Se vuoi collaborare con noi scrivi a info@bcn-it.com

Si vols col·laborar amb nosaltres escriu a info@bcn-it.com

Si quieres colaborar con nosotros escribe a info@bcn-it.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bcn-it ( Barcellona)

BCN-IT.COM
Rivista virtuale e multimediale.
Pagina web di servizi e informazioni su Barcellona
e la Catalogna in italiano, catalano e castigliano.
Sito di comunicazione culturale tra Barcellona e l’Italia.


BCN-IT.COM
Revista virtual i multimedial.
Web de serveïs e informacions sobre Barcelona
i Catalunya en italià, català i castellà.
Web de comunició cultural entre Itàlia i Barcelona.


BCN-IT.COM
Revista virtual y multimedial.
Web de servicios e informaciones sobre Barcelona
y Cataluña en italiano, catalán y castellano.
Sito web de comunicación entre Italia y Barcelona.


Possibilità di ascoltare

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programma radiofonico in lingua italiana che trasmette
da RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.

Possibilitat de escoltar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de ràdio en llengua italiana que trasmet
de RÀDIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcelona.

Posibilidad de escuchar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de radio en lengua italiana que emite
de RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.


Que es

Revista multimedia contemporánea en estilo italiano de Barcelona,

que quiere revelar al público local e internacional las tendencias culturales de Barcelona con una particular atención por la evolución de las costumbres y del lenguaje.
Al mismo tempo bcn-it se propone como punto de encuentro para los italianos y los italianófilos, para los enamorados de Barcelona y de Cataluña, para todo tipo de persona o institución interesada en la cultura mediterranea y latina.


Come si fa
La gestione contemporanea di svariate collaborazioni editoriali provenienti da località a volte lontane da Barcellona, unita alla complessità della comunicazione multimedia, multipiattaforma e multilingua, ha comportato la necessità di creare una redazione facilmente raggiungibile e gestibile da chiunque, ovunque si trovi.
È stata così realizzata una piattaforma informatica, raggiungibile via Internet, dotata delle seguenti caratteristiche:

www.bcn-it.com

Links:

Creación del portal:

www.cyberblue.com.mx

www.multimediaal.com

Agradecimientos:

contrabanda
cyberblue
dejate los pelos
Lino Graz
jessica braun
macarena club
lesya starr
ximena labra
aticas
me saca granos
creacions
1C1A
Sushi Kato

Sushi Kato

 

Titulos presentados en la revista:
(titoli presentati nella rivista)

titulo
(titolo)
subtitulo
(sottotitolo)
autor
(autore)
fecha
(data)
categoría
(categoria)
subcategoría
(sottocategoria)
texto
(testo)
I lampioni di Pere Falqués    www.bcn.es e altre Trad. Rob.Fen.  2006-12-31  arte  architettura  Per la bellezza, per lo stile chiaramente modernista (liberty), per le forme sinuose e per i dettagli, molti pensano che i famosi lampioni del Passeig de Gràcia a Barcellona siano opera di Antoni Gaudí, ma non è così. Li disegnò nel 1906 l?architetto municipale Pere Falqués i Urpí, un modernista poco noto al grande pubblico. I lampioni furono molto criticati all?inizio ed ora sono ammiratissimi dai barcellonesi e dai molti turisti che quotidianamente li immortalano nei loro ricordi digitali. Nel caratteristico stile di Pere Falqués i Urpí si riconoscono tre tipologie di lampioni che ancora oggi si possono ammirare oltre che nel Passeig de Gràcia anche in Avinguda de Gaudí e in Passeig de Sant Joan (nei pressi dell'Arc de Triomf). Tutti sono caratterizzati da una base in pietra da cui fuoriescono braccia di ferro forgiato a forma di lettera con motivi floreali. I lampioni del Passeig de Gràcia, senza dubbio i più belli, hanno una piccola silhouette di un pipistrello sullo scudo della città con corona. La base, ancora oggi, viene utilizzata come panchina per due persone. E sono proprio le basi-panchine abbellite da mosaici di frammenti di ceramica bianchi, a generare la confusione con Antoni Gaudí, che invece disegnò i lampioni di Plaça Reial, nel 1878. I lampioni di Pere Falqués furono istallati nel Natale del 1906, a quell?epoca non c?era ancora la luce elettrica e quasi tutti gli emblematici edifici del Passeig de Gràcia erano in costruzione, come Casa Batlló e Casa Milà. I lampioni modernisti di tutta la città sono stati restaurati negli anni ottanta e quest?anno sono in programma nuovi interventi di restaurazione che il vandalismo ha purtroppo reso necessari. L'architetto barcellonese Pere Falqués fu nominato architetto municipale nel 1889, preferito a Lluís Domènech i Muntaner, che pochi anni dopo sarebbe stato una delle prime figure emergenti del modernismo. Nel 1897 Falqué costruì l?edificio dell?Azienda Hidroelèctrica de Catalunya e in seguito il monumento al politico Rius i Taulet del Passeig Lluís Companys e al drammaturgo Pitarra, oltre ai trenta lampioni del Passeig de Gràcia, che sono senza dubbio le sue opere più note. Negli ultimi anni della sua vita lavorò alla riordinazione del Parc de la Ciutadella, antica fortezza militare trasformata nello spazio verde più esteso della città. Falqués portò a termine anche altri progetti singolari, come la Torre de les Aigües della fabbrica di Can Girona, nel quartiere del Poblenou; la Tinença d'Alcaldia, in carrer del Bruc; la Casa de la Lactància, nella Gran Via e la Casa Ferrer, in Passeig de Gràcia.