Se vuoi collaborare con noi scrivi a info@bcn-it.com

Si vols col·laborar amb nosaltres escriu a info@bcn-it.com

Si quieres colaborar con nosotros escribe a info@bcn-it.com

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bcn-it ( Barcellona)

BCN-IT.COM
Rivista virtuale e multimediale.
Pagina web di servizi e informazioni su Barcellona
e la Catalogna in italiano, catalano e castigliano.
Sito di comunicazione culturale tra Barcellona e l’Italia.


BCN-IT.COM
Revista virtual i multimedial.
Web de serveïs e informacions sobre Barcelona
i Catalunya en italià, català i castellà.
Web de comunició cultural entre Itàlia i Barcelona.


BCN-IT.COM
Revista virtual y multimedial.
Web de servicios e informaciones sobre Barcelona
y Cataluña en italiano, catalán y castellano.
Sito web de comunicación entre Italia y Barcelona.


Possibilità di ascoltare

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programma radiofonico in lingua italiana che trasmette
da RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.

Possibilitat de escoltar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de ràdio en llengua italiana que trasmet
de RÀDIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcelona.

Posibilidad de escuchar

ZIBALDONE

In italiano non solo per italiani
Programa de radio en lengua italiana que emite
de RADIO CONTRABANDA ( 91.4 FM ) Barcellona.


Que es

Revista multimedia contemporánea en estilo italiano de Barcelona,

que quiere revelar al público local e internacional las tendencias culturales de Barcelona con una particular atención por la evolución de las costumbres y del lenguaje.
Al mismo tempo bcn-it se propone como punto de encuentro para los italianos y los italianófilos, para los enamorados de Barcelona y de Cataluña, para todo tipo de persona o institución interesada en la cultura mediterranea y latina.


Come si fa
La gestione contemporanea di svariate collaborazioni editoriali provenienti da località a volte lontane da Barcellona, unita alla complessità della comunicazione multimedia, multipiattaforma e multilingua, ha comportato la necessità di creare una redazione facilmente raggiungibile e gestibile da chiunque, ovunque si trovi.
È stata così realizzata una piattaforma informatica, raggiungibile via Internet, dotata delle seguenti caratteristiche:

www.bcn-it.com

Links:

Creación del portal:

www.cyberblue.com.mx

www.multimediaal.com

Agradecimientos:

contrabanda
cyberblue
dejate los pelos
Lino Graz
jessica braun
macarena club
lesya starr
ximena labra
aticas
me saca granos
creacions
1C1A
Sushi Kato

Sushi Kato

 

Titulos presentados en la revista:
(titoli presentati nella rivista)

titulo
(titolo)
subtitulo
(sottotitolo)
autor
(autore)
fecha
(data)
categoría
(categoria)
subcategoría
(sottocategoria)
texto
(testo)
Vides minades. 10 anys    Web Cccb Bcn  2008-02-11  arte  esposizioni  ?Vides minades. Deu anys?.
Fotografie di Gervasio Sánchez.
Centre de Cultura Contemporània de Barcelona
Carrer Montalegre, 5
Dal 15 febbraio al 13 aprile 2008.

Protesi, mine e ritratti si aggiungono alle storie di vita captate da Gervasio Sánchez. Sokheurm Man, Adis Smajic, Fanar Zekri o Monica Paola Ojeda sono tra le vittime delle mine anti-uomo. Celato dalle cifre e dalle statistiche, che dicono che sono 300.000 i sopravvissuti con mutilazioni, il loro dolore rimane spesso occulto. Per non dimenticare queste vite spezzate, il Centre de Cultura Contemporània di Barcellona (Cccb) presenta "Vides minades. Deu anys", esposizione dedicata alle fotografie di Gervasio Sánchez.
Il progetto è nato nel 1995 da alcune istantanee che il fororeporter di Cordova comincia a collezionare e che riguardano vari fronti: l?Angola, la Cambogia, il Mozambico, l?Afganistan, il Nicaragua, il Salvador, la Bosnia-Herzegovina, l?Iraq, la Colombia e che sono state già presentate in una prima mostra, nel 1997, in occasione della firma del Trattato di Ottawa per la proibizione delle mine anti-uomo.
L'esposizione del Cccb presenta inoltre fotografie di 48 protesi, 25 tipi di mine anti-uomo e 98 ritratti di persone che sopravvivono con varie amputazioni. Storie come quella di Adis Smajic, che è passato attraverso un calvario di 30 operazioni o quella di Fanar Zekri, che a 18 anni e nonostante abbia perduto le gambe, non rinuncia al calcio, la sua grande passione.
Gervasio Sánchez non usa solo la fotografia come arma di denuncia, ma si impegna, con la sua testimonianza, a non far dimenticare che ?lo spirito del Trattato di Ottawa purtroppo non si è compiuto e la comunità internazionale non ha in realtà fatto molto per risolvere il problema: non ci sono stati aiuti effettivi alle vittime, né sono stati portati a termine progetti veramente efficaci per sminare i territori più pericolosi".
Per cui la situazione rimane drammatica: si calcola che saranno necessari mille anni per eliminare tutte le mine che sono disseminate per il mondo, tra cui bisogna ricordare quelle di fabbricazione spagnola e italiana. Malgrado ciò le vittime fotografate da Gervasio Sánchez, non perdono la voglia di vivere e con coraggio affrontano la dura realtà di ogni giorno.

Cenni biografici.
Gervasio Sánchez è nato a Cordova nell?agosto del 1959 ed è fotoreporter dal 1984. I suoi lavori vengono pubblicati sull?Heraldo de Aragón e su La Vanguardia, collabora inoltre con la Cadena Ser e la Bbc. È autore di vari libri fotografici tra i quali: ?El cerco de Sarajevo? (1995) e i volumi pubblicati dalla Editorial Blume, ?Vidas minadas? (1997 e 2002), ?Kosovo, crónica de la deportación? (1999), ?Niños de la guerra? (2000), ?La caravana de la muerte?, ?Las víctimas de Pinochet ?(2002), ?Latidos del tiempo? (2004). Ha ricevuto i premi ?Club Internacional de Prensa?, ?Andalucía de Cultura?, ?Derechos Humanos de Periodismo?, ?Liber Press?. Dal 1998 è inviato speciale per la pace dell?Unesco