Se vuoi collaborare con noi scrivi a info@bcn-it.com

Si vols col·laborar amb nosaltres escriu a info@bcn-it.com

Si quieres colaborar con nosotros escribe a info@bcn-it.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bcn-it ( Barcellona)

BCN-IT.COM
Rivista virtuale e multimediale.
Pagina web di servizi e informazioni su Barcellona
e la Catalogna in italiano, catalano e castigliano.
Sito di comunicazione culturale tra Barcellona e l’Italia.


BCN-IT.COM
Revista virtual i multimedial.
Web de serveïs e informacions sobre Barcelona
i Catalunya en italià, català i castellà.
Web de comunició cultural entre Itàlia i Barcelona.


BCN-IT.COM
Revista virtual y multimedial.
Web de servicios e informaciones sobre Barcelona
y Cataluña en italiano, catalán y castellano.
Sito web de comunicación entre Italia y Barcelona.


Possibilità di ascoltare

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programma radiofonico in lingua italiana che trasmette
da RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.

Possibilitat de escoltar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de ràdio en llengua italiana que trasmet
de RÀDIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcelona.

Posibilidad de escuchar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de radio en lengua italiana que emite
de RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.


Que es

Revista multimedia contemporánea en estilo italiano de Barcelona,

que quiere revelar al público local e internacional las tendencias culturales de Barcelona con una particular atención por la evolución de las costumbres y del lenguaje.
Al mismo tempo bcn-it se propone como punto de encuentro para los italianos y los italianófilos, para los enamorados de Barcelona y de Cataluña, para todo tipo de persona o institución interesada en la cultura mediterranea y latina.


Come si fa
La gestione contemporanea di svariate collaborazioni editoriali provenienti da località a volte lontane da Barcellona, unita alla complessità della comunicazione multimedia, multipiattaforma e multilingua, ha comportato la necessità di creare una redazione facilmente raggiungibile e gestibile da chiunque, ovunque si trovi.
È stata così realizzata una piattaforma informatica, raggiungibile via Internet, dotata delle seguenti caratteristiche:

www.bcn-it.com

Links:

Creación del portal:

www.cyberblue.com.mx

www.multimediaal.com

Agradecimientos:

contrabanda
cyberblue
dejate los pelos
Lino Graz
jessica braun
macarena club
lesya starr
ximena labra
aticas
me saca granos
creacions
1C1A
Sushi Kato

Sushi Kato

 

Titulos presentados en la revista:
(titoli presentati nella rivista)

titulo
(titolo)
subtitulo
(sottotitolo)
autor
(autore)
fecha
(data)
categoría
(categoria)
subcategoría
(sottocategoria)
texto
(testo)
Bartolo e la danza in città.    Lino Graz  2007-02-24  cultura  libri  Bartolo e la danza in città. (La città di Urbano). Da piccolo, girando in macchina con la madre per la città, Urbano guardava dal finestrino i cittadini entrare e uscire dai portoni, svoltare l?angolo, sbattere un tappeto dal balcone. Leggeva le insegne che si accendevano e spegnevano, osservava la gente fermarsi a parlare, scendere di corsa dall?autobus, discutere da un abitacolo all?altro. La città gli sembrava una coreografia di playmobil. - Mamma, chi è che decide? Bartolo? - Chi è Bartolo, tesoro? - Il vigile urbano che sta davanti a scuola. - E cosa decide Bartolo? Urbano restò un momento in silenzio, a pensare, poi disse: - I movimenti. Possibile, si domandava Urbano, che sia Bartolo a muovere tutti questi corpi, inseguiti da tutte queste anime che non ne vengono a capo? Non era proprio una domanda, quella di Urbano, piuttosto un dubbio impreciso. La domanda, ben formulata, la pose già più grande al nonno al paese. E il nonno, che aveva ormai perso il senno, rispose: sono io, sono io, Bartolo sono io! per poi buttarsi a raccontare delle gambe delle ballerine di Macario, a teatro, a Torino, quand?era giovane. Le sue uniche visite in città. As Bailarinas. Urbano allo spettcolo Visita Guiada di Cláudia Dias. Cláudia Dias conosce bene la sua città. Sa, per esempio, che alla foce del Tejo, l?acqua si increspa e forma piccole onde saltellanti, che i lisboeti chiamano as bailarinas, le ballerine. Altrettanto bene sembra conoscere il suo corpo. I suoi umori. O forse no, forse lo sta esplorando con noi in questo momento, mentre ci porta lungo il fiume a Lisbona, ci racconta del terremoto del 1755 (12.000 morti, secondo alcuni storici evento storico pari alla distruzione del Word Trade Center), del quartiere dei pescatori, delle differenze tra una riva all?altra, del fiume che, come sempre, unisce e separa, porta la vita e la porta via. La voce di Cláudia Dias è bassa, calma, calda ma distante, come da sempre immaginiamo il parlare dei portoghesi. Racconta di una città, presente e passata, intima e di solito nascosta Il corpo di Cláudia, nudo, si espone sincero, adulto, non posa. Racconta di sé e della città con dolcezza, come una nonna libertina racconta la sua gioventù alla nipote. Tre livelli. Urbano allo spettacolo Bipolar di Abraham Hurtado e Kotomi Nishiwaki. Un livello grigio, di calcestruzzo, una cella, una grata. Scopo del gioco: picchiami. Un livello rosso, notturno, deforme, sensuale. Scopo del gioco: prendimi. Un livello verde, solare, in un labirinto di siepi, all?inseguimento di una ragazza che civetta, gridolini elettronici. Scopo del gioco: acchiappami. Di nuovo un livello grigio, di calcestruzzo, il molo sul mare d?inverno, un viadotto su una circonvallazione. La ragazza triste, il salto, il volo, il sangue rosso scuro sull?asfalto grigio. Scopo del gioco? Game over. Un corpo smarrito. Urbano allo spettacolo Shock Body di Anna Macrae. Spazio e corpo. Confini, limiti, luce-buio, bianco-nero. Corpo passivo, corpo pupazzo, burattino-burattinaio (di se stesso). Mi specchio nel mio corpo e non lo riconosco. Non lo conosco. Lo cerco. Paura, smarrimento. Tu ti illumini, tu scappi alla luce (alla tua). Prova a vedere che effetto fa muovere il corpo come non l?hai mosso mai. Che effetto ti fa e che effetto fa agli altri. Urbano, appena sveglio la mattina, segue il suggerimento di Anna Macrae e sdraiato a terra si contorce le membra. Una gamba sotto l?ascella, un braccio tra le dita di un piede. Una sorta di via di mezzo tra un fachiro e lo scarafaggio di Kafka. Davvero un peccato non aver imparato a ballare da piccolo. Lino Graz linograz@yahoo.es www.linograz.splinder.com Nota: i tre spettacoli citati nel testo sono stati presentati a Barcellona e Sabadell all?interno del festival Complicitats 2007.