Se vuoi collaborare con noi scrivi a info@bcn-it.com

Si vols col·laborar amb nosaltres escriu a info@bcn-it.com

Si quieres colaborar con nosotros escribe a info@bcn-it.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bcn-it ( Barcellona)

BCN-IT.COM
Rivista virtuale e multimediale.
Pagina web di servizi e informazioni su Barcellona
e la Catalogna in italiano, catalano e castigliano.
Sito di comunicazione culturale tra Barcellona e l’Italia.


BCN-IT.COM
Revista virtual i multimedial.
Web de serveïs e informacions sobre Barcelona
i Catalunya en italià, català i castellà.
Web de comunició cultural entre Itàlia i Barcelona.


BCN-IT.COM
Revista virtual y multimedial.
Web de servicios e informaciones sobre Barcelona
y Cataluña en italiano, catalán y castellano.
Sito web de comunicación entre Italia y Barcelona.


Possibilità di ascoltare

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programma radiofonico in lingua italiana che trasmette
da RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.

Possibilitat de escoltar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de ràdio en llengua italiana que trasmet
de RÀDIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcelona.

Posibilidad de escuchar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de radio en lengua italiana que emite
de RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.


Que es

Revista multimedia contemporánea en estilo italiano de Barcelona,

que quiere revelar al público local e internacional las tendencias culturales de Barcelona con una particular atención por la evolución de las costumbres y del lenguaje.
Al mismo tempo bcn-it se propone como punto de encuentro para los italianos y los italianófilos, para los enamorados de Barcelona y de Cataluña, para todo tipo de persona o institución interesada en la cultura mediterranea y latina.


Come si fa
La gestione contemporanea di svariate collaborazioni editoriali provenienti da località a volte lontane da Barcellona, unita alla complessità della comunicazione multimedia, multipiattaforma e multilingua, ha comportato la necessità di creare una redazione facilmente raggiungibile e gestibile da chiunque, ovunque si trovi.
È stata così realizzata una piattaforma informatica, raggiungibile via Internet, dotata delle seguenti caratteristiche:

www.bcn-it.com

Links:

Creación del portal:

www.cyberblue.com.mx

www.multimediaal.com

Agradecimientos:

contrabanda
cyberblue
dejate los pelos
Lino Graz
jessica braun
macarena club
lesya starr
ximena labra
aticas
me saca granos
creacions
1C1A
Sushi Kato

Sushi Kato

 

Titulos presentados en la revista:
(titoli presentati nella rivista)

titulo
(titolo)
subtitulo
(sottotitolo)
autor
(autore)
fecha
(data)
categoría
(categoria)
subcategoría
(sottocategoria)
texto
(testo)
Da Queneau ai ceci e oltre...    Gabriele Deiana  2007-06-03  cultura  costumi  Da Queneau ai ceci e oltre. L'allegro divenire della TV italiana: la giusta assenza di Mina.

Uno spezzone video tratto dalla trasmissione televisiva del 1974 "Milleluci", per la regia di Antonello Falqui e presentato da Raffaella Carrà e Mina Mazzini.
Siamo al termine dell'ultima puntata, Mina e Raffaella asseriscono di non saper come accomiatarsi dal pubblico (qualsiasi saluto sembrerà preparato, dicono). Decidono perciò di accomiatarsi usando vari stili possibili: burcoratico, amichevole, militaresco, drammatico, pragmatico...

Era un tempo in cui alla TV c'era ancora arte e si evitava la banalità. Lo si capisce chiaramente guardando questo brano: c'è un'eco letteraria che rimanda direttamente a "Esercizi di stile" di Raymond Queneau. Incredibile vero? Fantascienza in comparazione con la TV di oggi.
A ben guardare però (e col senno di poi) è come se in questa trasmissione si incontrassero due maniere di fare TV differenti.
Mina la rappresentante più giovane della vecchia maniera, quando regnava un certo stile, quando, nonostante una censura maldestra si erano prodotte delle stupende trasmissioni, con artisti che venivano dall'avanspettacolo, dal teatro, dal cinema.
La Carrà, rappresenta invece la maniera che verrà: quella di una TV spazzatura di quiz e di reality show. Ricordate la trasmissione "Pronto Raffaella" in cui il climax era raggiunto quando Raffaella chiedeva al/alla telespettatore/telespettatrice al telefono: quanti ceci ci sono in questa ampolla di vetro?, oppure il "Carramba che sorpresa!" con i drammi di familiari che si ritrovavano dopo decenni. E' comunque la Carrà l'esempio più nobile (o meno deleterio) all'interno di questo genere di TV, dato che è un'artista: sa ballare, cantare, anche se non ha una gran voce (insomma: non è neanche lontanamente paragonabile con una Maria de Filippi per esempio).

Questa trasmissione è dunque il tempo e il luogo in cui questi due "mondi televisivi" si incontrano. E' questo uno dei segnali che indicano la fine di un'epoca: finiva l'Italia un pò innocente del Carosello; iniziava l'Italia degli "spot", delle reti private e del consumismo sfrenato: del "Berlusconismo".
E non è un caso che sia stata l'ultima trasmissione a cui Mina ha partecipato: alcuni hanno scritto che si fosse ritirata perchè depressa, altri perchè stanca che si parlasse dei suoi amori e non della sua musica, altri perchè era ingrassata. In realtà queste motivazioni (ammesso che fossero vere) erano solo una faccia della medaglia: l'altra faccia è che Mina da donna e artista intelligente vedeva bene che non valeva più la pena lavorare in una TV sempre più mediocre. Credo infatti che avesse sopportato per anni di lavorare in questo mezzo politicizzato, lottizzato, solo per avere l'opportunità di stare al fianco di artisti di primo livello e per poter crescere artisticamente. Nel '74 aveva già raggiunto lo "stramassimo" a livello artistico. Che senso aveva continuare nel piccolo schermo?