queste culture. L?osservazione costante della natura stabilisce un dialogo fra l?essere umano e l?ambiente: l?uomo come creatura uguale alle altre. La mostra comprende un totale di 70 pezzi, dei quali 26 provengono dal Perù, 15 dal Messico, 11 da Panama, 9 dal Costa Rica, 5 dal Venezuela, 2 dalla Colombia e 2 dall?Equador. Verranno inoltre esposte, per la prima volta a Barcellona, le nuove opere della collezione Barbier Mueller.  

UAB: La città dello studente

Laura Venturato  2006-10-10 

cultura 

costumi 

Ore 10 am circa, 21 settembre 2006: arrivo alla UAB. Per prima cosa uno studente Erasmus che è riuscito a riservare un posto nella residenza per gli studenti nel campus della UAB (la Vil.la Universitària), deve presentarsi all?ufficio competente per sbrigare le immancabili pratiche burocratiche, riceve quindi la chiave del proprio appartamento e qui inizia l?avventura! La residenza universitaria, avvolta da un grazioso paesaggio collinare, è strutturata in 640 appartamenti divisi in vari blocchi, che possono ospitare un totale di 1806 studenti. Nella ?Vila Universitaria?si può usufruire di svariati servizi: bar, supermarket, negozi di vario genere ecc. Al centro del campus si trova un piazza (la Plaça Cívica) nella quale sono concentrati ulteriori servizi per la comunità studentesca: negozi di abbiglimento e altri prodotti, una farmacia, una copisteria, un punto d?informazione, una parrucchieria, un?autoscuola, un cinema, un?ottica, una libreria nonchè cartoleria egregiamente fornita, e quant?altro è neccessario in una città. Oltre, poi, all?offerta accademica propria di ogni facoltà, integralmente pubblica che comprende anche supporti logistici come aule di informatica per l?utilizzo di internet e quant?altro, vi sono dei servizi privati offerti agli studenti in modalità agevolate. Per esempio mi ha fin da subito piacevolente sorpreso l?attrezzatissimo gymnasium (SAF): un impiato in cui uno sportivo o chi vuole mantenersi in forma o semplicemente rilassarsi trova un numero veramente vasto di corsi, una ben fornita sala fittnes, una piscina, 2 saune, un bagno turco, attrezzature per gli sport più praticati dal calcio, alla pallavolo, alla pallacanestro...ma dispone anche di una palestra di scalata su parete e non manca una sala relax con la possibilità di usare gratuitamente internet fino alle 11.30 (orario di chiusura del SAF). Questa direi che potrebbe essere una panoramica generale della struttura della UAB, assolutamente, però incompleta, talmente vasta si presenta. Sono molteplici ancora i servizi interessanti offerti ad uno studente UAB, che non ho potuto per ora descrivere: dalle attivita culturali extra accademiche (per esempio danza, fotografia, teatro,mostre.....),alle varie associazioni studentesche che si occupano di accogliere gli studenti erasmus, ai viaggi organizzati......alle numerosissime feste. Questo direi è un primo assaggio della UAB; La mia impressione iniziale: UAB: LA CITTÀ DELLO STUDENTE.  

Mercato di Santa Caterina

C.C. Roberto Fenocchio  2006-09-24 

posti belli 

mercati 

Il mercato di Santa Caterina. Situato nel cuore del quartiere di Ciutat Vella è stato inaugurato nel 1848 per favorire il fabbisogno delle classi popolari della città. Costruito su un convento, dal quale ha preso il nome, è formato da una struttura metallica chiusa da muri di cemento. È stato adibito anche a comando della Guàrdia Urbana e fino ad alcuni anni fa. A parte l?attività commerciale, vi si organizzano molte opere di beneficenza. Durante il dopoguerra è stato il centro di approvvigionamento dei comuni che circondano la città, come Sant Adrià, Badalona, Santa Coloma, El Masnou, Mataró, da dove la gente arrivava grazie alle linee tranviarie (ora scomparse) che avevano i capolinea in carrer de Trafalgar e Ronda de Sant Pere. La nuova versione completamente rinnovata del Mercat de Santa Caterina, opera dello studio di architetti guidati da Enric Miralles (il giovane talento dell?architettura barcellonese prematuramente scomparso qualche anno fa) e dalla moglie, l?italiana Benedetta Tagliabue, che ne ha continuato l?operato, ha significato una trasformazione integrale della struttura che ospita 60 stabilimenti alimentari di prodotto fresco, 4 negozi di genere non alimentare, 2 bar, un negozio di fiori, un?oleoteca, un servizio self-service, un ristorante e uno spazio polivalente per attività formative e culturali. 

Salvador Puig Antich al cinema

C.C. Roberto Fenocchio  2006-09-24 

spettacoli 

cine 

Esce in questi giorni nei cinema di Barcellona il film "Salvador" del regista catalano Manel Huerga, sulla vita del giovane Salvador Puig Antich, una delle ultime vittime della pena di morte in Spagna, giustiziato nel 1974 con il supplizio della garrotta. Salvador, interpretato dall?attore tedesco Daniel Brühl, fu un giovane idealista che partecipò alle azioni del Movimiento Ibérico de Liberación (MIL) durante gli anni 70. Si trattava di un gruppo libertario che rapinava banche e casse di risparmio per finanziare la propria lotta e per dare supporto ai lavoratori disoccupati o in sciopero. Nel settembre del 1973 la Brigada Político-Social della polizia franchista tese una trappola a due militanti del MIL, uno di questi era Salvador Puig Antich. Durante l?arresto ci fu uno scontro a fuoco in cui perì un giovane ispettore. Anche Puig Antich risultò gravemente ferito; fu ricoverato all?Hospital Clínic e quindi recluso nel carcere Modelo di Bcn, accusato dell?omicidio dell?ispettore. Il processo che condannò a morte Salvador fu costellato di irregolarità e non furono mai portate a termine le prove balistiche che avrebbero chiarito quale pistola avesse esploso i colpi fatali. Malgrado tutti gli sforzi per salvare Puig Antich (manifestazioni in molte capitali europee, appelli di Papa Paolo VIº), la dittatura franchista non concesse la grazia, probabilmente perché era necessario dare un segnale di forza in risposta all?attentato dell?E.T.A. a Carrero Blanco. Salvador fu giustiziato alle 9:40 del mattino del 2 marzo 1974. Il regista Manel Huerga afferma che, oltre ha ricordare la figura di Piug Antich, il film "Salvador" ha come obiettivo riportare alle luce il periodo franchista, un?epoca oscura per il cinema spagnolo. Il film, ptodotto da Mediapro e girato a Barcellona, è tratto dal libro "Conto alla rovescia" di Francesc Escribano, ora direttore di TV3 (Televisió de Catalunya). "Salvador" viene presentato in versione originale, che alterna il castigliano e il catalano.  

Henry Moore al Caixa Fórum di BCN

Canal Cultura Tr. e Adat. Rob. Fen.  2006-09-12 

arte 

esposizioni 

L?opera dello scultore Henry Moore al CaixaForum. 160 opere illustrano la carriera artistica dello scultore britannico Henry Moore. Un ripasso alle opere giovanili, alle influenze e agli avvenimenti vissuti dall?artista attraverso la sua produzione in questa grande collezione che presenta CaixaForum fino al 29 ottobre. "Le caratteristiche che più mi piacciono della mia scultura sono la forza, la vita, la vitalità interiori..Forse per questo m?interessano tanto le ossa quanto la carne, perché le ossa sono la struttura interna di qualsiasi forma viva?. Con queste parole Henry Moore (Castelford, 1898 ? 1986) indica alcune tematiche della sua creatività artistica. Interessato alla natura, al paesaggio, alla forma umana, il britannico Henry Moore si è sentito sempre particolarmente stimolato dalla ricerca di forme e contorni propri, che gli è valsa il riconoscimento internazionale della critica, le sue opere sono infatti esposte in più di 50 musei in ben 30 paesi. L'Obra Social La Caixa presenta al CaixaForum una collezione di 160 opere di Moore che inglobano ?tutta la produzione artistica dello scultore, che si estende in pratica in per tutto il XXº secolo? suddivisa in sculture, disegni e opere grafiche dell?artista. Sei grandi sculture vengono esposte all?aperto nelle immediate adiacenze del CaixaForum. L?esposizione intende presentare dettagliatamente l?evoluzione dell?attività artistica di Henry Moore in tutta la sua carriera. Le opere provengono in gran parte dalla Henry Moore Foundation, creata nel 1977 e diretta da Anita Feldman Bennet che è anche la curatice dell?esposizione del CaixaForum. Sono presenti inoltre opere di proprietà di istituzioni pubbliche e private di Spagna, Stati Uniti e Gran Bretagna. L'esposizione rivela la parte politica di Moore, antifascista e membro attivo dell? Associazione Internazionale degli Artisti che raggruppava gli intellettuali di sinistra e durante la Guerra Civile Spagnola, nel 1937 fece visita a Picasso e fu presente alla gestazione di Guernica. Prova di tale impegno la litografia Prigioniero spagnolo (1939), i cui proventi furono destinati ai repubblicani spagnoli internati nei campi di concentramento. 

I Pirati al Museu Marítim di BCN

Canal cultura Trad. e adat. Rob. Fen.  2006-09-12 

arte 

esposizioni 

I pirati issano la bandiera al Museu Marítim di BCN. Commercio marittimo e pirateria sono due fenomeni fortemente legati. Questo concetto è alla base della mostra ?Pirati?, che attraverso un percorso cronologico che parte dall?antico Egitto arriva fino ai giorni nostri. Armi, vestiti, modellini, plastici e scenografie ricreano questa storia dalle risonanze leggendarie. Fino al 15 ottobre 2006. Il percorso inizia 3.000 anni avanti Cristo. Vengono citati testi egizi che già parlavano della pratica della pirateria, che a quei tempi era legata alla cattura di prigionieri venduti poi come schiavi e all?appropriazione di tesori e beni commerciali. "Anche l?Impero Romano impiegò i pirati per actturare schiavi", spiega Xavier Martínez, uno dei curatori della mostra. "Ma quando i pirati divennero partner scomodi, i Romani tentarono di eliminarli", aggiunge. L'esposizione Pirati ne ricrea la turbolenta storia attraverso pezzi rappresentativi (anfore, spade, armi da fuoco, cannoni) e con mappe, pannelli esplicativi, plastici, modelli, proiezioni e varie scenografie e animazioni. La caduta dell?Impero Romano lasciò il passo al Medioevo. L?insicurezza in mare aumenta e la pirateria domina le rotte ed è in questo periodo che nasce la figura del corsaro. A differenza dei pirati i corsari attaccavano solo le imbarcazioni nemiche, adducendo il diritto di rappresaglia in vigore all?epoca, con tanto di patente. L'epoca medievale è l?epoca delle galere che solcano il Mediterraneo ed è anche l?epoca in cui i vichinghi iniziarono le loro temibili incursioni. Dei pirati vichinghi si possono ammirare i vestiti, le armi e il modello drakkar, il loro caratteristico vascello. I drakkars erano imbarcazioni molto leggere, che raggiungevano una notevole velocità in mare e permettevano ai Vichinghi di attaccare di sorpresa. Dalla Norvegia arrivarono fino alle coste catalane, alle Baleari e all?Italia meridionale. L?ultima parte della mostra porta il visitatore verso le avventure dei pirati nei Mar dei Caraibi, dov?erano presenti molti pirati catalani, e nell?Oceano Indiano. Appaiono pertanto le figure dei bucanieri, che erano principalmente pirati francesi e dei filibustieri che operavano soprattutto nelle Antille. Nell?esposizione non manca uno sguardo sulla pirateria dei giorni nostri. Tale attività infatti non è completamente scomparsa, anzi. Una della agenzie dell?ONU, la IMO, pubblica infatti mensilmente un rapporto sulla pirateria. 

Mercè 2006

Canal Cultura Tr. e Adat. Rob. Fen.  2006-09-12 

arte 

eventi 

Il cartellone creato dal messicano Vicente Rojo è il simbolo della Mercè 2006. Le feste patronali della Mercè 2006 sono infatti dedicate alla pluralità culturale, alla convivenza, alla coesione sociale e all?incontro fra i cittadini. Questi gli assi portanti dell?edizione di quest?anno che presenta le arti di strada, il BAM, i fuochi artificiali, la festa del cielo e la Cavalcata più affollata della storia delle feste della Mercè. Sono le feste più spettacolari e intense di Barcellona, che ogni anno offrono una sterminata varietà di spettacoli e attività sia ai cittadini che ai turisti. La giornalista e scrittrice madrilena Elvira Lindo (l?autrice di Manolito Gafotas), sarà quest?anno l?incaricata della lettura del bando (Pregò) d?inizio festeggiamenti. L?edizione 2006 ha uno spiccato accento latino americano, latino americana è infatti la comunità`di immigranti più numerosa in città e secolari e fortissimi sono i legami di Barcellona con tutti i paesi dell?America Latina. Non a caso l?autore del cartellone di quest?anno è il messicano Vicente Rojo e la città ospite Medellín, in Colombia. Il programa dei festeggiamenti: dureranno 15 giorni, dal 17 settembre, si inizia con la Corsa della Mercè, fino al 1º ottobre con il festival aereo che chiuderà le manifestazioni. Sono previste 800 attività tra concerti, spettacoli di strada, cercaviles, spettacoli dei Castellers, la citata Corsa della Mercè, incontri gastronomici, balli, gincane e lo spettacolo piromusicale. Partecipano più di 600 gruppi musicali e artistici di Barcellona, della Catalogna e di altre regioni spagnole. Senza contare gli ospiti stranieri provenienti da 28 paesi d?Europa, Africa e America. All?inteno della programmazione ricordiamo la quattordicesima edizione del Festival BAM, le esibizioni di Ojos de Brujo, Najwa, Nena Daconte o Atkins che suoneranno negli scenari della Rambla del Raval, di Avinguda de la Catedral e del Forum. 

L?Iliade di Omero, Alessandro Baricco a Bcn.

Roberto Fenocchio  2006-07-12 

arte 

eventi 

L?Iliade di Omero, nella versione di Alessandro Baricco a Bcn. Il 6 e il 7 luglio scorsi, il Festival Grec di Bcn ha presentato la versione di Alessandro Baricco dell?Iliade di Omero, nella splendida cornice di Plaça del Rei. Si è trattato della lettura dei testi classici sulla guerra di Troia (traduzione al catalano di Anna Casassas, messa in scena di Antonio Calvo e costumi di Montse Alacuart),in cui tre attori(Lluís Soler, Marta Marco e Jordi Boixaderes) han dato vita a ben 22 personaggi. Baricco ha realizzato una versione in prosa vicina al proprio stile letterario, lasciando da parte il lessico più arcaico per privilegiare un racconto più vivo e ritmicamente più sciolto. A questo proposito alcune parti dell?originale sono state soppresse, così come il narratore omerico, i personaggi infatti parlano in prima persona, rendendo più semplice l?individuazione dei protagonisti. Da segnalare l?introduzione del testo in cui Demodoco racconta la distruzione di Trioa, che appartiene all?Odissea. In Italia alla lettura della versione di Baricco hanno assistito ben 10.000 persone a Torino e a Roma, lettura che è stata trasmessa, con grande successo, anche dalla radio. Il festival Grec di Bcn è il festival culturale estivo, giunto alla 30º edizione, che ogni anno presenta alcune tra le migliori proposte artistiche internazionali: danza, teatro e musica. Varie sono le sedi delle rappresentazioni: il teatro Greco di Montjuic è una delle più importanti, ma anche luoghi particolarmente suggestivi della città (Plaça del Rei, per esempio), servono da incomparabili scenari. Vi rimandiamo al sito web ufficiale del Festival per maggiori informazioni sul programma 2006.  

Sguardi paralleli

Isabel Fernández Mira/trad. e adatt. Roberto Fenocchio  2006-06-26 

arte 

eventi 

Sguardi Paralleli (Mirades paral.leles). Il MNAC (Museo Nazionale d?Arte della Catalogna) svela le affinità della fotografia in Spagna e in Italia nel secondo dopoguerra. Il MNAC raccoglie 240 opere di 46 fotografi: 27 spagnoli e 19 italiani che illustrano il panorama della creazione fotografica nei due paesi, dal secondo dopoguerra agli anni ?60. L?esposizione, curata da David Balsells, tra racconto cinematografico e reportage, riflette tutto ciò che l?obiettivo del fotografo curioso e critico ha captato, analizza il passaggio dalla campagna alla città e la conseguente crescita confusa e caotica delle metropoli, il lavoro, la scuola, l?arrivo del turismo e l?affermarsi delle libertà. La mostra, che si è inaugurata il 20 giugno, si protrarrà fino al 3 settembre. Filo conduttore della retrospettiva è il confronto fra le molte affinità etiche ed estetiche, ma anche fra peculiarità e differenze nella creazione fotografica dei due paesi nel periodo che va dagli anni 1940 e il 1965. David Barsells sottolinea le divergenze e le convergenze, i diversi momenti storici: dopo la guerra in Italia si passava dalla dittatura alla democrazia e in Spagna era in atto il passaggio contrario. La grande influenza del cinema del Neorealismo in Italia e in Spagna sulla fotografia di denuncia, che in Spagna era censurata. Masats, Maspons, Miserachs, dell?Associazione Fotografica della Catalogna, o Cualladó, Ontañón, Gómez, Gordillo e Vielba, della Reale Società fotografica di Madrid, e il gruppo AFAL, fondato ad Almería da Carlos Pérez Suquier e José María Artero, sono alcuni dei fotografi che durante anni difficili hanno trasgredito le severe norme della censura fotografica del franchismo, andando oltre al ritrattismo per illustrare la società dell?epoca.. Tra i fotografi italiani presenti a ?Sguradi paralleli? ricordiamo Stanislao Farri, Pietro Donzelli e Mario Giacomelli. 

Arte e copertine al MACBA

Jordi Puig / trad. e adatt. Roberto Fenocchio  2006-06-23 

arte 

esposizioni 

Un viaggio nella musica e nell?arte del XXº secolo attraverso le copertine dei vecchi dischi di vinile. Dall?inizio della commercializzazione dei dischi in vinile, negli anni ?20, gli artisti plastici hanno visto nelle grandi buste uno spazio perfetto per plasmare le proprie creazioni. L?avvento del cd a partire dagli anni ?80 ha interrotto bruscamente questa fruttufera collaborazione che sopravvive ancora in alcune nicchie grazie ai dj?s e alla musica elettronica. Il MACBA (Museo d?Arte Contemporanea di Barcellona) realizza una retrospettiva di copertine che hanno segnato un?epoca. S?intitola ?Vinile. Dischi e copertine d?artista? si è aperta il 17 maggio e durerà fino al 3 settembre. Partendo dalla collezione privata del belga belga Guy Schraenen, composta da più di 750 dischi/copertine e con un importante completamento del catalogo sulla musica spagnola, il MACBA propone un percorso visivo e sonoro nella musica del XX secolo. Attraverso le copertine che hanno creato gli artisti plastici si può viaggiare dalla musica d?avanguardia fino alle tendenze attuali.Roy Lichtenstein, Andy Warhol o Joseph Beuys, ma anche Fernand Léger, Joan Miró o Marcel Duchamp, oltre ad altri pittori, disegnatori grafici, fotografi e finanche il poeta beat Allen Ginsberg, sono alcuni degli artisti che si sono cimentati nel creare su una superficie di 30x30 cm., le dimensioni di una copertina/busta di un ?vecchio? disco di vinile. Senza dubbio l?epoca fra il 1960 e il 1980 è stata la più fruttifera in quanto a contaminazioni fra arte e musica. Copertine come quella della famosa banana di Andy Warhol, per la Vevelt Underground o quella di Peter Blake e Jan Haworth per Sgt. Pepper¿s Lonely Hearts Club Band, dei Beatles, sono diventate con gli anni delle vere e proprie icone, andando ben oltre il puro e già di per se? rilevante contenuto musicale  

Libri d?artista di qua e di la? dal mare

Elisa Pellacani  2006-06-21 

arte 

eventi 

Un?esposizione organizzata da Ilibridialice, nuova associazione italo-barcelonese L?Associazione culturale "Ilibridialice", recentemente fondata da Roberta Bridda ed Elisa Pellacani, illustratrici e grafiche italiane, ha sede a Barcellona ma l?intenzione è di costruire un grande ponte ideale che dal Mediterraneo riunisca artisti e creativi di qua e di la? dal mare e oltre. Incentrata sul libro d?artista, inteso come contenitore e idea concettuale sulla quale possono lavorare artisti per formazione e percorso di discipline differenti, "Ilibridialice" si propone come centro di incontro e diffusione non solo della produzione degli artisti aderenti, ma anche come punto di diffusione di informazioni tra i centri europei di libri d?artista, che vanno in questi anni prendendo piede in tutta Europa con meeting, esposizioni, seminari. "Ilibridialice" organizza corsi, partecipa tramite le sue organizzatrici a corsi intensivi e collabora con scuole d?arte di Barcellona (Massana Permanent 2006). Al di la? del libro.oggetto, realizzazione ultima e originale di un insieme di conoscenze ed espressività tematiche o liberamente scelte dagli artisti, "Ilibridialice" si occupa di tutto cio? che puo? interessare o tenere attinenze con la costruzione e la progettazione del libro, dall?illustrazione, alla composizione di testi, alla calligrafia, alle tecniche manuali di inquadernazione e rilegatura. Tra gli scopi dell?associazione c?è la costituzione di un archivio, in parte tattile e in parte virtuale, consultabile sul web, che consenta la conoscenza e la circolazione delle opere degli artisti che aderiscono alle mostre e agli eventi proposti dall?Associazione. A margine di questo, Ilibridialice è anche piccola casa editrice, di tirature limitate, nate da progetti originali per essere poi affrontare tirature più consistenti. È prevista per quest'autunno la prima mostra-itinerante di libri d?artista organizzata dall?Associazione, alla quale sono invitati a partecipare con un?opera (termine di consegna settembre 2006) artisti di tutto il mondo, il tema scelto è la città, sia in senso geografico che immaginario. Una selezione permetterà di comporre la prima parte del grande atlante d?artista che, col tempo, Alice vorrebbe rendere ricco di nuove partecipazioni e sperimentazioni.  

Andy Warhol a Bcn

Isabel Fernández Mira/ Trad. e adatt. Roberto Fenocchio  2006-06-19 

arte 

esposizioni 

Il Museo diocesano di Barcelona anticipa la celebrazione del ventesimo anniversario della scomparsa di Andy Warhol, che si celebrerà nel 2007, realizzando un omaggio al grande talento artistico del ?900. La mostra, che presenta 110 pezzi provenienti da collezioni italiane, francesi e statunitensi, darà spazio al genio della pop-art fino al 9 luglio. Don Josep Maria Martí Bonet, direttore del Museo Diocesano, afferma che può sorprendere la scommessa di un ente religioso per la diffusione dell?arte contemporanea e di un artista come Andy Warhol, ma non più di tanto; visto che la mostra è il tentativo di stabilire un dialogo con artisti che hanno cose da dire, l?arte è un sistema di dialogo e di rispetto. Il catalogo della mostra comprende 110 pezzi, 80 dei quali illustrano la produzione artistica di Andy Warhol dal 1957 fino agli ultimi anni. Si tratta di opere molto note al grande pubblico come la famosa serie botted line (Campbell?s Soup), i graffiti, le celeberrime serigrafie di Marilyn Monroe, Hudrey Hepburn, Mao Tse-Tung, Vicent Minnelli , Liza Minnelli o Mick Jagger. L?esposizione comprende inoltre opere di Hans Namuth e Mimmo Jodice e la raccolta fotografica ?Anticamera con Andy Warhol?, 28 istantanee di Dino Pedriali scattate all?artista nel 1975. Figlio di emigranti slovacchi (Andrel Warhola e Julia Zawacky), Andrew nacque a Pittsburgh, Pennsilvania, il 6 agosto 1928, inventò un nuovo modo di concepire la creazione artistica, portando le cose più comuni e quotidiane nell?Olimpo delle arti maggiori e rivoluzionò il senso estetico del ?900. Morì in seguito ad una operazione chirurgica il 22 febbraio del 1987 a NewYork e nel 1989 il museo Moma della Grande Mela gli dedicò una mitica retropettiva, presentata l?anno seguente a Venezia.  

SONAR 2006.

Roberto Fenocchio  2006-05-22 

musica 

eventi 

Ritorna uno degli appuntamenti musicali più importanti d?Europa. Dal 15 al 17 giugno Bcn ospiterà l?edizione 2006 del Sonar. Come di consueto la manifestazione, organizzata presso il CCCB, va oltre la musica e spazia nell?audio visivo, nell?arte, nel cinema, nel design. Queste le principali sezioni: Suo