Se vuoi collaborare con noi scrivi a info@bcn-it.com

Si vols col·laborar amb nosaltres escriu a info@bcn-it.com

Si quieres colaborar con nosotros escribe a info@bcn-it.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bcn-it ( Barcellona)

BCN-IT.COM
Rivista virtuale e multimediale.
Pagina web di servizi e informazioni su Barcellona
e la Catalogna in italiano, catalano e castigliano.
Sito di comunicazione culturale tra Barcellona e l’Italia.


BCN-IT.COM
Revista virtual i multimedial.
Web de serveïs e informacions sobre Barcelona
i Catalunya en italià, català i castellà.
Web de comunició cultural entre Itàlia i Barcelona.


BCN-IT.COM
Revista virtual y multimedial.
Web de servicios e informaciones sobre Barcelona
y Cataluña en italiano, catalán y castellano.
Sito web de comunicación entre Italia y Barcelona.


Possibilità di ascoltare

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programma radiofonico in lingua italiana che trasmette
da RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.

Possibilitat de escoltar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de ràdio en llengua italiana que trasmet
de RÀDIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcelona.

Posibilidad de escuchar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de radio en lengua italiana que emite
de RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.


Que es

Revista multimedia contemporánea en estilo italiano de Barcelona,

que quiere revelar al público local e internacional las tendencias culturales de Barcelona con una particular atención por la evolución de las costumbres y del lenguaje.
Al mismo tempo bcn-it se propone como punto de encuentro para los italianos y los italianófilos, para los enamorados de Barcelona y de Cataluña, para todo tipo de persona o institución interesada en la cultura mediterranea y latina.


Come si fa
La gestione contemporanea di svariate collaborazioni editoriali provenienti da località a volte lontane da Barcellona, unita alla complessità della comunicazione multimedia, multipiattaforma e multilingua, ha comportato la necessità di creare una redazione facilmente raggiungibile e gestibile da chiunque, ovunque si trovi.
È stata così realizzata una piattaforma informatica, raggiungibile via Internet, dotata delle seguenti caratteristiche:

www.bcn-it.com

Links:

Creación del portal:

www.cyberblue.com.mx

www.multimediaal.com

Agradecimientos:

contrabanda
cyberblue
dejate los pelos
Lino Graz
jessica braun
macarena club
lesya starr
ximena labra
aticas
me saca granos
creacions
1C1A
Sushi Kato

Sushi Kato

 

Titulos presentados en la revista:
(titoli presentati nella rivista)

titulo
(titolo)
subtitulo
(sottotitolo)
autor
(autore)
fecha
(data)
categoría
(categoria)
subcategoría
(sottocategoria)
texto
(testo)
Rebis.Periferiche/Reset    Angelo Rossi  2007-12-09  cultura  libri  Rebis.Periferiche di Lisa con RESET di Bad Sector

"o parola che sembra
discarnata snervata
smuscolata spolpata
isola tra le membra"

Si diceva nella prima tappa della nostra rubrica, che si sarebbero affrontati quegli autori che hanno fanno del superamento dei compartimenti stagni dei generi una delle linee base della propria ricerca in ambito poetico. In questa seconda tappa vogliamo allora soffermarci su una delle operazioni più riuscite in questo ambito: si tratta di Rebis.Periferiche/RESET, opera nata dal felicissimo incontro tra un giovane poeta italiano contemporaneo, Tommaso Lisa, e un musicista sperimentale da anni impegnato nell'ambito della ricerca nella fisica del suono, Bad Sector. Il risultato dell'incontro è un cd+booklet prodotto da un'etichetta musicale di Pordenone, l'OECD impegnata nell'ambito della musica gotico-industriale. Il cd è allegato al libro di Tommaso Lisa, o viceversa: naturalmente il libro accoglie ben più dei 12 testi entrati a pieno titolo nel cd. Se partiamo dal libro, non possiamo non soffermarci sul percorso poetico di Tommaso Lisa, impegnato nell'esplorazione delle potenzialità "periferiche" della parola: ma, attenzione, in ambito musicale ed elettronico una perfierica non è elemento marginale, bensì una fonte di segnale, la traccia base che filtrata, elaborata, potenziata, distorta produce suono da un semplice impulso. Lisa, che oltre ad essere poeta con numerose pubblicazioni alle spalle e soprattutto con una solida esperienza nell'ambito della fonografia, è anche dottore di ricerca in Letteratura con una tesi sulle poetiche dell'oggetto da Anceschi ai Novissimi, si concentra su un registro lessicale che predilige particolarmente l'oggettualità spesso minerale o industriale e persegue l'assenza di organico e umano. Inoltre agisce sapientemente sulla parola sorvolando e trascurando volontariamente l'aspetto semantico e concentrandosi particolarmente sul significante: la parola/suono diventa così prima di tutto oggetto, periferica, punto d'indeterminazione determinato dall'ordito testuale in cui viene inserita e dalla modalità di fruizione del testo poesia, che esprime sempre la propria massima potenzialità nell'esecuzione performativa. Ne viene fuori un paesaggio spesso sterile e asettico come un non-luogo o come una periferia post-industriale abbandonata ma proprio in quanto tale terreno fertile per azzerare l'univocità del dettato semantico e per lasciare spazio agli scorazzamenti del lettore. Ci sembra allora di aver colto un'istanza di metodo, poiché è sulla stessa falsariga che le parole di Lisa entrano nel RESET che ne fa Bad Sector, musicista, compositore, creatore di periferiche e, naturalmente, performer da anni sulla scena come artista, oltre ad essere ricercatore di professione. L'ambito di ricerca di Bad Sector è quel fertilissimo terreno in cui sono impegnati numerosi artisti contemporanei nel tentativo, spesso felicemente riuscito, di trasformare suoni, rumori, impulsi elettrici in ritmo, musica vera e propria nell'assenza pressoché totale di qualsiasi strumento tradizionale. Nel paesaggio sonoro creato da Bad Sector le parole di Lisa si inseriscono acusticamente elaborate, distorte, variate, semplicemente irriconoscibili come la voce dell'autore stesso che le performa. La parola viene trattata in modo plastico, scultoreo quasi, fino a divenire suono tra i suoni, ritmo, oggetto. La poesia si fa musica e la musica poesia in una schizofrenica e centrifuga linea di sviluppo che tradisce i canali tradizionali del libro a stampa e fa letteralmente schizzare via dalla pagina la poesia.